MENTRE LAVORO PER VOI, IN ATTESA, ANCORA SULLE DONNE

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Un cane che si morde la coda

Percorro in bicicletta una via di Bologna sotto un portico, e scorgo una silhouette femminile strepitosa. Come mi avvicino, realizzo ancor di più la bellezza di quelle forme, una vera grazia. Se ne sta in attesa da sola, avrà una trentina d’anni, io le sfilo di fianco e ammiro. Dentro un maschio sessualmente sano, e sano di mente, in quei momenti accadono due penosissime cose: prima cosa, ti dici “ma perché non posso semplicemente premere un bottone e ritrovarmi abbracciato a quella meraviglia ora, subito, baciarla e fare l’amore, Dio mio!”, e te la prendi un po’ con la crudeltà della natura che ci ha fatti così maledettamente innamorati delle donne, del loro odore, di come sanno toccarti, quando poi quell’oggetto/soggetto di desiderio è così difficile da raggiungere pur essendo così frequente da incontrare. Un po’ come fossimo tutti, noi maschi, appassionati di sonate romantiche, e a ogni angolo di strada udissimo le note di un notturno di Chopin, per poi dover accelerare via e perderci subito nell’ignobile fracasso del traffico. Un tormento.La seconda cosa che capita è ancor peggiore: veniamo assaliti dal dubbio se tornare indietro e ‘provarci’ o meno. Perché in fondo al nostro cervello parte un nastro odioso che recita “ogni lasciata è persa… se non provi non saprai mai… magari nasce una gran storia, e ricorderete quella volta che tu l’hai abbordata e lei sorridendo ammetterà ‘… grazie a Dio tornasti indietro quel giorno, se no non  saremmo qui’…”. Il dubbio… quel maledetto dubbio: “Cosa faccio? Proseguo o ci provo? Nooo, dai per favore, non ne ho voglia, poi tanto non funziona, no! zero, basta… Però… e se?”. La posta in palio è alta, credetemi, specialmente se almeno una volta nella vita ti è accaduto esattamente quello che recita il sopraccitato nastro, e a me è accaduto eccome, con conseguenze indimenticabili… e se? Sono minuti spiacevoli, già una certa emozione serpeggia nelle vene, che diventa poi una sfida con se stessi.

Mi fermo e mi giro. E’ sempre là, sempre quelle linee strepitose che sembrano galleggiare, non sostare. Cosa fai Barnard? Risposta: provarci no, ma dirle che mi ha donato minuti di ricchezza estetica sì, è troppo bella, le farò tutti i miei più sinceri complimenti. E poi uno che ha scritto ‘Sono andato a puttane’ deve verificare una certa cosa, ancora una volta, dunque la sfida è doppia. Torno sui miei passi, sono da lei in un battibaleno, mi fermo con un sorriso e mi aggancio ai suoi occhi, lei ai miei, le dico “sono tornato da te per dirti quanto apprezzo la tua bellezza, solo questo”.

Vedete donne, a quel punto il tempo si ferma, lo spazio svanisce, ogni cosa da lì in poi è come se fosse vissuta da noi uomini dilatata di mille unità, e noi registriamo nella coscienza ogni fotogramma a seguire, che va a stamparsi su una pellicola sensibilissima con un’esposizione altissima. Siamo esposti, nudi, vulnerabili e reattivi come le rane di Galvani, siamo senza pelle e coi nervi all’aria. Preghiamo solo che il vostro specillo non ci tocchi là dove il dolore sarebbe fulmineo.

La donna sotto al portico aspetta la fine delle mie parole, si gira sui tacchi e muove un passo via da me, muta, neppure uno sguardo. Penso “non ho scritto
’Sono andato a puttane’ per nulla, ci risiamo”
. C’era il sole, ora grandina, sto per mandarla a cagare, ma in un moto di civismo che non merita le do una seconda chance: “Era solo un complimento, non fa piacere?” le dico. Muove altri due passi dandomi le spalle, guarda laggiù chissà che cosa di più interessante di un uomo che è cortese al punto di omaggiare la sua bellezza. Tutto questo si realizza nella metà di secondo che ci metto ad esprimere la sintesi appropriata, e quando ancora la ‘ere’ di “non ti fa piacere?” è nell’aria le sibilo “Cretina”, e me ne vado. Lei si gira, con la coda dell’occhio colgo i suoi occhi vacui e mi chiedo cosa stia accadendo in quel cervello.
Già, donne, cosa accade nel vostro cervello quando così tipicamente produce resina bi-componente invece che esprimersi? Lasciatemi essere franco, perché la sensazione è proprio che così come le aree cerebrali producono adrenalina, serotonina, o altre sostanze deputate a stimolare l’attività psico-motoria, in quelle particolari situazioni un gran numero di voi produca resina che vi cristallizza le facoltà dell’espressione, per cui volenti o nolenti non sapete fare altro che impalarvi. Ed è un disastro. Un uomo vi si presenta con l’abito della festa, voi sollevate la zampetta posteriore e gli fate una spruzzatina di pipì sulle scarpe. Ma perché? Accade una quantità di volte incalcolabile e ogni volta una vescicola di bile si deposita nel fondo dell’uomo. E siete cretine senza attenuanti, perché non vale qui fare una digressione se mai si trattava di insicurezza, di timore o di semplice idiozia arrogante, come non vale disquisire se quello che è passato col rosso e ti ha falciato correva per necessità o per arrivare in tempo alla partita: semplicemente non si fa. E voi lo fate di regola, spesso sapendo di sbagliare, ma è più forte di voi. Non è una banalità, è un dramma, poiché purtroppo in una società dove la donna siede dalla parte ricevente, quasi ogni singolo approccio maschio femmina deve per forza passare da quelle Forche Caudine, per cui l’ammontare delle smusate finali che un uomo accumula in una vita è intollerabile. Finiamo sovente a odiarvi per questo, anche perché siamo obbligati per necessità a quelle pene. E’ un po’ come se ci capitasse che all’atto di ingerire cibo, spessissimo ci arrivasse una sberla nella nuca, ma non puoi fare a meno di mangiare.

Ripeto, alla fine la pagate cara. Infatti è comprensibile come poi il maschio medio, troppo spesso sprovvisto di un arsenale adeguato di autostima, si ingegni per neutralizzare anticipatamente la smusata, lo specillo proprio su quel nervo vivo. Tipicamente vi si approccerà con arroganza preventiva, con offensività preventiva – e qui il ‘preventiva’ è la chiave di comprensione del fenomeno – come dire: sono rimasto scottato, ma stavolta te lo stampo io il ferro da stiro in faccia prima ancora che tu dica beo, tanto per stare dalla parte dei bottoni. Ed è così che accade, fidatevi. Questo si traduce in una quantità colossale di brutali relazioni all’impronta del cane che si morde la coda. Noi, voi, voi, noi, l’insicurezza mia cozza con la tua, la tua ferisce la mia, la mia ferirà la tua, all’infinito. Idiozia, spreco, tristezza.
Se ieri un ragazzo ti ha abbordata dicendo “ciao, hai nove settimane e mezzo libere?” sghignazzando con gli amici, e se tu hai pensato “ma fottiti idiota”, stai certa che quell’uomo è prima passato per non so quante belle silhouette che a fronte di un complimento cortese hanno sollevato la zampetta e gli hanno fatto pipì sulle scarpe delle festa.

Donne, meglio che a fronte di un tizio in bicicletta che torna indietro perché siete troppo sexy per proseguire, vi scorra un “grazie, sei carino” nelle vene fino alla lingua, piuttosto che resina. Vi conviene, sempre, fidatevi.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=189
25.06.2010

 

241 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Diapason
Diapason
26 Giugno 2010 6:35

…Ho scritto questo messaggio in risposta al post di una ragazza che su [social network] ha pubblicato un sondaggio: parlava di ragazzi che sembrano innamoratissimi a vita e poi, di colpo, scompaiono per tornare dalla ex. Probabilmente una sua esperienza personale. L’ho scritto di getto e gliel’ho spedito. Poi, rileggendolo, mi è piaciuto: forse mi sono auto-incensato, pubblicandolo, ma mi è piaciuto. Ho messo in fila dei concetti che avevo in testa in forma non troppo definita: erano idee che SAPEVO, ma che non avevo mai verbalizzato in maniera ordinata e scorrevole. Ho parlato forse più a me stesso che a quella ragazza. E mi è piaciuto 🙂 ========================================== …Ho votato la prima delle risposte. Sono maschietto, navigato e smaliziato, conosco molto bene i miei simili e io stesso, pentendomene poi, sono stato bravo attore. Il peggio è che la performance teatrale maggiore la recitiamo prima di tutto con noi stessi: per poter essere convincenti (quando recitiamo il ruolo che abbiamo deciso a priori) agli occhi della “vittima”, dobbiamo essere convincenti verso il nostro io interiore – un po’ come il piazzista o il commerciante, che riesce a vendere bene la sua merce solo se lui per primo è convinto… Leggi tutto »

sheridan
sheridan
26 Giugno 2010 6:57

Barnard, la prossima volta provaci con una rumena (magari ancora piu’ bella). Ce ne sono tante a Bologna, quelle provengono da paesi civili, mica le rimbambite indigene. Vedi che quella (la rumena o altre nazionalita’), anche in caso di sconfitta, ti concede almeno l’onore delle armi.

harth88
harth88
26 Giugno 2010 7:04

Ottimo articolo. E’ difficile che una donna lo capisca al primo colpo ma per lo meno pianta un seme che si spera possa un domani germogliare.
Devo dire però che sia in “sono andato a puttane” che in questo articolo l’autore non riesce per niente a mettersi nei panni delle donne. Credo che almeno provarci, anche senza condividere per forza il loro comportamento porterebbe a una maggiore serenità. In fondo quello che lui chiede alle donne è proprio di mettersi nei panni degli uomini.

francefar
francefar
26 Giugno 2010 7:34

Caro Barnard, se le avesse detto quelle carinerie a bordo di una Ferrari si sarebbe sciolta lì in mezzo alla strada. Ma anche lei signor Barnard cosa mi combina.. su una squallida bicicletta. 😉

radisol
radisol
26 Giugno 2010 7:50

“Mentre lavoro per voi …” …. Ma questo è proprio melagomane …

Enrico
Enrico
26 Giugno 2010 8:04

Anch’io spesso mi chiedo perchè una donna in una situazione simile a quella raccontata da Barnard, cioè un approccio leggero corredato da una frase di complimento assolutamente gentile, non ricambi a sua volta con un sorriso e la semplice frase:”Grazie, molto gentile”.

Poi ovviamente se il dialogo procede ulteriormente o meno è tutto un altro discorso ed è la donna che decide in merito.

Ma basterebbe solo un bel sorriso e una semplicissima risposta gentile come quella di cui sopra per rendere un uomo felice anche per solo un secondo. In fondo ci vuole veramente poco.

alvise
alvise
26 Giugno 2010 8:24

A me Barnard è simpatico, però non posso esimermi dal dargli dell’amichevole pocrita.Infatti il suo coraggio nel tornare indietro, non era per esternare alla gentil? fanciulla, quello di cui la natura l’aveva dotata, troppo banale per una persona intelligente come Barnard, bensì di giocare alla roulette, se vinceva ci scappava la scopatina.Era questa la fish che volevi giocarti, dai Barnard, non raccontiamoci palle, eheheh.

ammortizzato
ammortizzato
26 Giugno 2010 8:27

sinceramente stimo il barnard assiduo ricercatore della verità che motiva e documenta le sue ragioni come nel libro “perchè ci odiano” (pubblicità occulta).
non lo seguo invece quando a guidarlo non è più la ragione ma l’istinto soprattutto quando si infuria per un banale “due di picche”.

caro barnard non tutti vivono la sessualità come vorresti tu e ciò non vuol dire che tu sia nel giusto e gli altri nel torto. è semplice diversità e di questo devi fartene una ragione.

giosby
giosby
26 Giugno 2010 8:27

in alcuni negozi si legge:

Per colpa di qualcuno non si fa credito a nessuno.

http://www.youtube.com/watch?v=Nd4hKM62vwY&feature=related

tamolentegole
tamolentegole
26 Giugno 2010 8:46

Barnard succede solo in Italia,ti posso assicurare che qui in Spagna ti sorridono ti rispondono grazie e se ti va bene le inviti pure a cena. Cambia paese!

tamolentegole
tamolentegole
26 Giugno 2010 8:47

Barnard succede solo in Italia,ti posso assicurare che qui in Spagna ti sorridono ti rispondono grazie e se ti va bene le inviti pure a cena. Cambia paese!

Viruss
Viruss
26 Giugno 2010 8:52

Ciao Paolo, pensa…ero proprio li che assitevo alla scena…io che non sono una strepitosa silhouette e nessun uomo è mai tornato indietro per farmi un complimento forse a causa di qualche chilo di troppo (neanche troppi comunque)…mi sono detta nel vederti passare….”ma che bell’uomo, che sguardo intelligente, sono certa che lui saprebbe andare oltre il mio aspetto “imperfetto”…” e stavo giusto pensando di raggiungerti quando ti vedo fermarti e tornare indietro diretto verso la “perfetta silhouette”…niente da fare, anche questo, come uno squalo all’odore del sangue, si è gettato sull’esteriorità e io non sono mai esistita. Eppure, un uomo intelligente dovrebbe capire che se una donna è molto bella difficilmente avrà sviluppato altre doti visto che non ha mai dovuto sforzarsi per essere accettata e cosi, la “perfetta silhouette” fa quello che farebbe qualsiasi cretina, perchè è proprio quello che è, una “qualsiasi cretina”.
Beh, che altro aggiungere, senza saperlo la “perfetta silhouette ” ha vendicato anche me. Saluti Barnard e nel mondo c’è dell’altro oltre a due chiappe e due tette perfette.

Sokratico
Sokratico
26 Giugno 2010 8:53

con tutto il rispetto, sei tu un cretino, Barnard. E un ipocrita.

Una bella donna ha sentito mille volte uomini che le dicevano “oh ma sei proprio bella!” ed che interpretavano qualunque minimo segno di cortesia in risposta come un vero e proprio incoraggiamento a provarci!

tu che ti permetti di darle della cretina?

prima vivi un po’ da donna, lo dico da uomo, e poi riparliamone!


il rispetto in questi casi è tacere. Se non sai quali esperienze l’hanno portata a una tale diffidenza, taci.

cloroalclero
cloroalclero
26 Giugno 2010 9:01

TI STRAQUOTO, CARA VIRUSS, INSIEME A CHI HA FATTO SAPERE A BARNARD CHE UN DUE DI PICCHE E’ UN’ESPERIENZA COMUNE & CONDIVISA

tamolentegole
tamolentegole
26 Giugno 2010 9:02

Quante cazzate..apprezzare l estetica di una donna non vuol certamente dire che si sottovaluta la persona e la sua forma interiore.

RoteFahne
RoteFahne
26 Giugno 2010 9:39

Gli handicappati mentali gravi che suonano la grancassa sfondata del “mettiti nei panni delle donne” è meglio che si rassegnino: facendo i leccafiga morti di figa, non troverete qualcuna su internet che ve la da,commossa dalla vostra sensibilità. Dismettete i panni novecenteschi dell’elegantone in frac che recita poesie e mostra il proprio lato femminile,siete in ritardo (anche mentale) di secoli.Scendete dal pero. Scodinzolare non è solo inutile,ma anche controproducente,vi espone al ridicolo. Andate negli altri paesi.Uscite da questo cesso di Stato,da questo paese-latrina che vive di apparenze, di falsi dei,false virtù…Solo le italiane sono così. Persino le donne albanesi riescono a fare meglio meglio. Si informano sulle intenzioni di un uomo, sono serie molto più delle italiane. Se vogliono uno da “una scopatina e via” lo sanno che non avrebbero prolema a trovarlo.Solo le italiane cercano la scopatina,cercano il bello&dannato alla Maria de Filippi,perchè esse vivono in una gigantesca immane eterna puntata di Uomini e Donne 24 ore su 24,che è la loro vita. Scommettiamo chee Barnard si fosse avvicinato con un bel porrschino la sqinzia avrebbe fatto meno la sostenuta>? Uscite dall’Italia,morti di figa,girate il mondo ,vedrete che solo le italiane sono così. SOLO LORO! E’ ovvio che negli… Leggi tutto »

stefanodandrea
stefanodandrea
26 Giugno 2010 10:13

Bravo, qualcuno doveva farlo notare.

stendec555
stendec555
26 Giugno 2010 10:14

esatto, ciò che racconta barnard è normale in italia. fuori dall’italia è diverso, senza andare nell’est o a cuba. il problema è essenzialmente italiano (anche se pure in francia è un pò così, soprattutto se sei italiano e non parli la loro lingua). a parte che ormai anche in giro per l’europa, quando dici che sei italiano cominciano a sghignazzare, il mito del latin lover è ormai crollato da tempo……….le cause sono molteplici, forse il cattolicesimo…bisogna svegliarsi e desacralizzare ‘ste madonne!. la colpa è anche del maschio italiano, possessivo, appiccicoso, geloso, alla ricerca di un’altra mamma che però sia pure una pornostar a letto….per cui la donna italiana, per quanto racchia, continua a “tirarsela”, con un nugolo di maschi zerbini mammoni e complessati pronti a servirla e riverirla…barnard per quella ragazza è semplicemente l’ennesimo che “ci prova”……

tamolentegole
tamolentegole
26 Giugno 2010 10:23

Grande! quoto.cambiate paese

Simulacres
Simulacres
26 Giugno 2010 10:28

Nei commenti di “alvise e di “giosby” vi sono racchiusi quasi tutti gli interrogativi che stanno a monte a questi atavici atteggiamenti. si potrebbe aggiungerne tanti altri, uno dei quali, per esempio, se, in tali casi, tutti i “Barnard” dell’umanità potranno mai arrivare a immaginare e chiedersi se, e quante e quante volte “l’oggetto/soggetto del desiderio” deve quotidianamente far fronte a simili adescamenti (indipendentemente dalle intenzioni buone o cattive, cortesi o volgari). Dopo i primi due, tre,sei, sessanta sorrisi, sorrisini e “grazie, molto gentile, ecc. ecc.” pure un Angelo si stancherebbe. Se non per voglia per disperazione.

Tutto ciò è il risultato di un fraintendimento millenario sul Rispetto e sull’Amore ereditato dall'”Ubriacone divino” che durante le prove di sperimentazione della Genesi fu il primo a provarci con Eva!

Di quì, preso dalla rabbia, il suo ddl che impone punto: 9.”Non desiderare la donna d’altri!

Fu il primo maschilista della storia!

E l’inghippo maschilista di discendere la donna gli riuscì così bene che da allora all’oggi tutti ci provano con lo stesso giochino.

costantino
costantino
26 Giugno 2010 10:32

mercato dell’est caro barnard.
glielo assicuro.
vada a minsk o in alcune città della russia che non siano mosca e s.pietroburgo.
Prima di tutto noterà la bellezza del 80% del genere femminile (le veline sfigurano glielo assicuro).
E poi noterà che se si ferma a chiacchierare con una donna, nessuno la guarderà come fanno qui che sembra che gli si avvicina un marziano.
Mercato dell’est.

stendec555
stendec555
26 Giugno 2010 10:35

l’italianità è una malattia che complica la vita. l’ipocrisia fa parte della nostra cultura e dunque pure una cosa estremamente banale come agganciare una donna e farsi qualche sana trombata diventa un’impresa titanica. da noi ci sono pure quelli che fanno i corsi di seduzione per combinare qualcosa con le donne, poi finalmente alle soglie dei trentanni se ne trombano una e credono di essere diventati dei grandi amatori, quando fuori dal belpaese qualsiasi sfigato che non abbia seri problemi a quell’età ha già messo su famiglia dopo essersi sfogato e divertito a dovere senza tanti patemi e melodrammi….basta vivere un pò fuori dall’italia per capire quanto siamo una barzelletta anche in queste cose…

Sokratico
Sokratico
26 Giugno 2010 10:39

non vi rendete neppure conto del maschilismo arrogante di dire che se uno si avvicina con la macchina elegante allora una donna ci sta?

mi sa che siete solo dei frustrati e dei segaioli…

per voi la macchina e i soldi sono succedanei del successo sessuale, eh? ascoltatevi meglio, quando parlate!

dire che “le italiane se la tirano” è una generalizzazione senza senso.
La tipa ha visto solo un tipo bruttarello, vecchiotto dall’espressione cupida…che le dice come sei bella!

e giustamente si è allontanata. Tutto il resto è la solita fogna invidiosa e rancorosa di Barnard…e dei suoi alunni scemotti che non vedevano l’ora che qualcuno rivestisse di intellettualismo il solito machismo sfigato…

Tra i vari lavori che ho fatto, c’è stato anche l’animatore turistico in villaggio, quando ero più giovane.

vi assicuro che le donne, anche giovani, hanno una sana voglia di divertirsi…voglia che appagano senza problemi.
Con chi vogliono loro, però!

solo che ammetterlo significa accettare di dire: non vuole me.
eh Barnard?

stendec555
stendec555
26 Giugno 2010 10:45

quoto in pieno. ma chi c**** saranno mai le veline??? l’italia è solo una perdita di tempo anche in queste cose se non hai i mezzi giusti, tipo un bell’alloggetto in centro, le tasche piene di soldi è il papà che ti lascia un’azienda……chi è giovane e ha pochi mezzi provi a giocarsi le proprie carte altrove prima di bruciare sogni e energie nel cosiddetto “belpaese”.

costantino
costantino
26 Giugno 2010 10:45

mercato dell’est.
uscire da questa cloaca.

poi vedi come le donne (mediamente mooooolto meglio delle italiane) danno retta anche al più brutto degli uomini se è un minimo simpatico.

mercato dell’est

costantino
costantino
26 Giugno 2010 10:49

a me le veline nemmneo piacciono.
Facevo solo un esempio per fare intendere al popolino che non ha avuto il privilegio di varcare i confini italici.
Vi assicuro che se vi capiterà di andare a misnk o simferopol o sevastopol (scartate ucraina occidentale) rimarrete basiti dalla quantità di belle donne dai 18 ai 45 anni che non se la tirano certo come le italiane.

Simulacres
Simulacres
26 Giugno 2010 10:53

Bellissima metafora!

Metafora in cui le nostre “discrepanze” s’incontrano si scontrano e ci mettono a nudo, tutti! maschietti e femminucce.

Chiedo a Paolo:
qual è la differenza tra il capitalista assetato di potere che fa di ogni, anche le cose più infime per raggiungerlo e quella dello dell’uomo assetato e “accecato” di sesso che si comporta allo stesso modo?

ps. non condivido appieno quel “qualsiasi cretina”; non farei di tutta l’erba un fascio, comunque, in tal caso ci stà. ciao

stendec555
stendec555
26 Giugno 2010 10:58

certo, semplicemente ridicolizzavo il mito delle veline. per quanto riguarda l’est ho presente benissimo….però meglio che non lo fai sapere troppo in giro quali sono i posti migliori dove la femmina italica pensa che ci siano solo puttane e megere a caccia del pollo da spennare….;)…..chissà quanti maschietti stanchi di perdere tempo con una qualche isterica befana italica stanno già prendendo nota dei paesi che hai nominato…aspetta che me li segno ;)))

Oreste
Oreste
26 Giugno 2010 11:24

non so. Da una parte : ad un complimento non è proprio cortese girar le spalle, se la situazione poi evolve in modi non consoni si.

Dall’altra : Paolo quante pare ti fai su queste cose? si sa molte ragazze/donne ti fanno ritorcere lo stomaco per il nervoso che causano gli atteggiamenti che usano, ma non è una questione della Donna, è questione della donna presa al momento. Quante altre donne ad un complimento cosi gentile ti avrebbero risposto bene ? penso molte.

p.s : per la ragazza/donna che ha qalche chilo di troppo e ha detto di esser stata li…per la botta e via si prende la donna che ti attizza, non quella che ti fa vivere.(non necessariamente la donna che piace è quella dalla silouette perfetta).

costantino
costantino
26 Giugno 2010 11:55

forse hai ragione.
è che comprendo lo sgomento e il senso di impotenza di PB.
Volevo aiutarlo.

speranza
speranza
26 Giugno 2010 12:24

premetto,sono donna e non condivido la reazione della ragazza sotto il portico.

è questione di civiltà e l’italia si sa è tutto fuorchè un paese di persone civili, come dici tu sarebbe bastato un sorriso e un grazie, poi se vuoi troncare subito per i più disparati motivi (non ti piace, non è l’approccio che ti stimola la curiosità, non ti dice altro di interessante ecc…) tu donna sai come fare sempre nei limiti dell’educazione.
forse a 30 anni non hai la serenità/sicurezza/buon senso tali per cui possa nascere anche un minimo di dialogo-lampo anzichè una girata di tacchi accompagnata da mutismo, personalmente fossi uomo una che si comporta così può esser pur bellissima ma mi dimostra proprio solo quello, ed è un pò poco.

siamo incivili e di mentalità arretrata su moltissime cose, sempre più chiusi in noi stessi.buona serata.

tersite
tersite
26 Giugno 2010 12:27

A me è successo l’incredibile! Saranno stati gli articoli articoli di Barnard e Fini seguiti da interminabili discussioni dove puntualmente infilavo sfoghi e frustrazioni di una vita….sarà che sono andato a ripescare un’amica sessuologa la scorsa estate, che nn vedevo da 10 anni, estorcendole, da miserabile e infame, improbabili ‘sedute’ durante le pause pranzo…sarà stato semplicemente culo, ma la mia vita sessuale negli ultimi mesi è letteralmete decollata. Ad un’età in cui chiunque, me compreso, perderebbe ogni speranza. La mia vita sessuale, provo a ipotizzare, era paragonabile a quella di un carcerato con in più la facoltà di poter frequentare prostitute. Quindi avevo qualcosa in comune con quel carcerato : la prigione. La mia, come quelle della maggior parte dell’umanità, era costruita con la paura e il pregiudizio, ma qualcuno l’ha distrutta o mi ha fatto evadere. Cmq, grazie Barnard, non ero misogino, né matto, né inadeguato o poco virile ma vittima dei soliti inganni di media, mercato, potere….In un sistema come il nostro è perfettamente (il)logico mercificare tutto, ovvio che tutto, compreso il sesso, abbia un prezzo. Boero, grazie anche a te.

amensa
amensa
26 Giugno 2010 13:37

mentre per una donna, il modo di ragionare, pensare, provare di un uomo è come un libro aperto, quello della donna , per un uomo resta sovente un mistero.
perchè una donna debba rendersi attraente con abiti e trucchi civettuoli, con movimenti molto allusivi, e poi, se per caso tentate un approccio, si palesano infastidite… boh io ho smesso di cercare di capirle e sono arrivato alla conclusione che è tutta colpa di quella gambetta mancante nei genio maschili.
quelli femminili sono infatti xx quelli maschili xy.
mapoi , da buon informatico sono arrivato ad una altra conclusione:
un uomo ragiona in modo binario: alto, basso… grasso , magro…. bello , brutto…. ecc… la donna invece in modo ternario.
com’è il modo ternario ? come uomo non lo so descrivere, ma riporto un esempio tipicamente femminile:
“la maternità è il regalo più grande che la natura ha fatto alla donna ……. oddio sarò mica incinta ?.
ecco di fronte a questa frase un uomo non potrà mai capire…..

Earth
Earth
26 Giugno 2010 14:11

Innanzitutto quoto e STRAQUOTO il commento di Virusss, la bellezza estetica e la bellezza interiore sono due cose completamente diverse, molte volte mi e’ capitato di conversare con ragazze da mozzare il fiato, ma mi stufavo perche’ non aveva nessuna delle qualita’ che cercavo. Comunque qua vado oltre alla bellezza interiore e mi soffermo sul comportamento specifico di questo avvenimento che e’ il flirting, purtroppo per scoprire se una donna ha determinate qualita’ bisogna prima essere accettati per una conversazione, considerate che le belle donne scelgono solo IL MEGLIO, ovviamente perche’ hanno la possibilita’ di scegliere, sono circondati ogni santo giorno di uomini con la bava alla bocca. Ora rispondo inserendo -1-Punto di vista della bella donna -2- Mio punto di vista – entrambi sono scritti in maiuscolo per non confondersi con lo scritto di Barnard. Percorro in bicicletta una via di Bologna sotto un portico, e scorgo una silhouette femminile strepitosa. Come mi avvicino, realizzo ancor di più la bellezza di quelle forme, una vera grazia. Se ne sta in attesa da sola, avrà una trentina d’anni, io le sfilo di fianco e ammiro.-1- TOH GUARDA UN UOMO IN BICI, MA COSA FA, COME MI STA SQUADRANDO, NON HA… Leggi tutto »

Cilla
Cilla
26 Giugno 2010 14:15

x Viruss:

la maggior parte degli uomini ragiona con il secondo cervello (quello nascosto nei pantaloni), non ci si può fare nulla se non cercare con il lanternino il raro esemplare che non ha il chiodo fisso. 😉

tamolentegole
tamolentegole
26 Giugno 2010 14:22

Che tristezza siete voi italiani Tante paranoie per fare del sano sesso,troppe seghe mentali vi fate.Forse non sapete cosa vuol dire la parola relazione tra sessi.Ciao

Tetris1917
Tetris1917
26 Giugno 2010 14:29

lo so Paolo, e’ difficile vivere di seghe (o di pugnette come si dice da me); pero’ leggere un post di tale inconsistenza, fa veramente dubitare della tua di intelligenza. Sembra che ti manca un pezzo. Cioe’, hai una tale sensibilita’ a volte su determinati articoli che fai, poi noto che nell’argomento trombatorio sei proprio un infante. A me non interessa questo aspetto tuo. Ma perche’ leggere queste amenta’? Ma fa che e’ vero, il fatto che la Gabanelli (a me fa ribrezzo) non te l’ha data, e tu la attacchi?

stendec555
stendec555
26 Giugno 2010 14:42

e le donne invece no? è una cosa abbastanza comune ai due sessi, suvvia….

stendec555
stendec555
26 Giugno 2010 14:47

è proprio così. fra l’altro trovo abbastanza assurdo che uno come barnard, che presumo che sia un giornalista abbastanza affermato, con discreti mezzi e una certa libertà di movimento, se ha tutta questa voglia di femmine, se ne debba restare a soffrire in italia quando invece potrebbe levarsi patemi e paranoie e rilassarsi altrove….

nuspy
nuspy
26 Giugno 2010 15:03

Mah, si.. mediamente le italiane sono un branco di sfigate che hanno imparato a fare il ruolo delle preziose per far pensare all’ Italiano maschio che ci sia qualcosa di valore in loro… la realtà è ben diversa. Impiegate che si atteggiano a contesse.. segretarie che si creano la Corte di Miracoli… mah… Il problema è che voi ci credete. E ben vi sta, quindi. Io personalmente da quando tratto le donne a calci in culo, le faccio sentire un orpello più o meno utile pure con le Italiane non faccio fatica a tirarne su. Scaricarle è il problema… ci vuole molto più tempo e fatica. Cmq parlando dell’ estero… dimenticatevi di far emergere il vostro lato femminile e sensibile perchè altrove le donne apprezzano (come in Italia, ma là lo dicono!) una sana rudezza maschile e di essere loro a dover fare i salti per far si che il maschio resti. E questo vale specialmente nei paesi dell’ est dove gli Italiani a parte il primo periodo in cui sono una novità poi vengono scaricati regolarmente (il tempo è proporzionale alla quantità di denaro che hanno) per qualche autoctono che sa prenderle a calci in culo. Regolare e visto… Leggi tutto »

wiki
wiki
26 Giugno 2010 15:13

Concordo con chi dice che all’estero le ragazze e le donne se la tirano meno delle italiane…verissimo…

stendec555
stendec555
26 Giugno 2010 15:29

è vero il discorso che fai per quanto riguarda le donne dell’est…il maschio italiano un pò rincoglionito e intimorito dalle correnti finto-femministe italiote crede di colpire le femmine facendo questi gesti che in genere non vengono così apprezzati dalle donne dell’est. basta molto di meno, visto che in genere costoro sono abituate ad avere a che fare con mezzi alcolizzati che le trattano come stracci, belle o brutte che siano…

alvise
alvise
26 Giugno 2010 15:46

E bravo, le inviti a cena.E che sono, delle morte di fame?Ma no, non le inviti per quello, ovvio, le inviti perchè ti sono simpatiche, e poi ognuno a casa sua.Ma daiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Sandman
Sandman
26 Giugno 2010 15:46

Mi fanno ridere coloro che attaccano Barnard il quale ha giustamente sottolineato come sia tremendo per chi non è spigliato e sicuro di sè,’traversitrsi’ da maschio latino e sottoporsi a queste forche caudine che vengono chiamate “flirting”.Ho parlato molto spesso con alcune mie conoscenti e ho sempre constatato una incapacità totale nell’immedesimarsi nell’uomo e provare a immaginare cosa significhi dover raccogliere il coraggio per avvicinarsi a costoro che spesso,fin dall’inizio,mostrano un palese fastidio nei tuoi confronti(sempre che tu non sia uno strafigo o straricco).IMHO Barnard ha ragione quando afferma che in questo ci perdono anche le italiane,dato che per forza di cose,coloro che riescono a violentarsi abbastanza da riuscire ad ottenere risultati non faranno altro che mostrarsi non per quello che sono,ma per come le donne vogliono o immaginano che l’uomo sia,con l’unico scopo di far sesso con loro.Questo porta,ovviamente,le donne a scegliere quelli più abili in questa arte della dissimulazione per trovarsi poi usate e gettate via…

alvise
alvise
26 Giugno 2010 15:51

Bravissima/o Viruss.Ho capito perfettamente il tuo messaggio.Infatti viaviamo non in un mondo di correttezza, di lealtà, di sincertà, viviamo in un mondo di culi e tette, che squallore.Io sono un maschietto, non ho inclinazioni devianti, mi piacciono i culi e le tette, non mi piacciono le persone alla tinto brass, che guardano solo al culo, il resto è merda.

sheridan
sheridan
26 Giugno 2010 16:14

Barnard ha tutte le caratteristiche per potersi trombare anche italiane di un certo rango. Un aspetto gradevole, una certa eleganza, un’ottima cultura, una buona dialettica son tutti aspetti che portano al sicuro successo se li usi in modo efficace. Purtroppo temo che Barnard adotti gli stessi comportamenti che lo hanno portato ad essere estromesso dal mondo del giornalismo. Sopponiamo che gli arrivi una proposta dal Fatto Quotidiano, giornale che sarebbe il suo target naturale per linea editoriale. Lui cosa farebbe? Andrebbe da Padellaro (ammesso che ci andrebbe) e direbbe testuali parole: voi non capite un c…!!! State solo perdendo tempo e siete dei falsi dissidenti! Gli unici temi seri sono: il trattato di Lisbona, il signoraggio e il bilderberg. Ovvio che Padellaro, suo malgrado, lo deve mandare gentilmente a quel paese. Stessa cosa le donne: a parte il caso della stangona sul marciapiede che non fa testo in quando quelle tecniche di abbordaggio funzionano raramente sopratutto se il target e’ du una certa consistenza, temo che lui si comporti allo stesso modo con cui si sarebbe comportato all’ipotetico colloquio con Padellaro, ovvio che poi il risultato e’ scontato! Quando vai alla ricerca di donne e’ unguale a quando vai alla… Leggi tutto »

costantino
costantino
26 Giugno 2010 16:33

le donne italiane vanno lasciate ai maghrebini che le riepiono di mazzate.
mercato dell’est cari italici.

Earth
Earth
26 Giugno 2010 16:49

Barnard non e’ per il signoraggio e molti lo hanno criticano per questo qua su cdc.

AlbaKan
AlbaKan
26 Giugno 2010 16:51

E tu pensa che Barbard parla di “cortesia”…”gentilezza” con non poca ipocrisia, e qualcuno che forse s’immedesima molto (col 2 di picche)….chissà perchè…………..parla addirittura di mercato dell’est!… “M.E.R.C.A.T.O”…e contemporaneamente dicono che le donne italiane con uno ricco “ci stanno”………una coerenza impeccabile!

Earth
Earth
26 Giugno 2010 16:51

concordo in tutto, eccetto quando dici mercato, fai apparire le donne come delle merci appunto.

Earth
Earth
26 Giugno 2010 16:53

Cos’hanno le ucraine occidentali?

GRATIS
GRATIS
26 Giugno 2010 17:01

Un consiglio a chi vuole fare conoscenza e complimenti con le signorine, italiane o meno: comperatevi un cagnolino molto grazioso e portatelo a spasso. Incontrerete molte donne di qualsiasi età e nazionalità, belle o brutte, che vi sorrideranno e faranno una moina o un complimento al cucciolo. Se ne varrà la pena e ne avrete voglia potrete ricambiare il complimento e stabilire un contatto amichevole. Di questi tempi le donne vogliono essere loro a prendere l’iniziativa e la presenza del grazioso quadrupede fornirà loro una ottima occasione

fusillo
fusillo
26 Giugno 2010 17:44

…..che strano…..nessuno, mi pare, ha sfiorato l’argomento vaticano:
non pensate che la sua presenza sul suolo italico da millenni abbia prodotto degli scempi sia in ambito maschile che femminile…?

mikaela
mikaela
26 Giugno 2010 17:59

Mi associo al tuo commento e a quello di Enrico.
Tutti sappiamo quanto vale ( in qualsiasi circostanze) un bel grazie accompagnato da un cordiale sorriso, ma la strada è lunga e la meta sarà irragiungibile senza una buona educazione.

Barnard (purtroppo) è l’unica voce che ci regale questi spunti di riflessione sulla vita.

Ciao

nuspy
nuspy
26 Giugno 2010 18:05

si.. e non solo sono abituate a questo ma pure vogliono questo.
Altrimenti non ti considerano uomo.
Lo stesso discorso vale per l’Asia: ho un collega inglese sposato con una ragazza Tailandese che mi raccontava che anche lui per mantenere la relazione fa come me.. in casa non muoviamo un dito. Se le nostre compagne si lamentano per qualcosa si dice loro che queste sono le regole perchè noi siamo gli uomini e decidiamo e se a loro non piacciono conoscono la strada per andarsene.
Oltre al fatto di fare esattamente quanto e quello che vogliamo: è l’anniversario? Ma figurati! Battuta di caccia con gli amici che prepari i viveri per la notte sull’altana!
Questo le fa sentire felici ed innamoratissime tanto che fanno i salti quando rivolgi loro la parola.

Santos-Dumont
Santos-Dumont
26 Giugno 2010 19:12

Non credo che sia un caso se sei il primo a toccare l’argomento. Potremmo tranquillamente estendere il ragionamento anche all’islam, che condivide col cattolicesimo l’atteggiamento repressivo. Quello che posso notare, dopo una decina d’anni di vita in Brasile, è come anche qui abbia attecchito la (mal)educazione cattolica, repressiva e maschilista. Leggo certi commenti sulle donne dell’est o sulle tailandesi e riconosco con una certa sopresa (ammettendo però di non essere un viaggiatore navigato come gli altri) gli stessi tratti caratteriali. Le donne che stentano ad accettare il concetto di parità, pur lamentandosi del cosiddetto “machismo”, sotto la superficie sembrano aspirare ad essere “maltrattate”. Faccio un esempio concreto: se un marito dicesse alla moglie italiana qualcosa del tipo: “Tu guidi l’auto solo in città, fuori città solo con me o, come ultima ipotesi, se stai da sola o con altre donne soltanto di giorno”. Qualsiasi italiana verrebbe colta all’istante da un moto di ribellione. Mia cognata, accetta la cosa senza fiatare e le sembra naturale. Io probabilmente ricado nel novero degli italiani che, proponendosi alla bisogna di lavare i piatti o di riassettare, vengono visti come dei semi-alieni. Mia moglie, brasiliana, non sfugge alla regola… Posso insistere quanto voglio, ma lei… Leggi tutto »

stendec555
stendec555
26 Giugno 2010 19:39

non c’è altro da aggiungere, funziona così…..anni fa facevo lo stesso addirittura con un’americana e tutto filava alla grande…l’errore che si fa in italia è metterle su un piedistallo e trattarle come dee, per quanto spesso si tratti solo di insopportabili racchie.

mandal2010
mandal2010
26 Giugno 2010 20:12

sono d’accordo.

A_M_Z
A_M_Z
26 Giugno 2010 21:03

Da un certo punto di vista la malducazione di alcune signorine è sconcertante; reagiscono come se fossero li tutti a cercare di portarsele a letto.
E’ anche vero che tanti cercano di portarsele a letto con le strategie più disparate e che riconoscere un sincero da un provolone diventa poi più difficile.

Vivo in una città del nord e riconosco che la diffidenza da parte delle femmine è alta. In alcuni casi la comprendo: se tutti sono chiusi chi si dimostra aperta e fa la battuta e non ha paura di conoscere nuove persone può passare per la facile, quella assetata di cazzo o peggio la troia; quindi piuttosto una fa la stronza e stop.

BarnardP
BarnardP
26 Giugno 2010 22:11

No, ti assicuro. B.

BarnardP
BarnardP
26 Giugno 2010 22:21

L’essere belle non giustifica mai l’esser cafone. Non mi arrendo all’idea che una donna bella deve essere per forza un’idiota (lo sono in maggioranza, in effetti, ma possono migliorare). In ultimo, e con la mia caratteristica sincerità al limite dell’autolesionismo, ti dico per me una donna deve essere gnocca per muovermi in qualsiasi direzione, sono proprio molto discriminatorio in questo, o sei molto bella oppure come mia donna non ti considero. La profondità e l’intelligenza e ogni altra dote prive di bellezza formano una mia cara amica, non la donna che viene a letto con me e diventa la mia donna. Ma senza quelle doti egualmente non sarai la mia donna, per cui la sintesi finale è che io le ho sempre cercate bellissime e di grande spessore umano assieme. E ho avuto una fortuna enorme, le ho trovate. B.

BarnardP
BarnardP
26 Giugno 2010 22:33

Se sei una donna che scrive, ti auguro ti si stacchi la gnocca e ti caschi per terra, come minimo. Se sei un uomo sei ammalato. Hai scritto una bestialità simile a chi dicesse a una platea di denutriti sudanesi con le mosche agli occhi “provate a immaginare cosa si prova a essere tempestati dalle mille offerte dei nostri ipermercati… basta con tutti quei prosciutti, tutte quelle bistecche! dopo un po’ uno non ne può più e butta via il volantino!”. B.

BarnardP
BarnardP
26 Giugno 2010 22:39

Sokratico, faccio fatica a capire cosa ci sta a fare Socrate nel tuo nick. Da quello che scrivi e da come scrivi sembra un pelo fuori posto. B.

BarnardP
BarnardP
26 Giugno 2010 22:48

Mi interessa chiarire che il Fatto NON è il mio target naturale. Lo hai detto tu stesso: Padellaro messo di fronte alle vero Potere che ci sta ammazzando mi manderebbe a quel paese. Non è il mio giornale. B.

io
io
26 Giugno 2010 23:08

STRAQUOTO Earth! Ragazzi, credo che il problema non siano solo le “difficili” italiane. Permettetemi di dire che le modalita’ di approccio degli italiani (ed in generale anche degli uomini dell’est) non siano poi proprio il masssimo. Sono una di quelle donne che si sente (anzi, “che si sentiva”, visto che ora abito all’estero e qui sono meno “invadenti”) dire ogni santo giorno, in ogni momento della giornata, anche quando proprio non sei in vena di conversazione, “Ciao, ci possiamo conoscere? “”Come sei bella” etc etc etc. Lo ammetto, nella stragrande maggioranza dei casi la mia reazione e’ di rifiuto categorico (soprattutto per i tipi che mi si presentano tutti tirati o a bordo del macchinone…che pena!). Il rifiuto deriva si’ dal fatto che alla centesima volta in una giornata non ne puoi piu’, ma anche dalla banalita’ dell’approccio, dall’aspetto “sbavoso” evidente e dall’esperienza (piu’ di qualche volta (diciamo quasi sempre) mi e’ capitato che, dopo aver ricambiato il saluto per pura e semplice cortesia sono partiti gli apprezzamenti volgari e commenti fin troppo espliciti). Per cui solitamente evito. Vorrei aggiungere che, nella mia esperienza, mi e’ capitato di ricevere gli approcci piu’ eleganti e originali da parte di uomini arabi… Leggi tutto »

edo
edo
27 Giugno 2010 2:09

Paolo, non hai certo bisogno di sentirti dire, da me, che scrivi benissimo… al punto che ritengo tu potresti risolvere i tuoi problemi economici passando dal giornalismo di denuncia al romanzo di denuncia.
Non ho letto tutti i commenti, perciò non so se qualcuno ti ha già scritto ciò che penso anch’io, ma se tu avessi avuto la possibilità (spontanea) di dire “scusa” anzichè “cretina” avresti più chances di quelle che, al momento, hai.
Con amicizia,
Edoardo

Eli
Eli
27 Giugno 2010 2:27

Bravo Socratico! Hai centrato il nocciolo della questione. Ed infatti Paolo B.
non ci sta. Perché hai colto nel segno. Ogni donna parla con chi vuole lei, e
va con chi sceglie lei, se è veramente libera. Non siamo tenute a parlare con tutti quelli che ce lo chiedono. Ci mancherebbe altro!

Eli
Eli
27 Giugno 2010 2:35

Diapason, complimenti per la tua crescita personale! Maschi si nasce, uomini si diventa, come hai ben evidenziato nella tua risposta. E tu lo sei diventato. Paolo B., purtroppo per lui, è invece rimasto alle pulsioni ed ai comportamenti di un sedicenne.

Eli
Eli
27 Giugno 2010 2:45

Paolo, te lo dico io che cosa ha pensato la bellona sotto i portici:” Cretino di un pappagallo!”. Come donna rilevo che il tuo tentativo di approccio è stato grossolano. Il gallismo è tipico di paesi poco evoluti nel campo dei rapporti uomo-donna, in cui gli uomini sono dei maschilisti e vedono le donne come un bell’oggetto, e questo mi viene confermato da alcuni commenti qui sopra. Ed infatti troviamo il gallismo in Italia, Spagna, Messico. Sarà un caso che sono paesi cattolici? Sarebbe impensabile in Danimarca, ma anche in Francia o Stati Uniti.

costantino
costantino
27 Giugno 2010 3:23

pigliati un arabo.
poi vedi le mazzate dopo che ti sei sposata.

riquoto: lasciamo le italiane (mediamente delle cesse allucinanti) ai maghrebini che le trattano come meritano.

e facciamo mea culpa: Le italiane se la tirano ANCHE perché ogni italiano dai 16 ai 79anni, single, fidanzato,sposato,separato,vedovo, ci prova con tutte purché in grado di respirare.
Mercato dell’est (lo riscrivo perché vedo che infastidisce) e vi si aprirà un mondo nuovo: quando tornerete manco le guarderete più le italiane. E le lascerete ai maghrebini.

Diapason
Diapason
27 Giugno 2010 3:35

Forse no, è capitato anche a me di pensare “accidenti, ma guarda che bella…” e di rimanere anche in discreta osservazione per meglio vederla, pesarla, per catturare una immagine da conservare.
Senza però avere l’istinto di provarci: solo per appagamento contemplativo.
Probabile che se fosse stata “quella bella donna che ho solo ammirato” a provarci, mi avrebbe messo in serie difficoltà nel caso avessi promesso feldeltà a qualcuna, riuscendo a conquistarmi in un nanosecondo se mi avesse invece pizzicato libero.
Però osservare belle donne e rimanere colpiti dalla loro bellezza SENZA che si mettà in moto il meccanismo provolatorio CAPITA, e anche abbastanza spesso…
Diciamo che magari capita quel minimo di volte necessario e sufficente a non farmi sentire terra terra 🙂

costantino
costantino
27 Giugno 2010 3:38

Le ucraini occidentali sono appunto ucraine. Mentre nella parte orientale sono (stragrande maggioranza) russe.
Di conseguenza le prime sono più facili al rincoglionimento e alle stupidaggini occidentali, mentre le seconde hanno una visione tradizionale della famiglia e dei veri valori.
In linea di massima consiglio di andare in quei paesi non ancora toccati dal virus occidentale, dalle tv e da tutti quei messaggi che non possono che rimbambire il popolo in generale e le donne (angeli del focolare) in particolare. Mi diceva un amico che aveva avuto modo di conoscere una ragazza in Armenia il cui sogno più grande era avere un frigorifero per poterci conservare i prodotti derivati del latte che preparava nella sua povera famiglia. Mi dite qual’è il sogno più grande di una omologa ragazza italiana di 20anni?

Diapason
Diapason
27 Giugno 2010 3:39

…Viaggio già pagato ormai, eh?
Ahiahiahiahiahiahiai
🙂

Diapason
Diapason
27 Giugno 2010 3:41

…Troieggiare con un calciatore ma SOLO quando c’è un numero sufficente di macchine fotografiche a registrare l’atteggiamento?
Generalizzo, ma purtroppo per molte è così…

Diapason
Diapason
27 Giugno 2010 3:45

Non siamo tenute a parlare con tutti quelli che ce lo chiedono.

…Ma CERTO che no.
Ma se ogni volta che vi scontrate con qualcuno con cui non volete parlare, vi comportate come quella che ha incontrato PB, rischiate di creare un altro convinto maschilista ottuso e generalizzatore.
Credo che PB volesse dire solamente questo.
Avere un diritto è… un diritto, va garantito a tutti, furbi e non.
SCEGLIERE QUANDO e COME esercitarlo è intelligenza+sensibilità.

Diapason
Diapason
27 Giugno 2010 3:52

…Mentre trombi l’occasionale conquista, il cane lo metti in freezer?
E quando appenderai il pisello al chiodo? Lo butti?
🙂

Sandman
Sandman
27 Giugno 2010 4:06

vorrei proprio sapere come un complimento fatto in modo gentile possa essere definito gallismo.Io penso che invece,come la maggior parte delle italiane,la bellona avrebbe reagito in maniera ben diversa se a farle quel complimento fosse stato un tipo pompato in palestra o a bordo di un Ferrari

wiki
wiki
27 Giugno 2010 4:08

Sul parere che sia un po’ megalomane condivido…

giosby
giosby
27 Giugno 2010 4:13

Ma proprio un bel fortunato!
Che questo tuo atteggiamento abbia qualcosa a che vedere con il razzismo?
Selezione della razza?

Superiorità e superbia?
Se sei così pieno di strafighe dedite al sesso ludico perché non le indirizzi ai tanti amici Uomini Beta che non aspettano altro?
Ma fammi il piacere!
Se sei così tronfio perché ti lamenti se una volta una bella signora ti ha girato le spalle?
C’è solo da girare l’angolo!
Uno come te troverà le ragazze in coda ad aspettarlo!
Il giorno che capirai che le donne non hanno bisogno di maestri uomini avrai fatto un passo avanti nel capire le donne!
Ma la tua presunzione sembra che invece purtroppo non abbia limiti!
Un vero peccato!

GRATIS
GRATIS
27 Giugno 2010 4:35

… e sarebbe umorismo questo? Con battute del genere le donne te le puoi pure scordare

21
21
27 Giugno 2010 5:36

Nel cuore delle donne non ci vede chiaro che l’esaminatore disinteressato. (E. De Amicis / da Amore e ginnastica)

Ciao ciao 😉

Diapason
Diapason
27 Giugno 2010 5:43

Non volevo essere SOLO canzonatorio; visto che non hai compreso, spiego più chiaramente: cercavo di farti riflettere sul fatto che programmare tattiche abbordatorie fino ad arrivare al punto di prendere con te un animale domestico da rimorchio è un po’ tristino.
…Che dico un po’: è PARECCHIO triste.
Chissà quanto gli vorresti bene, al malcapitato cagnolino, se si rivelasse fallimentare per i tuoi obiettivi rimorchierecci.
Preferisco la spontaneità e, a giudicare dai risultati, la preferisce anche la maggior parte delle donne 🙂

Più chiaro adesso, o serve lavagna e gessetto?

21
21
27 Giugno 2010 5:43

Diapason preciso e intonato a 440Hz (o 432Hz…)

Ciao 😉

metallaroforever
metallaroforever
27 Giugno 2010 6:20

Barnard sei un fighetto viscido e senza un briciolo di umanità….mi chiedo se sei lo stesso barnard che stimo come giornalista.
…anche perché se fossi veramente lui non capisco come sia possibile che tu perda tempo in questo modo…non solo fai dei discorsi da frustrato segaiolo che stento a capire…ma il brutto è che sono completamente sbilanciati, pendono tutti dalla stessa parte,la tua. Pretendi che le donne ti si filino, che facciano sesso con chiunque, e quando qualcuno ti chiede di ricambiarlo?…quando è una donna media o bruttarella che ti chiede di fare quello che tu pretendi da loro… dici :”eh no non è possibile, vado solo con le gnocche”.
E bravo il signor P.B. … e la sua mirabolante onestà intellettuale… che non esita ha usare due pesi e due misure.

metallaroforever
metallaroforever
27 Giugno 2010 6:24

volevo editare: Pretendi che le donne ti si filino, con Pretendi che le gnocche ti si filino.

ho scritto in fretta senza ricontrollare sorry.

nuspy
nuspy
27 Giugno 2010 7:07

e di grazia, di cosa avrebbe dovuto scusarsi con quella cretina? Scusarsi per averle fatto un complimento? non mi sembra che Paolo abbia scritto di esserle passato su un piede con la bici: in quel caso avrebbe dovuto scusarsi, non per essere gentile.
mah.. il tuo commento mi fa venire in mente la canzone “servi della gleba testa alta”.. chi avrebbe da scusarsi è la ragazza in questione perchè oltre a stupida è maleducata in quanto doveva ringraziare anche se non provava nessun interesse per Paolo.

Continuate a trattarle così e non lamentatevi se sono stronze perchè siete voi che glie lo permettete.
Complimenti a Paolo per la sua reazione.

nuspy
nuspy
27 Giugno 2010 7:17

Se mi dici un paese così evoluto dove sia culturalmente accettato dare un ceffone ad una tizia così mi ci trasferisco.

stendec555
stendec555
27 Giugno 2010 7:25

nei paesi cosiddetti più evoluti il divertimento per i maschietti significa una serata tra amici a sbronzarsi (nord europa, america e anche est europa)…le donne? fanno da contorno e fanno di tutto per avere un pò di attenzione ma nessuno sbava per una media befana come capita in italia. addirittura pure quelle che da noi sarebbero considerate supersventole (altrochè le veline) vengono ignorate! è una questione culturale……..altrove c’è più ironia e la parola d’ordine è “have fun”, divertirsi prima cosa…da noi prevale la tragedia dell’ultima spiaggia, i preparativi in vista di una serata nei locali disperatamente a caccia, i mille problemi di cercare l’approccio con le femmine che in genere o ti ignorano o ti squadrano come fossi un povero sfigato. fuori dal belpaese c’è più relax e tutti si divertono (donne comprese). capisco l’imbarazzo della bellona, ma la donna italiana non è così sfortunata, suvvia…….fortunatamente molti giovani italiani stanno capendo tante cose grazie a più frequenti viaggi all’estero e le befane italiche incominciano a scendere dal piedistallo…

BarnardP
BarnardP
27 Giugno 2010 7:40

Se qualcuno ti aiuta a raccogliere una cosa che ti è caduta, ti omaggia della sua gentilezza. E sei tenuta a rispodere “grazie”. Stessa cosa se uno ti omaggia di un complimento. Parlare con tutti c’entra come i cavoli a merenda. La tua risposta dimostra del tutto chi sono certe donne, delle vere irrimediabili cretine. Consola il fatto che siano le stesse donne a riconoscerlo spesso. Sei una cretina, ora non ti offendere, ma lavora per migliorare. B.

stendec555
stendec555
27 Giugno 2010 7:47

caro barnard, tu che puoi (almeno credo), non perdere tempo in italia…!!! buone vacanze e take it easy!

BarnardP
BarnardP
27 Giugno 2010 7:48

Scusa? Quindi quando fai un regalo tu chiedi poi scusa di averlo fatto? Sei strano. B.

BarnardP
BarnardP
27 Giugno 2010 7:52

Verissimo, provengo da 8 anni fra USA e GB, è così. Ma noi siamo indietro in tutto, ahimè. B.

BarnardP
BarnardP
27 Giugno 2010 7:54

Non era un approccio era un complimento, coi galli c’entra poco. Secondo, ti ripeto quello che ho risposto a una tua collega più sopra: hai scritto la cretinata dell’anno, ma non è un’offesa, ti serve a migliorare. B.

(e poi le donne si chiedono perché sono messe male..)

Eli
Eli
27 Giugno 2010 7:55

Caro Paolo, nessuno è tenuto a nulla, ma ognuno fa ciò che sente di fare. Io sarò anche una cretina, ma tu sei un presuntuoso arrogante, per questo non te la danno. Alle donne piace un altro tipo di uomo. Ma puoi lavorare per evolverti, e trasformarti da maschio in uomo. Saluti.

giosby
giosby
27 Giugno 2010 8:00

Mi viene in mente anche qualcuno che ti vuole lavare il vetro al semaforo.
Anche in quel caso dovremmo dire grazie!
Chissà perché il più delle volte si tira su il finestrino e si mette la sicura alla macchina?

Poi Paolo trova CAFONA la signora che semplicemente va via!

Questo semplice comportamento lo autorizza a insultarla con un bel “CRETINA”!
E anche qui si ripete!
Quando scendi dal piedistallo?

Paolo Barnard arrogante, saccente e maschilista!

http://www.facebook.com/note.php?note_id=404248522716&comments

Simulacres
Simulacres
27 Giugno 2010 8:00

Paolo Barnard, in queste faccende sei veramente ridicolo!… ridicolo a tal punto da diventare penoso. Ti compiango! E poichè mi trovo, sfortunatamente, ad appartenere a quella sorta di categoria formata dalla tua specie; una specie da cui mi sento in “sciopero” sin dalla tenera età, (niente allusioni, please!) e che nel percorso del suo cammino ne ha viste e ne ha vissute – in prima persona – di ogni… Quindi, come potrai capire sono “un Uomo””Un Uomo, forse, anche come dici tu: “Se sei un uomo sei ammalato.” Bene! in tal caso sono un uomo, anzi, in un certo qual modo mi sento un super-uomo felicemente e orgogliosamente ammalato poichè codesta malattia, paradossalmente, si rivela miracolosamente come una sorta di antidoto che mi salvaguarderà dal non cadere mai nella tua bassezza! Soltanto un mostro del tuo rango poteva – a fini mistificatori – comparare la fame nel mondo alla bramosia del sesso! Bramosia da cui nasce la tua Solitudine, il tuo Vuoto incolmabile, l’inesorabile Abisso! _____________ ps 1. E Voi tutti! filo-barnardinani dell’umanità: siete altrettanto Ridicoli. Voi tutti CoMMunisti-Materialisti-Pseudo-Umanitaristi: siete altrettanto penosi! Eccola la vostra essenza sostanziale quando “accidentalmente” si inciampa e vi si scoprono le carte. ps 2. Al… Leggi tutto »

Eli
Eli
27 Giugno 2010 8:03

Ma sì, anche in Brasile, trovate una donna a Paolo B., così si calma. L’NWO ci sta facendo neri, sta crollando un mondo, e noi a parlare delle frustrazioni di Barnard. Ma per favore!!!

walterkurtz
walterkurtz
27 Giugno 2010 8:06

Considerazioni interessanti quelle sul rapporto donna dell’est – uomo dell’ovest.
Aggiungo che i rapporti uomo-donna nell’est (speicialmente in Russia e Ucraina) sono anche influenzati dalla sproporzione numerica tra donne e uomini, a favore di questi ultimi (che sono in minoranza) e che quindi non hanno la benché minima necessità di “fare i romantici” per ottenere un appuntamento. Ragazze dell’est che ho conosciuto mi hanno detto che anche molte ragazze bellissime hanno l’incubo di non trovare un partner. Cose impensabili da noi…

giosby
giosby
27 Giugno 2010 8:11

Tu Paolo dici:
“sono tornato da te per dirti quanto apprezzo la tua bellezza, solo questo”.

“SOLO QUESTO” presuppone che non ti aspetti NIENTE, né grazie, né prego, né vaffanculo!
Allora di che ti lamenti!
Tu invece pretendi una risposta e la non risposta ti offende!

RIPETO: MA CHI TI CREDI DI ESSERE?

Vergognati!
Tu racconti la situazione come se non fossi in mezzo alla strada, ignorando l’ambiente e il contesto!

Se lo stesso episodio fosse avvenuto in una festa privati dove TUTTI condividono almeno un invito del padrone di casa sarebbe diverso, ma in questo caso che cavolo vuoi?
Torna a “lavorare per noi” che forse è meglio!

Siamo tutti qui ad aspettare la tua prossima esternazione che sicuramente salverà il mondo!!!

Santos-Dumont
Santos-Dumont
27 Giugno 2010 8:42

Non credo che eventuali sproloqui sostitutivi su NWO e svendite di isole (Grecia) cambierebbero di una virgola quello che sta accadendo. Dal punto di vista pratico, non avrebber più valore delle disquisizioni sulle disavventure galanti di PB.