Home / ComeDonChisciotte / LA TURCHIA CONFUSA QUANTO LO SIAMO NOI PER LA SIRIA

LA TURCHIA CONFUSA QUANTO LO SIAMO NOI PER LA SIRIA

DI ERIC MARGOLIS
Lee Rockwell

ISTANBUL – È una giornata cupa e
uggiosa lungo le coste del Bosforo, il grande stretto che divide l’Europa
dall’Asia. Torbido e pericoloso come la Siria, che a due passi da qui è sul punto di esplodere.

La strategia turca del “non pestare
i piedi” forgiata dal Ministro degli Esteri Ahmet Davatoglu ha funzionato benissimo in passato per seppellire ogni divergenza con Siria, Iran e Libano e aprire nuovi mercati miliardari agli esportatori turchi più smaniosi. La focosa economia della Turchia è cresciuta del 7% l’anno scorso, quasi alla stessa velocità di quella cinese.
Questo prima che la situazione politica

in Libia, Siria e Egitto esplodesse, costringendo il popolarissimo primo

ministro Recep Tayyip Erdogan a prendere posizione. La Turchia invitò

dapprima l’ormai moribondo faraone Ozni Mubarak a cedere il passo, poi

confermò il supporto alle onnipotenti gerarchie dell’esercito egiziano.

Ironia del destino, Erdogan aveva appena concluso un decennio di battaglie

contro le invadenze dell’esercito turco nella scena politica interna.

Di contro, la Turchia abbandonò

con riluttanza, come causa persa, il dittatore libico Gheddafi, un vecchio

amico con cui Ankara aveva in piedi affari per 23 miliardi di dollari.

L’atteggiamento di Erdogan nei confronti della Siria è stato simile:

è convinto che la famiglia Assad debba levare le tende e lasciare il

posto a una democrazia in stile turco, ossia intrisa dei valori islamici

di welfare e giustizia sociale.

Fatto interessante, Davatoglu ha appena

annunciato un nuovo “asse turco-egiziano” fra le due nazioni

più potenti e popolose della regione. Citando una vecchia massima

ottomana, ha dichiarato che “la Turchia tornerà

a essere al centro di tutto“.

Intanto gli Stati Uniti continuano

in tutta tranquillità a foraggiare le cospicue forze armate egiziane,

mentre l’Arabia Saudita ha di recente passato “sottobanco”

quattro miliardi di dollari al governo militare. I sauditi, con la benedizione

di Washington, hanno promesso pubblicamente all’Egitto altre decine

di miliardi – potrebbero essere addirittura 60 – per tenere alla

larga dal potere democratici, nazionalisti, i vecchi sostenitori di

Nasser e i Fratelli Musulmani.

I cinici qui a Istanbul si chiedono

se la Turchia stia prendendo in considerazione l’idea di trasformare

la travagliata Siria in un nuovo protettorato turco. La Siria è a un

passo dal precipitare nella guerra civile. Potrebbe esserci bisogno

di un intervento stabilizzatore per tirare il Paese fuori dai guai e

rimetterlo insieme. Anche l’Iraq si sta facendo avanti.

Il conflitto siriano è un rompicapo.

È iniziato un anno fa con l’ingresso nel Paese di gruppi d’insurrezione

dal vicino Libano. Erano stati armati, riforniti e addestrati dalla

CIA, dall’MI6 inglese e dal Mossad (i servizi segreti israeliani) e

finanziati con i soldi della monarchia saudita e del Congresso degli

Stati Uniti, che negli anni ’80 decise di stanziare fondi per il sovvertimento

del regime di Assad a causa dell’ostilità di questi verso Israele,

e del suo supporto ai Palestinesi.

Negli anni ’20 uno dei fondatori del

pensiero sionista, Vladimir Jabotinsky, descriveva il mondo arabo come

un fragile mosaico di tribù e clan. Un paio di colpi decisi, secondo

le sue previsioni, sarebbero bastati a mandare in frantumi quell’insieme

delicato e caotico, lasciando il nuovo Stato ebraico padrone incontrastato

del Medio Oriente e del suo petrolio. Jabotinsky si riferiva in particolare

a Siria, Libano e Iraq.

Le frange armate in Siria erano composte

di mercenari, fascisti libanesi e esuli educati dalla CIA all’odio verso

il dittatore: furono loro ad accendere la miccia della polveriera siriana.

Le incursioni, concentrate soprattutto lungo il confine con il Libano,

innescarono la reazione a lungo repressa dei conservatori sunniti, acerrimi

nemici del regime dominato dall’etnia alawita. Gli alawiti – una ramificazione

dello Shah e degli Alevi turchi – sono tendenzialmente poveri, chiusi

e invisi agli ortodossi sunniti, che li considerano degli eretici.

Molte città della Siria sono

già insorte, anche se non le principali: a Damasco, Latakia e

Aleppo la rivolta non è arrivata, ma l’economia cittadina è

sull’orlo del collasso.

La Siria è frammentata anche

da un punto di vista etnico-religioso. Parte della maggioranza sunnita

, soprattutto l’alta borghesia, sostiene ancora Assad. Lo stesso vale

per la minoranza cristiana, che ammonta al 10% della popolazione. Come

il regime di Saddam Hussein, anche quello di Assad ha protetto le sette

cristiane presenti sul territorio nazionale dagli attacchi dei fanatici

che ritengono i cristiani dei traditori filo-occidentali e degli idolatri.

Si aggiunga una piccola quantità

di pacifici curdi siriani, non scollegati dai più rivoltosi curdi

della Turchia sud-occidentale, dove la ribellione ha covato per decenni

e, all’epoca in cui chi scrive era inviato sul luogo del conflitto,

sfociò nella strage di circa 40 mila persone.

La Siria è un alleato di vecchia

data dell’Iran. Le potenze occidentali e Israele smaniano di mandare

in pezzi il Paese in modo da inferire un duro colpo non solo all’Iran,

ma anche agli altri alleati della Siria, Hezbollah in Libano e Hamas

in Palestina.

Cosa altrettanto importante, se la

Siria dovesse collassare, le Alture del Golan, territorio di importanza

strategica annesso da Israele nel 1967, resterebbero tranquillamente

in mano israeliana. Assieme alle principali risorse di acqua sorgiva

della zona.

Una Siria frammentata sarebbe una catastrofe

per il Medio Oriente. Ma Stati Uniti, Francia, Israele e Gran Bretagna

sono così accecati dalle loro smanie anti-iraniane che sono pronti

a passare sopra alla Siria per arrivare al Grande Nemico persiano. Il

che equivarrebbe a dar fuoco alla casa per sbarazzarsi dei topi.

**********************************************

Fonte: Turkey as Confused as We Are by Syria

29.11.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DAVIDE ILLARIETTI

______________________________________________________

La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori e in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere ritenuto responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi.
La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

– messaggi non concernenti il tema dell’articolo
– messaggi offensivi nei confronti di chiunque
– messaggi con contenuto razzista o sessista
– messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Pubblicato da supervice

  • jjd

    Ma se americani e iraniani andavano a braccetto quando si trattò di invadere l’Iraq?!
    E il fratello di Hafiz al-Assad, comandante dell’esercito all’epoca, prese tangenti da milioni di dollari da Israele per lasciare il Golan indifeso?!
    Ma come si fa a dire che un governo come quello di Bashar al-Assad, fortissimo quando si tratta di opprimere il popolo e cacasotto di fronte agli israeliani, non fa comodo a questi ultimi?!
    Ma questi giornalisti…dove hanno studiato??