Studio tedesco: zero bambini sani tra i 5 e i 18 anni sono morti per COVID

www.renovatio21.com

Uno studio condotto da ricercatori in Germania ha scoperto che nessun bambino sano di età compresa tra 5 e 18 anni è morto di COVID-19 nei primi 15 mesi della pandemia.

«Nel complesso, il carico associato alla SARS-CoV-2 di un decorso grave della malattia o della morte nei bambini e negli adolescenti è basso», hanno riferito gli scienziati in un documento caricato su Medrxix, un sito Internet che distribuisce eprints inedite sulle scienze della salute dove spesso compaiono paper che stanno per essere sottoposti a peer review.

«Questo sembra particolarmente il caso per i bambini di 5-11 anni senza comorbidità».

Sebbene il COVID in Germania non abbia causato la morte di bambini sani di età compresa tra 5 e 18 anni, ha causato solo la morte di sei bambini e adolescenti in quella fascia di età che avevano condizioni preesistenti.

La frequenza di un bambino che necessitava di cure ospedaliere intensive per COVID sarebbe, secondo il documento, di 1 su 50.000.

Tra marzo 2020 e maggio 2021 sono morti un totale di otto neonati e bambini piccoli, di cui cinque con condizioni preesistenti, per un totale di 14 tedeschi di età inferiore ai 18 anni che sono morti di COVID durante un periodo di 15 mesi.

«Le cifre sono simili a quelle registrate nel Regno Unito, dove solo sei bambini sani su 12 milioni sono morti di COVID-19» scrive Summit News.

«Dati i noti rischi di miocardite indotta da vaccino nei giovani, il fatto che Pfizer abbia testato i suoi vaccini mRNA su appena 3.000 bambini 5-11 e abbia seguito la maggior parte di loro solo per settimane dopo la seconda dose, i dati tedeschi sollevano nuovamente la questione di come le autorità sanitarie possono giustificare l’incoraggiamento a vaccinare bambini o adolescenti», scrive il giornalista americano ex-New York Times Alex Berenson.

«Se lasci che tuo figlio o adolescente sano faccia il vaccino mRNA COVID, sei pazzo», scrive Berenson, le cui posizioni sono ora ovviamente considerate «false» nelle prime tre righe della sua pagina Wikipedia

Nonostante i risultati dello studio, è probabile che la Germania farà il vaccino ai bambini di età inferiore ai 12 anni nel primo trimestre del 2022.

C’è il rischio che possa perfino divenire obbligatorio, visto che il Paese implementerà l’obbligo vaccinale per gli adulti entro febbraio 2022.

L’Italia non si mette in coda: i bambini italiani dai 5 agli 11 anni potranno ricevere due dosi a distanza di tre settimane una dall’altra a partire, generale Figliuolo dixit, dal 16 dicembre, data entro cui arriveranno 1,5 milioni di dosi del vaccino mRNA Pfizer pronte per i piccoli deltoidi dei bimbi italiani.

Secondo il presidente dell’AIFA Giorgio Palù, per i piccoli non ci sarà obbligo, «il vaccino si basa sulla libera scelta dei genitori».

Vedremo se anche quei cambieranno le carte in tavola per l’ennesima volta: c’è chi scommette che scatterà l’obbligo per genitori e figli, una bella vaccinazione universale di ogni essere umano sul territorio della Repubblica.

Nel frattempo, come abbiamo riportato, il potere vaccinale ha fatto un passo avanti consistente nello scacchiere simbolico delle nostre vite: militari nelle nostre case per i tamponi a domicilio dei nostri figli.

Il prossimo passo riuscite a immaginare quale sarà?

Fonte: https://www.renovatio21.com/studio-tedesco-zero-bambini-sani-tra-i-5-e-i-18-anni-sono-morti-per-covid/

Pubblicato il 06.12.2021

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x