RAFAH, UNA VITTORIA DEL POPOLO PALESTINESE

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DA FORUMPALESTINA

Quel maledetto muro è stato rotto

Quel maledetto muro è stato rotto. Il popolo palestinese ha dimostrato, ancora una volta, di non essere mai rassegnato nè sconfitto. Nessuno può chiuderlo dentro una gabbia o una prigione. La lotta dei palestinesi merita ancora tutto il sostegno, il rispetto e la fiducia che gli sono dovuti.

Link
23.01.2008

blank

Crolla parte del muro del valico di Rafah. Uomini armati hanno fatto saltare la frontiera con l’Egitto. Migliaia di palestinesi entrano a el-Arish

DA INFOPAL

Nelle prime ore di questa mattina, sconosciuti hanno fatto saltare in aria numerose parti del muro di cemento armato che separa l’Egitto e la Striscia di Gaza.

Testimoni oculari hanno riferito che uomini armati hanno piazzato cariche esplosive sotto parti del muro, sul lato palestinese, a sud di Rafah, e lo hanno fatto saltare. L’esplosione si è sentita in tutta la città.

I testimoni hanno confermato che ampie parti del muro, costruito dalle forze di occupazione israeliana prima del loro ritiro dalla Striscia, sono crollate e migliaia di cittadini stanno entrando da questa mattina nella zona egiziana del valico di Rafah, recandosi a al-Arish per acquistare generi di prima necessità. Le autorità egiziane stanno garantendo il transito.

Ieri a mezzogiorno, centinaia di manifestanti palestinesi, in maggioranza donne, avevano protestato contro il proseguimento dell’assedio di Gaza, hanno invaso il cancello principale e sono entrate nella parte egiziana, per essere poi dispersi con la forza dalla polizia egiziana.

Il governo Haniyah: l’assedio ha fatto esplodere le frontiere

Il governo della Striscia di Gaza ha confermato la notizia, sottolineando che “la forte rabbia e l’assedio che dura da 7 mesi su più di un milione e mezzo di cittadini palestinesi hanno fatto perdere il controllo e hanno portato all’apertura forzata delle frontiere. Questo, per far respirare le masse che stanno subendo una crisi umanitaria”.

Il portavoce del governo, Taher an-Nuno, in una dichiarazione alla stampa, ha affermato che “il governo segue l’evoluzione della situazione insieme alle autorità egiziane. Fino a questa mattina, non siamo stati informati di alcuna procedura che possa ostacolare il passaggio dei palestinesi verso il lato egiziano di Rafah per rifornirsi dei prodotti di prima necessità”.

An-Nuno ha aggiunto che il governo, in questo momento, “non fermerà il transito dei cittadini, assediati da più di sei mesi. Cosa si può infattin fare di fronte a un popolo affamato e sofferente?”.
Il portavoce ha espresso la speranza che la frontiera con l’Egitto venga aperta, per permettere a decine di feriti e malati di farsi curare negli ospedali egiziani, per far entrare, anche se parzialmente, del combustibile, ecc.

Per quanto riguarda la posizione egiziana, ha confermato che i palestinesi non hanno ricevuto rifiuti.
Il governo palestinese non ha posto un limite di tempo per l’apertura delle frontiere con l’Egitto.

blank

Gestione ufficiale

Da parte sua, il deputato Mohammad al-Ghul, presidente della commissione legale nel Consiglio Legislativo palestinese, considera i recenti avvenimenti, “un primo passo per togliere l’assedio, grazie alla pressione popolare”. Ha poi spiegato che “far saltare le frontiere tra la Striscia di Gaza e l’Egitto è l’inizio delle azioni per rafforzare la sovranità (palestinese/egiziana) sul valico”, e ha invitato a un accordo immediato per organizzare il passaggio in maniera ufficiale, in modo da far entrare materie prime, merci, permettere ai cittadini di transitare e ai feriti o malati di farsi curare all’estero.
Al-Ghul ha aggiunto: “Il valico e la frontiera devono essere esclusivamente palestinesi e egiziani, con un appoggio locale, arabo e internazionale”.

Link
23.01.2008

I PALESTINESI ROMPONO L’ASSEDIO DI GAZA

DA AL JAZEERA

Link
23.01.2008

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x