Home / ComeDonChisciotte / PAESE CHE VAI. ILVA CHE TROVI…
15978-thumb.jpg

PAESE CHE VAI. ILVA CHE TROVI…

DI ALBERTO BAGNAI

goofynomics.blogspot.it

Caro Alberto,

sono venuto a conoscenza di una storia che mi ricorda l’Ilva di Taranto, ma come al solito in UE 28 pesi (non paesi) e 2 misure.

Brevemente: vicino Marsiglia, la fabbrica americana Alteo (a Gardanne), primo produttore mondiale di allumina, riversa nel Parco Nazionale delle Calanques (7 km di distanza dalla costa) 270 mc/ora di fanghi altamente tossici (il volume di un appartamento di 100 mq ogni ora). Per non licenziare 1000 dipendenti “subito” dopo COP 21 il governo gli ha concesso una deroga di 6 anni (14.191.200 mc = 2.365 palazzine di 5 piani). La fabbrica esiste dal 1966 e nel dicembre 2015 avrebbe dovuto interrompere qualsiasi riversamento in mare.

Non sono in grado di comparare i danni causati dall’Ilva e dall’Alteo ma avendo vissuto tanti anni fa a Roma un caso di discarica a cielo aperto di fanghi tossici sono convinto che ciò che sta accadendo in Francia è un disastro ambientale e solo più tardi scopriremo che sarà stata la causa di malformazioni e di decessi.
Guarda caso cercando su google.it si parla poco e nulla dell’Alteo, mentre è facile trovare notizie dell’Ilva su google.fr.
Non se questa segnalazione possa essere utile ma visto che ormai trattate argomenti sempre più vasti, ci provo. Magari vis-à-vis del prossimo europino di turno.
Buon lavoro
Un altro de passaggio.
(…due considerazioni, o forse tre. Evidentemente, oltre alla corruzione percepita, della quale abbiamo parlato qui, in Europa esiste anche l’inquinamento percepito. E notate la finezza, nel link a Libé: la magistratura voleva aprire un’indagine, ma ha rinunciato e ha chiesto “studi complementari” su richiesta del Ministero dell’Ecologia. Quando ero in Francia ho appreso in televisione che la loro Costituzione non ha qualcosa di simile al nostro art. 112. Lì per lì non capivo cosa significasse, ma questo esempio mi sembra sufficientemente esplicativo. Significa, ad esempio, che magari lì il governo può intervenire – within reason – per tutelare l’interesse economico nazionale, mentre qui gli è oggettivamente più complesso farlo. Del resto, abbiamo già chiarito che la bassa percezione della corruzione in molti paesi del Nord è anche, in parte, favorita da un discreto insabbiamento da parte dei rispettivi governi delle inchieste più scomode. Quindi, in effetti, tout se tient. Ah, ovviamente io non sono un giurista, quindi…)
Alberto Bagnai
27.01.2016

Pubblicato da Davide

  • Vocenellanotte

    E allora? 

    Siccome in Francia inquinano come in Italia. E nella Rhur? Non ne parliamo proprio signora mia!
    Ecco pronto il piatto che allora la colpa può essere solo dell’euro.
    Patetico!
  • Leo_Pistone

    Ecco qui, il dotto e irriducibile sostenitore della piena occupazione, che è tanto di sinistra e con la quale vuole cambiare verso al capitalismo mentre il reddito di base è uno strumento della reazione e roba per mendicanti, scrive un post accorato in cui spiega perché alle condizioni attuali la sua ricetta è inattuabile. 

    Il bello è che manco se ne rende conto, preso com’è dal gioco degli specchi per allodole che egli stesso ha costruito la propria battaglia.
    Eh si, anche gli dei dell’economia accecano chi vogliono perdere. 
  • Leo_Pistone

    Errata corrige:

    Ecco qui, il dotto e irriducibile sostenitore della piena occupazione, che è tanto di sinistra e con la quale vuole cambiare verso al capitalismo mentre il reddito di base è uno strumento della reazione e roba per mendicanti, scrive un post accorato in cui spiega perché alle condizioni attuali la sua ricetta è inattuabile. 
    Il bello è che manco se ne rende conto, preso com’è dal gioco degli specchi per allodole che egli stesso ha costruito per la propria battaglia.
    Eh si, anche gli dei dell’economia accecano chi vogliono perdere. 
  • Apollonio

    Non c’è che dire ..! questi due commenti sopra hanno capito tutto…??

    Omen Nomen

  • Gtx1965

    ciao leo… bravo… quando chiesi a bagnai cosa avremmo potuto fare per opporci a tutto ciò che lui attacca nei suoi libri lui mi rispose di studiare… io allora gli dissi che ero stufo di studiare e gli chiesi qual’era la sua posizione (documentata da pubblicazioni) sulla moneta unica prima del 2000, giacchè da ignorante bifolco io predicavo una completa fregatura ben che prima dell’ingresso nella moneta unica, con una semplice e banale considerazione: ma da quando in qua le elite politico-finanziarie facessero qualcosa a pro dei popoli e non il loro interesse esclusivo…??? dopo 2 anni cominciarono a darmi ragione… bagnai mi ha trattato invece da bifolco… forse si era offeso perchè gli diedi dell’inutile blablaista…??? in risposta mi disse che lui aveva salvato innumerevoli vite con i suoi libri e pubblicazioni che ingrassano il suo conto e di cui va tanto fiero, tanto da rimandare alla lettura sempre di suoi libri, autoreferenzialista gli dissi…

  • Gtx1965

    tu invece…??? ILLUMINACI MESSIA…!!!

  • Gtx1965

    in germania abitavo vicino la basf… più grande polo chimico mondiale, ogni tanto usciva qualcosa ma ti tranquillizzavano subito… a portata d’occhio poi avevo anche 2 dico 2 centrali nucleari…

  • Toussaint

    Miglioriamo. I commenti negativi sul Prof. sono solo tre. Tre come i briganti e i somari sulla strada per Girgenti. https://www.youtube.com/watch?v=8kRMhv6jmO0

  • Apollonio

    Veramente il mio appunto ai primi due commenti aveva un’ intento sarcastico..!

    essendo anch’io un sovranista Keneisiano.

  • Toussaint

    Apollonio, il commento non era dedicato a te, anzi! Sono anch’io un sovranista keynesiano. Aggiungi Gtx ai primi due e vedrai che sono tre. Almeno per il momento, ma la giornata è ancora lunga.    

  • Gtx1965

    Il "prof"…??? Sembri il classico secchione… È un parolaio inutile che si è messo a scrivere libri contro l’euro quando la frittata era già fatta… Prof.eta di che…??? Del giorno dopo…??? Ogni mona si dice da queste parti… Economisti: razza che non dovrebbe nemmeno esistere…