Home / ComeDonChisciotte / UN PENSIERO ALLA GRECIA: THEODORAKIS PREVEDE GRAVI SCIAGURE

UN PENSIERO ALLA GRECIA: THEODORAKIS PREVEDE GRAVI SCIAGURE

FONTE: FIDESETFORMA (BLOG)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Cari lettori,

scusate se oggi non vi parlo di Chiesa Cattolica e dintorni, ma la grave situazione che si sta creando in Grecia è a mio parere un campanello d’allarme da non sottovalutare. Intendo dire che l’attuale crisi economica che sta conducendo la Grecia verso il fallimento (che sarà indubbiamente evitato dalla Germania, ma solo dopo le elezioni del 9 Maggio) è qualcosa di più di una crisi economica. E’ un progetto di rifondazione del popolo e della Nazione greca, apertamente intrapreso dal Premier Papandreou sin dal suo insediamento nell’ottobre scorso.

Vi invito a leggere ad esempio questo articolo di Panorama che chiarisce chi sono gli attori che si muovono dietro questa crisi e quali siano i loro reali obiettivi . L’establishment greco non ha fatto altro che agevolare l’azione di questi “falchi”, il cui vero obiettivo è stato nitidamente individuato in questo articolo pubblicato ieri dal quotidiano greco TA NEA e scritto dal famosissimo compositore e cantante Mikis Theodorakis.

Quello che accade oggi alla Grecia è, d’altronde, ciò che potrebbe accadere domani all’Italia con i suoi 1.660 miliardi di Euro di debito pubblico…

La culla della civiltà europea è oggi allo sbando. E mentre il governo Papandreou vara leggi che naturalizzano gli immigrati e fanno sempre più illogiche concessioni alla Turchia (che continua a violare lo spazio aereo greco, le acque territoriali greche, la sovranità greca su alcune isole dell’Egeo), rischia di crollare anche il fondamento culturale e identitario dell’Europa, tutto in nome del mondialismo e della finanza internazionale.
Francesco Colafemmina

Mikis Theodorakis

PREVISIONE DI GRANDI SCIAGURE

DI MIKIS THEODORAKIS
tanea.gr

Con l’intelligenza comune di cui dispongo, non posso spiegarmi e ancor più giustificare la velocità con la quale la nostra Nazione è precipitata dal livello del 2009 sino a questo punto, sì da perdere grazie al Fondo Monetario Internazionale una parte della nostra sovranità nazionale e disporci in condizione di tutela controllata.

Ed è strano che nessuno fino ad ora si sia occupato della cosa più semplice, ossia del nostro percorso attraverso numeri e dati da allora sino ad oggi, sì da comprendere anche noi ignoranti le reali ragioni di questo sviluppo improvviso e vertiginoso, che ha come risultato la distruzione della nostra autodeterminazione nazionale e al contempo l’umiliazione internazionale.

Sento parlare di un debito pubblico di 360 miliardi di euro, ma allo stesso tempo vedo che anche molte altre nazioni hanno identici e ancor maggiori debiti. Dunque non può essere questa la causa fondamentale della sciagura. Inoltre è per me problematico il dato dell’esagerazione delle aggressioni finanziarie internazionali che hanno come obiettivo la nostra Nazione, assieme ad una così ben armonizzata sintonizzazione contro una Nazione di scarsa importanza economica. Fatti che suonano sospetti.

Così sono giunto alla conclusione che qualcuno ci ha voluti svergognare e terrorizzare, sì da condurci al FMI, che costituisce il fattore basilare della politica coloniale degli USA, mentre tutte le altre storie riguardo alla solidarietà europea erano solo fumo nei nostri occhi, perché non sembrasse una chiara volontà americana quella di gettarci in una complessa crisi economica, sì da impaurire il nostro popolo, da impoverirlo, da fargli perdere le sue conquiste preziose e alfine metterlo in ginocchio, dopo aver accettato di esser governato da stranieri. Ad ogni modo perché?

Sebbene sia stato e rimanga un sostenitore dell’amicizia fra Greci e Turchi, in questo momento devo dire che mi spaventa questa improvvisa stretta nelle relazioni governative, le relazioni fra ministri ed altri protagonisti dello scenario politico, le visite a Cipro e l’arrivo di Erdogan. Sospetto che dietro tutto ciò si celi la politica statunitense con tutti i suoi sospetti progetti che riguardano la nostra posizione geografica, l’esistenza di giacimenti petroliferi sottomarini, la situazione di Cipro, l’Egeo, i nostri vicini del nord e la posizione tracotante della Turchia, che hanno l’unico impedimento nella sospettosità e nell’opposizione del popolo greco.

Tutti intorno a noi, chi più chi meno, sono legati al carro degli Stati Uniti. L’unica dissonanza siamo noi, che a partire dal regime dei Colonnelli e dalla perdita del 40% di Cipro per arrivare agli abbracci con gli abitanti di Skopia e gli ipernazionalisti albanesi, abbiamo continuamente subito colpi su colpi senza mettere giudizio.

Dobbiamo dunque essere cancellati come popolo e questo è esattamente ciò che sta avvenendo oggi. Invito gli economisti, i politici, gli analisti a smentirmi. Ma credo che non esista nessun’altra spiegazione razionale dell’attuale situazione se non che siamo dinanzi ad una congiura internazionale alla quale hanno partecipato anche gli Europei filoamericani tipo la Merkel, la Banca Centrale Europea e la stampa reazionaria internazionale. Tutti insieme hanno congiurato per “il grande colpo” della degradazione di un Popolo libero al grado di vassallo. Almeno io non posso dare alcun’altra spiegazione. Ammetto comunque di non disporre di speciali conoscenze, ma parlo basandomi sulla mia comune intelligenza. Forse anche molti altri potranno pensarla come me e forse anche questo lo vedremo nei giorni che verranno.

Ad ogni modo volevo preparare l’opinione pubblica e sottolineare che se la mia analisi è corretta, allora la crisi economica (che come ho detto ci è stata imposta) non è altro che il primo calice amaro del banchetto luculliano che seguirà e che questa volta riguarderà i nostri temi nazionali più vitali e critici, e non voglio nemmeno immaginare fino a che punto ci porteranno.

Versione originale:

Fonte: www.tanea.gr/
Link: http://www.tanea.gr/default.asp?pid=2&ct=1&artid=4572050
27.04.2010

Versione italiana:

Fonte: fidesetforma.blogspot.com
Link: http://fidesetforma.blogspot.com/2010/04/un-pensiero-alla-grecia-theodorakis.html
28.04.2010

Traduzione a cura di FRANCESCO COLAFEMMINA

Pubblicato da Davide

  • brumbrum

    “Dobbiamo dunque essere cancellati come popolo e questo è esattamente ciò che sta avvenendo oggi.” Questo non sta accadendo solo a voi…….

  • materialeresistente

    Magari se inizia a chiedere a quelli che lo hanno governato prima come mai hanno taroccato e nascosto i veri dati del loro bilancio si dà una risposta sul casino. Altro che sparizione di un popolo.
    ma come si fa a scrivere un articolo così demente e fascista oltre che razzista?

  • redme

    ..dare del fascista a Theodorakis è offensivo per uno con la sua storia….e poi ti stupiresti se fosse vero quello che dice?….con tutto quello che la nato ha combinato nei balcani….tralasciando la turchia per brevità…..e poi se dovessero far fallire tutti quelli che truccano i bilanci……saluti

  • stendec555

    sono tutte manovre per salvare il dollaro……….saluti dagli usa

  • Kerkyreo

    Confermo ogni riga!!! Tutto esatto!!!

  • buran

    A mio parere Theodorakis si pone domande comuni ma giuste. Ho idea che ci siano dietro motivi diversi, oltre che economici (scaricare la crisi sui più deboli) anche politici: mettere sotto tutela un paese “inaffidabile”, un po’ come era l’Italia anni fa. La Grecia non ha sostanzialmente partecipato alla crociata contro la Jugoslavia, è membro della Nato ma non pienamente affidabile e, soprattutto, ha una sinistra reale ancora forte (sindacati, KKE etc.)

  • duca

    Ma se i titoli della Grecia con un rapporto deficit/pil del 16% ed un indebitamento sul Pil del 125% vengono giudicati “spazzatura”, i T-Bond degli USA, che hanno un deficit/pil dell’86% nel 2009 e andranno al 100% nel 2010, che hanno un deficit/pil oltre il 12% e stampano moneta h24 a fronte di una crescita del PIL negativa… ma che rating dovrebbe dare S&P a questi signori???
    E ricordiamo anche che le percentuali espresse per la Grecia, in termini realti sono “caccole” rispetto allo sconfinato oceano di zeri del debito USA…
    Certo, la Grecia non ha la bomba atomica…

  • castigo

    con la scusa del razzismo te lo stanno mettendo sotto la coda, e tu li ringrazi pure.
    continua così che vai forte 😉

  • amensa

    tutto vero, quanto scrivi, ma questo è UN aspetto della faccenda.
    l’altro aspetto è considerare il popolo greco come un unicum, un blocco omogeneo.
    NON è così. e lo dimostrra la fuga di capitali verso paradisi più o meno sicuri di circa 10 miliardi di euro , solo nell’ultimo mese.
    l’impiegato ch esi vede decurtare lo stipendio da 1250 a 960 euro/mese ha tutte le sacrosante ragioni di incazzarsi,ma si guardi attorno sulle strade quante auto di lusso, quandi suv di lusso circolano ?
    e non sono americani , quelli, sono greci come loro. un pò più evasori, un pò più delinquenti, un poò più sfruttatori, un pò più legati ad una classe politica corrotta e incapace (molto simile in questo a quella italiana).
    e questi individui sono quelli che non hanno mai pagato , o hanno pagato molto menoi del dovuto, o hanno pagato i politici perchè invece di ottenere dei bilanci in pareggio hanno indebitato lo stato.
    questo è l’altro aspetto di questa crisi.
    e dato che da noi , in Italia, non è molto diverso, aspettiamoci simili eventi.

  • sheridan

    Soliti complottisti della mutua, della serie “le sciagure sono sempre provocate dagli altri che sono cattivi”.
    Questi complottisti (dei miei stivali) finiscono con l’essere gli utili idioti che servono a coprire le colpe di chi ha le responsabilita’ vere vale e dire i politici (quelli vicini, non quelli lontani). L’Italia e’ molto vicina a fare la fine della Grecia, ci vorrebbe poco per disinnescare la bomba, se domani tremonti tagliasse le spese di 20 miliardi (prima che sia il mercato a imporlo) salverebbe la baracca e chi gioca al ribasso sulle nostre obbligazioni piglierebbe una bella tranvata. Invece i nostri politici cosa fanno?? Discutono del lodo alfano turbo, 24 valvole, a trazione integrale, intercooler. I fessi cosa fanno invece??? se la vanno a prendere con gli americani, i poteri occulti, i neocon, la germania, fino alla madre di tutte le cazzate: il signoraggio!

  • Zret

    Sono tutte manovre e trame per portare ald una sanguinaria Dittatura mondiale.

  • maristaurru

    Esatto, molti nel nostro Paese sono i casi di piccolissimi e piccoli imprenditori che si è voluto letteralmente fare fallire senza che ve ne fossero i presupposti. Solo con conteggi bancari complessi si è arrivati a stabilire che spesso oltre le solite spese, anatocismo, lucro per valuta, commissioni contra legem e simili amenità, erano state sottratte cifre considerevoli o ci si era “dimenticati ” di accreditare assegni per grossi importi e altrettanto spesso nel momento in cui l’imprenditore era in maggiore difficoltà potevano capitare errori della così detta PA, non che fosse regola questa, ma capitava e capita un po’ tanto spesso, d’improvviso si trovano nell’inferno, e capita per categorie; furono i mobilieri, furono poi i rivenditori auto.. e così via, intere categorie dimezzate e peggio. Rovinati tantissimi soprattutto quando le banche riuscivano liberamente ad arraffare l’arraffabile e venderlo di gran carriera, era un far west che ha fatto molte vittime ed ha impoverito lo Stato, disoccupati, meno tasse da riscuotere, molti poveri che facevano la fila alle mense caritas .. chi sa se quei tomi hanno capito che è da imbecilli creare poveri .. Ma comunque tutta l’Europa si trova rovinata dall’Euro, anche se noi italiani siamo oppressi di più, ma anche questo nodo dovrà venire al pettine prima o poi! A parte questo , l’Italia è non solo un paese ricco, ma quello che spreme più tasse , tariffe e simili, solo che hanno approfittato di un momento di debolezza e grazie allo stallo creato da Mani Pulite, operazione doverosa ma condotta in maniera anomala, hanno ottenuto che si mettesse in mano delle banche private il Paese e si distruggesse l ‘IMI, e già.. l’affare IMI, non nasca a caso, niente avviene per caso specie le privatizzazioni farlocche, ed eccoci qua a leggere la lettera di Thedorakis, un intellettuale greco, uno che la resistenza la ha davvero fatta, non uno che la ha raccontata dopo esser saltato sul suo carro al momento della vittoria, ed uno che non la ha usata per saldare conti privati, nè politici o di partito, ammazzando inermi cittadini, o poveri contadini. Non siamo molto abituati a questo genere di personaggi in italia , quelli che avevamo sono stati per lo più offuscati da giocolieri che giocolando giocolando … ci hanno spesso preso per il naso e se la godono.

  • wld

    Concordo pienamente Zret, Avrei voluto scrivere che anche noi abbiamo le Bombe atomiche, amiamo Obama, relazioniamo con Gheddafi, ci inciucciamo con Putin, e siamo solidali con Israele avrei voluto scrivere che prima del bagno di sangue dell’Italia ci sarebbe in pole position la Spagna, vista la situazione che la Morgan Stanley che dice che ci vorranno almeno oltre i 40 miliardi di €. In caso di worst scene, avrei voluto scrivere che per salvare la Grecia, non bastano 30 miliardi di €. ma almeno 50 o 60, avrei voluto scrivere che non si può creare un precedente altrimenti va in default tutta l’Europpa, avrei voluto dare una risposta al post sopra il Tuo … invece sei arrivato Tu con poche parole hai colto nel segno. Ciao a presto wlady

  • Zret

    Ciao Wlady, hai analizzato la situazione economico-politica in modo esemplare. Il fine è chiaro ed i mezzi sono quelli che stanno usando.

    Ciao

  • Cippala

    Bauman ,Chomsky sostengono che il debito è una dottrina non una questione economica..dottrina per imporre le regole dei padroni del mondo..
    siccome tu sei Sheridan..sei credibile solo per i dementi che vedono il sionista neoliberal Travaglio un eroe.

  • Zret

    Stai delirando. I politici sono responsabili TUTTI o come burattini o come artefici. Infatti tremorti non seguirà il tuo consiglio, perché ha altro in testa.

  • Zret

    Hai ragione.

  • Cippala

    Auriti disse che L’Europa della moneta unica farà la fine dell’Argentina…
    Il signoraggio è una cazzata?..contestare un ideologia lo puoi trovare giusto o no .se vuoi far passare il signoraggio per bufala fai solo figuracce.
    Devi essere corretto..Devi dire io preferisco il sistema delle banche centrali indipendenti..Goditi l’euro..Goditi L’Argentina.

  • Cippala

    Chi vuole spacciare il signoraggio per bufala(cosa impossibile perchè è una critica ideologica) sono gli stessi che dicono che Israele si difende dai terroristi di Hamas.
    Nonostante le prove del nuovo nazismo, gli antisemiti sono coloro che denuciano i criminali.Cosi Per il signoraggio, nonostante l’evidente fallimento dell’euro, della sottrazione della politica monetaria dagli stati ad un centro di comando indipendente, questi individui continuano a negare la realtà.

  • Nemesi

    Bisognerebbe dire al Mikis Theodorakis di lasciar perdere la retorica del grande complotto.
    -Parla di petrolio nell’Egeo?
    Ma dove sta questo petrolio lo ha sognato stanotte!!
    -Dice di aver perso il 40% di Cipro?
    Perché non si legge meglio la storia, Cipro è una nazione (in realtà sono due stati) sovrana che non ci pensa proprio a unirsi alla Grecia
    -Grande complotto Turco-USA?
    La Turchia sta ai ferri corti con gli USA!!
    -Crisi economica imposta?
    Ma lo sa che cosa significa avere un deficit di bilancio del 15% l’anno senza un piano credibile di rientro? Significa far arrivare il debito al 200% del PIL in 4 anni!!
    Perché non se la prende con il proprio governo che ha il 27% di evasione fiscale, perché non dice che in Grecia si va in pensione a 50 anni di età!
    Perché non dice che i dipendenti pubblici hanno fin anche la 14 esima e una produttività bassissima.
    Poi il signor Theodorakis dimentica che è il governo Greco ad aver creato la crisi di bilancio spendendo e spandendo, ed di aver truccato i conti.
    Lo stato ellenico deve piangere solo se stesso per essere finito nella bocca del FMI e dei grossi pescecani della finanza
    Non solo ma il caro compositore-cantante dimentica, che per ora il conto Greco dovranno pagarlo sopratutto gli Europei tirando fuori di tasca 120 miliardi di Euro, una cifra colossale.
    Io aggiungerei che sia gli Europei che gli americani se la sarebbero risparmiata volentieri questa crisi e se non fosse per tutelare i loro rispettivi interessi nazionali la Grecia sarebbe andata a gambe all’aria già da un pezzo!
    Se la Grecia non avesse avuto l’Euro oggi la sua Dracma sarebbe carta straccia e con essa tutta l’economia del paese. Io non amo l’Euro ma penso che gli ultimi a potersi lamentare di esso siano i Greci.
    Il fatto che altri paesi che si trovano nella stessa situazione economica della Grecia e non siano ancora default, non significa che questo non succederà nell’immediato futuro, poi il probblema dei greci e che di fare sacrifici non ne vogliano sentir parlare, tutti presi dalle loro lotte intestine di matrice ideologico settario.
    Carissimo Theodorakis pensi alla musica e alle commedie, la smetta di fare l’incendiario, che in Grecia la situazione è tale che se dovessero scoppiare disordini incontrollabili l’Europa e il FMI vi lasceranno al vostro destino.

  • Zret

    No.

  • fusillo

    concordo al 100%…..
    ricordiamoci anche che al recente terremoto di haiti gli yankee sono arrivati, oltre che con le portaerei e le navi d’ appoggio, anche con una portaelicotteri d’ assalto e un incrociatore lanciamissili……

    chissà se S&P questi li conteggia nel rating?

  • amensa

    caro cippala
    quanto pregiudizio offuschi la tua mente lo dimostri unendo due affermazioni che non c’entrano una sega l’una con l’altra.
    è solo nella tua mente che chi considera il signoraggio (almeno come lo intendete voi) una bufala difenda israele.
    io sono l’esempio che dice si alla prima asserzione e no alla seconda.
    allora dov’è il falso ?

  • amensa

    bravo Nemesi.
    sottoscrivo.

  • alfa69

    Non riesco a capire come un intelletuale come Teodorakis ha questa idea che la grecia abbia mollato qualcosa al ultranazionalismo albanese.Da albanese mi sembra il contrario.

    1. Avete deportato in Albania nel 45 un intera provincia, massacrando la popolazione. Cameria , le dice qualcosa?
    Anche adesso negate a loro ogni diritto di tornare nelle loro case, e possessarsi dei loro averi.
    2. Nonostante l’aggressione nel 40 fu italiano tenete ancora in piedi la legge di guerra con l’albania perche da li comicio l’attacco.
    Con italia no , fu tolto dopo la guerra. Non hanno il tempo quelli al parlamento di toglierlo definitivamente?
    non le sembra un comportamento buffonesco?
    Da sempre avete mire espansioniste su l’albania del sud, il cosidetto epiro del nord.
    Di recente volevate sciparci in collaborazione con il governo albanese 300km quadratti di superfice marittima, per fortuna che l’alta corte ha posto il veto.
    Con le filiali delle vostre banche avete il controllo quasi totale del’ economia albanese.
    Nel ultima parata ad atene ci sono stati cori antialbanesi dalle truppe. Come che dicevano, vi ammazzeremo, vi scorticeremo, con le vostre budella faremo delle corde, voi con il vostro beccero nazionalismo.
    Per gente come voi non servono vicini di confine piccoli di superfice e numero di popolazione come noi, macedonia, pardon skopie perche diventate un po come dire arroganti per non dire di peggio,
    Per voi va benne una nazione come la turchia.
    Ultimamente ho leto che fra il greco antico e l’albanese odierno ci sono tante parole simili u uguali e nel greco odierno non esiste questa similianza almeno in quei casi.

  • sheridan

    Ma insomma, siete cosi’ infarciti di aria fritta che proprio avete un vuoto nel cervello. Se addebitate la colpa a entita’ grottesche e bizzarre come gli illuminati, il signoraggio, le banche e quant’altro perdete di vista quelli che sono i veri colpevoli che sono molto piu’ vicini e individuabili. Il debito italiano lo ha fatto craxi negli anni 80 e berlusconi dagli anni 90 in avanti. Durante i governi berlusconiani il debito e’ aumentato di ben 400 miliardi, alla faccia del “siamo tutti piu’ ricchi!”. Anche tremonti parla degli illuminati, e per forza! Cosi’ quando saltera’ tutto per aria sapra’ a chi dare la colpa, colpa che e’ ESCLUSIVAMENTE SUA! Auriti era quello che voleva risanare la Fiat cancellando i debiti, andate dai vostri fornitori e ditegli cosi’: non ti pago per via del signoraggio, sapete quanti calci nel c… che vi prendete!!!!
    I soldi realtivi al debito pubblico son tutti soldi che sono stati spesi in salari, pensioni, lavori pubblici e, sopratutto, ruberie, ma non riberie delle banche, andatavela a prendeer con quelli che fanno costare la tav 4 volte la francia, altro che illuminati e signoraggio, se volete i colpevoli dovete andare a Roma anziche’ star dietro alle fregnacce che leggete su qualche blog di qualche rimbambito.

  • nettuno

    siete finiti nella tonnara, cari greci..ora stanno tirando le reti di pesca … o uscite ora dall’euro , con graffi e afflizioni o ne uscirete poi dopo come scatolette.
    La Ue è una truffa .. come la new economy, i polli sono stati portati in borsa, poi li hanno spennati. Non dovevete entrare nell’ euro cari greci.. Perdendo la dracma avete perso la vostra identità ,, non vi resta che la grec salad e un pò di feta

  • idea3online

    Hai centrato il punto.

    Anno 1997/1998 borse ed economia allo collasso cosa si verfica? Crissi Russa e Indonesia

    Anno 2000/2001 borse ed economia allo collasso cosa si verfica?
    Torri Gemelle e Guerra in Oriente

    Anno 2007/2008 borse ed economia allo collasso cosa si verfica? Niente perchè inizia la fase Multipolare, preludio di una terza guerra mondiale.

    Anno 2010 borse ed economia allo collasso cosa si verfica? Collasso Grecia solo come antipasto! Colpire l’Euro, conseguenza dell’inizio della fase multipolare.

    Anno 2010-? borse ed economia allo collasso cosa si verfica?
    Sarà uno dei periodi malvagi della storia umana perchè le potenze si contenderanno il Pianeta.

  • idea3online

    Hai centrato il punto.

    Anno 1997/1998 borse ed economia allo collasso cosa si verfica? Crissi Russa e Indonesia

    Anno 2000/2001 borse ed economia allo collasso cosa si verfica?
    Torri Gemelle e Guerra in Oriente

    Anno 2007/2008 borse ed economia allo collasso cosa si verfica? Niente perchè inizia la fase Multipolare, preludio di una terza guerra mondiale.

    Anno 2010 borse ed economia allo collasso cosa si verfica? Collasso Grecia solo come antipasto! Colpire l’Euro, conseguenza dell’inizio della fase multipolare.

    Anno 2010-? borse ed economia allo collasso cosa si verfica?
    Sarà uno dei periodi malvagi della storia umana perchè le potenze si contenderanno il Pianeta.

  • oriundo2006

    Il senso generale dell’articolo di M. Theodorakis è che la crisi, tutte le crisi, sono pilotate per delle ragioni extraeconomiche, d’imperio globale. La conclusione quale può essere? L’autore non lo lascia trasparire, ma pare essere condensabile in un concetto: resistere a tutti i costi. Brava la Grecia se ci riesce. Dalla sua ha un patrimonio umano non ancora cloroformizzato e decerebrato come altrove, causa prima dell’altrui accanimento ( Mekel & Soci ) contro la sua classe dirigente che non ha voluto dotarsi di tutti quei mezzi – anche tecnici – per ridurre a totale passività le masse. O è proprio QUESTA la vera ragione dell’accanimento ‘terapeutico’ verso la Grecia ?…. Quanto ai bilanci degli altri stati, sono TUTTI falsi, nessuno escluso.

  • lino-rossi

    la sinistra profezia di Kalecki è sempre lì che incombe.

    “Durante la depressione, sotto la pressione delle masse o anche senza di essa, verranno intrapresi investimenti pubblici finanziati mediante prestiti per prevenire la disoccupazione di massa. Tuttavia, se saranno fatti tentativi per applicare questo metodo allo scopo di conservare l’alto livello di occupazione raggiunto nell’espansione successiva è probabile che verrà incontrata una forte opposizione da parte dei “dirigenti d’impresa”. Come è stato sostenuto la piena occupazione non è affatto di loro gradimento. I lavoratori “sfuggirebbero al controllo” e i “capitani d’industria” sarebbero ansiosi di “dargli una lezione”. Inoltre l’aumento dei prezzi nell’ascesa è svantaggioso per i piccoli e grandi rentiers, e perciò anch’essi sono ostili all’espansione. In tali condizioni è probabile che si formi un potente blocco tra gli interessi delle grandi imprese e dei rentiers e che essi trovino più di un economista disposto a dichiarare che la situazione è evidentemente insana. E assai probabile che la pressione di tutte queste forze, e in particolare delle grandi imprese indurrà il governo a tornare alla politica ortodossa di diminuzione del deficit di bilancio”
    M. KALECKI, Sulla dinamica dell’economia capitalistica, Einaudi, Torino, 1975, pp. 172-3.

    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=4610

    a mio avviso Theodorakis ha sostanzialmente ragione. infatti per risolvere questa faccenda la soluzione è fin troppo semplice: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/dossier/Italia/2009/commenti-sole-24-ore/9-febbraio-2010/ue-rilancio-union-bond.shtml

  • EmmeDiErre

    Fate tacere Theodorakis!!! Grandissimo musicista ma pessimo osservatore politico, per carità!!!!