Home / ComeDonChisciotte / LE NOSTRE PREVISIONI PER IL 2010. NOTIZIE BUONE E CATTIVE

LE NOSTRE PREVISIONI PER IL 2010. NOTIZIE BUONE E CATTIVE


ROGER WIEGAND
kitco.com

Il 2010 sarà come il 1930, o simile al 1937? Sarà diverso questa volta? Quando uno stato-nazione che in passato aveva un’alta produttività si autodistrugge con l’inflazione, quelli che rimangono indenni possono assorbire il colpo e, nel tempo, tirare fuori dai guai quello colpito. È stato il caso della Germania negli anni ’20. Nel caso attuale la maggior parte delle economie mondiali sono in ginocchio, alcune più danneggiate di altre. Chi può rendere possibile il recupero questa volta? Non c’è nessuno. Non sarà la Cina, poiché molti sostengono che soffrirà lo stesso collasso sistemico sperimentato dagli Stati Uniti, dall’Europa, dalla Russia e dai paesi del Sud America. I paesi vicini alla Cina, come Giappone, Taiwan, Corea, India, Indonesia e altri, seguiranno i caduti.

Le complessità incrociate degli affari e della finanza internazionale li hanno imbrigliati tutti in una ragnatela di collasso sistemico. Quelli che possono, devono tentare di salvarsi imponendo una massiccia inflazione. Sebbene potrebbe funzionare per qualche mese, alla fine imploderà tutto. Vi prego di prestare attenzione alle seguenti parole di John Pugsley, dal titolo “Common Sense Viewpoint” (“Il punto di vista del buon senso”, ndt) così come riportate in “Golden Insights” (“Preziose intuizioni”, ndt) di James U. Blanchard III 1997.

“L’inflazione distruggerà il debito. La risposta finale a tutte le discussioni (inflazione contro deflazione) resta nelle mani della Federal Reserve (la banca centrale degli Stati Uniti d’America, ndt) e del governo. Entrambi sono estremamente impegnati nel prevenire un collasso finanziario o la recessione. Finché loro saranno d’accordo a stampare dollari in modo da supportare i creditori in difficoltà, il ciclo andrà avanti. Quello che la maggior parte dei deflazionisti sbagliano a considerare è che l’inflazione distrugge il debito”.

“Con l’inflazione i creditori vincono e i debitori perdono. I deflazionisti non si rendono conto del fatto che se l’inflazione della disponibilità monetaria continua, cosa che succederà, ci sarà bisogno di deflazione. Tutto il debito del mondo può essere estinto creando potere d’acquisto… e questo è proprio quello che sta succedendo… i problemi relativi al debito saranno risolti, ma non saranno risolti attraverso la liquidazione dovuta a bancarotta e collasso. Saranno risolti attraverso la creazione di denaro. Stiamo per assistere alla più grande ondata di inflazione della storia del mondo. Vi conviene non trovarvi dalla parte sbagliata del dollaro.” John Pugsley in “Common Sense Viewpoint”

Siamo d’accordo con il signor Pugsley, ma questo scritto risale a qualche anno fa. Ci sentiamo di suggerire che al momento, con le nazioni precedentemente più produttive che diventano vittime sia dell’inflazione-iperinflazione che del collasso sistemico, il finale potrebbe essere peggiore di quanto previsto. Il nostro pronostico è che ci sia prima inflazione, poi ad un certo punto iperinflazione.

Cosa succederà tra queste due fasi? Se dal nostro punto di vista quest’impresa richiederà almeno 2-3 anni, nessuno può saperlo con certezza. Prevediamo che il 2010 sarà uno dei peggiori anni della seconda grande depressione, o meglio, suggeriamo che il 2010 sarà il secondo ciclo di svariate fasi depressive. Il fallimento di Lehman e i crolli ad esso correlati furono solo la prima fase. Prima che la seconda fase terrorizzi i mercati globali, consigliamo di correre ai ripari.

I debiti, sia pubblici che privati, non sono stati pagati in alcuna misura. A peggiorare la situazione, nuovi debiti continuano ad affliggere le banche centrali, le banche nazionali, i consumatori e il commercio. Per poter trovare una base comune e rendere possibile un recupero, questi debiti devono essere pagati, ci si può rifiutare di pagarli o cancellarli con l’inflazione. Per ora tutte queste soluzioni si stanno mettendo in pratica, ma, per quanto in fretta si risolvano i vecchi problemi, altri continuano ad accumularsi aggravando le difficoltà.

Mentre i governi sono impegnati a cancellare il debito con l’inflazione, attraverso la creazione di moneta; ovvero stampando grandi quantità di dollari, banconote e obbligazioni privi di copertura, il loro peso è semplicemente insostenibile dal punto di vista matematico. Gli aggiotatori hanno superato il punto di non ritorno. Non ci sarà ripresa fintanto che non avverrà un’importante crollo. Questa soluzione è la risposta rapida e sleale alla cancellazione finale di tutti quei debiti. Pensiamo che avverrà in fasi e in modo spasmodico.

Il Giappone è nelle condizioni peggiori, con un rapporto debito pubblico su PIL che si attesta oggi al 270%. Con una popolazione invecchiata e senza il numero sufficiente di giovani che occupino i posti di lavoro lasciati liberi, la deflazione è tornata e il mercato immobiliare giapponese sta ottenendo grandi successi. Gli Stati Uniti e l’Europa, esclusa la Gran Bretagna, hanno il 125% di debito su PIL, con la Gran Bretagna al 105%. (fonte: Societe Generale)

Il dollaro statunitense gioca un ruolo molto importante in questo contesto. Dal momento che corrisponde circa all’85% della valuta di riserva, a seconda di come va il dollaro andrà il sistema globale. Sfortunatamente il dollaro può cadere ancora molto, e per questo mese di Dicembre 2009 può sprofondare fino ad un indice di 70.00-72.50 rispetto ai prezzi odierni. Ci aspettiamo che nell’arco dei prossimi tre anni il dollaro possa arrivare ad un minimo storico di circa 40-46.

I titoli di borsa sono malridotti, e subiranno a breve un calo del 5-20%. Ci aspettiamo che il prossimo calo sarà blando e che i nuovi acquisti potranno ricominciare a Gennaio 2010 e proseguire durante la primavera. Il Dow Jones potrà facilmente raggiungere un valore base di 8850 per poi tornare a risalire. L’indice S&P [1] dovrebbe attestarsi a 950. Nel frattempo, potremmo assistere ad un taglio dell’11-12% di Dow Jones ed S&P.

Il picco massimo del prezzo dei titoli potrebbe arrivare tra fine Maggio e Luglio 2010. In questo periodo, cinque eventi particolarmente negativi colpiranno l’economia e i mercati globali simultaneamente.

E sono:

(1) la perdita di 40-50 miliardi in dollari statunitensi attraverso malfunzionamenti di carte di credito;

(2) le vendite di case, nuove e di seconda mano crollerà con tale violenza nella prima metà del 2010, che questo mercato si potrà considerare letteralmente in caduta libera. Ci saranno tra i 7 e i 10 milioni di nuovi mutui inadempienti, la maggior parte dei quali nella categoria standard (non di tipo subprime, [2]), a causa di perdite di lavoro;

(3) le vendite di auto nella prima metà dell’anno saranno così basse che i produttori presenteranno istanza di fallimento;

(4) i prestiti per beni immobili commerciali manderanno in rovina le società immobiliari e i loro progetti, tra quelli esistenti, in via di realizzazione e quelli solo pianificati;

(5) le compagnie di assicurazione avranno un numero talmente alto di contratti inadempienti nel settore immobiliare che rischieranno di venir meno ai propri obblighi nei confronti di qualche direttiva d’emergenza del governo nel secondo TARP (Troubled Assets Relief Program, il piano di sostegno del governoamericano per il settore finanziario, ndt). Ad un certo punto, anni fa, le prime 20 compagnie assicurative potevano letteralmente controllare l’economia degli Stati Uniti. Possiedono grandi quantità di risorse in beni mobili, immobili ed obbligazioni a breve termine.

Le valutazioni immobiliari crolleranno in media, su tutto il territorio degli Stati Uniti, di un altro 30%. Un anno fa credevamo che i prezzi degli anni ’80 si sarebbero attestati come quelli minimi. Oggi si prendono in considerazione quelli degli anni ’70. Il numero di case per cui è stato precluso il riscatto dell’ipoteca è maggiore negli ultimi 12 mesi che nell’intera decade della prima grande depressione degli anni ’30.

La mattina di lunedì 23 Novembre 2009, è stata riportata la notizia di una crescita del 10.1% nella vendita delle case. Questo non è nient’altro che l’effetto di vendite a prezzi bassi sollecitate da prestiti privati [3], aiuti del governo per abbassare i pagamenti degli acconti iniziali e le politiche di crollo dei prezzi ottenute dalle classi sociali più disagiate. Il mercato immobiliare rimane in uno stato di collasso internazionale. L’ultimo grande creditore, l’FHA (Federal Housing Administration, ndt) versa in gravi condizioni.

L’inflazione è ora al valore non segnalato del 7% ed è in crescita. A partire da Maggio 2010 comincerà a colpire duramente, in primo luogo su quel terzo di popolazione statunitense con salario base e disoccupata. Gran parte dei loro introiti sono spesi in cibo ed energia. Queste due voci sono tra le prime ad essere colpite dall’inflazione.

Coloro che possiedono auto nuove e acquistate in leasing faranno uso del cosiddetto “jingle mail” [4]. Dovranno riportare macchine e camion nuovi ai parcheggi dei commercianti, restituire le chiavi e smettere di pagare. Abbiamo visto questo meccanismo verificarsi con le case negli ultimi 1-2 anni. I parcheggi si riempiranno di auto e camion nuovi o seminuovi. Il loro valore precipiterà. Molte di queste restituzioni verranno dal programma “Cash for Clunkers” (letteralmente “contanti in cambio di vecchi macinini”, ndt) per chi è rimasto incastrato da pagamenti di auto e camion che non possono permettersi.

I fabbricanti di auto GM (General Motors, ndt) hanno previsto vendite negli Stati Uniti di 11 milioni nel 2010 con una nuova ripresa. Non ci sarà alcuna ripresa e le vendite potrebbero far scivolare l’intera industria fino a 7 milioni o meno per il 2010. E nel 2011 le cose si metteranno anche peggio.

Le rinunce alle auto cresceranno e i sindacati lanceranno il loro grido d’allarme al presidente Obama. Lui troverà un rimedio finanziario temporaneo per l’industria moribonda. I consumatori non avranno potere d’acquisto, a credito o in contanti non fa alcuna differenza. Quelli con contanti li conserveranno, si metteranno al riparo e aspetteranno che la fine delle difficoltà. Le iscrizioni ai sindacati delle auto diminuiranno rapidamente. Gli acquisti di auto a credito si ridurranno ad un numero sempre più esiguo.

Il settore del petrolio greggio e dell’energia ha un ruolo fondamentale in entrambe le direzioni. Oggi vediamo che il prezzo del petrolio si attesta ad 80$ con limiti inferiori appena sotto i 70$. I principi di base mostrano che un eccesso di offerta durante un periodo di depressione/recessione ha come effetto di diminuire la domanda. D’altra parte, l’inflazione dei prezzi sta crescendo su un dollaro sempre più debole e continuerà a crescere. Ci aspettiamo di vedere il greggio raggiungere i 50$, e poi tornare indietro e risalire a 100$ a causa dell’inflazione. La benzina seguirà questo andamento, dato che alcune raffinerie stanno chiudendo per via di perdite operative e non se ne stanno aprendo di nuove. Fondamentalmente sarà l’inflazione a vincere sull’aumento dei prezzi. Infine, tornerà ad esserci scarsità di prodotti.

La depressione normalmente e storicamente dura dieci anni. Potrebbe volerci esattamente lo stesso tempo affinché i consumatori possano saldare i propri debiti e tornare in condizioni di normalità. I tassi d’interesse sono cresciuti, ma con debiti così alti e aumenti di salario piccoli o nulli di fronte ad un’inflazione nuova e così violenta, i consumatori saranno economicamente massacrati.

I creditori e le banche attraverseranno nuovamente un periodo di difficoltà. Alle banche sono rimaste ben poche idee su come ottenere entrate da prestiti concessi, a parte la compravendita. Mentre la Goldman Sachs guadagna milioni di dollari alla settimana in questo modo, la maggior parte delle banche non sono attrezzate e si sono pochi operatori finanziari in grado di fare questo lavoro. Poiché chi si occupa di questi problemi per conto di Obama sta affliggendo i grandi operatori imponendo limiti alle entrate, questo rende le cose più complicate, al punto che queste persone preferiscono andarsene a lavorare all’estero, dove possono avere salari illimitati.

Il mercato obbligazionario è così immenso che gli ci vuole tempo per rovesciarsi e colare a picco. Le banche centrali dell’Asia e degli Stati Uniti sono state le nostre principali acquirenti di valuta estera. Se da un lato continuano ad aquistarne per poter mantenere uniti i mercati, dall’altro stanno: (1) preferendo le valute a breve scadenza rispetto a quelle a lunga scadenza, (2) convertendone parzialmente l’acquisto al settore delle materie prime.

Con lo Yen più forte, il Giappone è sempre più impegnato in complicati viaggi per l’acquisto di risorse, come la Corea del Sud. Sono entrambi in cerca di grano, oro, olio, gas naturali ed altre materie prime che non possiedono.

Le obbligazioni ad alto rischio e ad alto rendimento potrebbero perdere fino ad un terzo del loro valore attuale solo il prossimo anno. L’acquisto di buoni del tesoro e di obbligazioni continuerà fino a che “la fiducia e il credito totale” verranno meno. Alla fine collasseranno, ma in tempi molto lenti, a causa delle dimensioni di questi mercati. Siamo convinti del fatto che nessuna obbligazione sia sicura. Quelle municipali sono considerate tra le più sicure. Ma cosa succederà quando città, paesi, contee e stati saranno così in bancarotta da non poter pagare gli interessi? Le loro imposte fiscali precipiteranno. Alcune sono più sicure di altre, ma per quanto tempo? Chi è in grado di indicare un limite? Nessuno, perché sarebbe una mossa troppo politica.

Molti stati che fanno parte degli USA sono finanziariamente falliti o stanno per esserlo. Si è scoperto che almeno un terzo dei soldi ottenuti attraverso il TARP è stato usato per salvare gli stati dalla bancarotta. Questo provocherà un’escalation, perché i soldi federali del TARP non possono aiutarli abbastanza in fretta e in quantità sufficiente a mantenerli uniti. Ci si aspetta che l’occupazione nei vigili del fuoco e nella polizia diventerà sempre più scarsa, a discapito della sicurezza in varie comunità. Dieci stati si trovano in condizioni finanziariamente critiche e 47 sono in lista per diventarlo.

New York, New Jersey, Connecticut, Michigan, Ohio, Florida, Arizona, Nevada e California sono gli stati che versano nelle condizioni peggiori, poiché soffrono la mancanza di entrate fiscali da parte di aziende e consumatori falliti. Ci si aspetta che la California sarà tra i primi ad andare fuori controllo. Continuano ad escogitare nuove tasse e non lavorano sulla riduzione delle spese. Quando alcuni stati affronteranno il collasso totale ci troveremo in breve tempo in condizioni pessime. Il Michigan è tra gli stati in condizioni peggiori. La maggior parte degli stati stanno spendendo fino all’ultimo centesimo. Si rifiutano di ridurre i costi, poiché lo considerano un suicidio politico. Spenderanno fino a che non avranno più nulla, e quindi chiederanno aiuto al governo federale.

La Cina si trova nei guai, poiché i consumatori statunitensi hanno smesso di acquistare da loro. Il loro TARP per la prima parte dell’anno era superiore a quello degli Stati Uniti sia in quantità che in rapidità di spesa. Si stima che abbiano speso in quattro mesi, tra Gennaio e Maggio 2009, all’incirca 600 miliardi di dollari, la maggior parte dei quali indirizzati a progetti che si trovano in condizioni di sovracapacità. La mancanza di acquisti da parte degli Stati Uniti ha causato un crollo delle esportazioni per la Cina di circa il 25%. Inoltre, è da notare che l’economia cinese è circa un quarto di quella statunitense.

Ci sono centinaia di fabbriche cinesi inattive e milioni di lavoratori licenziati senza nuovo impiego e senza grandi prospettive di lavoro. D’altra parte, milioni di fattorie di sussistenza sono state vendute per cercare lavoro in città. Ora che il lavoro non c’è più, e non ci sono nemmeno le fattorie che avrebbero potuto garantire cibo, nel 2010 ci aspettiamo un collasso più o meno rapido della Cina, con disordini e altri problemi sociali. La Cina ha bisogno di 24 milioni di nuovi posti di lavoro all’anno solo per rimanere in pari e sono ben lontani dal poter realizzare numeri come questi; non basta che la crescita di nuovi impieghi migliori.

Se la preoccupazione che la Cina non sia più in grado di acquistare i nostri (degli USA, ndt) buoni del tesoro diventasse reale, il governo degli Stati Uniti potrebbe fermare gran parte delle importazioni premendo sulle tariffe doganali. A quel punto la Cina si ritroverebbe con una disoccupazione alle stelle, beni ammucchiati senza possibilità di vendita e con un trilione di dollari in obbligazioni e carta moneta statunitense di pochissimo o nessun valore. Subirebbero un colpo da 1 trilione di dollari statunitensi e rimarrebbero bloccati con montagne di merce invendibile. La ricaduta sociale sarebbe catastrofica. La Cina deve continuare ad acquistare obbligazioni statunitensi per poter mantenere le esportazioni in movimento; sebbene ad un livello ridotto.

Se le importazioni dalla Cina dovessero cessare, i lavoratori americani potrebbero trovare qualche forma di impiego a salari bassi nelle industrie statunitensi riaperte, con un ritorno alla manifattura. Dopo tutto, dove troverebbe la Wal-Mart [5] i beni da vendere nei propri negozi?

Ci auguriamo il meglio, speriamo che la Cina riesca a sopravvivere affrontando solo una lieve recessione. Con le finanze e i mercati globali così fragili e distrutti gli concediamo una possibilità su cinque di farcela. Piuttosto, in un’economia sotto il comando del comunismo cinese, l’imminente dislocazione potrebbe essere leggendaria.

Ambrose-Evan Pritchard, lo stimato autore per The London Telegraph ha detto: “L’economia mondiale sta ancora pattinando su una sottile lastra di ghiaccio. L’ovest è saziato dal debito, l’est dai (troppi) stabilimenti. La crisi è stata (apparentemente) contenuta azzerando le tasse e creando una bufera fiscale, distruggendo così gli equilibri di sovranità. Ma il cuore del problema rimane. I paesi anglosassoni e i Club Med stanno stringendo la cinghia, tuttavia l’Asia non sta producendo abbastanza domanda (interna) per compensare. Sta producendo scorte.”(fonte: “organic Chinese demand is barely beginning”[6]).

“Dal mio punto di vista i mercati continuano a negare la rovina strutturale dovuta alla bolla di credito. Ci sono altre due problemi da affrontare: la bolla di investimenti in Cina e lo scandalo delle banche in Europa. Temo che solo dopo potremo fare piazza pulita e ricominciare, molto lentamente, un nuovo ciclo.”

Siamo d’accordo con il signor Pritchard, ma la Cina ha anche altre bolle speculative, nelle auto, nei beni immobiliari, nel mercato azionario, nell’immensa carenza di acqua e nell’inquinamento. Se queste dovessero scoppiare una per volta, potrebbe essere gestibile. Ma potremmo vederne scoppiare più di una alla volta. In questo caso, la Cina potrebbe smantellare l’intero sistema globale. Si faccia caso agli effetti della recente paura derivata dall’inadempienza di Dubai per 80 milioni di dollari.

L’istruzione, specialmente tra i college e le università, ha subito un duro colpo poiché gli studenti si domandano se spese dell’ordine di 40.000 fino a 80.000 dollari valgano la pena in queste condizioni economiche. I ragazzi appena laureati, con buoni voti, ma nessuna esperienza lavorativa, fanno più fatica a trovare lavoro.

Le persone con esperienza ottengono i pochi lavori rimasti, dato che i datori di lavoro hanno un ventaglio di scelte più ampio e possono essere molto esigenti. Inoltre, non hanno tempo né soldi per la formazione. Molti ragazzi ottengono istruzione tramite internet, fanno formazione lavorando e accettano ogni tipo di lavoro pur di avere una busta paga.

Gli insegnanti delle scuole pubbliche con più anni di esperienza che lavorano nell’istruzione primaria e secondaria [7] sono stati sfoltiti per assumere nuovi e più economici neolaureati. Gli insegnanti di lingue straniere, assieme a quelli di matematica e scienze sono ancora i preferiti. Ci si aspetta un aumento nell’istruzione domestica, dato che gli insegnanti licenziati lavorano a casa con i propri figli e accolgono altri ragazzi dietro pagamento. Il sistema dell’istruzione pubblica è in serio pericolo. La gente non può più permettersela. Poiché il governo statunitense ha permesso anni fa che si accumulassero pile di carte burocratiche, almeno un terzo del budget rivolto alla scuola pubblica deve essere devoluto a lavoro stupido, costoso e politicamente corretto. È un’enorme perdita di cui soffrono studenti ed insegnanti.

Ci aspettiamo inoltre un aumento degli incidenti stradali, dovuti a lavori e riparazioni stradali procrastinati. I ponti possono cadere e le pavimentazioni danneggarsi, causando altri danni. Le comunità con le tasse più alte verranno abbandonate, soprattutto dagli adulti con figli già fuori casa. In questo modo New York ha perso circa 6 miliardi di dollari in tasse non riscosse.

Questa tendenza è ancora più veloce. Assistiamo a pensionati che vendono le proprie case perché non possono permettersi di pagare le tasse sui beni immobiliari. Si spostano verso stati con tasse più basse e comunità più piccole che offrono meno servizi. Gran parte dei servizi offerti dalle grandi città non sono necessari e i consumatori non sono in grado di pagarli. Immaginate la città di Detroit tremenamente desertica.

Bisogna occuparsi del commercio di oro e argento

I manager e gli operatori finanziari non sono sposati ai mercati e si muovono a seconda di dove si trovano idee che fruttano. I titolo di oro ed argento possono crescere e calare nel breve termine, ma poi decolleranno nelle controtendenze del 2010. I grandi investitori hanno scommesso sulle merci sicure, come oro, argento, grano, rame, platino e altri. Acquistano regolarmente a partire dal Labor Day [8] fino a Maggio, sopportano le flessioni e negoziano in media ogni 50 e 200 giorni. Con il dollaro in caduta, tali manager prevedono grossi guadagni in questi mercati. I futures [9] dell’oro erano scambiati a circa 1.200 dollari questa mattina (1 Dicembre). Prevediamo un lieve calo nel breve termine, seguito da un’altra ondata di acquisti.

Le politiche governative per lo più falliscono

Il programma liberale e innovatore studiato da Obama per trasferire ricchezza non funziona. La popolarità del presidente sta sprofondando insieme al suo programma. Il problema principale è l’incapacità del governo ad uscire dalla crisi dell’occupazione. Continuano a scavare, mentre mettono le basi per le idee sbagliate, creando confusione maggiore e più profonda. Questo aumenta l’attrattiva dei metalli preziosi e altri beni di questo tipo. La disoccupazione è il problema economico prioritario.

Il dollaro è la base di svariati mercati. A Dicembre il dollaro calerà ancora.

Lasciate perdere le linee oblique di confronto. Concentratevi sull’andamento del riquadro in basso.

Personalmente, vedo incredibili opportunità di commercio che non avremo per molti altri anni. Dobbiamo convertire i problemi in opportunità. Chi si trova dalla parte giusta dello scambio potrebbe diventare ricco. Quelli dall’altra parte sono solo vittime. State all’erta.

Roger Wiegand
Fonte: www.kitco.com
Link: http://www.kitco.com/ind/Wieg_cor/roger_dec12009.html
1.12.2009

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ELISA NICHELLI

NOTE:

[1] sta per Standard & Poor’s, società sussidiaria di McGraw-Hill che realizza ricerche finanziarie e analisi su titoli azionari e obbligazioni, nota anche per i suoi indici di mercato S&P.

[2] i mutui subprime sono quelli che vengono concessi a soggetti che non possono accedere a tassi di interesse di mercato, perché hanno una storie di problemi pregressi come debitori.

[3] nel testo originale “seller financing”, una pratica che sfrutta la possibilità di coprire una parte o tutto il prezzo di vendita – generalmente di una casa -attraverso un pagamento rateale direttamente al venditore.

[4] con questo termine si intende la restituzione delle chiavi di casa da parte del proprietario a colui che ha emesso il prestito come forma di rinuncia alla proprietà.

[5] multinazionale americana, proprietaria dell’omonima catena di negozi.

[6] “l’esigenza naturale della Cina è appena iniziata”.

[7] nel testo originale: K-12, ovvero da Kindergarten (scuola materna) al 12th grade (ultimo anno di scuola secondaria).

[8] festività statunitense che si celebra il primo lunedì di Settembre.

[9] contratti a termine standardizzati per poter essere negoziati facilmente in borsa.

Pubblicato da Davide

  • fernet

    Secondo me il 2010 sarà come il 2009 ed il 2011.

  • PIEROROLLA
  • maumau1

    basta riprendersi la sovranità monetaria usurpata dalle banche contro la costituzione e dichiarare illegale il debito pubblico e le tasse sul debito..
    cosi’ gli stati diverranno floridi,i popoli gioiranno,le banche ,i finanzieri piangeranno o piangerebbero ,perchè i politici che dovrebbero fare questa storica mossa o sono loro dipendenti-burattini,o tenuti sotto ricatto o verrebbero NON liquidati non coi i bazooka come vorrebbe qualcuno(in modo da sentirsi sicuro di non sbagliare a prendere posizione,come scommettere sapendo già chi vince,troppo comodo,ma questi sono ormai i rivoluzionari intellettuali di oggi,solo dopo che le prove hanno affermato una sentenza di tribunale di 3 gradi,solo allora dicono si,è vero…campa cavallo su certe questioni come le uccisioni di persona di alto livello o le stragi,mai nessun mandante è stato condannato..pur avendo tutte le sentenze concluso che i mandanti ci sono e sono a piede libero..!)ma con armi improprie,avvelenamenti o incidenti stradali…dipende dal grado di protezione della persona…,da psicolabili presunti,da pazzi veri assoldati o per circonvenzione di incapace,da anarcoidi spesso disoccupati e depressi..
    e vorrei vederlo un disoccupato non depresso..

    non rimane nessuno a poter fare questa mossa storica..ecco perchè sono 300anni che nessuno la fa..e sono stati fatti fuori 4 presidenti in USA e tolti di mezzo tutti quelli che solo hanno avuto il coraggio di parlarne..
    la madre di tutte le battaglie,tutto il resto sono bazzecole..
    i governi sono in mano alle banche ed alla finanza che decide la politica e l’economica,fin quando questo non cambia non c’è modo per i popoli di risollevarsi,tutto il resto è solo un diversivo,una perdita di tempo che fa il loro gioco..

  • gamma5

    Ah si, la sovranità monetaria ahahaha….sai che me ne faccio di una cariola di banconote di MIA PROPRIETA’ che valgono meno della carta igenica??? ricordiamoci che il denaro è buono quando gli altri lo accettano e vale tanto quando ce n’è poco…ci sono stati tantissimi casi di stati e popoli con la propria sovrana moneta finiti in miseria!!!

    PS: dichiarare illegale il debito pubblico? e la liquidazione (misera) del nonno investita in sicuri BOT o ancora + sicuri Buoni Postali, che facciamo? chi ha il coraggio di dirgli che una vita di risparmi sono per decreto diventati nulla, anzi ILLEGALI? svegliaaaaa!!!!!

  • gamma5

    Mi sbaglio o un articolo simile lo si poteva leggere in mille salse anche 12 mesi fa? mah…come al solito chi vivrà vedrà.

  • vic

    Siamo in un bunker dell’asteroide Apophis, bunker privato della Rockefeller Space Foundation. Alcuni geni finanziari geneticamente modificati per essere molto avanzati e creativi stanno discutendo sul da farsi.

    E.B.E. Rockefeller: Cosa facciamo per rimpinguare le nostre casse? Dobbiamo proteggerci contro le avversita’ incombenti
    Gene I. Al Douluri: Mi sembra quasi ovvio, dobbiamo appoggiarci su fattori esterni alla terra.
    tutti (si guardano): ?
    EBE R: Ci spieghi, esimio luminare della finanza interplanetaria.
    GeneIAl D: Bisogna indire una conferenza su territorio neutro, non ostile. A Las Vegas per esempio, nota citta’ del Nevada pulita, salubre, lavoratrice.
    EBE R: E poi?
    GeneIAl D: E poi presentare l’opportunita’, anzi che dico, la necessita’, anzi …
    EBE R: Dica dica!
    GeneIAl D: … che dico, l’impellente urgenza ce lo impone.
    tutti (si guardano, preoccupati) !
    EBE R: Dica perbacco!
    GeneIAl D: Perbacco!
    EBE R (lo incita con il linguaggio del corpo): Dica, lo dica!
    GeneIAl D: Non e’ semplice. Pero’ e’ un’idea grandiosa. Va assolutamente resa operativa. Siamo sotto la spada di Pericle, bisogna agire.
    EBE R: Lapeppa! La spada di Pericle e’ tremenda. Subdola e tremenda.
    tutti (si guardano): ?
    EBE R: Nessuno la conosce, per quello e’ subdola e tremenda!
    tutti: Oh!
    GeneIAl D (annuendo): Infatti, non resta che una scelta: mettere in circolazione dei certificati d’emissione di metano da Titano!
    Apophis (dai bordi del cratere circostante riverbera l’eco): ano .. ano
    EBE R: C’e’ metano a San Marino?
    GeneIAl D: Ma che Marino, sto parlando di spazio, di riserve gigantesche di materie prime su Titano, la luna di Saturno. Dobbiamo emetterli questi benedetti certificati. Vi vengo incontro, adeguo il nome: Certificati Titanici.
    G. Frullo (rappresentante di San Marino): Potrei chiedere il permesso di essere primo emettitore?
    EBE R: Niente da obiettare, tieniti alle modalita’ Primus inter Pares. Siete d’accordo?
    tutti: (annuiscono)
    EBE R: Bene. Allora nel 2010 procederemo col piano “Certificati Titanici”
    Vuc Semiramidic: Nel mio paese conviene chiamarli “Certificati Titanic”
    EBE R: Vabbe’, cosa vuoi che sia una i, fai pure.
    Vuc (glup glup; svuota d’un fiato una bottiglia di Slivovica di produzione locale, distillata dalle rocce di Apophis): Ha un retrogusto di iridio, eccellente.
    EBE R: Bando alle ciance. Riassumo la nostra decisione odierna di procedere nel 2010 con l’emissione in quantita’ planetarie di Certificati Titanici o Titanic, ic, ic, ecciu’.
    tutti (si alzano): (applaudono soddisfatti)

    Mi alzo anch’io e vado a bermi un limoncello, piu’ terra terra.