Home / ComeDonChisciotte / ELEZIONI: PAROLA D’ORDINE, FRAMMENTARE L’ELETTORATO E DEPOTENZIARE IL M5S
11248-thumb.jpg

ELEZIONI: PAROLA D’ORDINE, FRAMMENTARE L’ELETTORATO E DEPOTENZIARE IL M5S

DI DEBORA BILLI
Crisis

Se si prova a guardare l’incredibile evoluzione politica del nostro Paese nell’ultimo mese e mezzo, come se si stesse affacciati ad una finestra a grande distanza, si coglie un andamento che lascia presumere un disegno. Troppo complottista? Semplicemente, è implausibile che una simile rapidissima concatenazione di eventi possa essere casuale vista la posta in gioco. Vediamo.

A metà Novembre, il panorama politico che si andava delineando era il seguente: presenti sulla scena due sole forze, il PD e il Movimento 5 Stelle. Il PDL era infatti crollato a percentuali ad una cifra con l’annuncio del ritiro di Berlusconi (24 Ottobre) e le liti interne, l’IDV dissolta in pochi giorni dopo la puntata di Report (28 Ottobre), la Lega travolta dagli scandali. Il M5S invece, sull’onda dell’inaspettato successo in Sicilia, a metà novembre superava il 20% dei consensi diventando il secondo partito della nazione e l’unica opposizione a PD/Monti nel Paese.

Ora seguite il timing. Il 6 Dicembre inaspettatamente Berlusconi annuncia la sua candidatura a premier per il centrodestra. Nelle due settimane successive imperversa su tutte le televisioni, mentre i sondaggi provvedono a mostrare un PDL in risalita e i commentatori vicini al PD gettano l’Italia nel panico paventando una nuova vittoria del Berlusca: si sa, gli italiani sono stupidi quindi lo avrebbero rivotato in massa. Sotto Natale il Paese è brasato nel terrore al punto giusto.

Il 21 Dicembre Monti presenta le sue dimissioni da premier, il 28 la nuova candidatura con la sua lista personale. Il giorno successivo, Ingroia scende in campo con Rivoluzione Civile. A meno di due mesi dalle elezioni, e nel giro di tre settimane il panorama politico viene sconvolto alla radice.

I sondaggi seguenti dipingono quindi tutt’altro andazzo: l’elettorato, prima concentrato su due forze sole -più una vasta parte di astenuti-, si affretta ad accattarsi il nuovo che avanza e si frammenta per tutto l’arco politico. Sempre secondo i sondaggi ovunque opportunamente sbandierati, il PDL riprende fiato, in tanti appoggiano Monti che ci “ salva da Berlusconi per la seconda volta, Ingroia recupera voti nella sinistra astensionista e fa anche da civetta a elettori grillini incerti, e il Movimento 5 Stelle viene finalmente depotenziato: da unica proposta alternativa, a “uno dei tanti”. Era proprio questo infatti l’obiettivo a cui è servito lo spiegamento di forze di cui sopra.

Tre settimane appena, per diluire l’unica opposizione concreta al progetto politico a cui andiamo incontro. Sì, perché c’è anche quello, bello e pronto. Infatti, il problema era proprio l’impossibilità di formare il futuro governo già in programma: PD primo partito con Monti premier, o comunque con il prosieguo del programma Monti. E’ il governo che ha ordinato l’Europa, quello che s’ha da fare, come già accaduto in Grecia peraltro. A Novembre non esisteva un alleato conseziente per il PD, oggi esiste, ed è il partito di Monti stesso. Il resto è frammentato ovunque. Mission accomplished.

Debora Billi
Fonte: http://crisis.blogosfere.it
Link: http://crisis.blogosfere.it/2013/01/elezioni-politiche-parola-dordine-frammentare-lelettorato.html
9.01.2013

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    A piano, Debora.. Ricorda che il Diavolo insegna a fare le pentole ma non i coperchi… Oppure che la feccia su citata fa i conti senza l’oste.
    I sondaggi sono farlocchi,la tv è un cesso rigurgitante menzogne avariate e il M5S vincerà. Loro tutti da una parte e noi dall’altra. Il fosso è scavato e guai a chi ci finirà dentro. Questi traditori dell’Italia (sempre i su citati) dovrebbero ringraziare il Beppe che gli offre una possibilità per uscire dalla scena senza perdite di sangue. Per adesso.

  • cardisem

    Domani sera ho una riunione di zona del Cinque Stelle… io non so quel che sarà, ma quel che posso lo faccio…

  • grillone

    a parte il fatto che berlusconi non è piu il candidato a premier del centrodestra, neglio ultimi mesi non hanno fatto nulla di speciale; hanno solo ripetutto all’infinito il solito mantra del “voto utili” , che in questo paese, da oltre venti anni, distrugge movimenti, liste civiche, e partiti alternativi. e ho paura che anche stavolta riusciranno a sfangarla

  • mariomonti

    Infatti come è detto nel commento #2 qui si tratta di normale amministrazione e non complottismo.

    come dice l’articolista prima c’erano solo due forze in campo (in realtà c’era anche Casini, mentre Di Pietro era appena stato fatto suicidare), ovvio che gli altri dovevano muoversi ad intercettare tanti voti indecisi o non pervenuti.

    Più che complottismo direi un’ottima mossa di Berlusconi il cui interesse è esserci e pesare in prima persona e tutto sommato inutile mossa di Monti, comunque avrebbe avuto un ruolo nel prossimo governo battente agenda Monti!

  • luca

    давай..
    давай… Debora… questi idioti… sono i nipoti del fondatore della moderna psicologia… tale freud …altro dogma messo in piedi dal B’nai Brit.. la solita masnada di ebrei…
    il modernismo e’ stato il migliore strumento per l’atomizzazione della societa’…
    la solitudine interiore.. e’ la vera arma di controllo della societa’… un esempio banale ? …la montatura giudiziaria potenziale, davanti a ogni singolo…

    per favore !! …eventuali detrattori non perdete tempo a surrogare le Vs coglionate con l’illuminismo…

    le cazzate servono solo a voi, cosi’ come gli sbirri alla loro ignoranza…
    “paradigmi dell’ìnutilita’”…

  • nigel

    A mio avviso i soggetti in campo sono troppi per poter ipotizzare un’azione concertata

  • massi

    A me ‘sta Billi pare fissata… qualsiasi cosa per lei è fatta per depotenziare il M5S. Qualcuno le spieghi che oltre Grillo ci sono altri contendenti… di solito è così.
    Secondo me a depotenziare il M5S ci pensa lo stesso Grillo con le recenti dichiarazioni ai suoi tipo “se c’è qualcuno che reputa che io non sia democratico prende e va fuori dalle palle!”.
    Un po’ come dire “chi dice che sono violento lo prendo a cazzotti!”.

  • albsorio

    Sono proprio contento, oggi era la solita giornataccia, poi finalmente leggo una bella notizia: ” PALERMO – I 15 deputati regionali siciliani del Movimento cinque stelle hanno restituito al conto dell’Assemblea regionale siciliana 123.495 euro, tra indennità e rimborso spese, che avevano avuto con la prima busta paga, circa il 70%.” il resto lo leggete qui:—–> http://www.lasicilia.it/index.php?id=90658&template=lasiciliait —– 🙂

  • Ercole

    noi operai non abbiamo questo problema , siamo gia il partito di maggioranza ,quello dell’astensione rivoluzionaria,l’unica cosa che ci sta a cuore e frammentare il capitalismo ,e i suoi sostenitori,con l’auspicio di depotenziare anche il suo apparato repressivo, l’esercito che lo difende.

  • albsorio

    oltre a spaccare il culo alle mosche 🙂

  • Jor-el

    Nei momenti di relativa prosperità, le intenzioni di voto degli elettori tendono a concentrarsi al centro dello schieramento politico. Ecco perché i partiti della classe dominante portano avanti la teoria del cosiddetto “bipolarismo”, mettendo in campo due forze politiche simili (o coalizioni) che gareggiano fra di loro per intercettare i voti del centro. Per questo abbiamo CENTRO-sinistra e CENTRO-desta, mica per altro. Trattasi di strategie base per costruire e sfruttare il consenso, e per far vincere alle elezioni chi deve vincere per forza. Allo stesso modo, nei periodi di crisi, le intenzioni di voto tendono a concentrarsi ai due estremi dello schieramento politico (curva a campana inversa), tendendo a svuotare il centro. In tal scenario, la strategia migliore è MOLTIPLICARE l’offerta politica in tanti partiti, riservandosi poi di dare vita a coalizioni di governo dopo le elezioni. Trattasi di elementari strategie elettorali per fregare i cittadini. Le elezioni sono molto utili, utilissime, ma NON a noi!

  • IVANOE

    Tutto puo’ essere, anche se il fattore imponderabile e’ l’ enorme massa di astensione al voto che supererà il 40-50%
    La rimanente parte dei votanti depurata di un’altro 15-20% che sono i militanti saranno quelli che formeranno il vero corpo elettorale, adesso bisogna capire di questo 35% di voti veri come saranno formati se da baldanzosi elettori del M5S oppure dal collage di grigi votanti per il pd, monti o PDL , comunque questi si veramente frastagliati.
    La vera viscida novità e’ la discesa in campo di ingroia con i suoi compari di Piero e de magistris, tutti in passato infiltrati e controllori del M5S.

  • Penta

    Berlusconi che scende in campo non per il proprio interesse ma per far dispetto a Grillo? Divertente, ma la baarzellettaa di Pisanu è meglio.

  • Ercole

    se potessimo lo spaccheremmo anche ai sindacalisti e politici di tutte le risme , a chiunque osa ostacolare la nostre lotte, sia in fabbrica ,che fuori….il nostro voto nella cabina elettorale non lo vedrete mai……

  • pasqui

    Nemmeno Grillo è un’alternativa valida…..ma come fate a non capirlo i politici sono TUTTI UGUALI….l’unica cosa sensata da fare alle prossime elezioni e l’astensionismo….NON ANDATA A VOTARE

  • albsorio

    🙂 mi fai morire, alla fine sei simpatico, se fossi un po meno istigatore alla lotta violenta di classe sarebbe meglio ma ognuno ha il suo personale punto di vista.

  • albsorio

    lo struzzo mette la testa nella sabbia… e lascia il culo allo scoperto :-)… se non voti fai un favore… indovina a chi 🙂

  • vraie

    chiunque vinca governerà monti, cioè “lo straniero” che si trova dietro di lui
    l’articolo guole avccreditare grillo, tutto qui.
    grillo : a che guevara = balotelli : messì

  • mincuo

    Bisognerebbe informare Ercole che gli operai non sono quelli della Ruhr del 1930, nè di Detroit del 1950. E che già in Italia applicare quegli schemi era una puttanata 40 anni fa. Poi bisognerebbe dirgli che che il PIL è fatto all’85% da servizi, e che non gieli fanno nemmeno vedere i numeri degli operai rimasti se cerca su Google. E che infine dei proletari, gli operai, pur nella disgrazia, che quella c’è, sono tutto sommato tra i meno proletari. E per finire che è cambiata la società, ma non la testa degli Ercole, è quello il loro difetto maggiore. Antiquariato. Peccato perchè il comunismo non sarebbe stato male. Il Leninismo era male, una porcheria, ma neanche questo lo capiscono ancoa, anzi sono imbottiti di quello.

  • Ercole

    si e vero la societa e cambiata,200 anni fa c’era il lavoro salariato lo sfruttamento, la miseria, le guerre , gli operai ,i padroni, ecc ecc.. oggi tutto questo e scomparso………gli opportunisti sono sempre al passo con le esigenze del capitale ,e hanno sempre la menzogna pronta….

  • nuvolenelcielo

    sicuramente Ingroia e Berlusconi per motivi diversi pescano dall’elettorato potenziale del m5s. Poi non dimentichiamo che del m5s e delle sue proposte non si parla mai e poi mai sui media, (persino su Cdc se se ne parla è soprattutto per parlarne male), e l’impatto dei media conta molto su chi è potenzialmente un astenuto (il bacino principale del m5s). vedremo… Ma non dimentichiamo che sicuramente i sondaggi sul m5s sono col freno a mano tirato

  • nuvolenelcielo

    Solo il fatto che uno non fa politica per i soldi, basterebbe per votarlo. Vuol dire che quando ci sarà da decidere su una questione importante, sarà più probabile che si informi e lo faccia secondo coscienza, e non semplicemente secondo interessi… – ma sembra tanta gente non ci arrivi. Spiegare l’ovvio ai colti infetti da pessimismo sadomasochista sembra impossibile.

  • Primadellesabbie

    Nessuno mette in evidenza la disdicevole quanto scontata (ma sempre sorprendente) attitudine del giornalismo? Sembra sia giunto finalmente il momento del passo nell’uccellanda. Con che lena si sono messi a partecipare, con quale entusiasmo diffondono ogni fiato ogni respiro di questi consunti protagonisti. Con che cura cercano di rivitalizzare questi cialtroni che fino a ieri, grazie alle loro gesta, erano praticamente spacciati.

    Commentano con foga ed ingiustificato impegno una partita di brocchi come se in campo ci fossero Pelé, Maradona e George Best

    La situazione ricorda biecamente quella fase della Guerra Civile di Spagna in cui i combattenti (i poveracci, forse incolpevoli, di oggi) rischiavano e marcivano affamati nelle trincee mentre “ricchi borghesi” ed affaristi vari (odierni giornalisti, politici e pittoresca gentaglia) se la spassavano nelle città, come nulla stesse accadendo, dibattendo su temi inutili e secondari.

  • Primadellesabbie

    Per i “maghi” di CDC: perché il mio commento é apparso in testa anziché in coda?

    NB – Non é la prima volta.

  • Primadellesabbie

    Ercole, mi pare che questa volta le affermazioni di mincuo richiedano un esame ed una risposta più “dedicati”. O sbaglio?

  • Firenze137

    io l’ho già scritto e riconosco da solo che è un po’ folle quello che penso. Ma secondo me Grillo è una sorta di cavallo di Troia che avendo le mani “legate” (ma non troppo) da Casaleggio & co si da un gran da fare – vedi il progettato prossimo mega-tour in 87 città – per provocare una reazione nel Paese fra la brava gente che in effetti non ha alternativa, se non il ‘non voto’.

    se la reazione ci sarà e cospicua, allora sarà un trionfo per il M5S. Altrimenti un nulla di fatto con un – credo – 50% di astenuti e a settembre si va di nuovo al voto.

  • nigel

    HUAHUAHUA!!! Bella questa…

  • nigel

    HUAHUAHUA!!! Bella questa…

  • albsorio

    Ti sfugge un particolare le elezioni non hanno quorum come i referendum, in altre parole anche se a votare andassimo solo tu ed io la tornata elettorale sarebbe valida. La cosa divertente è che se tu voti PD ed io PDL Bersani andrebbe in tv dicendo di avere il 50% come pure Berlusconi e si spartirebbero i rimborsi elettorali che non sarebbero 10€ 🙂

  • robotcoppola

    Bravo!

    Eccellente “scelta tattica” per far chiudere il cerchio al processo di schiavizzazione in corso. Veramente una bella genialata complimenti 🙂

  • robotcoppola

    Grillo invece ha dimostrato più volte di avere le @@ alla faccia dei suoi detrattori.

    Se fosse davvero come lo dipingono, si comporterebbe come un semplice SERVO del potere, come ad esempio crozza che sta facendo MILIONI di € per fare della satira annacquata.

    Un altro fenomeno, anche se non comico, è santoro, ricoperto d’oro dal sistema per portare fuori strada quella fetta di persone che tende a farsi qualche domanda.

    Grillo ha mandato all’aria dei contratti milionari per seguire il SUO punto di vista! Questo è un FATTO!

    Se poi è riuscito a guadagnare anche dopo il motivo è sotto gli occhi di tutti: un talento eccezionale sia nella comicità che nella comunicazione.

    Pertanto cerchiamo di essere ONESTI e OBIETTIVI al fine di non paragonarlo agli altri CIALTRONI.

    Se ti sta sui @@ poi è un altro discorso 🙂

  • Jor-el

    Sono assolutamente, completamente d’accordo sulla questione del leninismo! Sul discorso della composizione di classe, credo che Ercole queste cose le sappia, e che usi il termine “operai” perché usare termini come “cognitariato precarizzato” o roba del genere sarebbe un po’ scomodo e ne soffrirebbe lo stile “operaio vintage” che ha deciso di adottare nei suoi post. D’altra parte, nemmeno negli Anni ’60 l’operaio-massa del fordismo è mai stato numericamente maggioritario rispetto al proletariato nel suo complesso.

  • robotcoppola

    Tu sicuramente stai lavorando perché la tua “predizione” si avveri 🙂

  • Jor-el

    Ercole, nel loro incessante conflitto, capitale E lavoro scompaginano la composizione di classe, che è cambiata non solo rispetto a 200, ma anche a 10 anni fa. Compito dei comunisti è utilizzare gli strumenti dell’analisi di classe e della lotta politica per ritrovare il filo dell’antagonismo nell’individuazione e nella ricomposizione dei nuovi soggetti che emergono nel rapporto di produzione capitalista.

  • Firenze137

    forse non mi sono spiegato bene. Io volevo dire che Grillo è quasi un “eroe” perchè nonostante il “sistema”, che come noto non lascia spazio a quelli “contro”, cerca il consenso popolare pur non potendo fare tutto quello che vorrebbe.. quindi grande Grillo !

  • Firenze137

    anche qui non mi sono spiegato. Dico che si va alle elezioni perchè nonstante il porcellum, se il 50% non vota il governo che ne esce non riuscirà a governare. quindi a settembre cade nuovamente il governo.

  • robotcoppola

    Secondo me la realtà è molto più semplice, il sistema trovandosi di fronte la minaccia del M5S ha semplicemente reagito scagliandogli contro le sue DIFESE IMMUNITARIE.

    Quello che sta accadendo in parte è voluto e in parte no.

    Alcune liste/movimenti/partiti si sono formati semplicemente per DIFENDERE i propri privilegi/interessi, compreso il gruppone capitanato da ingroia, per non parlare di altri molto peggiori come quello di oscar giannino.

    Quello che abbiamo davanti è una gigantesca operazione GATTOPARDESCA a difesa del PUTRIDUME attuale, magari con qualche variante e/o dell’affondamento della nazione, obiettivo principale di monti per consegnarci ai poteri internazionali di banche e finanza.

    Mi chiedo come è possibile negare l’attacco del sistema nei confronti del M5S.

    A quanto pare, escludendo i trolls/influencers legati allo status quo, gli altri nemici del movimento,per motivi a me ignoti, preferiscono raccontarsi storie immaginarie utilizzando FORZATURE di ogni tipo per dimostrare qualcosa che sta solo nella loro mente.

    La REALTÀ ce l’avete davanti e NON è coerente con le PUTTANATE su casaleggio/grillo 😉

  • robotcoppola

    oops, scusa 🙂

  • robotcoppola

    Quello che dici è vero nel contesto che riguarda gli anni passati, ora lo è molto meno.

    La TRAVE che sorregge questo sistema putrescente è il SISTEMA CLIENTELARE, che per fortuna sta COLLASSANDO.

    Come è già avvenuto in sicilia ad ottobre, potremmo rivedere il ripetersi di qualcosa di simile …

  • pasqui

    E allora voi a chi voterete? avanti ditemelo…..A Monti? a Grillo? a berlusconi? secondo me quello di non andare a votare è il male minore perchè chiunque andrete a votare non cambierà minimamente nulla……..

  • robotcoppola

    L’astensione senza consapevolezza è INUTILE!

    Anche se si raggiungesse il 60% dell’astensionismo, i PARASSITI del sistema attuale semplicemente lo ignorerebbero. Vedi ad esempio cosa è successo nelle passate amministrative a genova e a palermo.

    In teoria sarebbe la strada giusta, ma allo stato attuale NON È PERCORRIBILE proprio a causa della bassissima consapevolezza della gente, che si asterrebbe SOLO per protesta.

    Un tale REGALO sarebbe invece sfruttato dai montiani per terminare il proCESSO di €uropeizzazione in corso. Cioè consegnare le nostre ultime sovranità ai banchieri e alla finanza speculativa che impartisce la politica all’attuale €uropa.

    Conseguenze ?

  • Impoverimento progressivo della stragrande maggioranza della popolazione;
  • privazione di ulteriori diritti umani;
  • partecipazione a nuove guerre all’estero, dette anche missioni “umanitarie”;
  • ulteriore limitazione della libertà di stampa e di internet;
  • tassazione sempre più alta, visti i trattati SUICIDI che hanno firmato alle nostre spalle come il MES e il FISCAL COMPACT;
  • disoccupazione a livelli record;
  • Altro …
  • E questo avverrà molto velocemente. monti nel suo anno di governo dovrebbe averti fatto capire quanto sia DEVASTANTE la sua politica. Peraltro si è contenuto moltissimo visto che aveva davanti le elezioni …

    berlusconi ha già fatto vedere quello di cui è capace in questo ultimo ventennio insieme alla FALSA sinistra e al centro di casini. Ora stiamo raccogliendo i “frutti” di quel “fantastico” lavoro. Votarlo è come spararsi sulle @@ 🙂

    I movimenti/liste/partitini apparsi in questi ultimi 2 mesi non sono altro che dei tentativi del sistema putrido a salvarsi. Al di là che siano voluti/pianificati o no, sono evidenti operazioni GATTOPARDESCHE.

    L’unica arma che abbiamo in questo momento è votare in massa il M5S (grillo non si candida).

    Al di la delle stronzate su grillo/casaleggio e sulla “poca” competenza dei candidati, quello che otterremo, nel caso peggiore, è PRENDERE TEMPO, rendendo più difficile a monti e i suoi supporters di terminare il lavoro di DISTRUZIONE del paese.

    Questo tempo ci aiuterà a calibrare le scelte successive, dandoci la possibilità di alzare la consapevolezza media della gente.

    NON È POCO 😉

  • Allarmerosso

    Finchè siamo legati ai sistemi di potere sovranazionale potete metterci chi vi pare in parlamento che farà esattamento quello che gli dicono ad esempio quelli del’FMI. Berlusconi Monti o Bersani non cambia un cazzo.
    E non si vede all’orizzonte qualcuno che mandi al diavolo gli impositori internazionali e sapete perchè , perchè siamo i primi a non volerlo. Se anche uscisse qualcuno che vuole fare i nostri interessi sarebbe mandato a ffanculo dalle masse.

  • marcello1991

    mi sa che hai ragione

  • robotcoppola

    Vero solo in parte.

    Si può lavorare per togliere queste dipendenze, ovviamente è IMPOSSIBILE farlo da subito per i seguenti motivi:

    1. firma di trattati internazionali;
    2. firma di contratti internazionali, pieni di vincoli e penali;
    3. studio/analisi e proposte di uscita dai trattati/contratti che ci danneggiano;
    4. incentivazione massima dell’economia interna, necessaria ad aumentare la nostra INDIPENDENZA dall’estero;
    5. tempo necessario ad aprire NUOVI accordi economici con paesi aventi politiche meno legate alla finanza speculativa come il sudamerica;
    6. altro …

    La situazione non rimarrà tale e quale ad ora ma tenderà a peggiorare con un monti bis, un suo derivato o affine.

    L’unica alternativa che abbiamo in questo momento a questa DERIVA, anche se a molti schizzinosi fa schifo, è il M5S, che ovviamente NON potrà cambiare granché per i prossimi 2 anni ma perlomeno ci permetterà di guadagnare TEMPO PREZIOSO per capire come uscirne da questo casino.

    Occhio, perché nessun altro paese dei PIIGS ha avuto al suo interno un’anomalia come il M5S e abbiamo visto come sono andate le cose: un DISASTRO TOTALE!

  • marcello1991

    Il M5S è un cavallo di troia affinchè alla fine non cambi nulla.
    La dimostrazione è che sull’europa non hanno una presa di posizione ma lasciano al referendum…. come dire vinca la democrazia.

    Primo: non siamo in democrazia ma in guerra
    Secondo: i nostri meccanismi democratici si basano sull’opinione pubblica – e se l’opionione pubblica non è informata perchè i media sono comandati, il referendum che valore ha …??. Ma non lo capiscono?

    Mi sembra quindi che l’M5S come minimo sia alquanto contraddittorio, inoltre se non ha le palle per prendere una posizione su una questione chiave allora che ci stanno a fare.

    Per precisare poi, il resto dei partiti la posizione sull’Europa la prendono, quindi il fatto che il M5S non lo faccia li rende diciamo STERILI.

    Infine, ma il M5S non nasce proprio dal concetto di avere e garantire un’informazione libera, ecc ecc ecc..???
    Perchè allora sull'”Europa” non fa informazione e non ha una posizione netta?

    M5S E’ SECONDO ME L’ARMA PIU’ MA POTENTE USATA CONTRO I CITTADINI.

  • pimpiu88

    a tutti coloro che non voteranno grillo e si asterranno. finalmente di fronte al maleficio del capitalismo ed a ciò che ha portato, un cambiamento radicale sarebbe una bella rivoluzione armata. ma nessuno è pronto, nemmeno la maggior parte di coloro che in questo sistema per delega non credono più, e rimaranno a casa invece di andare a votare. anch’io penso che in un sistema normale la scelta migliore sarebbe delegittimare il sistema non votando in massa, ma purtroppo in questo stato di cose non si delegittimerà proprio un bel niente. le cose andranno avanti così, e quella massa mancante di non votanti, sarà ancor di più esclusa dai processi che stanno portando alla deriva questo paese di cialtroni. grillo, dal canto suo, fa appello all’unica arma vera che i cittadini assopiti dal capitalismo -parlo anche della bonanza che ha saputo dare ai più e da cui tutti ci si è lasciati ingannare, possiedono oggi. l’unica prima del risveglio, inevitabile, che sarà un risveglio improvviso e che inevitabilmente lascerà la precedenza al panico. quest’arma a cui accenno è la PARTECIPAZIONE diretta dei cittadini alla politica ed alle decisioni comuni, un primo passo verso l’emancipazione dell’obrobrio della democrazia e della pigrizia della delega. grillo va votato solamente per questo, aldilà di programmi e proclami, interessi e strategie, speranze e delusioni. grillo l’ha detto più volte, non voglio il vostro voto se rappresenta un delega e nient’altro. ebbene, il cambiamento deve partire da noi prima di tutto e dal rivedere il nostro modo di stare con gli altri, altrimenti non cambierà mai nulla. il cambiamento deve riguardare la nostra Etica prima di tutto. ma non tutti ne hanno voglia, è più comodo delegare qualcun altro e poi brontolare sulle cose che ha o non ha fatto. che questo cambiamento e con lui il movimento cinque stelle è destinato a fallire è quasi certo, non serve avere grandi nozioni di politica per capirlo, basta un po’ di buon senso. ma quantomeno ritarderà il momento del risveglio. personalmente ho bisogno di un pò di tempo ancora per prepararmi alla rivoluzione, non so usare un’arma e mi mancano da leggere alcuni fondamentali su cosa avviene dopo. anche se forse basta aver letto polibio. la verità è che l’essere umano è avido per natura, che la nostra società è troppo grande per includere tutti sullo stesso livello, e che il pianeta sta marcendo in nome di una crescita che ci è sfuggita di mano. il solo modo per risolvere le cose è una bella dittatura comunista, in cui bisogni e relazioni siano regolati da un’entità superiore e imprescindibile, altrimenti va tutto all’aria. vuoi un pezzo di pane in più? te lo sogni. il capitalismo mascherato come libertà di affermazione sta portando alla deriva questo insignificante specie detta uomo. benvenute osservazioni e critiche su quanto scritto.

  • robotcoppola

    Sono d’accordo sul fatto che siamo in GUERRA 🙂

    Il problema è che attualmente non abbiamo alcuna arma potente per combatterla. Dobbiamo quindi lavorare per crearle.

    Qual è l’arma più potente che ci potrà permettere di vincere la guerra ?

    L’MMT di barnard ? L’economia vista e corretta da bagnai ? L’uscita diretta dall’€uropa senza pensarci 2 volte ?

    Nessuna di queste azioni avrà successo senza un incremento della CONSAPEVOLEZZA della popolazione!

    Quello che otterremmo sarà al massimo un cambio dell’attuale sistema TRITACARNE ad un altro, molto probabilmente simile dal punto di vista della qualità di vita.

    L’arma più potente da conquistare è l’acquisizione di CONSAPEVOLEZZA da parte della popolazione al fine di capire quali scelte prendere per il proprio futuro. Senza la quale è come voler correre in auto al buio a fari spenti.

    Le elezioni che abbiamo davanti rappresentano “solo” una battaglia della guerra di cui sopra.

    Il problema è che questa battaglia può essere DECISIVA per vincere la guerra. Molto di più di quelle passate.

    Siccome noi siamo tuttora disarmati, avendo un livello di consapevolezza medio, pari a quello delle scimmie addestrate, abbiamo bisogno di ulteriore tempo. Dobbiamo guadagnare tempo!

    Allo stato attuale, l’unica scelta praticabile per acquisire tempo e successivamente CONSAPEVOLEZZA è il M5S (al di là delle ipotesi di cavallo di troia e quant’altro). Ogni altra opzione aiuterà i nostri nemici, quelli VERI, senza ombra di dubbio, avendoci rivelato già le loro politiche DEVASTATRICI.

    Se vincerà la forza montiana, indovina qual è la prima risorsa che ci toglieranno ?

    Il TEMPO 🙂 Ne avremo sempre meno a causa dell’incremento dei problemi che scaricheranno tali CRIMINALI 😉

  • albsorio

    Il mondo è come lo costruiamo, il Monti pensiero dice che l’Europa ha bisogno di crisi, loro intendono questa “crisi” come precondizione per accettare qualunque cosa, ma è vero che finché lo status quo è accettabile perché cambiare? Ora noi siamo dinnanzi ad una serie di scelte che saranno cruciali per noi ed i nostri figli, io spero che vi sia una evoluzione dell’omo italico in primis ed europeo successivamente. Qualcuno ha fatto notare come deriva economica in altri Paesi europei abbia portato allo sfacelo dello Stato non inteso come istituzione ma come unità. In un post precedente ho segnalato che delle persone, che non voglio chiamare politici, si sono decurtate lo stipendio del 70% restituendolo alla Regione Sicilia, questo gesto di perse poco significativo in termini numerici ha un grande valore morale, indica che il senso di Stato, come collettività, non è morto come i globalisti vorrebbero e mi ha fatto sentire fiero e fiducioso di essere Italiano. Quello che più temono i vari pensatori è l’amore che contiene un gesto come questo che oltre il senso di se a favore della collettività che se unita e ben diretta può superare difficoltà apparentemente insormontabili. Da soli non siamo niente come Nazione siamo qualcosa di ben diverso, non temere il futuro, plasmalo nel tuo ambito personale, il mare è un insieme di gocce. 🙂

  • marcello1991

    di tempo non ce n’è già più, ho paura che l’M5S non combinerà nulla ma creerà solo ancora più confusione nella mente delle persone… ho letto il programma a Viareggio e mi è sembrato solo una lista propagandistica di punti buttali li a caso senza una logica precisa. L’impressione che ho avuto …proprio a pelle… è di un casino controllato ad arte.

    ciao

  • paolodegregorio

    – l’omissione: l’arma più subdola della comunicazione –
    di Paolo De Gregorio, 10 gennaio 2013

    Quei paraculi al soldo dei padroni di giornali e TV (escluso il Fatto Quotidiano), che credono di essere giornalisti, sempre pronti a parlare genericamente di populismo e antipolitica per la gioia di chi li tiene al guinzaglio, compatti come un sol uomo, omettono di dare la migliore notizia degli ultimi anni, tutta a favore di una buona politica, che vede esponenti del M5S restituire buona parte del loro stipendio di deputati regionali.
    Il capogruppo Cancelleri e gli altri 14 deputati del M5S, eletti nella regione Sicilia, hanno girato tramite bonifico sul conto corrente generale della ARS (assemblea regionale Sicilia) oltre 123.000 euro, trattenendo per sé 2.500 euro più rimborsi spese documentati, relativi alla mensilità di dicembre. Hanno rinunciato all’auto blu di spettanza al vicepresidente (Antonio Venturino del M5S). Il M5S si è impegnato a restituire mensilmente queste somme, fino all’approvazione di una nuova legge che prevede la retribuzione di 5.000 euro lordi per ogni deputato (al posto degli attuali 15.000 euro).
    Le somme parcheggiate nel conto corrente dell’ARS sono destinate a finanziare un progetto di microcredito a favore di piccole imprese.
    A questa iniziativa, chiaramente populista e di antipolitica, bisogna aggiungere il rifiuto di incassare il rimborso delle spese elettorali (leggi finanziamento pubblico ai partiti), sempre per le ultime elezioni siciliane, quantificato in 1.426.000 euro.

    L’unico partito che dimostra con fatti concreti e inediti di non essere in politica per soldi, né per carriera (in quanto gli aderenti al movimento si impegnano a priori a smettere dopo due legislature), per i nostri grandi giornalisti non merita una riga di stampa, applicando l’arma più micidiale a disposizione della disinformazione, che è l’OMISSIONE delle notizie sgradite, anche se la deontologia professionale della categoria prevederebbe la assoluta completezza della informazione.
    E’ necessario non comprare più i giornali, bisogna pretendere che l’editoria non sia più finanziata con soldi pubblici, bisogna pretendere che sia cancellato il duopolio RAI-Mediaset con la regola che nessun soggetto pubblico o privato può possedere più di una emittente nazionale, con una RAI che vende due canali e ne mantiene uno solo senza pubblicità (e il direttore generale con tutti i poteri viene eletto dai cittadini, che pagano il canone, ogni 5 anni in concomitanza con le elezioni politiche).
    Senza queste misure di elementare democrazia e di bilanciamento dei poteri di informazione, la barzelletta sul “popolo sovrano” resterà tale.
    Paolo De Gregorio

  • Aironeblu

    L’articolo di Debora è tutto corretto, Berlusconi è “ridisceso in campo” dopo la revoca della sua squalifica da parte dell’eurocricca, con l’obbiettivo di contrastare il M5S in pericolosa ascesa, nonchè per frammentare l’elettorato ancora votante e garantire l’ingovernabilità con conseguente accordo “tecnico”. Io credo comunque che nonostante queste mosse il M5S sarà il partito di maggioranza.

  • Truman

    Informazione di servizio: si possono ricopiare i post dei forum in formato html e ripostarli qui in modo che siano formattati (meglio non esagerare con i repost). Un esempio.
    ——

    l’omissione: l’arma più subdola della comunicazione –

    di Paolo De Gregorio, 10 gennaio 2013

    Quei paraculi al soldo dei padroni di giornali e TV (escluso il Fatto Quotidiano), che credono di essere giornalisti, sempre pronti a parlare genericamente di populismo e antipolitica per la gioia di chi li tiene al guinzaglio, compatti come un sol uomo, omettono di dare la migliore notizia degli ultimi anni, tutta a favore di una buona politica, che vede esponenti del M5S restituire buona parte del loro stipendio di deputati regionali.

    Il capogruppo Cancelleri e gli altri 14 deputati del M5S, eletti nella regione Sicilia, hanno girato tramite bonifico sul conto corrente generale della ARS (assemblea regionale Sicilia) oltre 123.000 euro, trattenendo per sé 2.500 euro più rimborsi spese documentati, relativi alla mensilità di dicembre. Hanno rinunciato all’auto blu di spettanza al vicepresidente (Antonio Venturino del M5S). Il M5S si è impegnato a restituire mensilmente queste somme, fino all’approvazione di una nuova legge che prevede la retribuzione di 5.000 euro lordi per ogni deputato (al posto degli attuali 15.000 euro).

    Le somme parcheggiate nel conto corrente dell’ARS sono destinate a finanziare un progetto di microcredito a favore di piccole imprese.

    A questa iniziativa, chiaramente populista e di antipolitica, bisogna aggiungere il rifiuto di incassare il rimborso delle spese elettorali (leggi finanziamento pubblico ai partiti), sempre per le ultime elezioni siciliane, quantificato in 1.426.000 euro.

    L’unico partito che dimostra con fatti concreti e inediti di non essere in politica per soldi, né per carriera (in quanto gli aderenti al movimento si impegnano a priori a smettere dopo due legislature), per i nostri grandi giornalisti non merita una riga di stampa, applicando l’arma più micidiale a disposizione della disinformazione, che è l’OMISSIONE delle notizie sgradite, anche se la deontologia professionale della categoria prevederebbe la assoluta completezza della informazione.

    E’ necessario non comprare più i giornali, bisogna pretendere che l’editoria non sia più finanziata con soldi pubblici, bisogna pretendere che sia cancellato il duopolio RAI-Mediaset con la regola che nessun soggetto pubblico o privato può possedere più di una emittente nazionale, con una RAI che vende due canali e ne mantiene uno solo senza pubblicità (e il direttore generale con tutti i poteri viene eletto dai cittadini, che pagano il canone, ogni 5 anni in concomitanza con le elezioni politiche).

    Senza queste misure di elementare democrazia e di bilanciamento dei poteri di informazione, la barzelletta sul “popolo sovrano” resterà tale.

    Paolo De Gregorio

  • Aironeblu

    Bravissima Debora ancora una volta! Berlusconi, che è uno degli uomini più potenti del nostro paese, viene mosso da poteri ben più forti come una pedina per portare avanti il piano di privatizzazione dell’Italia. A novembre 2011 è bastata la telefonata della culona inchiavabile per farlo desistere da 20 anni di arroccamento sulla poltrona di palazzo Chigi, e un anno dopo gli viene tolta la revoca dalle funzioni politiche e lo si rimette in campo con i due obbiettivi indicati da Debora: togliere voti a Grillo, e frammentere l’elettorato in modo da garantire una situazione di ingovernabilità e aprire la strada al Monti 2. Esattamente quanto ho sostenuto anch’io il mese scorso discutendo su questo sito del ritorno di Berlusconi. Forse con questa mossa si riuscirà a frenare la corsa del M5S, ma il fatto di entrare in parlamento, anche all’opposizione, sarà già un bel risultato.

  • Truman

    Marcello Foa – Evviva, Monti perde colpi

    Mario Monti perde colpi: solo uno sprovveduto avrebbe accettato di presentare tre liste alla Camera, di cui due capeggiate da Fini e Casini per una ragione ormai chiara a tutti: divisi si perde.

    Solo una persona molto piena di sé avrebbe fatto questa scelta pur sapendo che la lista Monti è stimata al 6,7% (sondaggio Sky) e in continua perdita di consensi, proprio da quando Egli ha deciso di “salire in politica”.

    Solo una persona molto supponente avrebbe deciso di intraprendere una campagna elettorale contro un politico mediocre come Bersani, ma sostenuto dalla macchina da guerra elettorale dell’ex Pci ora al servizio del Pd, e da un politico che ha oscillato molto negli ultimi tempi, prima di prendere una linea chiara, come Silvio Berlusconi, ma che in campagna elettorale da sempre dà il meglio di sé, riuscendo, anche oggi, a fiutare gli umori e le aspettative di un’Italia borghese.

    Ma Mario Monti in queste ore sta mostrando il suo vero volto, la sua vera indole, il suo vero spessore intellettuale; ignorando anche i consigli dei propri familiari e deludendo persino le aspettative degli ambienti europei (riecheggiati da Economist e Financial Times), ambienti a cui da sempre appartiene e che lo volevano ancora tecnico, per meglio (ri) piazzarlo al timone dell’Italia dopo le elezioni. Quello era il piano, che ora sta saltando perché Mario Monti, non ascolta più nessuno, se non il proprio ego, la propria insaziabile ambizione, forse accecato dai fasti e dalla rappresentazione del potere politico, e, come ogni persona priva di saggezza, si sopravvaluta.

    In gioco, in queste elezioni, non c’è solo lo spread, c’è la democrazia; anzi, quel che resta della democrazia, della sovranità popolare, dei valori espressi dalla Costituzione. E che Monti mira a scardinare del tutto per trasferirli a un’Europa costruita non sul consenso popolare ma su quello delle élite e con modalità che sono autoritarie, sebbene non dichiarate.

    Ecco perchè gli errori che Monti sta commettendo, assecondando la sua innata arroganza, sono un’ottima notizia. Avanti così, Mario !

    Marcello Foa

    Fonte: http://blog.ilgiornale.it/ [blog.ilgiornale.it]

    Link: http://blog.ilgiornale.it/foa/2013/01/06/evviva-monti-perde-colpi/ [blog.ilgiornale.it]

    6.01.20123

  • Romano_il_Mancino

    Concordo con pasqui: NON ANDATE A VOTARE!!!

  • robotcoppola

    La mia impressione invece è di un movimento ancora acerbo che sta cercando una strada alternativa a quelle proposte dai SERVI del sistema o da chi ha o crede di avere soluzioni per uscirne.

    Non può esserci ordine e linearità in quanto è un movimento SENZA gerarchia e nello stesso tempo senza strumenti per autogestirsi.

    La piattaforma web di cui si è più volte parlato NON è ancora pronta. Trattasi di uno strumento CHIAVE sia per l’autogestione interna che per le proposte dal basso di nuovi punti del programma o sue integrazioni.

    Effettivamente in questo momento un po di casino c’è, non per niente banalità come favia e salsi sono diventati problemi non da poco che hanno causato danni d’immagine.

    Però se ci rifletti un pò, non puoi pensare di avere da subito le idee chiare in un movimento dal basso, senza gerarchie interne, nato nel 2009 come proposta locale e esploso 7 mesi fa alle amministrative.

    Dal mio punto di vista ci sono OTTIME basi per una sua evoluzione nei prossimi mesi/anni, soprattutto dopo che avrà acquisito gli strumenti per autogestirsi e quindi rendersi indipendente da grillo/casaleggio, non perché siano dei cattivoni ma perché è necessario farlo.

    Riguardo il tempo, non tutto è ancora perduto. Possiamo recuperarne con la prossima battaglia. Anche avere un buon numero di parlamentari in grado di fare una forte opposizione ai CRIMINALI/PARASSITI/CIALTRONI sarà di vitale importanza.

    Poi, ovviamente, dipenderà tutto da noi, in quanto la guerra continuerà e se lasceremo il movimento abbandonato a se stesso senza interagire/proporre/fare allora vorrà dire che quel tempo non servirà a niente e saremo destinati a soccombere.

  • albsorio

    “A novembre 2011 è bastata la telefonata della culona inchiavabile per farlo desistere da 20 anni di arroccamento sulla poltrona di palazzo Chigi”—- credo che abbia influito il -15% dei titoli azionari Mediaset subito in una sola seduta, forse usando HFT.

  • tzeentch

    La cosa che più mi sconcerta è che molti non focalizzano un punto importante, a questo punto della nostra storia è chiaro senza alcuna ombra di dubbio che chi ci governa è al soldo di interessi esterni e interessato alla conservazione dei privilegi acquisiti, anche a costo di affondare tutto il paese, quindi in vista della contesa elettorale la scelta è semplice o ti suicidi votando questa marmaglia di Quisling (consapevoli o meno poco importa) o rischi un salto nel buio con il M5S non c’è altro da considerare. Per quelli che pensano che l’astensione sia la scelta più saggia, segnalo che alle elezioni U.S.A. 2012 ha votato circa il 55% degli elettori e non ho notato nessuno sconvolgimento del panorama politico locale.

  • marcello1991

    spero tu abbia ragione

    ciao

  • Firenze137

    Secondo me che sta venendo fuori il vero volto di Monti è vero, ma non sembra che questo provochi “REAZIONI” degne di nota.

    L’unica reazione DEMOCRATICA percorribile è quella di votare un movimento – sicuramente con qualche ombra – ma dove la materia prima, il tessuto connettivo, l’epitelio comune è fatto di BRAVA GENTE e questo è il M5S.

    Si critica Grillo perchè sarebbe una specie di despota. Si può non essere d’accordo con alcune o molte delle sue scelte ed esternazioni. Però la BRAVA GENTE che costituisce al 99% il Movimento 5 Stelle RIMANE come dato di fatto ed una volta in Parlamento la BRAVA GENTE rimarrà tale.

    Più sarà la BRAVA GENTE in PArlamento più avremo speranza che qualcosa cambierà.

    Dare anche 1 solo voto a quelli che si sono svenduti il nostro Paese – tutti d’accordo Destra + Sinistra da oltre 20 anni …– oppure non andare a votare e secondo me è un delitto che ricadrà su tutti noi compresi i nostri figli.

    Ribadisco anche se nel M5S ci sono delle ombre (come è naturale, come è fisiologico perchè siamo uomini ed il Sistema corrotto e prevaricante si difende e non è tenero con nessuno ) al momento il M5S è l’unica speranza democratica a portata di mano in tempi rapidi e con effetti immediati. I numeri ci sono secondo me anche per una maggioranza determinante, checchè riportino i giornali con sondaggi fasulli. Pensiamoci bene. Coloro che chiedono il non voto specifichino a cosa serve non andare a votare. A protestare ? bene di proteste ce ne sono 100 al giorno. A che servono le proteste e gli striscioni ? A farsi vedere al TG1 di sistema ? E poi ?

    Riflettiamo bene prima di sprecare il nostro voto. Il voto è oggi la sola arma democratica che abbiamo. Se no ci sono le altre, ma Dio non voglia..

  • Firenze137

    **** Ripeto il post perchè mi ha dato errore e non lo ritrovo ****

    Secondo me che sta venendo fuori il vero volto di Monti è vero, ma non sembra che questo provochi “REAZIONI” degne di nota.

    L’unica reazione DEMOCRATICA percorribile è quella di votare un movimento – sicuramente con qualche ombra – ma dove la materia prima, il tessuto connettivo, l’epitelio comune è fatto di BRAVA GENTE e questo è il M5S.

    Si critica Grillo perchè sarebbe una specie di despota. Si può non essere d’accordo con alcune o molte delle sue scelte ed esternazioni. Però la BRAVA GENTE che costituisce al 99% il Movimento 5 Stelle RIMANE come dato di fatto ed una volta in Parlamento la BRAVA GENTE rimarrà tale.

    Più sarà la BRAVA GENTE in PArlamento più avremo speranza che qualcosa cambierà.

    Dare anche 1 solo voto a quelli che si sono svenduti il nostro Paese – tutti d’accordo Destra + Sinistra da oltre 20 anni …– oppure non andare a votare e secondo me è un delitto che ricadrà su tutti noi compresi i nostri figli.

    Ribadisco anche se nel M5S ci sono delle ombre (come è naturale, come è fisiologico perchè siamo uomini ed il Sistema corrotto e prevaricante si difende e non è tenero con nessuno ) al momento il M5S è l’unica speranza democratica a portata di mano in tempi rapidi e con effetti immediati. I numeri ci sono secondo me anche per una maggioranza determinante, checchè riportino i giornali con sondaggi fasulli. Pensiamoci bene. Coloro che chiedono il non voto specifichino a cosa serve non andare a votare. A protestare ? bene di proteste ce ne sono 100 al giorno. A che servono le proteste e gli striscioni ? A farsi vedere al TG1 di sistema ? E poi ?

    Riflettiamo bene prima di sprecare il nostro voto. Il voto è oggi la sola arma democratica che abbiamo. Se no ci sono le altre, ma Dio non voglia..

  • vraie

    io vorrei “lavorare” perchè la “predizione” NON si averi, ma purtroppo non riescoa vedere alcuna possibilità … PENSA CHE IL MIGLIORE MI PARE bERLUSK!

  • vraie

    SONO D’AVVORDO, …. chi cicontrolla e decide dimostra di essere “molto preparato” nel farlo … se all’orizzonte vedessereo apparire un candidato pericoloso … farebbero tornare la monarchia

  • robotcoppola

    Il fatto che berluschino sia parte del problema, essendo uno dei padri, ti dovrebbe aiutare verso opzioni nuove e vedere quello che succede 🙂

  • Truman

    Veramente c’erano due copie di questo post sotto quello mio (una l’ho tolta).