Home / ComeDonChisciotte / LA GUERRA DELLA TOTAL AI PETRODOLLARI
13949-thumb.jpg

LA GUERRA DELLA TOTAL AI PETRODOLLARI

DI MARIN KATUSA

marketoracle.co.uk

Le teorie della cospirazione sulla morte del presidente e direttore generale della Total, Christophe de Margerie, sono iniziate immediatamente dopo la notizia della sua morte.
In circostanze misteriose a Mosca, il suo jet privato si è scontrato con uno spazzaneve poco dopo la mezzanotte. De Margerie è stato l’amministratore delegato della Total, la più grande compagnia petrolifera francese.


Aveva appena partecipato a un incontro privato con il primo ministro russo Medvedev, in un momento in cui il rapporto dei paesi occidentali con la Russia è piuttosto teso.
Se non peggio.

Secondo il mio punto di vista in un aeroporto ci sono più possibilità di essere colpiti da un fulmine che da uno spazzaneve, o da qualsiasi altro veicolo che colpisce un aereo e uccide tutti i suoi passeggeri. Lo affermo come persona che ha una certa familiarità con gli aeroporti, avendo lavorato, quando ero all’università, all’aeroporto internazionale di Vancouver. Il mio compito era di portare gli aerei nel loro parcheggio.

Se non era per queste poche probabilità, uno spazzaneve sulla pista con un guidatore probabilmente ubriaco sarebbe stato un delitto perfetto. Ma a chi gioverebbe la sua morte ?

De Margerie è stato uno dei pochi dirigenti d’azienda che ha parlato contro l’isolamento della Russia. Nel suo ultimo viaggio a Mosca, ha criticato duramente contro le sanzioni e gli ostacoli delle compagnie russe a ottenere credito.

De Margerie è stato inoltre un sostenitore dichiarato della posizione della Russia in materia di prezzi e nelle dispute sul trasporto del gas naturale con l’Ucraina, come dichiarò in un’intervista alla Reuters il luglio scorso, secondo cui l’Europa non avrebbe dovuto tagliare la sua dipendenza dal gas russo, ma piuttosto concentrarsi sul rendere le forniture più sicure.

Ma quello che poteva aver fatto de Margerie è il coinvolgimento della Total in un progetto per la costruzione di un impianto per liquefare il gas naturale nella penisola di Yamal in Russia in collaborazione con la Novatek. Il suo progetto più ambizioso in Russia fino ad oggi, che faciliterebbe la fornitura di 800 milioni di barili di petrolio equivalenti di GNL in Cina attraverso l’Artico.

Ad aggravare questa colpa, c’è il fatto che la Total ha appena annunciato che sta cercando un finanziamento per un progetto di gas in Russia, nonostante le attuali sanzioni . Si prevede di finanziare la sua quota nel progetto Yamal in 27 miliardi di dollari, utilizzando yuan, rubli russi, e altre valute, ma non dollari.

Può allora questa minaccia diretta ai petrodollari fare di de Margerie un “vero amico della Russia” – come Putin ha dichiarato- uno dei più pericolosi nemici del potere per il governo francese, l’Unione europea, o gli Stati Uniti?

Nel mio libro The Colder War, c’è un capitolo dedicato alle “morti misteriose” e come queste morti siano collegate a essere dalla parte sbagliata delle relazioni politiche. Che si tratti di andare contro Putin o contro il petrodollaro, ci sono molti caduti da entrambi le parti.

Se la Total non chiuderà il finanziamento di 27 miliardi di dollari di cui ha bisogno per andare avanti con il progetto Yamal LNG, allora sapremo che qualcuno è intervenuto per impedire un attacco ai petrodollari. De Margerie , prima della sua morte, e il suo CFO, erano entrambi forti sostenitori della raccolta di 27 miliardi ma non di dollari USA e portavano avanti il ​progetto con i russi. Ma tutto questo potrebbe cambiare se l’obiettivo del finanziamento non fosse raggiunto.

Quanti altri dirigenti occidentali che hanno il coraggio di aiutare la Russia ad aggirare le sanzioni – e a trasformarla in una fonte di energia – moriranno in circostanze sospette?

Marin Katusa

Fonte : http://www.marketoracle.co.uk

Link: http://www.marketoracle.co.uk/Article47937.html

28.10.2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org .

Pubblicato da Bosque Primario

  • Truman

    Una precisazione: il titolo originale era “Total War over the Petrodollar”. Nella traduzione si è perso il gioco di parole tra “guerra totale” e “guerra della Total”.

  • mago

    Se hanno fatto i loro bisogni nel giardinetto di putin..forse il razzo esploso ieri ha una sua logica….è una guerra fra bande.

  • cardisem

    Dopo l’uccisione di Enrico Mattei, se non erro, cambiò la politica dell’ENI, e fu dunque raggiunto l’obiettivo di quelli che uccisero Mattei…

    Adesso, è logico e normale pensare a un attentato piuttosto che a uno sciagurato incidente. Se poi cambierà la politica dell’ente diretto dalla persona uccisa, allora avremo la definitiva conferma che di attentato si è trattato…