Home / ComeDonChisciotte / L'EURO CONTINUERA' A CROLLARE
14249-thumb.jpg

L'EURO CONTINUERA' A CROLLARE

DI PEPE ESCOBAR

facebook.com

L’EURO continuerà a crollare. Le ragioni sono tre:

1) i gossip sull’uscita della Grecia. Anche Angie Merkel ha ammesso che la Grecia potrebbe uscire dall’unione monetaria. I pagliacci della Commissione Europea a Bruxelles tuttavia sostengono imperterriti che essere nell’Euro sia “irrevocabile”.

2) La deflazione è dietro l’angolo. Ed è pesante.

3) la BCE si sta preparando ad imporre – e cosa se no – QE. Attraverso l’acquisto del debito di alcuni stati membri, la BCE garantisce costi finanziari bassissimi, aiutando le esportazioni e spingendo l’Euro ancora più giù.

Quando il rublo scendeva a favore del dollaro, l’intera economia russa stava per implodere in poche ore. Quando l’Euro perde nei confronti del dollaro, è solo un “aggiustamento”.

Possiamo registrate anche tutto questo nella categoria “che manica di mezze seghe”.

Pepe Escobar

Fonte: www.facebook.com

7.01.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di FA RANCO

Pubblicato da Davide

  • Boero

    L’euro non sta crollando,l’euro era partito sotto la parità col dollaro,ovvero a 0,8o rotti se non ricordo male,per una decina d’anni è stato sopra la parità,ora sta tornando al suo valore originario,dove sia il crollo è un mistero.

    Un conto è la Russia con un’inflazione a 2 cifre,un conto sono lo 0 e rotti dell’Europa.
    Una moneta non ”crolla” quando l’inflazione è a 0,ovvero è in deflazione.
  • clack

    Infatti non e’ la moneta a crollare, ma la societa’ che ne fa uso, ad essa sottostante. Venuta meno quella, la moneta torna al suo stato naturale di carta straccia e di numeri visualizzati su uno schermo di PC.

  • albsorio

    è difficile capire l’andamento del FOREX, forse perche il "libero mercato" non esiste, manipolano tutto.

    Magari serve a non far beneficiare all’Europa della riduzione del costo del petrolio, bho non lo so.
    Certo che il detto mal comune mezzo gaudio si addice al tandem €/$…
  • luiginox

    vorrei che qualcuno preparato in materia mi spiegasse.campo con reddito fisso.l’inflazione mi svantaggia perchè aumentano i prezzi dei beni e dei servizi.la deflazione mi svantaggia perchè ,aumentando il costo delle materie prime ,il prezzo finale dei beni e dei servizi manovrati dalla speculazione aumenta.se c’è stagflazione o stagnazione mi va male perchè la ditta dove lavoro chiuderà e rimarrò culo a terra.se ho ben capito qualunque sia l’evolversi della situazione dovrò essere sodomizzato?

  • passante

    Non c’è bisogno di essere degli esperti per capire che qui vale la legge del menga.

  • radisol

    E’ il capitalismo, bellezza …

  • brumbrum

    ce lo mettono in quel posto già dal primo istante di vita
    tutto il resto sono solo spinte

  • lanzo

    Tendo a concordare con Absorio e non tralasciamo che per  chi vuole fare shopping in Italia, non mi riferisco alle camicette o i souvenirs o i ristoranti, ma ad immobili importanti e quel poco di imprese rimaste ed ha i dollaroni, sara’ una pacchia, paghi uno, compri due.

    Io, pensionato,  vivo in un paese extra comunitario e la caduta dell’euro mi ha reso piu’ povero di parecchio, quando i soldi sono pochi, una flessione del 15% – 20% rispetto alla valuta locale la senti dolorosamente. Invece il dollaro va su.  Il viaggetto triennale in Italia, dove ogni volta che vengo, nonostante che qualche anima pura sostenga che l’inflazione e’ zero,  i prezzi sono sempre piu’ cari. Che poi sia inflazione, tasse, avidita’, non mi interessa.
  • Aloisio

    l’euro era partito ad 1,17 usd; poi per facilitare l’unificazione costosissima la germania ha preteso ed imposto(come sempre) alla bce di scendere fino a 0.80. E’ salito gradualmente ed ora scende di nuovo(causa crisi ) per favorire le esportazione della germania verso i paesi EXTRA ue.  L’euro non sta crollando, sta solo facendo quello che ha sempre fatto, servire precipuamente gli interessi della germania.  Comunque l’euro è solo apparentemente una moneta ; in realtà è un modo di governare, o meglio di comandare un branco di utili idioti dell’europa del sud.

  • Georgejefferson

    Fai confusione.La verita non e’ mai solo bianco o nero. Deflazione ed inflazione sono cause e conseguenze contemporaneamente, dipende in relazione a cosa si parla. La deflazione porta a meno utili per chi vende se i suoi costi restano costanti nominalmente, quindi meno spese per investimenti o spese generali, quindi licenziamenti, casse integrazione ecc..ma e’ una tendenza non un assoluto, una ditta si e’ costruita uno storico di mercato all’estero e vende, se tu lavori li magari ti va bene, ma nel sistema paese magari no, allora ti aumentano le tasse perche la situazione di prima porta a meno gettito fiscale, oppure calano i servizi e allora tu puoi essere fortunato e non averne bisogno, altri no. L’inflazione ti danneggia? Dipende, come la deflazione, quale livello? Se leggera con costi costanti aumenta gli utili al mondo autonomo ma aumenta cosi anche il lavoro se quegli utili vengono messi in circolo con gli investimenti, e poi per i "redditi fissi" dipende se la politica torna alle indicizzazioni (scala mobile) e abbassa le tasse (piu lavoro piu gettito)…diverso il discorso con alta inflazione, molto piu difficile,ma anche li dipende se quella importata oppure no.

    Insomma dire deflazione o inflazione in termini assoluti non vuol dire nulla, dipende da tante variabili, tu ti accontenteresti di un politico che con due parole semplifica persuadenti che starai meglio?

  • SanPap

    errore quello è il sogno "dalla culla alla tomba"

    la realtà è: da prima che nasci a dopo che sei morto

    un’inc…ta cosmica, direi un pessimismo leopardiano

  • geopardy

    L’inflazione in Russia riguarda quasi esclusivamente i beni importati (in Euro e dollari), avvantaggia, semmai i beni interni ed anche l’esportazione.

    Nella Ue, invece, l’euro svalutato, con deflazione interna, favorisce l’esportazione di di chi ancora ha industrie proprie e degne di essere chiamate tali (Germania e Francia, in primis).