Home / ComeDonChisciotte / DIECI RAGIONI PER CUI WASHINGTON BRAMA LA GUERRA
14517-thumb.jpg

DIECI RAGIONI PER CUI WASHINGTON BRAMA LA GUERRA

DI RON HOLLAND

thedailybell

La guerra è semplicemente l’estensione della politica attraverso altri mezzi” – Carl von Clausewitz

Le elite politiche, la Federal Reserve e le lobby che realmente conducono lo show nascondendosi dietro il Congresso e il presidente di qualsiasi partito americano sembrano essere spaventati per diversi motivi. Temono giustamente per il loro futuro politico così come per i profitti e la sopravvivenza della maggiori corporazioni internazionali ed interessi bancari che attualmente sorreggono la leadership politica e di regime.

Mai la nostra nazione, le corporazioni e i detentori dell’1% della ricchezza globale si sono trovati a fronteggiare così tante minacce che minano la crescita dei loro poteri e l’incremento della propria ricchezza. Anche se ci sono abbastanza colpe e sbagli da considerare, molte di queste minacce non devono essere realmente imputabili ai nostri leader politici od economici ma piuttosto essere considerati il risultato del cambiamento repentino che influenza il mondo di oggi.

I teorici della cospirazione preferiscono vedere il mondo in bianco e nero senza alcuna sfumatura di grigio e semplificare il tutto criticando società segrete o lobby per ogni problema ma io credo che la reale situazione sia alquanto più complicata. Ma ogni individuo dovrebbe capire che l’America libera in cui tutti noi siamo cresciuti è morta da tempo e seppellita e che solo le istituzioni e gli slogan sono rimasti a cullare l’opinione pubblica fino all’apatia e all’accettazione.

La nostra America non esiste più.

Di certo, le cospirazioni esistono e grazie al lavoro di Edward Snowden, sappiamo che l’America svolge veramente una sorveglianza globale raccogliendo dati, torturando e spiando tutto il mondo. Credo però che questo sforzo sia più diretto al controllo di personaggi potenti, politici interni e stranieri chè al prendere di mira gli indifesi cittadini americani che sono in disaccordo con le decisioni politiche, una situazione spaventosa per ciò che un tempo era considerato simbolo di libertà da tutto il mondo.

Ma come diceva Dorothy al suo cane, Toto, nel classico film de “Il Mago di Oz”, “ho la sensazione che non ci troviamo più in Kansas”, anche noi non siamo più nell’America dei nostri padri fondatori. Il vero capitalismo ed i mercati liberi semplicemente non esistono più. Una manciata di potenti lobby manipolano i mercati, la moneta legale è un franchise redditizio e stiamo provando a sorvegliare e controllare tutto il mondo per mantenere la nostra posizione di leadership ottenuta alla fine della seconda guerra mondiale.

Oggigiorno sei un pazzo ad aver fiducia in ciò che il governo o la stampa spacciano per vero, chiaro ed imparziale, essendo tutto ciò puramente propaganda. Le organizzazioni governative esistono solamente per proteggere le industrie predilette e non il pubblico, il nostro sistema legale è uno scherzo e tutte le guerre combattute per la democrazia sono solo espedienti per saccheggiare altre nazioni, guadagnare ed accaparrarsi risorse naturali.

Tutti i governi fanno propaganda e i notiziari mainstream spacciano i piani segreti e le politiche al pubblico. Ma il mondo di oggi e specialmente gli Stati Uniti stanno fronteggiando nuove sfide non simulate o previste in precedenza e qua stà il problema ed il rischio per la nazione e per i cittadini.

La guerra potrebbe essere l’unica soluzione rimasta alla nostra elite politica per sopravvivere e prosperare.

Come ha chiaramente affermato Clausewitz, “la guerra è semplicemente l’estensione della politica con altri mezzi,” e la nostra leadership e le lobby che vi si nascondono dietro vogliono proseguire con le politiche e con le azioni che hanno fruttato loro tanta ricchezza e potere. Pensate per un attimo alle minacce che stanno fronteggiando in patria e all’estero e a come una seria ma ridotta guerra potrebbe risolvere o rimandare la maggior parte dei problemi e delle minacce che attanagliano la base del loro potere.

Ci sono due problemi con la soluzione armata. Prima cosa, mentre può essere loro maggior interessere garantire la propria sopravvivenza, la guerra sarebbe dannosa per i nostri militari, soldati e civili così come per l’economia, la ricchezza individuale e le libertà restanti. Secondo, non c’è garanzia che una vera guerra una volta iniziata resterebbe circoscritta. Credo che entrambe la grandi guerre siano esempi storici di come i piani per guerre ridotte possano tramutarsi in seri conflitti uccidendo decine di milioni di persone, tutto questo a causa di politici avidi di potere e legalizzato da interessi economici. Rammentate questa classica citazione sulla guerra:

Nessun piano di battaglia sopravvive allo scontro con il nemico

-Helmuth von Moltke, stratega militare tedesco.

Le guerre si iniziano facilmente, radunando il patriottismo, ma sono difficili da portare a termine.

“Naturalmente la gente comune non vuole la guerra: neppure la Russia, né l’Inghilterra e neanche la Germania. Questo è ovvio. Ma, dopotutto, sono i leader dei paesi che ne determinano le politiche e che riescono a coinvolgere le persone, sia in democrazia chè in dittatura fascista o comunista. Voce in capitolo o no, la gente può sempre essere spinta a puntare sui politici. E’ facile. Tutto ciò che devi fare è dire loro che sono stati attaccati, e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo ed esporre il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in tutte le nazioni.”

⁃ Hermann Goering al processo di Norimberga.

1. Le guerre possono portare una crisi e fornire una giustificazione per proseguire con l’emissione di debito sovrano ed espandere la valuta per tutta la durata del conflitto.

2. La guerra permette ai politici di incolpare la Russia e la Cina per l’imminente fine del dollaro come valuta mondiale così come l’incombente crisi di dollaro e debito.

3. La Federal Reserve e il suo cartello bancario hanno veramente distrutto l’occidente attraverso l’eccessiva emissione di debito, creazione di moneta e prestito. Una guerra permetterebbe di addossare la colpa alle nazioni nemiche.

4. La guerra permetterebbe agli Stati Uniti di riottenere il controllo sull’Unione Europea, sulle singole nazioni europee e sulla NATO. Oggi, la Germania, la Francia ed altre nazioni stanno spingendo a supporto delle politiche americane e ai piani di guerra riguardanti l’Ukraina.

5. La guerra soffocherebbe i movimenti di secessione in Spagna e Scozia, Grecia e Italia che mirano ad uscire dall’ Unione Europea e dalla moneta comune.

6. Una guerra fornirebbe agli USA la scusa per stabilire di nuovo il controllo elitario sulle notizie ed opinioni divulgate da organizzazioni straniere e da fonti alternative sul web.

7. Una guerra contro Russia ed Iran ci proteggerebbe dalla competizione con petrolio e gas russi ed iraniani e al tempo stesso ci permetterebbe di controllare la produzione del medio oriente, continuando con il sistema del petroldollaro per gli anni a venire.

8. Come in entrambe le grandi guerre, una guerra più importante permetterebbe al governo di metter fine a tutti i movimenti politici interni e agli avversari eccetto per quelli “approvati” da entrambe le parti.

9. Una guerra vinta contro gli alleati della Cina rallenterebbe la sua scalata al potere globale a causa dell’eventuale ripresa di quest’ultima.

10. Per ultimo, in tempo di guerra, i politici possono sempre farla franca attaccando le libertà del cittadino, libertà di stampa e confiscare ricchezza ad un livello non concepibile in tempo di pace e qua sta l’ultima minaccia alla maggioranza del popolo americano. I piani per un falso attentato, con cui far vivere i cittadini nel terrore, non funzionerebbero più oggigiorno dopo 14 anni dall’11 settembre.

Ma una guerra reale fornirebbe la scusa per confiscare il tuo oro ed il piano pensionistico in eccesso e beni IRA, ridurre o limitare i tuoi benefit sociali, drammaticamente innalzare le tasse ed istituire controlli di scambio totali limitando le tue libertà e capacità di resistere per tutta la durata della crisi. Parlerò di guerra, conflitti e del perché dovreste avere un rifugio sicuro dove risiedere al prossimo High Alert Investment Management Conference a Maggio.

Spero di sbagliare che la guerra sia la soluzione scelta a causa dei molti sbagli di Washington. Guardate cosa accade in Siria, Iraq e in Ucraina nel prossimo anno ed avrete la risposta. Ma uno dei nostri padri fondatori certamente farebbe di meglio che permettere ad una guerra o ad una crisi ad essa legata
di soverchiare una buona leadership ed il buon senso.

“Coloro i quali che rinuncerebbero a libertà essenziali per ottenere una sicurezza temporanea non meritano né libertà né sicurezza” – Benjamin Franklin.

Ron Holland

Fonte: www.thedailybell.com

Link: http://www.thedailybell.com/editorials/36116/Ron-Holland-10-Reasons-Washington-Has-War-Fever/

27.02.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di LORD DIEGO

Pubblicato da Truman

  • albsorio

    Questa guerra, se ci sara portetera all’estinzione il genere umano, amen.

  • Ercole

    Dal momento che tutta l’economia mondiale è in crisi , tutti gli stati imperialisti protendono per la guerra e non solo gli U.S.A.  per poi far ripartire un nuovo ciclo di accumulazione naturalmente le conseguenze  e gli sviluppi di uno scontro bellico  non si possono prevedere . 

  • Neriana

    Nell’articolo si dice " La nostra America (quella dei padri fondatori) non esiste piu’. Invece  l’America di oggi è solo la continuità  di quella terra sottratta dagli europei agli indiani, ( relegandoli nella riserve) europei che oggi si chiamano americani. La Costituzione Americana i costituenti avevano stabilito che «a tutti gli uomini (wasp  , White Anglo-Saxon Protestano ndr) è riconosciuto il diritto alla vita, alla libertà, e al perseguimento della felicità . Per raggiungere questa felicità ( che signfica benessere economico) ,l’economia americana è stata impostata sul modello economico del " Laissez faire" quel Laissez faire che ha permesso l’uso degli schiavi neri, le guerre, la privatizzazione della moneta, la capacità di stampare il fiat money,e la violazione di tutti gli accordi internazionali. Non esiste quindi un prima ed un dopo. In America hanno sempre convissuto sia Paperone che Rockerduk, e oggi Rockerduck è preponderante . Ovviamente l’America brama la guerra perchè la guerra non solo afferma la potenza americana, non piu economica, ma sopratutto perchè il campo di battaglia delle guerre americane non è mai in America, ed il campo di battaglia se oggi è in MO ed in Africa, domani sarà sull’Europa e sulla Russia. 

    Il punto di vista americano è comprensibile, ma bisogna  capire se è anche sostenibile, o se non sarebbe meglio fare entrare anche l’economia americana in quel nuovo soggetto economico che si chiama Eurasia che si sta costituendo, creando un multipolarismo che potrebbe essere mutuale ed interessante anche per l’economia americana stessa. Insommabisogna cambiare il patto narrativo che ha condizionato l’economia occidentale negli ultimi secoli verso qualche cosa di nuovo e di realmente globale. La parola globale non piu come gioco di un mondo della finanza speculativa sorretto dall’unipolarismo armato americano, ma globale inteso come mutuale con le altre Nazioni.
  • adriano_53

    allarmi sempre più frequenti dalla galassia finznziaria.

  • Blackrose4400

    In questo articolo si parla dell America e degli altri paesi nemici come di entità separate, in collisione tra loro. Ciò che spesso si dimentica è che c’è sempre una sola mano dietro a tutto. Una sola. O più persone che decidono quale linea seguire. Nella seconda guerra mondiale, ad esempio, Hitler fu totalmente finanziato dagli alleati, e tutte lecorporation inglesi e americano ricavarono grandi profittidalla guerra. Infatti furono molteplicible volte in cui Hitler propose la pace a Churchill, ma questi rifiutò sempre, poiché la guerra doveva continuare il più a lungo possibile. Fu così anche al tempo di Napoleone, dove la famimiglia Rotschilde finanziava sia gli inglesi, sia i prussiani, sia gli austrici e sia i francesi. Proprio grazie a quelle guerre divennero la famiglia piu potente del mondo. 

    Oggi siamo nella solita situazione. Paperone e Rockerduck hanno deciso di cambiare l ordine mondiale, e per farlo faranno scoppiare una guerra, forse la piu terribile di sempre. Alcuni americani o russi, che adesso sono ai vertici della piramide nei loro rispettivi paesi, cadranno in disgrazia a seconda di chi vincerà o perderà la guerra, ma Paperone e Rokerduck, che l hanno aizzata la guerra, ne usciranno illesi, arricchiti, più potenti di prima. Caro Ron Holland, mi dispiace disilluderti ma è già tutto deciso. 
    L unica cosa che mi preoccupa è che se questa volta scoppia una guerra del genere WWII, l obbiettivo dei magnati di Paperopoli, questa volta, è di decimare significativamente il genere umano. 
  • luiginox

    chi garantisce che la guerra  resti circoscritta alle zone del pianeta che loro desiderano?che l’uso degli armamenti non arrivi fino all’impiego delle testate nucleari multiple?che qualche vivente sopravviva?questo ron holland  mi pare che abbia il paraocchi e una serie di tabù mentali.li rovinano già da piccoli in america e poi non si possono più riprendere