Home / Libri / O LA BANCA O LA VITA DI MARCO SABA

O LA BANCA O LA VITA DI MARCO SABA

DI GIANMARIO MONALDO
Rinascita

Dopo “Bankenstein. Tutto quello che non avreste mai voluto sapere sulle banche” Ed. Nexus, 2006, e a complemento dello stesso, Marco Saba, ci propone “O la Banca o la Vita”, ovvero un agevole e nel contempo approfondito e documentato percorso di lettura che raggiunge il dichiarato obiettivo di portare alla consapevolezza “della vera natura del sistema bancario e finanziario mondiale”, previa illustrazione di “cosa sono e come agiscono su scala globale i cosiddetti poteri forti”.

Va subito detto che se la prima parte dell’opera è di natura descrittiva, avendo per oggetto l’identificazione degli attori – e delle malefatte, “signoraggio” in primis – del sistema monetario, la seconda parte è invece, senza mezzi termini o infingimenti, propositiva in quanto motivatamente caldeggia – come misura di concreto ed immediato contenimento alla spoliazione internazionalmente operata dai Signori del Denaro con la creazione di moneta dal nulla – l’adozione delle monete complementari, locali ed a signoraggio pubblico, con specifico riferimento (ma non solo) alle esperienze italiane, ovvero a EcoRoma, SCEC, Tau, Kro e Damanhur.Fenomeno che sembrerebbe prender piede nella stessa poundiana – oggi stressata e sotto choc – roccaforte dell’usura, se vogliamo credere al Corriere della Sera del 6 dicembre u.s. che ci informa della prossima adozione della moneta complementare “Milwaukee”, nella omonima città del Wisconsin, altresì raccogliendo la sfrontata dichiarazione del suo promotore che “nel mondo ci sono circa 2.000 monete locali, non tutte legali, ma comunque tollerate dallo Stato”. Il punto di partenza e il cardine de “O la Banca o la Vita”, sviluppato nei primi capitoli, è il rivelamento di cosa sia – origini e natura – e come interagisca la triade “istituzionale” costituita da Banca Mondiale (articolata nelle sue due componenti IBRD – Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo e IDA – Associazione per lo Sviluppo Internazionale), Fondo Monetario Internazionale e Banca dei Regolamenti Internazionali, da una parte raccogliendo dichiarazioni e testimonianze di persone che sono state all’interno di dette istituzioni e dall’altra attingendo ad informazioni oggi liberamente disponibili e scaricabili da internet (cfr. in generale per la bibliografia:http://studimonetari.org/bibliocsm.htm).

Nel detto contesto la Banca dei Regolamenti Internazionali (BIS – Bank for International Settlements), con sede a Basilea, è definita dall’Autore come il “bombardiere invisibile” (pag. 56) che “non risponde ad alcuna autorità pubblica” ed i suoi membri del Consiglio di Amministrazione (e.g. per l’Italia – rectius: per Bankitalia – il governatore Mario Draghi e il direttore generale Fabrizio Saccomanni, pag. 62) godono di una immotivata pletora di immunità e benefici speciali, tra i quali il divieto di subire arresto e/o carcerazione, la inviolabilità di bagagli, carte e documenti con diritto di usare codici, corrieri e valige diplomatiche e, sopratutto, immunità dalla giurisdizione, anche alla cessazione dell’incarico, per atti eseguiti nell’esercizio delle loro (bankarie) funzioni.

L’autore conclusivamente non fa uso di metafore o giri di parole per riassumere il quid consistat della BIS (pag.73 del fondamentale Capitolo 3, redatto con la collaborazione degli esperti Patrick Wood e Carl Teichrib):

– la BIS è la banca centrale di tutte le banche centrali più importanti;

– è posseduta privatamente dalle stesse banche centrali, molte delle quali private;

– non risponde delle sue azioni a nessuno, sopratutto non ai governi;

– opera in completa segretezza ed è inviolabile;

– i mandanti dei movimenti di denaro vengono occultati quando la attraversano;

– la BIS ha lo scopo della istituzione delle valute macro-regionali (e.g. Euro), per arrivare ad una valuta globale.

Va qui osservato che in Italia potremo presto verificare se non sia manifestamente infondato – o sia invece solo un banale e diffamatorio luogo comune – che i “politici” non siano altro che i devoti camerieri dei “banchieri” o in ultima analisi degli – spesso inconoscibili quanto impresentabili – azionisti degli stessi. Il 31 dicembre 2008 è infatti il termine ultimo per la cessione delle quote di Bankitalia al Tesoro, voluta – nell’interesse nazionale – dal ministro Tremonti e non a caso ostacolata dal governatore Mario Draghi e dalla Bce (cfr Rinascita del 26/11/08, pag.8). E non è di buon augurio al riguardo il precedente della legge n.82/92 varata dal ministro del Tesoro Guido Carli (guarda caso, già governatore della Banca d’Italia) con la quale fu attribuita alla Banca d’Italia la facoltà di variare il tasso ufficiale di sconto senza doverlo più concordare con il Tesoro; né il fatto che tra i vari compiti della Banca d’Italia dal 1907 vi è quello di Tesoreria provinciale dello Stato, senza che questo servizio sa mai stato oggetto di una regolare gara d’appalto, rinnovandosi tacitamente di 20 anni in 20 anni, con prossima scadenza nel 2025.

L’Autore passa poi a chiarire il funzionamento degli scambi finanziari internazionali attraverso le cd “camere internazionali di compensazione ICSD – International Central Securities Depositories”, dove è possibile “perdere le tracce di importanti movimenti di denaro” (pag.134) stante che le dette cumulano la funzione di stanze di compensazione con quelle di vere e proprie banche – in relazione a movimenti dell’ordine di grandezza di centinaia di milioni di euro – assicurando l’anonimato alle interagenti banche clienti con la tecnica del “correspondent banking correspondent clearing”, illustrata nel testo con dovizia di particolari e schemi grafici. Il meccanismo del debito del Terzo Mondo è messo chiaramente in evidenza dall’Autore nella sua natura di spietato risucchio di risorse delle persone più svantaggiate da parte della c.d. “finanza internazionale”. Un documento riservato della Banca Mondiale (Official Use Only SecM2003-0141, esibito in fotocopia a pag.42) evidenzia che nell’ambito della concessione di un prestito all’Ecuador si è chiesto allo stesso l’esplicita condizione di destinare solamente il 10% delle risorse dello stato alla spesa sociale, mentre il 70% doveva comunque essere destinato a ripagare il debito contratto.

L’Autore non manca infine di esplicitare nelle conclusioni (pag.267) le prospettive “bancarie” della politica osservando che l’Iran prova a condividere con la Cina il fatto di esercitare la propria sovranità monetaria, così come ci aveva provato la Germania hitleriana, sottoponendo la Reichsbank al potere decisionale del governo, come da (pag.109) inedito in lingua italiana della legge bancaria del Reich del 15 giugno 1939, di fatto abrogata dalla legge n.60 del governo militare americano in Germania e dal decreto n.129 del 1 marzo 1948 del governo militare inglese in Germania (GVB1. Wirtschaftsrat suppl. n.3).

Conclusivamente, i quattordici e puntigliosamente documentati capitoli de “O la Banca o la Vita” possono essere visti come specificazione, in termini di analisi delle interazioni tra istituzioni, attori e comparse, della sempre attuale – e più che mai valida e profetica del disastro economico attuale ed incombente – statuizione marxiana (Karl Marx, Il Capitale, III.33) “Il sistema bancario… ha come centro le pretese banche nazionali e i potenti prestatori di denaro, e gli usurai che pullulano attorno ad essi … Questi rispettabili banditi – ai quali si uniscono i finanzieri e gli speculatori di borsa – sfruttano la produzione nazionale ed internazionale”. Statuizione su cui oggi si trova a dover di necessità riflettere chi è o sta per trovarsi senza lavoro e coi risparmi divorati dagli investimenti dichiarati come “sicuri” e proposti da primari istituti di credito.

La consonanza con Marx è anche sul tema della dominante presenza ebraica nella finanza internazionale (cfr Bruno Bauer – Karl Marx “La questione ebraica” Manifestolibri, pag.221, € 15,00, 2004, Roma). Infatti in relazione ai (Creatori e) Signori del Denaro Marx puntualizzava (pag.202, op.cit.) che il denaro, con o senza l’ebreo, “è diventato una potenza mondiale, e lo spirito pratico dell’ebreo è diventato lo spirito pratico dei popoli cristiani. Gli ebrei si sono emancipati nella misura in cui i cristiani sono diventati ebrei” per concludere impietosamente che (pag. 205, op.cit.) “il cristianesimo è scaturito dall’ebraismo. Nell’ebraismo esso si è nuovamente dissolto”.

L’autore nel negare (pag.189) che siano “ebrei” i soli e monopolisti detentori delle leve bancarie e finanziarie internazionali, documenta il caso eclatante della Banca di Israele, che appartiene alla Bank Leumi (cfr History of Leumi su http://english.leumi.co.il/Home/0,2777,1454,00.html), a sua volta proprietà del Fondo Cerberus (Cerberus-Gabriel hedge fund buys stake in Leumi bank, 13 dec 2005), rappresentato da James Danforth “Dan” Quayle, ex vice-presidente statunitense, per concludere ironicamente che il detto “Dan” “non è certo un ebreo, il signore del signoraggio del NIS (New Israeli Shekel, Nuovo Ciclo Israeliano), la moneta di Israele…”

Arianna Editrice – Prima edizione settembre 2008 – pag. 278 – € 13,50

Fonte: http://www.rinascita.info
Link
12.12.2008

Pubblicato da Das schloss

  • ericvonmaan

    Le monete locali o complementari sono come dare aspirina a un malato terminale di cancro. L’UNICA soluzione è: 1) moneta di Stato emessa SENZA DEBITO dal Ministero del Tesoro e in quantità bilanciata all’aumento del PIL e alle esigenze pubbliche 2) Monopolio dello Stato nell’emissione di Credito 3)Banche Commerciale sottoposte a Riserva Obbligatoria (o Frazionaria) del 100% 4)Totale svincolo dalle centrali di potere internazionale come FMI e BIS.
    Il resto non serve a nulla.

  • Xeno

    > L’autore nel negare (pag.189) che siano “ebrei” i soli e monopolisti detentori delle leve bancarie…….

    Il Saba dimentica di dire che anche lui è ebreo (sarà un caso?)

  • ericvonmaan

    Non facciamoci distrarre dalla solita storia degli ebrei. Le 3-400 famiglie che comandano il mondo sono di varia etnia, spesso “internazionali”… ci sono ebrei, anglo-americani, europei, asiatici… è gente di cui non si sente mai parlare, decidono loro di chi parlare… possiedono banche centrali, banche commerciali, multinazionali in tutti i settori economici, mass media (ecco perchè riescono a rimanere nell’anonimato) e sponsorizzano tutte le parti politiche… così sono sicuri di poter curare i loro interessi chiunque venga eletto. Sono riusciti a far approvare tutta una serie di leggi che gli garantisce il monopolio dei principali business e l’indipendenza dal potere legislativo di (quasi) tutti i governi del mondo. E’ da secoli che stanno lavorando al loro progettino e per ora stanno andando piuttosto bene mi sembra… a noi ci fanno scannare con Berlusconi-Prodi o Bush-Obama o Inter-Milan ma a loro non interessa nulla…
    Per sconfiggerli bisogna levargli il potere principale che è quello della creazione del credito e della moneta, potere che detengono in (quasi) tutto il mondo…

  • rosacroce

    propongo di fondare un nuovo movimento:comitato
    PRO-MURA che si proponga di elevare una muralia tra noi e il resto
    come le citta mediovali o signorie.
    autogoverno locale e ponti levatoi,col resto del mondo,moneta solo d’oro e solo nostra,come anche il resto(cibo organico e sano,vestiti salubri cultura propia),tasse per passare sul nostro territorio,decise da noi.
    ALTRO CHE GLoBALIZZAZIONE. e balle varie.

  • rosacroce

    invito i lettori a prendere in considerazione le proposte del
    ” comitato pro-mura”
    aggiungo anche esercito propio per difenderci
    dagli assalti delle banche estere.
    invito a riflettere che questa fra poco resterà l’unica forma di
    soppravvivenza,ritorneremo al medioevo.
    prima ci pensiamo ,meglio è.

  • Earth

    Che palle sta storia degli ebrei… i comandanti del mondo sono bianchi neri mulatti e asiatici, mi rocordo di un certo banchiere giapponese Matsushita che e’ molto potente in Giappone. I veri comandanti chi sono pero’ non si sapranno mai e poi mai, ma di sicuro non sono solo ebrei.

    @rosacroce Per quanto riguarda la citta’ salvezza:
    1 te la farebbero saltare per aria come niente, basta solo che il mondo occidentale blocchi le esportazioni verso di te e gia’ sei rovinato, ah beh a meno che tu non voglia creare un paese di contadini
    2 e anche se trovi la gente disposta a questo, quando ci sara’ bisogno tra 15 anni di farmaci o strumenti tecnologici avanzati di proprieta’ del mondo occidentale, per non morire dalle malattie create da tutti gli agenti cancerogeni che l’occidente emette nell’ambiente, come farai?
    3 In effetti un paese salvezza esiste gia’ ed e’ il Canada, tecnologicamente avanzato, con dei risultati scolastici impressionanti, se sei cittadino canaedese non ti devi preoccupare di andare a lavorare, lo stato ti offre stipendio minimo e servizi + l’alloggio garantito, il Canada ha mezzo signoraggio primario in quanto alcuni proventi delle tasse vanno alla regina di inghilterra, ma tra poco la faranno saltare introducendo l’amero. Con questa mossa si capira’ benissimo se la regina di inghilterra fa parte dei comandanti segreti, se accetta silenziosamente che gli si levino delle entrate cosi’ corpose come le tasse canadesi.

    L’unica proposta corretta esistente come dice ericvonmaan e’ quella di abolire il signoraggio bancario e imporre la riserva frazionaria al 100%.
    Il problema e’ che lo deve capire la massa, e pensando a questo allora si pone davanti un altro problema, che, nonostante noi siamo informati sulla questione e siamo sufficientemente numerosi, essendo tutti divisi a cazzi propri e cercando di far capire il signoraggio a chi conosciamo 1 per 1, ci va troppo tempo e non e’ detto che l’informato poi faccia la stessa cosa. Io penso che dovremmo creare un’organizzazione che consiglia anche la moneta complementare di centrofondi.it ma con l’obiettivo primario di far capire il signoraggio in modo facile e veloce, una lezione progettata in vari media, dalla carta stampata ai video, che non dev’essere molto lunga, l’ideale sarebbe un quarto d’ora ma siccome non e’ fattibile deve stare decisamente sotto l’ora, altrimenti la gente inizia a pensarla come una cosa pallosa, pesante e non ci prova nemmeno. La maggioranza della massa e’ composta da gente ignorante molti dei quali sono anche stupidi, altrimenti berlusconi non sarebbe presidente del consiglio ora con le vari leggi ad personam e soprattutto la SALVA PREMIER (ogni volta che penso che la gente ha permesso che la legge non sia uguale per tutti, in modo cosi’ evidente… mi fa incazzare…), dunque la lezione dev’essere progettata tenendo a mente questo.

  • rosacroce

    questa idolatria della tecnologia e del progresso
    scientifico è sbagliata.prendiamo atto di dove ci ha portato.
    alimenti insulsi e avvelenati,ascoltare musica registrata
    anziche dal vivo,ambiente deturpato,grattacieli assurdi ,malattie degenerative una volta sconosciute etc,,,,.
    questa via è sbagliata,ci si guardi dentro ,queta società ci ha distrutto.non esistiamo piu’ come esseri dotati di percezioni superiori,siamo ridotti a macchine,costruire macchine ci ha ridotti a macchine.siamo stati annientati.
    le persone con coscienza di questo,dovrebbero ,per la loro salvezza, isolarsi
    da una civiltà malata,in decomposizione.
    credere che i farmaci dell’ apparato medico tecnologico possano curare una qualche malattia è una ingenuità.ifarmaci di lor signori,cusano solo danni,sono tutti veleni.pensare che il ritorno al medioevo sia arretrare è sbagliato,sono idee inculcate dalla nuova MATRiX.
    il mondo è perso.non resta che l’isolamento.
    ad ogni modo sappi che da quello che so io(e ne so tanto, sono analista di societa quotate,che seguo da 20 come professionista)il sistema è fallito e il ritorno al medioevo è la cosa piu’ probabile

  • Earth

    Ne convengo, ma pensare che isolarsi dal resto del mondo sia la soluzione e’ sbagliato. La tecnologia e’ una cosa buona se utilizzata nella maniera giusta, vedi un po’ le idee di Jacque Fresco e il progetto venus. Anche io credo molto nelle medicine alternative anche se non ho avuto mai l’opportunita’ di sperimentarle, ma tutte presuppongono un relax e un collegamento con la natura simbiotico, di per se non puo’ essere sostenuto col lavoro frenetico attuale, ma anche se uno si scollega col mondo, l’ambiente sta marcendo e come ti ho accennato prima e ora specifico, con l’andamento di abbattimento di alberi, emissioni di gas serra e soprattutto di emissioni di sostanze cancerogene in fiumi e ancora peggio nell’aria… dove vuoi scappare che queste cose si diffondono in tutto il globo? Basti pensare al taiwan che vanno in giro con le mascherine e respirano bene solo dove c’e’ l’aria condizionata filtrata o in alcune situazioni di tempo ventoso, questo e’ dove ci stanno spingendo, stanno creando un ciclo virtuoso dal quale non ci si puo’ piu’ staccare ed e’ bene che te ne accorga. Guarda la tua idea non e’ sbagliatissima, ma dovresti creare nella tua citta’ salvezza una specie di cupola trasparente dove gli esseri viventi del luogo non sono a contatto realmente col resto del mondo allora si, forse, potrebbe funzionare, sempre se poi ai potenti del mondo non sta sul cazzo sta cosa e te la fanno fuori…, poi inoltre per presupporre un esercito della citta’ cupola bisogna avere la tecnologia e qua per forza di cose anche avendo i cervelli servono le materie prime che solo il mondo occidentale ti puo’ procurare. Se elimini il signoraggio invece, il tutto prendera’ una strada verso il bene e una eliminazione sostanziosa della corruzione e della schiavitu’ come la storia insegna http://www.centrofondi.it/report/Report_Centrofondi_2008_nov_2.pdf

  • ericvonmaan

    Ribadisco AD NAUSEAM che con l’emissione di moneta e credito STATALI e le corrette politiche monetarie (volte al benessere sociale) il problema è praticamente risolto. Verrebbe tolto a questa elite planetaria il potere n°1. Non mi preoccupo di insegnare il meccanismo delle moneta debito a milioni di persone: quello che conta è che lo sappiano per bene le persone che gestiscono il potere. Provate a chiedere a Veltroni (o a chi volete, ho detto un nome a caso) se ne sa qualcosa… buio pesto.
    Chissà, se il giochetto comincia ad essere ben conosciuto a livelli alti, chissà, qualche matto che cominci a proporre qualcosa di serio…
    noi nel nostro piccolo dobbiamo continuare a diffondere la verità che, credetemi, non è così complicata come sembra: privati che creano moneta e credito dal NULLA, lo iscrivono in bilancio AL PASSIVO (!!!), la vendono con gli interessi agli Stati (e al circuito bancario) facendosi pagare con titoli di stato che vanno a pareggiare la contabilità… furbi no?
    E’ semplice: se un governo può emettere dei titoli di stato, può altrettanto emettere direttamente moneta e credito SENZA DEBITO.
    Il monopolio ai privati di possedere le banche centrali e gestire le politiche monetarie glielo hanno dato leggi inique, ingiuste ed immorali, fatte approvare con la truffa e l’inganno, grazie alla connivenza e collaborazione di politicanti ben pagati. Basta fare nuove leggi.

  • ericvonmaan

    E non sprechiamo tempo ed energia con le “monete locali o complementari”: non servono a NIENTE. Il problema si risolve solo alla base.

  • Earth

    Si eric cosi’ poi il potente politico di turno leva il signoraggio e fa la stessa fine di John Kennedy, bella mosa, davvero… Se Kennedy nel suo discorso alla popolazione, al posto di utilizzare paroloni avrebbe speso quei 5 minuti a spiegare alla gente cos’e’ il signoraggio ora vivremmo in un paradiso. L’informazione e’ tutto! Poche persone contro un’organizzazione ben strutturata e potente e’ pura pazzia. L’unica carta a nostro vantaggio e’ il numero, siamo numericamente superiori a loro, e’ l’unica possibilita’ a nostra disposizione qualsiasi altro intervento e’ sempre fallito, eccetto in Venezuela dove c’era una coesione tale col popolo e il governo, che purtroppo quando finira’ il mandato di Chavez tutto tornera’ come prima piano piano. Tu ti immagini una coesione tale in italia? Siamo il popolo piu’ zombie d’europa… e penso che siamo l’unico paese al mondo dove ci sono ancora i fascisti, la destra e’ collegata al fascismo e ne vanno orgogliosi. Pero’ se tu fai dei discorsi con le persone di destra, capisci che loro hanno un cuore e non vogliono altro che cose buone, allora si capisce che loro non sanno effettivamente cosa sia la destra tantomeno il fascismo… alla fine non esiste ne destra ne sinistra, esistono solo le persone e la maggior parte, anche se instupidite dal sistema, sono brave.
    Se le persone sapessero cosa sia il signoraggio, qualsiasi governo verrebbe rovesciato dai cittadini e nessuno si potrebbe piu’ azzardare a ripristinare il signoraggio alle banche semplicemente perche’ tutti sanno! La mia piu’ profonda paura e’ quella che nel 2009 massimo 2010 ci sara’ una rivoluzione e cambiera’ tutto per non cambiare niente, come successe con la prima guerra d’indipendenza americana. LA GENTE DEVE SAPERE! ——————————————- non e’ vero che le monete complementari servono a niente, in caso di collasso dell’economia farebbero da salvagente alle piccole economie locali, aiutando a molta gente di non morire di fame, sara’ un massacro lo stesso, ma perlomeno non sara’ una strage.

  • consulfin

    “Il Saba dimentica di dire che anche lui è ebreo (sarà un caso?)”
    ma che c’entra? Non sarebbe meglio fermarsi alla sostanza dell’articolo? D’altronde, Marx era forse un gesuita?

  • rosacroce

    guarda che eliminare il signoraggio in europa,e piu’ difficile che fondare un territorio piccolo dove non ci sia.la mia proposta e piu’ concreta e attuabile,una specie di ecovillaggio,comunque il ritorno al medioevo e piu’ facile che avvenga di quel che tanti pensano.anche BENETAZZO lo pronostica la rouche(movisol,org)lo dà per probabile.l’impero si sta disintegrando i debiti sono 35 anni del pli mondiale,il sistema è fallito.
    l’estrazione del petrolio sta scendendo al ritmo del 9% all’anno (fonte iea).
    non c’è alternativa al petrolio,siamo arrivati fin qui’ grazie ai debiti inpagabili e al consumo di tutto il petrolio migliore. non grazie alla tecnologia.ora tutto questo è alla fine ,presto tutti se ne accorgeranno.
    io parlo in anticipo,fra poco capirete.la popolazione mondiale potrebbe ridursi a un miliardo(la rouche lyndon).

  • Earth

    L’ho visto anche io blekgek :), non conosco la rouche, ma Benetazzo non e’ cosi’ informato riguardo alle energie alternative, quando ho visto blekgek sono rimasto spaventato, adesso capisco il tuo stato d’animo di come scrivi, ma io conoscevo gia’ le risposte che tu sembra non avere. Bene ti dico che ci sono due alternative attuabili di cui la prima che e’ la piu’ concreta e’ la fusione fredda, tenuta nascosta a lungo, e’ stata ufficializzata a maggio dallo scienziato giapponese Arata, tant’e’ che alla scoperta gli e’ stato attribuito il suo nome. La fusione fredda permette con 300 euro, energia dall’ordine di grandezza di 10kwh per 50 anni, mentre un barile di petrolio sono 1650kwh, se ti fai un attimo i conti capisci che ruolo potrebbe avere la fusione fredda nell’immediato futuro. La seconda che sara’ attuabile tra un bel po’ di anni e’ la geotermica e se hai visto zeitgeist addendum, sai che e’ una risorsa di energia pressocche’ infinita per le nostre esigenze. Per quanto riguarda i trattori come Benetazzo diceva, se pensate di muovere un trattore con i pannellini solari… nessuno vieta dal costruire delle batterie e migliorare l’efficienza dei trattori, basti pensare che (fonte beppe grillo in un suo spettacolo non ricordo quale scusami) la renault progettata nel 1980 circa che ora sta in un museo dell’auto faceva 100km con 2 litri di benzina. Se si riprogettano i trattori e li fanno ad idrogeno se non si puo’ avere la tecnologia di batterie elettriche, l’idrogeno si puo’ recuperare dall’acqua tramite le reazioni chimico-fisiche dei pannelli solari, energia pulita al 100%, invece che l’idrogeno che ci spacciano ora derivato dal petrolio o dal metano. —————— Guarda che il futuro non esiste piu’ per qualsiasi essere vivente sulla terra, il medioevo futuro come lo chiami tu durera’ si e no 10 anni poi si crepa tutti in misere sofferenze. Sappiamo benissimo che si stanno sciogliendo le calotte polari giusto? Dentro le calotte polari c’e’ il metano oltre ad altra CO2 intrappolata all’interno. Se tra 5 anni finiremo il petrolio disponibile per tutti (la stima era 20 anni, poi facendo la differenza della sovrastima del 20% siamo arrivati a 10-15max anni di fornitura, ora con la cina e’ esplosa, siamo a 5-7max anni di fornitura) pensa quanta CO2 ci sara’ nell’aria, considera quanti alberi taglieranno in questi 5 anni, considera che le api andranno in estinzione alla velocita’ attuale che stanno scomparendo, considera a che velocita’ si scioglieranno le calotte polari, adesso calcolami quanti anni gli esseri viventi animati hanno ancora a disposizione. Capisci che non si puo’ scappare da nessuna parte, e’ una questione globale e come tale deve essere affrontata. La tecnologia c’e’ ed e’ anche molto potente, abbiamoa ancora 5 anni secondo me anche se alcuni dicono che la soglia irreversibile l’abbiamo gia’ superata, ma per essere utilizzata nel bene del pianeta bisogna utilizzare un’economia con al centro l’uomo, non un’economia con al centro i soldi ed e’ per questo che e’ bene che la gente devono rischiare la loro vita per salvare il mondo ORA, perche’ tra 10 anni massimo rischieranno la loro vita giusto per poter sopravvivere ancora un giorno.

  • Earth