Home / ComeDonChisciotte / SULL’ELITE

SULL’ELITE

DI JARED DIAMOND

Tratto da: Jared Diamond – “Armi, acciaio, malattie” (Einaudi 1998 e 2000), cap. XIV: dall’uguaglianza alla cleptocrazia

Cosa deve fare un’élite per avere il consenso popolare e nello stesso tempo mantenere il suo stile di vita?
Nei secoli, le soluzioni preferite sono state quattro:

1) Disarmare le masse e trasformare l’esercito in una casta elitaria. Questo è molto più facile oggi, perché si può avere il monopolio delle armi tecnologiche prodotte in modo industriale; in passato, chiunque poteva fabbricarsi da sé una lancia o una mazza.

2) Rendere le masse felici ridistribuendo i tributi in modi a queste graditi. E’ un principio valido per i capi hawaiani come per i politici del giorno d’oggi.

3) Usare il monopolio della forza per mantenere l’ordine pubblico e calmare la violenza, facendo contenti i bravi cittadini. Questo è un vantaggio delle società centralizzate che viene spesso trascurato. Gli antropologi un tempo pensavano che le società organizzate in bande e tribù fossero non violente, citando come esempio tipico degli studi di qualche collega che non aveva osservato alcun omicidio durante una permanenza di tre anni in un gruppo di 25 persone. Beh, è del tutto ovvio: è facile calcolare che una dozzina di adulti con una dozzina di bambini, soggetti alle normali cause di morte, si estinguono se iniziano ad uccidersi tra loro ad un ritmo di uno ogni tre anni.
Studi più approfonditi condotti per periodi di tempo più lunghi rivelano che l’omicidio è una delle principali cause di morte nelle società tradizionali. Mi capitò di essere presente mentre un’antropologa intervistava alcune donne della tribù guineana degli iyau. Una dopo l’altra, alla domanda “come si chiama tuo marito” rispondevano con una serie di nomi e di morti violente. Ecco una risposta tipica: “il mio primo marito fu ucciso in un attacco degli elopi. Il mio secondo marito fu ucciso da un uomo che mi desiderava e che divenne il mio terzo marito. Questo fu ucciso dal fratello del secondo marito per vendetta”. Biografie di questo tipo non sono rare tra i “pacifici” indigeni, e fanno capire perché l’accettazione di un’autorità centrale sia stata sempre più generalizzata.

4) Fabbricare un’ideologia o una religione che giustifica la cleptocrazia. Gli uomini delle bande e delle tribù credevano già nelle entità soprannaturali, ma questo non giustificava l’esistenza dell’autorità o del trasferimento di ricchezze, e non bastava a frenare la violenza. Quando un insieme di credenze fu istituzionalizzato proprio a questo scopo, nacque ciò che chiamiamo religione. I capi hawaiani erano assai tipici in questo, visto che si proclamavano dei, o figli di dei, o perlomeno in stretto contatto con gli dei. Così potevano dire al popolo che lo servivano facendo da intermediari con il soprannaturale, recitando le formule rituali per ottenere la pioggia, un buon raccolto o una pesca abbondante.
Nelle chefferies troviamo in genere un’ideologia che anticipa le religioni istituzionalizzate, e che serve a rafforzare l’autorità del capo. Il capo può essere un leader politico e religioso allo stesso tempo, o può mantenere una casta di sacerdoti che provvede alla bisogna. Ecco perché una così larga parte dei tributi serve per costruire i templi, che servono sia come luoghi di culto della religione ufficiale sia come segni visibili di potere.
Oltre a fornire questo tipo di giustificazione, la religione porta due importanti vantaggi alle società centralizzate. Innanzitutto, aiuta a risolvere il problema della convivenza pacifica tra estranei, provvedendo a fornire un legame comune che va al di là della parentela. In secondo luogo, fornisce qualche motivazione di carattere idealistico per il sacrificio della vita: così, al prezzo di pochi soldati che muoiono in battaglia, una società diventa più efficiente nelle conquiste e nel resistere agli attacchi esterni.

(Ringrazio Vincenzo Della Mea che mi ha ricordato, molto a proposito, questo passaggio del libro di Diamond.)

Fonte: http:/www.nazioneindiana.com
Link: http://www.nazioneindiana.com/2007/03/23/sullelite/#more-3551
23.03.2007

Pubblicato da Davide