Home / ComeDonChisciotte / ADDIO SALSICCIA
13862-thumb.jpg

ADDIO SALSICCIA

greekcrisis.fr

L’avevo incontrato nel 2011 in Piazza della Costituzione. Allora la sua presenza era sempre fedele, soprattutto tra i manifestanti. Dopo oltre due anni, come si suol dire, si era ritirato dalla circolazione. Giravano voci sul suo stato di salute “abita con qualcuno che si prende cura di lui, sull’isola di Evia si disse per un . La sua morte avvenuta a Atene questa settimana.


Uno dei manifestanti più conosciuti

La Grecia del Memorandum, poi fu travolta da una serie di riforme calibrate per renderla competitiva”, misure di austerità che sono solo una variante della dottrina Shock e dell’irrefrenabile ascesa del capitalismo dei disastri. Era l’ora degli scioperi a ripetizione e i manifestanti, che erano tanti al tempo degli Indignados” nell’ estate 2011, subirono violente soppressioni davanti al Parlamento e a Piazza della Costituzione (Syntagma). Come lui.

Tutto il pianeta imparò a capire che allora, sotto il Partenone, faceva veramente un tempo da cani. Loukánikos (salsiccia o come l’hanno chiamato sui giornali), il canemanifestante, per questo divenne famoso, come punto di riferimento. Per Loukánikos, e forse ancora di più per noi, la situazione è diventata insostenibile.

Il quotidiano Avgi” (SYRIZA), ha annunciato la sua morte giovedi, 9 ottobre, la morte di uno dei nostri adepti emblematici in tempi confusi come questi. Secondo il veterinario che lo seguiva, sembra che la salute di Loukánikos sia notevolmente peggiorata per le grandi quantità di gas lacrimogeni inalati durante le proteste, così duramente represse dalla polizia, come sappiamo.

Loukánikos con i gas della polizia. 2011

Le sue viscere sono state progressivamente distrutte dal gas dalla polizia, ma anche il suo corpo era coperto dalle lesioni delle manganellate della polizia. L’avevamo conosciuto come scrisse la stampa con il soprannomeLoukánikos”, perché non sapevamo che un uomo l’aveva trovato e, in un certo senso, adottato da piccolo e che si chiamava Thodoros.

Ma si fece conoscere con il soprannome da contestatore di strada, che tutto il mondo aveva visto in azione e al nostro cane, avevano reso omaggio BBC, CNN, Al Jazeera e molti altri media mondiali, e di conseguenza fecero vedere al mondo che vita da cani dovevamo fare, insieme a lui, anche noi. La Rivista TIME dichiarò il nostro “salsiccia” personalità memorabile del 2011.

Loukánikos – Salsiccia – nel 2011

Da un pò di tempo non si vedeva più nei suoi soliti posti. In effetti da due anni era tornato a casa dal suo padrone, dove è rimasto fino alla morte. Il suo cuore si è fermato e aveva appena dieci anni. Un giornalista ha informato Petros Katsákos, un corrispondente locale del quotidiano Avgi”, per chiedergli di parlare con l’uomo che aveva nutrito Loukánikos.

Era sdraiato sul divano … poi improvvisamente, il suo cuore ha smesso di battere. Così Thodoros se n’è andato“. Così, la nostra mascotte, eroe di una città che resiste adesso è sepolta da qualche parte a Atene. Non affronterà più la polizia e non potrà nemmeno ricevere più le carezze dei manifestanti.

E in una Grecia, che vive un tempo da cani, giovedi notte, le onde del terzo programma della radio hanno diffuso dei brani di Igor Stravinskij Fedorovich tratti da prove d’orchestra. Forse era un Canticum Sacrum.

Panagiotis Grigoriou

9.10.2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • MarioG

    Un bel canegirico

  • Tao

    C’erano due storie di cani ieri, di cani morti. Uno era Excalibur, cane dell’infermiera spagnola Teresa Romero e di suo marito Javier, prelevato nella casa in cui era rimasto solo perché i padroni di casa erano ambedue in isolamento, e soppresso (si dice così, per i cani) per effetto di una decisione della magistratura, preoccupata di un eventuale contagio dell’ebola. L’altro era Loukanikos, celebre cane dei manifestanti greci, morto precocemente – a 10 anni – secondo il suo veterinario per aver respirato troppi lacrimogeni. Loukanikos (“Salsiccia”, luganiga) era un protagonista di piazza Syntagma ed era istintivamente (si dice così, per i cani) dalla parte dei giovani anarchici e contro le forze dell’ordine in assetto antisommossa.

    Anche per Excalibur sono intervenute ingenti forze antisommossa, per tenere a bada gli animalisti che ne avrebbero voluto salva la vita in cambio di una quarantena. Ci sono state le solite discussioni dei paragonatori, gli uni scandalizzati che ci si addolori per un cane “quando muoiono tanti esseri umani”, gli altri convinti che “i cani sono molto migliori degli uomini”. Il diavolo, orecchie umane e coda di cane, si annida nei paragoni. Io, che sono molto ragionevole e responsabile, avrei sofferto come una bestia (si dice così) se, segregato per una micidiale malattia, non avessi potuto proteggere il mio cagnolino da un mandato di esecuzione.

    Non è solo per la speciale innocenza degli animali: per fare un pezzetto di paragone, l’infermiera ammalata per aver assistito un vecchio morente non è solo innocente, è meritevole di ogni ammirazione e pena, e passa già per una gran seccatrice. E’ perché gli animali dipendono da noi e ci proteggono, e noi li tradiamo, dopo che abbiamo diviso con loro una casa e cento scontri con la polizia.

    Avrei voluto scrivere una poesia per Excalibur e Loukanikos ieri, poi ho pensato che ne sarebbero state scritte a milioni, più belle della mia. Io però avrei usato finalmente a proposito la “Valle Giulia” di Pasolini, e avrei dedicato una terzina anche ai cani poliziotto. Riposino tutti in pace.

    Adriano Sofri

    Fonte: http://www.ilfoglio.it/

    Link: http://www.ilfoglio.it/articoli/vr/121796/rubriche/piccola-posta-sofri-ebola-cani-morti.htm

    11.10.2014

  • clausneghe

    L’Orsa Daniza, poi Exalibur, ora Teodoro detto salsiccia..

    E’ tutto un bestiario che si riflette dentro lo specchio dell’immaginario collettivo di noi bestie umane.
    Vorrebbero insegnarci qualcosa almeno a livello simbolico e forse è per questo che li ammazzano.
    Badate bene, è SEMPRE l’Autorità costituita che li uccide spesso con l’inganno, così come fa del resto con gli anima-li umani portati al macello delle guerre ,tenuti per la cavezza dai trascinatori del Potere, i furbi imbroglioni vaccari del mainstream. 
  • castagna

    Una prece anche per tutti quegli animali che vengono ammazzati per dare da mangiare ai cani.

    Solidarietà anche con tutti quelli che hanno a che fare quotidianamente con merde, pisce e abbai di cani, e spesso aggressioni ( circa 70.000 l’anno in italia).

    Compassione anche con queste povere bestie che vengono geneticamente modificate e snaturate  per essere rese compatibili con le carenze psichiche dei cagnari. Che poi scrivono articoli strappalacrime per giustificare il loro egoismo.

  • spadaccinonero

    quante volte hanno adattato la storia di questo cane?

    una volta il cane anarchico
    poi comunista
    poi patriota 
    poi 
    poi 
    poi 
    siriza?
    VFFNCL
  • Georgios

    Sì, una volta tanto mi trovo d’accordo con Grigoriou.

  • falkenberg1

    Peccato!! Veramente un peccato!! Quella strana gente in divisa, vestita tutta uguale, con scudi, elmetti, maschere, manganelli, non ha capito che il bravo Loukànikos non li minacciava affatto, bensì cantava una bellissima canzone di Frankie H.E. e, nella fattispecie, ”quelli che benpensano”!! ……….che brandiscon manganelli che li levano alle spalle dei fratelli………!! Purtroppo chi va in giro conciato in quel modo difendendo mascalzoni e pestando chi protesta non ha più orecchi per ascoltare ed occhi per vedere!!! Un dubbio resta!! Sicuro che fossero sgherri greci e non quei malscalzoni, delinquenti e con licenza di uccidere della squallidissima e criminogena EUROGENDFOR?? Comunque sia riposa in pace, povero cane!! Condannato a vivere in un mondo di merda popolato di stronzi!!! Sit, tibi, terra levis!!!!!! Adiòs, amigo!!!!!

  • yakoviev

    C’era stato un paio di anni fa  su CDC un altro articolo ( o era un post nei forum?) su questo cane, allora c’erano scontri tutti i giorni o quasi, pieno di tante foto. Qualcuno ne sa qualcosa?

  • Georgios

    Sulla composizione degli sgherri: Erano dei ragazzi, giovanissimi, reclutati in grande numero nel settembre 2010 proprio in vista della reazione popolare e quando cominciarono a farsi sentire gli effetti della disoccupazione.

    Il loro reclutamento e’ stato considerato necessario anche per rafforzare l’apparato repressivo dello stato dopo lo scacco subito a Keratea vicino ad Atene (dove volevano costruire una gigantesca discarica) da parte degli abitanti del luogo. Ne seguirono scene di guerra che la polizia perse in modo clamoroso.

    Questi giovani non avevano impegni famigliari, vivevano coi genitori e, a causa dell’età, ragionavano per lo più con la testa piccola quindi concepivano l’autorità del manganello e della divisa come mezzi della loro affermazione macho. Prendevano 700 euro che per loro era una specie di grossa paghetta che gli permetteva di fare "bella figura" nei caffè (che in Grecia si chiamano "cafeterie" e sono frequentati quasi esclusivamente da giovani).

    Di poliziotti di professione non ce n’erano molti tra le loro fila (a meno di superiori e istruttori fanatici che agivano da alpha nel branco), e ci sono stati anche alcuni episodi di disapprovazione antitroikana da parte di poliziotti in divisa (bruciamento bandiera tedesca davanti al parlamento incluso).

    Per quel che riguarda la presenza della gendarmeria europea, sono stati segnalati degli episodi in cui c’era della gente che si era rivolta a qualcuno di questi robocop che chiaramente non capiva cosa gli dicessero. Ma non si ha informazione di qualche reparto eurogendfor sceso in campo come tale.

    L’uso di agenti privati stranieri in uniforme armati di tutto punto e’ stato più consistente nel caso della miniera d’oro di Chalkidiki (Skuries, Stratoni etc) vicino a Salonicco dove stanno letteralmente violentando una foresta vergine con effetti inimmaginabili per la vita della gente del luogo e dell’ambiente.

  • Georgios

    Ma che anima candida questo Sofri. Voleva scrivere una poesia per Lukànikos.

    Eppure mi ricordo che una volta era molto polemico con le belve. In difesa delle prede naturalmente.

  • Tao
  • Georgios

    Donde proviene tanta conoscenza della vita di Lukànikos? E dei suoi collocamenti politici?

    A me non risulta né un cane anarchico, né un cane comunista e sicuramente né Syriza perché Syriza non si e’ scontrato mai (o quasi mai, comunque per sbaglio) con la polizia.

    A me risulta che questo cane diventato una figura simbolica ha svolto un ruolo dettato dalla sua natura, che e’ quella di proteggere il branco dai pericoli.

    Se per branco intendiamo la gente e per pericoli i robocop spacca-teste allora e’ chiaro che simbolicamente, Lukànikos e’ stato un cane patriota.

    Cosa c’è da ironizzare? E chi mandi VFFNCL? In generale gli "approfittatori"? Bisogna prendere posizione sai.

  • Georgios

    C’è una giustificata confusione tra i cani Kanelos e Lukanikos che si assomigliano parecchio. Il primo era sì un cane detto "anarchico" ma e’ morto attorno al 2008 se mi ricordo bene. Comunque prima della crisi.

    Subito dopo e’ apparso Lukanikos che partecipò alle manifestazioni antitroika.

  • yakoviev

    Si grazie, era proprio quello

  • yakoviev

    Mi sa che queste foto sono di Lukianikos e basta, allora. Fra l’altro mi sembra che abbia collare e targhetta. Non so se in Grecia anche i randagi vengono "targhettati" (in Turchia ai randagi mettono una targhetta all’orecchio), ma quello da l’idea di un cane non randagio, seppur a suo modo "libero"

  • yakoviev

    Pussa via bombardiere guerrafondaio.

  • Elektra

    E’ un tempo da cani questo e Thodoros detto Loukánikos aveva quel portamento da vecchio filosofo.