Home / ComeDonChisciotte / OBAMA ORDINA AD UN MILIONE DI SOLDATI USA “DI PREPARARSI ALLA GUERRA CIVILE”

OBAMA ORDINA AD UN MILIONE DI SOLDATI USA “DI PREPARARSI ALLA GUERRA CIVILE”

FONTE: POLITICALTHEATRICS.NET

Gli analisti militari russi riferiscono oggi al primo ministro Putin che il presidente USA Barack Obama ha diramato l’ordine al comandante del Comando Settentrionale (USNORTHCOM), il generale Gene Renuart dell’Air Force statunitense, di “cominciare immediatamente” ad aumentare il numero dei militari di un milione di unità, a partire dal 30 gennaio 2010. Questi rapporti mettono in guardia sullo scoppio previsto di una guerra civile negli Stati Uniti prima della fine dell’inverno.

Stando a questi rapporti, Obama ha avuto nelle settimane precedenti “numerosi” meeting con il suo consiglio di guerra su come gestire al meglio l’attesa implosione del sistema bancario nazionale mentre, al contempo, tentava di mantenere l’egemonia militare statunitense sul mondo, in quella che gli analisti militari russi definiscono “l’ultima mossa strategica” il cui successo è “lontano dall’essere accertato”.

E come “ultimo stratagemma” Obama, continuano i rapporti, annuncerà a tutta la nazione, la prossima settimana, che ha intenzione di ampliare l’entità delle forze militari USA in Afghanistan con diecimila soldati, usando allo stesso tempo il loro schieramento come “copertura” per far tornare in USA più di 200.000 altri soldati supplementari americani da più di 800 basi disposte in più di 39 Paesi nel mondo, portando il numero di queste forze in America a più di un milione. Numero che, a detta dell’esercito USA, sarà in grado di contenere “l’esplosione di violenza” che si prevede farà inquietare le persone quando scopriranno che la loro economia è alla bancarotta.

Questi rapporti, inoltre, affermano che Obama cercherà, allo stesso tempo, di preservare il suo Paese dalla disgregazione violenta. Le diecimila truppe aggiuntive che invierà in Afghanistan devono essere inviate a Kandahar, dove gli americani e i loro alleati NATO daranno vita all’ultimo tentativo di mettere al sicuro il loro gasdotto TAPI (TAPI (Turkmenistan, Afghanistan, Pakistan e India). Questo, senza i Paesi occidentali e a causa della grave mancanza di risorse alternative di energia, poiché sono stati estromessi dai grandi fornitori dell’Asia centrale (che sia la Russia sia la Cina stanno tentando di assicurarsi), sono preoccupati crollerà del tutto.

A rendere la situazione USA (e, di conseguenza, anche quella dell’Occidente) ancora peggiore, ci sono nuovi rapporti provenienti dall’International Energy Agency. Questi affermano che, “dietro pressioni” del governo USA, (l’agenzia) ha “deliberatamente sottovalutato” il profilarsi di una carenza mondiale di petrolio, per paura di scatenare il panico comprandolo, e facendo crescere i timori americani sulla fine della supremazia del petrolio, poiché ciò minaccerebbe il loro potere all’accesso alle ultime risorse di petrolio rimaste nel mondo.

Tra le manovre più spaventose del “gioco alla fine” fatte da Obama nel tentativo di proteggere l’egemonia statunitense sul mondo, c’è quella della mossa incommensurabilmente distruttiva di far affondare nel debito altri 3.5 trilioni di dollari, il che fa crescere l’ammontare totale del debito USA verso i cittadini e il mondo alla cifra mai toccata prima di più di 106 trilioni di dollari.

Le azioni di Obama sono diventate così allarmanti (specialmente da quando sono state imitate da tutte le autorità Occidentali) che il direttore del Fondo Monetario Internazionale (FMI), Dominique Strauss-Kahn, la scorsa settimana ha avvertito che le “azioni di stimolo” dell’Occidente (che essenzialmente consistono nello stampare moneta senza che ci sia nulla a sostenerla), sono diventate ora una “minaccia alla democrazia”, poiché si prevede che milioni di persone reagiranno con violenza nei confronti dei loro governi e contro coloro che hanno rubato i loro soldi e il loro futuro.

Tuttavia, purtroppo per i cittadini statunitensi, l’avviso del FMI è caduto nel vuoto in USA, dove il presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis, James Bullard, continua a dire questa settimana che gli USA continueranno le loro “azioni di stimolo”, perché queste darebbero maggiore flessibilità a chi attua i piani politici ed economici USA”. Una dichiarazione tanto più assurda quanto più la si vede nell’ottica dei debiti precedenti ancora non pagati e pendenti sull’economia americana, che attualmente non è in grado di pagare in alcun modo.

Sulla capacità dei giganti bancari occidentali di poter salvare le economie dei loro Paesi si sono scagliate novità ancora peggiori questa settimana, quando il gigante del rating Standard & Poors lancia l’allarme secondo cui “ogni singola banca in Giappone, USA, Germania, Spagna, Italia, comprese le 45 sparse nel mondo della S&P, rimangono in pericolo”. Un avviso che ha indotto una delle banche più grandi d’Europa, la Société Générale, a mettere in guardia i suoi clienti affinché si preparino al “collasso economico globale”.

Ai timori di Obama per il fatto che gli USA possano entrare in una guerra civile dopo che l’entità delle devastazioni e dei saccheggi subiti da queste persone ad opera delle loro banche sarà nota, si aggiungono ora tristi prove che mostrano la probabilità che ciò accada presto, specialmente nei nuovi sondaggi. I grafici mostrano infatti che la percentuale di gradimento di Obama tra i bianchi americani è scesa attualmente al 39%. Un numero reso più significativo se si pensa che i bianchi in america costituiscono il 74% dei 398 milioni di cittadini stimati. Oppure più inquietante, quando si legge nei rapporti che “più di 220 milioni di americani sono armati fino ai denti e pronti a esplodere”.

La popolazione bianca degli USA è diventata talmente spaventata che al momento dell’insediamento di Obama alla presidenza è stato nominato “il venditore di pistole dell’anno” dall’Outdoor Wire, il servizio di informazione elettronica quotidiana dell’industria dell’outdoor, che riferisce di “acquisti da panico” di armi e munizioni da parte di coloro che sono spaventati dalla distruzione del loro Paese per mano di un uomo che non è neanche cittadino statunitense, ed è stato loro imposto dalle elite che cercano di renderli schiavi.

Sebbene la prossima guerra civile in USA sia stata virtualmente ignorata dai loro mezzi di propaganda, lo stesso non può dirsi della Russia, dove un analista politico di spicco, il Prof. Igor Panarin ha a lungo messo in guardia per il fatto che il tumulto economico negli USA ha confermato la sua convinzione di vecchia data secondo la quale gli USA si dirigono verso il crollo, e si divideranno in parti distinte.

Il Professor Igor Panarin ha aggiunto nel suo monito che “il dollaro USA non è garantito da nulla. Il debito estero del Paese è cresciuto come una valanga, sebbene nei primi anni Ottanta non ci fosse debito. Nel 1998, quando per la prima volta ho fatto questa previsione, aveva superato i 2 trilioni di dollari. Ora è di più di 11 trilioni. Questa è una piramide che può solo crollare.”

Ciò che rimane da vedere, e tali rapporti non lo prevedono, è se i cittadini-soldati degli USA spareranno e uccideranno i loro conterranei nel conflitto che si profila. Ma se dobbiamo basarci sulla storia, questa ci mostra chiaramente che sarà così, poiché la nazione americana, una volta grande, continua ad affondare a capofitto nell’abisso della storia. Possa Dio avere pietà di tutti loro.

Fonte: www.politicaltheatrics.net

Link: http://www.politicaltheatrics.net/?p=1001

1.12.2009

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di Bridget Von Hammersmark

Pubblicato da Davide

  • tictac

    Un grazie a chi a tradotto l’articolo. adesso so quello che non accadrà

  • Tonguessy

    ” Possa Dio avere pietà di tutti loro.”
    “In God we Trust” è scritto a chiare lettere su quegli 11 trilioni di dollari di debito estero. Quindi tutto a posto, no? Eh, la metafisica……

  • lucamartinelli

    bene! allora sta per arrivare il momento. ricordo di avere letto piu’ di un anno fa la notizia della costruzione di 300 campi di concentramento negli States ad opera della FEMA. siccome non c’è nulla da aggiungere a questo articolo mi limito ad una considerazione sui campi. visto che la loro costruzione è iniziata piu’ di un anno fa, significa che qualche “illuminato” aveva previsto tutto. ma che menti raffinate!!!!!!! cosa darei per avere un cervello come il loro!!! buona giornata a tutti. P.S. a proposito: e noi che fine faremo?

  • silviu

    Già la prima parte dell’articolo rasenta il delirio ma poi ti arriva la citazione di Igor Panarin e allora, davvero, cascano le bocce…. a cosa servono questi rimasticamenti di notizie, più o meno verosimili, impastati di catastrofismo???

  • vimana2

    …la citazione di panarin nn ti va bene perchè nn dice quello che vorresti tu, e Celente allora che negli anni 70 previde il crollo dell’URSS ( nn prevista dai servizi segreti)?……l’impero è alla fine caro mio, per la felicità di miliardi di persone!

  • Truman

    Il link su politicaltheatrics non funziona, per quanto l’articolo sia rintracciabile tramite cache di Google. Sembrerebbe sia stato rimosso.

    Comunque l’articolo è reperibile con data 30 novembre a

    http://pakalert.wordpress.com/2009/11/30/obama-orders-1-million-us-troops-to-prepare-for-civil-war/

    Una versione ancora più vecchia dell’articolo (26 novembre) è a
    http://www.whatdoesitmean.com/index1302.htm

    Qui compare finalmente l’autore dell’articolo, Sorcha Faal, un nome che ispira qualche sospetto. Qualcuno l’ha correlato con i servizi segreti USA e qualcun altro con quelli israeliani. In ogni caso è opportuno verificare quello che dice prima di prenderlo per buono.

    A riguardo ci sono numerosi commenti sul sito effedieffe:

    http://www.effedieffe.com/content/view/6859/183/

  • Mari

    Ti riferisci a questo?

    http://ansu.altervista.org/Ansunet/index.php?mod=read&id=1250926642 … c’e’ anche un mistero non ancora svelato sull’aeroporto di Denver, oltre gli affreschi (discutibili ed ambigui) … cosa c’e’ sotto l’aeroporto? http://santaruina.splinder.com/post/20458356/Le+strade+che+portano+a+Denver

  • backtime

    [poiché la nazione americana, una volta grande, continua ad affondare a capofitto nell’abisso della storia. Possa Dio avere pietà di tutti loro.]

    Ma manco per niente, pietà la meritano le brave persone non certo gli assassini alleati ed indottrinati da assassini.

    Tutto ha un fine, è giunto quello dell’america gargarozzona.

  • novecento

    Se mai fosse vero, penso che sarebbe la fine dell impero americano, di quel 1 000 000 almeno il 40/ 50% (quasi tutti sottuficiali e truppa esclusi gli oligarchi degli ufficiali che tanto non combattono mai) rassegnerebbero le dimissioni,diserterebbero o passerebbero con i civili combattendo contro i militari.
    Il restante 50/60% se la vedrebbero con almeno 150 000 000 milioni di americani incazzati ed armati fino ai denti.
    E ricordatevi che la guerriglia urbana è la più difficile per i soldati poichè non sai chi sia il nemico e da dove arrivi la minaccia.

    e come cantava lui……….this is the end my friend…….

    Ora che non credono più neanche a criptonite nera vedrai come s’ incazzano……

  • Mara79

    Periodicamente rispuntano queste fregnaccione alla John Titor, cambiano solo i nomi dei presidenti e politici di turno. Fino a un’annetto fa c’era il complotto di Bush e dei neocon, pronti a far saltare le elezioni per instaurare la legge marziale del NWO. Poi doveva arrivare il nonno MCCain a far fuori il rivale negro Siccome nulla di tutto ciò è successo adesso bisogna passare ad Obama il ruolo di fuhrer.
    Questa poi rasenta il ridicolo
    ” sono spaventati dalla distruzione del loro Paese per mano di un uomo che non è neanche cittadino statunitense, ed è stato loro imposto dalle elite che cercano di renderli schiavi. ”
    Fino a prova contraria è stato votato, di sicuro non da tutti, com’è normale che sia; ma da qui a dire che è stato imposto ce ne vuole.

  • duca

    Il nome della traduttrice è vero materiale da complottisti! :o)

  • levred

    L’articolo qui riprodotto è opera della regina dei falsi Sorcha Faal, uno pseudonimo sotto cui si cela un gruppo-entità ben organizzato che ha lo scopo di disinformare-informare (che al momento è la stessa cosa…) commentando attraverso il sito http://www.whatdoesitmean.com fantomatici reports dei servizi segreti russi. La maggior parte degli articoli a firma Sorcha Faal vengono introdotti da incipit di questo tenore…: “FSB reports circulating in the Kremlin today” oppure “Russian Space Forces are reporting today” o ancora “Grim reports are circulating in the Kremlin today” e sembrano accreditare delle fonti di intelligence russe.
    L’articolo qui tradotto è uscito già da qualche tempo con il titolo “Obama Orders 1 Million US Troops To “Prepare For Civil War”.
    Non mi sono chiesto perché si pubblichi o comunque si dia spazio a queste informazioni visto il tenore, qualche volta, appassionatamente sensazionalistico del sito di CDC.
    Sarebbe utile fare una riflessione sul “cui prodest” degli articoli di Sorcha Faal…per esempio…
    30.10.09
    “Putin Orders Russian Nukes To “High Alert” As Israel Prepares For War”
    Nel quale si annuncia l’ordine di Putin di allertare la difesa missilistica nucleare contro Israele che minacciava di attaccare l’Iran.
    20.11.09
    “Nuclear Attack On Denver Fails, US Air Force Explodes Missile In Sky”
    Nel quale si fa menzione di un esplosione pari a un kilotone sui cieli di Denver attribuita dagli americani ad un meteorite ma secondo Sorcha Faal ad un cruise usato per intercettare un attacco missilistico di forze militari americane non lealiste (nei confronti del presidente Obama)
    oppure più addietro nel tempo
    26.06.2009
    “Russia’s FSB Reports Pop Icon Michael Jackson Assassinated By CIA”
    Nel quale reports dei servizi russi accrediterebbero l’assassinio di Michael Jackson ad opera di uomini della C.I.A….

    La cosa sorprendente del gruppo-entità che sta dietro al pseudonimo Sorcha Faal è che mescola fatti e dettagli autentici con altri assolutamente fasulli che danno una sinistra aria di credibilità.
    Non può che essere opera dell’ex KGB ora FSB con lo scopo di informare/disinformare mandare messaggi ad altri servizi Mossad e CIA in testa…
    Pensare che anche un giornalista di razza come Giulietto Chiesa il 19 settembre 2009 sul sito Megachip2.info (ma pubblicato anche su CDC) scrive un pezzo dal titolo “INTRIGO INTERNAZIONALE E FUNGHI ATOMICI SU TEHERAN. ALTA TENSIONE” citando come fonte Sorcha Faal
    è lui stesso a dire che: “C’è un sito sul web , abbastanza noto, che dispone di discreti e provati contatti con fonti russe che vogliono far sapere “altro”. Si chiama http://www.whatdoesitmean.com/index1275.htm e ospita spesso analisi firmate con nome femminile, Sorcha Faal. Non so chi sia, ma dal contesto e dal contenuto si possono dire due cose: c’è del vero in quello che dice, anche se l’insieme va preso con cautela.”
    Il problema nel citare articoli a firma Sorcha Faal è che sono inverificabili e si prestano al gioco di disinformazione dei reparti addetti alla guerra psicologica (psyop) di ciascun gruppo di intelligence il nostro incluso.
    Quando Paolo Barnard rimproverava a CDC un certo gusto per la dietrologia o quantomeno per la “sensazione” divenendo di fatto strumento per altri fini.. forse ci aveva visto giusto.
    “Di nostro non abbiamo che il tempo, nel quale vive chi non ha neppure dimora” Baltasar Graciàn

  • AlbaKan
    • Il Fondo Monetario Internazionale ha avvertito che le “azioni di stimolo” sono una “minaccia alla democrazia” ???
    • Questa è si che è divertente!
    • Sembra “il colmo dei colmi”…detto dalla “minaccia alla democrazia” per eccellenza….cioè il FMI!
  • Jack-Ben

    http://isilenti.wordpress.com/2008/07/05/noam-chomsky-capire-il-potere/
    casualmente … la Sorca mi ha fatto trovare questo…. in pdf scaricabile e leggiblile… “capire il potere” di Chomsky.

    Gente gli Usa hanno qualcosa come 700.000 USA soldati fuori dai loro confini di cui una fetta torna a casa a pezzettini più o meno dopo aver visto l’Iraq , l’Afganistan e il Pakistan ricostruibili. Pensate solamente che salti di gioia avranno mai fatto quei soldati cittadini quando hanno appreso che saranno mandati nelle montagne in Afganistan prima di Natale….

    Il petrolio ormai se lo devono andare a prendere con le armi di qualsiasi tipo, perché nessuno vuole più pezzi colorati di carta verde….. e un milione di soldati cittadini cresciuti a xbox e mac non credo servano a fermare la crisi che ormai sta mandando per strada migliaia di famiglie ogni giorno. ottimo per capire e’ il e-book di Chomsky

  • vic

    Articoli cosi’ servono ad instillare paura.

    Ci stiamo avviando al governo per paura: prima metti addosso una fifa tremenda, esagerando un problema che c’e’ (esempi a caso: un virus, oppure il clima oppure Al Qaeda, ecc. vedi tu), poi sotto la spinta della paura ti fanno ingoiare qualunque cosa, magari diritti civili conquistati lungo le generazioni.
    Potremmo chiamiamarlo flusso planeto-nazistoide o planeto-fascistoide, perche’ di proporzioni planetarie.

    A Copenhagen sta succedendo questo. Per farci ingoiare una forma di governo mondiale, di tassa mondiale su qualunque nostra attivita’ e di centralizzazione del controllo.

    Paesi come l’Italia che hanno in parte ancora la mentalita’ fascista, i cui cittadini in buona misura anelano ancora ad un conducator, forse sono meglio predisposte ad abbracciare tutto cio’. Altri paesi con tradizioni meno dittatoriali forse ci mettono di piu’.

    Sti sta giocando la partita fra quelli che vogliono il governo mondiale (fra cui molti polli della cosa di sinistra, memori forse dell’internazionale comunista) e quelli che invece preferiscono governarsi da se, in modo semplice e spedito, possibilmente con poca corruzione.

    Obama comincia a dar fuori di testa. Ha appena dichiarato il CO2 gas nocivo alla salute. Cosa sara’ la prossima mossa? La dichiarazione dell’ossigeno come gas troppo favorevole alle esplosioni e agli incendi?

    Paura, paura, paura.

    E noi dovremmo rispondere con calma, calma calma, possibilmente mettendo alla luce la loro malafede, per non dire di peggio. Se ci dicono e’ urgente, noi rispondiamo: aspettiamo, vediamo meglio di cosa si tratta. Chi ha preso tempo nell’aderire all’UE ha indovinato tattica: col tempo si e’ rivelata per quel che era e nonper quel che noi ci immaginavamo che dovesse essere.

    Tornando ai media compiacenti o ignavi, il cover-up dei media di regime sul climategate e’ vergognosissimo, perche’ impedisce poi di rivelare al mondo l’andazzo dell’impaurimento a scopo non certo nobile.

    Apriamoli sti occhi: ci sono forze che vogliono demolire tutti gli stati nazione. Piu’ uno stato e’ democratico e’ piu’ e’ un ostacolo per costoro.A causa delle dimensioni e del sistema federale, lo stato piu’ duro da demolire saranno gli USA. Pero’ e’ anche uno stato molto facile da impaurire, non per nulla vi pullulano sette di tutti i tipi ed il pensiero militare (segno di paura) e’ dominante, laggiu’.

  • vic

    Guarda che l’America siamo noi. Loro tirano/tiravano il treno e noi siamo dietro su qualche carrozza piu’ o meno sgangherata.

    Se loro deragliano, noi con loro.

    Ho l’impressione che molti negli USA vogliano tornare ai principi dei cosiddetti padri fondatori. Un politico su questa linea e’ Ron Paul. Ormai e’ anzianetto, ma mi sembra che le sue idee si allarghino a macchia d’olio anche fra la generazione piu’ giovane.

    Ron Paul ha sempre ricordato il modo subdolo col quale venne istituita la FED, andando contro la filosofia dei padri della nazione. Se fosse per lui, tutte le basi USA nel mondo andrebbero chiuse. Stupefacente per un repubblicano del Texas, nevvero? Agli antipodi di Bush padre, figlio e nonno.

    Sarebbe stao un grande presidente il vecchio Ron. Forse una specie di papa Luciani, probaile che sarebbe durato la lunghezza di un sorso di caffe’.

  • vic

    Scusa Mara,

    il complotto neocon l’ha visto il mondo in mondovisione. E chi voleva leggerlo se l’e’ letto, perche’ stava tutto scritto nell’ “America for a new Century”. Rumsfeld, Perle e compagnia non sono sogni. Le guerre del Golfo ci sono state, la Yugoslavia ora e’ ex, i bravi ragazzi sono ancora in Afghanistan a fare i neocon, in italiano i neocoglion. Ed i decreti presidenziali USA che potenzialmente instaurano la dittatura presidenziale sono stati scritti nero su bianco da Bush figlio.

    I complotti esistono fin dai tempi dei Romani, dei Greci e probabilmente degli Egizi.

  • Mara79

    concordo, quei complotti lì si sono visti eccome. Ma io mi riferivo ad altri complotti decisamente fantasiosi che per fortuna non si sono mai avverati.

  • Jack-Ben

    Cara Mara,
    ti scrivo, cosi mi distraggo un po’…. forse ti e’ sfuggito che ultimamente l’abbronzato ha dato ordine di mandare in villeggiatura altri 35.000 volonterosi cittadini soldato Usa in quel di Afganistan a fare Trekking fra le montagne… come ritorneranno indietro e’ un mistero. forse ti e sfuggito che ogni santo giorno migliaia di famiglie Usa lasciano la casa perché non riescono a pagare il mutuo…. ricapitalizzato in borsa dalle banche (quelli dormono in tende di fortuna senza assistenza medica ecc..). Per non parlare dell’Italia che da loro considerata una colonia… I “complotti fantasiosi” li hai visti solo tu finora io vedo cose tristi e vere certamente non messe in prima pagina dai massmedia di regime…. quelli preferiscono la trans-politica e afFini.

  • myone

    Vero che certe notizie sembrano o sono manipolate e allarmiste, ma prima o poi bisognera’ pure tirare i conti. Se gli USA sono cosi indebitati, le loro credibilita’ avranno pure un fine e un termine di fiducia.
    Basta scansare il dollaro o portare l’ economie su altro, che significa altri commerci altre monete, e gli USA saranno a terra sicuramente.
    La cosa che bisogna vedere, e’ quanto sia reale la politica_economia USA, e non sia basata solamente per un dictat di potere e influenza, protezionismo ed egemonia di influenza.
    Penso che, se si tirassero via termini e vincoli fittizzi, gli USA all’ estero si troverebbero solamente con una montagna di carta e un sacco di armi e basta, qual’ ora solamente dei paesi coalizzati e primari, diffidassero realmete e in pratica , e separassero il vero dall’ illusorio, e si servissero come sostegno di altre vie_danaro e rapporti non vincolanti con gli USA.
    E le premesse ci sono tutte, perche’ quando non hai piu’ credibilita’ con la tua moneta che e’ un debito puro e carta straccia, e sforni prevalicazioni militari e territoriali a suon di bombe, poche mosse internazionali terremotano una nazione come gli USA come non si e’ mai visto.
    Allora si, che quello citato sopra non e’ piu’ fantasia catastrofica.
    E di solito, quando un (nemico), nemmeno leale soccombe, c’e’ sempre da aspettarsi qualche colpo finale, principalmente monetario e borsistico internazionale, e poi come finale, pure quello militare, che in termini spiccioli….. sapete gia’ che significa.
    Quando l’ aria si incattivisce l’ uomo ha gia’ i suoi mezzi, e visto che li ha sempre usati gradualmente fino ad arrivare ai giorni nostri, e vedete che feccia, si e’ pure premunito nel tempo, senza mai andare a smaltellare e eliminare, ma persino modernizzandole, soluzioni finali drastiche e nemmeno tanto folli, vista la follia demente con camicia e gravatta che siamo arrivati ad avere e vedere.

  • Allarmerosso

    “Il mondo si divide in tre categorie di persone:
    un piccolissimo numero che fanno produrre gli avvenimenti;
    un gruppo un po’ più importante che veglia alla loro esecuzione
    e assiste al loro compimento,
    e infine una vasta maggioranza
    che giammai saprà ciò che in realtà è accaduto”.

    (Nicholas Murray Butler, membro del CFR – Council on Foreign Relations)
    http://it.wikipedia.org/wiki/Nicholas_Murray_Butler

  • silviu

    …e quindi l’unica reazione possibile è cercare di evidenziarne l’assurdità apoditticamente (dato che non sono confutabli) ben sapendo che qualcuno ti tirerà fuori un Clemente anni ’70 che c’entra come i carciofi a colazione, ma tant’è…almeno ci si comincia a riconoscere, no?

  • silviu

    Bel lavoretto di scavo. Grazie!

  • castigo

    vic:

    Sarebbe stao un grande presidente il vecchio Ron. Forse una specie di papa Luciani, probaile che sarebbe durato la lunghezza di un sorso di caffe’.

    non penserai mica che in usa utilizzino lo stile “sindona”, vero?? 😉

  • nettuno

    La crisi c’è e le cose continueranno come prima perchè tra denbitori e creditori nessuno ha interesse che si affondi entrambi. Qualcosa ha da succedere. Ma penso che la condizione per affossare il dollaro senza che il popolo americano insorga occorre o una guerra o una epidemia. L’epidemia non ha fatto i morti che si pianificava perchè qualcuno con internet ha dato l’allarme di genocidio mettendo in guardia la gente di fare attenzione ai vaccini taroccati e infettanti. Non resta quindi che la guerra. Ma ora non è possibile perchè l’ran sa difendersi e perchè un attaccato con bombe Nuk secondo i piani d’ Israele, può portare alla sconfitta. Morale : si continua a stampare dollari per tutto il 2010, poi si vedrà.

  • Tonguessy

    Ti stai dimenticando il Caos che in ogni avvenimento (naturale o pilotato che sia) fa sempre la sua porca figura.

  • alvit

    Ma va la, qui a un articolo cosi’ si dice: BULLSHIT 🙂

  • TizianoS

    Una guerra civile negli USA potrebbe essere innescata da una insurrezione e l’insurrezione innescata da una o più sommosse.

    Ricordo la sequenza storica delle sommosse [riots] negli USA: Watts 1965 (34 morti), Newark 1967 (26 morti), Detroit 1967 (43 morti), varie città dopo l’assassinio di Martin Luther King nel 1968 (46 morti), Miami 1980 (18 morti), Los Angeles 1992 (52 morti). In queste sommosse fu tuttavia predominante l’aspetto razziale, cui bisogna aggiungere la lotta tra bande.

    In un articolo del febbraio 2009, l’americano Rob Kall dava alcune notizie in merito alla possibilità di nuove sommosse negli USA; in rete c’è una traduzione:

    http://lombardia.indymedia.org/node/14486/pdf

    A mio modesto parere non sarebbe facile passare da sommosse isolate a una insurrezione nazionale, e non mi risulta esistano negli USA forti movimenti di opposizione in grado di comandare e coordinare la stessa. Ma potrebbero nascere.

  • vic

    Anagramma di Sorcha Faal – Sacro H. Alfa

    Mumble, mumble

  • myone

    Il panico e il reale considerare delle cose dei valori delle possibilita’ come si e’ visto ultimamente, si gioca con i numeri, con le borse, con le banche, e quando succede, e’ perche’ a numeri borse e banche, si creano speculazioni e vuoti che sono quasi sempre NON rintracciabili, e se rintracciati, impossibili da riasettare, se non tappando con altra valuta, vera o falsa che sia, tanto a dar credito che i NUMERI ci sono.
    Quando questo avviene giocando al discredito o alla frode, per destabilizzare questo o quello, con l’ intento di accordo a far saltare miratamente uno stato, basta il caos di poco con il dolo di molto, per non venirne piu’ a capo e creare un patatrak madornale.
    Visto come giocano basso, pensate che prima o poi non si arrivera’ a questo?
    Usa_Ebrei_Russi_Europa_con le loro alleanze di ogni tipo, si misureranno prima o poi, e alla grande. E tenete sempre in considerazione la grande piovra mediatrice e facoltosa, che avra’ il gioco forte quando le cose si mettono male, come cuscinetto “state buoni che qui c’e’ dio altrimenti e’ lo sfascio”, che con doppio gioco avra’ pure il vaticano le sue mire e recriminazioni, sociali, religiose, e di comando mediatore.
    Aspettate per vedere se non sara’ cosi.
    E il tutto, e’ legato e vincolato a poteri forti, occulti per noi.. si e no, lobbi, politici e gente che conta ora come poi, che si indirizzeranno per e da una parte o l’ altra, ma cadranno in mano sempre di uno, del piu’ forte e del piu’ carismatico nonche’ astuto potere di sempre.
    Il fatto sta’ che, gli usa non saranno piu’ usa, e i russi non vorranno rimetterci e perdere la faccia come imbecilli. E li sara’ il peggio.

  • sesesuse

    Scusate ma invece di buttarsi in reazioni più o meno condivisibili, non è mio compito né onere, avete notato le cifre di cui si parla???

    10,953 miliardi di $ è il debito pubblico degli USA al 7 Marzo 2009
    Fonte Statistiche sul debito. U.S. Dept. of the Treasury.

    MILIARDI! cioé 10.593.000.000.000 $

    E che c’entrano i TRILIONI?
    Allora, un trilione è il numero naturale che equivale a un milione di bilioni, cioè un milione alla terza (1.000.000.000.000.000.000 o 10 alla 18)

    Leggere Topolino invece di Science porta a usare unità di misura di Zio Paperone invece di quelle del S.I.

  • Earth

    BULLSHIT 🙂

  • Earth

    milioni= 1.000.000

    miliardi (billions)=1.000.000.000

    migliaia di miliardi (trillions)=1.000.000.000.000

  • sesesuse

    e allora macaco chi non è capace a tradurre dall’inglese….

  • Tonguessy

    12,100,000,000,000$ al 10 Dicembre 2009
    http://www.usdebtclock.org/
    Ovvero 12 migliaia di miliardi. Cioè 12 trillions in inglese.
    Non vedo errori di traduzione

  • vimana2

    ….nn hai capito una mazza, panarin dice la stessa cosa riguardo agli USA di oggi!

  • bubblebug

    c’è un tipico errore di traduzione:
    il trilione in italiano è molto piu del trilion inglese. fatevi i conti, ma bilion (en) è un miliardo 10^9, bilione(it) è un milione di milioni, 10^12, miliardo (it, non esiste correspettivo in en) corrisponde a solo mille milioni 10^9 e cosi avanti
    in pratica la traduzione giusta per trilion(en) è bilione(it)
    non serve topolino, basta wikipedia, la traduzione è sbagliata, ma il post è inutile….

  • Earth

    Hai fatto una confusione allucinante e il mio messaggio rimane giusto

    “ma bilion (en) è un miliardo 10^9, bilione(it) è un milione di milioni”

    tutto giusto fin qui eccetto le due elle di billion

    “miliardo (it, non esiste correspettivo in en) corrisponde a solo mille milioni 10^9”

    che sarebbe billion che hai scritto prima, non e’ vero che non esiste il corrispettivo in inglese…

    “e cosi avanti in pratica la traduzione giusta per trilion(en) è bilione(it)”

    bastava che scrivevi migliaia di miliardi in italiano si dice bilione, e se proprio volevi aggiungere, che equivale al trillion (con due elle)

  • Earth

    mi son dimenticato di scrivere una cosa prima per cui correggo l’ultima frase:

    bastava che scrivevi migliaia di miliardi in italiano si dice bilione, e se proprio volevi aggiungere, che equivale al trillion (con due elle),

    dunque la traduzione e’ sbagliata in quanto il trilione in italiano è molto piu del trillion inglese

    Per me e’ stato interessante il post, io pensavo che trilione e trillions fossero la stessa cosa.