Home / ComeDonChisciotte / MANDIAMOLI A GAZA. TROVATE PUBBLICITARIE E ISTRUZIONE

MANDIAMOLI A GAZA. TROVATE PUBBLICITARIE E ISTRUZIONE

DI GILAD ATZMON

Il leader conservatore David Cameron sembra che stia conducendo una battaglia in questi giorni. Dopo aver definito una “trovata pubblicitaria” i fondi governativi per le visite scolastiche all’ex campo di concentramento nazista di Auschwitz, deve far fronte a delle richieste di scuse.

Venerdì, durante un discorso, Cameron ha accusato il governo del Primo Ministro Gordon Brown di essere “ossessionato da trucchetti a breve termine”, incluso una raccomandazione alle scuole affinchè facciano “viaggi in Polonia”.

Il governo inglese ha annunciato questo mese che avrebbe dato 4.65 milioni di sterline all’Holocaust Educational Trust [Fondo per l’Educazione sull’Olocausto] fondato nel 1988 per istruire le giovani generazioni sull’Olocausto. Non ci voleva un genio per indovinare che le istituzioni politiche Ebree in Gran Bretagna fossero pronte a distruggere Cameron per il suo commento.

Henry Grunwald, presidente del Board of Deputies of British Jews [Consiglio di Amministrazione degli Ebrei Inglesi] ha detto:- “Il Consiglio di Amministrazione non vuole essere coinvolto nella politica di partito, ma siamo sorpresi e delusi che David Cameron abbia in ogni caso utilizzato il termine ‘trovata pubblicitaria’ in riferimento alle visite ad Auschwitz.”Karen Pollock, Direttore Generale dell’Holocaust Educational Trust [Fondo per l’Educazione sull’Olocausto], ha detto:- “Non vogliamo essere coinvolti nelle politiche di partito. Ma non si dovrebbero usare le visite ad Auschwitz per guadagnare voti in politica.”

Apparentemente, sia a Pollock che a Grunwald non piace essere coinvolti nelle politiche di partito. Per questo scopo hanno alcuni appositi rappresentanti come Lord Levy, David Abrahams, the Tory Friends of Israel [gli Amici Conservatori di Israele] e the Labour Friends of Israel [gli Amici Laburisti di Israele].

Il partito Conservatore è stato molto veloce a cogliere il messaggio. Si è arreso immediatamente alla pressione “non-politica”. Nell’arco di poche ore, il portavoce conservatore ha detto:- “Le gite scolastiche ad Auschwitz sono una brillante idea.”

Nel tentativo di placare la tempesta, il portavoce conservatore ha detto:- “Cameron non ha criticato le visite, ma piuttosto il fatto che i finanziamenti governativi non coprono il loro intero costo”.

Come Grunwald e Pollock, vorrei astenermi dall’interferire con la politica inglese, tuttavia potrei suggerire che Cameron è stato assolutamente corretto. I viaggi ad Auschwitz sono infatti una trovata pubblicitaria. Per quanto io possa vedere, il valore educativo di questi viaggi è controproducente. A differenza di Karen Pollock dell’Holocaust Educational Trust [Fondo per l’Educazione sull’Olocausto], che ha detto:- “Gli studenti usano la loro esperienza per accrescere la consapevolezza delle lezioni sull’Olocausto nelle loro scuole e comunità locali, sfidando il pregiudizio e il razzismo di oggi”, io sono convinto che i viaggi ad Auschwitz vengono fatti per distogliere l’attenzione dai crimini che sono stati commessi su base ideologica davanti ai nostri occhi e a nostro nome. I viaggi ad Auschwitz esistono per mettere a tacere la nostra consapevolezza. Sono lì per oscurare la possibilità di una riflessione personale.

Infatti, è abbastanza facile per il governo inglese spendere soldi cercando di insegnare ai giovani studenti quanto fossero malvagi i Nazisti 63 anni fa. Eppure, è molto più impegnativo per il governo britannico e le istituzioni scolastiche inglesi affrontare gli errori britannici del passato e del presente.

Invece di mandare i giovani inglesi ad Auschwitz, vorrei suggerire di investire i fondi governativi in gite scolastiche nel campo di concentramento a Gaza. Questo avrebbe un valore educativo di gran lunga maggiore nella lotta al razzismo e pregiudizio. Chiaramente è a Gaza che milioni di Palestinesi vengono fatti morire di fame dallo Stato di Israele mentre l’Occidente rimane in silenzio.

La Gran Bretagna ha responsabilità diretta per la tragedia palestinese. Per prima cosa, il disastro palestinese è stato dovuto all’Impero Inglese. È probabilmente iniziato con la Dichiarazione di Balfour, ma è maturato in una devastante pulizia etnica nel 1948, tre anni dopo la liberazione di Auschwitz. In secondo luogo, in qualunque modo decidiamo di guardare al conflitto israeliano-palestinese, i Palestinesi sono le ultime vittime di Hitler e il genocidio a Gaza è una Shoah in corso.

Se Karen Pollock è veramente preoccupata per il razzismo e pregiudizio, Gaza è il posto in cui mandare i ragazzi inglesi, così potranno tornare a casa e chiedere ai loro nonni: “Nonno, cosa hai fatto tu quando tutto questo è successo 60 anni fa?”. Dobbiamo mandare i nostri figli a Gaza così loro torneranno a casa e chiederanno ai loro genitori: “Mamma, cosa possiamo fare per aiutare i Palestinesi?”.

Se Karen Pollock volesse ancora accrescere la consapevolezza etica dei nostri ragazzi, eppure non fosse ancora convinta che Gaza è il posto per fare ciò, potrebbe anche prendere in considerazione di mandare i nostri giovani a Bassora o Baghdad. In fin dei conti, il genocidio degli Iracheni, in cui sono morti un milione e mezzo di persone finora, è un crimine di guerra commesso anche dall’attuale governo inglese.

Ma ripensandoci bene, non è importante mandare i giovani studenti inglesi a Baghdad; loro possono andarci appena finita la scuola. Possono partecipare e contribuire a questo Olocausto contemporaneo, cioè essere al servizio della Gran Bretagna e dell’America nel nome della democrazia e dell’ideologia neo-conservatrice, tutto quello che devono fare è solo arruolarsi nelle forze armate britanniche.

Titolo originale: “Send Them To Gaza: Gimmicks and Education”

Fonte: http://www.uruknet.de
Link
26.02.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di FRANCESCA CHIPPARI

Pubblicato da Das schloss

  • alcenero

    VOTA PER IL BOICOTTAGGIO DI ISRAELE

    Il Corriere della Sera ha messo online un sondaggio sul boicottaggio di Israele alla fiera del libro, accompagnato da un “editoriale” di quel genio di P. Battista…

    VOTATE NUMEROSI!!

    http://www.corriere.it/appsSondaggi/pages/corriere/d_2110.jsp [www.corriere.it]

  • NerOscuro

    Lo sai che gli Israeliani hanno un programma per i simpatizzanti atto ad informare e a sollecitare il voto on-line nei sondaggi che riguardano Israele? Non ti aspettare di raggiungere il 30%…

  • Hassan

    Già, infatti siamo appena al 21% favorevoli al boicottaggio.

  • angela

    Ottima idea!…mandiamoli a Gaza!
    perchè si tiene conto ancora oggi di una barbarie di 60 anni fa?
    perchè quello è L’OLOCAUSTO!
    non ce ne sono altri!
    non esistono!
    meno che mai quello palestinese,quello iraqeno, pur avvenendoli oggi sotto i nostri occhi!
    Vergogniamoci!

  • mat612000

    Potrebbero anche organizzare qualche visita agli H block del carcere di Maze in Ulster dove furono lasciati morire di fame Bobby Sands e gli altri guerriglieri dell’IRA…ah già…il carcere è stato raso al suolo da alcuni anni…meglio non lasciare in giro tracce…