L’abuso dei tamponi sta facendo danni ai bambini

di Valentina Bennati
comedonchisciotte.org

“Siamo solo a settembre e ciò a cui stiamo assistendo, lo dico da pediatra, è un abuso di tamponi naso-faringei, tanto che gli otorini stanno già segnalando lesioni in naso e gola. Non possiamo sottoporre i bambini a continui tamponi per far stare tranquilli noi adulti. Li stiamo traumatizzando”.

Parole del professor Gian Vincenzo Zuccotti, del Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche Sacco e direttore della Clinica pediatrica dell’ospedale Buzzi.

È oramai palese (quasi) a tutti che la questione covid sia diventata uno scaricabarile costante e che anche i pediatri, come i dirigenti scolastici, siano gravati da una responsabilità soggettiva dalla quale “dipenderebbe” la diffusione o meno del virus.

È bene allora che sempre più medici prendano il coraggio e riacquistino la dignità professionale che compete loro – se davvero sono uomini e donne di coscienza oltre che di scienza – e comincino a prendere posizione, con serietà e obiettività, in questa folle situazione che rischia di fare più danni collaterali dell’eventuale pandemia stessa.

La stagione fredda è lunga ed è facile (e naturale) che i più piccoli si ammalino più o meno frequentemente durante il periodo della scuola.

Si continuerà a procedere quindi a suon di invasivi tamponi ad ogni colpo di tosse o starnuto per togliersi ogni responsabilità per riammettere i bambini a scuola?

Forse anche da parte dei genitori ci dovrebbe essere una maggiore volontà di informarsi e capire meglio la reale situazione e gli effettivi rischi che possono correre i propri figli, magari in questo modo si abbasserebbe almeno un po’ quella soglia di allarme costante da contagio che si percepisce negli atteggiamenti e nei discorsi di tante persone.

Riportare tutto ad un clima più in linea con la reale situazione rappresentata dai (veri) dati statistici ed iniziare ad ascoltare anche quei medici ed esperti che da tempo ci stanno comunicando una realtà diversa rispetto alla narrazione ufficiale, permetterebbe di avere scuole più attente alla didattica e alla crescita degli alunni, pediatri liberi di lavorare sulla effettiva salute dei propri piccoli pazienti e, soprattutto, bambini finalmente sereni di ricominciare a vivere una ritrovata normalità piuttosto che costretti a subire “la nuova normalità” fatta di paura dell’altro, distanziamenti e mascherine.

Valentina Bennati

https://valentinabennati.it

0 0 voti
Valuta l'articolo
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
AlbertoConti
AlbertoConti
28 Settembre 2020 , 6:06 6:06

“…. prendano il coraggio e riacquistino la dignità professionale che compete loro …” Bigpharma, direttamente e indirettamente, ha ridotto la categoria dei medici ad un branco di paraculi acefali, questo è il punto. Il giuramento d’Ippocrate è diventato carta igienica, la prassi medica un’applicazione nazistoide di “protocolli” calati dall’alto come ricette di cucina, che anche l’ultimo dei mozzi aiutocuochi di una carretta del mare saprebbe applicare senz’arte ne parte. Il medico “di famiglia” è diventato un passacarte tramite computer, tutto è burocratizzato fin nei minimi dettagli, incuranti della stupidità più evidente. E il governo vuol risolvere il tutto con più soldi dal MES, ovvero perfezionando il sistema criminale della malasanità e della malaeconomia. Come un pompiere che vuol spegnere il fuoco con la benzina. E i pazienti? Non hanno più pazienza, pretendono terapie sadomaso obbligatorie per tutti. A questo siamo arrivati, per non voler vedere che un banale, ovvio, scontato, ineliminabile “conflitto d’interessi” sta alla base della privatizzazione delle strutture sanitarie (e di tutti i servizi di pubblica utilità), a cominciare dalla produzione dei farmaci (tutti rigorosamente allopatici) in “aziende” con lo scopo di lucro al primo posto della loro “ragione sociale”, che è più normale chiamare RAGIONE ASOCIALE. Il… Leggi tutto »

Bottiglia
Bottiglia
28 Settembre 2020 , 11:00 11:00

Ma quanti di voi hanno subìto un tampone? Io no per esempio. E mai lo subirò, se non da morto.

Lupis Tana
Lupis Tana
Reply to  Bottiglia
28 Settembre 2020 , 16:29 16:29

guarda che se ti prendono ti mettono una bottiglia nel naso… (scherzo). ciao