SUI 26 AEREI RUSSI CHE SORVOLAVANO L'EUROPA. VEDI COME FUNZIONA LA PROPAGANDA ? ADESSO VI FORNISCO QUALCHE DETTAGLIO

DI GIULIETTO CHIESA

facebook.com

Mi scrive una lettrice impressionata dal 26 aerei russi che “sorvolavano l’Europa”. Così hanno dato l’informazione tutti i media italiani.
Io rispondo: vedi come funziona la propaganda? L’espressione, volutamente imprecisa, serve a indurre un pensiero errato.

Semplicemente non erano in volo “sull’Europa”. E rispondevano alle manovre NATO sull’Europa e ai confini con la Russia. Reciprocità. Siamo all’inizio della guerra. Perché dovremmo aspettarci che loro stiano a terra quando i nostri aerei NATO sorvolano le loro frontiere?

Adesso vi fornisco la vera informazione su questi aerei, condita di qualche dettaglio. Il 29 ottobe gli aerei NATO si sono levati in volo per intercettare un gruppo di aerei russi, composto da 7 velivoli (non 26), che stavano volando sul Mar Baltico, “nello spazio aereo internazionale”. “Forse” erano diretti a Kaliningrad, che, essendo territorio russo, non si capisce bene cosa ci fosse di anomalo. In ogni caso gli aerei erano sette (7), precisamente 2 Mig-21, 2 Sukhoi 34, 1 Sukhoi 27 , 2 Sukhoi 24.

Dettaglio: la NATO ha quadruplicato la sua presenza sull’area nel corso dell’ultimo anno. Ma questo è, evidentemente “normale”.

Giulietto Chiesa

Fonte: www.facevook.com

31.10.2014

28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
giannis
giannis
31 Ottobre 2014 9:02

grazie per l informazione ma ormai sono anni che so  che telegiornali e giornali dicono il falso , gli USA e i suoi schiavi europei vogliono far fuori la russia

Aironeblu
Aironeblu
31 Ottobre 2014 9:09
In un paese (l’Italia) in cui la quasi totalità dei cittadini non sa nemmeno di custodire testate atomiche USA nelle oltre cento basi NATO italiane, si può raccontare tranquillamente che 26 aerei russi volano sulle nostre teste, e che i russi hanno abbattuto il volo malese MH-17 senza pericolo di imbarazzanti smentite.
È la notizia che conta, non i fatti.
Aironeblu
Aironeblu
31 Ottobre 2014 9:11

O meglio: gli USA vogliono che i loro schiavi europei facciano fuori la Russia, o che comunque si scontrino e si indeboliscano a vicenda. E questo i traditori al nostro governo lo sanno benissimo.

giannis
giannis
31 Ottobre 2014 9:19

io penso che in caso di conflitto armato russia -NATO , gli amici russi qualche missile lo lanciano negli USA , anche perché sanno che il padrone e’ la

giannis
giannis
31 Ottobre 2014 9:21

in questi giorni nella base NATO  di brescia ci sono esercitazioni aeree per trsporto di armi nucleari

Jor-el
Jor-el
31 Ottobre 2014 9:46

Sono dei pazzi pericolosi. Fuori dalla NATO e lotta per Italia neutrale.

warmastiff
warmastiff
31 Ottobre 2014 9:47

Sono d’accordo con Chiesa sul fatto che questi avvenimenti sono da leggere " tra le righe", ma dissento sul fatto che fosse una cosa come dire " normale", in quanto Chiesa dimentica di dire che : si sono avuti degli avvistamenti e relativo " SCRAMBLE "  su mar baltico, mare del nord, mar nero. Ovvero su tutta la frontiera nato da Nord a Sud, ma cosa non detta da Giulietto CHiesa e’ che vi erano anche 4 TU-95 bear (bombardieri strategici – leggi come bombardieri dotati di atomiche) e relativi IL-78 cisterna………..e’ ovvio che non si tratta di caccia o caccia bombardieri e pertanto l’llarme NATO era piu’ che legittimato.
Essendo poi accaduto che il cosidetto allarme andava da Nord a Sud dello schieramento Nato in europa e’ anche da collegare al Sottomarino presumibilmente russo avvistato vicino alle coste svedesi nei giorni scorsi. In pratica abbiamo un ritorno alla guerra fredda e questo NON MI SEMBRA NORMALE….

AlbertoConti
AlbertoConti
31 Ottobre 2014 11:14

I media giocano con la propaganda, i militari giocano con le armi, i banchieri
giocano coi nostri soldi, chissà che ricco S. Natale per tutti questi vecchi
bambini rincoglioniti! Che sia Gesù Bambino a portarci fuori dalla crisi?
Veramente non se ne può più, a me è passata ogni voglia di giocare, anzi mi
prudono le mani dalla voglia di sculacciarli una volta per tutte.

Cataldo
Cataldo
31 Ottobre 2014 11:15

L’attività russa ai margini dello spazio aereo NATO è ormai quotidiana, visto che la NATO è arrivata alla frontiera diretta della Russia, giusto per inquadrare.Questa attività recente, definita "inusuale" è il tentativo russo di rispondere concretamente alle manovre NATO, la logica è quella dell’attrito, tipica della guerra fredda, e prevede una dimostrazione continua di prontezza della triade nucleare. La vera notizia, a leggere bene,  è che la Russia sia riuscita a mettere in aria 3 o 4 gruppi aerei strategici contemporaneamente, si tratta di ampliare a dismisura l’inviluppo di ricerca da parte NATO delle basi di lancio aere dei missili a lunga gittata. Questa componente della deterrenza russa è stata duramente provata dalla crisi degli anni 90, e molto lentamente si sta riprendendo, la consistenza del parco macchine è scarsa e datata, cosi come c’è molto da fare sul fronte dell’addestramento. Le prime ore della guerra in Georgia fuorono drammatiche per i russi sotto questo profilo, i brillanti piani funzionarono con una lentezza notevole proprio per le mancanze della componente aerea nei momenti cruciali di avvio delle attività "cinetiche" come le chiamano gli americani. Apettiamoci quindi che i russi provino a dare continuità a queste operazioni, queste pratiche, infatti, proprio… Leggi tutto »

robertoz
robertoz
31 Ottobre 2014 11:21

Ma ci sono ancora persone convinte che l’America sia il bene e la Russia sia il male?Gli USA sono gli unici ad avere basi sparse in quasi tutto il mondo, e non è per la cosiddetta democrazia, bensì per garantirsi la loro influenza in continua espansione, atta a soggiogare economicamente gli Stati e forse non solo economicamente. Ma avete idea di cosa volano sulle nostre teste in aerei americani e nato? L’anno scorso sono sparite delle bombe atomiche in America, non mi sembra che la propaganda ne abbia fatto menzione. Questi vorrebbero basi anche dentro la Russia, siccome Putin non è un burattino come quelli che ci sono dalle nostre parti in tutta Europa, Renzi in primis,si comporta per tutelare la russia ed il popolo russo, se l’europa fosse degna di chiamarsi tale, dovrebbe dire agli americani di fare le guerre alle loro porte, non davanti alle nostre porte di casa. Orban, il presidente ungherese ha varato una legge per tassare internet ed ha fatto altre cose per avere una moneta sovrana e buttare fuori dai cosiddetti il FMI, ebbene, si è levato un coro di proteste dai tromboni europei perchè questo fatto causerà un ritardo nella ripresa economica europea, … Leggi tutto »

AlbertoConti
AlbertoConti
31 Ottobre 2014 11:45

E sì! Con tutti questi nuovi cattivoni che ci sono in circolazione l’America
delle banche canaglia è in pericolo.
Propongo perciò di correre in difesa dei
nostri fedeli alleati realizzando 100 nuovi basi militari in territorio USA,
cofinaziate dal congresso di quegli onesti senatori che rispondono alla FED (e
non viceversa come qualche allocco ancora pensa che sia).

Naturalmente i
relativi armamenti saranno prodotti da Finmeccanica, con grandiosi e
costosissimi progetti ai quali dovrà necessariamente partecipare anche il
Pentagono.

Pensate come saranno contenti i frequentatori di Wal-Mart
sentendosi finalmente protetti da forze amiche! Ma perchè il grande renzi non ci
ha ancora pensato?

Stopgun
Stopgun
31 Ottobre 2014 11:49

MiG 21 & Tu 95 Bear

roba da affezionati collezionisti, amanti degli favolosi anni ’60!
Hamelin
Hamelin
31 Ottobre 2014 12:05

Speriamo solo che quando i Russi invaderanno preventivamente l’Europa , ci andranno leggeri con la popolazione Italiana che nulla c’entra con le scelte pazze dei suoi politici criminali e corrotti .

Anche se so che non sarà cosi’ ( come storicamente la Guerra insegna ) ci spero .

I Tedeschi sono proprio folli si stanno scavando la fossa con le loro mani …

Servus
Servus
31 Ottobre 2014 12:11

Il sole24ore titola in modo ancora più ridicolo: 

"AEREI RUSSI INVADONO I CONFINI DELLA NATO". 

Invadono i CONFINI?  li vedete degli aerei che entrano in LINEE di confine senza peraltro toccare il territorio? della NATO? 
albsorio
albsorio
31 Ottobre 2014 12:29

La vera notizia, a leggere bene,  è che la Russia sia riuscita a mettere in aria 3 o 4 gruppi aerei strategici contemporaneamente, si tratta di ampliare a dismisura l’inviluppo di ricerca da parte NATO delle basi di lancio aere dei missili a lunga gittata.

Diremo che la deterrenza russa sia fuori discussione.
Credo poi che sarebbe sorprendente che la Russia NON fosse in grado di avere 3-4 gruppi strategici in volo.
Poi sai di balle sulle capacita di questo piuttosto che di quello se ne raccontano tante, meglio sarebbe smetterla con le provocazioni USA.
Se si invertissere le parti, cioè la Russia si coalizzasse col Messico e dispiegasse dei missili lungo la frontiera con gli USA per difendere il Messico dai missili es. dell Equador 🙂  casa farebbero gli USA? Cuba docet… come al solito le regole che valgono per gli altri non vanno bene per gli USA.
haward
haward
31 Ottobre 2014 12:30

Prepariamoci, mentalmente e materialmente, all’idea di un prossimo conflitto
militare tra la Nato e la Russia. I prodromi sono sotto la luce del sole e le
azioni portate avanti dalla leadership USA- Nato (cioè i valletti di Wall Street
e della City) sono in fase di accelerazione.Dobbiamo, perciò, iniziare a porci
alcune domande, tipo: in che modo e in che misura sarà coinvolta l’Italia? Quali
potranno essere le ricadute e le conseguenze a livello economico? Muterà la
nostra vita quotidiana, il nostro lavoro (per chi ce l’ha), la nostra "routine"
?

vic
vic
31 Ottobre 2014 12:52

Eh gia’.

Una proposta simile la fece per davvero l’Ecuador quando si trattava di rinnovare gli accordi per mantenere li’ la base statunitense di Manta. Il governo dell’Ecuador disse che avrebbe accettato a patto che gli USA avessero concesso all’Ecuador un’estensione di terreno simile in Florida. Cosi’ niente piu’ base USA in Ecuador.
Dico: ma l’Italia non puo’ farsi consigliare talvolta dall’Ecuador?
A quest’ora ci sarebbe uno stato USA che parlerebbe italiano.
Invece di bombe si riempirebbero le basi italiane negli USA di panetterie, pasta, vino, e caffettiere. Nel contratto ci metterei l’equivalente in peso delle bombe atomiche e degli aerei posti in Italia. Va da se’ anche la giurisdizione italiana su queste basi alimentari negli Stati Uniti. Statuto speciale per quelli che vanno e vengono con container di panettoni. Solita equivalenza in peso.
Cataldo
Cataldo
31 Ottobre 2014 13:07

Per quasi 5 lustri i russi non sono stati capaci di farlo, cosi come non sono stati capaci di tenere in mare almeno un paio di  sommergibili nucleari non seguiti dalla NATO, e la situazione politica attuale, se ci pensi, riflette questa erosione della deterrenza.
E’ stata proprio la debolezza della deterrenza russa che ha generato tanti problemi, ha dato il via al dispiegamento dello scudo antimissile* oltre a dare un vantaggio esterno a quegli elementi USA che hanno sequestrato la politica estera dopo il golpe del 9/11/01 .
Speriamo che i russi riescano a recuperare spazi di manovra politici a breve, ma la vedo molto dura.

*che ovviamente è un sistema offensivo, e non difensivo.

yakoviev
yakoviev
31 Ottobre 2014 14:20

Per arrivare a 26 aerei hanno messo in conto altri voli avvenuti in altri contesti oltre al Baltico (Mar Nero, Mare del Nord). A mio parere sono normalissimi movimenti, trasferimenti o pattugliamenti di routine, ad esempio sul Mar Nero. Stanno cercando di trasmettere all’opinione pubblica occidentale l’allarme fittizio per la "minaccia russa", al fine di giustificare le sanzioni, le spese militari e per il dislocamento di truppe all’estero. Vedi anche la bufala del sottomarino fantasma  di qualche giorno fa

yakoviev
yakoviev
31 Ottobre 2014 14:21

Saranno andati a un raduno di aerei d’epoca per amatori. 🙂

rebel69
rebel69
31 Ottobre 2014 14:37

Se un Russo scoreggia in metropolitana a Milano, il giorno dopo il TG da notizia di un attentato da parte di Putin (in persona magari) alla metropolitana di Milano

Cataldo
Cataldo
31 Ottobre 2014 14:46

Purtroppo nelle mappe aggiornate dei missili russi della "prima salva" ci sono almeno un paio di obiettivi in Italia, tra cui sicuramente il MUOS in Sicilia. Se si dovesse arrivare alla soluzione finale avremo il privileguio di essere  nuclearizzati  qualche minuto prima dei nostri fratelli USA.

AlbertoConti
AlbertoConti
31 Ottobre 2014 14:58

C’è da chiedersi, perchè l’Equador può scherzare col fuoco e noi no? E’ evidente
che non ci sono in Italia solo le ingombranti basi americane, c’è qualcosa di
molto più ingombrante, di molto più coinvolto con una parte, elitaria ma
potente, della stessa realtà italiana. Quand’è che arriverà il momento della
resa dei conti con costoro? Mai? E dov’è il nostro Correa o il nostro Morales?

Aironeblu
Aironeblu
31 Ottobre 2014 15:03

Mentre in quella di Vicenza hanno trasferito i soldati USA a rischio infezione Ebola… 

Aironeblu
Aironeblu
31 Ottobre 2014 15:10

"sculacciare" è un po’ fuori luogo in questo contesto, hai la mano troppo morbida, ci sono tanti altri trattamenti più interessanti che si potrebbero usare con questi criminali… 

giannis
giannis
31 Ottobre 2014 15:30

vero …purtroppo

lucamartinelli
lucamartinelli
31 Ottobre 2014 22:05

Il sommergibile di cui parli era olandese.

Vocenellanotte
Vocenellanotte
31 Ottobre 2014 22:40

Per prepararsi occorre innanzitutto censire tutte le basi americane in Italia e darle uno score in ordine a logistics, ITC, operations e poi assegnare una task force per neutralizzare ogni loro azione. Sei capace?