Home / ComeDonChisciotte / L'IMMENSO E CRESCENTE IMPATTO DELLA CINA SUL MERCATO DELL'ORO

L'IMMENSO E CRESCENTE IMPATTO DELLA CINA SUL MERCATO DELL'ORO

DI LAWRENCE WILLIAMS
Mineweb

Sembrano esserci pochi dubbi sul fatto che la forza economica della Cina possa portarla a dominare i movimenti del prezzo dell’oro nel prossimo futuro.

Ci sono pochi dubbi sul fatto che la Cina oggi abbia i muscoli finanziari sufficienti a controllare efficacemente il prezzo mondiale dell’oro. Il semplice sospetto, in un articolo, che essa stia immettendo oro nelle sue riserve ufficiali per bilanciare il declino del dollaro è sufficiente, come minimo, a stabilizzare il prezzo dell’oro – e ci sono pochi dubbi che stia davvero facendo così, ma, per il momento, in un modo che non è pensato per destabilizzare il dollaro, o, d’altra parte, per non contribuire a un grosso salto nella valutazione dell’oro, non ancora almeno.

Ma ci sono anche pochi dubbi che, se volesse destabilizzare il dollaro, la Cina potrebbe
annunciare grossi acquisti di oro per rimpiazzare una buona parte dei suoi trilioni di dollari. E’ un’arma economica che forse è più potente di un’arma nucleare, se la Cina volesse buttare l’America, e l’occidente, economicamente in ginocchio tramite una guerra valutaria. Ma ancora una volta questa non viene vista come un’opzione – o almeno sino a quando il suo mercato nazionale non sarà abbastanza grande da assorbire tutti i prodotti che la Cina può oggi ancora vendere all’occidente.Perciò la Cina è ancora estremamente dipendente dalle esportazioni, dunque la rivalutazione del renminbi [la moneta nazionale, anche detta “yuan”. N.d.t.] non viene vista come un aiuto e il declino del dollaro è preoccupante. Per questo il paese deve muoversi con cautela per mantenere un qualche tipo di equilibrio economico.

Ma, fatto notevole, la Cina sta già esercitando un predominio economico. Ha affermato che le sue organizzazioni finanziarie, principalmente di proprietà statale, avranno il diritto di dichiararsi insolventi per quel che riguarda alcuni dei commerci più dubbi di beni, e relativi derivati finanziari, in cui siano entrate. Questo fatto ha sollevato solo una muta risposta da quelle istituzioni finanziarie che potrebbero risultarne colpite, perchè è il muscolo finanziario cinese che sta iniziando a dare ordini nei circoli finanziari mondiali, non più i potenti USA. Ma ciò potrebbe portare a maggiore sofferenza nei circoli finanziari occidentali e nel già stressato sistema bancario.

Le sue imprese statali sono in una folle fase di massiccio acquisto dei beni occidentali, sia come investimento che, come nel caso del settore minerario, per assicurarsi future risorse strategiche. In uno sforzo, forse consapevole, di placare in molti paesi i sospetti sulle motivazioni cinesi, molti di questi acquisti avvengono tramite partecipazioni minori in aziende occidentali, legate a contratti di fornitura a lungo termine.

Ma torniamo all’oro. Abbiamo riferito qui che un alto funzionario cinese ha praticamente ammesso che la Cina stava comprando oro, ma in un modo che era designato per mantenere quanto meno un ragionevole grado di stabilità nei mercati e non scuotere la nave dell’oro. Se ciò è vero, e ci sono pochi motivi per pensare che non lo sia, allora significherà di fatto che un serio rischio di perdita nell’acquisto dell’oro è basso o inesistente. Ma la Cina può anche controllarne la crescita, dal momento che potrebbe non voler far precipitatare un grosso collasso del dollaro, che sarebbe il probabile esito di una grossa crescita del prezzo dell’oro.

Abbiamo anche riferito, in un articolo che si è molto diffuso su internet ed è stato ripreso da molti altri commentatori (China pushes silver and gold investment to the masses), che le organizzazioni statali cinesi, stanno facendo pubblicità, come si trattasse di sapone in polvere, presso la popolazione (che è già nella mentalità di acquisto dell’oro) all’idea di comprare oro e argento. Come risultato, quest’anno o il prossimo, la Cina probabilmente supererà l’India come maggiore acquirente di metalli preziosi. La Cina dà anche appoggio
all’industria aurifera mineraria nazionale: la Cina è attualmente il più grande produttore mondiale di oro, ed è un paese in cui la produzione continua a salire. Gli acquisti nazionali di oro in Cina sono cresciuti del 14% annuale nella prima metà di quest’anno, sino a 446.6 tonnellate, e gli analisti industriali si aspettano una crescita a due cifre anche nella seconda metà, pure con l’oro sopra i 1000$ [l’oncia n.d.t.].

Anche ciò fornisce un appoggio massiccio al mantenimento dei prezzi dell’oro almeno ai livelli attuali. Sembra che gli acquisti siano riniziati a ogni calo dell’oro, e il sospetto è che ciò fosse dovuto ai cinesi, anche se gli acquirenti sono ben nascosti ed è difficile, se non impossibile, individuare la fonte degli acquisti.

Al momento l’oro sembra mantenersi vicino al livello dei 1000$ nonostante l’enorme percezione psicologica di guadagno che compare a questi livelli. Il sospetto è che la Cina potrebbe voler vedere l’oro a 1000$, o giù di lì, come una nuova soglia, ma è improbabile che vi sia un qualche riconoscimento ufficiale di ciò, e dovremo aspettare a vedere se il presunto sostegno cinese al mercato è reale o è un altro sogno dei fanatici dell’oro.

Titolo originale: “China’s immense, and growing, impact on the global gold market”

Fonte: http://mineweb.co.za/
Link
11.09.2009

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ALCENERO

Pubblicato da Das schloss

  • LucaV

    In gold we trust.

  • alez

    sembra il momento giusto per sferrare l’unico attacco di cui al potere fotta qualcosa:
    il dollaro

    già Obama ha dovuto rinunciare allo scudo missilistico, non perché pacifista (chiedere ai civili afghani, please) ma perché in bolletta

    meno soldi -> meno casini, anche per i finanziariamente dipendentissimi israeliani

    basta manifestazioni, petizioni, manganellate: bisogna colpire dove sono deboli, nello stesso tempo tutelandoci (il nostro tempo è prezioso, le nostre teste anche)

    i dollari vengoni creati dal nulla pigiando “invio” sul pici della FED.
    finché i cinesi non si incazzano troppo, funziona, e di fatto la FED deruba miliardi di cittadini cinesi e americani e di tutto il mondo, attraverso l’inflazione

    coi preziosi, oro e argento, il giochetto non riesce.

    l’oro può essere un problema, ma nessuno sa con esattezza quante riserve clandestine ancora abbiano gli americani: dopo la 2 guerra mondiale hanno rubato ai giapponesi decine di migliaia di tonnellate di oro, oro che a loro volta i jap avevano razziato per 50 anni in tutta l’Asia (fonte: Sterling & Peggy Seagrave – Gold Warriors, america secret recocvery of Yamashita’s gold)

    sicuramente sono invece strettissimi sull’argento, che faticano sempre più a tenere “basso” mediante il controllo del COMEX, con giagantesce posizioni future (impegno di consegna futura) scoperte.

    il pacifista “operativo”, stufo cioè nella migliore delle ipotesi di perdere tempo, nella peggiore di prendere manganellate o farsi spiaccicare dai buldozer sionisti, sappia che si può far saltare il COMEX (mercato future NewYork) con relativamente poco:
    100 milioni di once, e salta tutto: COMEX, dollaro, banche, finanziamenti ai guerrafondai.

    Una monete da un’ oncia di argento (dollaro eagle, maple leaf Canada, philarmoniker Austria, liberdad Messico) costa meno di 20 euri, sempre che ne troviate.
    La 500 lire argento costa sui 3 euri e mezzo, sempre che ne troviate.

    “Bastano” 100 milioni di pacifisti che comprano una moneta…

    vogliamo iniziare e vincere qualche partita?

  • LucaV

    Io ne compro più di una!

  • ericvonmaan

    Ricordiamo che la Cina sta convertendo piano piano le sue riserve in dollari in “beni reali”, l’oro è solo uno di questi: sta acquistando metalli di ogni tipo, materie prime, petrolio, gas, terre agricole in Africa, partecipazioni in aziende multinazionali ecc ecc. in maniera da poter disporre di un salvadanaio di beni immediatamente utilizzabili e scambiabili e non solo carta straccia.
    E’ quello che facciamo anche noi poveri peones quando acquistiamo un appartamento da affittare, o un pezzo di terra, convertendo i numerini scritti sul nostro conto corrente in un bene che possa mantenere un valore instrinseco nel tempo in barba ai giochetti delle banche e di chi controlla la sovranità monetaria.
    Gli adoratori dell’oro (sembra quasi una setta religiosa…) non si strappino i capelli dalla testa, nessun governante con un minimo di intelligenza sta pensando a un ritorno al gold standard… che poi non è nemmeno mai esistito nel vero senso della parola.

  • alez

    ovviamente nessun governante (che in quanto tale è per definizione più intelligente o quantomeno piu’ spregiudicato del “parco buoi”) vuole un gold standard,
    poiché comporta vincoli di bilancio che impongno

    1) di tagliare la spesa pubblica
    2) aumentare le tasse

    e cioè, a fronte di una stabilità e prosperità negli anni del suo paese,
    uno sputtanamento immediato e una sicura non rielezione,
    nonché un immediato incazzamento della casta finanziaria mondiale con conseguenze poco simpatiche

    molto meglio farsi rieleggere, tanto il cittadino non si accorgr che con l’inflazione stanno inculando lui, figli, nipoti e pronipoti

  • LucaV

    QUOTO! Ma quale setta! Voi ed il signoraggio alla pascucci siete una setta (di cazzate!). E più glielo spieghi al popolino e più da un orecchio gli entra e dall’altro gli esce. E poi si lamentano che vengono inculati…! Fate ride!

  • LucaV

    Ricompriamoci l’oro che ci hanno confiscato con la forza! Oggi vale oltre 1000 dollari l’oncia (alla faccia di chi dice che l’oro non vale nulla). L’oro è l’unico bene rifugio (proprio l’unico no, ci sono anche i diamanti) contro la confisca del valore del proprio lavoro (NON DELLA CARTA STRACCIA). Chi ha dei soldi da mettere da parte li metta lì! Almeno un 20% dei risparmi (chi può!) deve andare lì! Altro che piani pensionistici, assicurazioni e fondi comuni! Alla faccia di Benettazzo (è lui il vero debunker!)

  • gamma5

    Caro LucaV spiegare e illudersi che qualcuno comprenda il problema (errato) del signoraggio almeno per come viene inteso in questa parrocchia che è diventata CDC, come ho già avuto modo di dirti è una battaglia persa…i concetti sono semplici da capire ma popolino siamo e da popolino giustamente dobbiamo essere trattati da lor signori.

    http://www.usemlab.com/index.php?option=com_content&view=article&id=374:il-falso-problema-del-signoraggio&catid=21:scuola-austriaca-di-economia&Itemid=51

  • gamma5

    A questo punto dopo alcune sue affermazioni credo anch’io che il vero debunker sia lui

  • vic

    Vogliamo mettere in difficolta’ le banche centrali?

    M’e’ appena venuta la brillante idea.

    Allora? Farsi pagare lo stipendio in oro!

    Da un rapido sondaggio, la microcriminalita’ di quartiere e’ gia’ entusiasta dell’idea.
    Pure i fabbricanti di materazzi sarebbero pronti a sponsorizzarla, a patto che possano mandare in onda dei piccoli spot pubblicitari sui nuovi materazzi a doppia fodera rinforzata per accogliere i lingottini e le monete d’oro. I naturopati sono entusiasti poiche’ l’oro ha la proprieta’ di ripartire in modo equanime il calore corporeo, in particolare allevierebbe i dolori dorsali di cui soffrono cosi’ tanti concittadini.

    Nel caso in cui l’Italia con l’andar del tempo sia stracolma d’oro, le ferrovie di stato si dichiarano disposte a dialogare sul rinnovo delle linee aeree, avendo constatato che se le facessero d’oro, recupererebbero un’ingente quantita’ di energia che ora va stupidamente persa in calore atmosferico. Anche i verdi vedono la proposta di buon occhio proprio per questo motivo.
    A dir la verita’ le ferrovie di stato avevano fatto un pensierino all’argento, ma ora loro dicono oro: non c’e’ paragone in quanto a conducibilita’ elettrica, a resistenza agli agenti chimici atmosferici, eccetera, eccetera: l’oro non teme concorrenza!

    Anche su questa proposta sia n’drangeta che mafia sono estremamente entusiaste e sono disposte a patteggiare col governo i regolamenti d’ingaggio riguardanti gli eventuali appalti.

    Le solite malelingue male informate fan gia’ girar la voce che il governo in realta’ vuol mettere in cantiere il progetto del XXII secolo: il ponte di Messina tutto d’oro! La verita’ e’ che si tratta di illazioni premature. Si aspetta lo studio di fattibilita’ strutturale. Molti ingegneri civili non se la sentono di proporre cavi d’oro in quanto i test a loro conoscenza sono troppo antichi. Il piu’ pesante cavo in oro venne trovato appeso al naso di un nobile guerriero preincaico. Data la geometria particolare a ponte rovesciato non puo’ far testo.
    Semmai se ne riparlera’ fra qualche decennio.

    Sonni beati e tranquilli a tutti, possibilmente sugli ori

  • maumau1

    Benettazzo è funzionale al sistema ,fa un pò come Grillo nel senso che non spiega come funziona la sovranità monetaria usurpata..parla si di signoraggio ma non trae le conclusioni,non dice che i banchieri dovrebbero essere arrestati(come prevedeva la legge fino al 2006 per alto tradimento ed usurpazione di sovranità monetaria) ed i beni sequestrati e annullare il debito..in quanto non dovuto avendo pagato con carta stampata dal nullo ottenendo in cambio titoli di stato!

  • maumau1

    è vero che nessun paese vorrà riagganciarsi all’oro ma non perchè no n sarebbe giusto ma perchè cosi’ non si possono moltiplicare i profitti..

    a dire il vero però funziona al contrario…vedo che ancora sfugge eppure è semplice..
    la Fed ha convertito tutti i suoi enormi guadagni in oro…quindi agli altri rifila carta straccia dollari e titoli finti ed essa coi guadagni e con Wall street
    compra beni fisici,l’oro in primis ,non per nulla la Fed anche solo ufficialmente è il più grande detentore di oro al mondo..senza contare che le riserve vere saranno 10volte quelle dichiarate..ossia si viaggia sulle 100mila tonnellate (11mila quelle dichiarate!!)fatte da razzie di ogni genere..in Europa,Giappone e soprattutto Africa dove milizie addestrate sfollano interi territori per estrarre oro…e senza immetterlo nel mercato finisce nelle casse della Fed..
    Perchè la Fed avrebbe dovuto compare la più grande quantità di oro al mondo?
    Semplice perchè la finanza serve come moltiplicatore di carta straccia,una leva(datemi una leva e solleverò il mondo..!)e poi però bisognerà trasformare la carta straccia in oro(chi è che diceva che l’opera alchemica era una bufala?) o altri beni solidi ed inattaccabili,asset etc..
    l’oro è quello più inattacabile…

    Quindi anche se domani crollasse la moneta dollaro oppure se il mondo si dovesse mettere d’accordo su una nuova moneta chi deciderebbe quanto darne a chi…più oro hai più denaro ti spetta,tutto qui…
    E la Fed o meglio i suoi azionisti che sono banche anche quando fosse svelato l’usurpazione di sovranità o il signoraggio all’intero popolo,loro potrebbero sempre dire,vabbè la carta straccia,ma noi abbiamo le più grandi riserve di oro,quindi siamo sempre noi i più ricchi…a chi se non a noi chiedere i finanziamenti degli stati,anche se con banche centrali?

    Diciamo che si sono parati il culo alla grande..hanno già previsto che prima o poi il trucco sarà scoperto e quindi non hanno accumulato carta straccia,ma l’hanno convertita in oro…e quell’oro visto che è stato preso con debito pubblico e signoraggio dai popoli in vero non è suo.
    Ma Trichet è stato chiaro l’oro di banchitalia che tremonti voleva tassare,ha detto,non è dell’Italia ma di una banca privata appunto!
    ormai il passaggio di proprietà per il tramite di carta straccia è avvenuto e senza una vera rivoluzione anche se crollasse la moneta le grandi famiglie che comandano il mondo lo continuerebbero a fare..
    Come diceva Celine,quando pensi che ti hanno fregato di mezzo metro di hanno già fregato di 2 metri.

  • maumau1

    sul potere di acquisto dell’oro nel tempo(non ha senso parlare di valore se non in relazione a beni primari che si possono acquistare):

    1)nell’800 ammettiamo un oncia d’oro costasse circa 10dollari..tu con quei 10dollari o con un oncia d’oro compravi un carretto di cibo.
    negli ultimi anni un oncia d’oro costava dai 600 ai 1000dollari ,e quindi con la stessa oncia d’oro riesci a comprare diciamo un suv (moderno carro)pieno di cibo.
    quindi l’oro ha mantenuto il suo potere di acquisto(con un oncia sia nell’800 che oggi compri un carro di cibo) ma il dollaro,o qualsiasi altra moneta,no ,infatti mentre con 10dollari nell’800 compravi un carretto di cibo
    oggi con 10dollari di cibo ne compri mezza busta..
    Quindi l’oro nella peggiore delle ipotesi mantiene il potere d’acquisto nel tempo…e spesso lo aumenta..

    2)Lo stesso ragionamento può ripetersi per ogni periodo storico alti e bassi ma sempre mantiene il potere d’acquisto,niente a che vedere con la moneta..che è legata ai debiti pubblici e quindi siccome i debiti pubblici salgono sempre perchè legati agli interessi che esigono le banche centrali private,il valore della moneta scende per forza..
    E questo ha poco a che fare con l’inflazione che è invece legato a quanto denarto in più circola rispetto al PIL.

    Quindi l’oro ed anche l’argento(sottoprezzato essendone solo 10volte più dell’oro ma invece di avere 1/10 del prezzo dell’oro ,ha 1/50 e quindi destinato a salire..) sono naturalmente beni rifugio perchè mantengono ed in certi periodi aumentano il potere di acquisto di beni .

    3)in tutte le crisi finanziarie per uscirne si è ristabilito il gold standard (come avvenne dopo la crisi del 29)per poi allontanarsene dopo aver rimesso i conti apposta…questa volta potrebbe avvenire la stessa cosa..e la Fed non si farà trovare impreparata…

    4)Ricordo che il USA durante la crisi del 29 fu resa illegale la tesaurizzazione ,ossia l’accumulo o detenzione di oro e argento in qualsiasi quantità,essa doveva essere venduta allo stato a prezzo stabilito,nè poteva essere portato all’estero…ammenochè non fossero gioielli od alcuni particolari monete(numismatica) non ad oro puro e solo in piccole quantità!Questo perchè si stava preparando la reintroduzione del gold standard per resettare la moneta secondo appunto gli standard dell’oro,ossia stampi denaro in base all’oro che hai.
    Pochi sanno che si in Italia fu la stessa cosa ma con un eccezione ogni cittadino poteva avere lingotti del peso massimo di 100grammi,quindi lingotti di peso superiore è sconsigliato detenere in tempi di possibile di riattivazione del Gold Standard..

    qui una interessante discussione sulla proprietà dell’oro
    http://wapedia.mobi/it/Tesaurizzazione

    ciao

  • vic

    Fila come l’olio il ragionamento.

    Perche’ non ne fai una comoda versione illustrata a fumetti da distribuire ad ogni famiglia?
    Ronald Reagan se le faceva spiegare cosi’ le faccende complicate.

    Domandina puntuale, giusto per curiosita’: da che fonte si sa’ delle famose 100mila t della FED?

    Comincio a credere a quelli che dicono che la terra ogni tanto si capovolge. Se quelli van avanti ad immagazzinare oro a Fort Knox, con tutto quel peso, finiamo davvero a gambe all’aria!

    Salutino

  • vic

    Pero’ resta da capire se i fantastiliardi stanziati dall’amministrazione Obama in favore di Wall Street e di Detroit siano veramente coperti dall’oro (dimenticando le varie guerricciole)!

    In quel caso i Cinesi non avrebbero di che preoccuparsi. Invece sembrano preoccuparsi!
    Come la mettiamo?

    Saluto

  • ericvonmaan

    Vallo a spiegare a quelli che “il signoraggio non esiste” dove hanno preso i soldi questi signori per comprarsi tutto quest’oro (e tanto altro).

  • LucaV

    Nel castello di carta c’è pure lui…ci lavora!

  • LucaV

    Invece con la carta straccia non ti entrano in casa e ti picchiano vero?

  • LucaV

    Bene su Benettazzo, ma la storia dei bilanci della BC è fuorviante al vero problema!!!! E cioè che la moneta dovrebbe essere sana e non inflazionabile…e cioè non la dovrebbe stampare (o creare) nessuno, né banca né stato!

  • LucaV

    Il signoraggio esiste ma non come lo intendi tu (e Pascucci)!

  • LucaV

    Io posso anche accumulare 10 tonnellate d’oro…ma poi stampo denaro di carta in quantità megagalattica…bene fai una semplice divisione e vedi quanto vale ogni singolo dollaro in circolazione rispetto all’oro in cassa. 0.0000000000000000000000000……..000000000…..00001 grammi d’oro (un oncia è molto di più)! Cioè nulla!
    Ecco perchè la Cina accumula oro! Perchè sa che quei titoli di stato usa non valgono un fico secco!

  • vic

    Grazie della divisione, effettivamente avevo problemi a dividere per 4 fantastiliardi

    Corre voce che certi ambienti matematici vogliano lanciare i numeri virtuali.
    A differenza dei reali che sono su una retta, quelli virtuali nessuno sa dove siano.
    Per intanto si stanno accapigliando su un dettaglio: a chi rifilare lo zero, anzi gli zeri. Nessuno li vuole, specialmente se seguono una misera virgola!

  • vic

    Guarda che e’ una proposta seria, incartata in carta satirica!

    Quanti paesi possono permetterselo? Eppure una volta era la regola (o quasi).

  • ericvonmaan

    Volevo solo dire che il famoso link che spesso indicate come prova assoluta che “il signoraggio non esiste” è pieno di assunti privi di fondamento e di tesi del tutto criticabili, non lo penso solo io ma parecchi grandi economisti ed intellettuali molto al di sopra di me e di voi. La verità sotto gli occhi di tutti è che detenere il controllo delle banche centrali e delle politiche monetarie è SI un enorme business, e non solo, ma la principale leva di potere del mondo. Ecco perchè le rapaci oligarchie se lo tengono strettissimo in mano, ed ecco perchè sarebbe giusto ed etico che tale potere, capace più di qualsiasi altra cosa al mondo di plasmare le sorti del mondo e di noi poveri peones attraverso bolle speculative, crisi, depressioni, politiche fiscali e finanziarie, leggi ingiuste, e soprattutto GUERRE…non fosse in mano a queste persone ma ad organismi PUBBLICI controllabili dal popolo attraverso il voto democratico, ed orientati non più al profitto ma al benessere sociale e all’equilibrata crescita economica.

  • gamma5

    LucaV ascoltami, inutile che ti sforzi in tutti i modi di forglielo capire…NOOOOO NON CI ARRIVANO