Home / Elezioni USA / Primarie Dem USA: chi finanzia Joe Biden e Pete Buttigieg?
Joe Biden and Pete Buttigieg handshake

Primarie Dem USA: chi finanzia Joe Biden e Pete Buttigieg?

Nei prossimi mesi verrà eletto lo sfidante di Trump alle prossime elezioni presidenziali USA. Le primarie del Partito Democratico sono iniziate il 3 Febbraio, come tradizione si inizia dall’Iowa. Gli esiti hanno visto Pete Buttigieg sorpassare Bernie Sanders, e Joe Biden (favorito ai pronostici) finire solo 4°. Se qualche speranza (apparente) di cambiamento sembra essere rappresentata da Sanders, cosa rappresentano invece gli altri candidati? Il modo migliore, anzi l’unico, è capire chi li paga. Due ricercatori di CEPR.net hanno creato una lista divisa per categorie dei finanziatori di Biden e Buttigieg, che sembrano essere i maggiori rivali di Sanders. Ecco nomi e cognomi (e soprattutto curricula) dei maggiori “bundlers” del Parito Democratico.

Eleanor Eagan e Max Moran

Cepr.net

A partire da quest’autunno, il Revolving Door Project era una delle poche voci che attiravano l’attenzione sull’incapacità dei candidati democratici delle primarie di comunicare i nomi dei loro più importanti “fundraisers” [gli incaricati delle raccolte fondi]. Negli editoriali, nelle newsletter e in altri forum durante l’autunno abbiamo ripetutamente affermato che queste informazioni consequenziali non potevano rimanere nascoste.

Perché insistevamo tanto? La lista dei maggiori “bundlers” di un candidato fornisce una visione più chiara di qualsiasi spot elettorale, su come poi un candidato farebbe effettivamente il lavoro di presidente.

I bundlers non sono normali finanziatori. Generalmente non solo danno la donazione massima di $ 2800 loro stessi, ma incoraggiano la loro famiglia, amici e colleghi a fare lo stesso. Le somme che raccolgono possono essere davvero sorprendenti; ad esempio, nel 2008, 47 individui o coppie hanno raggruppato oltre $ 500.000 per l’allora candidato Barack Obama. Non è difficile capire che finanziare una campagna elettorale con $ 100.000 ti farà guadagnare più influenza di una donazione individuale di soli $ 2800 (figuriamoci $ 27).

E cosa potrebbero aspettarsi questi bundlers per i loro sforzi? A volte, forse, non si aspettano nulla. Ma non sembra casuale che, in passato, così tanti finanziatori siano stati premiati con posizioni di privilegio nell’amministrazione del loro beneficiario, o quantomeno abbiano avuto voce in capitolo nel decidere chi avrebbe dovuto ricoprirle.

Questo percorso interno verso i ruoli decisionali è straordinariamente consequenziale. In effetti, la scelta dei nominati da un presidente è un fattore determinante per la sua eredità. Il ramo esecutivo è vasto e sarebbe impossibile per una singola persona controllare da vicino ogni aspetto del processo decisionale che avviene al suo interno. Di conseguenza, gran parte delle decisioni è lasciata alla discrezione dei nominati, come ad esempio quanto aggressivamente regolamentare un determinato settore o quanto perseverare nel perseguire azioni di controllo. Se i bundlers tendono a finire come nominati o svolgono un ruolo chiave nella scelta dei nominati, allora conoscere le identità di questi bundlers è cruciale.

Ovviamente, dopo mesi di agitazione da parte di gruppi come il nostro abbiamo interessato i media, quei candidati ancora in gara che si affidano ai bundlers – Joe Biden, Pete Buttigieg e Amy Klobuchar – hanno finalmente rilasciato i dati delle loro raccolte fondi. Al fine di chiarire cosa potrebbero significare questi nomi per una potenziale futura amministrazione, il Revolving Door Project ha effettuato un’analisi iniziale delle liste di Joe Biden e Pete Buttigieg. Per ciascun bundler abbiamo identificato gli impieghi passati più rilevanti, i settori ai quali sono associati e altre attività di raccolta fondi fatte in passato.

Scomponendo questi elenchi per settore in dettaglio, speriamo di chiarire quali potrebbero essere gli interessi di questi individui in una futura amministrazione. I bundlers associati al comparto tecnologico, ad esempio, probabilmente opporrebbero resistenza al rafforzarmento della Federal Trade Commission [Commissione per la tutela dei consumatori], mentre i bundler del settore del Private equity [Fondi d’investimento] non si opporrebbero sicuramente a qualsiasi sforzo fatto per bloccare la scappatoia dei carried interests [Dividendi extra per i manager] attraverso un’azione esecutiva. Per ulteriori idee sul tipo di azioni esecutive che potrebbero essere minacciate da questi interessi, consultare l’eccellente Day One Agenda dell’American Prospect.

Si prega di consultare la fine di questo documento per le note sulla metodologia che abbiamo utilizzato in questa analisi. Se sei un membro della stampa o lavori per una ONG interessata al buon governo, inviaci un’e-mail per accedere al database sottostante sotto supervisione di Cepr.net. E aspettatevi molte più ricerche da noi presto su questi temi.

JOE BIDEN

  • Al momento della pubblicazione, Joe Biden elenca 262 persone come bundlers sul sito Web della sua campagna. Di quel numero totale:
    • 60 sono legati al settore finanziario (23%)
      • 14 nel settore Bancario
      • 7 in Hedge Funds [Fondi speculativi]
      • 26 in Private Equity
      • 11 in Venture Capital [Investimenti in Start-up]
    • 66 al settore Giudiridico (25%)
    • 28 al settore Tecnologia (10%)
    • 7 al settore Telecomunicazioni (2,6%)
    • 15 all’ Editoria / Intrattenimento (5%)
    • 16 al settore Sanitario (6%)
    • 13 alla Consulenza (5%)
    • 85 alla Politica (32%)
    • 9 alle Pubbliche Relazioni (3%)
    • 45 al settore Immobiliare (17%)
    • 5 al settore Energetico (2%)

(Si noti che gli individui possono essere associati a più di un settore, quindi i totali percentuali possono superare il 100%).

Supponendo che ognuna di queste persone doveva raccogliere semplicemente la minima quantità di denaro per essere un bundler ($ 25.000), i bundler avrebbero rappresentato $ 6.550.000 delle entrate di raccolta fondi di Biden. Ciò equivale al 17,3% delle sue entrate totali per i primi tre trimestri di raccolta fondi di quest’anno. Tuttavia, è inimmaginabile che molti di questi bundler non stiano raccogliendo molto più di $ 25.000, quindi l’attuale quota del totale di Biden proveniente dall’attività di raggruppamento è sicuramente molto più elevata.

GEOGRAFIA DEI BUNDLERS

“Middle-class Joe” cerca spesso di attirare gli elettori delle periferie e delle campagne, ma gran parte del suo grande sostegno finanziario proviene dai centri urbani.

  • 35 dei bundlers di Biden risiedono nello Stato di New York e 25 di quelli vivono a New York City.
  • 52 vivono in California, 15 dei quali vivono a Los Angeles e 4 dei quali vivono a San Francisco. 2 risiedono a Palo Alto.
  • 12 risiedono nel distretto di Columbia.
  • 7 vivono a Chicago.

AMBASCIATORI

I bundler di Joe Biden includono otto ex ambasciatori, sette dei quali prestarono servizio durante l’amministrazione Obama e uno dei quali prestò servizio nell’amministrazione Clinton. Solo uno aveva avuto un’evidente esperienza nel diritto internazionale prima del suo ambasciatore. Gli altri sette ambasciatori erano dirigenti finanziari, produttori televisivi o avvocati aziendali. In passato cinque di questi ambasciatori sono stati bundlers sia per Barack Obama che per Bill Clinton.

La cosiddetta “amministrazione Obama-Biden” ha nominato importanti bundlers per lavori diplomatici, e i reporters si sono chiesti se i lealisti di Obama che ora raccolgono fondi per Biden stiano cercando di tornare al corpo diplomatico come ricompensa per la loro lealtà.

I bundler dell’ex ambasciatore di Biden includono …

Elizabeth Frawley Bagley, due volte consigliere speciale per le iniziative del segretario sotto il presidente Barack Obama e ambasciatore in Portogallo sotto il presidente Bill Clinton.

  • Il defunto marito di Frawley Bagley era erede della fortuna del tabacco di RJ Reynolds.
  • Frawley Bagley ha raccolto almeno $ 500.000 per Barack Obama nel 2012 e almeno $ 100.000 per Hillary Clinton nel 2016.

Denise Bauer, ambasciatrice in Belgio sotto il presidente Barack Obama.

  • Bauer è un ex produttore televisivo.
  • Bauer ha raccolto almeno $ 200.000 per Barack Obama nel 2008 e almeno $ 500.000 nel 2012.

Alan Blinken, ambasciatore in Belgio sotto il presidente Bill Clinton.

  • Blinken è l’ex presidente della società di investimenti Model Roland & Co. ed ex presidente del produttore farmaceutico UCB.

Anthony Gardner, ambasciatore presso l’Unione europea sotto il presidente Barack Obama.

  • Gardner ha lavorato in private equity prima del suo ambasciatore, ed è ora avvocato presso Sidley Austin, una società di lobbying e consulenza legale di Washington.
  • Nel 2012 Gardner ha raccolto almeno $ 500.000 per Barack Obama.

Mark Gilbert, ambasciatore in Nuova Zelanda e Samoa sotto il presidente Barack Obama.

  • Gilbert è un ex vice presidente della United Bank of Scotland
  • Gilbert ha raccolto almeno $ 500.000 per Obama nel 2008 e nel 2012.

Mark Gitenstein, ambasciatore in Romania sotto il presidente Barack Obama

  • Gitenstein è avvocato dello studio aziendale Mayer Brown ed ex lobbista della Camera di commercio
  • Era una scelta iniziale per guidare l’Ufficio per le Politiche Legali di Obama presso il Dipartimento di Giustizia, ma ha dovuto ritirarsi dopo che il Cittadino Pubblico ha messo in evidenza la sua esperienza come lobbista di Camera sulla stampa.

Kevin O’Malley, ambasciatore in Irlanda sotto il presidente Barack Obama

  • O’Malley è un avvocato con Greensfedler Hemker & Gale

James Costos, ambasciatore in Spagna e Andorra sotto il presidente Barack Obama

  • Costos è un dirigente televisivo e di intrattenimento, lavora in particolare per HBO.
  • Costos ha raccolto almeno $ 500.000 per Barack Obama nel 2012.

Se supponiamo che queste persone raccolgano per Biden il minimo che hanno dovuto raccogliere per Barack Obama e Hillary Clinton, avrebbero contribuito con $ 2,8 milioni alla raccolta fondi di Biden.

TECH:

10 dei bundlers di Biden hanno legami con l’industria tecnologica, tra cui:

  • Brad Smith, Presidente e Chief Legal Officer di Microsoft
  • Jon Shirley, ex presidente, direttore operativo e direttore di Microsoft
  • Kim Shirley, moglie di Jon Shirley
  • Michaela Berendt, socia delle operazioni di medio livello che è anche figlia dell’eminente lobbista di Seattle Paul Berendt
  • David Zapolsky, Consigliere generale di Amazon.
  • Lynn Hubbard, la moglie di David Zapolsky.
  • Michelle Kraus, capo degli affari governativi globali presso Hyperloop Technologies, che gestisce anche una consulenza di successo chiamata Technology & Policy.
  • Courtney O’Donnell, Global Head of External Affairs di Airbnb che era il direttore delle comunicazioni del Dr. Jill Biden durante la presidenza di Obama.
  • Wade Randlett, co-fondatrice del gruppo tecnologico e del gruppo di lobby TechNet, che faceva parte del team di transizione Obama-Biden.
  • Ajay Bhutoria, Global Head of Retail, Consumer Goods, Travel & Hospitality presso Cognizant, una società al centro dello scandalo sulla moderazione dei contenuti di Facebook che non fornisce assistenza ai dipendenti traumatizzati dalle immagini che vedono mentre moderano.
  • Erskine Bowles, ex capo di stato maggiore della Casa Bianca con Bill Clinton ed ex membro del consiglio di Facebook, ora noto per la campagna di riduzione del deficit di Bowles-Simpson.
  • Jeffrey Zients, membro del consiglio di Facebook e presidente della holding di investimenti Cranemere Group, già direttore del Consiglio economico nazionale di Obama.

TELECOMUNICAZIONI:

7 dei bundlers di Biden lavorano nel settore delle telecomunicazioni. Questi includono due dirigenti di Comcast:

  • David Cohen, Senior Executive Vice President di Comcast. Cohen ha anche collaborato con Hillary Clinton nel 2016 e Barack Obama nel 2012.
  • Joe Waz, Senior Strategic Counselor per Comcast e NBC Universal.

BANKING:

14 dei bundler di Biden lavorano o hanno lavorato nel settore bancario. Questi includono:

  • Federico Peña, ex membro del consiglio di amministrazione e capo del Comitato per la responsabilità aziendale di Wells Fargo appena prima dello scandalo dei conti falsi. Peña era anche il segretario ai trasporti del presidente Bill Clinton.
  • Tyler Hanex, Vicepresidente senior di Merrill Lynch
  • Heather Murren, ex amministratore delegato di Global Securities presso Merrill Lynch
  • Laurence Pelosi, già direttore esecutivo di Morgan Stanley
  • Sanjeev Mehra, ex partner e amministratore delegato di Private Equity di Goldman Sachs.
  • Eric Mindich, ex partner di Goldman Sachs e fondatore di Eton Park Capital Management, un hedge fund.

PRIVATE EQUITY:

26 dei bundlers di Biden lavorano o hanno lavorato in private equity. Questi includono:

  • Alex Katz, Vicepresidente delle relazioni governative presso The Blackstone Group. Katz è anche un ex aiutante senior del Sen. Chuck Schumer
  • Michael Sacks, CEO di Grosvenor Capital Management.
  • Alan Patricof, il fondatore di Apax Partners.

HEDGE FUNDS:

7 dei bundler di Biden lavorano o hanno lavorato in hedge funds. Questi includono:

  • Eric Mindich, il summenzionato fondatore di Eton Park Capital Management.
  • Brian Kreiter, direttore di Bridgewater Associates. Kreiter è anche il direttore principale di Elemental Cognition, una società di intelligenza artificiale. Kreiter lavorò precedentemente presso McKinsey & Company.
  • Bill Miller, il fondatore di Miller Value Partners.

POLITICA:

85 dei bundlers di Biden lavorano o hanno lavorato in politica. Questi includono:

  • Ned Lamont, governatore del Connecticut
  • Dianne Feinstein, senatore senior della California
  • Chris Coons, senatore junior del Delaware
  • Bob Casey, ex senatore della Pennsylvania
  • Jeffrey Zients, ora presidente della holding finanziaria del Gruppo Cranemere ed ex direttore del Consiglio economico nazionale e direttore ad interim di OMB.
  • Alexander Niejelow, direttore della politica sulla sicurezza informatica di Obama, che ora lavora per Mastercard.
  • Sarah Morgenthau, ex vice segretario aggiunto dell’ufficio del settore privato nel DHS, ora capo dell’ufficio di Washington degli investigatori privati ​​Nardello & Co.
  • Kenny Thompson, ex assistente speciale del vicepresidente e direttore degli eventi dei messaggi. Ora direttore senior del governo e degli affari esteri (lobbista) presso PepsiCo.
  • Sheila Nix, ex capo di stato maggiore di Jill Biden e presidente di Tusk Philanthropies
  • Alan Hoffman, ex vice capo di stato maggiore del vicepresidente, ora vicepresidente esecutivo degli affari corporativi di Herbalife
  • Brian McGlinchey, ora direttore del McCarter Government Solutions (lobbista), ex direttore dei progetti per il senatore Joe Biden
  • Michele Taylor, ex consulente della PAC [Comitato Raccolta Fondi] di Joe Biden e incaricato di Obama all’Holocaust Memorial Council.
    • Taylor è anche nel consiglio del SuperPAC pro-Biden “Unite Our Country”. È anche l’unico bundler di Biden che fa anche parte del consiglio del SuperPAC.
  • Harry Sloan, che faceva parte del comitato per la campagna di Mitt Romney 2012 e fiduciario del McCain Institute, è un bundler di Biden.
  • Dorothy McAuliffe, coniuge di Terry McAuliffe della Virginia
  • Bonnie Lautenberg, vedova di Frank Lautenberg, ex senatore del New Jersey.

BUNDLERS COMUNI: *

Una manciata di bundler di Biden sono attualmente, o hanno in passato, raggruppati per altri candidati primari.

  • 1 bundler, Brad Karp, è anche in bundle per Amy Klobuchar
  • 3 bundlers, Brad Karp, Joyce Amico e Tom Safran, precedentemente in bundle per Kamala Harris

Biden ha anche ricevuto un grande sostegno da parte di individui che hanno raggruppato finanziatori per i precedenti candidati presidenziali. Tra i bundlers di Biden ci sono:

  • 31 persone che si sono unite per Barack Obama nel 2008 (su 558 totali);
  • 51 persone che hanno raggruppato Barack Obama nel 2012 (su un totale di 769);
  • 65 che si sono uniti per Hillary Clinton nel 2016 (su 1.129 in totale).

Molti bundlers di Biden hanno supportato con donazioni anche altri candidati.

  • 23 han donato a Klobuchar
  • 24 han donato a Buttigieg
  • 1 ha donato a Sanders
  • 1 ha donato a Warren
  • 26 han donato a Booker
  • 33 han donato a Harris

61 dei bundlers di Biden (23%) hanno donato ad almeno un altro candidato.

PETE BUTTIGIEG

Al momento della pubblicazione, Pete Buttigieg elenca 180 persone come bundlers sul sito Web della sua campagna. Di quel numero totale:

  • 68 sono legati al settore finanziario (39%)
    • 21 in Private Equity
    • 5 nel settore Bancario
    • 10 in Hedge Funds
    • 15 in Venture Capital
  • 24 al settore Giudiridico (14%)
  • 26 al settore Tecnologia (15%)
  • 7 al settore Telecomunicazioni (4%)
  • 25 all’ Editoria / Intrattenimento (14%)
  • 7 al settore Sanitario (4%)
  • 22 alla Consulenza (13%)
  • 24 alla Politica (13%)
  • 10 alle Pubbliche Relazioni (6%)
  • 18 al Commercio al dettaglio (10%)
  • 26 al settore Immobiliare (15%)

Supponendo che ognuna di queste persone dovesse raccogliere la quantità minima di denaro per essere qualificate come bundlers ($ 25.000), i bundlers rappresenterebbero $ 4.500.000 delle entrate della raccolta fondi di Buttigieg. Ciò equivale all’8,7% delle sue entrate totali per i primi tre trimestri di raccolta fondi di quest’anno. È, tuttavia, inimmaginabile che molti di questi bundler non stiano raccogliendo molto più di $ 25.000 o che l’attuale quota del totale di Buttigieg proveniente dall’attività di raggruppamento sia certamente molto più elevata.

GEOGRAFIA

A Buttigieg notoriamente piace molto il fatto che provenga dalla “Heartland”, ma gran parte del suo grande sostegno finanziario proviene da quelle enclavi costiere che ama tanto deridere.

  • 50 dei bundlers di Buttigieg risiedono nello Stato di New York e 47 di quelli vivono a New York City.
  • 39 vivono in California, 17 dei quali vivono a Los Angeles e 8 dei quali vivono a San Francisco.
  • 19 risiedono nell’area metropolitana DC.
  • 16 vivono a Chicago o nei suoi dintorni.

AMBASCIATORI

Tra i bundlers di Pete Buttigieg vi sono sette ex ambasciatori che hanno prestato servizio durante l’amministrazione Obama.

Nessuno aveva alcuna chiara esperienza diplomatica e qualificante prima di assumere l’incarico. Sei di loro, tuttavia, erano bundlers per Obama del 2008.

Va notato che Buttigieg non ha mai ufficialmente escluso la possibilità di nominare dei bundlers come ambasciatori nel caso in cui fosse eletto presidente.

Gli ex bundler di ambasciatore di Buttigieg includono:

David Jacobson, ambasciatore in Canada sotto Barack Obama

  • Jacobson è vicepresidente del BMO Financial Group dal 2013.
  • Jacobson ha raccolto tra $ 50.000 e $ 100.000 per Barack Obama nel 2008.

Don Beyer, ambasciatore in Svizzera e Lichtenstein sotto il presidente Barack Obama

  • La ricchezza di Beyer deriva dalla vasta rete di concessionari di automobili della sua famiglia nel nord della Virginia.
  • Dopo aver lasciato la sua posizione di ambasciatore, Beyer corse per l’ufficio nell’ottavo distretto congressuale della Virginia e vinse.
  • Beyer ha raccolto oltre $ 500.000 per Barack Obama nel 2008.

John Phillips, ambasciatore in Italia e nella Repubblica di San Marino sotto il presidente Barack Obama

  • Phillips è socio fondatore dello studio legale Phillips & Cohen
  • Nel 2008 Phillips ha raccolto tra $ 200.000 e $ 500.000 per Barack Obama.

Nicole Avant, ambasciatrice alle Bahamas sotto il presidente Barack Obama

  • Avant ha lavorato nell’industria discografica.
  • È sposata con Ted Sarandos, Chief Content Officer di Netflix.
  • Avant ha raccolto oltre $ 500.000 per Barack Obama sia nel 2008 che nel 2012.

Robert Mandell, ambasciatore in Lussemburgo sotto Barack Obama

  • Mandell accumulò la sua fortuna nel settore immobiliare alla guida di società come Greater Construction Corporation e Greater Properties Inc.
  • Mandell ha raccolto tra $ 200.000 e $ 500.000 per Barack Obama nel 2008.

Tod Sedgwick, ambasciatore nella Repubblica slovacca

  • Sedgwick è stato a capo di diverse società, tra cui Sedgwick Publishing, Red Hills Lumber Company e Sedgwick Land Company.
  • Nel 2008 Sedgwick ha raccolto tra $ 200.000 e $ 500.000 per Barack Obama.

Se supponiamo che queste persone raccolgano per Buttigieg il minimo che hanno dovuto raccogliere per Barack Obama, avrebbero contribuito con 1,6 milioni di dollari alla raccolta di fondi di Buttigieg.

SOCIETA’ DI CONSULENZA:

7 dei bundlers di Buttigieg hanno lavorato una volta o l’altra per McKinsey & Company, tra cui:

  • Adam Barth, che è attualmente partner di McKinsey & Company.
  • Ben Lundin che in precedenza ha lavorato per Mckinsey & Company, ma ora è CEO di Pacify Health, una società di TeleHealth.
  • Hannah Granade, che in precedenza aveva lavorato per McKinsey & Company, ma ora è analista presso Senator Investment Group, un hedge fund.
  • Matthew Granade, che in precedenza aveva lavorato per McKinsey & Company, ma ora è socio amministratore di 72 Ventures, una società di Venture Capital.
  • Robert Schiff, che è attualmente partner di McKinsey & Company.
  • Shiva Sarram, che in precedenza aveva lavorato per McKinsey & Company, ma ora è direttore esecutivo della Blossom Hill Foundation.

EQUITÀ PRIVATA:

21 dei bundler di Buttigieg hanno lavorato una volta o l’altra nel settore del private equity. Questi includono nomi riconoscibili come:

  • Hamilton “Tony” James, che è il vicepresidente esecutivo di The Blackstone Group, la più grande società di private equity al mondo.
  • William Rahm di Centerbridge Partners, che è ben noto come uno dei detentori di fondi avvoltoio del debito di Porto Rico.
  • Marc Bodnick, noto soprattutto per il suo ruolo nella co-fondazione di Elevation Partners, una società di private equity che ha effettuato investimenti in società come Forbes e Facebook.

TECH:

26 dei bundlers di Buttigieg sono associati a Tech. Questi includono:

  • Matt Rogers, Chief Product Officer di Google.
  • Jacob Helberg, consulente politico di Google.
  • Didem Nisanci, Responsabile globale delle politiche pubbliche di Bloomberg
  • Benjamin Rosen, cofondatore di Sevin Rosen Funds ed ex presidente di Compaq
  • Matthew Granade di Point72 Ventures, un fondo di venture capital che si concentra su investimenti in fintech.

BUNDLERS COMUNI: *

Una manciata di bundlers di Buttigieg sono attualmente, o sono stati in passato, raggruppati per altri candidati delle primarie.

  • 2, David Millstone di Standard Industries e Douglas Silverman del Senator Investment Group supportano anche Amy Klobuchar.
  • 1, Michael Kives di K5 Global, precedentemente supportato da Cory Booker.
  • 1, Susie Tompins Buell di Esprit e North Face, precedentemente supportato Kamala Harris.

Buttigieg ha anche ricevuto un grande sostegno da parte di bundlers che han lavorato per i precedenti candidati presidenziali. Tra questi ci sono:

  • 15 bundlers di Barack Obama nel 2008 (su 558 totali);
  • 11 bundlers di Barack Obama nel 2012 (su 769 in totale);
  • E 18 bundlers di Hillary Clinton nel 2016 (su 1.129 in totale).

Molti bundlers di Buttigieg hanno anche supportato con donazioni altri candidati.

  • 15 hanno donato a Joe Biden
  • 13 hanno donato ad Amy Klobuchar
  • 5 hanno donato a Elizabeth Warren
  • 11 hanno donato a Cory Booker
  • 20 hanno donato a Kamala Harris

In totale, 44 dei bundlers di Buttigieg (24%) hanno donato ad almeno un altro candidato.

GENERICI:

  • Brad Karp, il presidente di Paul Weiss, sta lavorando per Amy Klobuchar e Joe Biden. Prima di abbandonare, ha anche raggruppato per Cory Booker e Kamala Harris.
  • Darren Check, partner di Kessler Topaz Meltzer Check, bundler per Booker e Klobuchar
  • Alcuni bundlers elencano diverse versioni del loro nome quando effettuano donazioni diverse. Ad esempio, Ronald Conway, Ron Conway e Ronny Conway sono tutti la stessa persona, ma Conway utilizza versioni diverse del suo nome quando fa una donazione a candidati diversi.

METODOLOGIA

Il Revolving Door Project ha esaminato i nomi di tutti gli individui che i candidati attualmente elencano come bundlers sui siti Web della loro campagna. Abbiamo catalogato la storia occupazionale di ogni individuo. Sulla base dell’occupazione presente e passata, le persone sono state ordinate in uno o più dei seguenti settori:

  • Finanza (generale)
  • Finanza-Private Equity
  • Finanza-Banking
  • Fondo di copertura finanziaria
  • Capitale finanziario-finanziario
  • Assicurazioni
  • Contabilità
  • settore Giuridico
  • Tech
  • Telecomunicazioni
  • Media / Intrattenimento
  • Energia
  • Difesa
  • Farmaceutico
  • Sanità
  • Consulenza
  • Politica **
  • Funzionario eletto federale
  • Pubbliche relazioni
  • Commercio al dettaglio
  • settore Immobiliare
  • settore Finanzario
  • Agricoltura / Big Food

Gli individui possono essere associati a più di un settore, quindi i totali percentuali non si sommano al 100%.

* In entrambe le sue campagne, Barack Obama ha pubblicato i nomi dei bundlers che hanno raccolto almeno $ 50.000, mentre Hillary Clinton ha rilasciato nomi di bundlers che hanno raccolto almeno $ 100.000. In ogni elezione successiva dal 2008, il candidato presidenziale democratico ha auto-riferito più bundler totali, ma il totale dei dollari guidati da Clinton è persino più alto di quanto il numero individuale suggerisca, a causa di queste qualifiche più elevate.

Nel frattempo, Pete Buttigieg e Joe Biden hanno finora rivelato i nomi dei bundler che hanno raccolto $ 25.000 per le rispettive campagne, uno standard inferiore a quello di Obama o Clinton. Ricorda che le liste dei bundler di Obama e Clinton riflettono l’intera campagna presidenziale del 2008 e del 2012, non solo le primarie. Inoltre, la Primaria democratica 2020 presenta molti più candidati rispetto alle primarie precedenti, che stanno contendendo un numero limitato di finanziatori con un alto dollaro. Ciò contribuisce a far sì che ciascun candidato abbia la lealtà di ancora meno bundler che finora hanno raccolto ancora meno dollari.

Pertanto, è improbabile che oggi i dati sui bundler si dimostrino predittivi o riflessivi dell’influenza finale dei bundler nella campagna 2020, qualora il partito democratico nominasse un candidato dipendente dal bundler. Riflette solo sul ruolo svolto finora dai bundler nella campagna.

** Il settore politico comprende chiunque operi nel settore delle lobby, figure politiche federali registrate o non registrate, non elette e figure politiche locali elette

Link: Who Exactly Are Joe Biden and Pete Buttigieg’s Bundlers?

Traduzione per Comedonchisciotte.org A CURA DI Riccardo Donat-Cattin

Pubblicato da Rugge

"Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo" Evelyn Beatrice Hall, The Friends Of Voltaire - "Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero" Anonimo
Precedente Pompeo in Eurasia alla ricerca di nuovi alleati contro la Russia
Prossimo Coronavirus: l’epidemia sembra rallentare

5 Commenti

  1. Che bello vedere come per i pagliacci i soldi a palate si trovino sempre, mentre per le persone normali e per il lavoro magicamente spariscano. Che barzelletta il mondo.

  2. E invece Sanders non lo finanzia nessuno vero? Poverino!

  3. Scordatevi Biden. E’ bruciato.
    L’uomo dei poteri forti è Buttigieg.
    Con il suo essere gay dichiarato e sposato con un altro uomo incarna i valori del “nuovo secolo”. Le èlite nel loro declino diventano sempre più oltranziste e rabbiose.
    Più liberista di Biden e Trump messi insieme. False flag dell’Heartland che ha votato Trump, fra poco tutte le risorse del regime saranno buttate su S.M. la checca.

  4. Quello che è successo alle primarie dei democratici nello Iowa ha rasentato il ridicolo, per colpa di una app da applicare allo smartphone introdotta per mettere il voto al sicuro dagli hackers russi, sviluppata da una società appartenente ad un responsabile della passata campagna di Hellary Clinton, hanno comunicato il risultato dopo quattro giorni di conta a mano.
    In questo modo sono riusciti a far arrivare Sanders secondo, dietro il gay maltese Buttigieg, un clintoniano sposato con un uomo che se va alla Casa Bianca inaugurerà l’era del First Gay.
    Sanders possono eliminarlo solo con i brogli, nel Regno Unito hanno cercato di eliminare Corbyn con l’accusa di antisemitismo, ma essendo Sanders ebreo con lui non possono farlo.

  5. L’orifizio di preferenza non dovrebbe incidere sulle scelte politiche. Invece oggi sembra che se ti piaccia prenderlo di dietro hai più chance di successo…

Lascia un commento