Home / ComeDonChisciotte / LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA
15432-thumb.jpg

LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA

DI MICHAEL SNYDER

theeconomiccollapseblog.com

Avete notato come questo mese di Ottobre sia trascorso con insolita calma ? Dopo il caos a fine Agosto ed inizio Settembre molti anticipavano che a questo punto saremmo stati già oggi alle prese con un collasso finanziario in grande stile, al contrario siamo entrati in un periodo di “calma piatta” contraddistinto da una quiete persino eccessiva, quasi sotto ogni punto di vista. Altri “osservatori” che personalmente tengo in ottima opinione hanno notato lo stesso.

Nonostante il fatto i numeri dell’economia stiano letteralmente gridando il fatto che siamo dentro una recessione globale, non fanno certo notizie da prima pagina. Una intera schiera di grosse istituzioni finanziarie globali in giro per il pianeta sono al momento a rischio di collassare e materializzare il prossimo “momento Lehman brothers”, ma nessuna di esse è ancora implosa. Aggiungiamo che Barack Obama sembra abbastanza determinato a incendiare la terza guerra mondiale. Lunedì è stato annunciato che sarebbe intenzionato a lanciare un missile teleguidato nelle acque Cinesi del Mar Cinese meridionale. I Cinesi hanno già dichiarato che risponderanno al fuoco nel caso succeda qualcosa di simile, ma a Obama non sembra interessi. Ma finchè non ci sarà nessuno sparo non è questione in grado di disturbare la quiete che stiamo vivendo.

A mio parere, il momento che viviamo oggi è la “quiete prima della tempesta”. Qualora non siate già familiari con il concetto, ecco come viene definito da “How Stuff Works”:

“Avete mai trascorso un pomeriggio in cortile, magari arrostendo carne o giocando a pallone, quando all’improvviso tutto si fa calmo e silenzioso? L’aria pare fermarsi e persino gli uccelli smettono di cantare e si ritirano nei loro nidi. Dopo qualche minuto, qualcosa cambia nell’aria e all’improvviso una linea di nubi si materializza all’orizzonte, non due nuvolette passeggere. Ti accorgi e ti ripari in casa appena in tempo per evitare le prime grosse gocce d’acqua. A questo punto potresti fermarti e chiederti: Come mai era tutto così calmo e silenzioso proprio appena prima che arrivasse la tempesta ?”

Come tanti altri, sono dell’avviso che è in arrivo una grande tempesta, e proprio in questo momento le cose appaiono davvero pacifiche.

Sfortunatamente questa finestra di pace e serenità non è destinata a durare a lungo e molti Americani, sotto sotto, sanno che nella nostra nazione c’è qualcosa di tremendamente sbagliato. Infatti, un nuovo sondaggio WND/Clout ha rivelato che l’85,3% di quelli che si recheranno probabilmente a votare è convinto che gli Stati Uniti stiano andando nella direzione sbagliata…

“Dal sondaggio è emerso che il 92,6% di coloro che definiscono sè stessi conservatori ritengono che il paese sia sulla strada sbagliata. Tra coloro che si definiscono liberali il tasso è del 90,9%. Alla domanda su cosa ne pensano dell’economia USA dopo sette anni di leadership e politiche economiche di Obama circa l’80% ha definito la situazione economica “vulnerabile” o “piuttosto vulnerabile”.

Coloro che si autodefiniscono Democratici, Repubblicani, Liberali o Conservatori vanno generalmente tutti (dal 75% all’80%) d’accordo sul fatto di percepire l’economia come “vulnerabile” o “piuttosto vulnerabile”.

Ma nonostante siamo in marcia sulla strada sbagliata ancora non ne abbiamo scontato nessuna conseguenza seria.

Per il momento gli imbroglioni posssono godersi un momenti di tregua. Confidano che Obama e la Federal reserve sappiano quello che stanno facendo, dopotutto, così sfottono gioiosamente quelli che come me avvertono dei disastri a cui andiamo incontro.

Quelli saggi invece, si stanno preparando.

Penso che tutti possiamo imparare qualcosa da quello che l’amministratore delegato di overstock.com Jonathan Johnson sta facendo. Ecco il succo di un articolo recente su Zerohedge:

Una settimana fa Johnson, che tra l’altro è candidato a Governatore dell’Utah, ha tenuto un discorso alla United Precious Metals Association (associazione del commercio in metalli preziosi), che abbiamo già menzionato circa un mese fa, che si avvantaggia dello statuto speciale dell’Utah che consente a questo stato la circolazione dell’oro come valuta legale, offrendo conti bancari denominati con equivalente in oro o argento. La UPMA prende banconote della FED (pezzi di carta) e le trasforma in dollari in oro e argento. I dollari oro sono basati sulle monete d’oro da 50$ = 1 oncia d’oro prodotte dal Tesoro USA, le quali sono valuta in corso legale secondo legge e in quanto tali protette.

Che cosa ha detto Johnson alla UPMA? Ecco qualche citazione scelta:

Non siamo sostenitori di Wall Street e non abbiamo fiducia in loro. Avevamo previsto la precedente crisi, abbiamo lottato contro la crisi finanziaria del 2008; meno che mai oggi ci fidiamo delle banche e prevediamo che a forza di QE3, QE4, QE…(n) in un certo momento non può che venirne fuori un’altra crisi finanziaria di portata significativa.

Allora vi dico come noi, per la mia impresa, ci prepariamo a questa evenienza. Una cosa che facciamo non ha uguali: possediamo circa 10 milioni di $ in oro, perlopiù nella forma di piccole monete, che teniamo fuori dal sistema bancario. Pensiamo che quando si materializzerà una crisi finanziaria ci sarà una chiusura temporanea delle banche. Non si può sapere se sarà per 2 giorni, 2 settimane o 2 mesi. Ma noi abbiamo 10 milioni di dollari in tagli abbastanza piccoli da poter essere usati per pagare i salari. Ci interessa, sopratutto, garantire che i nostri dipendenti continuino a ricevere la loro paga, che siano al sicuro e che il nostro sito sia in piena operatività durante la crisi finanziaria.

Inoltre abbiamo riserve di cibo fino a 3 mesi per ognuno dei nostri impiegati”.

E come mai l’amministratore delegato, intelligente e di successo, di una grossa compagnia che opera su Internet si metterebbe a fare operazioni simili?

Perchè sa interpretare i segni.

Il periodo di quiete non è destinato a durare. Una grande tempesta è in arrivo e quando arriverà quelli che non si sono preparati ad affrontarla soffriranno.

La maggior parte della gente non ha idea di quanto il nostro sistema sia in realtà fragile. Oggi, alcune tra queste banche “troppo grosse per fallire” dichiarano milioni di miliardi di assets, ma quando vuoi ritirare oltre 10000$ in contante occorre dargli 24 ore di preavviso per prelevare il denaro.

E’ solo l’inizio. Come chiunque potrà dirvi è impossibile convertire grosse somme in contanti negli Stati Uniti. Anche le più grandi banche di routine richiedono almeno 24 ore di preavviso… per prelievi contanti oltre i 10000$. Parliamo di banche con milioni di miliardi in assets nei loro libri contabili”.

Ed ogni giorno che passa notiamo più segni del rallentamento dell’economia globale in corso. Ad esempio abbiamo appena appreso che il “China containairized freight index”, ossia l’indice che misura i volumi di trasporto di merci in containers dalla Cina, è attualmente ai livelli più bassi mai registrati. La Cina conta sul commercio globale più di chiunque altro, di conseguenza questo è un chiaro segno che l’attività economica globale sta parecchio rallentando…

Ai primi di Luglio l’indice è sceso sotto quota 800 per la prima volta nella sua storia, iniziata nel 1998 con un tasso di riferimento iniziale a 1000. Presto ha riguadagnato fino a 850. E proprio quando il peggio sembrava passato è precipitato nuovamente, a livelli ancora più bassi.

L’ultima rilevazione ha registrato un ulteriore calo dell’1,7% rispetto alla settimana precedente, attestandosi a 752,21, livello più basso da sempre. L’indice è adesso il 30% più basso rispetto a Febbraio di quest’anno e il 25% più basso dei livelli in cui si trovava 17 anni fa quando tale metro statistico fu inaugurato

Tutti coloro che si rifiutano di credere che stanno arrivando tempi duri sono liberi di confortarsi con lo strano periodo di calma che stiamo vivendo oggi.

Ma ciò che non comprendono è che questa è la “calma prima della tempesta” e la crisi economica globale che ci attende andrà molto oltre quello che molti possano anche soltanto osare di immaginare.

Michael Snyder

Fonte: http://theeconomiccollapseblog.com

Link: http://theeconomiccollapseblog.com/archives/the-calm-before-the-storm-2

26.10.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di CONZI

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    Non basteranno tutte le monete d’oro del mondo, cari ameri cani, a proteggervi da una tempesta di fuoco bellico sul vostro suolo, se andate avanti così..

    Non sfidate l’Orso,e nemmeno il Drago.
    Siete solo una piccola Aquila, al confronto.
  • Holodoc

    Tante volte abbiamo sentito allarmismi riguardo il crollo del sistema finanziario… è vero però che fare un salto al bancomat a prelevare un po’ di cash da tenere in casa sia un operazione che forse merita fare…

  • Quarantasette

    Certo che se un gatto nero dovesse seguire il blog di Snyder, dopo un po’, inizierebbe a grattarsi i maroni. Il limite di questo scrittore è la sua tendenza al sensazionalismo. Rischia di scadere nei panni del predicatore di sventura tanto caro ai quaccheri americani. Che stiamo dondolando su un filo come gli elefanti della canzoncina sembra ormai evidente a chiunque sia un minimo mentalmente presente. La questione resta come organizzarsi quando il sistema di carte crollerà. Come non lasciarsi trascinare in una ennesima rovinosa guerra.

  • Hamelin

    Nell’ articolo è presente un imprecisione macroscopica .

    Correntemente 1 Oncia d’oro veleggia tra i 1,170  e 1,190 USD .

    Il Face Value o valore nominale puo’ essere 50 USD non certo il valore reale di mercato della moneta ( giusto per chiarezza ) .

    Che qualcosa bolla in pentola è chiaro .

    Il sistema finanziario è in bilico poichè il predominio USA sta finendo .
    L’anno prossimo la Russia lancia un proprio sistema di pagamenti e sta iniziando a bandire l’USD dal commercio interno dalla Russia .
    L’India sta per coniare una moneta aurea a corso legale .
    Senza considerare che anche la Cina trasforma i suoi attivi USD in oro a un ritmo molto veloce .

    Gli Americabi saranno spacciati quando i BRICS daranno loro l’ultima mazzata relegando l’USD a un ruolo marginale negli scambi .

    In USA sanno che hanno le ore contate per questo chi comanda metterà su la Clinton per dare il via all’Ultima Grande Guerra .

  • Hamelin

    Anche perchè i Banchieri si stanno prodigando per la lotta al contante in modo che se succede qualcosa nessuno possa far nulla …

    Occhio che ormai è in vigore il "Bail In" stile Cipro e in Italia ci sono 4 Banche prossime al fallimento prossime a sperimentarlo ( Banca Etruria , Carife , Banca delle Marche e Carichieti ) .

  • luiginox

    articolo ammeregano per ammeregani.

    per favore non pubblicate più scritti dal sensazionalismo disneyano così risibile
  • marcoferro

    che uccello dal malaugurio che è questo tizio. sembra che se la stia chiamando la crisi, come se la desiderasse mortacci sua.

  • belgio

    Prepariamoci a tornare al baratto?

  • kefos93

    Ho un sacco di conchiglie !!!

    😉

  • JeanAsterix

    Quanto pessimismo… Mi metterò a vendere e mangiare locuste come cibo, visto che sarà legale… A quando il commercio di carne umana? Pensate che stia scherzando?

  • nessuno78

    nel corso della storia nessuna superpotenza ha mai ceduto il posto ad un’altra senza tentare ogni mossa, la guerra non per forza come ultima possibilità.
    ricordate cosa è successo ai cavi sottomarini iraniani qualche anno fa, quando hanno solo osato ipotizzare un’altra via, o a gheddafi quando….

  • Fedeledellacroce

    Limpero romano si é sciolto quasi da solo.
    E’ bastata la fede in cristo, pensa te che sfigati.