Lukashenko rivela i dettagli del piano golpista in Bielorussia

lantidiplomatico.it

Prima di entrare nel merito di quanto reso noto dal presidente della Bielorussia Lukashenko riguardo ai tentativi golpisti orditi contro il suo governo, ricapitoliamo brevemente i fatti: il 17 aprile il presidente bielorusso Lukashenko ha annunciato che il politico di opposizione Grigory Kostusev, l’analista politico Alexander Feduta e l’avvocato Yuri Zenkovich avevano tramato un attentato per ucciderlo insieme ai suoi figli. Ha indicato come mandati dell’operazione i servizi speciali statunitensi e i leader statunitensi. Secondo il capo del KGB bielorusso Ivan Tertel, “i cospiratori avevano pianificato un colpo di Stato per quest’estate, giugno o luglio”.

Secondo Lukashenko, come riporta l’agenzia BELTA, i cospiratori avevano preparato diversi scenari. Inizialmente, avevano pianificato di eliminare il presidente alla parata del 9 maggio. Tuttavia, è difficile immaginare come questo piano potesse essere implementato in Bielorussia, quindi hanno abbandonato l’idea iniziale. Dunque hanno pianificato di lanciare un attacco al corteo presidenziale. Per questo hanno persino acquistato lanciagranate e li hanno portati in Bielorussia. Tuttavia anche questo scenario è apparso di difficile realizzazione a causa delle misure di sicurezza quindi hanno immaginato un terzo scenario. Un attacco armato alla residenza di campagna del presidente. Per questo obiettivo sarebbero state stanziate cifre ingenti, che comprendevano anche l’ingaggio di un cecchino per colpire il presidente.

Lukashenko ha rivelato che tra i cospiratori c’era un membro dei servizi speciali che si spacciava per un ‘generale ribelle dell’esercito’. In realtà «era il nostro agente. Ha fatto un ottimo lavoro. Apprezzo quello che ha fatto. Ci ha aiutato molto, un ragazzo coraggioso. Volevano aizzare una rivolta nell’esercito attraverso di lui».

Tra i protagonisti di questo golpe sventato c’è il cittadino bielorusso Alexander Feduta. A tal proposito Lukashenko ha affermato: «Conosco Feduta: è un traditore. Faceva parte della squadra dell’attuale presidente. Vyacheslav Frantsevich [Kebich] lo ha infiltrato nella mia squadra per sapere cosa stavo facendo. Che tipo di squadra avevo allora? C’erano solo cinque persone. Mentre era nella mia squadra ha informato la squadra di Kebich. Certo, la notizia che Feduta è un rivoluzionario mi ha fatto ridere. Dagli qualche soldo in più e si dimenticherà della rivoluzione. Ovviamente non commetterebbe atti terroristici, non ucciderebbe il presidente, i suoi figli e così via. Tuttavia, diamo credito a lui: non è uno sciocco, e l’hanno ingaggiato. Probabilmente non è l’unico. Questi sono gli informatori. Con l’aiuto di queste persone, che non sono stupide, hanno raccolto informazioni, analizzato e escogitato opzioni. Volevano applicare uno schema simile ad Anwar Sadat (l’organizzazione di un attacco terroristico in Bielorussia simile all’assassinio dell’ex presidente egiziano Anwar Sadat nel 1981).
Il presidente Lukashenko ha inoltre evidenziato che in Bielorussia avevano pianificato di usare l’esercito usare l’esercito per bloccare Minsk, insieme a unità speciali di polizia e alle forze del Ministero degli affari interni e del KGB. SI tratta di unità che sono armate e quindi mettendole l’una contro l’altra la Bielorussia sarebbe potuta cadere nella «peggiore guerra civile mai esistita».

I cospiratori avevano anche intenzione di scollegare il sistema elettrico di Minsk. Anche il presidente russo Vladimir Putin ha richiamato l’attenzione su questo punto durante i recenti colloqui con la sua controparte bielorussa. In realtà, questo significa che stavano pianificando un attacco informatico al paese. Tale operazione può essere eseguita solo a livello governativo, gli hacker non sono in grado di farlo senza sostegno a questo livello. Uno scenario che abbiamo già visto applicato anche in altre situazione come in Venezuela.

Infine, il presidente Lukashenko, rivela che uno degli obiettivi per cui gli oppositori filo-occidentali ricercano affannosamente di salire al potere in ogni modo è ben chiaro: «Per che cosa? Invitare le truppe della NATO in Bielorussia e dispiegarle al confine orientale vicino a Smolensk. È stato un trampolino di lancio – l’ho sempre detto – per lanciare un attacco alla Russia. È stato il primo passo. Non importa quanto duramente lo neghino, oggi vediamo che è vero. Hanno avuto ciò che si meritavano. Ora sanno che non ci arrenderemo facilmente».

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-lukashenko_rivela_i_dettagli_del_piano_golpista_in_bielorussia_centra_anche_la_nato/8_40953/

Pubblicato il 26.04.2021