Ripicca: la Russia pronta alla confisca dei beni ucraini

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Intervistato da RIA Novosti, il deputato della Duma di Stato della Crimea Mikhail Sheremet ha sottolineato come il Governo Federale dovrebbe rispondere colpo su colpo alle sanzioni che il mondo occidentale sta imponendo unilateralmente, proponendo anche di confiscare le proprietà degli oligarchi ucraini in territorio russo.

Gli oligarchi ucraini che si oppongono al nostro Paese, finanziano gruppi nazionalisti e sostengono il regime criminale di Zelensky, non dovrebbero avere proprietà in Russia. Queste proprietà dovrebbero essere confiscate e vendute. Il ricavato può essere utilizzato per ripristinare il Donbass.

Fonte: https://ria.ru/20220317/konfiskatsiya-1778582184.html

Nel frattempo, per sopperire alla mancanza di forniture provenienti da ovest, come dichiarato da Yury Zubov, capo di Rospatent – il Servizio federale per la proprietà intellettuale – le autorità russe hanno in programma di predisporre un elenco si merci autorizzate ad essere importate nel territorio senza il permesso del titolare del copyright: la cosi detta importazione parallela.

Nelle condizioni attuali, l’uso delle importazioni parallele può consentire di costruire nuove catene di approvvigionamento che forniranno ai nostri cittadini e al mercato interno i beni necessari nelle condizioni attuali

ha affermato Zubov.

Fonte: https://ria.ru/20220317/import-1778641845.html

La manovra economica era già stata in precedenza annunciata da Putin ieri, durante l’incontro organizzato per annunciare le nuove misure di sostegno socio-economico necessarie per far fronte alle restrizioni economiche e commerciali.

Il problema ora non è il denaro, abbiamo le risorse, le difficoltà principali sono legate alla fornitura di componenti, attrezzature, materiali da costruzione, l’organizzazione del lavoro degli appaltatori, quindi i termini e le modalità di attuazione dei programmi specifici, le loro fasi possono cambiare, e questo richiederà un lavoro coordinato tra le autorità e i rappresentanti delle imprese, la realizzazione obbligatoria di progetti di sostituzione delle importazioni.

Fonte: https://ria.ru/20220316/importozameschenie-1778499851.html

Massimo A. Cascone, 17.03.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x