Home / ComeDonChisciotte / LA TRAPPOLA DI DRAGHI

LA TRAPPOLA DI DRAGHI

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Sono stanco di scrivere sempre le stesse cose. Tutto quello
che c’è da dire sull’annuncio della BCE di oggi l’ho già scritto da settimane o mesi, perché era già
tutto annunciato nei Trattati Fiscal Compact e MES. Ma ok, ripeto.

Draghi vuole tenere i rendimenti (tassi d’interesse) dei
titoli di Stato Italiani e Spagnoli (in primo luogo, della Grecia se ne
fregano, è già all’obitorio) a un livello sotto le presenti medie, che sono
vicine al default. Questo perché il nostro default sarebbe la fine
dell’Eurozona e quindi la fine della spoliazione della nostra ricchezza
nazionale e della nostra democrazia.Non deve accadere, Francia e Germania non
hanno finito di banchettare sul nostro corpo ancora vivo. Per tenere i
rendimenti bassi, si devono comprare molti titoli di Stato, perché la regola
dice che più se ne comprano più calano i rendimenti. Ma come è noto
all’universo (inclusa tutta la stampa finanziaria), poiché noi non possediamo
più una moneta sovrana, i mercati (cioè i compratori di titoli) ce ne comprano
pochi e pretendono tassi altissimi, e quindi li dovrà comprare la BCE. Ne
comprerà senza un limite di quantità e li sterilizzerà*.

Ma c’è un ma orrendo che ovviamente i servi dei media, come
il 99% degli antagonisti italici, non vi raccontano. La BCE farà tutto ciò solo
se il Paese i cui titoli acquista avrà prima chiesto aiuto ai fondi ‘salva’
Stati come il EFSF o il MES. Cosa significa? Che prima lo Stato in questione
dovrà sottoporsi alla Chemioeconomia
della Troika di Commissione Europea, FMI, e BCE. Cioè ridursi come Grecia,
Portogallo e Irlanda, cioè privatizzare tutto, cedere in pegno i fonti pubblici
delle pensioni, far emigrare all’estero il 15 o 20% dei giovani, arrivare al
50% di disoccupazione, e ritrovarsi con deficit ancora più alti (perché è noto
all’universo che le Austerità peggiorano i deficit, vedi oggi i deficit dei
PIIGS), così la Troika avrà la scusa per stringere ancora di più il cappio.
Alla faccia di quel bugiardo criminale di Mario Monti che ci disse che questo
non sarebbe accaduto.

Cos’altro aggiungere? Ma nulla, ma basta! S’impicchi che ancora non sta capendo, chi è così
terrorizzato da trapanarsi Giavazzi nel cervello, come chi ha due mesi di vita
e si trapana la cartomante che gli dice “sei
guarito
”.

Basta. Chi non è ridotto al ridicolo o alla pena di cui
sopra, venga a Rimini e a Cagliari con la MMT, ci metta la mente, il coraggio e
i mezzi, e si salvi. Staccatevi da sto schermo ora e datevi da fare.

* Sterilizzare i titoli che Draghi comprerà significa che
invece di pagarli con liquidità, li paga con titoli della BCE. Nel cervello dei
monetaristi alla Draghi c’è ancora il fantasma dello standard aureo, dove uno
poteva prendere i soldi ricevuti dalla BCE a pretendere di avere oro in cambio.
Questo non esiste più da 40 anni, ma i Draghi si comportano come se ci fosse, cioè funzionano con un riflesso condizionato, un pilota automatico nella testa, e allora
invece di dare soldi danno titoli, così i soldi di chi vende sono
bloccati lì e non possono essere scambiati per oro, e non circolano creando
inflazione, cioè sono ‘sterilizzati’. Cretinata, visto che anche se Draghi
pagasse in liquidità si tratterebbe sempre di bilanci bloccati nelle riserve
delle banche, che per definizione non circolano fra la gente e non possono essere scambiate
per oro.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=438
6.09.2012

Pubblicato da Davide

  • Sintesi

    Scusate l’OT: ma qualcuno di voi riesce ad accedere al sito di Russia Today rt.com?

  • Aironeblu

    Sono stanco di scrivere sempre le stesse cose.

    Siiiiiiiii, finalmenteeeeee!!! ^^

  • Aironeblu

    Con tutto il rispetto per Paolo, e per le idee, condivisibili o meno, che si sforza di portare avanti remando controcorrente.

  • antsr

    “Draghi vuole tenere i rendimenti (tassi d’interesse) dei titoli di Stato Italiani e Spagnoli (in primo luogo, della Grecia se ne fregano, è già all’obitorio) a un livello sotto le presenti medie, che sono vicine al default. Questo perché il nostro default sarebbe la fine dell’Eurozona e quindi la fine della spoliazione della nostra ricchezza nazionale e della nostra democrazia.”…
    e poi andando nello scrivere:
    “lo Stato in questione dovrà sottoporsi alla Chemioeconomia della Troika di Commissione Europea, FMI, e BCE. Cioè ridursi come Grecia, Portogallo e Irlanda, cioè privatizzare tutto, cedere in pegno i fonti pubblici delle pensioni, far emigrare all’estero il 15 o 20% dei giovani, arrivare al 50% di disoccupazione.”
    ???
    Non capisco cosa scrive, cosa ha in testa? Tutto privatizzato, il 50% di disoccupazione, però vogliono tenere la democrazia e come? Tutto tranquillo! Senza possibili casini fra la gente, istituzioni, partiti e poi gli Usa permetterebbero tutto ciò in questa loro colonia che vogliono calma?
    ???

  • ws

    no , viene fuori tutta un ‘ altra cosa . …..mah .. vedremo.

  • Fabriizio

    sovrascritto da altri siti USA

  • Jor-el

    Sì. Cosa vuoi mai che succeda? Non esistono più sindacati, i partiti sono tutti allineati, non c’è un’opposizione organizzata. La miseria è il miglior modo per mantenere il controllo sociale. E poi chi l’ha detto che gli USA vogliano “calme”le loro colonie? L’imperialismo commerciale si basa sulla destabilizzazione del tessuto sociale, ove l’affarismo legale e illegale prospera. gli americani e i loro amici ci infarloccano con l’economia, ma intanto ci sfilano le mutande come dei volgari predoni.

  • Kevin


    Sono stanco di scrivere sempre le stesse cose.

    E allora perchè le scrivi?

  • Primadellesabbie

    Propongo a CDC di costituire i ” Cecilia Gimenez Awards ” con giuria formata dai frequentatori del sito in modo da individuare il miglior “restauratore” dell’€uro, dell’Europa, della vita del proprio Paese, del proprio partito, ecc.

  • Kevin


    Basta. Chi non è ridotto al ridicolo o alla pena di cui sopra, venga a Rimini e a Cagliari con la MMT, ci metta la mente, il coraggio e i mezzi, e si salvi. Staccatevi da sto schermo ora e datevi da fare.

    Come volevasi dimostrare: dopo la notizia, il marketing. Non capisco poi che coraggio ci vuole a spendere 40 euro e a sentire la lezione di cinque economisti americani. Il coraggio è morto e sepolto da quando è iniziata la civiltà dei consumi. Bresci sapeva a cosa andava incontro e ha fatto quello che riteneva giusto fare. E Caserio. Questo è coraggio. Ed è un coraggio che nè io, nè tu, caro venditore di fumo, abbiamo.

  • nigel

    Le tesi di Barnard sono quelle del Financial Times, difficile comprendere chi sghignazza davanti ad un dramma come quello che stiamo vivendo. Francamente: ma perchè venite su questo Blog?

  • Kevin

    Caro nigel, hai ragione. C’è una sottile differenza però e non confonderti. Un conto è sghignazzare sulla soluzione (e su colui che propone la soluzione), un altro conto è sghignazzare sul dramma. Credo che nessuno qui stia prendendo alla leggera il dramma. Correggimi se sbaglio.

  • AlbertoConti

    Senza quel “ma orrendo” Draghi avrebbe la piena approvazione della MMT, perchè questa sua mossa va esattamente in questa direzione: riciclare il debito pubblico nella banca centrale per minimizzarne il rendimento. Caro Popolo, ma non hai ancora capito che giocando a riciclare moneta e giocando sui rendimenti alla fine te lo mettono sempre in quel posto? I Bond sono moneta, a prescindere dalla loro durata, e sono moneta cattiva, che si può e si deve eliminare. Ma questo la MMT non lo dice, anzi, ne fa l’apologia, dice che sono “la ricchezza dei cittadini”. E invece sono la catena dei cittadini, per ridurli in schiavitù come noi e presto come loro, i connazionali dei furbastri della MMT, travolti dai loro astronomici debiti aggregati che la FED ha alimentato da decenni. Se è vero che gli impieghi in derivati sono 20 volte il PIL mondiale, vuol dire semplicemente che bisogna ridurre la moneta in circolazione di 20 volte (compresi tutti gli “strumenti finanziari” che SONO moneta: bond, fondi, obbligazioni, derivati di fantasia sfrenata, ecc). Solo così la moneta diventerà onesta e controllabile, per evitare che finisca tutta da una parte sola, la solita. Ma questa “teoria” è troppo avanzata, troppo distante da quel sistema bastardo che ha imbastardito il mondo intero e che da un posto di lavoro ben pagato ai prof. della MMT.

  • citalopram

    Nte’ regghe’ cchiu…

    Not you, airone blu (ca va sans dire…)

  • citalopram

    Vedi il mio nick…

  • Tanita

    Almeno Barnard cerca di fare qualcosa.

    From “Zerohedge”: “Ieri, Quando Bloomberg aveva filtrato ogni singolo dettaglio dell’annuncio di oggi della BCE, che significa infatti che la conferenza stampa di oggi non ha avuto sorprese, tuttavia il mercato avrebbe voluto farci credere che ce n’erano; noi abbiamo notato che tutto ció che si era filtrato – ed é stato oggi confermato – veniva da un memorandum della Goldman rilasciato qualche ora prima. Semplicemente si dica che tutto ció che capita alla BCE scaturisce dalle ordini di qualcuno dentro i quartieri generali dell’impero tentacolare del 200 Ovest. Il ché spiega la ragione per la quale all’ora di fare sommario di quanto “capitato” oggi, si va alla corporation che ha pre-ordinato gli eventi settimane fa. Goldman Sachs”.

    Ecco chi é al governo dell’Eurozona, come da noi detto ad ottobre 2011. Scusate la free translation a tutta fretta.

  • Hamelin

    Barnard , purtroppo sei caduto anche tu nella trappola di Draghi ,non accorgendoti che il vero obbiettivo di questa manovra é una ricapitalizzazione occulta del sistema Bancario Europeo ( l’ennesima ,e sempre a spese dei cittadini ).
    Ovvero gli Stati tassando i cittadini daranno i soldi alla BCE perché essa compri i titoli illiquidi delle banche = Ovvero un ente pubblico , prenderà soldi da elementi pubblici (Stati) per trasferirli ad entità private = Ovvero la BCE incamererà la ricchezza dei meno abbienti per trasferirla all’Elitè Bancaria.
    Questo è il fine furto di un artista , tanto di cappello!
    Lo “Spread” é solo lo specchietto per le allodole…Dispiace che uno in gamba ed intelligente come Barnard non lo abbia capito.
    Le Banche hanno spinto la crisi sui titoli di Stato per comprarli a sconto ( e nel frattempo intascando pure cedole di tutto rispetto) solo per spingere il “vecchio amico” Draghi ad avviare il piano di acquisto che ho come il sentore sarà alla pari.
    Stanno per piovere un bel po’ di soldi “Gratis” sulle banche …
    E’ per questo che oggi i bancari in borsa hanno avuto rialzi fiammanti ( gli speculatori sono molto accorti e sono speculatori proprio perchè ci arrivano prima ).
    La prima legge del mercato finanziario é “Follow the Money”.
    Capirai tante cose…
    E’ ora di smontare sta baggianata dello spread con quell’altro pagliaccio (l’altro Monti) che fa vedere grafici e dice cazzate a manetta.
    Lo Spread é pilotato da le banche per i loro interessi, adesso che hanno avuto ancora questo pasto Gratis a spese dei soliti noti lo riporteranno giu’…finché non avranno ancora fame.

    Il fatto piu’ grave secondo me non é il fatto che la gente non vuole seguire la MMT ( A mio avviso giustamente ,in quanto non funzionale alla situazione ) ,il fatto veramente allarmante é che LA GENTE NON SI RENDE MINIMAMENTE CONTO DI ESSERE GOVERATA DAI BANCHIERI E CHIAMA QUESTA COSA DEMOCRAZIA!!!

    ( E andranno per l’ennesima volta ,come una torma di pecore a votare , quando sarà loro ORDINATO…)

  • cirano60

    una cattiveria, ma non è che il guru è arrapato di soldi veri,euri dal bel profumo,fruscianti,colorati dopo tutto quel studiare di economia,la beneamata mmt,trascurando innumerevoli altre teorie,un qualcosa nè dovrà pur ricavare.Quindi orsù mettete mano al portafoglio e contribuite con la vile pecunia per accrescere il vostro bagaglio culturale ascoltando le lezioni dei prof(neanche italiani) più alla moda in passerella.forse ci sarà anche il momento comico se parteciperà grillo: una raffica di vaffanculo qualcuno senz’altro se la beccherà.

  • Kevin

    Beh, arrapato lo è sempre stato, come testimoniano alcuni suoi post di 3 anni fa. Che ora sia arrapato di soldi veri, basta vedere sul suo sito quanto chiede per propugnare una teoria economica (400 euro), e anche sentendo il parere di alcune voci indiscrete che hanno partecipato al summit di Febbraio. Ti scrivo in privato, perchè non voglio attirarmi insulti e minacce dei suoi fan e non voglio portarmelo sulla coscienza se dovesse venirgli un attacco epilettico.

  • gattocottero

    E invece NO: significa semplicemente che VA BLOCCATA LA CREAZIONE DI MONETA-CREDITO:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Moneta-credito

    (o, come pomposamente la chiama il prof. Alberto Bagnai “l’endogeneità della moneta”) imponendo alle banche la PIENA RISERVA:

    http://en.wikipedia.org/wiki/Full-reserve_banking

  • shoona

    Caro PB pian piano ti stai incartando da solo con la tua mirabolante teoria salva vite, salva mondo e salva umanità alimentata dai tuoi meeting a pagamento ogni tot mesi. Se sapessi pensare e non fossi così dannatamente ossessionato dal trovare una soluzione tecnica in grado di far godere tutti della meraviglia del capitale, capiresti che forse prima è necessario mettere in discussione il capitale, la moneta, la proprietà, il lavoro, i consumi, il benessere etc etc Se lasci gli elementi intatti il risultato sarà un goffissimo tentativo di far credere che il minestrone avrà un sapore diverso perché anziché alimentarlo a fiamma media lo alimenti a fiamma un po’ più alta(ma poi il gas finisce?)

    Mi ricordi tanto mio nonno che credeva di non morire mai perché secondo lui bastava l’aloe per curar tutto. Adesso riposa in pace.

  • Kevin
  • Highlangher

    Brava Tanita, dovresti essere tu a scrivere i post e altri a fare commenti. Seguo da tempo questo sito e le tue idee sono molto vicine alle mie. Siamo pochi ma se riusciamo a divulgare certe notizie, saremo sempre meno soli. Buona vita.

  • AlbertoConti

    La fiat money è interamente moneta debito-credito, e su questo non si torna indietro, a prima del 1971. E’ dimostrato dalla teoria e dalla pratica.
    Quello che va bloccato è il circuito credito-risparmio, la metastasi cancerogena che ha pervaso il capitalismo dollarocentrico che stiamo subendo sulla nostra pelle. Non esiste merito individuale al mondo che giustifichi il possesso di denaro, in qualunque forma trasformato, in misura esagerata al punto di gonfiare il salvadanaio globale di decine di volte quello che è il suo limite fisiologico, concentrandone il possesso in poche mani (le due cose sono strettamente connesse a formare un problema unico: ecco il perchè della sperequazione dei redditi, legata al proliferare della “ricchezza” virtuale di tipo monetario). Solo la comunità nel suo complesso può controllare queste dinamiche, ma non certo separando la creazione di moneta (banche private) dalla distruzione di moneta (tassazione). Le due funzioni devono stare insieme, altrimenti è truffa dei pochi sui molti, come stiamo vedendo e subendo.

  • Giancarlo54

    Sinceramente mi danno fastidio i continui attacchi personali a Barnard, con cui si potrà essere d’accordo o meno, però bisogna dargli atto che lui è uno dei pochissimi che si sta impegnando contro il “sistema”. Certamente che stare qui a smanettare sul PC e sparare giudizi è molto facile, impegnarsi e dire qualche cosa è estremamente più complicato (sempre che i critici ad oltranza di Barnard siano in buona fede e non pagati apposta per venire a sollevare polveroni anche qui su CDC).
    Nel merito vorrei tranquillizzare Barnard, anche io che mi onoro di essere “alternativo” ho capito benissimo il giochetto di Draghi e della sua banda. Anche io non mi sono unito ai peana osannanti dei media e di TUTTI i partiti politici italioti, anche io ho capito benissimo che la mossa di Draghi è fatta apposta per evitare il default, evitare il fallimento degli stati e continuare a succhiarci il sangue. Ad un morto il sangue non può essere più succhiato e questo Draghi e i suoi accoliti lo sanno benissimo. Vedo che qualcuno, ancora e purtroppo Barnard è uno di questi, continua a parlare di democrazia non accorgendosi che è appunto la democrazia la stampella a cui Draghi e combriccola si appoggiano per continuare i loro miserabili giochi. Continuare a presentare Draghi come il NEMICO della democrazia significa non capire nulla e perseverare nell’errore. Draghi, e Monti, sono la DEMOCRAZIA. Perchè la democrazia è questo: potere usocratico delle banche mascherato da tante belle parole.

  • Aironeblu

    Sottoscrivo. E poi preferisco affrontare i drammi con l’ironia, che è un’arma molto più tafliente di quanto sembri, piuttosto che con il vittimismo tragico.

  • Aironeblu

    Già… Ci hanno messo tempo e impegno a costruire quesro sistema di controllo velato, ma pare purtroppo funzionare benissimo. I cittadini non possono accorgersi di vivere e foraggiare un governo tutt’altro che democratico, non per stupidità, quanto perchè vittime di un piano molto ben studiato per garantire lo status quo: abituati a ricevere l’informazione da chi detiene il potere, e schiacciati da una quotidianità sempre più difficile e preoccupante, è difficile avere la predisposizione mentale per cercare di documentarsi e analizzare criticamente il reale sistema economico e politico dei nostri paesi, c’è da pensare prima a come pagare l’IMU, a quale scappatoia ricorrere per non perdere il posto di lavoro, o per trovarlo, e tutta una serie di contingenze da cui non si scappa.

    A meno che tu non sia uno che si occupa per professione della materia, oppure non ti capiti per le mani un articolo, una notizia, un’indagine, che sia in grado di risvegliare il tuo senso civico, e questa credo, è già una piccola speranza.

  • LeoneVerde

    Questo è quello che è diventato.

  • daveross

    Ovvero gli Stati tassando i cittadini daranno i soldi alla BCE perché essa compri i titoli illiquidi delle banche

    Le Banche hanno spinto la crisi sui titoli di Stato per comprarli a sconto

    Forse prima di esternare la tua profonda conoscenza del così nascosto eppure chiaro sistema alla Gola Profonda (“follow the money”), forse, sarebbe meglio dare una spolverata ai testi sulla spesa pubblica e piuttosto che spararle in questo modo.

    Suvvia, siamo seri.

  • walterkurtz

    Hai centrato il punto

  • RicBo

    Ma c’è un ma orrendo che ovviamente i servi dei media, come il 99% degli antagonisti italici, non vi raccontano.

    Al di fuori dell’Italia si descrivono per filo e per segno le ragioni, le conseguenze e i dettagli di tutto quello che stanno cucinando in questi mesi i padroni dell’Europa. Addirittura su El Pais (no, dico: El Pais!) c’è un’articolo che spiega dettagliatamente come funzionano i vari sistemi di prestito, le condizioni che impongono, le conseguenze possibili (che vanno dal disastro nero a quello grigio chiaro) gli attori in gioco.
    In Francia, Portogallo, Inghilterra è lo stesso. (In Irlanda no, perchè ha una società bloccata molto simile alla nostra, in Germania non so perchè non conosco il tedesco, ma credo che non sia diverso)
    Per prima cosa questo dimostra che non c’è nessun complotto occulto pseudo massonico. E’ tutto alla luce del sole. E’ semplicemente che la lotta di classe si è alzata di livello, che la stanno vincendo i ricchi e che queste classi dominanti sono più ignoranti ed avide di qualsiasi altro momento della Storia. (Su questo PB ha ragione)
    D’altro canto Barnard si deve credere l’unico che sa queste cose e che le possa divulgare, la Kelton e c. gli hanno dato l’esclusiva, no? Quindi vai col marketing dell’evento MMT: dammi 40 euro e potrai entrare nel club di quelli che sanno, quelli che salveranno il mondo.
    Bene, le classi dominanti saranno ignoranti ed avide ma non sono stupide, tutt’altro: credete che abbiano paura di PB ed i suoi 5 moschettieri?

  • ascanio

    Il quadretto è questo: tutti a sacramentare sulle nuove legislazioni, le austerità e chi più ne ha più ne metta.
    Ma ci sarà qualcuno che fa qualcosa per evitare che ci distruggano??
    Siiiiiiii!
    Per fortuna.
    I sindacati??? Come no. Da quando sono sorti sono sempre stati in mano alla mafia.
    Le iniziative o i singoli personaggi come Grillo con le loro buone prospettive a nostra difesa??
    Certo!!!! Tutte illusioni messe li apposta dai “manipolatori” del sistema per non far insorgere la folla che arranca nella mendace illusione che “qualcuno o qualcosa” si stia muovendo….
    Anche tu, Barnard, cosa perdi tempo a fare?? Se dovessi diventare troppo pericoloso ci penseranno loro a sistemarti…
    Per ora non sei un pericolo. Lo vedono dai loro dati statistici: tanto fumo e niente arrosto….
    E intanto giorno per giorno, goccia dopo goccia, ci stanno succhiando fino all’ultima goccia di linfa vitale….Questa è la dura realtà!
    Non c’è via di scampo: sono troppo potenti!!!!!!!

  • Hamelin

    A me non mi sembra di averle sparate.
    Credi veramente che siano i cittadini a muovere lo Spread?
    Quando nei media sussiadiati senti parlare degli investitori che non hanno fiducia ,mica parlano del fornaio che va a comprare i BTP.
    Parlano di Banche che hanno in pancia centinaia di miliardi di debito pubblico dei vari Stati .
    Se io sono un Goldman Sachs o un JP Morgan qualunque ed ho un portafoglio di 200 Miliardi di BTP e metto in vendita Tutto il portafoglio al meglio ,vedrai il rendimento dei titoli schizzare alle stelle il prezzo abbassarsi e lo Spread volare sulla luna…

    Lo Spread si muove solo sulla volontà delle banche e per le loro azioni .

    Dal punto di vista di un banchiere ( che punta sempre e solo al profitto ) è logico mettere in crisi gli Stati e i loro mercati finanziari per massimizzare gli utili .
    Male che vada avrà titoli deprezzati , poco liquidi ma che pagano cedole belle alte da High Yield…Bene che vada la banca Centrale farà un Quantitative Easing ricomprandorsi i titoli ad un valore molto ma molto piu’ alto del reale.

    LA VERITA’ E’ CHE LA CRISI ESISTE SOLO PER CHI LA PAGA.
    E ti posso assicurare che non sono certamente loro.

    I libri accademici ormai non servono piu’ a nulla sono buoni solo per accendere il camino , la maggior parte degli economisti sono tutti pagati dai banchieri per cui scrivono…Trovare economisti con una visione chiara ed indipendente è una rarità.

    Siamo arrivati a questo punto terribile semplicemente perchè gli economisti controcorrente sono stati ostracizzati da tutti e la gente comune non ha abbastanza competenze per comprendere il reale funzionamento del sistema finanziario e monetario ( Se lo comprendesse veramente ci sarebbe una rivolta seduta stante ) e si affida ai media ed i “Professori”.

    Bhè ne pagheranno le ovvie conseguenze ( hanno già iniziato a pagarle , ma non hanno chiesto ancora nulla rispetto a quello che pretenderanno nei prossimi 24/36 mesi ).
    Ciao

  • Giancarlo54

    Scusa la mia ignoranza, ma a me risulta che la BCE ha prestato alle banche denaro al tasso dell’1%. Con questi soldi le banche hanno comprato TDS che adesso rivendono alla BCE ai tassi di mercato. E i soldi, la BCE, dove va a prenderli? Li stampa o utilizza quelli che gli vengono “generosamente” donati dagli stati. Sbaglio?

  • Hamelin

    Corretto quello che affermi.
    La dinamica da te descritta pero’ non tiene conto del “quando”.
    La BCE con operazione LTRO ( Long Termin Obligation Refinancing ) ha preso come collaterale titoli tossici (che non valevano nulla ) in cambio di prestiti al tasso dell’1% .
    Con questi soldi le banche hanno comprato titoli di stato ad alto rendimento.
    Il guadagno sta sul prezzo (anche sulla cedola) , piu’ un rendimento è alto piu’ il prezzo è basso ,ed in quel momento i rendimenti erano molto alti ed i prezzi molto bassi.
    Le Banche hanno comprato TDS (e non solo)a prezzi stracciati .
    Hanno incassato Cedole molto alte ( per i rendimenti alti ) ed ora rivenderanno alla BCE i titoli a prezzo pieno ( Guadagnandoci 2 volte ).
    La BCE dovrebbe prendere i soldi dai fondi salva stati ,ecco i dettagli dell’operazione :

    “L´acquisto seguirà alla richiesta da parte del Paese coinvolto di aderire ad un programma pieno o precauzionale del fondo EFSF/ESM; la Bce interverrà allora ad acquistare il debito di quel Paese, potendo decidere a discrezione del Consiglio direttivo se mantenerlo o sospenderlo a stabilità finanziaria raggiunta o a condizioni non rispettate da parte del Paese membro; l´acquisto di bond non ha limiti ex ante, riguarderà solo titoli con scadenza da 1 a 3 anni e sterilizzerà la liquidità immessa in questo modo nel sistema; gli acquisti saranno detenuti fino alla scadenza; la Bce non sarà creditore privilegiato; gli acquisti da parte della Bce saranno comunicati settimanalmente”,

    Ovvero per prendere questa tornata di finanziamenti per le banche gli Stati dovranno dare i soldi ( dei loro cittadini e delle loro tasse )ai Fondi ESFS/ESM.
    Questi soldi poi verranno girati alle banche tramite l’acquisto dei Bond da parte della BCE.
    A detta della BCE sembrebbe una partita di giro e sembrerebbe che i soldi siano quelli “generosamente donati dagli stati”.
    Se non è una rapina questa ,io non so in che altro modo definirla…

  • Giancarlo54

    Se è per quello non hanno nemmeno paura di te, di me e di tutti gli utenti di CDC moltiplicati per 1 miliardo.
    Chi ha vinto 2 guerre mondiali, di cosa può avere paura?

  • Giancarlo54

    “Questa è la dura realtà! Non c’è via di scampo: sono troppo potenti!!!!!!!”

    Ribadisco quanto scritto nel mio commento precedente, questi hanno vinto due guerre mondiali e chi ha vinto 2 guerre mondiali di chi pensi possa aver paura? Ripeto per la milionesima volta: siamo fottuti!

  • Faulken

    Ipotizziamo per assurdo uno scenario dove l’Italia abbandona l’euro e torna ad essere uno stato a moneta sovrana con un governo che abbraccia in parole ed opere le teorie MMT. Vorrei sapere che tipo di politiche intenderebbe attuare un governo MMT nei confronti di due situazioni. 1) Economia globalizzata dove il signor Rossi chiude la sua impresa e la trasferisce in Asia perché il signor Smith in Inghilterra, che produce calzini pure lui, ha già fatto la stessa cosa. 2) La probabile futura unione panasiatica russia-cina-india-iran

  • Iacopo67

    Che poi i soldi che gli Stati danno all’ EMS mi pare d’aver letto che diventano proprietà dell’ EMS, cioè non verranno mai più restituiti agli Stati se non in prestito, e anche questa mi pare proprio una rapina. Ma non sapevo che questi soldi sarebbero poi stati utilizzati per acquistare a prezzo intero i titoli venduti alle banche a prezzi molto bassi. C’è del grottesco in tutta questa storia, la realtà qui veramente supera ogni fantasia…

  • marcello1991

    CHI DI VOI QUI HA 40 ANNI 2 FIGLI UN MUTO E HA PERSO IL LAVORO?

  • Kevin

    Un muto no, però ho una nonna sorda, va bene lo stesso?

  • Tanita

    Buona vita anche a te, ma la vedo dura per tutti noi. Se si prendono l’Europa, come se la stanno giá prendendo, quanto dimoreranno nel puntare di nuovo i loro cannoni finanziari (e gli altri) di nuovo su di noi in Sudamerica? Questi tizi vanno combattuti sul serio altrimenti in vent’anni le disgrazie di oggi sembreranno una passeggiata…

  • LeoneVerde

    dalla risposta sotto capisci che non sono in tanti.
    Mi dispiace moltissimo per te. Io sono rimasta disoccupata 7 mesi, con affitto e bimbi. L’angoscia per la sopravvivenza è qualcosa che ti toglie il respiro. Ho avuto una fortuna sfacciata a essere richiamata per una sostituzione maternità da un’azienda in cui avevo già lavorato. a 30 km da casa, ma ho ringraziato il cielo. Chiama tutti quelli che conosci per sapere se hanno notizie su aziende per cui lavorano o aziende clienti o fornitori. Chiama tutti. Buona fortuna.

  • cirano60

    un muto cha parla solo a fine mese.

  • shoona

    Chi vuole la pena di morte di solito dice: “Tu non sai cosa vuol dire perdere un figlio”

  • Jor-el

    Una cosa che non si è ben capita: in Europa vige il socialismo. Solo che trattasi di una forma particolare di socialismo, perchè è a beneficio dei ricchi e a discapito dei poveri. I PIIGS sono i paesi con la bilancia dei pagamenti in passivo, cioè in cui le importazioni superano le esportazioni. Quindi i debiti, in origine, sono debiti privati. Ora, questi debiti privati vengono “magicamente” trasformati in debito pubblico grazie all’acquisto di titoli di stato da parte delle banche dei paesi creditori. A questo punto il gioco è fatto, col debito pubblico si giustifica un flusso di denaro che dalle tasche dei poveri finisce in quelle dei ricchi.

  • LeoneVerde

    ma sei un automa, un virus, uno spam??? ma che risposte date, cretini!!!

  • shoona

    Chi perde un figlio invocherà la pena di morte. Chi perde il lavoro invocherà l’uscita dall’euro. Chi è coinvolto in una tragedia non ha la lucidità per capire le radici di un problema (solitamente complesso in un mondo dalle mille variabili) ma cercherà la soluzione più semplice e immediata per risolvere tutto. Se non ti fossi ancora accorto la pena di morte non ha risolto alcun problema. Vogliamo provare con l’uscita dall’euro? Gli insulti tienili per te. Grazie.

  • walterkurtz

    Proprio quando sarebbe meglio che stesse zitto.

  • daveross

    Ti invito a rileggere il mio intervento. Certamente non nego che le politiche dei tassi della BCE abbiano rilasciato fiumi di Euro a basso costo alle banche. E’ un fatto. Tuttavia non è un fatto dire che “gli stati tassano i cittadini per dare soldi alla BCE che poi li ripassa alle banche”.

    La mia critica è questa: se davvero devi postare un commento cerca di sapere di cosa stai parlando.

  • gattocottero

    ‘Azz, avevo scritto la risposta e mi si è cancellata. Aspetta che la riscrivo.

    Rispondo prima alla 2) e poi alla 1).

    2) La MMT è esclusivamente una TEORIA ECONOMICA ossia poi può essere presa dai partiti i quali ci fanno ciò che vogliono. Si tratta, infatti, di una teoria “tecnica” che può anche avere (dietro) un governo fascista. Ovviamente, dal mio punto di vista, sarebbe preferibile che dietro abbia un governo democratico.

    Più che altro sarebbe da capire cosa i governi che tu hai citato vogliono ottenere dal punto di vista economico. I cinesi – e in generale la gran parte degli stati asiatici – hanno modellato molto della loro economia su modelli simili a quello della MMT. I cinesi, che prima seguivano un modello economico marxista (che era però già in parte diverso da quello marxista-leninista dell’URSS) dopo i 1989 (fatti di Tien An Men) sono stati costretti a rivedere profondamente la loro politica economica per non fare la fine degli altri paesi socialisti. Il risultato è stata l’implementazione di un modello post-keynesiano in cui il mercato è temperato da un forte controllo dello stato in economia.

    1) Alcuni dicono che la MMT non si occupi di queste cose, invece se ne occupa eccome:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_Monetaria_Moderna#Importazioni_ed_esportazioni

    Ora, è un discorso un po’ articolato (e difatti professori di economia come Cesaratto e Wray si scannano l’uno con l’altro su questo punto) ma in pratica fai come l’Argentina ossia regoli la questione con trattati economici tra stati che impongano un corrispettivo di valore tra i beni importati e quelli esportati.

    Il punto centrale è questo: con la MMT il centro di sviluppo per l’economia ritorna a (giustamente) essere il mercato interno. Quindi bisogna anche prevenire che degli stati esteri utilizzino il tuo mercato interno per crescere a tue spese.

  • nuovaera89

    VOGLIAMO PROVARE A RESTARE NELL’EURO PER ALTRI 10 ANNI?????

  • shoona

    sostanzialmente è indifferente

  • Faulken

    Grazie per la risposta innanzitutto.

    Mi sono espresso non con tutta la chiarezza possibile nel punto 2 e andavo per congetture, scenari ipotetici. Nutro l’idea che una “lega panasiatica” di fatto ci sarà e immaginavo scenari. Come tu ben sottolinei la MMT è una teoria economica, ed anche per questo non condivido la cieca fiducia di Barnard in un solo ed unico strumento, e nell’economia come il tutto o madre di tutte le cose importanti. La trovo una visione un po’ miope e pericolosa. La storia ci insegna che nel nome di visioni monocole ad un certo punto son stati compiuti i più grandi errori. Personalmente se di teorie si deve parlare preferisco le visioni multidisciplinari di Latouche.

  • LeoneVerde

    Accade molto spesso che proprio da un fatto personale nasca l’interesse per capire la radice del problema. La lucidità è un’attitudine.
    Mi spiace, ma non riesco a tenermi di fronte di fronte alla mancanza di decenza. Ed era al plurale perchè era rivolto anche al fenomeno prima, tal Kevin…

  • Kevin

    Caspita, sono sempre nei tuoi pensieri 🙂

  • marcello1991

    ho 38 anni un figlio un mutuo un lavoro… e per ora non mi lamento…per ora….

    Ma c’è troppa poca umanità qui… senza cuore non si va da nessuna parte..nemmeno il + genio dei geni …e magari proprio in economia.

    State tutti ( o quasi) qui a filosofeggiare…. siete inutili veramente e più pericolosi di tutti i berlusca.. mafie.. draghi e monti del mondo…

    Maestà, il popolo ha fame e manca il pane..” “Dategli delle brioches..”

    che schifo!

  • nigel

    l’intervento della Bce non è certo risolutivo e nei termini posti addirittura controproducente. Intanto è politicamente indigeribile per Spagna e Italia le quali sperano infatti di cavarsela senza dover aderire al «programma precauzionale» di austerità concordato con l’Europa con tanto di vigilanza del Fmi.
    Sperano cioè che l’effetto annuncio dell’altro ieri basti a ridurre gli spread, sebbene ad esso nulla di operativo segua senza le forche caudine della «condizionalità». Ma se nulla accade gli spread risaliranno, magari perché i mercati si aspettano una adesione solo quando sarà troppo tardi.
    “…Quale obiettivo di riduzione degli spread la Bce assicuri non è noto, sicché la sua probabile insufficienza e l’irrigidimento delle clausole di austerità renderà difficoltoso ai paesi aderenti ottemperare agli obiettivi concordati. Se i paesi non ottemperano agli obiettivi concordati, la Bce potrà interrompere il sostegno, ma sancendo a quel punto una possibile rottura dell’euro.
    Come si vede un vero pasticcio, che rende la mossa Draghi l’ennesimo «far rotolare giù la lattina per la discesa».
    Essa conferma perà quello che gli economisti eterodossi (fra i quali quelli della «Modern Monetary Theory») hanno sempre sostenuto: i tassi li fanno le banche centrali e non i mercati. Se ne desume che gran parte dell’incendio di questi due anni sia stato appiccato dalla Bce medesima, ubbidiente al diktat dell’elite europea di spazzar via attraverso una crisi fiscale welfare state e sindacati – nella periferia in primo luogo, ma come lezione ai sindacati tedeschi in secondo.
    Fatto è che le unioni monetarie nascono col precipuo scopo di costringere i paesi membri (e le loro classi lavoratrici) a una devastante concorrenza deflazionista.
    Questo insegnamento ci proviene da Keynes, ma pochi fra gli economisti di sinistra sono culturalmente in grado di trarne le dure conseguenze. La Bce ha agito coerentemente al mandato. Delle tre fonti di crisi, quella consistente dello stesso euro, quella dovuta al mancato intervento della Bce per due lunghi anni, e quella dell’austerity, la mossa di Draghi attenua la seconda, ma al prezzo di alimentare la terza, e senza far nulla nei confronti della prima.
    La mossa di Draghi va interpretata come frutto della paura che l’incendio si portasse via il presupposto medesimo del discorso, cioè l’euro, e che dunque i popoli dei paesi periferici potessero di dire basta a questa lenta agonia. Si tiene dunque in vita il paziente, ma solo quel tanto perché dosi rafforzate dell’altra cura, l’austerità, facciano effetto nell’annichilirne ogni volontà di reazione. C’è dunque un senso sinistro, e non progressista, come sembra sostenere Pizzuti ieri su questo giornale, al messaggio di Draghi sull’irreversibilità dell’euro.
    Sono altre strade possibili? L’intervento incondizionato della Bce dovrebbe essere accompagnato dall’obiettivo della stabilizzazione dei rapporti fra debito pubblico e Pil (non riduzione). Questo obiettivo rassicurerebbe i mercati, mentre lascerebbe spazio a politiche fiscali espansive.
    Ciò non basterebbe, tuttavia, a ricomporre gli squilibri commerciali infra-europei. Si dovrebbe rapidamente anche andare verso un crescente bilancio pubblico europeo con una forte componente redistributiva centro-periferia, mentre il ruolo dei bilanci nazionali potrebbe ridursi (come negli Usa, insomma).
    Questa dell’Europa Federale è una prospettiva che però tanto somiglia a un’Europa divisa fra sussidiati e sussidiatori, inaccettabile per evidenti motivi ad entrambi, e non per le generiche «idiosincrasie nazionali e nazionalistiche» che Pizzuti vede come ostacolo.
    Soprattutto, la dura realtà è che l’Europa va in un’altra direzione, l’euro è nato per quello.

    (Sergio Cesaratto)