Home / ComeDonChisciotte / SPRECHI DELLE REGIONI: IL MALE E’ L’EURO, PRIMA NON ERA UN DISASTRO

SPRECHI DELLE REGIONI: IL MALE E’ L’EURO, PRIMA NON ERA UN DISASTRO

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Nell’Italia dell’euro, cioè nel Paese dove ogni singolo
centesimo speso dallo Stato o dalle amministrazioni pubbliche va restituito ai
mercati di capitali privati a tassi d’usura, sia la spesa pubblica che, a
maggior ragione, la spesa pubblica sprecata/rubata si traducono in crescenti
tasse e tagli ai servizi per i cittadini. Per forza: uno Stato come oggi è
l’Italia che non può più emettere a costo zero la propria moneta e che deve
invece usare una moneta di proprietà di altri (la BCE e i mercati), non ha
scelta se non quella di pescare dalla nostre tasche ciò che deve restituire.
Ergo: gli spreconi/ladroni alla Fiorito, oggi con l’euro, ci fanno un danno
aggiuntivo enorme, oltre a essere laidi.

Questo deve farvi capire che il reale problema degli sprechi
pubblici oggi non sono gli sprechi
per sé, ma il fatto che tali sprechi sono denominati in una moneta straniera
per l’Italia. Infatti…

Se l’Italia fosse
sovrana nella moneta
, ecco cosa sarebbero gli sprechi pubblici: sarebbero
un intralcio alla politica di spesa,
agli indirizzi di spesa, non tanto un danno all’economia nazionale. Anzi,
l’economia dopo tutto finirebbe per beneficiare anche dagli sprechi.

Primo: qualsiasi massa finanziaria pubblica sottratta
illecitamente e spesa, anche se spesa in auto di lusso, ristoranti, vacanze,
ville, appalti poco chiari ecc., dal momento in cui è spesa alimenta consumi,
lavori, aziende, professionisti, operai, e chiunque lavori nei settori dove
quei soldi sono spesi. Questo di fatto alimenta l’economia, quella che dà
lavoro ai camerieri dei ristoranti, ai venditori nei concessionari d’auto, agli
operai che fanno le ville, ai lavoranti dei posti di vacanza, a tutto l’indotto
degli appalti ecc.

Mi si obietterà a questo punto che, anche se il danno degli
sprechi in una nazione a moneta sovrana non è strettamente economico, vi sono
danni derivanti dal fatto che i milioni rubati/deviati dal corrotto pubblico
ufficiale sono sottratti però all’asilo nido, all’ospedale, all’assistente per gli
anziani, alle strade da riparare, ad altri appalti più utili ecc. No,
sbagliato. Se questo accade è solo perché lo Stato a moneta sovrana non sa fare
il suo mestiere. La Modern Money Theory (MMT) ci insegna che questo tipo di Stato,
come io auspicherei tornasse a essere l’Italia, può sempre e illimitatamente
espandere i propri bilanci per fornire denaro a quei settori essenziali, a
prescindere da quanto altro denaro i Fiorito e i Lusi o i tangentari si sono
pappati a sbafo. Se non lo fa, è una scelta politica, non è colpa dei Fiorito e
dei corrotti. Per esempio, il governo americano ha dilatato in pochi anni i
suoi bilanci di qualcosa come quasi tutto il suo PIL (14 trilioni di dollari)
per tappare proprio i buchi fatti dagli spreconi e truffatori di Wall Street.
Lo ha potuto fare perché ha moneta sovrana, e non è per questo fallito, ha
un’inflazione microscopica, e tassi sui suoi titoli sono ai minimi storici.

Ecco che arriviamo al vero danno degli sprechi/ruberie se
ancora avessimo una moneta sovrana. Il danno starebbe solo nel fatto che
l’amministratore pubblico, che devia somme importanti dalla loro destinazione
sancita dalle politiche e dagli indirizzi di spesa delle autorità, appunto scardina quelle politiche e quegli
indirizzi
. Grave, certo, ma non un disastro sociale. Tutto qui. La Regione
voleva spendere 100 soldi per i servizi, e invece nelle casse ce ne sono solo 98, o 90, oppure
87, e questo inquina le buone intenzioni degli amministratori. Poi costringe le
autorità (Stato) a espandere la propria spesa a deficit per sopperire ai vuoti
causati dal fatto che quel denaro invece che arrivare all’asilo nido è arrivato
a un ristorante o a un hotel o a un concessionario o a una ditta edile. Ok, un
po’ più di deficit (non un 
problema a moneta sovrana) dedicato a qualcosa di non voluto, male, ma
dall’altra parte, nell’insieme di tutti i fondi sottratti e spesi, vi saranno
stati più cuochi assunti, più idraulici e muratori a fare nuovi hotel o ville, più
vendite di auto, più operai assunti in quel settore ecc. Infatti l’Italia della
Lira sovrana, nonostante tutte le voragini della sua epica corruzione, era un
Paese molto ma molto più benestante di oggi in termini relativi, ma ormai anche
in termini reali. Ripeto: allora gli sprechi erano più un danno agli indirizzi
sociali che al benessere sociale.

Ma se quindi un Fiorito in un’Italia a moneta sovrana dopo
tutto alimenterebbe una parte dell’economia, e se le sue ruberie non
sottrarrebbero nulla alla spesa sociale se rimediate dalla MMT, allora si riconferma come vero che il nostro
Fiorito nell’Eurozona diviene un danno micidiale non perché ruba, ma perché c’è
l’euro e non c’è la MMT. Fermo restando il peccato di etica, e la sua antipatia, per carità.  

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=462
4.10.2012

Pubblicato da Davide

  • misunderestimated

    Siamo veramente alla frutta… penso che stampare denaro dal NULLA, sovranità o meno, rappresenti SEMPRE un danno o quantomeno una sconfitta per un paese.

    La ricchezza va prodotta pari passo al lavoro delle rotative della Zecca, o meglio il contrario.

  • shoona

    quanto è bello leggere Barnard invocare la spesa a deficit infinita…è tutto così semplice. 2000 anni di lotte inutili quando alla fine bastava solo stampare denaro. Forse nemmeno il più turbo dei capitalismi riesce ad essere allo stesso tempo così illusorio e così consumistico.

  • shoona

    ma questo lo sa pure lui. Fino a poco tempo fa era uno dei pochi a denunciare il deficit MENTALE creato dai consumi tra le persone. Purtroppo a quanto pare ha deciso di campare con i congressi a pagamento accanto alle 5 rockstar usa.

  • Maxim

    articolo allucinante .
    tra un po’ scriverà’ che pure la sifilide è un problema solo perche’ c’ è l’ euro .

  • Allarmerosso

    i soldi sono sempre stampati dal “nulla” ma adesso oltretutto invece che farceli da soli li prendiamo pure in prestito. Se per te rappresenta sempre un danno o una sconfitta quella che viviamo ora è un doppio danno e una doppia sconfitta.
    O credi ci sia ancora l’oro dietro l’euro ?

  • Hamelin

    Ormai siamo al delirio piu’ totale.
    Quest’uomo crede veramente che basti solo stampare per risolvere i problemi?
    Agghiacciante!
    Mi piacerebbe poi sapere cosa sta facendo BCE , FED , BOE e BOJ da 10 anni a questa parte…Forse che Barnard non si è accorto che stanno espandendo il credito a tutto spiano?(Il problema vero è che lo danno alla finanza e non all’economia reale che tira la carretta ).
    Se la MMT viene apportata con questa logica è in grado di distruggere uno stato in pochi anni con ondate di iperinflazione stellare.
    Barnard dovrebbe notare che non viviamo su un isola deserta ma abbiamo rapporti giornalieri e commerciali con gli altri Stati e che i Bilanci di Stato sono Pubblici.
    Cosa pensa ? Se uno stato dovesse leggere a bilancio : attività=1 e passività = x mila miliardi crede che quello stato accetti ancora la sua moneta per buona ?
    Semplicemente annichilito…

  • ilsanto

    Scrivi ” Anzi, l’economia dopo tutto finirebbe per beneficiare anche dagli sprechi.” magnifico e pensare che rubare e sprecare per la gente è contro uno dei dieci comandamenti e di tutte le leggi vigenti che sciocchi, meno male che ci sei tu che chiarisci come rubare sia in fin dei conti dar lavoro ai cuochi ! e se invece finissero in qualche paradiso fiscale o che sò in fondi azionari cinesi ? o in auto tedesche o americane ? e se la nostra valuta diventasse carta straccia perchè stampiamo moneta a manetta per coprire le ruberie ? mah ! e poi guarda che forse il tuo Fiorito non è che può mangiare ancora così tanto seno muore è grasso come un maiale con buona pace per i tuoi cuochi.
    PS e poi chiediti perchè al seminario sulla MMT non ci viene nessuno.

  • ilsanto

    Scusa ma è esattamente quello che fanno i politici da Craxi in poi, ci hanno riempito di debiti rubando a man bassa, è quello che hanno fatto con i sub prime le banche americane o la repubblica di weimar nella Germania iper inflazionata. Non è che niente niente ti viene qualche dubbio ? Ma è tutta farina del tuo sacco o ricevi qualche imbeccata ?

  • Jor-el

    Mi pare che a tutti sia sfuggito il succo. Ve lo riassumo in poche parole. In uno stato a moneta sovrana, corruzione e ruberie sono problemi di ordinaria amministrazione per risolvere i quali bastano polizia e magistratura. Nel regime dell’Euro la stessa corruzione diventa una tragedia, perché lo stato, non possedendo la moneta, prende a prestito ogni singolo euro e, per ripagare ogni ammanco, deve ricorrere alle ben note tecniche messe in opera del governo dei tecnici: tagliare lo stato sociale, salassare i contribuenti con la pressione fiscale più alta del mondo, svendere il patrimonio pubblico. Se vi piace tanto l’idea dello stato formichina dei Chicago Boys e vi fa tanto orrore lo stato cicala dei neo-keynesiani, perché ce l’avete tanto con Monti? Lui tassa i cittadini e mette la gogna i ladri, taglia scuole e ospedali per mettere in ordine i conti dello stato. Non è quello che fa? E allora, che vi lamentate? Non c’è l’inflazione, festeggiate!

  • Jor-el

    Be’, a me risulta che il dollaro USA sia accettato ben volentieri da tutti, nonostante il pessimo bilancio. Anche lo Yen non se la passa male. Invece, uno dei pochissimi stati con il bilancio impeccabilmente in pareggio e tutti i conti in ordine, ha fatto recentemente una bruttissima fine. Si chiama Libia.

  • ilsanto

    Guarda che per una nota legge nulla si crea e nulla si distrugge per cui se uno ruba qualcuno ci rimette lo dice anche la matematica.
    Non è che rubare allo stato sia meno grave che rubare alla vecchietta,
    forse vedendo quei film dove scassinano banche ti sei fatto l’idea che rubare alla banca o allo stato o al partito non sia un problema tanto i soldi non sono di nessuno. errore se nella mia provincia rubano più auto io pago di più l’assicurazione il furto o lo spreco è solo più spalmato certo non vedi la vecchietta terrorizzata e questo forse ti tranquillizza. Manca il rapporto diretto tra il delitto e la vittima ma se fai uno sforzo capisci facilmente che al furto corrisponde un aumento delle tasse o la mancanza di un servizio o con la MMT sposti il furto nel futuro alle prossime generazioni. E poi scusa ma l’economia funziona su equilibri per cui a fronte di certe carenze che so di materie prime si riducono i consumi perchè salgono i prezzi se la tua MMT pompa danaro tutti continuano a comprare e consumare facendo veramente saltare ogni equilibrio o pensi ancora alla crescita infinita ?

  • Arazzi

    Grazie per il commento Jor-el ma purtroppo questi lobotomizzati non la capiranno finchè non finiranno sotto i ponti.

  • Sokratico

    Che palle…
    Anche se ci sono cose giuste nelle critiche monetariste di Barnard, questo costante voler insistere che solo la sua ricetta è giusta e che ogni altra è fuffa e dettagli insignificanti è veramente irritante e ideologica!

    Barnard ha perfino scritto, nel corso degli scorsi anni, che occuparsi di Mafia è secondario…

    A questo porta l’ideologia. Non si sbaglia, anche quando è un’ideologia presuntamente scientifica. Porta a pensare che tutto ciò che non rientra nella propria idea è sbagliato o insignificante.

    Quindi, secondo B., la selezione della classe dirigente in Italia non è rilevante. Anzi le ruberie “alimenterebbero una parte della sua economia” come dice nell’articolo.

    Basta cazzate, forza. Svegliamoci un po’ tutti…riacquistiamo il senso delle proporsioni che le varie e diverse crisi hanno incrinato.
    NON esiste UNA soluzione, perchè NON esiste UN problema.

    Rassegnati Barnard. Proponi una soluzione per un problema e smetti di rompere le palle a chi si occupa di altro.

    D’altronde, quando avevamo ‘sta dannata moneta sovrana l’Italia non era questo paradiso del Bengodi, o no?
    Qualcuno se lo ricorda Craxi? E Andreotti? Non c’era mica l’euro allora…ma la gente dell’Irpinia ha vissuto nei container per decenni!

    Secondo me, la selezione della classe dirigente e il problema della trasparenza e della legalità nell’amministrazione della cosa pubblica è LARGAMENTE più importante (almeno in Italia) delle implicazioni monetariste.

    Ma comunque vogliamo dire che stanno alla pari?
    OK, alla pari…ma piantiamola con i fanatismi della ceppa…

  • ericvonmaan

    Basterebbe che Barnard, dopo avere scritto un articolo, invece di pubblicarlo subito lo lasciasse nel suo computer per 3/4 giorni, rileggendolo e rimuginandoci su, sono sicuro che scriverebbe meno stupidaggini e si esporrebbe a meno critiche. E’ come quelle persone che quando si incazzano devono trattenere il fiato e contare fino a 10 prima di parlare.

  • Sokratico

    Guarda caro che avevamo capito già prima…

    le critiche a Barnard sono sull’assenza di “proporzionalità” tra le sue affermazioni e i dati storici!

    Ok, con l’euro la corruzione è peggiore perchè è più dannosa. Sono d’accordo.
    Ma Barnard ha aggiunto anche che le ruberie “alimenterebbero almeno una parte dell’economia”…e questa è, semplicemente, una cazzata.

    L’Italia ha avuto per 60 anni la moneta sovrana e questa non solo non l’ha salvata ma ha permesso l’instaurazione della corruzione sistemica alimentata dal debito pubblico…

    Qualcuno se le ricorda le Metropolitane milanesi che sono costate qualcosa come dieci volte il preventivo con servizi scadenti e qualità infima?

    Oh, certo, con quei soldi un sacco di gente ha fatto girare l’economia con i suoi festini a base di champagne, caviale e fica…ma le metropolitane restano di merda e i soldi pubblici sono stati buttati nel cesso.
    Bella soddisfazione!

    A me non mi frega dell’ideologia di mercato, sono OSTILE al mercato.
    Mi interessa l’onestà.

    Dammi un’amministratore onesto, con l’euro, e tienti i Fiorito e i Cuffaro con la Lira…siamo d’accordo? Ci staresti?

  • braveheart

    E’ incredibile il livore contro Barnard e ancora di più contro la
    Moneta sovrana, livore soverchiato solo dall’ignoranza sui temi economici.
    Uno che accusa Barnard di lucrare sui convegni, senza dimostrare le sue accuse, l’altro che vomita al solo pensiero di stampare moneta, come se adesso la BCE stampasse figurine della panini, e lui invece, giù a massacrare la mmt che dice di voler fare lo stesso , ma direttamente allo stato senza dover mendicare a suon di interessi.
    L’altro che tira in ballo weimar, senza nemmeno sapere cosa successe allora.
    Roba da matti.
    Monti, ascoltami, ti prego , hai fatto ancora poco. Questa gente si merita anche un espianto di organi da rivendere per sanare il tuo debito truffa.

  • SentieroIndiano

    Barnard ha essenzialmente ragione: gente come Fiorito è diventata infinitamente più dannosa ora che siamo obbligati ad utilizzare una moneta straniera come l’euro che il nostro stato non può emettere liberamente.
    E’ anche vero che i soldi rubati dai disonesti che hanno occasione di rubare dalle casse pubbliche alla fine tornano nelle tasche delle aziende. C’è poco da fare: se un politico ruba i soldi per comprarsi una ferrari, i soldi vanno alla fine nelle tasche degli operai, tecnici, venditori, dirigenti che producono quella macchina.
    In uno stato a moneta sovrana i vari fiorito compiono sicuramente un reato e per questo vanno perseguiti e condannati ma non arrecano all’economia il grosso danno che invece compiono ora che abbiamo sovranità monetaria.
    Dire che uno stato che adotta l’mmt beneficia degli sprechi è però una frase un pò esagerata e provocatoria ma io penso che non sia vero.
    La spesa dello stato deve essere scrupolosamente indirizzata verso il raggiungimento della piena occupazione e allo stimolo dell’economia perchè così si darebbe valore alla moneta emessa controbilanciandola con lavoro e quindi produzione di beni reali e servizi realmente utili alla società.
    In uno stato che adotta l’MMT con un esercito di corrotti, parassiti e ladri pubblici che ricevono soldi ma non lavorano, questo provocherebbe comunque un grosso danno all’economia perchè di fatto provocherebbe l’emissione di moneta a vuoto.

  • SentieroIndiano

    errta-corrige: … ora che NON abbiamo sovranità monetaria ….

  • braveheart

    Tanto per capire di cosa si parla:
    qualcuno dei massacratori di MMT sa indicare la cifra della corruzione, delle malversazioni, delle evasioni negli ultimi 20anni, e contestualmente indicare sempre negli ultimi vent’anni l’ammontare degli interessi sul debito pagati a causa del divorzio fra banca d’Italia e ministero del tesoro?

  • Arazzi

    Non è questione di MMT, ormai la usate come appiglio per qualsiasi critica. La questione è che non riuscite a vedere le cose nel complesso, o siete semplicemente stupidi o avete il cervello talmente pieno di merda che ormai è impossibile far spazio ad altre idee. Siete solo dei poveri portatori involontari del pensiero dominante – Bisogna fare i complimenti a questi burattinai che son riusciti a lavare così bene il cervello ad intere generazioni.

  • misunderestimated

    Quanti gruppi di portaerei ha l’Italia? Missili balistici nucleari?

  • braveheart

    Perché, secondo te , la mmt cosa dice?
    Almeno informarsi prima di spingere i tasti.

  • Tetris1917

    Si puo’ emettere denaro (da stati sovrani) in maniera illimitata e non connessa a nessuna forma di merce reale e di produzione diretta, solo e solo se comunque quell’emissione e’ legata alla circolazione e alla produzione di un bene planetario riconosciuto: petrolio ad esempio (vedere USA con il dollaro). L’unica nazione che puo’ continuare ad emettere dollari, stampandoli dal nulla, insieme al controllo geopolitico su molti produttori diretti di greggio, tramite le guerre successive avute nell’ultimo secolo.
    Il resto porta a Weimar, se si pretende di alimentare il debito e sprechi, e non l’economia reale. Occorreranno carriole di soldi per comprare un grammo di pepe
    Continuiamo a farci ciucciare plusvalore da questi parassiti, e a dire pure che questi pesi massimi non sono un problema. Barnard: MMT e’ Keynes , quando poi la realta’ di oggi richiede qualcosa oltre Keynes.

  • Hamelin

    Mi sembrava sottointeso che ci fossero anche altri fattori tipo : Potenza Militare e Potenza Mediatica che influenzano la credibilità .
    Essendo l’Italia un paese occupato da piu’ di 60 anni e non avendo una sovranità , ed essendo dei semplici servi il paragone non regge.
    Un conto è essere realmente una nazione, un conto è essere un burattino che esegue i movimenti a comando.
    La Libia a mio parere è stata liquidata perchè si è opposta alla mafia del’USD (vedi dinaro d’oro , petrolio per EUR ) , ed alla Corporatocrazia Bancaria (https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8569) e soprattutto perchè non aveva un esercito all’altezza .

  • braveheart

    Infatti. Ma non bisogna denigrarli, sono vittime, devono sOlo essere informati, come abbiamo fatto, a nostra volta lobotomizzare, prima di riuscire ad aPrire gli occhi.

  • SentieroIndiano

    su questo penso che tu abbia ragione ….

  • ilsanto

    Il problema non è scegliere tra destra e sinistra come vuol farti credere la casta che intanto ingrassa comunque alle tue spalle, ne a maggior ragione devi pensare come un topolino nel labirinto se andare a destra o sinistra per uscire dal labirinto dove ti anno cacciato. Le teorie economiche keynesiane o dei chicago boys non funzionano più.
    Perchè non siamo più all’epoca degli stati quando erano state proposte,
    Perchè siamo nella globalizzazione, perchè siamo nell’epoca di internet, perchè l’economia si è finanziarizzata, perchè i capitali hanno un approdo sicuro nei paradisi fiscali, perchè gli stati NON hanno nessuno strumento per fermare i movimenti di capitali, perchè i capitali e gli individui si spostano alla velocità di internet o dei jet e se ne fottono dell’Italia o di qualsiasi altra cosa che si frapponga tra loro ed i guadagni, perchè la politica non esiste più è morta al massimo fa da scendiletto per gli ineressi del capitale, perchè Marchionne ti dice chiaramente che produce in Brasile perchè gli finanziano gli stabilimenti o in Serbia dove gli operai costano 200 euro al mese e per amor di dio non parliamo della cina e della foxconn dove si suicidano per fare gli iphone dormendo in fabbrica e con gli straordinari obbligatori etc etc.
    dove i sindacati non esistono più e neanche le ideologie e neanche la religione.
    Guarda mi fermo ma cerca di capire che il mondo è cambiato e dobbiamo darci una mossa molto in fretta o tra poco col picco del petrolio, l’effetto serra, la desertificazione, la crescita demografica, la carenza di alimenti, la mancanza d’acqua, l’iperinflazione si salverà solo quel famoso 1% mentre gli altri sono destinati a morire.

  • Andrea85

    Condivido il tuo pensiero al 100%. Provocazione o meno la sparata dei ladroni che alimenterebbero l’economia PB se la poteva risparmiare. Per il resto ormai solo chi è palesemente in malafede può continuare a difendere il sistema euro (e annessi e connessi) così com’è oggi.

  • Hamelin

    Tranquillo … i “lobotomizzati” anche se finiranno sotto i ponti ma ci finiranno sicuramente un attimo dopo di te…per quel che puo’ valere…

  • Hamelin

    Bhè menomale che ci sono i geni da tastiera illuminati che vedono le cose nel loro complesso…
    Ma per favore…

  • Arazzi

    In teoria sarei d’accordo ma seguo CDC da diverso tempo e i commenti sono sempre quelli, non hanno imparato nulla e non impareranno mai finchè non dovranno mangere bucce di banana sotto i ponti. Non ho più la forza che ha Barnard e i pochi che ancora provano a spiegare le cose su questi forum – Posso solo insultarli ormai, e non ci vedo niente di male, io vengo insultato ogni volta che mi capita di leggere le loro solite cazzate.

  • shoona

    1)Chi sostiene che una teoria sia la verità non può parlare con una visione complessiva. Punto secondo, la MMT non è una nuova idea ma è semplicemente l’ennesima rivisitazione-restaurazione del capitalismo.
    Perciò,punto terzo, è proprio la MMT a rappresentare il pensiero dominante sotto un’altra veste. Tutto è merce e denaro. Tutto deve esser crescita. Punto quarto il buon Paolo Barnard nel suo piccolo, assolve benissimo alla funzione di burattinaio.

  • Georgejefferson

    La congiura dei tecnici.Breve storia di un colpo di stato,il divorzio Bc/Tesoro

    http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/in-edicola/manip2n1/20120929/manip2pg/10/manip2pz/329389/

  • braveheart

    Che una teoria sia la verità e fuori della realtà? Cioè se ti enuncio la teoria della relatività sono fuori della visione complessiva?
    L’MMT e’ il capitalismo? Cioè dare la sovranità della
    Moneta al poPolo per te rappresenta il capitalismo?
    La mmt tutta merce e denaro? No, solo che essendo una teoria monetaria lascia a te i fumetti e i romanzi d’amore.
    Riguardo al burattinaio, devi ancora provare la tua accusa a Barnard di lucrare sui convengni, e fino ad allora , fuffa.

  • braveheart

    Nooooo. Ma scherzi?
    Cosa vuoi che siano 1900 miliardi pagati in interessi di. Fronte a un fiorito.
    La gente non ha ancora capito che quando un fatto va in mainstream e solo perché funzionale a chi ci sta trapanando.
    Se dici a loro che se avessimo mantenuto la sovranità monetaria totale dal 1982, ora non avremo debito, come minimo gli viene un colpo apoplettico.

  • ilsanto

    Non ho nulla contro nessuno ognuno ha le sue idee e spero sia animato dalle migliori intenzioni ma credo che sia oggettivo che la finanza non è il mondo delle favole e che rappresenta comunque quello che stà sotto.
    Ora quello che stà sotto alla finanza è chiarissimo esiste una economia reale che da anni si sta riallocando sono anni che la produzione industriale scende nei paesi “OCSE” e cresce altrove per il semplice motivo che il costo in Giappone, USA, EU è più alto che in Cina, India etc.
    Prima non si spostava perchè c’era la guerra fredda con il crollo del muro di Berlino i giochi si sono aperti.
    Detto questo va da se che se porti la produzione altrove poi devi importare quei beni e la bilancia commerciale ne soffre.
    Purtroppo al problema Cina si è aggiunto quello OPEC e si perche se andate a vedere le cifre noterete come il surplus commerciale dell’Arabia sia il doppio di quello della Cina ma nessuno ne parla.
    Comunque sia se importi petrolio, gas, carbone per produrre energia e moltissimi prodotti a basso costo dalla Cina e quelli ad alta tecnologia da Giappone, USA e Germania a te cosa resta a parte la pizza e il mandolino ?

  • mincuo

    Barnard dice un cosa essenzialmente giusta sulla spesa e gli sprechi e su moneta sovrana.
    Poi fa il propagandista, ma è il suo lavoro. Non è che aver una moneta propria lo puoi fare solo con la MMT.
    E nemmeno per prevedere una moneta asset e debt free c’è bisigno di neo chartalismi. E’ una possibilità, tra tante.
    I Paesi sono cresciuti così nel dopoguerra. L’Italia è un esempio, hanno dato lavoro a cani e porci, e non valeva lo stipendio, e infatti è meglio dire uno stipendio, così consumavano e le imprese potevano espandersi.
    Il Giappone uguale.
    Oggi sarebbe un pò diverso, non sarebbe possibile a quei ritmi, ma il principio a cui accennava,, coi dovuti limiti è corretto.
    Sbagliato fare il paragone US e inflazione invece. A parte che l’nflazione US non è quella ufficiale, ma i QE sono particolari, non vanno all’economia. Nemmeno gli LTRO di Draghi. Sono soldi contro titoli, allle banche, che ridepositano su BC in aprte, e in parte sostiuiscono assets.
    Il credito anzi si è contratto, non espanso qui, e le politiche sono restrittive.
    Sbagliati anche i commenti su Weimar (l’iperinflazione ebbe cause precise, e la “stampa” di moneta fu conseguenza di quelle, che sono di ordine di BoP e di speculazione sui cambi provocata dalla stessa Reichbank (privata) e dalle concessioni date alle altre banche private, non è quindi la causa, ma l’effetto) e sbagliati quelli su moneta e petrolio.
    Una moneta di riserva mondiale è certamente un privilegio enorme, e avere un impero che come tutti gli imperi hanno sempre fatto la impone, insieme a fare deficit per aumentare ricchezza, è altrettanto un privilegio enorme, ma non significa che solo chi ha moneta di riserva mondiale possa emettere moneta. Nè che c’entri molto il petrolio. Nel nostro caso almeno non molto, non siamo il Kuwait o l’Iran, che hanno economie abbastanza basate su quello.
    C’entra se a fronte facciamo ricchezza e le due cose sono commisurate. In quel caso la moneta nostra va benissimo, piace a tutti e tutti la vogliono e vogliono investire qui. Se non produce ricchezza allora fa inflazione, e allora piace meno e vale meno.
    Se molta moneta va a finire in sprechi ecc.. fa sì un pò di consumi lo stesso, ma l’output è poco e quindi fa inflazione, se la spesa è indirizzata bene fa ricchezza. Non è molto un problema di MMT o di un’altra ricetta applicata questo, ma di sistema politico e di classi dirigenti. Cioè di uomini, non solo di strumenti.

  • rosbaol

    Ma non posiamo fare a meno dei Cuffaro e dell’Euro?

    E’ così assurdo? Anche Stiglitz dice che uscire dall’euro “non è la fine del mondo”

    Io non sposo la tesi del stampiamo a nastro, proprio perchè non siamo gli USA, nel senso, non possiamo ricattare il mondo dicendo o usate i dollari oppure …ricordate gli indiani?

    Io voglio che l’Italia possa fare la propia politica economica e uscire dall’euro mi sembra il primo passo. E’ credo che un popolo abbia la responsabilità ed il diritto di scegliersi i politici che lo governano.
    Perchè non credo che il vincolo esterno è stato creato per portare pace e armonia fra i popoli.
    L’euro non è l’unica moneta della UE, se ne aggiungerebbe un’altra.

    Poi, che Barnard semplifica talmente tanto da rendere tutto una barzelletta sono assolutamente d’accordo. E poi l’Italia non ha avuto la lira per 60 anni.
    L’ha avuta fino al 1981 🙂

    Ma sei sicuro che con una classe politica migliore di questa l’euro funzionerebbe?

    L’irlanda, spagna, portogallo, islanda, tutti mafiosi e camorristi?
    A breve la Francia verrà annoverata tra i pigs, manca poco.
    Non metto la grecia se no parte il mantra dei conti pubblici truccati.

    Io qualche dubbio sull’euro me lo porrei.

    Per favore, niente insulti, io non sono un esperto. Sono una persone che cerca di fare 2+2 . E a me addebitare tutto alla corruzione (che non mi piace, ovviamente) mi sembra troppo riduttivo.

    E poi, se ho capito bene, e se c’è qualche esperto magari mi corregge: un unione monetaria prevede per forza di cose che il paese più attrezzato soccorra quello più debole (gli stati che compongono gli USA non sono tutti ricchi, o no?). Ma ce la vedi la Germania salvare l’Irlanda o la Spagna, oppure, orrore, la Grecia?

    L’ eurozona che unisce i popoli è semplicemte fantapolitica. Oppure strumentale a qualcuno che in questo dramma si porta dei piccioli a casa.

  • rosbaol

    Ottima domanda! Però, ammettiamolo, Barnard a furia di semplificare sta rendendo sta storia ridicola.

  • Aironeblu

    Il dollaro USA ben accettato volentieri da tutti? …. Se era una battuta, diciamo che è simpatica, ma che potrebbe dare un po’ fastidio proprio ai cittadini libici, che per volersi liberare dalla schiavitù del dollaro hanno subito un genocidio che li ha riportati indietro di 30 anni.

  • rosbaol

    Sta tutta lì la scelleratezza di Barnard. E’ da modo agli Eurofan di sparare a zero.

  • rosbaol

    Ehmmm..io non c’entro nulla. Ecco, se Monti li selezionasse prima, non avrei nulla in contrario.

  • simonlester

    Va bene se invece del politico i soldi li posso rubare io?
    Giuro, mi compro la ferrari e i soldi vanno agli operai, tecnici, venditori.
    Anche gli operai ferrari possono rubare?
    Così a loro volta si comprano la ferrari e l’ economia gira.

  • Aironeblu

    Sulla MMT come rivisitazione del capitalismo, devo dire che ci hai preso in pieno: cos’altro sarebbe la proposta di alimentare l’economia con l’iniezione di capitale? E l’ideologia veteroconsumista che confonde tra beni e merci?

  • simonlester

    Perchè i paesi africani continuano a vivere nella povertà?
    Basterebbe stampassero più moneta e costruirebbero ospedali, fabbriche, darebbero lavoro a operai , muratori , cuochi ecc…
    che a loro volta spenderebbero in ville, auto, ristoranti.
    Che stupidi che sono

  • mincuo

    Sono dollarizzati simonlester. A fronte della moneta che stampano devono avere dollari di riserve. Non sono stupidi, sono schiavi. Un pò diverso. Quelli liberi, come la Libia, se la stampavano invece. Una volta. Ora la Banca Libica è privata. L’hanno privatizzata ancor prima di fare gli interventi “umanitari” e “per la libertà”. Fu la prima cosa che fecero, insieme a contratti petroliferi pro Qatar, Inglesi, Francesi, US e Norvegesi. In pratica ne costituirono una a Tripoli, privata, e l’hanno accreditata subito, FMI e W.B. in testa. Chi ha le quote dell BC invece non si può dire. Di alcuni non si può mai dire. In pubblico.

  • ilsanto

    Per concludere il mio precedente se la base produttiva la perdi perchè non è concorrenziale con la cina, l’india, etc per i costi è vero che puoi uscire dall’euro, stampare moneta, svalutare ma quando raggiungi il punto di equilibrio per cui non conviene più delocalizzare ? quando i costi sono simili e non è un 10% ne un 20% come dicono ma molto molto di più perchè da noi un operaio prende che so 1500 euro che con i contributi e tredicesima quattordicesima tfr ferie pagate fanno 3000 per 40 ore settimanali per undici mesi, in certi paesi te ne danno 150 con tasse bassissime , le ferie te le scordi e anche la tredicesima e il tfr e non fai 40 ore settimanali ci puoi giurare bon adesso fatti due conti e vedi un pò quanta inflazione devi imbarcare per arrivare li.
    Un’altra soluzione è quella di aumentare la produttività, produrre tantissimo ed esportare tantissimo come fa per esempio la Germania ma se tutti fossero così bravi e ne dubito a chi esportiamo ? qualcuno che importa ci vorrà pure o no ? Ergo non è possibile in nessun modo mantenere questo tenore di vita ( parlo dei paesi OCSE ) nel complesso. Poi che ci riesca la Germania vuol solo dire che ci rimettono i PIIGS se restano nell’EURO o che escono e affrontano l’incognita inflazione.

  • Aironeblu

    Questa volta Barnard avrebbe potuto scrivere una riflessione corretta, per quanto ovvia, se non fosse scivolato come al solito nella gretta ideologia MMT. E dico gretta non a caso, perchè uno che vuole promuovere la sua teoria economica, non può giustificare i suoi ragionamenti dicendo ogni due righe “è cosí, perchè come la MMT ci insegna….”

    Mi ricorda tristemente i testimoni di Geova quando cercano di spiegarti che “è così, è scritto sulla Torre di Guardia!”….

    Tornando alle considerazioni sugli sprechi, è verissimo che oggi nel sistema Euro questi sprechi ci costano molto di più, perchè fuoriescono a interessi elevati dal nostro paese. È verissimo che negli anni ’80 avevamo buoni livelli di competitività nonostante l’incompetenza e la corruzione del nostro sistema politico. Ma che l’economia possa beneficiare degli sprechi è proprio una stupidata da MMT: gli sprechi sono PERDITE di risorse che vengono sottratte alla nostra ricchezza e alla creazione del nostro benessere reale, quello che si ha con le strade, le scuole, le infrastrutture, l’edilizia sostenibile, la cultura, l’ambiente, le iniziative sociali, e NON con dei pezzi di carta stampati da Barnard

    Sarebbe molto più produttivo semplicemente dare un calcio in culo all’euro e uno alla nostra classe politica corrotta, e ricominciare da capo.

  • mincuo

    Svalutazione e inflazione sono due cose diverse. Il pass-through solitamente è 1/10 e anche meno. Per noi nel 92 quando uscimmo da SME (che era un simil EUR un pò annacquato dalle bande consentite) fu positivo, cioè calò inflazione dopo la svalutazione.
    Ed è abbastanza logico per il nostro Paese che ha PMI votate ad esport, molto dinamiche, ma client-oriented, sensibili al prezzo.
    Quel che dici su stipendi Cinesi o Indiani bassissimi è giusto, ma vale per tutti. Quello andrebbe semmai risolto con tariffe, cosa che fanno gli stesi Cinesi ad esempio nei confronti di molti beni (prodotti dì oreficeria ad esempio dove hanno barriere doganali altissime, noi invece no, così distruggiamo Valenza Pò e Vicenza, ma siamo molto democratici e “multietnici” e un pò cog.lioni). Per non parlare delle barriere US.
    Comunque la storia dell’EUR è che ora importi ANCHE da Germania ecc…e distruggi pure il mercato interno, e non esporti a loro molto, mentre con una tua moneta e un cambio che si aggiusterebbe in modo naturale sulla tua economia esporteresti, come hai sempre fatto.
    I Cinesi sul groppone, ammesso di non avere una politica doganale, ti restano, ma anche agli altri. MA non ti restano US, Germania, Francia, Svezia, ecc…Noi facevamo +40mld di surplus di c/a nel 1999 e ora -60mld all’anno dopo l’EUR. Fanno -100mld all’anno tra andare e venire. 1000 miliardi in 10 anni.
    Te li puoi guardare, sono dati pubblici.

  • Aironeblu

    Bellissima…^^

    Speriamo che Barnard prenda lo spunto dal tuo commento e si precipiti in Burkina Faso a proporre le sue miracolose soluzioni, con una buona stampante anche dalla sabbia del deserto scorreranno fiumi di latte e miele!

  • Fedeledellacroce

    Grazie @mincuo,
    commenti come il tuo sono la ragione per cui leggo cdc.
    Invito i bernardiani e antibernardiani a misurarsi in questi termini piuttosto che apostrofarsi come da commenti precedenti.

  • Jor-el

    Appunto, amici miei, è esattamente quel che volevo dire io: i bilanci in ordine contano fino a un certo punto, quando il gioco è truccato.

  • cdcuser

    concordo

  • misunderestimated

    Aironeblu, perché lambiccarsi tanto? Niente rotative, la sabbia stessa potrebbe essere la loro nuova moneta!

  • Fedeledellacroce

    Quoto “Sarebbe molto più produttivo semplicemente dare un calcio in culo all’euro e uno alla nostra classe politica corrotta, e ricominciare da capo.”
    Sono d’accordo con questa ovvia soluzione, anche se proporrei: prima un calcio in culo ai politici, e dopo uno all’euro.

  • mincuo

    Non è che stupisca vedere certi commenti. Sono in buona fede. Quando mai spiegano alla gente come e perchè sono messi in quel modo quei poveracci in Africa, come moneta, come materie prime, e come autonomia politica. Al massimo gli fanno una bella cosa emotiva e vai colla telefonata da un EUR “aiuta i bambini Africani” e poi c’è il commercio “equo e solidale” e la “decrescita felice”. Nella tomba. Ma tanto felici però.

  • Aironeblu

    Va bene, prima il piacere….

  • SentieroIndiano

    Rubare è un reato: io ho solo detto che in uno stato a moneta sovrana non c’è reale danno all’economia ma sempre reato rimane e in quanto tale deve essere perseguito.
    Il problema è che in questo momento i mass-media controllati dal regime montiano danno molto risalto alla vicenda fiorito che in realtà sarebbe una squallida notizia di cronaca di poca importanza. L’informazione di regime vuole mettere in testa agli Italiani che la causa di tutti i mali economici dell’Italia è di fiorito ed i suoi simili.
    Non è vero: la causa è dell’euro e in questo momento, come ha recentemente affermato la corte dei conti, le politiche economiche scellerate di Monti stanno aggravando molto la già grave situazione.

  • Cornelia

    Ma voi c’eravate negli anni ’70, bambinetti?
    Lo sapete che negli anni ’70 le tasse non le pagava nessuno se non i redditi fissi, e i politici rubavano come matti a braccetto della mafia?

    E lo sapete che negli anni ’70 si stava UNA FAVOLA, che nessuno faceva sacrifici, che nessuno sfruttava la gente, che TUTTI avevano un posto di lavoro a tempo indeterminato e si compravano la casa al mare con la busta paga da impiegati?
    Tu non sai niente, Jon Snow.

  • rosbaol

    Mi piaci ragazzo.

  • braveheart

    Guarda, a mio parere parla ancora troppo tecnicamente.
    I concetti sono talmente semplici che se si capiscono veramente ti scoppia la bile.

  • Jor-el

    E’ quello che succede qui quando si cerca di fare un discorso politico. Ci stanno raccontando che, ahimè, l’Italia sta affondando per colpa della corruzione, dell’evasione fiscale, degli sprechi, delle ruberie, dei falsi invalidi e via discorrendo e che per riparare i danni provocati da questi più o meno fumosi nemici (che sono di volta in volta ridefiniti dai media a seconda delle esigenze del momento) abbiamo bisogno della “ricetta” UE: Euro, Fiscal Compact, pareggio in bilancio in Costituzione, tagli allo stato sociale, riduzione dei salari, aumento del carico fiscale, svendita degli asset pubblici a soggetti privati e dio sa cos’altro. Anche un bambino capirebbe che siamo di fronte a un’agenda POLITICA, un piano, un progetto, chiamatelo come vi pare, il cui obiettivo non è certo di ordine morale, visto che ci vengono a chiedere a noi i soldi che rubano i loro amici. Non si tratta di tornare all’Italia di Craxi e Andreotti (attenzione, già allora la Lira era moneta “semisovrana”), qui si tratta di battere un preciso progetto politico che con corruzione e evasione fiscale non ha NULLA a che vedere. La realizzazione di questo progetto politico prevede che la favola che si chiama TANA diventi ideologia dominante. Così hanno sbattuto altri mostri in prima pagina, hanno tirato fuori dal cassetto inchieste appositamente tenute pronte (CHI non sapeva che i “fascisti di governo” a Roma rubavano?), con le facce giuste, i nomi giusti, nel momento giusto. E noi stiamo qui a fare le pulci alle teorie economiche, come se a Monti e al suo governo interessasse davvero “salvare l’Italia”. Noi dobbiamo AFFONDARE il Governo Monti. Abbiamo il dovere di dire a tutti che Monti non è una specie di chirurgo che sta operando d’urgenza un paese moribondo, ma è il killer che lo sta pugnalando. Abbiamo il dovere di smascherare le mistificazioni su cos’è la moneta, sul rapporto fra moneta e ricchezza, fra ricchezza, produttività e crescita. Sono tutte puttanate. Oramai ce le hanno raccontate tutte. Dovremmo dar loro tutti i nostri soldi perché… il mondo è sovrappopolato, il petrolio sta finendo, il metano pure, i vecchi vivono troppo, i musulmani vogliono imporre il burqua alle letteronze, il clima sta cambiando, l’Iran ha l’atomica, Assad tortura i bambini negli ospedali (questa mi ha stupito più delle altre. Perchè Assad, in questo momento, messo com’è messo, dovrebbe abbandonarsi a torturar bambini?Bah!). Ogni giorno ne inventano una per spaventarci, per costringerci a pensare che non c’è scampo, che non ci sono alternative, che dobbiamo rassegnarci, accettare un presente e un futuro di penuria… Vedo, purtroppo, che sono a buon punto. Ho letto post in cui lo stampare moneta (cosa di ordinaria amministrazione in uno stato moderno) viene definito come … indebitare le generazioni future!!! A quelli che mi hanno chiesto se preferisco i 1) ladri e la Lira 2) Monti e l’Euro, rispondo 1, senza esitazioni, ma non perché sono un fan dei ladri, ma perchè adesso, mentre ci spulciamo su queste stupidaggini, ci rifilano il pacchetto completo: i ladri, Monti e l’Euro! Senza alternative.

  • braveheart

    ” …gli sprechi sono PERDITE di risorse che vengono sottratte alla nostra ricchezza e alla creazione del nostro benessere reale, quello che si ha con le strade, le scuole, le infrastrutture, l’edilizia sostenibile, la cultura, l’ambiente, le iniziative sociali, e NON con dei pezzi di carta stampati da Barnard…”

    Questo è il tipico pensiero di chi non ha minimamente capito cosa è la mmt, o semplicemente un paese a sovranità monetaria totale.
    Infatti, uno stato a moneta sovrana quei beni e quei servizi che hai elencato li paga con l’emissio0ne di moneta.
    E se l’emissione di moneta corrisponde a beni e servizi, non c’è neppure inflazione.
    riguardo alle malversazioni e alla corruzione, va da se che sarebbe spesa improduttiva, ma un euro rubato da un politicante, ha la possibilità di ritornare nell’economia reale, i 1000 miliardi dati da draghi alle banche a febbraio, creano solo altro debito pubblico e/o bolle finanziarie.
    Ti è chiara la differenza?

  • braveheart

    confondi i termini.
    L’emissione di moneta nonè iniezione di capitale.
    Il capitale è per sua definizione l’accantonamento generato dal plusvalore di impresa sul lavoro degli stipendiati.
    Ergo, il capitale ha una genesi ed un effetto diversi sull’economia rispetto alla emissione sovrana che è quindi senza debito. Debito che invece il capitale crea.
    Vedi l’attuale situazione ove le banche per prestare liquidità generano debito.
    Chiara la differenza?

  • ilsanto

    Grazie per le informazioni e per la correzione su inflazione/svalutazione,
    Il ragionamento che uscire dall’euro sia positivo perchè ci restituisce la possibilità di svalutare lo condivido, ma eravamo entrati nell’euro proprio per evitare la continua erosione del cambio, per spingerci all’efficienza, per evitare le fughe di capitali, per far fronte comune all’invasione dei prodotti cinesi ed alla tecnologia americana, perchè da soli non ci sono le dimensioni per competere con gli USA e la CINA pensavo ad una europa unita politicamente, militarmente, fiscalmente, industrialmente.
    In una fosca previsione vedevo USA e CINA spartirsi il mondo allargare le loro sfere di influenza fino a schiacciare i paesi Europei dopo di che affrontarsi nello scontro finale per il dominio del mondo.
    l’EU speravo fosse la terza potenza in grado di stabilizzare il mondo evitandoci questo finale.

  • Georgejefferson

    Estraggo due considerazioni fatte da Mincuo neli’interessante thread:”moneta fiat,la verita”

    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=51905

    Li posto perche sono inerenti al tema trattato…La metodologia di comunicazione e’ importante,le stesse cose le puoi dire in modo diverso,e diverse reazioni puoi ottenere

    Da Mincuo

    La magistratura conosceva da 50 anni i finanziamenti ai Partiti da parte delle imprese di Stato, era il segreto di Pulcinella e finanziavano tutti i Partiti e si diceva pure sui giornali, veniva chiamato Manuale Cencelli. Fu creato “il Terrore” così i manager pubblici minacciati di galera per corruzione, cioè finanziamento ai Partiti, che era una prassi obbligata da 50 anni, dovettero star zitti e firmare cambi di Statuti, ecc….Qualcuno si oppose come Franco Nobili che era Vicepresidente IRI e lo misero in gattabuia, mentre il Presidente Prodi neanche convocato, come se un vicepresidente potesse fare a cazzo senza che il Presidente sapesse nulla. Quando si vide quello (e altri,)poi calarono le braghe tutti.

    Fino all’81 in realtà l’Italia si finanziava in attivo, cioè quel che pagava di tassi erano tassi reali negativi, significa che riduceva in realtà debito. L’esplosione del debito che viene detto Craxi ecc.. non è vero. E’ da divorzio BDI/TESORO. Puoi vedere i grafici storici e lo vedi benissimo. Con Craxi aumentò nominalmente perchè tutti i tassi mondiali erano altissimi. I Fed Funds US stavano al 20%. Ma aumentarono ovunque i debiti nominalmente. In realtà poi quel perido di alta inflazione non colpì tanto i lavoratori, fu un immenso trasferimento dai risparmiatori alle imprese, che con quei soldi ristrutturarono il sistema industriale. Cioè col 20% di inflazione il mio debito (impresa) in banca dopo tot anni in valore reale è dimezzato o più. Gli interessi li pago al 20% ma il debito s’è dimezzato o meno. Mentre io risparmiatore prendo sì le cedole del 20% di interessi ma in linea capitale il mio capitale s’è dimezzato o meno. Poi come la vuoi vedere “cattivo” “buono” ma di fatto gettò le basi di ripresa del sistema industriale.
    Ma eravamo NOI un popolo e una nazione. Ci sarebbero tante cose da dire. Perchè non fu solo quello, e io c’ero allora, fu che negli anni 90 venne distrutta mezza industria strategica con le privatizzazioni: farmaceutica, telefonia, cantieristica, chimica, nucleare, una parte di meccanica ecc. Ci sono cose che deve fare o controllare uno Stato e sono strategiche.
    I Francesi se le tengono, gli US se le tengono, gli Inglesi pure, scherzi.
    Qui fu fatta un’oscenità e intanto mostravano in TV le bustarelle da quattro soldi mentre si svendeva mezza Nazione e pure per metà prezzo. Centinaia di miliardi di EUR a valore di oggi, altro che Pio Albergo Trivulzio. E perdemmo la Cina (dove iniziava i boom per investire) e non a caso, questa è un pò lunga, ma in breve in Cina ci andavi col pacchetto completo IRI ENI FIAT e allora ci andavi se no ciccia, frattaglie. Lì prendevi un aregione come 5 volte Italia alla volta. E ci hanno frantumato anche per quello, per non averci concorrenti, che noi eravamo i più temibili.

  • Georgejefferson

    E’l’illusione indotta che pensavo(e ancora tanti credono)fino a qualche anno fa.Poi ho visto chi ci sta dietro realmente e i ladri di polli nostrani sono nulla,al confronto.

  • mincuo

    @Ilsanto. L'”erosione” del cambio è terribile se siamo noi, ma se è il dollaro che “erode” ed erode eh se gli conviene, eccome se “erode”, allora quella non si chiama “erosione”. E non è “cattiva”. Pensa un pò. Nemmeno quella Inglese è cattiva quando erode la Sterlina.
    E nemmeno quella giapponese se erode lo Yen. La Cina poi ha sempre “eroso” attaccandosi al dollaro secco secco al centesimo dal 1994 al 2005. E così molte economie Asiatiche. Ma quasi tutte.
    Praticamente nessuno è “cattivo” se ha una moneta e adegua il cambio alle sue esigenze, alla sua competitività, salvo noi. Accidenti!!! Solo noi se eroddavamo eravamo cattivi!
    Guarda che è un bel fatto eh!
    Così ci hanno dato una moneta forte, e fissa. Una furbata. Neanche un’associazione per deliquere di stampo mafioso avrebbe avuto il pelo sullo stomaco di far questo a un Paese com l’Italia. O la Grecia. O la Spagna.
    Noi siamo un paese esportatore, non abbiamo molte materie prime, le compriamo le lavoriamo e le esportiamo. Il cambio favorevole è una necessità. E poi non abbiamo mica sempre “eroso”, abbiamo anche rivalutato, il cambio si aggiusta da solo con la bilancia commerciale essenzialmente.
    Ma noi eravamo cattivi. Per fortuna Prodi, Amato, Padoa Schioppa, Draghi ecc..ci hanno salvato. E siamo diventati buoni. Tutto bene.

  • MarkSC192

    “L’Italia ha avuto per 60 anni la moneta sovrana e questa non solo non l’ha salvata ma ha permesso l’instaurazione della corruzione sistemica alimentata dal debito pubblico…”

    Dire che la moneta sovrana ha alimentato la corruzione sistemica è come dire che il latte, l’affetto, le cure e le attenzioni materne e familiari hanno alimentato anche la delinquenza poiché, senza di esse, probabilmente quei bambini oggi delinquenti non sarebbero sopravvissuti…….

    Vi è una ed una sola spiegazione della corruzione sistemica, certamente sociologica, non monetaria: la nostra etica, cultura, educazione civica stessa.

    Asserire quanto hai detto te, oltre a far emergere una tua certa confusione (permettimi di dirtelo), rivela anche una chiara incomprensione del tema e della tesi dell’articolo.

    Ma invero la risposta a questo commento l’ha già data Barnard nell’ultima parte dell’articolo….

  • tersite

    Ora è in carcere nello stesso reparto di alexandro vitalone, figlio di claudio, in carcere per stupro di una sedicenne(montesi, lopez, colasanti.. sti fascistoni della roma bene praticano lo stupro come uno sport)….ma mica è colpa loro!…la colpa è della bce!

  • tersite

    Lo sapevi che negli anni ’70 eravamo 40 milioni e nn 60 come oggi?…che non c’era nemmeno un centesimo della tecnologia di oggi?….che eravamo molto più giovani come popolazione?…e che quindi diventa arduo fare un paragone? ..che le regioni, province,comuni, camere pullulano di corrotti perché COSì SONO RICATTABILI?….ma soprattutto lo sapevi che questa nostra…’spensieratezza’…sarebbe degenerata fino a trasformarsi in PRETESTO usato dai governanti per giustificare le insopportabili restrizioni e privazioni di cui siamo vittime oggi (e qlcn pure ieri!). Non ce l’ho con te, ma una parte della borghesia sta cercando di sottrarsi alle proprie, ENORMI, responsabilità. Non vi fate fregare.

  • Andrea85

    Quoto e tutte queste indagini/scandali su buona parte delle regioni sono alquanto sospette… non perché non vi sia malaffare, ma per il motivo opposto: c’è sempre stato, ma ora tutt’a un tratto tutti indagati. Insomma mi pare che dopo il “dalli alle province” sia scattata la propaganda anti-regioni, col solito esperto di turno che nel tiggì delle venti o da lilli gruber ci viene a raccontare quanti X miliardi si risparmierebbero senza le regioni. Stomachevole.

  • braveheart

    Sei un grande!!!!
    Adesso mi stampo il post e lo incornicio.

  • braveheart

    La responsabilità e’ sempre personale, e quello che ha fatto sono da
    Criminale.
    Le sue colpe non possono essere imputate alla BCE e nessuno gliele vuole imputare ( ridicolo tentativo il tuo) , ma resta il fatto che i soldi che ha rubato, dovremo rimpiazzarli chiedendoli a caro prezzo ai mercati, mentre con moneta sovrana non ci sarebbe questo problema.
    Inoltre, la carenza di liquidità e di benessere, crea i mostri come fiorito, personaggi cioè, che approfittando del loro ruolo e della fame di lavoro e di sostanze che attanaglia i cittadini,a causa delle politiche economiche scellerate, protratte per decenni, diventano persone in grado di garantire privilegi e comprarsi i voti.
    Ergo, la politica della scarsità, genera società malate.

  • tersite

    Non era tentativo ma chiara provocazione, tradotto: in parecchi tentano di celare le proprie malefatte nel marasma della crisi e dietro al mostro europa e così non vabene. Se la nostra porca vanzinianborghesia non è stata la causa dell’attuale crisi, ne è sicuramente il pretesto.

  • braveheart

    Sono solo dei burattini prezzolati agli ordini di forze che travalicano la divisione classista, anzi, le divisioni le creano artatamente, con indottrinamenti, corruzioni, disinformazione e scarsità delle risorse.

  • tersite

    Ok, allora diciamo che certe classi hanno il compito(gratissimo) di proteggere le elites e in alcuni casi lo fanno consapevolmente, le posso odiare? posso ritenerle nemiche, io che faccio il pony da 6 anni, respiro merda e rischio la vita per mille euro? e come provo ad alzar la testa o sbaglio una virgola, lettera disciplinare e mobbig sparso! Qualcuno deve rinunciare ai privilegi illecitamente acquisiti sulla pelle di milioni di dipendenti truffati e spremuti, dillo agli imprenditori Paolo, sennò non se ne esce.

  • cdcuser

    esatto e bisognerebbe avere un’idea precisa di “chi” a un certo punto ha scatenato tutto ció

  • Allarmerosso

    Intanto dici a Barnard di proporre una soluzione ad un problema (e mi pare che proproste ne abbia fatte) come se i problemi fra loro fossero separati.

    Poi :Secondo me, la selezione della classe dirigente e il problema della trasparenza e della legalità nell’amministrazione della cosa pubblica è LARGAMENTE più importante (almeno in Italia) delle implicazioni monetariste

    La classe dirigente la trasparenza e la legalità nelle pubbliche amministrazioni sono una conseguenza al sistema Economico del paese. Il sistema economico ha il suo sangue nella MONETA.
    Quindi rifai l’errore di separare le cose e non vederne invece il collegamento e scambi cause ed effetti con effetti e cause.

  • Allarmerosso

    ahh ai tempi di Craxi e Andreotti non avevamo moneta sovrana.

  • Allarmerosso

    Però si vede che le stupidaggini di cui parli piacciono molto , ogni volta mi fa sorridere il numero di commenti ai suoi articoli. Come diceva il detto chi disdegna apprezza.
    Certe sue affermazioni le prendete troppo sul serio e non ne comprendete il senso. (perdonami se parlo al plurale)

  • Allarmerosso

    Non riesco a credere che questo commento sia serio e che quanto detto sia vera e reale ipocrisia e ingenuità …

  • Allarmerosso

    finisci la frase , ma perfavore …. cosa ?

  • Aironeblu

    Cito: “Infatti, uno stato a moneta sovrana quei beni e quei servizi che hai elencato li paga con l’emissione di moneta. E se l’emissione di moneta corrisponde a beni e servizi, non c’è neppure inflazione”.

    Ripeto, il presupposto sbagliato della MMT è proprio ritenere che l’emissione di moneta corrisponda a beni e servizi. Come si può sostenere che stampando moneta automaticamente si avranno automobili, case, scuole e benessere per tutti? La moneta non è un bene a valore d’uso, a meno che la usi per accenderti il sigaro, ma è puramente uno strumento di scambio. Il massimo effetto che puoi ottenere con l’immissione di nuova moneta nei mercati, è una “spintarella” una tantum, che incentiverà gli scambi e di conseguenza la produzione, ma è un effetto ben limitato, che dovrà essere subito dopo riequilibrato da un calo di valore della moneta, proprio peerchè il “motore” dell’economia sono le strutture produttive, dalle fabbriche ai cantieri, ai campi agricoli, agli istituti culturali. È su queste che bisogna lavorare, migliorandone la qualità e l’efficienza, e soprattutto, orientandole verso una produzione intelligente capace di creare il benessere reale della collettività. Ed è a questo che dovrebbero servire i politici, a fare queste scelte.

    Quanto a tutto il resto, come ho già scritto nel mio primo commento, sono sempre stato d’accordo con Barnard, e più che mai sul meccanismo parassitario dell’Euro da cui bisogna liberarci al più presto.

  • Aironeblu

    Dove credi che finiscano i miliardi di euro immessi nel mercato? Nella busta paga dei lavoratori stipendiati e nei bilanci dei piccoli imprenditori, oppure ad aumentare direttamente i capitali delle banche?

    E da cosa credi che sia generato il debito attuale, dal capitale? Oppure dalla mancanza di sovranità monetaria? Mi sembra che sia tu a confondere un po’ le cose.

  • Aironeblu

    … E i seminari di Barnard saranno pagati in secchi di sabbia, con paletta e rastrello….^^

  • braveheart

    No.
    La mmt prevede emissioni dello stato per pagare beni e servizi che esso commissiona direttamente. Queste emissioni pagheranno ponti, scuole, servizi di assistenza, bonifica, restauri, creando stipendi e quindi domanda aggregata.
    Non conoscere questo meccanismo, vuol dire non conoscere la mmt, o più semplicemente, come dice mincuo, la politica economica di uno stato a moneta sovrana senza creazione di debito.

  • simonlester

    non era serio, era ironico

  • Cataldo

    @mincuo
    Vedo con piacere una articolazione cronologica a supporto delle considerazioni sul ruolo della moneta.
    In questa chiave è però impossibile fornire un quadro interpretativo, utile per le stesse realtà economico-finanziarie, senza considerare il cambiamento di status geopolitico del paese negli anni incriminati. La fine della guerra fredda ha sbriciolato la politica estera del paese, andava sostanzialmente riformulata(…), gli esiti finali sono sotto gli occhi di tutti …. ci siamo addirittura bombardati negli zebedei in Libia…., ma torniamo al punto.
    l’Italia con il più grande partito comunista in orbita NATO, si era ritagliata un ruolo di “mediazione” con tutta una serie di paesi, attirando in questo quadro capitali dall’estero, in primis dagli USA, era un trampolino verso l’Iran, la Russia, il Nord Africa, etc. Fin quando la contrapposizione era tra blocchi l’accorta politica dei “due forni” per usare un’immagine di allora, ci garantiva uno spazio di manovra anche commerciale, oltre a consolidare positivamente la nostra posizione nella divisone del lavoro su scala internazionale.

    Oltre a questo smottamento, in sincronia, sono venuti al pettine anche i nodi della struttura industriale del paese, orientata per la sua parte più consistente nei numeri, verso produzioni caratterizzate da innovazioni di processo, fuori dalla grande innovazione di prodotto delle nuove tecnologie, come giustamente si sottolinea nelle considerazione di mincuo su come questa tipologia di produzione sia reattiva, in un contesto di lotta sul “prezzo” e sul cambio.
    Queste produzioni sono state abbandonate a loro stesse, accettando passivamente la nuova redistribuzione del lavoro internazionale, che ha portato all’inserimento della tecnocrazia cinese nel commercio internazionale.

    Al cambio del paradigma geopolitico si è accompagnato naturalmente quello degli scambi mondiali, l’Italia è stata messa a dura prova, stante la mancanza di una classe dirigente adeguata e l’avvento del rincoglionimento di massa premeditato ed organizzato.
    In questo contesto mi permetto di sottolineare che la situazione di minorità politica dell’Italia non ha trovato sponde adeguate in europa, anzi. Mincuo non coglie che in US, in UK, ed ora anche in Francia, il canovaccio della minorità politica degli interessi generali e dello smantellamento industriale è andato avanti, lasciando solo i colossi del militare, per ovvi motivi strumentali alle necessita geopolitiche dei gruppi finanziari sovranazionali, ben radicati nell’apparato militare-industriale-universitario, che è il nocciolo duro dell’impero USA. In Germania questa subalternità ha altre forme, ma per le cose che giustamente hai ricordato su come si intende il rapporto tra debito, inflazione, cambio, non è certo per paura dell’inflazione che si frena la capacità di combattere la guerra delle monete da parte dell’Euro, ovviamente.
    Il riequilibrio della crisi in atto non potrà mai essere causato da cambiamenti nominali o su piccola scala regionale, euro lira o pesetas o tallero, non cambierebbe nulla, anzi. Bisogna intervenire sulla proprietà reale delle leve economiche, e questo richiede un salto molto più grande nell’azione politica del piccolo cabotaggio MMT o altri palliativi.

  • Cataldo

    Tra l’altro è di queste settimane il tentativo di smantellare le autonomie residue europee in campo tecnologico-strategico, cone le “fusioni” in atto, che non sono certo a favore degli interessi collettivi di Francia e Germania, per UK non parlo, che orma sono solo una testa di paglia.

  • braveheart

    niente da fare, uno parla di motori e l’altro gli risponde argomentando sul cuculo del CIle !!
    Ma chi parla di Euro??!!
    Ma chi parla di alimentare i capitali delle Banche??!
    Dunque ci riprovo:
    se lo stato chiama la ditta PINCO e gli commissiona la bonifica di un sito industriale, a lavoro finito, a fronte di una fattura avviene un pagamento. la ditta PINCO ha 200 dipendenti che hanno lavorato per lei in quella bonifica, ergo, il pagamento della fattura si tramuta in stipendi e in guadagno per l’imprenditore.
    Cosa mazzo centrano le banche in questo contratto??!!!

    E il debito attuale è generato proprio dalla mancanza di sovranità monetaria, in quanto lo stato per avere moneta, invece di stamparsela a gratis, è costretto a chiederla ai mercati, pagando interessi, e questo continua dal 1981, cioè da quando la banca d’italia non è più collegata al ministero del tesoro, per un ammontare di interessi che corrisponde esattamente all’attuale debito pubblico:2000 miliardi di interessi pagati in 30 anni.
    Praticamente, se hai la voglia di verificare i dati vai qui http://leprechaun.altervista.org/debito_pubblico_italiano.shtml , se lo stato italiano non avesse ceduto la sua sovranità monetaria, e avesse invece emesso la stessa quantità di liquidità creata con i titoli a debito, attualmente invece di un debito, avremmo un surplus.
    Questi sono dati non opinioni, tra l’altro semplice aritmetica, nemmeno matematica.

  • braveheart

    ottima disanima generale.
    Ma a mio parere si confondono le cause con gli effetti.
    Innanzi tutto i dati su produzione e livello tecnologico in Italia non sono così devastanti; siamo ancora la seconda manifattura europea e la quinta mondiale, questo grazie alle PMI, non certo per i grandi carrozzoni.
    Ma per rendere ulteriormente competitiva la nostra produzione/tecnologia, non si può prescindere dalla leva economico/fiscale.
    Cioè, ritenere che una virata verso la piena sovranità monetaria sia una operazione di piccolo cabotaggio ininfluente, vuol dire non conoscere le grandezze in campo.
    Non solo, ma le dimensioni della nostra economia, sono in grado di influenzare in maniera importante gli equilibri economici mondiali.
    Infatti, una politica di sovranità monetaria, comprende anche politiche di tariffazione su import, attuate in maniera massiccia dalla CIna tra l’altro, e la diffusione di una etica riguardo alla qualità della produzione, con marchi tipo il Made in ItaLY veramente controllati e non come adesso, strutturati per permettere ai grandi produttori di delocalizzare e poi solo con la confezione , potersi fregiare del Made in Italy.
    Insomma, la politica monetaria di un paese deve essere precedente a qualsiasi azione sul piano industriale, altrimenti si corre il rischio di sforzarsi, se nza accorgersi della zavorra che si ha alle caviglie.

  • Cataldo

    Semmai è l’esatto contrario, è solo dall’autodeterminazione geopolitica che puo discendere l’autonomia economico-politica, e quindi finanziaria e poi monetaria.
    Pensare che esista una possibile autonomia di moneta che non sia conseguenza dei processi di cui sopra, o almeno in causazione circolare con questi per non essere dogmatico nei termini del ragionamento, è fuorviante, inquina il dibattito politico, oltre ad essere fuori dall’esperienza storica di ogni epoca.

    L’errore è pensare che esista una strada per perseguire l’autonomia monetaria senza indicare il percorso propedeutico dell’autonomia politica e di tutte le scelte che questa comporta, ad ogni livello.
    Ecco perchè si sentono minchiate a flusso continuo, sono ragionamenti senza basi reali, nella migliore delle ipotesi fanno luce su aspetti parzialissimi e subalterni della situazione.
    Un altro errore di queste teorie salvifiche è che non considerano la necessaria prospettiva europea del processo, o si pensa di tornare agli anni 30’s ?

  • mincuo

    Cataldo fai molte osservazioni giuste o comunque apparentemente condivisibili. Io però in pubblico mi fermo sempre a un certo un punto. Non è la sede questa. Io ho una visuale completamente diversa da quella solita, compresa soparttutto quella storica. Quindi si tratta proprio di sistema Tolemaico o sistema Copernicano, per usare una metafora. Io le analisi le baso su quello Copernicano, ma è comunemente accettato e assorbito un impianto Tolemaico. Non è possibile nemmeno accennare in forma diversa, nei modelli culturali di cui è consciamente e inconsciamente immersa una persona. Oltre che diventerebbe faticosissimo perchè richiede una quantità di premesse per nulla scontate, e che richiederebbero a loro volta discussioni, approfondimeti, uno dietro l’altro e tutti problematici per una persona “normale” diciamo. Non è possibile. Quindi non posso rispondere, ma mi è piaciuto il tuo post comunque.

  • braveheart

    Guardi, con me sfonda porte aperte, si figuri, io sono profondamente secessionista e per l’autodeterminazione dei popoli.
    Ma in quel commento il motivo del contendere era fra l’importanza e la precedenza di assetti industriali/ commerciali e la sovranità monetaria.
    Va da se che la sovranità monetaria prevede l’autodeterminazione politica, altrimenti come fai a decidere la politica monetaria?
    Anzi , le dirò di più: l’MMT contempla che la dimensione sia fondamentale per la sua riuscita, in quanto la possibilità di controllare chi governa e’ maggiore quando l’istituzione e’ anche fisicamente più vicina al territorio ove le sue politiche hanno effetto.

  • Faulken

    Ho letto l’ultimo intervento di Barnard apparso sul suo sito, netta scissione dai e tra alcuni relatori da lui sempre sostenuti, persino Black. Regione calabria prima si poi no, massoneria pro MMT e iniziative Barnard

    http://www.grandeoriente-democratico.com/GOD_in_Difesa_di_Paolo_Barnard_e_a_favore_dei_Summit_di_ottobre_2012_di_Rimini_e_Cagliari.html

    etc etc

    c’è percaso qualcuno che riassume quel che sta succedendo ? 🙂

  • rosbaol

    Mi inchino a cotanta analasi. Purà verità. Quella con la “v” minuscola, se no ci montiamo troppo la testa 🙂

  • ilsanto

    Bene grazie a tutti mi avete convinto fuori dall’euro e vai.
    Domandona ma secondo voi ci fanno uscire ? con le buone intendo e senza manovre diciamo sottobanco ?

  • tersite

    No.

  • Iacopo67

    No.

  • Jor-el

    Non credo che l’Italia possa uscire da sola dall’Euro. In questa discussione abbiamo omesso una grossa fetta della questione, ovvero il rapporto fra NATO e Euro. A mio parere, l’Euro va smembrato. Deve crescere un movimento europeo contro la moneta unica che imponga al parlamento europeo una revisione dei trattati, in modo da consentire a chi vuole andarsene di farlo. Non credo in un Euro del popolo e sovrano, l’Euro è intrinsecamente il contrario di questo. Più il movimento sarà unito e vasto, meno saranno le possibilità che un paese aggredisca l’altro con la scusa di cacciare eventuali “governi antidemocratici” o “dittatori sanguinari”, anche se è più probabile che i mostri futuri si chiameranno “governanti corrotti”.

  • Jor-el

    Vorrei anche aggiungere che il pareggio in bilancio “costituzionale” è una tal aberrazione economica, logica e morale che verrà ricordato come uno dei punti più bassi raggiunti dall’umanità.

  • Jor-el

    Qui c’è un intervento di Cori-Modigliani, che penso sarà postato anche qui su CdC, ma intanto… http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2012/10/paolo-barnard-e-la-grande-lezione-che.html

  • jcache

    Mi viene da piangere a leggere… E ci siamo lasciati e ci lasciamo frantumare per ignoranza, mancanza di autostima e piccoli egoismi che ci impediscono di unirci per essere più forti.
    Le forze che ci sono oggi però, è giunto il momento di unirle o perire.

  • jcache

    Da profano, mi davvero di capire che l’MMT è davvero una soluzione possibile. Devo dire che Barnard non è un buon sponsor delle sue teorie e rischia di allontanare qualcuno e passare per fanatico. Ho dovuto leggere molti post ben più ragionati per dovermi ricredere.