Home / ComeDonChisciotte / PIU' CHE ACCORDO SUL DEBITO, E' UN ACCORDO DI DEFAULT

PIU' CHE ACCORDO SUL DEBITO, E' UN ACCORDO DI DEFAULT

DI VALERIO LO MONACO
ilribelle.com

Premessa. Chiamatelo haircut, ristrutturazione o altro, si tratta semplicemente di una cosa: default. La Grecia, ne hanno preso coscienza tutti, non può ripagare il debito e pertanto glielo hanno tagliato di un bel pezzo.

Ancora: usiamo pure i termini che vogliamo, ma il fondo Salva Stati è diventato ufficialmente un Fondo Salva Banche.

E ora entriamo nei particolari.Prima notizia: le Banche hanno preteso almeno il 50%. Volevano concedergli il 21%, e invece gli è stato fatto un ulteriore regalo spostando il tutto al 50. Parliamo di quanto avranno, come assicurazione sul default della Grecia, che è dunque (seconda notizia) una realtà: il debito di Atene, che oggi è di 350 miliardi, verrà ridotto a di 100.

In merito agli istituti di credito, che era la vera spina nel fianco del vertice europeo di ieri, la situazione è molto più semplice da capire di quanto le varie norme approvate e proposte non possano far sembrare: invece di far fallire le Banche esposte verso la Grecia, come sarebbe stato giusto, il fondo Salva Stati, ormai (e lo vedremo a breve) diventato a tutti gli effetti un Fondo Salva Banche così come avevamo avvertito su queste pagine in tempi non sospetti, è stato dunque, di fatto, varato.

E la prova del nove di quanto scriviamo risiede nelle Borse: l’Euro tiene, e le Borse non crollano definitivamente (per ora) come avrebbero invece fatto se questo pseudo-accordo non fosse stato trovato. Anzi, al momento le Borse sono in piena euforia.

Dunque che succede? 

Prima cosa: il Fondo Salva Stati avrà un aumento – cioè sarà quadruplicato – grazie alla soluzione del leverage: i soldi non ci sono ma attraverso questo sistema si agirà come se il fondo avesse una capacità di 1000 miliardi di euro invece dei 440 attuali. E la cosa avrà in ogni caso delle conseguenze che vedremo presto (e spiegheremo a breve). 

1000 miliardi significa dunque quadruplicare il tutto, perché dei 440 attuali ne verrano subito “usati” 250 circa per la Grecia (riducendo da 350 a 100 miliardi la sia esposizione) e il restante, appunto, sarà sottoposto all’effetto leva.

Seconda cosa: la ricapitalizzazione delle Banche. Queste dovranno portare al 9% il coefficiente patrimoniale entro il 2012. Al momento devono avere il 4% circa, e secondo Basilea 3 avrebbero dovuto arrivare al 7. Secondo l’accordo di ieri – arrivato dopo che le Banche stesse hanno tentato di opporsi in tutti i modi a tale norma – invece dovrà arrivare al 9%. Che significa? Esempio: per poter agire, e prestare denaro, per 100 milioni, dovranno averne 9 in tasca (invece di 7, o invece di 4 come adesso). Grosso sforzo, si direbbe. Eppure le Banche operano da sempre così: raccolgono, esempio, 4 milioni e, per legge, ne “possono prestare” a interesse 100. Ecco, ora per prestarne 100 ne dovranno avere in cassa almeno 9. Non un grosso sforzo dunque, come si vede: la truffa resta. Eppure è una cosa in grado di mettere in ginocchio parecchie Banche, che fino a ora (e anche da qui in avanti, sia chiaro) potevano operare con pochi spiccioli in tasca ma facendo finta di averne molti di più. 

Pare serviranno 106 miliardi di euro per ricapitalizzare gli istituti di credito sottoposti agli stress test (di cui 14.7 per quelli italiani). Ma in realtà nessuno lo sa con certezza.

Naturalmente già sappiamo quale sia la accuratezza e l’efficiacia degli stress test: solo il caso Dexia, la Banca franco-belga appena fallita e spacchettatta e messa sulle spalle dei cittadini, lo dimostra. A luglio scorso aveva superato gli stress test e a inizio ottobre è fallita….

Ad ogni modo, il vertice di ieri si è giocato tutto sul tema Banche: dopo ore di trattative la cosa ancora non si sbloccava, e per un motivo preciso. Le Banche non avevano accettato di essere “assicurate” dal default greco per il solo 21% di quanto avevano di esposizione, così come era stato previsto. Il loro niet ha costretto a quel punto la Merkel e Sarkozy ad incontrare il direttore del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, per trovare l’accordo. E dopo soli 45 minuti – segno che veramente ieri il rischio di scoppio di tutto è stato serio – l’accordo è stato trovato: alle Banche, come detto, verrà riconosciuto il 50%.

Ora attenzione: è una cosa sconcertante. Nessun privato investitore, e figuriamoci  un semplice cittadino, avrebbe mai potuto “pretendere” di avere indietro il 50% dei propri investimenti sbagliati andati in fumo. E neanche il 21% proposto inizialmente alle Banche: un comune mortale avrebbe semplicemente perso tutto. E sarebbe – giustamente – fallito. Ma le Banche no: non solo hanno puntato i piedi perché sembrava loro troppo poco avere indietro il 21%, ma hanno addirittura ottenuto il 50%. A spese di chi è facile capirlo: dei cittadini europei, attraverso il Fondo Salva Stati – pardon, Salva Banche – che sempre dalle nostre tasche arriva. E sempre sulle nostre tasche peserà: vedi le misure previste per l’Italia, ad esempio.

Beninteso, a nulla servono alcune norme “imposte” alle Banche per avere indietro questa copertura, come ad esempio il fatto di dover in pratica raddoppiare il proprio capitale minimo (al 9% entro giugno 2012, come detto), dover rinunciare a dividendi e bonus fino a ricapitalizzazione avvenuta: questo è il minimo. Il punto è che sono state salvate con denaro pubblico. 

Tutto il resto – che leggeremo e ascolteremo altrove – è fuffa. 

L’entità del capitale necessario al rafforzamento per ogni singola Banca dipenderà dalla quantità di debito greco in portafoglio e da quanto questo verrà “svalutato”. 

E anche se la bozza stabilisce che per rifinanziarsi le Banche dovranno utilizzare in primo luogo capitali propri (per esempio con ristrutturazioni e cartolarizzazioni), quindi chiedere un intervento diretto degli Stati, e solo alla fine chiedere soccorso al Fondo, è evidente che la maggior parte di queste passeranno direttamente al Fondo. O comunque a esso finiranno.

La realtà, come detto, è semplice: dovevano fallire dopo aver speculato su di noi, e invece noi le stiamo salvando con il nostro denaro. Il che ci costerà doppiamente, anzi, in modo triplo.

Ci è costato sino a ora perché siamo stati depredati da esse, ci costerà adesso nel salvarle, e ci costerà dopo perché invece di farle fallire le stiamo mettendo in grado di ricominciare, più di prima, a fare soldi sulla nostra pelle.

Ma a questo punto la vera domanda che dovremmo porci è la seguente: visto che ad Atene hanno “dovuto” tagliare il debito, dai 350 miliardi ai 100, mediante l’utilizzo del Fondo, perché gli altri Stati dovrebbero fare diversamente?

Perché non chiedere tutti, Portogallo, Spagna e Italia, la stessa cosa? E perché non dovrebbe farlo ogni singolo cittadino?

Tanto c’è il Fondo no?

Aggiornamento:

“Il nostro lettore Riccardo ci corregge, giustamente, su alcune cifre date nel pezzo. Ecco quelle giuste, che prontamente segnaliamo:

“Il taglio del 50% del debito greco è stato di 100 miliardi portandolo così da 350 a 250.
Infatti l’haircut è stato applicato solamente a 200 miliardi di debito, i restanti 150 miliardi detenuti dalla bce e dalla troika non sono stati toccati.”

Il che, oltre ovviamente a non cambiare di un millimetro il significato della notizia, semmai ne peggiora ulteriormente la portata, visto che i miliardi detenuti dalla trojka, a differenza degli altri sui quali è stato applicato l’haircut, non sono stati toccati.

Valerio Lo Monaco

www.ilribelle.com/
27.10.2011

Per gentile concessione de “La Voce del Ribelle”

La Voce del Ribelle è un mensile – registrato presso il Tribunale di Roma,
autorizzazione N° 316 del 18 settembre 2008 – edito da Maxangelo
s.r.l., via Trionfale 8489, 00135 Roma. Partita Iva 06061431000
Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco
All rights reserved 2005 – 2008, – ilRibelle.com – RadioAlzoZero.net
Licenza SIAE per RadioAlzoZero n° 472/I/06-599
Privacy Iscrizione ROC – Registro Operatori della Comunicazione – numero 17509 del 6/10/2008

Pubblicato da Davide

  • AlbertoConti

    Bella descrizione del principio: se esce testa ho vinto io e mi prendo giustamente i soldi della vincita, se esce croce ho perso e tu, pantalone, mi devi salvare perchè ti sono indispensabile! Questo è effettivamente il principio su cui si basa il dollaro, e l’abbiamo ampiamente visto in pratica, ed ora su cui si basa il “virtuoso” euro del patto di stabilità di Maastricht! Dicono che l’euro è nato come marco unico che ha cambiato nome. Vero, ma ancor più vero che le valute europee dei fondatori, tra cui la lira, sono state preventivamente trasformate in simil-dollari, con la stessa logica della gestione privatistica del sistema bancario. Io l’ho capito molto bene, sulla mia pelle. Prodi-ciampi-draghi-schioppa-monti-letta-bersani e tanti altri “geniacci” della finanza invece dicono, o sembrano voler dire non dicendo, di non averci capito una mazza. Non parliamo del tristo duo berl-boss, con appendici casini-fini-&proci-vari, di quelli che “guai a chi tocca caino” (leggi amici di sion). Quando dico che la nostra è una moneta ideologica dico ancora poco.

  • Giancarlo54

    Concordo, ma nella lista dei “geniacci della finanza” hai dimenticato quello che attualmente è il nr. 1, certo Giorgio Napolitano, indicato da tutti i massmedia agli occhi del popolino italiota come il bravo nonnetto che veglia insonne per la nostra incolumità.
    Questo signore non viene mai citato al negativo, perchè?

  • ericvonmaan

    Perchè caro Valerio “la legge NON è uguale per tutti”. Chi tiene le chiavi della cassaforte (in questo caso chi ha il monopolio della creazione e gstione della Moneta) COMANDA. E ordina quello che gli fa più comodo. E i suoi dipendenti (politici e partiti) ESEGUONO.
    Ci vorrebbero due-tre anni di ghigliottina per sistemare le cose.

  • nuvolenelcielo

    beh, al di là dei dati concreti e degli effetti di questa decisione, concettualmente è un piccolo passo avanti che queste cose vengano alla luce, cioè che i governi “si siano accorti” che possono per “decreto” tagliare il debito con le banche, e che la sovranità dovrebbe toccare a loro e non alle banche stampa-soldi…

  • istwine

    “Non un grosso sforzo dunque, come si vede: la truffa resta.”

    che sarebbe?

  • Hamelin

    Mi sa che ben pochi si rendono conto del reale effetto di questo evento .
    L’ultima parvenza di democrazia e di uguaglianza è morta in questo vertice che sancisce e consacra la dittatura finanziaria.Hanno salvato la finanza al posto dell’economia reale( Ovvero lo Champagne per pochi,contro il pane per molti…)Il Patto Sociale è definitivamente Morto! I Banchieri l’hanno freddato e verranno a prendersi con le imposizioni legislative che stanno impartendo via UE tutti i frutti del lavoro delle persone , vendendo carta , Cazzate e Bufale senza senso.Senza considerare che dal punto di vista economico tutto cio’ ci spingerà in una Depressione Economica piu’ Grave che la storia dell’umanità abbia mai vissuto.Comprate terre , attrezzi agricoli a armi che fra 2 lustri saremo in un nuovo Medioevo ,tra guerre e miseria….E se c’è un Dio questo è il momento buono che si faccia vivo prima che il pianeta sia distrutto…

  • amensa

    innanzitutto complimenti, perchè qui c’è uno che ha capito come funziona il sistema bancario.

    poi però c’è solo un errore, almeno rispetto ai dati vche ho io.
    l’hair cut del 21% e non che lasciasse il 21%, è stato subito giudicato insufficiente a salvare dal default.
    per cui le proposte sono salite al 40% poi al 50%, giudicando tale cifra ancora nemmeno sufficiente a risolvere la crisi greca, ma almeno a rimandare di un anno e più il default.
    per risolvere decisamente la crisi sarebbe stato necessario ben di più ma a quel punto non si sarebbe più potuto non chiamare default, con l’innesco dei CDS-
    quello che sicuramente non è stato detto è cosa è stato offerto alle banche per accettare questo piano, infatti i “salvati” più che le banche europee, sono stati gli emittenti dei CDS in buona parte USA.
    quelli sono effettivamente i graziati, almeno per ora, ed acquisterebbe anche senso il rinvio, anzicchè la soluzione.
    rinvio tanto quanto basta ad uscire dal periodo garantito dalla maggior parte dei CDS.

  • amensa

    …………. per cui, ai cittadini europei viene chiesto non tanto di salvare le banche europee ( anche ma non solo) quanto di salvare le istituzioni USA emittenti dei CDS. amen.

  • AlbertoConti

    Anche Ciampi da presidente non ha fatto molti danni, li aveva già fatti prima, e per questo l’hanno premiato. Comunque non ho problemi, aggiungiamolo alla lista dei nonni pericolosi.