Le turbolenze continueranno fino a quando non emergerà un ordine globale modificato

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

di Alastair Crooke
geopolitica.ru

L’Ucraina si è trasformata, inaspettatamente, dal punto di vista di Washington da “utile distrazione” a “il dilemma di Biden”.

“Cosa faremo se l’Occidente non ascolta la ragione?”, ha osservato Sergei Lavrov. “Beh, il presidente della Russia ha già detto ‘cosa’ [farà]”. “Se i nostri tentativi di venire a patti su principi reciprocamente accettabili di garantire la sicurezza in Europa non dovessero produrre il risultato sperato, adotteremo misure di risposta. Alla domanda diretta su quali potrebbero essere queste misure, [Putin] ha detto: potrebbero venire in tutte le forme e dimensioni”. La Russia aveva precedentemente annunciato che, in assenza di una risposta occidentale soddisfacente, avrebbe messo da parte il linguaggio della diplomazia e avrebbe fatto ricorso a misure “militari-tecniche” non specificate, aumentando progressivamente il dolore per la NATO e gli Stati Uniti.

È improbabile che Mosca abbia mai avuto grandi illusioni sul suo ultimatum “non ultimatum”. I documenti non hanno mai avuto lo scopo di “attirare” l’Occidente in negoziati ad aeternam. Il punto è che Mosca aveva già deciso di rompere in maniera fondamentale con l’Occidente. Quello che sta succedendo oggi è la manifestazione di quella decisione precedente.

Il nocciolo delle lamentele della Russia sull’erosione della sicurezza ha poco a che fare con l’Ucraina in sé, ma sono radicate nell’ossessione dei falchi di Washington per la Russia e nel loro desiderio di ridurre Putin (e la Russia) a misura, un obiettivo che è stato il segno distintivo della politica statunitense sin dagli anni di Eltsin. La cricca di Victoria Nuland non avrebbe mai potuto accettare che la Russia diventasse una potenza significativa in Europa, forse eclissando il controllo degli Stati Uniti su quest’ultima.

Se non erano intese come base per i negoziati, di cosa trattavano allora le bozze di trattato della Russia? Sembra che parlassero di Russia e Cina che scendevano dal recinto. Questo è molto più importante di quanto molti apprezzino. Segna l’inizio di un periodo di crescenti tensioni (e forse scontri), fino a quando non emergerà un Ordine Globale modificato.

I “non ultimatum” avevano principalmente lo scopo di far emergere, ed esplicitare nella sfera pubblica, il rifiuto dell’America di ammettere la validità del punto di vista di Mosca secondo cui i propri interessi di sicurezza non sono meno significativi di quelli di Ucraina e Georgia; che gli interessi di sicurezza di uno Stato non possono essere accresciuti a spese di un altro (cioè l’indivisibilità della sicurezza).

Renderlo chiaro a tutti è una condizione necessaria per un passaggio congiunto Russia-Cina a “misure tecnico-militari” coordinate. Sembra che poco dopo il ritorno di Putin dalle sue consultazioni con il presidente Xi in Cina, potremmo iniziare a vedere quali potrebbero essere queste misure tecnico-militari. Il calcolo russo è che nel periodo che precede il midterm del novembre ‘22, la parte statunitense sarà sempre più nervosa e internamente vulnerabile. Il Team Biden non ha una risposta convincente alla domanda posta dall’elettorato: “Allora, cosa avete capito bene quest’anno?” E quindi Biden ha un disperato bisogno di una distrazione dalla sua incapacità di dare una risposta adeguata.

L’Ucraina si è trasformata – inaspettatamente – dal punto di vista di Washington da “utile distrazione” a diventare il dilemma di Biden. Inizialmente, si pensava che un’importante campagna di guerra di informazioni su una scala senza precedenti creasse un motivo per l’Europa e l’America per imporre “Sanzioni inferno” che avrebbero pagato le presunte ambizioni di Putin in Europa e oltre.

Questa manovra apocalittica delle sanzioni ha le sue radici nell’era del 2014, quando si riteneva (erroneamente) che le sanzioni della Crimea fossero così totalmente catastrofiche per la Russia che il futuro di Putin sarebbe stato in bilico, portando con se la possibilità che potesse essere estromesso dalla politica dagli oligarchi pro-occidentali (questa è stata l’analisi errata data ad Angela Merkel dai suoi stessi servizi di intelligence).

Era sbagliato: nel 2014, la Russia ha vissuto solo una lieve recessione (-2,2%) e, in effetti, la sua economia si è rivelata notevolmente a prova di sanzioni, in parte a causa del fatto che il rublo “galleggia”. Questo vecchio meme secondo cui le sanzioni sono la “bomba al neutrone” per Putin è stato lavato, risciacquato e ripetuto da quegli (stessi vecchi) falchi russi, anche se l’economia russa è molto più a prova di sanzioni oggi di quanto non fosse nel 2014. La storia di “Sanzioni dall’inferno” non ha mai resistito; non è credibile.

Forse la frenesia dell’“imminente invasione” è stata ritenuta dai falchi che sembrano essersi impadroniti della “narrativa di guerra” di Washington, sufficiente per spingere Putin all’azione militare, innescando questa “Madre di tutte le sanzioni”, o almeno per il momento, un umiliante ridimensionamento delle forze russe adiacenti al confine con l’Ucraina.

Entrambi i risultati sarebbero stati facilmente presentati come un “Biden duro” che affronta con successo Putin e lo umilia. In precedenza, i think tank statunitensi avevano previsto ottimisticamente che Putin sarebbe stato dannato se lo avesse fatto e dannato se non avesse agito sull’Ucraina. Si erano sbagliati. In sostanza, la Russia non vuole o non ha bisogno dell’Ucraina; non c’è nessun piano per occuparla.

È stato in primo luogo il presidente Zelensky che inaspettatamente non ha cooperato con il piano degli Stati Uniti. Invece di approvare la minaccia di un’imminente invasione russa, ha affermato che i timori di invasione erano esagerati e che il nervosismo era dannoso per gli affari e l’economia. Ai tempi della rivoluzione di Maidan del 2014, la Cina aveva promosso degli investimenti in Ucraina. La stessa cosa oggi: secondo quanto riferito, l’Ucraina è sull’orlo del default del debito e si è rivolta alla Cina in cerca di aiuto.

Questo ha fatto infuriare Washington: Julia Ioffe ha twittato che “la Casa Bianca e i suoi alleati democratici hanno quasi avuto un alterco con il presidente Zelensky. Secondo tre fonti dell’amministrazione e di Hill, il presidente ucraino è a sua volta fastidioso, irritante e addirittura controproducente”. Ciò che è interessante è che il principale lamento di questi commentatori statunitensi è stato che Zelensky non era sufficientemente in sintonia con le correnti e le narrazioni nazionali degli Stati Uniti. C’erano voci di un possibile colpo di Stato guidato dagli Stati Uniti per sostituire Zelensky con un leader più compiacente.

Tuttavia, il meme dell’invasione viene nuovamente lavato, risciacquato e ripetuto. La sua vita continua con una nuova accusa: questa volta la Russia è attivamente impegnata nell’organizzazione di un’operazione sotto “falsa bandiera” che giustificherebbe quindi un’invasione russa. Questo sembrava così improbabile che anche i corrispondenti normalmente compiacenti della Casa Bianca hanno mostrato totale incredulità.

E i problemi di Washington continuavano ad accumularsi: la sessione del Consiglio di sicurezza orchestrata dagli Stati Uniti è stata una débacle per Blinken: le “sanzioni dall’inferno” sono emerse come cembali vuoti che si scontrano, con il timore che le sanzioni avrebbero probabilmente danneggiato l’Europa più che la Russia e che avrebbero persino potuto provocare una crisi finanziaria globale. I rapporti suggeriscono che l’ultimo chiodo è stato piantato dalla Federal Reserve, che ha sostenuto che espellere la Russia da SWIFT era una pessima idea.

E poi, è arrivata la seconda mazzata inaspettata per i Blinken: l’Europa (e la NATO) lungi dall’essere un fronte unito e risoluto di fronte alla Russia, hanno rivelato chiaramente le loro profonde divisioni.

La conferma di Lavrov che le risposte occidentali a Mosca non fornivano basi per il dialogo con gli Stati Uniti o la NATO ha un significato che sembra non essere stato colto. La crisi non riguarda l’Ucraina. Come ha osservato il principale giornalista russo Dmitry Kiselyov: “La scala è molto più grande”. Potrebbe, a lungo termine, definire il futuro dell’Europa così come quello del Medio Oriente.

Sembra che – anche prima che sia noto l’esito del vertice Putin-Xi – la Russia abbia già iniziato a “uscire dal recinto”, il che significa che sia pronta ad aumentare lentamente il dolore per gli Stati Uniti e l’Europa e deliberatamente sulla base del fatto che, se le preoccupazioni della Russia vengono ignorate e respinte, allora anche la Russia ignorerà le “vostre”.

La Russia comprende chiaramente i punti di pressione geopolitici e geoeconomici che controlla. Può vedere che gli Stati Uniti non vogliono aumentare i tassi di interesse, ma dovranno farlo. Può anche vedere che può spingere l’inflazione molto più alta, infliggendo notevoli sofferenze economiche. Può vedere che i prezzi dei generi alimentari sono in aumento, con il potassio bloccato dalla Bielorussia e la Russia che vieta l’esportazione del nitrato d’ammonio.

Le conseguenze per i prezzi dei fertilizzanti – e quindi dei prezzi alimentari europei – sono ovvie, così come la conseguenza dei prezzi spot europei dell’energia, se il gas russo fosse escluso dall’Europa. È così che funziona il dolore economico. L’Occidente sta lentamente scoprendo di non avere punti di pressione contro la Russia (la sua economia è relativamente a prova di sanzioni) e il suo esercito non può competere con quello russo.

In Medio Oriente si sono verificati tranquillamente numerosi sviluppi interessanti: la Russia sta organizzando pattugliamenti aerei congiunti con l’aviazione siriana sul Golan e, sulla scia dei recenti attacchi israeliani al porto di Latakia, la Russia ha stazionato lì le proprie forze (il che significa che Israele deve fermarsi dall’attaccare il porto). Allo stesso modo, Israele si è recentemente lamentato con la Russia del fatto che il suo blocco del sistema di posizionamento globale (GPS) sulla Siria ha influito negativamente sul traffico aereo commerciale israeliano che usa l’aeroporto Ben Gurion. I russi hanno risposto: “Beh, peccato”. E, in un quarto colpo a Israele, la Russia ha iniziato a consentire agli aerei iraniani che trasportavano rifornimenti di armi di atterrare nella grande base russa nella Siria occidentale.

Quindi, un’azione tecnico-militare per bloccare i sorvoli israeliani della Siria? Potrebbe anche essere un preludio alla Russia che consente a Damasco di riprendere il controllo dell’estensione geografica della Siria, consentendo all’esercito arabo siriano di espellere i jihadisti da Idlib e gli americani dalla Siria nord-orientale, dove loro e i loro alleati controllano le risorse energetiche della Siria? L’esodo dei jihadisti (circa due milioni di persone) traumatizzerebbe la politica turca, danneggerebbe le prospettive di rielezione di Erdogan e terrorizzerebbe gli europei con la minaccia di un’altra crisi di migranti rifugiati.

Sembra che la Russia abbia deciso di uscire dalla recinzione anche in altri modi, invitando il nuovo presidente iraniano a Mosca e riservandogli un trattamento completo da celebrità: un pranzo individuale con il presidente Putin, oltre a un raro invito a rivolgersi alla Duma russa. Questo gesto, insieme a rendere l’Iran un membro a pieno titolo della Shanghai Cooperation Organization (SCO) e la recente esercitazione navale congiunta con Iran, Russia e Cina nel Golfo di Oman, indicano la maggiore età dell’Iran negli affari internazionali.

A Washington piace compartimentare le proprie relazioni geopolitiche, credendo di poter essere emolliente in uno, ma altamente aggressiva in un altro. Chiaramente questo non vale più nell’asse Russia-Cina. L’Iran, tuttavia, è in realtà una parte di questo Asse. È possibile ora aspettarsi un accordo JCPOA iraniano con gli Stati Uniti? Sia la Russia che la Cina possono affermare – in modo così esplicito – che la negazione da parte degli Stati Uniti di qualsiasi sovranità di sicurezza alla Russia o alla Cina segna la fine del dialogo con gli Stati Uniti e tuttavia aspettarsi che l’Iran raggiunga un accordo proprio in termini così riduttivi?

Infine, qual è il collegamento (se presente), tra i continui attacchi degli Houthi agli Emirati Arabi Uniti, in risposta all’interferenza diretta di Stati Uniti e Israele nella guerra in Yemen e il progetto di azione tecnico-militare russa?

Il porto di Aden, lo stretto di Bab al-Mandib e l’isola di Socotra rientrano nettamente in una componente vitale dell’accumulo della Guerra Fredda tra Cina e Stati Uniti. L’alleato arabo (in questo caso, gli Emirati Arabi Uniti) che può controllare questo stretto può dare agli Stati Uniti una leva con cui mettere a repentaglio la Via della Seta marittima cinese e, contemporaneamente, indebolire la comunità economica dell’Asia orientale. Quindi il ruolo chiave dello stretto di Bab al Mandab è visto da alcuni circoli di Washington come una giustificazione sufficiente per il continuo sostegno dell’America alla guerra in Yemen.

Gli Houthi stanno dando agli Emirati Arabi Uniti un’amara scelta: colpire le sue città o rinunciare alla risorsa strategica di Bab al-Mandab e dintorni. Iran e Cina guarderanno con attenzione. Sta emergendo un nuovo paradigma geostrategico?

*****************************************************

Articolo originale di Alastair Crooke (ex diplomatico britannico, fondatore e direttore del “Forum sui conflitti” con sede a Beirut):

https://www.geopolitica.ru/en/article/turmoil-will-continue-until-modified-global-order-emerges

Traduzione di Costantino Ceoldo

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x