Home / ComeDonChisciotte / DIETRO LE QUINTE DELLA SECONDA GUERRA FREDDA
14046-thumb.jpg

DIETRO LE QUINTE DELLA SECONDA GUERRA FREDDA

FONTE: ZEROHEDGE.COM

All’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, lo scorso settembre, il Presidente Obama fece riferimento alle tre minacce globali più significative: Ebola, messa in cima alla lista, seguita dalla “Aggressione russa in Europa” e al terzo posto mise la minaccia rappresentata dal gruppo estremista dello Stato islamico.

John Kerry è riapparso un’altra volta.

Il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, ha detto che il Segretario di Stato americano lo ha invitato a “non dar retta” a una dichiarazione fatta dal Presidente Obama, quando disse che la Russia era inclusa nella lista delle principali minacce globali. Dato che Kerry sta cercando cooperazione da parte della Russia, per l’Iran e per la penisola coreana, ha detto a Lavrov di“non dare importanza” a quello che ha detto Obama.

Per il modo in cui si sta dissolvendo la credibilità della politica estera USA, lasciamo che sia lo stesso Lavrov a concludere: “è irriverente ha spararo “non si addice ad un paese tanto potente assumere un atteggiamento così commerciale – che guarda ai suoi partner solo come consumatori quando ne hanno bisogno, chiedono aiuto, e quando non serve niente, chiedono di obbedire”

Da RT ,

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha riferito che il Segretario di Stato USA, John Kerry, lo ha chiamato chiedondogli di “non dare nessuna importanza” a una dichiarazione fatta dal Presidente Obama, nella quale includeva la Russia in una lista delle principali minacce globali.

All’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, lo scorso settembre, il Presidente Obama fece riferimento alle tre minacce globali più significative: Ebola, messa in cima alla lista, seguita dalla “Aggressione russa in Europa” e al terzo posto mise la minaccia rappresentata dal gruppo estremista dello Stato islamico.

E RBTH aggiunge,

“La prima volta che mi sono reso conto delle minacce che il Presidente Obama si era preso la libertà di fare è stato quando parlai all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Qualche tempo dopo, parlando con John Kerry, pochi giorni fa, gli chiesi che cosa avesse voluto dire esattamente il Presidente e lui mi rispose:Lascia perdere”.

“Disse – forget about it- lascia perdereperché in quel momento aveva bisogno di discutere di come avremmo potuto coordinare insieme l’approccio per la risoluzione del [problema del] programma nucleare iraniano e della situazione nella penisola coreana “. Questo è quanto ha detto Lavrov nel corso di una normale ‘seduta di governoalla Duma di Stato di mercoledì scorso.

«Vedete, è una cosa sconveniente per una grande potenza assumere un atteggiamento tanto consumistico verso i suoi partner. Quando ne hanno bisogno, chiedono di essere aiutati, e quando non gli serve niente, chiedono essere obbediti», ha concluso.

* * *

La foto in alto non rende esattamente quell’atmosfera di insofferenza creata dai progetti del guerra-freddismo di Obama verso il mondo esterno e che scarica tutti i suoi “costi” sull’ Europa !!

Sembra dire: Non fare stupidaggini !!


* * *

Ancora una volta il ‘Presidente Flessibile’ ha alzato la sua testaccia… ecco i sottotitoli immaginari su quello che potrebbero essersi detti l’altra settimana:

Obama:Allora, che te ne è parso di come ho presentato la parte dei “costi ?? Ti è sembrato che abbia esagerato? …. Dai, che ce la potranno fare !!”

Vladimir: “Sei stato fantastico. Veramente flessibile, e così persuasivo …. Quasi quasi ci credevo anch’io: Grande gioco amico mio !!!”

Fonte: http://www.zerohedge.com

Link : http://www.zerohedge.com/news/2014-11-19/meanwhile-what-really-taking-place-behind-second-us-russian-cold-war

19.11.2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • mystes

    Vi è una minaccia ancora più grave: quella degli Stati Uniti in guerra col mondo intero.

  • lucamartinelli

    solo  questione di tempo, purtroppo. Ma almeno assisteremo alla fine dei criminali yankee….almeno spero…prima di morire per le radiazioni…..

  • albsorio
  • Hadrian

    La più grande minaccia per l’ umanità sono gli USA nazione dominata da una casta perfettamente sovrapponibile a quella della defunta USSR. 

  • makkia

    Mah. Ci sono ovviamente somiglianze, ma le differenze sono ancora di più (una fra tutte: i sovietici allora e i russi oggi non hanno nessuna voglia di "premere il pulsante")

  • Highlangher

    Cosa mi fa dormire tranquillo? La forza della grande madre russia, in mano a un grande padre della patria come Putin. Nessun occidentale potrà mai capire il tipo di orgoglio che muove i russi. Dovete viverci per capirlo. Allora si impara il rispetto per questo popolo forte e fiero fino al martirio. Gli amerikani che vivono di debito e guerre un giorno impareranno a non importunare il grande orso bianco. Punto.

  • polidoro

    In fondo (ma proprio in fondo) Obama ha detto la Verità:

    tre minacce:

    Ebola : prodotto americano (come AIDS, Sars, Suina)
    Aggressione alla Russa in Europa : prodotto americano (Vietnam, Iraq, etc.)
    Isis :
    prodotto americano

    Tre minacce, un comune denominatore. Gli darei un altro Premio Nobel per la Pece.

  • rbk

    Conoscendo la pervicace convinzione degli Usa di essere in grado di
    tracciare linee rette su di un mappamondo, mi sembra evidente, anzi
    direi auspicabile o per lo meno tranqulizzante, che questi soggetti
    dell’isis siano solo uno "strumento" utile a tracciare parte di quella
    linea retta che inizia a Kuwait city,passa per l’Ucraina ed arriva ad
    helsinky (la Svezia è neutrale) e che Purtroppo rappresenterà il Nuovo Muro del terzo Millennio.

    Meglio definito come Nuovo Ordine Mondiale.

    peccato che i giovani nativi digitali dovranno rivivere tutto ciò e senza sapere nulla di ciò che è successo durante la generazione precedente.

    Teoria protetta da ©, liberamente riproducibile sul web citando la fonte (geniale) (:D>
    Ogni diritto su radio tv e giornali è vietato.