Pfizer testerà il terzo vaccino contro il COVID in bambini sotto i 5 anni dopo che le due dosi non sono state all’altezza

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

www.renovatio21.com

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

di Megan Redshaw

Pfizer e BioNTech amplieranno la loro sperimentazione clinica per includere una terza dose del loro vaccino COVID su neonati e bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni dopo che la società ha affermato che due dosi non sono riuscite a innescare una risposta immunitaria sufficiente nei bambini di età compresa tra 2 e 5 anni.

Pfizer e Biontech metterà alla prova una terza dose del loro vaccino COVID su neonati e bambini da 6 mesi a 5 anni dopo che la società ha detto che due dosi non sono riusciti a innescare una risposta immunitaria sufficiente da 2 a 5 anni di età.

Le società hanno dichiarato il 17 dicembre di aver modificato la loro sperimentazione clinica per includere una terza iniezione per la fascia di età almeno due mesi dopo il regime iniziale a due dosi.

Le aziende hanno testato una dose di 3 microgrammi del vaccino, un decimo della dose per adulti, in bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni.

Dopo due dosi, i bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni hanno prodotto una risposta immunitaria paragonabile a persone di età compresa tra 16 e 25 anni, ma non i bambini di età compresa tra 2 e 5 anni. «Lo studio ora includerà la valutazione di una terza dose di 3 [microgrammi] almeno due mesi dopo la seconda dose della serie a due dosi per fornire alti livelli di protezione in questa giovane fascia di età», hanno affermato le società in un comunicato stampa.

In una teleconferenza con investitori e analisti lo scorso 17 dicembre, Kathrin Jansen, capo della ricerca sui vaccini di Pfizer, ha affermato che se la strategia rivista funziona, «avremmo un approccio coerente al vaccino a tre dosi per tutte le età».

Se tre dosi innescano una risposta immunitaria sufficiente, le aziende prevedono di presentare i dati alle autorità di regolamentazione nella prima metà dell’anno, secondo quanto riportato dal Washington Post.

«È importante notare che non si prevede che questo adeguamento modificherà in modo significativo le nostre aspettative di richiedere l’autorizzazione all’uso di emergenza e le approvazioni condizionali nel secondo trimestre del 2022», ha affermato Jansen.

«Penso che una terza dose darà una bella spinta, e onestamente, questo è davvero eccitante – come sappiamo dai dati degli adulti, tre dosi sono probabilmente meglio per Omicron», ha dichiarato al Washington Post il dott. Kawsar Talaat, uno dei principali ricercatori del reparto pediatrico Pfizer processo e medico presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. «E penso che sarà utile avere dati simili per i bambini».

Secondo il comunicato stampa di Pfizer , lo studio di fase 1/2/3 ha inizialmente arruolato fino a 4.500 bambini di età compresa tra 6 mesi e meno di 12 anni negli Stati Uniti, Finlandia, Polonia e Spagna provenienti da oltre 90 centri di sperimentazione clinica.

Pfizer ha affermato che il suo studio è stato progettato per valutare la sicurezza, la tollerabilità e l’immunogenicità del vaccino Pfizer-BioNTech su un programma a due dosi in tre gruppi di età: dai 5 ai 12 anni, dai 2 ai 5 anni e dai 6 mesi ai meno 2 anni.

Lo studio ha arruolato bambini con o senza precedenti prove di infezione da SARS-CoV-2, nonostante più di 140 studi dimostrano che l’immunità naturale derivata da una precedente infezione da SARS-CoV-2 è di lunga durata, robusta e durevole.

Le aziende stanno anche testando una terza dose in bambini di età compresa tra 5 e 11 anni e una terza dose per adolescenti tra i 12 e i 17 anni.

Pfizer-BioNTech ha affermato che la loro decisione è stata informata confrontando la risposta immunitaria nei bambini più piccoli con gli adolescenti più grandi e i giovani e dai dati emergenti – prodotti da Pfizer – per i quali tre dosi sono più protettive contro varianti come Omicron.

I dati più recenti della People’s Vaccine Alliance rivelano che Pfizer, BioNTech e Moderna stanno realizzando profitti combinati di 65.000 dollari ogni minuto, o 93,5 milioni di dollari al giorno.

Nella sua dichiarazione finanziaria del terzo trimestre, Pfizer prevede 36 miliardi di dollari di entrate da vaccini per il 2021, sebbene l’utile lordo dalle entrate sia diviso 50/50 con BioNTech.

Durante una relazione sui profitti febbraio, il CEO di Pfizer Albert Bourla ha assicurato agli investitori che con l’attenuazione della domanda iniziale per il suo vaccino COVID, la società potrebbe realizzare profitti significativi applicando prezzi più elevati e implementando dosi di richiamo di routine per nuove varianti del virus.

Durante la Barclays Global Health Conference di marzo, il CFO Frank D’Amelio ha affermato che la società non vede la vaccinazione come un evento una tantum, ma «come qualcosa che continuerà per il prossimo futuro».

 

© 20 dicembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Fonte: https://www.renovatio21.com/pfizer-testera-il-terzo-vaccino-contro-il-covid-in-bambini-sotto-i-5-anni-dopo-che-le-due-dosi-non-sono-state-allaltezza/

Pubblicato il 24.12.2021

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
È il momento di condividere le tue opinionix