Home / Notizie dal Mondo / Il fallimento della democrazia: come gli oligarchi vogliono prendersi le elezioni
clinton trump handshake large trans2 lnunk szdxrwzgimv2ttzrx2wqefbvtg35vlfoysq

Il fallimento della democrazia: come gli oligarchi vogliono prendersi le elezioni

DI PAUL CRAIG ROBERTS

informationclearinghouse.info

Sono convinto che le oligarchie che governano gli Stati Uniti vogliano impossessarsi delle elezioni presidenziali. In passato, gli oligarchi non si sono preoccupati di quale candidato avrebbe vinto, dato che li avevano in pugno entrambi. Loro però non hanno in pugno Trump.
Molto probabilmente non siete a conoscenza di cosa Trump stia dicendo alla gente, dato che i media non lo riportano. Una persona che dice questo:

non è nel cuore degli oligarchi.

Chi sono gli oligarchi?

  • Wall Street e le mega-banche troppo grandi per fallire e i loro agenti presso la Federal Reserve, un’agenzia federale che antepone 5 banche a milioni di Statunitensi nei guai per i loro mutui, permettendo che questi vengano scaricati giù per il water. Per salvare i bilanci delle mega-banche dai loro comportamenti irresponsabili, la Fed ha rifiutato di erogare ai pensionati gli interessi sui loro risparmi per 8 anni, forzandoli a ritirarli, lasciando i loro eredi, che hanno perso il lavoro a causa della delocalizzazione, senza un centesimo.
  • Il comparto militare, che ha speso trilioni di denaro dei contribuenti per mantenere 15 anni di guerre gratuite basate su menzogne, con il solo scopo di arricchirsi ed aumentare il proprio potere.
  • I neocon, la cui folle ideologia di egemonia statunitense sul mondo sta portando la popolazione verso un conflitto militare con Russia e Cina.
  • Le aziende statunitensi che hanno spostato l’occupazione verso la Cina e l’India e altri paesi per arricchire l’1% con profitti più alti dovuti al basso costo di manodopera.
  • Le aziende del comparto agricolo (Monsanto e simili), che avvelenano il suolo, l’acqua, gli oceani e il nostro cibo con i loro OGM, erbicidi, pesticidi e fertilizzanti chimici, mentre al contempo uccidono le api che impollinano le colture.
  • L’industria estrattiva – energia, mineraria, del fracking e del legname – che massimizza i profitti distruggendo l’ambiente e le forniture idriche.
  • La lobby israeliana che controlla la politica USA in Medio Oriente e che sta perpetrando un genocidio contro la popolazione palestinese, proprio come gli USA fecero con i nativi americani. Israele sta usando gli Stati Uniti per distruggere le nazioni sovrane che intralciano la strada di Israele.

Ciò che mi convince che gli oligarchi vogliano impossessarsi delle elezioni è la grande differenza tra quello che riportano le puttane della stampa e i fatti.

Secondo queste, Hillary è così avanti che non ha senso che i sostenitori di Trump si prendano la briga di votare. Hillary ha già vinto. Hillary è sicura vincitrice al 93%.
Io devo ancora vedere un cartello per Hillary nei giardini della gente, mentre quelli per Trump sono ovunque. I report che sento dicono che alle apparizioni pubbliche di Hillary non c’è pubblico, mentre a quelle di Trump c’è tanta gente che alcune persone non riescono ad entrare. Una donna dalla Florida mi ha detto questo:

“Trump ha guadagnato moltissimi voti mentre faceva campagna elettorale qui in Florida. Vedo solo cartelli ed adesivi per Trump quando mi sposto. L’altra sera ho mangiato in un ristorante messicano. Due donne della mia età erano sedute dietro di me e stavano parlando di come avessero provato ad assistere al comizio di Trump a Tallahassee. Erano uscite presto dal lavoro, arrivando all’appuntamento alle 4 di pomeriggio, benché iniziasse alle 6. Il posto era già gremito oltre la capacità della struttura, per cui avevano dovuto tornare indietro. È saltato fuori che dalle 2 c’erano così tante persone che avevano dovuto aprire prima. Le donne avevano detto che la folla era composta da persone di tutte le età e di tutte le razze”.

Conosco la persona che mi ha fatto questo resoconto e non ho dubbio della veridicità.

Ho avuto notizie simili da molti lettori in tutto il paese.

Ecco come dovrebbe funzionare il furto elettorale: i media di proprietà di poche persone stanno cercando di convincere non solo gli Statunitensi, ma tutto il mondo, che Trump è un candidato talmente impresentabile da aver perso le elezioni ancora prima del voto.

Controllando le informazioni, quando le elezioni saranno state rubate, tutte le accuse non avranno fondamento nei media. Tutti i report diranno che la vittoria della Clinton contro un misogino razzista come Trump.

L’opinione liberale e progressista sarà sollevata e con la guardia abbassata quando Hillary la trascinerà in una guerra nucleare.
Il fatto che gli oligarchi vogliano rubare le elezioni alla popolazione è dimostrato dal comportamento ufficialmente registrato dalle macchine per il pre-voto in Texas. Le puttane della stampa dell’NPR hanno dichiarato che Hillary è talmente favorita che perfino il repubblicano Texas è a rischio.

Se questo fosse il caso, perché sarebbe necessario truccare le macchine per il voto per modificare i voti per Trump in voti per Hillary? I votanti che hanno dichiarato di votare per Trump si sono lamentati che i loro voti erano stati registrati per la Clinton. I funzionari elettorali, parlando di un malfunzionamento (unidirezionale), hanno deciso di affidarsi ai voti cartacei. Chi li conterà? Nessun “malfunzionamento” ha spostato i voti della Clinton verso Trump, solo i voti di Trump sono finiti a lei.
Il più brillante film dei nostri tempi è stato Matrix. Il film rappresentava la vita di Statunitensi manipolati da una falsa realtà, solo nei veri Stati Uniti non ci sono né abbastanza consapevolezza né un Neo, forse eccetto Donald Trump, per provare a sovvertire il sistema. Statunitensi di tutti i generi – accademici, studenti, giornalisti, repubblicani, democratici, di destra e di sinistra, membri del governo, senatori, presidenti, magnati della finanza e persone di ogni paese che hanno subito il lavaggio del cervello – vivono in una falsa realtà.

Negli USA oggi sta per esserci un’importantissima elezione presidenziale, in cui nessun tema importante è affrontato da Hillary o dalle puttane della stampa. È un fallimento totale. La democrazia, che una volta era la speranza del mondo, ha totalmente fallito negli USA. Trump ha ragione. La popolazione statunitense deve ristabilire la credibilità del governo agli occhi della gente.

 

Paul Craig Roberts è ex assistente segretario del Tesoro USA e Editore Associato del Wall Street Journal. Il suo libro How the Economy Was Lost è disponibile su counterpunh in formato digitale. Il suo ultimo libro è How America Was Lost.

Fonte: http://www.informationclearinghouse.info/

Link: http://www.informationclearinghouse.info/article45756.htm

28.10.2016

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione FA RANCO

Pubblicato da Davide

  • Luigi za

    Stati Uniti non ci sono né abbastanza consapevolezza né un Neo, forse
    eccetto Donald Trump, per provare a sovvertire il sistema. Statunitensi
    di tutti i generi – accademici, studenti, giornalisti, repubblicani,
    democratici, di destra e di sinistra, membri del governo, senatori,
    presidenti, magnati della finanza e persone di ogni paese che hanno
    subito il lavaggio del cervello – vivono in una falsa realtà.

    Ma suvvia mr. Paul Craig Roberts non si ricorda la non tanto lontana nel tempo visita di papa Pampurio I nella terra degli uomini liberi (parole del bravo picciotto che rendeva omaggio al Boss).

  • gianni

    esatto , e l’ europa sta facendo la stessa fine degli USA

  • Geopardy

    Se Trump applicasse solo una parte di ciò che sostiiene, la
    globalizzazione ultra-liberista sarebbe sconfitta e si ritornerebbe ad
    una situazione di relativa normalità internazionale. Non è che io creda
    che sarebbe la panacea di tutti i mali, perchè non è così, ma, se non
    altro, darebbe modo ad una maggiore stabilizzazione delle relazioni
    intenazionali, con la formazione definitiva di nuoi decentramenti
    economici più necessai che mai.
    Certo che la super lobby, anche in caso di una sua elezione, farà del tutto per creare situazioni ingovernabili.

  • Nicolass

    in quella che pretende di essere la più grande democrazia del mondo si scopre che le elezioni sono le più taroccate di sempre… forse ha ragione Putin a ritenere gli Usa una repubblica delle banane guidata da quel babbuino di Obanana.

  • Apollonio

    Mah… magari fosse così.!
    o sono sicuri che Trump non vincerà, oppure che non applicherà mai le sue promesse elettorali.
    Altrimenti lo avrebbero già eliminato o lo elimineranno non appena possibile.

  • sandrez

    A handful, a very small elite, run and own these corporations, which
    include the mainstream media. I have this feeling that whoever is
    elected president, like Clinton was, no matter what you promise on the
    campaign trail – blah, blah, blah – when you win, you go into this
    smoke-filled room with the twelve industrialist capitalist scum-fucks
    who got you in there. And you’re in this smoky room, and this little
    film screen comes down … and a big guy with a cigar goes, “Roll the
    film.” And it’s a shot of the Kennedy assassination from an angle you’ve
    never seen before … that looks suspiciously like it’s from the grassy
    knoll. And then the screen goes up and the lights come up, and they go
    to the new president, “Any questions?” “Er, just what my agenda is.”
    “First we bomb Baghdad.” “You got it …”
    Bill Hicks (prima del 1994)

    https://www.youtube.com/watch?v=Ytv15ono5J0