LA CORSA DEI LEMMING

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

DI TRUMAN BURBANK
comedonchisciotte.org

Mi segnalano un articolo di Brancaccio, “SINISTRA, OCCORRE UNA STRATEGIA PER USCIRE DALL’EURO” e ancora una volta leggo temi triti e ritriti.

Nell’analisi di Brancaccio c’è almeno un errore di fondo, esso considera che il PD sia un partito di sinistra, o almeno che esista un’area intellettuale (il giornale Repubblica?) che porta avanti le idee della sinistra.

In realtà la “sinistra” di Brancaccio è solo un’accozzaglia di venduti e traditori.

Detto questo, in questo articolo come in tanti altri, manca sempre l’analisi di fondo della crisi, si studiano le pagliuzze per cercare di prevedere il futuro. Ha qualcosa del pensiero magico questo modo di ragionare, come quelli che studiano i fondi di caffè nella tazza per vaticinare.
Bisogna ritornare agli elementi di base. Proviamo a elencarli ordinatamente.

1) Nel mondo c’è un eccesso di denaro colossale, nato dai profitti della finanza, lasciata libera di speculare alle spalle dei popoli. Questo eccesso di denaro non è più controllato dal mondo reale (l’economia reale delle persone), ma lo influenza pesantemente.

2) La globalizzazione ha fottuto il capitalismo. Per lungo tempo un sistema basato sul profitto criminale ha potuto mostrare la sua faccia buona (il benessere dell’occidente) mentre produceva sangue e disperazione nelle colonie (il terzo mondo schiavizzato tramite la finanza). Alla lunga tutte le linee di circolazione si sono richiuse ed il sistema criminale sta colpendo sul proprio cuore, i centri della finanza. Il tentativo di queste elites imbecilli è di spremere i popoli per rimpolpare le banche. Ma non c’è più trippa per gatti.
Più spremi le popolazioni e meno denaro entra in circolo (il caso della Grecia è esemplare).
Il sistema è fallito. Si può solo tentare di gestire il fallimento, se i criminali della finanza accettano di essere messi nell’angolino.

3) Per uscire dalla crisi bisogna sgonfiare la bolla finanziaria, oppure essa esploderà all’improvviso. E siamo molto vicini a questa esplosione.

4) Le persone che hanno creato questo stato di cose sono da tempo incapaci di controllare il processo. Sono solo capaci di gonfiare la bolla sperando che regga un altro poco. Vanno rimosse.

5) Non tutte le elites sono d’accordo in questa corsa dei lemming alla distruzione. Sanno che l’uscita dalla bolla può essere una guerra mondiale che lascerà solo cocci, oppure un’esplosione comunque devastante per tutti.

6) Se si vuole tentare di sgonfiare la bolla bisogna fare esattamente il contrario di ciò che è stato fatto finora: bisogna ridurre la quantità di moneta circolante (con fallimenti controllati di banche e finanziarie) e ridurre la sua libertà di movimento, quindi è opportuno tornare a valute nazionali ed a banche più piccole, basate sul territorio (e sull’economia reale).

7) La Germania non necessariamente sta lavorando contro di noi nel sostenere l’austerità. Sicuramente sta lavorando contro la crisi e non a suo favore. I crolli di borsa sono diminuzioni di denaro circolante e quindi lievi sgonfiamenti della bolla.
La Germania sa bene che il crollo dell’euro sarebbe molto dannoso per i tedeschi, ed insistere nell’austerità porterà ad un crollo dell’euro.
Ma finanziare ulteriormente le banche facendo finta di aiutare gli stati è ancora peggio. E la Germania è pronta in qualsiasi momento a tornare al marco, che non è mai uscito di corso. Ha la sua uscita di sicurezza.

8) Gli USA rischiano grosso. A loro serve che ci sia l’euro e che tale euro sia debole, in modo da non affossare il dollaro. Se salta l’euro salta anche il dollaro ed il sistema delle grandi banche d’affari internazionali (quelle che creano solo danni). Non è detto che le piccole banche locali non sopravvivano a tale crollo e potrebbero anche averne vantaggi dopo un po’. Dipende se gli Stati ricominciano a fare il loro dovere.

9) Un possibile accordo con le elites potrebbe essere di fare scoppiare le grandi banche d’affari dopo aver isolato un piccolo nucleo destinato a sopravvivere dal resto destinato al fallimento (la good company e la bad company). Per loro potrebbe essere un’opzione molto migliore del crollo improvviso che si può verificare in qualsiasi momento.

10) Che fare? La risposta è sempre il motto strategico dei no-global, bisogna pensare globale ed agire localmente, il che si traduce nell’estromettere i Quisling della finanza fallita e chi li sostiene, ritornando al territorio, alle persone, alle aziende, alla società. E alle competenze che si oppongono ai chierici della religione economica e ai servi dei mass-media.

11) L’Italia cosa può fare? Se ci fosse un capo di stato responsabile in questo momento lavorerebbe per nazionalizzare la Banca d’Italia e preparare la circolazione della lira o altra valuta nazionale (preferibilmente in parallelo all’euro). Il fatto che Monti e Napolitano non ci pensano minimamente significa che dovremo levarli dalla loro poltrona. E non sarà certo Bersani che ci salverà. Dobbiamo salvarci da soli.

Truman
Fonte: www.comedonchisciotte.org
26.06.2012

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
12 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
12
0
È il momento di condividere le tue opinionix