UN INEDITO DI JEAN DE LA FONTAINE (@IMPRENDITORI D'ITALIA)

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

blank

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

C’era una volta una cicala imprenditrice, tutta diversa
dall’altra cicala canterina. Questa lavorava sodo, eccome, faceva arredi per
ristoranti, e che scic! Cristalli e marmi nel banco bar, gran design, modulistica e legno
fino. Il made in Italy come vanto.

C’era una volta una formica operaia, lavorava per la cicala,
ironia della sorte, eh?

Un brutto giorno la cicala chiamò quella formica, e altre 50
sue compagne, e gli disse: “Son
spiacente, licenziate! L’efficienza vi ha dannate. Meno bocche qui al lavoro,
per l’azienda è tutto oro!
” Immaginate le formiche, il dramma.

Cosa era successo? Era successo che poco tempo prima una cavalletta in giacca e cravatta si era presentata dalla cicala con una bella
storia da raccontare. Parlava fino, e le disse “I dipendenti, pelandroni, sono come dei limoni. Tu non sai: ne spremi
uno e due ne avrai!
”. La cicala si era illuminata. “E’ vero!” aveva pensato, la produttività! ottimizzazione delle
risorse umane! slimming down! outsourcing dove è possibile! Si fanno più arredi
e si pagano meno stipendi! E così aveva fatto. Via 50 formiche, a casa.

La voce poi si era sparsa, infatti quella cavalletta in
cravatta era balzata da lì all’azienda del calabrone, poi a quella del
coleottero, e poi a quella della coccinella, alla multinazionale della mantide,
e via così per tutta la filiera nazionale… produttività! ottimizzazione delle
risorse umane! slimming down! outsourcing dove è possibile! Sforneremo più
prodotti, pagheremo meno stipendi!

Una festa della modernità aziendale. Un funerale per le 50,
più 400, più 34, più 98, più 311, più 1.032, più 23, più 67… e mille e mille
altre formiche a casa, senza lavoro. No lavoro, no stipendio.

Passa dunque un anno. Un bel giorno la nostra povera formica
incrocia per la strada la cicala imprenditrice. E sorpresa delle sorprese:
indovinate chi c’aveva un muso lungo da toccare in terra? un broncio cotto come
una pagnotta bruciata? Era la formica? No. Era la cicala. Cosa mai era
successo? “E’ successo che non so!!”,
sbotta la cicala dopo un po’. “Non si
vende un accidenti! Non si trovano clienti! Meno ordini i primi mesi, a fine
anno siamo stesi!! La mia azienda è un modello! Si lavora a martello! Soldatini
efficienti! Non si vedono indolenti… Ma lo stesso siam piantati, soprattutto i
fatturati!
” concluse stizzita.

La buona formica si appoggiò al muro, e senza neppure
guardare la cicala disse: “Licenziati,
cassintegrati, tasche vuote, buie note. E se ci mancano i contanti chi li
riempie i ristoranti? I coperti sono calati, i gestori desolati. L’arredo
vecchio basta e avanza. Farlo nuovo? Si fa senza
”.

E se ne andò, aggiungendo non sonoro “Cogliona”. Almeno quello!

(Nota dell’autore: adesso, mia cara cicala, chiama quelli
incravattati della ‘produttività’ per vendere i tuoi arredi, e fatteli pagare
con un testo di macroeconomia dal titolo “Le
dinamiche della Domanda Aggregata
”. Oppure accetta di capire che il dogma
economico che ti vendono ogni giorno è una truffa, e che se ti studi i bilanci
settoriali di Keynes, Kalecki e Godley capirai come salvare la vita della tua
azienda, assieme a tutta l’occupazione necessaria a creare quel circolo
virtuoso di investimenti, spesa e consumi per tornare a vendere e per dare
reddito a chi ne ha bisogno, a tuo vantaggio. Noi siamo a tua disposizione, www.democraziammt.info.)

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=391
2.06.2012

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
11 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
11
0
È il momento di condividere le tue opinionix