Home / ComeDonChisciotte / SFUGGIRE ALLA TRAPPOLA DEL DEBITO SOVRANO

SFUGGIRE ALLA TRAPPOLA DEL DEBITO SOVRANO

DI ELLEN BROWN
webofdebt.wordpress.com

L’attuale crisi del credito è sostanzialmente una crisi del capitale: in un periodo in cui le banche sono carenti del capitale necessario per garantire i prestiti erogati, vengono innalzati i requisiti sul capitale. Quasi un secolo fa, la Commonwealth Bank of Australia dimostrò che le banche, in realtà, non hanno bisogno di capitale per erogare prestiti – fintanto che il loro credito viene garantito dal governo. Denison Miller, il primo governatore della banca, amava dire che la banca non aveva bisogno di capitale perché “è garantita dalla ricchezza e dal credito dell’Australia intera”. Con nient’altro che questo potere del credito nazionale, la Commonwealth Bank finanziò sia enormi progetti infrastrutturali che la partecipazione del paese alla Prima Guerra Mondiale.Il presidente John Adams viene citato per aver detto: “Ci sono due modi per conquistare e schiavizzare una nazione. Uno è con le spade, l’altro è con il debito”. Oggi le maggiori conquiste avvengono sul campo di battaglia del debito, una guerra che sta imperversando a livello globale. Il debito costringe i cittadini a cadere nella schiavitù finanziaria nei confronti delle banche e costringe i governi a cedere la sovranità ai creditori, che alla fine sono banche private, artefici di tutto il denaro non in contanti odierno. In Gran Bretagna, dove la Banca d’Inghilterra è di proprietà del governo, il 97% dell’offerta monetaria viene emessa privatamente dalle banche sotto forma di prestiti. Negli Stati Uniti, dove la banca centrale è di proprietà di un consorzio privato di banche, la percentuale è addirittura maggiore. La Federal Reserve emette Banconote della Federal Reserve (vale a dire banconote di dollari) e le presta alle altre banche, che a loro volta le prestano ad interesse ai cittadini, alle imprese, ai governi locali e al governo federale.

Questo è vero oggi ma in passato ci sono stati dei modelli di successo nei quali il governo stesso emetteva la moneta nazionale, sia sotto forma di banconote che di credito della nazione. Un esempio lampante di questo approccio illuminato al denaro e al credito fu la Commonwealth Bank of Australia, che operò con ottimi risultati come banca di proprietà del governo per la maggior parte del ventesimo secolo. Invece di emettere “debito sovrano” – obbligazioni federali che indebitano la nazione facendole pagare interessi all’infinito – il governo, tramite la Commonwealth Bank, emetteva “credito sovrano”, credito che la nazione anticipava al governo e ai suoi organi costitutivi.

I risultati della banca furono particolarmente rilevanti considerando il fatto che nel corso dei primi otto anni, dal 1912 al 1920, non aveva la facoltà di emettere la moneta nazionale ed operava senza un capitale iniziale. Sir Denison Miller, governatore della banca dalla sua creazione nel 1912 al 1923, fu citato sulla stampa australiana il 7 luglio 1921 per aver detto: “Vi sono le intere risorse dell’Australia dietro a questa banca. Questo continente è forte, e forte sarà la Commonwealth Bank. Potrà essere realizzata qualsiasi cosa che i cittadini australiani concepiranno in modo intelligente e appoggeranno in modo leale”.
Non si trattava solamente di strombazzate giornalistiche. In un articolo del 2001 dal titolo “Come viene creato il denaro in Australia”, David Kiss scrisse in merito ai primi risultati raggiunti dalla banca:

“La Commonwealth Bank, costituita dal governo australiano, raggiunse risultati sorprendenti mentre era ancora la banca “del popolo”, prima di venire paralizzata da successive decisioni del governo e, infine, venduta. In un periodo in cui le banche private chiedevano un 6% di interesse per i prestiti, la Commonwealth Bank finanziò gli sforzi bellici australiani della Prima Guerra Mondiale dal 1914 al 1919 con un prestito di 700.000.000 di dollari ad un tasso di interesse inferiore all’1%, facendo quindi risparmiare agli Australiani qualcosa come 12 milioni di dollari di oneri bancari. Nel 1916 rese disponibili dei fondi a Londra per l’acquisto di 15 piroscafi mercantili per sostenere le crescenti esportazioni dell’Australia. Fino al 1924 i benefici che ricadevano sulla popolazione australiana grazie alla loro banca erano costanti. La banca finanziò consorzi per il commercio di frutta e marmellate fino a 3 milioni di dollari, trovò 8 milioni di dollari per le abitazioni australiane mentre ai governi locali, per la costruzione di strade, linee tranviarie, porti, gasdotti, centrali di energia elettrica e via dicendo erogò prestiti per 18,72 milioni di dollari. Pagò 6,194 milioni di dollari al governo del Commonwealth tra il dicembre 1920 e il giugno 1923 – i profitti del suo Dipartimento per l’Emissione di Banconote – mentre nel 1924 aveva realizzato da sola utili per 9 milioni di dollari, disponibili per riscattare il debito. Il governatore della banca dalla mentalità così indipendente, Sir Denison Miller, utilizzò il potere di credito della banca dopo la Prima Guerra Mondiale per salvare gli australiani dalla situazione di depressione che veniva imposta negli altri paesi… Nel 1931 fusioni con altre banche trasformarono la Commonwealth Bank nel più grande istituto di risparmio d’Australia, catturando il 60% dei risparmi della nazione”.

Sfruttare il potere segreto del sistema bancario per il bene pubblico

La Banca del Commonwealth fu in grado di raggiungere simili risultati con così poco perché sia il suo primo governatore, Denison Miller, che il suo primo e più fervido sostenitore, King O’Malley, erano loro stessi dei banchieri e conoscevano il segreto del sistema bancario: le banche creano il “denaro” che prestano annotando semplicemente delle voci contabili nei conti di deposito dei mutuatari.
Questo segreto bancario fu confermato da un certo numero di vecchi addetti ai lavori nell’ambiente bancario. Nel 1998, in un documento intitolato “Manufacturing Money”, l’economista australiano Mike Mansfield citò Reginald McKenna, ex Ministro del Tesoro britannico, che dichiarava agli azionisti della Midland Bank il 25 gennaio 1924: “Temo che al cittadino comune non piacerà il fatto che gli venga detto che le banche possono creare e distruggere il denaro. La quantità di denaro in circolazione varia solamente grazie all’azione delle banche che aumentano o diminuiscono i depositi e operano acquisti bancari. Sappiamo come avviene tutto questo. Ogni prestito, ogni fido, ogni acquisto bancario crea un deposito e ogni estinzione di un prestito, di un fido o di una vendita bancaria distrugge un deposito”.

Il dottor Coombs, ex governatore della Reserve Bank of Australia, affermò in un discorso ufficiale presso l’Università del Queensland il 15 settembre 1954: “Quando una banca presta denaro, questo passa nelle mani della persona che lo prende a prestito senza che nessuno ci perda alcunché. Ogni volta che una banca presta denaro vi è di conseguenza un aumento della quantità totale di denaro a disposizione”.

Ralph Hawtrey, assistente del Sottosegretario al Tesoro britannico negli anni Trenta, scrisse in Trade Depression and the Way Out: “Quando una banca presta denaro, crea questo denaro dal nulla”. Nel suo libro intitolato The Art of Central Banking, Hawtrey spiega meglio questo concetto: “Quando una banca presta denaro, crea credito. Rispetto al prestito che viene inserito nella sezione delle attività, esiste un deposito inserito nella sezione delle passività. Ma gli altri prestatori non hanno il potere mistico di creazione dal nulla del mezzo di pagamento. Ciò che prestano deve essere denaro che hanno acquisito attraverso le loro attività economiche”.

Le banche possono fare quello che nessun altro può fare: “creare dal nulla il mezzo di pagamento”. I lungimiranti fondatori della Commonwealth Bank combinarono questo segreto bancario ben custodito con il servizio pubblico.

Il crollo bancario del 1983 genera un nuovo modello di banca pubblica

La Commonwealth Bank fu fondata in una situazione simile a quella di oggi: il paese aveva da poco subito un enorme tracollo del sistema bancario. Negli anni novanta dell’Ottocento, tuttavia, non esistevano le garanzie da parte dell’FDIC, non c’era la previdenza sociale, non c’erano gli ammortizzatori sociali per i disoccupati che potessero attutire il colpo. La gente che pensava di passarsela bene improvvisamente si trovò a non avere più nulla. Non potevano ritirare i propri risparmi, emettere assegni o vendere i propri prodotti o le proprie abitazioni dato che non c’era più denaro con cui acquistarli. Cittadini disperati si gettavano nel vuoto dai ponti o si buttavano sotto ai treni.
Qualcosa doveva essere fatto.
La risposta del governo laburista fu quella di approvare un disegno di legge nel 1911 che comprendeva una norma per una banca di proprietà pubblica che sarebbe stata garantita dei beni del governo. Con un’iniziativa rara per quei tempi, la banca avrebbe avuto un’attività sia di risparmio che di gestione bancaria generale. Era anche la prima banca australiana a ricevere una garanzia del governo federale.

Jack Lang era il ministro del Tesoro australiano nel governo laburista del 1920-21 e primo ministro del Nuovo Galles del Sud nel corso della Grande Depressione. Figura controversa, fu sollevato dall’incarico dopo essersi rifiutato di ripagare prestiti contratti con i banchieri di Londra. Nel libro The Great Bust: The Depression of the Thirties (McNamara’s Books, Katoomba, 1962), Lang descrisse i trionfi e le tribolazioni della Commonwealth Bank con dettagli significativi:

“Il Partito Laburista decise che una banca nazionale, garantita dei beni del governo, non fallirebbe in periodi di tensione finanziaria. Si rese anche conto che una simile banca sarebbe stata una garanzia per la disponibilità di fondi per la costruzione di case ed altre necessità. Dopo il crollo delle imprese edili, c’era una grande scarsità di denaro per simili attività”.

“… Principale sostenitore della causa di una Banca del Commonwealth era King O’Malley, un pittoresco americano-canadese … prima di arrivare in Australia aveva lavorato in una piccola banca di New York, di proprietà di uno zio… era rimasto molto colpito dal modo in cui lo zio aveva creato il credito. Una banca poteva creare il credito, e allo stesso tempo fabbricare il debito per equilibrarlo. Questa fu la grande scoperta della carriera bancaria di O’Malley. Imbonitore nato, aveva una voglia sfrenata di fare le cose in grande. Iniziò la sua carriera politica nell’Australia meridionale sostenendo una banca commerciale. Nel 1901 fu eletto nel primo Parlamento Federale come monogruppo di pressione per costituire una banca del Commowealth, e aderì al Partito Laburista con questa intenzione”.

King O’Malley insisteva sul fatto che la Commonwealth Bank dovesse avere il controllo dell’emissione delle proprie banconote ma tutti i suoi sforzi furono vani – fino al 1920, quando la banca rilevò l’emissione della valuta nazionale, come fu autorizzata a fare nel 1913 la Federal Reserve negli Stati Uniti. Questo rappresentò l’inizio del potere come banca centrale della Commonwealth Bank. Ma già prima di avere questo potere la banca era in grado di finanziare su vasta scala le infrastrutture e l’apparato militare, e lo aveva fatto senza avere un capitale iniziale. Questi risultati furono dovuti principalmente all’intuito e all’audacia del primo governatore della banca, Denison Miller.

Gli altri banchieri, temendo la concorrenza, avevano pensato che l’inserimento di uno dei propri uomini come governatore della banca potesse tenerla in riga. Ma non avevano fatto i conti con il loro rappresentante indipendente, che aveva visto l’opportunità di una banca garantita dal governo e si preparò per renderla il migliore istituto che il paese avesse mai conosciuto. Così Lang racconta la vicenda:

“La prima prova arrivò quando fu necessario prendere una decisione riguardo al capitale necessario per avviare una banca di quel genere. Secondo la legge, il Commonwealth aveva il diritto di vendere ed emettere titoli obbligazionari per un totale di 1 milione di sterline. Alcuni avevano addirittura pensato che quella somma sarebbe stata insufficiente, considerando quello che era accaduto nel 1893…”

“Quando Denison Miller lo venne a sapere, la sua risposta fu che non era necessario alcun capitale”.

Miller si guardò bene dall’andare dai politici a chiedere soldi. Poteva farcela senza un capitale. Come King O’Malley, sapeva come funzionava il sistema bancario (tutto questo, ovviamente, avveniva prima degli attuali requisiti sul capitale imposti da oltre frontiera dalla banca delle banche centrali, la Banca per i Regolamenti Internazionali). Lang continua:

“Miller era l’unico dipendente. Aveva trovato un piccolo ufficio… e aveva chiesto al Tesoro un anticipo di 10.000 sterline. Questa fu probabilmente la prima e unica volta che il Commonwealth prestò alla banca dei soldi. Dal quel momento in poi, tutto andò nella direzione opposta”.

“… Nel gennaio 1913, Miller aveva completato i preparativi per aprire una banca in ogni stato del Commonwealth, tra cui anche una rappresentanza a Londra. Il 20 gennaio 1913, tenne un discorso nel quale dichiarava che la nuova Commonwealth Bank apriva le proprie attività. Queste furono le sue parole:

“Questa banca è stata creata senza un capitale, perché nessun capitale è richiesto al momento, ma è garantita dalla ricchezza e dal credito dell’Australia intera”.

“In quelle poche e semplici parole risiedevano lo statuto della banca e il credo di Denison Miller, che non smetteva mai di ripetere. Aveva promesso di fornire agevolazioni per espandere le risorse naturali del paese, e che sarebbe stata sempre una banca dei cittadini. ‘Non c’è dubbio che con il tempo sarà elencata come una delle più grandi banche del mondo’ aggiunse in tono profetico.”

“… Pian piano alle banche private apparve chiaro che potevano aver allevato una serpe in seno. Erano così concentrate sui rischi di dover lottare contro la socializzazione bancaria che non si erano rese conto che avevano molto più da temere dalla concorrenza di un banchiere ortodosso, che aveva alle spalle le risorse del paese.”

“… Una delle prime dimostrazioni della sua fermezza arrivò quando la Melbourne Board of Works scese sul mercato alla ricerca di denaro per estinguere vecchi prestiti, e per procurarsi anche nuovo denaro. Fino a quel momento, a parte i Buoni del Tesoro e gli anticipi provenienti dalle proprie Casse di risparmio, i governi dipendevano dai prestiti oltremare provenienti da Londra… oltre ad avere dei vincoli rigidi di sottoscrizione, avevano anche scoperto che non potevano aspettarsi più di 1 milione di sterline al 4 per cento, 97,5 netto.

“Allora decisero di rivolgersi a Denison Miller, che aveva promesso di garantire condizioni speciali a quegli istituti. Miller si offrì immediatamente di prestare 3 milioni di sterline a 95, su cui si sarebbe applicato un tasso di interesse del 4 per cento. L’accordo fu concluso all’istante. Quando gli fu chiesto dove la sua giovane banca avesse raccolto tutto quel denaro, Miller rispose: ‘Sul credito della nazione. E’ illimitato’”.

Un’altra prova importante arrivò nel 1914 con la Prima Guerra Mondiale:

“La prima reazione fu il rischio che la gente potesse correre agli sportelli a ritirare i propri risparmi. La banche si resero conto che erano ancora vulnerabili se questo fosse avvenuto, avevano ancora paura di un altro Venerdì Nero.
“Ci fu una riunione organizzata in fretta e furia dai principali banchieri. Alcuni riferirono che c’erano indicazioni del fatto che una corsa era già iniziata. Denisor Miller sostenne poi che la Commonwealth Bank, per conto del Commonwealth, avrebbe appoggiato ogni banca in difficoltà… Questo fece cessare il panico e collocò Miller in prima fila. Ora, per la prima volta, la Commonwealth Bank stava prendendo l’iniziativa. Gli ordini li stava dando, e non prendendo…”

“Denison Miller… controllava praticamente i finanziamenti bellici. Il governo non sapeva come si potevano ottenere questi soldi. Miller sì”.

E quest’interessante storia continua. Miller morì nel 1923 e nel 1924 i banchieri ripresero il controllo della Commonwealth Bank, strozzandone le attività e impedendole di salvare gli australiani dalle devastazioni della Depressione degli anni Trenta. Nel 1931, il consiglio di amministrazione della banca entrò in conflitto con il governo laburista di James Scullin. Il presidente della banca si rifiutava di estendere il credito, in risposta alla Grande Depressione, a meno che il governo avesse tagliato le pensioni, cosa che Scullin rigettò. Il conflitto che circondò la vicenda portò alla caduta del governo e alle richieste da parte dei laburisti di riformare la banca e un maggiore controllo diretto del governo sulla politica monetaria.

La Commonwealth Bank ricevette quasi tutti i poteri di una banca centrale grazie ad una legge di emergenza approvata nel corso della Seconda Guerra Mondiale, e alla fine del conflitto bellico utilizzò questi poteri per iniziare una fortissima espansione dell’economia. In soli cinque anni vennero aperte centinaia di filiali in tutto il paese. Nel 1958 e nel 1959, il governo divise in due la banca, concedendo le funzioni di banca centrale alla Reserve Bank of Australia mentre la Commonwealth Bank Corporation conservava le proprie funzioni di banca commerciale. Entrambe le banche, comunque, rimanevano di proprietà pubblica.

Alla fine la Commonwealth Bank aveva filiali in ogni città e zona di periferia, mentre nelle zone rurali aveva una rappresentanza in ogni ufficio postale e in ogni emporio. Essendo la banca più grande del paese, stabiliva i tassi e decretava la politica, che gli altri dovevano seguire per paura di perdere clienti. La Commonwealth Bank fu ampiamente percepita come una polizza di assicurazione contro gli abusi da parte delle banche private, in modo da garantire che chiunque avesse accesso ad un sistema bancario equo. La Commonwealth Bank operò come una banca interamente di proprietà dello stato fino agli anni Novanta, quanto fu privatizzata e dunque gli interessi si spostarono verso la massimizzazione dei profitti, con una costante e massiccia chiusura delle filiali e delle agenzie, il licenziamento in massa dei dipendenti e la riduzione delle modalità di accesso ai bancomat e al pagamento in contanti alle casse dei supermercati. Ora è diventata un’altra costola del cartello bancario ma i suoi sostenitori ribadiscono che una volta rappresentava la linfa vitale del paese.

In Australia oggi c’è un rinnovato interesse nel ristabilire una banca di proprietà pubblica sul modello della Commonwealth Bank. Gli Stati Uniti e gli altri paesi farebbero bene anche a considerare questa possibilità.

Un ringraziamento speciale a Peter Myers per la riproduzione di ampi brani del libro di Jack Lang nella sua newsletter settimanale.

Ellen Brown
Fonte: http://webofdebt.wordpress.com/
Link: http://webofdebt.wordpress.com/2010/08/04/what-a-government-can-do-with-its-own-bank-the-remarkable-model-of-the-commonwealth-bank-of-australia/
4.08.2010

Traduzione a cura di JJULES per www.comedonchisciotte.org

Pubblicato da Davide

  • brunotto588

    … SAREBBE ORA ! ….. e sarebbe la cosa più semplice e fattibile per chi non tollera più questo stato di cose ….. Ma NON ASPETTATEVI CHE SIANO GLI STESSI LADRI a prendere un’ iniziativa del genere ….. Si è mai visto ???? …. “Oh, ho visto la Madonna … e da oggi metto la testa a posto e non rubo più” ….. NON SARA’ COSI’ …… BISOGNA CHE SIATE VOI A FARLO ….. come ??? L’ ho già detto: boicottando in tutti i modi le banche private, la finanza virtuale, la balla colossale del debito pubblico ….. finchè il sistema non potrà più reggersi, e si DOVRA’ PER FORZA tornare a rinazionalizzare le banche.

  • brunotto588

    PS 1: E piantatela di credere che il denaro possa avere un qualche valore intrinseco …. LA MONETA E’ UNA CONVENZIONE, che serve solo a “muovere” degli scambi …. NON E’ NEMMENO NIENTE DI FISICO, è una pura astrazione, una pura idea …. Ecco: i “ladri” vi hanno rubato non UNA RUOTA FISICA, ma L? IDEA DI RUOTA, e vi dicono che per usare le ruote dovete pagare a loro una specie di carissima tassa …. LE COSE STANNO ESATTAMENTE COSI’ : …. Vi hanno rubato in senno, la capacità di ragionare con la vostra testa, coglionazzi !!!!! …. Vive la fesse.

  • brunotto588

    PS 3: E poi piantiamola di dire che si tratta della “Crisi del capitalismo” …. il Capitalismo E’ ESATTAMENTE QUESTO: ossia l’ idea che pochi ricchi possano decidere di una grande massa di ignoranti ( nel senso che ignorano i meccanismi coi quali vengono controllati ) …. E’ l’ antica utopia dei monarchi di sempre.

  • brunotto588

    PS 4: Si tratta quindi della CONTRAPPOSIZIONE DI DUE CONCETTI, DI DUE UTOPIE: l’ utopia di democrazia ( potere esteso ai più ) contro l’ utopia di oligarchia ( potere di pochi ) ….. E la grande spinta impressa alla seconda dagli stessi pochi si è avuta proprio perchè si stava, in qualche modo, realizzando la prima ……. Ripeto: sono sostanzialmente deboli, ed hanno una fottuta paura che la gente finalmente capisca …. Ma PERCHE’ non vi svegliate, perdio ???? ….. Vive la fesse.

  • brunotto588

    … Quindi, tornando a bomba: col sistema della MONETA-DEBITO è Un’ IDEA CHE HANNO PRIVATIZZATO …… esattamente come privatizzare “l’ idea” che ne so, della ruota ……. Hanno detto: “qualcuno nella preistoria ha avuto l’ idea della ruota / moneta …. Bene: raccontiamo a tutti che solo noi possiamo costruire le ruote …. non per venderle, no, saremo mica fessi ….. PRESTIAMOLE …. maggiore è il raggio della ruota, più costerà prenderla a prestito ….. e la gente dovrà pagarci questo prestito dandoci i beni che trasporta con le ruote ….” ECCO: E’ ESATTAMENTE COSI’ ….!!!!!!! ……. E pensare che siamo liberi di farci da soli tutte le ruote che vogliamo ….. “Inflazione di ruote”, dite …. MA NON FATE RIDERE ….!!!!! …… Quando ci saranno in giro abbastanza ruote, se ne faranno meno ….. Lapalisse, mi fai una pippa …… E toujour vive la fesse.

  • brunotto588

    PS 5: …… “Astrattamente parlando”, quindi, l’ idea di svincolare la moneta da qualsiasi “tangibilità” ( oro, petrolio, ecc ), e di collegarla solo al “Debito” ( ossia alla “capacità di produrre” di una popolazione ) era in sè geniale, anche se male espressa e densa di “trabocchetti” che scaturiscono appunto da quella paroletta: il “Debito”. …… il “Peccato Originale” …… (anche quello ci metteva automaticamente in debito con qualcuno ……) …… Infatti “Debito” è una parola sbagliata che implica comunque una “restituzione” ……. restituzione che dovrebbe ANDARE EVENTUALMENTE ALLO STATO ( ossia alla collettività che la emette ), MA MAI A PRIVATI, che in questo senso diventano veri e propri falsari ……. e cosa si usa per “restituire il debito” ….. le tasse ovviamente !!!!! ……. Conclusione: Lo Stato dovrebbe punire se stesso……. ERGO: cominciate a punire questi falsari che si sono impossessati dello Stato ( collettività ) …… Vive la fesse.

  • brunotto588

    PS 6: Dunque, come vediamo, tutto l’ inganno è condotto su sottili GIOCHI DI PAROLE, su IDEE VOLUTAMENTE FATTE FRAINTENDERE ……. come “Debito”, “Stato”, “Tasse” …….. Analizziamoli. 1) Il Mito del Debito: PERCHE’ ?????? Torniamo alla SIMILITUDINE DELLA RUOTA: Se noi ci costruiamo un mezzo che serve per trasportare” il cosiddetto “Debito” altro non è che il lavoro e materiale usati per costruire le tutte le ruote che occorrono …. nient’ altro !!!!! …… 2) Il Mito delle tasse: E’ OVVIO che una comunità dovrà trovare un modo per finanziarsi, ma QUESTO VA DISSOCIATO DALLA SPESA PER COSTRUIRE LE RUOTE …..!!!!! Che andrà chiamata solamente “Rimborso ruote” …… E vivaddio !!!! ….. 3) Confusione di Stato: CHI E’, OGGI, LO STATO ????? “teoricamente” è la collettività, ma “a tutti gli effetti pratici” sono proprio quei falsari che costruiscono le ruote, che confondendo volutamente i termini vi fanno intendere che “Lo Stato” sia “altro dalla collettività” ………. Comprarsi uno Zingarelli è il primo gesto per ristabilire le cose.

  • lucamartinelli

    grazie, Brunotto588. Sono contento quando trovo un visionario come me. Da tempo infatti sostengo che dovremmo ritirare i nostri risparmi dalle banche. Sostengo anche che siamo noi con il nostro apporto quotidiano a mantenere questo sistema che tutti i giorni critichiamo. Diciamo pure che gli illuminati sono cosi’ abili che ci fanno seguire il loro gioco come vogliono. Riusciamo a cadere nelle loro trappole come allocchi. D’altra parte, amico mio, è difficile cambiare le piccole cose, figuriamoci le grandi. Saluti

  • alinaf

    L’impianto legislativo si è adattato a questa situazione ed è completamente a loro favore, contro di noi.
    L’unica cosa che è rimasta è proprio solamente la possibilità di accusarli di essere dei falsari…….
    ” siamo qui a rispettare le nostre vecchie leggi mentre ci massacrano “-capo Mohwok- Ciao !

  • brunotto588

    … Mica vero, basta parlare un’ ora con me ….. e poi tieni sempre presente che l’ attuale “oligarchia” agisce in preda ad un complesso di inferiorità ( ovvero si sente minacciata dalla parziale attuazione della democrazia ), e che ha una fifa boia ….. perchè sta accando chi è molto più “grosso” di lei. …. Si chiama “complesso di castrazione”. Ciao.

  • Truman

    Dice Brown (citando Adams)
    “Ci sono due modi per conquistare e schiavizzare una nazione. Uno è con le spade, l’altro è con il debito”

    E io cito la “piccola enciclopedia marxista”
    _______________________________________________________________________________________

    Nella remota antichità
    governarono stringendo nodi,
    in epoca successiva i santi
    li sostituirono con la scrittura.

    Lu Hsün – da I Ching
    _______________________________________________________________________________________

    per la critica del senso comune nell’uso ideologico delle parole

  • anonimomatremendo

    E tu vorresti uno Stato che non faccia gli interessi delle oligarchie?Viva u fess!

  • sovranidade

    PROBLEMA: Capitalismo, sostenuto e alimentato dal Signoraggio.

    SOLUZIONE: Sovranità Popolare (monetaria).

    http://sovranidade.wordpress.com/

    Comunque sia…Vive la fesse.

    Grazie di cuore a brunotto 588

  • consulfin

    mmah! non riesco a capire cosa c’entri il culo (da altri chiamato “fesse”). Forse si allude al fatto che ce lo perforano spesso e volentieri?

  • brunotto588

    … Se a te piace il culo … de gustibus ….. ma la fesse è un’ altra cosa …. tutta un’ altra cosa, e chi l’ ha vista più non riposa, chi l’ ha vista non la scorda più, para-ponzi-ponzi-ponzi-pù …. Vive la fesse.

  • alvise

    Molto bello questo escursus bancario, peccato però che noi europei, ormai da dieci anni non abbiamo più la sovanità monetaria, per cui non potremmo fare come gli illustri banchieri citati nel testo.Comunque qualche buon samaritano ci sta pensando a risolvere i problemi economici mondiali, l’FMI con la Bancor

  • consulfin

    rispondo pubblicamente a Brunotto: non è necessario comprare un vocabolario francese-italiano, se ne trovano anche gratuitamente in Internet (qui, per esempio: http://www.larousse.fr/) e, usandolo, si rischia di prendere meno granchi.

  • brunotto588

    Vacca boia …. ho provato, e devo darti ragione !!!! ….. Boh, si tratterà di una recente opera di revisione o epurazione …. ti giuro che ho fatto francese a scuola, ed in tutti gli anni di liceo fesse = fica …… Adesso dovrò cambiare il motto …. SUGGERIMENTI ?????? ( “Chatte”, come pronuncia il dizionario, mi sembra proprio bruttino ! ) …. Grazie, ciao !