Home / ComeDonChisciotte / LA CRISI

LA CRISI

DI HERMAN DALY E TOM GREEN
Adbusters

L’innovativo economista Herman Daly si concentra sulla causa fondamentale del nostro crollo finanziario.

Il tumulto che sta affliggendo l’economia mondiale scatenato dalla crisi dei subprime negli Stati Uniti non è esattamente una crisi di “liquidità” come spesso viene chiamata. Una crisi di liquidità indicherebbe che l’economia è nei guai perché le imprese non possono più ottenere crediti e prestiti per finanziare i loro investimenti. In realtà, la crisi è il risultato della crescita eccessiva delle risorse finanziarie rispetto alla crescita della ricchezza reale – praticamente l’opposto di una scarsa liquidità. Dobbiamo fare un passo indietro e analizzare alcune delle regole di base che gli economisti e i commentatori ossessionati dalla crescita tendono a trascurare.

Dopo aver vinto il premio Nobel per la chimica, Frederick Soddy decise che avrebbe potuto fare del bene all’umanità impiegando il suo talento nell’economia, un campo che secondo lui mancava di connessione con la realtà biofisica. Nel suo libro del 1926 Benessere, Benessere Virtuale e Debito: La Soluzione del Paradosso Economico, (un libro che aveva predetto la crisi dei mercati del 1929), Soddy ha fatto notare la fondamentale differenza tra benessere reale – palazzi, macchinari, olio, maiali – e il benessere virtuale, nella forma di soldi e debito.

Soddy ha scritto che il benessere reale era soggetto all’inevitabile legge dell’entropia della termodinamica e che sarebbe marcito, arrugginito o consumato con l’età, mentre i soldi e i debiti – da dispositivi contabili inventati dagli uomini – erano soggetti solo alle leggi della matematica.Invece che decomporsi, il benessere virtuale, nella forma del debito, capitalizzando secondo il tasso di interesse, in realtà cresce senza vincoli.

Soddy ha usato esempi concreti per dimostrare la debolezza nel pensiero economico. Un contadino che alleva maiali si trova di fronte a limiti biofisici su quanti maiali può portare al mercato. Ma se quell’allevatore di maiali fa un debito – una promessa di ripagare in futuro – starebbe in realtà emettendo una dichiarazione o vincolo sulla sua futura produzione di maiali. Se acquistasse l’equivalente del valore di 100 maiali, potrebbe descrivere il prestito nel suo bilancio patrimoniale come “-100 maiali”.

Mentre il debito come la voce della contabilità del contadino è negativo, maiali in negativo non esistono davvero. Se il contadino passasse una serie di annate magre e non fosse in grado di pagare gli interessi, potrebbe ben presto essere in debito di più maiali di quelli che è capace di allevare nella sua fattoria. Dopo un anno, mentre gli interessi si fanno minacciosi, avrebbe “-110 maiali”; dopo 5 anni, “-161”; dopo 40 (assumendo che abbia una banca paziente), “-4526”. Quando la banca alla fine viene a reclamare la restituzione del prestito dall’allevatore di maiali, potrebbe di sicuro trovare che la maggior parte del benessere virtuale che era cresciuto in modo così accattivante nei suoi libri ha dovuto essere estinto come una perdita.

Le intuizioni di Soddy ci mostrano che le istituzioni di una economia di crescita ci conducono al tipo di crisi che ha colpito l’economia degli Stati Uniti nel 2008. Il benessere reale è concreto. I beni finanziari sono astrazioni. Il benessere reale esistente funge da vincolo sul debito futuro. Per esempio, i 100 dollari di benessere virtuale che porto nel mio portafoglio sono un legame con il benessere reale per il fatto che quei dollari mi permettono di comprare carne di maiale al negozio.

Il problema che stiamo vedendo negli Stati Uniti è sorto perché l’ammontare di ricchezza reale non è un pegno sufficiente per garantire lo sbalorditivo debito pendente che è esploso come risultato della capacità delle banche di creare soldi, di prestiti erogati su beni poco stabili e del deficit del governo statunitense, che è stato alimentato dal finanziamento della guerra e dei recenti tagli delle tasse. Tutti questi fattori sono esacerbati dal complesso meccanismo del debito. Il debito sta crescendo e, conseguentemente, è stato svalutato in termini di ricchezza reale.

Secondo la saggezza convenzionale, quando ci troviamo davanti la minaccia di recessione e fallimento delle imprese, la soluzione sta nel far crescere l’economia in modo da poterci tirare fuori dalla crisi. Ma siccome è stata fatta una diagnosi sbagliata, cioè che le imprese sono nei guai perché l’accesso al credito è stato ristretto, è stata proposta una soluzione sbagliata. Anche se riusciamo a tirarci fuori dalla crisi e ritardare l’inevitabile e dolorosa riconciliazione delle ricchezze virtuale e reale, c’è il dubbio se questa sia una cosa saggia da fare. I costi marginali di crescita supplementare nei paesi ricchi, come il surriscaldamento del pianeta, la perdita di biodiversità e corsie soffocate dalle macchine, adesso probabilmente sono maggiori dei benefici marginali di un piccolo extra consumo. Il risultato finale è che promuovere ulteriore crescita economica ci rende più poveri, non più ricchi. Il costo per alimentare e prendersi cura dei maiali in più è maggiore del beneficio nel mangiare la carne di maiale in più.

Per stare al passo con l’illusione che la crescita ci sta rendendo più ricchi, abbiamo rimandato i costi rilasciando beni finanziari quasi senza limiti, comodamente dimenticando che questi cosiddetti beni sono, per la società nella sua interezza, debiti da ripagare sulla futura crescita della ricchezza reale. Lo sviluppo futuro è molto in dubbio, dato il rinvio dei costi reali, mentre il debito continua ad aggravarsi fino a livelli assurdi.

Cosa ha permesso a simbolici beni finanziari di diventare così disconnessi dai beni reali fondamentali?

Primo, la nostra economia è basata sul decreto monetario (cartamoneta emessa dai governi) che ha valore secondo la convenzione ma non è supportata da nessun valore fisico. Secondo, il nostro sistema bancario frazionario permette di piazzare secondo uno schema piramidale la moneta bancaria (richiesta di depositi) al di sopra della moneta emessa per decreto governativo. Terzo, comprare azioni e “derivati” a margine permette di continuare nella piramide mettendo i beni finanziari al di sopra della molteplice offerta di denaro. Inoltre, il settore finanziario era molto inventivo nel trovare nuovi strumenti finanziari che erano progettati per evitare il regolamento governativo sulle banche commerciali volto a proteggere il pubblico interesse.

L’agglomerato di mutui di diversa qualità in mucchi opachi e misti che hanno condotto alla crisi dei mutui subprime dovrebbe essere dichiarato illegale. Il deficit nella bilancia commerciale degli Stati Uniti ci ha permesso di consumare come se la nostra economia stesse producendo ricchezza reale invece di accumulare debiti. Finora, i partner commerciali degli Stati Uniti ci hanno riprestato volentieri i dollari che hanno guadagnato indirizzando verso di noi un commercio in eccesso di esportazioni con l’acquisto di buoni ordinari del Tesoro, ma questi buoni sono vincoli su una ricchezza che ancora non esiste. Naturalmente comprano anche beni reali e la loro futura potenzialità di guadagno. I nostri intelligenti guru dell’economia nel frattempo continuano a predicare in favore di una deregolamentazione sia del settore finanziario che del commercio internazionale (cioè il “libero mercato”).

Come ripuliamo questo pasticcio dunque?

Un massiccio piano di salvataggio – e l’obbligo per i cittadini di accollarsi nelle tasse miliardi in debiti – è semplicemente un modo per impedire ancora per un po’ che la crescita economica fallisca permettendo di continuare a deteriorare il pianeta. Sostenere tale sistema distruttivo non ha nessun senso. Invece dovremmo riorganizzare le nostre leggi e istituzioni per incoraggiare un’economia che rimanga entro i limiti biofisici.

Non sosterrei un ritorno alla moneta merce (come l’oro), ma di sicuro promuoverei il graduale aumento dei requisiti di riserva per le banche. Le banche commerciali dovrebbero operare come intermediari finanziari che prestano i soldi ad altre persone, non come motori per produrre soldi dal nulla e prestare ad un tasso di interesse. Se ogni dollaro investito rappresentasse un dollaro risparmiato in precedenza, potremmo restaurare il classico equilibrio degli economisti tra investimento e astinenza. Molti meno investimenti stupidi e disonesti sarebbero tollerati se l’astinenza dovesse precedere l’investimento.

Naturalmente gli economisti della crescita ululeranno che queste misure rallenteranno la crescita del PIL. Io dico che così sia – la crescita è diventata antieconomica, e abbiamo un tempo limitato per mettere l’economia al passo con la capacità di carico della biosfera.

Se Soddy fosse stato ancora vivo, dubito che sarebbe stato sorpreso dalla distruzione causata da tutti questi maiali a due zampe di Wall Street, dato che sono stati lasciati liberi di fare irruzione in qualsiasi mangiatoia in cui potessero ficcare il loro grugno mentre attingono al pensiero dell’economia convenzionale per travestire il loro pasticcio da innovazioni nella finanza. Ma penso anche che sarebbe deluso che, 80 anni dopo la pubblicazione del suo libro, non abbiamo ancora escogitato un modo per collegare l’economia alla realtà – per assicurarci che il numero di maiali in negativo non possa crescere senza limiti.

Titolo originale: “The Crisis”

Fonte: http://www.adbusters.org
Link
19.11.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ANGELA CORRIAS

Pubblicato da Das schloss

  • Duffy

    grazie della traduzione
    molto interessante

  • lino-rossi

    concordo in pieno con questo passaggio, che coincide perfettamente con la mia proposta (la PM di Einaudi e Menichella):

    “Non sosterrei un ritorno alla moneta merce (come l’oro), ma di sicuro promuoverei il graduale aumento dei requisiti di riserva per le banche.”

    concordo anche con questo passaggio:

    “Invece dovremmo riorganizzare le nostre leggi e istituzioni per incoraggiare un’economia che rimanga entro i limiti biofisici.”

    contesto invece con veemenza l’inno alla decrescita del PIL, perchè è possibile aumentarlo PROPRIO per tutelare l’ambiente (SU SPONDE DIVERSE COMPIONO LO STESSO TRAGICO ERRORE SIA TREMONTI CHE BERLUSCONI), coniugando quindi crescita del PIL con migliore tutela del pianeta (come correttamente sostiene J. Rifkin).

    per fare questo è necessario però eliminare paradisi fiscali ed hedge fund.

  • lino-rossi

    l’errore lo compie anche quella volpe della marcegaglia. non è un attacco sessista, perchè lo avrebbe fatto anche montezemolo. il vero problema è che confindustria da troppi anni è acefala, esattamente come la CGIL (degli altri sindacati, delle associazioni degli artigiani, della Chiesa, del mondo universitario, ecc., non se ne parla neanche: elettroencefalogramma totalmente piatto).

  • ericvonmaan

    “moneta emessa dai governi”…. ma che CAGATA PAZZESCA (per dirla alla Fantozzi)…. la moneta è emessa A SUO TOTALE ARBITRIO dalle Banche Centrali che sono PRIVATE e assolutamente libere da qualsiasi controllo da parte dei governi eletti!
    Non avete ancora capito che le politiche monetarie, le bolle, le crisi ecc sono GUIDATE DALL’ALTO in maniera da 1) ingrassare le vacche 2) mungerle fino a QUASI farle morire 3) ricominciare a ingrassarle – e il ciclo ricomincia da capo. Sono i così chiamati “cicli economici”.
    Noi lavoriamo, PAGHIAMO, soffriamo, e 3-400 clan famigliari padroni del mondo INGRASSANO e aumentano ancor più il loro potere assoluto.
    Solo un CONTROLLO E GESTIONE PUBBLICA/STATALE dell’emissione di moneta e delle CORRETTE politiche monetarie può darci qualche speranza.
    Finchè il POTERE N° 1 (EMISSIONE DELLA MONETA E GESTIONE DELLA POLITICA MONETARIA) sarà nelle mani di questi privati e dei loro lacchè NON C’E’ SPERANZA.
    Tutto il resto è aria fritta, elucubrazioni girando attorno al nocciolo della questione ma SENZA MAI AFFRONTARLO!!!
    Coraggio, aspetto qualche solone dell’economia che finalmente affronti il toro per le corna… ma forse è più comodo FARSI PAGARE per scrivere articoli utili alla causa dei padroni. E non parliamo dei politici per favore…

  • lino-rossi

    è una visione “cospirazionista” che la realtà che stiamo vivendo certifica autentica al 100%.
    sta crollando tutto e quelli che dovrebbero intervenire continuano a non farlo. come mai?
    tremonti aveva detto che aveva gli strumenti analitici per far fronte alla crisi. li ha anche detti: “eliminare i paradisi fiscali” (eliminando quelli si eliminano anche gli hedge fund lì collocati!). BERSANI NON L’HA ANCORA DETTO. se Tremonti non ha il coraggio deve andare a casa e mettersi in pantofole. bersani non ha il problema del coraggio. ha il problema che non c’è ancora arrivato. se non c’è non frigge.

  • Davide71

    Ciao:

    come la metti tu sembra che i politici siano in balia di questa gente. In realtà sono pappa e ciccia. E non sono certo tra le vacche da mungere. Noi sì che siamo in balia di quella gente.

    Una precisazione: le Banche Centrali emettono moneta su esplicita richiesta del Ministero del Tesoro. Il fatto che siano private conta molto relativamente; in realtà serve solo a nasconderci chi le controlla veramente. Anche i partiti politici sono associazioni private (quantunque prendano finanziamenti pubblici…) e non si capisce bene chi li controlla, soprattutto ultimamente.

    Questo per dirti che come la metti tu sembra che i politici non abbiano colpe. Ne hanno e neanche poche.

  • lino-rossi

    è corretto che i politici hanno colpe, ma non sono quelle che tu individui.

    è tragicamente FALSO che “le Banche Centrali emettono moneta su esplicita richiesta del Ministero del Tesoro”.

    magari fosse così!!!!!

    il Tesoro può solo decidere di fare dei titoli del debito pubblico, se non eccede il parametro del 3% di maastricht.
    il Tesoro non ha nessuna facoltà di incidere sulla Base Monetaria e sulla Riserva Obbligatoria. E’ questa la nostra tragedia.

  • Cataldo

    Aggiungerei anche una circostanza, che sta facendo capolino nei crani degli economisti meno rimbambiti, ovvero che se si riduce ad libitum il tasso di interesse si crea un paradosso nel debito: chi ha contratto dei debiti al tasso precedente superiore non è agevolato dalla discesa dei tassi precipitosa che è avvenuta, per il motivo che le sue entrate future attualizzate al nuovo tasso minore, fanno fatica a ripagare il montante del tasso di debito superiore precedente. In altri termini la riduzione dei tassi forzosa che abbiamo visto ha prodotto, attraverso questo meccanismo controintuitivo, un ulteriore svilimento dello stock di capitale reale accumulato dal sistema economico.
    Un sistema che vede i fondi pensioni USA basati su un rendimento minimo obbligatorio vicino al 6%, solo per mantenersi in linea, non può coesistere con i tassi sui bond trentennali sotto il 4 %, mi sembra abbastanza evidente eppure è un tema espunto dalle analisi economiche che ci propinano quotidianamente.

  • idea3online

    ***Secondo, il nostro sistema bancario frazionario permette di piazzare secondo uno schema piramidale la moneta bancaria (richiesta di depositi) al di sopra della moneta emessa per decreto governativo***

    Mio commento:

    Ricordatevi che la Torre Di Babele crollo!!!

    Il pianeta dopo tutto non è di nostra proprietà!!!

  • kant

    La crisi si affronta alzando la riserva obbligatoria e la base monetaria, come Lino Rossi sta ripetendo da mesi. Il fatto che questa soluzione non sia minimamente presa in considerazione rende molto plausibile l’ipotesi del complotto mafio-massonico dei plutocrati.

    Il ritorno al controllo statale va bene, a patto che i politici non siano venduti o collusi coi plutocrati, altrimenti siamo al punto di prima

    Per favore finiamola con la truffa del bipolarismo e cominciamo a votare qualcuno non compromesso (sperando che esista, forse Stefano Montanari e forse, nei comuni, le liste Grillo), altrimenti “solo un Dio ci può salvare”.

  • lino-rossi

    … sempre risolvibile con l’aumento della riserva obbligatoria.

    guardate questo De Felice. se la suona e se la canta.
    http://www.soldionline.it/saperinvestire/economia-e-societa/quali-soluzioni-alla-crisi-la-ricetta-di-gregorio-de-felice

  • biopresto

    forse su marte riuscirai a trovare qualcuno non compromesso…………

  • RobertoG

    Concordo pienamente. Montanari è l’unico certamente fuori da questa ghenga di mascalzoni. Probabilmente di PM capisce poco ma siccome è onesto si prende Lino come consulente e il gioco è fatto.

  • biopresto

    e quanto tempo credi possano durare ?

  • ericvonmaan

    Grazie per avere risposto Lino. Purtroppo troppa gente non capisce una mazza del problema “emissione e proprietà della moneta e politiche monetarie”. E’ qui sta la forza dei padroni.

  • ericvonmaan

    I politici sono solo dei funzionari, dei “camerieri dei banchieri” come li ha definiti Ezra Pound, dalle limitatissime possibilità di intervento. Certo, sono lautamente pagati, e quello che rubano ti può sembrare molto (e dal nostro punto di vista lo è) ma è NIENTE in confronto alle cifre che gestiscono e incassano quelli che comandano il sistema dell’emissione della moneta a debito. Il PROBLEMA sta lì, non nella politichetta da avanspettacolo che ci propinano i TG. Finchè ci accaniamo per quei quattro squallidi individui “scorregge nello spazio”, chi ci comanda e ci spreme se la riderà e continuerà a comandarci. Sveglia!!!

  • sultano96

    Se non ci foste lei e lino noi tutti staremmo nel buio più profondo! Grazie di esistere!

  • kant

    Infatti il problema è questo: se non esegui gli ordini vieni eliminato. Comunque al momento pensare che un “non allineato” prenda il potere è purtroppo pura fantascienza

  • VForVendetta

    Il pil dovrebbe decrescere diminuendo le produzioni di tutte quelle merci che danneggiano l’ambiente e le persone, mentre potrebbe aumentare facendo leva sui cosidetti lavori verdi

  • lino-rossi

    certamente