Home / ComeDonChisciotte / LA TERZA GUERRA MONDIALE ?

LA TERZA GUERRA MONDIALE ?

DI ROMOLO GOBBI

Alla caduta dell’impero sovietico ci si pose la domanda se potesse esistere un impero unipolare. All’origine degli imperi vi è sempre stato lo scontro col nemico storico tradizionale: dai Tartari per l’impero mongolo, ai Persiani per Alessandro, ai Cartaginesi per i Romani, all’Europa per l’impero americano. Poi gli imperi andarono oltre, con una crescita biologica, come neoplasie, senza avere giustificazioni ideologiche; così l’impero mongolo, il più grande esistito, dalla Cina alla Russia, sino all’Ungheria, che non impose né una lingua né una religione, né un sistema di vita, né un modo di produzione. Gli altri, invece, si diedero via via giustificazioni di cultura, di civiltà o economiche.

L’impero americano, dopo aver sconfitto definitivamente l’Europa, dall’Atlantico agli Urali, avrebbe potuto mantenere la propria egemonia globale con le sole forze dell’economia e con la presenza militare in ogni parte del globo. Invece, gli USA, ancor prima della fine delle guerra fredda, individuarono nella Cina il futuro antagonista, col quale, prima o poi, si sarebbe arrivati ad uno scontro finale. Innanzitutto, la Cina era ancora un paese comunista, col quale erano già venuti direttamente alle mani durante la guerra di Corea. Inoltre, aveva dimostrato anche in altre occasioni una certa bellicosità: prima con l’occupazione del Tibet, nel 1950, poi nella breve guerra contro l’India, nel 1962, lo scontro con l’URSS sul fiume Ussuri nel 1969 e, infine, con la guerra contro il Vietnam, nel 1979 – ’80. I “rossi “ cinesi, inoltre, appartenevano ad una civiltà, una delle più grandi, con la quale si sarebbe arrivati ad un confronto in base alla formula dello “scontro delle civiltà” proposta da Huntington nel 1993.
Altri intellettuali scrissero nel 1997 il famoso documento sul “Nuovo secolo americano”, nel quale si prevedeva che, per affrettare la riorganizzazione delle forze armate americane sarebbe stato necessario “qualche evento catastrofico e catalizzamte, come una nuova Pearl Harbor”. Molti hanno voluto individuare in questa frase la premeditazione di una qualche implicazione del governo americano negli eventi dell’11 settembre 2001; ma, il documento prevedeva anche, in più punti, la necessità di affrettare il riarmo americano per poter affrontare un nuovo nemico globale, la Cina. Fin da pagina 4, la Cina era individuata come “potenziale rivale”, a pagina 8, si sottolineava “la modernizzazione ed espansione della forza nucleare cinese”, a pagina 9, si prevedeva “un nuovo teatro di guerra, come un intervento americano in difesa di Taywan contro un’invasione cinese”, a pagina 12, si diceva che “l’esercito cinese cerca di controbilanciare i vantaggi dell’america nelle forze aeree e navali”, a pagina 18, si affermava che in prospettiva l’ “Asia dell’Est diventerà una regione sempre più importante, segnata dalla crescente forza cinese”, e, ancora, a pagina 65, la Cina è indicata come potenziale avversario e “In particolare, la marina cinese ha recentemente preso in consegna i primi, di molti programmati, destroyers della classe Sovremenny, comprati insieme a missili supersonici da crocera anti-nave dalla Russia, aumentando notevolmente la capacità della Cina di attaccare navi USA”.

Un altro intellettuale, Zarabigniew Brzezinski, già consigliere per la Sicurezza Nazionale del presidente Carter, in uno studio del Council of Foreign Relations del 1997, prevedeva mire espansionistiche della Cina verso l’area del Caspio, e proponeva che gli Stati Uniti estendessero il loro controllo alle ex Repubbliche Sovietiche di quella zona: dal Turkmenistan, al Uzbekistan, al Tagikistan al Kazakistan.

Quando, dopo l’11 settembre, con il pretesto di una guerra contro il “Male”, gli USA attaccarono prima l’Afganistan e poi l’Iraq, si parlò subito di una “guerra per il petrolio”, e, in effetti, era tale anche per impedire che la Cina potesse arrivare al petrolio del Medio-Oriente. Per ostacolare la Cina, anche nell’accesso al petrolio ed al metano del Caspio, gli USA hanno stabilito basi militari in Tagikistan, Usbekistan e costruito la più grande base aerea americana in Asia Centrale a Manas nel Kirgizistan. Se si tiene conto anche delle basi americane in Giappone (47.000 uomini e 350 aerei) e in Corea del Sud (37.000 uomini e 225 aerei), più quelle nelle Filippine e a Taiwan, si ha un’idea dell’avvenuto accerchiamento della Cina.

In maniera esplicita, gli USA hanno decretato un embargo verso la Cina delle armi e delle tecnologie con possibile impiego militare, mentre continuano ad inviare armi a Taiwan. Nonostante tutto questo, la Cina è diventata il principale partner commerciale degli Stati Uniti, ed è anche uno dei più importanti possessori di Buoni del Tesoro americani; inoltre, le riserve valutarie cinesi di valuta pregiata ammontano a 1332,6 miliardi di dollari, pari all’intero debito pubblico italiano; questi fatti aumentano la tensione dell’opinione pubblica americana nei confronti delle importazioni dalla Cina, e da più parti si chiede l’imposizione di dazi doganali alle merci cinesi. Ricordiamo che uni dei liet motiv della propaganda anti-giapponese prima della seconda guerra mondiale, era lo slogan contro il “made in Japan”, ripetuto ossessivamente nei documentari americani. Ora però il Giappone è alleato fedele degli USA, e, anzi, nel maggio di quest’anno il primo ministro giapponese, al ritorno da Washington, ha annunciato l’integrazione del sistema anti-missile giapponese con il progetto di scudo spaziale americano nell’area del Pacifico; finora il Pentagono ha installato dieci intercettori in Alaska e altrettanti in California, dove raddoppieranno nel 2008. Per ora, il Giappone ha cominciato a dispiegare alcune batterie anti-missile americane, con l’ultima versione dei famosi missili Patriot, e ha annunciato che saranno disponibili entro la fine dell’anno anche gli intercettori SM3. La polemica tra Russia e Stati Uniti sulla proposta di questi ultimi di installare una base dello scudo anti-missile in Cechia, per difendersi da ipotetici missili nord-coreani, nasconde la volontà di installare anche in Europa uno scudo missilistico anti-cinese. Tutta la faccenda del pericolo nord-coreano, ci sembra una sceneggiata anti-cinese.

A completamento dell’accerchiamento della Cina, bisogna aggiungere l’India, che già nel luglio del 2005 ha tenuto manovre militari congiunte con gli americani nel Ladakh, ai confini con la Cina e il Pakistan. Proprio da questo paese, nei primi giorni di quest’anno, è stato criticato il patto fra India e USA, sull’uso civile dell’energia nucleare, raggiunto l’anno scorso, ma ancora da approvare da parte del Congresso americano, pretendendo di usufruire anch’esso della tecnologia atomica americana. Naturalmente, il patto India –America ha allertato la Cina, nonostante le assicurazioni che il patto non rappresenta un atto di ostilità anti-cinese.

Gli accordi americani con l’India sconvolgono il sistema tradizionale delle alleanze tra le grandi potenze, che vedevano l’America alleata del Pakistan e l’India della Russia. Che dire di quest’ultima: Pechino compra da Mosca il 90% delle sue forniture militari, in deroga all’embargo americano e della Comunità Europea. Inoltre, la Cina importa dalla Russia notevoli quantità di petrolio, ed è stata annunciata ufficialmente dal presidente Putin, la costruzione di un oleodotto e due gasdotti entro il 2010.
Sono questi gli schieramenti per una futura Guerra Mondiale” ?!

Romolo Gobbi
Fonte: www.romologobbi.com
Link: http://www.romologobbi.com/articoli.asp?id=23
15.08.07

Pubblicato da Davide

  • LonanHista

    Se il futuro nemico è la cina, perché i neocon americani vanno a stuzzicare e provocare gli islamici, bollandoli tutti come terroristi ed attizzando una guerra di religione e civiltà con loro?
    Non è preferibile averli come alleati?
    dato che la cina non è solo una minaccia virtuale, ma una minaccia reale per il futuro?

  • Ashiwo

    Alcune ragioni che mi vengono in mente sono:
    – L’area islamica è Comunque di interesse economico per gli USA.
    – E’ un testground per le tecnologie belliche USA (vedi UAV, e i sistemi FCS).
    – Distraggono l’opinione pubblica, anche della cina, sui reali intenti degli USA.
    – Gli islamici non è detto che accettino di allearsi con gli USA, forse una ragione potrebbe essere l’alleanza con Israele, che non credo sia molto ben vista nel medioriente visto il loro atteggiamento.
    – Alla cina potrebbe allarmare di piu un alleanza con l’islam rispetto all’attuale atteggiamento anti islamico USA.