Home / ComeDonChisciotte / L'ESILARANTE APPELLO DI UNO SPECULATORE

L'ESILARANTE APPELLO DI UNO SPECULATORE

DI MARIO
Pensare in Profondo

E’ un periodo che se uno ha voglia di mettersi lì a sottilizzare sulle “prese per il culo” (per i fondelli, per gli amanti della prosa politicamente corretta), dei dinosauri che governano a vario titolo le nostre esistenze, non ha che l’imbarazzo della scelta.

Partiamo con l’indefesso capo dello stato Giorgio Napolitano il quale, dopo averci fatto sapere che posticipava le vacanze di una settimana, ci toglie un peso dallo stomaco raccontandoci che non si farà rivalutare lo stipendio sulla base dell’indice ISTAT (così ho scoperto che la scala mobile per qualcuno continua ad esistere, e temo non sia il solo). Una botta di circa 70 euro al mese.
Pensavo se lo tagliasse lo stipendio, della metà (per esempio) considerato che lo stesso gode anche di una pensione da parlamentare.

Continuiamo con tale Debora Serracchiani (nella foto) la quale, questa mattina, macinava parole in quantità industriale sulle liberalizzazioni e cosette così, facendo presagire che quella è la medicina per rilanciare il paese. Nel corso della conversazione la stessa ci ha raccontato che è laureata in legge e di mestiere fa l’avvocato. Su questo argomento le questioni che colgo sono due:

1- che vantaggi hanno portato, per noi, le liberalizzazioni in tema di energia (gas e luce), ad esempio? Avere diverse compagnie che distribuiscono la benzina ha evitato cartelli evidenti facendosi un semplice giro tra i distributori? Ha semplificato la lettura di una bolletta?

Certo, risparmiamo sulle aspirine qualche centesimo. Ma qual’è il peso dei diversi prodotti per il portafoglio di una famiglia media?

2- se deve liberalizzare qualcosa perché non inizia dalla sua professione, prosegue con quella dei notai e dei dottori commercialisti? Nel mezzo, magari, ci mette una qualche proposta di legge per abolire gabelle come sono ad esempio quella del passaggio di proprietà di una vettura?

Potrei continuare ma già così ho una botta di tristezza.

Il top però è questo tizio, tale Agostini. Uno di quei cervelli fuggiti all’estero che fa un mestiere nobile : gestore di un fondo obbligazionario (da quel che si capisce).
Questo tomo ha scritto una lettera a mezzo mondo, ed uno gli ha dato pure retta dedicandogli un post su un blog pubblicato dalla Stampa.

Cosa dice il nostro eroe?

«le persone come me, che gestiscono le pensioni dei cittadini (anche italiani), non credono che la politica italiana abbia la capacità di risolvere i problemi del paese, con la conseguenza che, facendo gli interessi dei nostri clienti, ci troviamo costretti a vendere posizioni aperte sull’Italia, contribuendo così al profondo rosso dei mercati». Agostini chiede riforme del sistema impositivo, «di quello redistributivo e l’utilizzo di risorse volte alla crescita del paese. In altre parole un nuovo risorgimento».

In sostanza, mentre piange calde lacrime mandandoci dal cxxo con i suoi attacchi speculativi ( o come dobbiamo chiamarli?) perché costretto, fa un appello alla nazione per un nuovo risorgimento chiedendo tutte le cose che scrive in modo molto generico.

Sono basito. E’ come se per gente così il tempo della resa dei conti non giungesse mai. Continuano a fare i loro danni con la loro retorica verbosa, buona per i polli d’allevamento, non avendo che come orizzonte un tragico mantenimento delle posizioni di rendita acquisite nel corso degli anni.

Siamo messi così. Con uno che si riduce la pensione di 70 euro al mese, un’altra che parla di liberalizzare robe che nessuno capisce e che mai, guardando pragmaticamente al portafoglio, producono risultati tangibili ed un terzo che, facendo soldi a palate scommettendo sulle nostre disgrazie, chiede un nuovo risorgimento a cui i poveracci dovrebbero impiccarsi. Come se fosse una novità.

Stasera tocca al sommo maestro, un miliardario settantenne arrapato che dovrebbe toglierci dai guai con un discorso alla nazione.

Per fortuna vanno in vacanza tutti fino al 12 di Settembre, ed ho la sensazione che non sarà un grave danno.

Mario
Fonte: http://pensareinprofondo.blogspot.com
Link: http://pensareinprofondo.blogspot.com/2011/08/lesilarante-appello-di-uno-speculatore.html
3.08.2011

Pubblicato da Davide

  • Pellegrino

    già, l’ho vista pure io la Serracchiani stamattina ..starnazzava …”bisogna fare quello che dice Draghi” … “lo chiedono i mercati!!” …fatemi capire, ma chi li ha eletti “i Mercati” (e Draghi??) e da quando bisogna fare quello che chiedono “i Mercati”… ma non gli sembrano un tantino superate le teorie di Adam Smith?? o è quella stessa “mano invisibile” che paga il partito della Serracchiani??

  • wld

    Cordialissimo Signor Mario,
    Condivido la sua lucidissima analisi, rimango basito pure io difronte a una così palese presa per il sedere, ma si sa la vergogna ormai non è più di moda, anzi, si credono scaltri di poter bluffare ad oltranza, come ad esempio posticipando l’intervento alle camere del grande imbonitore, aspettando la chiusura delle borse. No’ non sarà un grave danno, se oltre il 12 settembre se ne andassero tutti, liberandoci della loro ingombrante e costosa presenza.
    Cordialmente, wlady

  • buran

    Sono stato ieri al Mercato delle Cascine, ma non ho sentito chiedere nulla nè dagli ambulanti nè dagli acquirenti, e Draghi nemmeno sapevano chi fosse…

  • Tao

    materialeresistente ha scritto:

    l’indefesso capo dello stato Giorgio Napolitano

    Indefesso ed efficiente, mi pregio di sottolineare.

    Tonguessey

  • illupodeicieli

    L’articolo, condivisibile , ripete cose che si sanno da anni: sarebbe una cosa buona, a mio parere, continuare l’elenco di cose che si dovrebbero e potrebbero fare. Come tutti sappiamo ci sono cose che hanno un iter lungo, altre che non possono avere valore retroattivo (come il vitalizio per i parlamentari): in sostanza si può e si deve diffondere e far sapere, ma con la mente che già lavora o ipotizza su cosa si può fare subito e cosa richiede un intervento diverso. Aggiungo al discorso liberalizzazioni la proposta di legge per l’ordine dei giornalisti, la richiesta di laurea almeno triennale, la prova di cultura generale,la conoscenza del codice deontologico: eppure mi pareva che si volesse permettere a tutti di poter scrivere… Per ciò che ha scritto Pellegrino: per tirarti sù il morale quelle frasi che tu hai scritto sono di prodiana memoria, momento in cui il predecessore di Napolitano invitava gli imprenditori italiani, i capitani d’industria, a investire in Cina. Da riferire ai ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado: il presidente (in piedi ! quando pronuncio il suo nome!) Carlo Azeglio Ciampi, non ha detto di investire e creare posti di lavoro in Italia (e si spera e ci si augura con stipendi ben retribuiti):ma dice di andare in Cina. Parole simili a quelli di Prodi furono pronunciate anche da Silvio Berlusconi: anche per lui avevamo e abbiamo degli obblighi verso l’Ue. Da precisare ancora che i pennivendoli non si azzardano a chiedere chiarimenti agli intervistati e in caso di diniego e di fuga o chiusura arbitraria del collegamento, se ne guardano bene da commentare e approfondire loro stessi gli argomenti in questione. Eppure noi stiamo dimostrando che basta poco per far uscire le persone, false, allo scoperto. Ricordiamo quando quel presidente amico dei cinesi ci dicevano che non eravamo flessibili, che non ci volevamo sacrificare: come oggi che alla badante diamo oltre mille euro + vitto e alloggio e diciamo sempre che “sono lavori che noi italiani rifiutiamo”. Allora ,e il blog mi è testimone, dicevo che occorre restituire potere d’acquisto agli stipendi: da allora non è cambiato niente, solo che chi chiedeva sacrifici è ancora al proprio posto e siccome siamo in Europa e dobbiamo sottostare alle sue leggi, ci sentiamo ancora oggi ripetere che “stiamo facendo il possibile ma è un momento di crisi globale”. Eppure mi pare che in Veneto i consiglieri regionali ,a fine anno , si sono aumentati gli stipendi: idem alcuni anni fa i consiglieri della provincia di Nuoro (salvo errore). Nessuno che dimezzi e tutti che adeguano e che,in caso di critica o di osservazione, ripetono che “è la legge che adegua gli stipendi”: come una volta si diceva per l’Europa. E’ lei che ce lo chiede e noi non diciamo di no.

  • consulfin

    voto per la seconda ipotesi
    D’altronde a chi è stata rilasciata la tessera numero Uno?