Macron in Russia in cerca di soluzioni

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Ieri, con un ritardo sulla scaletta di poco più di un’ora, alle 16:30 circa sono iniziati i colloqui tra Vladimir Putin e il presidente francese Macron, volato appositamente a Mosca per l’occasione. Per i leader era il primo incontro di persona da oltre due anni.

Tanta diplomazia tra i due politici durante i colloqui che sono durati ben 5 ore. Putin ha riconosciuto a Macron gli sforzi che sta facendo per risolvere la crisi ucraina, sostenendo che la Russia condivide le stesse preoccupazioni francesi rispetto alla sicurezza mondiale e sottolineando che nessuno vuole una guerra Russia-NATO che non avrebbe vincitori. Successivamente hanno iniziato a confrontarsi circa le soluzioni migliori per arrivare ad una de-escalation.

Al termine, una conferenza stampa in cui Macron ha dichiarato che il colloquio ha “consentito di formulare una serie di proposte sulle quali [ci sono] elementi di convergenza fra la Russia e la Francia” per continuare un negoziato che scongiuri una guerra in Ucraina e ha parlato di “nuovi meccanismi per garantire la stabilità in Europa” cercando “nuove soluzioni” rispetto ai precedenti accordi.

Meno ottimista nei toni Putin che, davanti ai giornalisti, ha si confermato che “alcune idee di Macron, di cui è ancora troppo presto per parlare, potrebbero costituire la base per ulteriori passi sull’Ucraina e la sicurezza in Europa” ma ci ha tento a specificare come bisognerà aspettare l’incontro a Kiev di oggi per capire quanto queste nuove soluzioni prospettate dal primo inquilino dell’Eliseo potrebbero essere accettate dall’Ucraina e ovviamente da NATO e USA.

Putin ha tenuto a specificare che il Cremlino non tollererà l’espansione della NATO a est, invitando i giornalisti francesi presenti a riflettere circa le conseguenze di una guerra che vedrebbe coinvolti tutti i paesi europei, con conseguenze imprevedibili. “Volete che la Francia entri in guerra con la Russia? Ma è così che sarà […] Non ci saranno vincitori”

Terminata la cena con Putin, Macron è volato a Kiev per incontrare il presidente Volodymyr Zelensky. In seguito, come confermato durante la conferenza stampa, i due leader torneranno a parlare al telefono per fare il punto della situazione. Previsto nei prossimi giorni per Macron anche un incontro con Olaf Scholz, cancelliere tedesco, ieri in visita a Washington per incontrare Biden.

Massimo A. Cascone, 08.02.2022

Fonte: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/02/07/la-crisi-ucraina-macron-vola-da-putin-e-scholz-da-biden_566c4cf3-aa27-422b-9f47-ae4066685cd8.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x