Home / ComeDonChisciotte / KIRGHIZISTAN: UN’ALTRA “RIVOLUZIONE COLORATA” ALLA SOROS

KIRGHIZISTAN: UN’ALTRA “RIVOLUZIONE COLORATA” ALLA SOROS

DI RICK ROSSOFF
Stop NATO

Con Roza Otunbayeva come neo premier di un nuovo ‘governo popolare’ provvisorio kirghiz, c’è ragione di credere che Washington non sarà scontento della caduta del precedente partner ‘tulip’ Bakiyev. Ha già confermato che la base americana di Manas non verrà chiusa.

Articolo tratto da “Kyrgyzstan and the Battle for Central Asia

Nell’aprile del 2005, Der Spiegel ha presentato un servizio dal titolo “Revolutions Speed Russia’s Disintegration” [“Le rivoluzioni accelerano la disgregazione della Russia”, ndt]. In parte rivelava i primi responsabili dietro gli eventi del Kirghizistan:

“Già dagli inizi di febbraio”, Roza Otunbayeva, ad oggi di fatto il capo di un governo provvisorio, “si è impegnata in un’alleanza con un piccolo gruppo di partner e di sponsor della rivoluzione kirghiz, con i ‘nostri amici americani’ della Freedom House (che ha donato all’opposizione una pressa tipografica a Bishkek), e con George Soros, uno speculatore che aveva precedentemente aiutato a far cadere il governo di Edward Shevardnadze in Georgia.

A seguire, “Ma allora, cosa si nasconde dietro il colpo di stato in Kirghizistan ?” (Eric Walberg, globalresearch);“Nel tentativo di aiutare il processo democratico, gli americani hanno versato 12 milioni di dollari al Kirghizistan sotto forma di materiale scolastico e donazioni; e questo soltanto lo scorso anno. Il Dipartimento di Stato di Washington ha anche finanziato l’acquisto di attrezzature per l’emittente televisiva di Osh, città ribelle della provincia meridionale”. [1]
A giugno George Soros è stato piuttosto compiacente nel confermare che la gratitudine di Otunbayeva non fosse un’affermazione priva di fondamento: “Ho provveduto a dare ai dipendenti pubblici georgiani 1.200 dollari al mese…E ora sono pronto a sostenere la creazione di un fondo di questo tipo nel Kirghizistan”. [2]

I due George – Bush e Soros – non erano i soli a riconoscere la paternità delle trasformazioni geostrategiche “colorate”, dai Balcani alla vecchia Unione Sovietica e al Medio Oriente. Hanno ricevuto una generosa assistenza da parte dei simpatizzanti della Freedom House, del National Endowment for Democracy, del National Democratic Institute, dell’International Republican Institute e di altre organizzazioni non-governative.

Una settimana dopo la presa del potere “tulip”, il direttore del progetto per la Freedom House, Mike Stone, ha riassunto il ruolo della sua organizzazione in due parole: “Missione compiuta”. [3]

Un giornale inglese che lo ha intervistato ha aggiunto: “il coinvolgimento statunitense nel piccolo paese di montagna è in proporzione maggiore a quello che era stato nella ‘rose revolution’ in Georgia o nella insurrezione ‘orange’ in Ucraina”. [4]

L’assistenza è stata inoltre fornita dagli “youth activists” finanziati e addestrati dall’Occidente che si rifacevano a quelli organizzati in Jugoslavia per far cadere il governo di Slobodan Milosevic nel 2000:

Metti a confronto i nomi:

Yugoslavia: Otpor! (Resistenza!)
Ucraina: Pora! (È ora!)
Georgia: Kmara (È abbastanza)
Kirghizistan: KelKel (Alzatevi e andate)

Dietro tutti questi nomi, il presidente kirghiz deposto, Askar Akayev, ha identificato i veri architetti della sua estromissione. Il 2 aprile ha affermato: “Ci sono state organizzazioni internazionali che hanno supportato e finanziato la “Tulip Revolution” nel Kirghizistan.

“Una settimana prima di questi eventi ho visto una lettera su internet, firmata dall’ambasciatore statunitense e destinata al Kirghizistan. Conteneva un piano dettagliato per la rivoluzione”. [5]

La Tulip (in passato Lemon, Pink e Daffodil [“Limone, Rosa e Narciso”, ndt]) Kirghiz Revolution fu incostituzionale e dirompente per la nazione così come lo furono i suoi precedenti georgiani e ucraini, ma di gran lunga più violenta. Ci sono stati morti e feriti nelle città meridionali di Osh e Jalal Abad (Jalalabad, Jalal-Abad) e nella capitale Bishkek.

È stata anche la prima rivolta “colorata” in una nazione al confine con la Cina. Non sono state solo la Russia e la Cina a dar voce alle gravi preoccupazioni sugli sviluppi nel Kirghizistan, ma lo ha fatto anche l’Iran, osservando dove era diretta la traiettoria delle campagne di “cambio regime”.

Nei quattro decenni della Guerra Fredda, i cambiamenti politici tramite elezioni o altro mezzo in ogni nazione del mondo – non importava quanto piccola, povera, isolata e apparentemente insignificante fosse – assumevano importanza superando di gran lunga i loro effetti in patria. Analisti della politica mondiale e responsabili delle decisioni politiche ponevano una domanda chiave: Da che parte si schiera il nuovo governo: con gli USA o con l’Unione Sovietica?

Nel periodo successivo alla Guerra Fredda la domanda non è più sulla filosofia politica o sull’orientamento socioeconomico, ma la seguente: in che modo la nuova amministrazione sosterrà o si opporrà ai progetti statunitensi per il dominio territoriale e globale?

Con Roza Otunbayeva come nuovo capo effettivo del nuovo “governo popolare” provvisorio Kirghiz, c’è ragione di credere che Washington non sarà scontento della caduta del suo precedente partner Bakiyev. Lei ha già confermato che la base americana di Manas non verrà chiusa.

Avendo avuto in passato la funzione di prima ambasciatrice della sua nazione negli USA e in Inghilterra, meno di due mesi dopo il colpo di stato del 2005, Otunbayeva, allora ministro degli esteri, partecipò all’incontro con la sua controparte statunitense Condoleezza Rice a Washington durante il quale quest’ultima le assicurò che “l’amministrazione statunitense continuerà ad aiutare il governo kirghiz a promuovere il processo democratico nel paese”. [6]

Poco dopo la “trasformazione democratica” di marzo, il suo santo patrono, Mikheil Saakashvili di Georgia, si vantava del fatto che “Roza Otunbayeva negli ultimi anni ha lavorato a Tbilisi ed è stata capo dell’ufficio dell’ONU in Abkhazia. Durante la Rose Revolution era in Georgia e era al corrente di tutto ciò che succedeva…il fattore georgiano è stato un catalizzatore di molti fatti futuri [nel Kirghizistan]”. [7]

Dal punto di vista statunitense lei sembra agire in buona fede.

La Russia ha posto la sua base aerea nel Kirghizistan nello stato di massima allerta, sebbene alcuni commenti da parte degli ufficiali alla guida del governo russo – in particolare il primo ministro Vladimir Putin – segnalino l’accettazione della rivolta che ha già causato 65 morti e migliaia di feriti.

Ma la Russia ha tentato di fare buon viso all’insurrezione anche cinque anni fa.

Qualunque direzione prenderà il prossimo governo kirghiz, avrà ripercussioni molto più ampie di quanto possano far pensare le piccole dimensioni e il basso livello demografico (poco superiore ai 5 milioni) della nazione.

Potrebbe riguardare i piani USA e NATO per la più estesa offensiva militare della guerra in Afghanistan programmata per avere inizio entro due mesi nella provincia di Kandahar.

Potrebbe determinare il futuro della Collective Security Treaty Organization e della Shanghai Cooperation Organization, le due maggiori potenziali barriere alla penetrazione militare occidentale di vasti tratti di Eurasia.

La posta in gioco non potrebbe essere più alta.

NOTE

[1] Der Spiegel, April 4, 2005
[2] Russian Information Agency Novosti, June 16, 2005
[3] The Telegraph, April 2, 2005
[4] Ibid
[5] Associated Press, April 2, 2005
[6] Interfax, June 15, 2005
[7] Civil Georgia, March 30, 2005

Titolo originale: “Kyrgyzstan Another Soros “Color” Revolution

Fonte: ttp://www.henrymakow.com/
Link
11.04.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di STELLA SACCHINI

KIRGHIZISTAN: UN’ALTRA RIVOLUZIONE COLORATA – Ma allora, cosa si nasconde dietro il colpo di stato in Kirghizistan ?

Premessa

Se imparassimo ad alzare lo sguardo verso quello che succede nel mondo, forse si schiuderebbe un ventaglio di soluzioni inaspettato per i nostri problemi, o, più semplicemente, diverrebbe più facile comprendere e giudicare gli eventi globali con più cognizione di causa e buon senso. In Kirghizistan è appena avvenuto un colpo di stato. Quello vero, non quello che paventa Di Pietro pensando al presidenzialismo berlusconiano. Il premier è stato spedito in esilio mentre un nuovo governo ad interim si è insediato. Cosa c’entra il Kirghizistan con noi, si chiede chi guarda i tg. C’entra, c’entra. Il Kirghizistan ospita una base aerea americana di importanza vitale per la guerra in Afghanistan, una guerra che l’asse USA-NATO sta combattendo con il supporto attivo dell’Esercito Italiano, e nell’ambito della quale tre nostri operatori di Emergency sono appena stati arrestati e rilasciati dalle autorità afgane della provincia di Helmand.

Il Kirghizistan, questo piccolo e parassitario paese euroasiatico, è al centro di un territorio conteso tra USA e Russia, due grandi potenze nucleari (altro che Iran) che, a dispetto dei sorrisi di Obama e Medvedev, instancabili operatori per un ‘mondo più sicuro’, si scrutano con diffidenza ben consci del fatto che alterare certi equilibri potrebbe portare ad un conflitto davanti al quale non bastera una dichiarazione ad effetto di Fini a farci voltare dall’altra parte.
Passate le frettolose cronache dei tg nazionali, questo articolo di Eric Walberg servirà a chiarirci le idee sul ruolo che il Kirghizistan sta giocando a cavallo tra USA e Russia.

Marco Messina (http://marcomessina.wordpress.com)

DI ERIC WALBERG

globalresearch.ca

Dopo i disordini della scorsa settimana nella capitale Bishkek, che hanno causato la morte di 81 persone e il danneggiamento di edifici governativi e appartamenti privati di Kurmanbek Bakiyev, la pretesa che il presidente di un piccolo paese come il Kirghizistan possa giocare un ruolo di primaria importanza nel panorama politico globale ha messo in luce l’ormai dimissionario leader della ‘Rivoluzione dei Tulipani’.

L’anno scorso Bakiyev cercò di avere la meglio sulle due principali potenze mondiali quando minacciò con sfrontatezza di chiudere la base aerea statunitense, fondamentale per la guerra in Afghanistan, dopo aver firmato un modesto piano di assistenza con la Russia, che poi annullò quando gli USA accordarono un pagamento triplo dell’affitto dello spazio militare per un ammontare di 60 milioni dollari l’anno, unitamente ad un pacchetto di aiuti pari a 100 milioni di dollari. Questa politica si tradusse in una perdita di fiducia da parte di entrambe le potenze, fino a ritrovarsi solo quando nella scorsa settimana la situazione degenerava con lo scoppio di rivolte popolari simili a quelle che lo avevano portato al potere nel 2005.

Ma se nel 2005 erano gli USA ad aiutare Bakiyev ad inaugurare una nuova era di democrazia e libertà (“Rivoluzione dei Tulipani”), questa volta è stata la Russia ad aiutare la coalizione di governo provvisorio guidata dal leader dell’opposizione ed ex ministro degli Esteri Roza Otunbayeva a rimettere insieme i cocci. Dal momento che Otunbayeva guarda al tradizionale sostegno estero del Kirghizistan come l’unica strada per uscire da una situazione di potenziale fallimento di Stato, gli strateghi americani, intimiditi e preoccupati, stanno già pensando di convincere i russi che gli Stati Uniti non hanno piani a lungo termine nella regione e che possono lavorare insieme per raggiungere obiettivi comuni. Riconoscendo l’ovvio, così scrive Eric McGlinchey sul New York Times: “Il Kirghizistan fa parte del cortile di casa della Russia, e il fatto che dipendiamo da loro per la base aerea militare necessaria alla nostra guerra in Afghanistan non cambia la situazione. Presentare un fronte unito con la Russia, tuttavia, aiuterebbe Washington a mantenere la sua base aerea ed evitare un’altra guerra di offerte economiche”.

Questo colpo di stato segue la stessa logica del più dignitoso rifiuto della ‘Rivoluzione Arancione’ di Febbraio in Ucraina e ha offerto una nuova prospettiva di vita agli uomini politici dell’opposizione georgiana, che seguiranno l’esempio del Kirghizistan se il presidente della ‘Rivoluzione delle Rose’ continuerà a sputar loro addosso tutto il suo livore anti-russo. E’ evidente che ormai l’intera strategia USA nelle repubbliche ex-sovietiche sembra essere svelata, con l’Uzbekistan ancora fuori dai giochi per i suoi gravi abusi dei diritti umani e la recente inaugurazione di febbraio del nuovo gasdotto dal Turkmenistan alla Cina.

Ribaltando il dietrofront di Bakiyev, Otunbayeva aveva inizialmente chiarito che la base Usa sarebbe rimasta aperta, per poi ritornare sui suoi passi ore dopo suscitando estremo stupore tra i vertici dell’establishment statunitense dicendo che la base sarebbe stata chiusa per ‘motivi di sicurezza’, nonostante l’accordo, rinnovato lo scorso giugno, fosse valido fino al rinnovo previsto nel mese di luglio di quest’anno. Il segretario di Stato Hillary Clinton ha subito chiamato al telefono Otunbayeva e inviato a Bishkek il suo assistente Robert Blake, il quale ha annunciato con sollievo che la base sarebbe comunque rimasta aperta.

Ma, a differenza di Bakiyev, Otunbayeva non è un politico furbo che pensa solo ad arricchire se stesso e la propria famiglia. Il suo predecessore, infatti, l’anno scorso incaricò suo figlio Maxim di negoziare il lucroso affare dell’affitto del suolo kirghizo per la base americana (a proposito, che fine hanno fatto quei 160 milioni di dollari?) nominandolo capo della nuova Agenzia Centrale Nazionale per lo Sviluppo, gli Investimenti e l’Innovazione. Otunbayeva è al di sopra della politica corrotta dei suoi predecessori. Laureata all’Università Statale di Mosca ed ex rettore della Facoltà di filosofia dell’Università Nazionale di Stato del Kirghizistan, è stata ministro degli Esteri sotto le due amministrazioni di Askar Akayev e Bakiyev. Ha prestato servizio come primo ambasciatore del Kirghizistan negli Stati Uniti e in Canada, e successivamente nel Regno Unito. Nel 2007 è stata eletta al Parlamento nella lista dei candidati del Partito socialdemocratico, diventando capo dell’opposizione SDP nel mese di ottobre 2009.

E’ stata a Mosca già due volte quest’anno, a gennaio e marzo, ed ha stretto legami con il Partito Unito della Russia. I suoi primi colloqui formali come presidente ad interim sono stati con Putin. Dietro il ripensamento di Otunbayeva circa la base militare USA c’è la tensione indotta dalla prepotenza degli americani nella società kirghiza, che fino all’11 settembre 2001 era una pacifica comunità che doveva alla Russia il livello di sicurezza ed il benessere economico raggiunti. Non c’è dubbio che oggi il popolo kirghizo preferirebbe di gran lunga conservare i buoni rapporti con la Russia piuttosto che con gli Stati Uniti. La base aerea statunitense non ha portato finora alcun beneficio per le comunità circostanti, fatta eccezione per il traffico di alcolici e prostitute destinati ai marines.

A dispetto dei suoi comportamenti antidemocratici, la minaccia di Bakiyev di chiudere la base americana non era altro che una risposta alle pressioni provenienti dall’opinione pubblica. Gli abitanti del posto erano furiosi perchè un soldato americano aveva ucciso al di fuori della base e successivamente trascinato all’interno un inerme kirghizo, senza che questo comportasse alcuna conseguenza, così come il recente caso, ammesso dagli stessi soldati americani, in cui un elicottero fece fuoco su due agenti disarmati del nuovo staff della Reuters a Baghdad uccidendoli, fatto liquidato come ‘indagine militare’. Questo risentimento, e l’instabilità sociale che esso produce, rappresentano ciò a cui Otunbayeva alludeva con la concisa espressione ‘motivi di sicurezza’.

A questo punto, la domanda che tutti si pongono è la seguente: questa volta è stata la Russia a manovrare gli eventi per vendicare un torto? Vero, non correva buon sangue tra Putin e Bakiyev dopo che questi si era rimangiato la sua promessa di chiudere la base americana lo scorso anno. L’atteggiamento bizzarro di Bakiyev negli ultimi due anni aveva certamente irritato i russi. A prescindere dalla questione della base Usa, i rapporti tra il Cremlino e il governo kirghizo di Bakiyev si erano fortemente deteriorati negli ultimi mesi, in parte anche a causa delle posizioni sempre più ostili alla Russia assunte dal governo, compreso il blocco dei siti web in lingua russa e la crescente discriminazione mostrata al cospetto degli uomini d’affari russi. Non è un caso, infatti, che la Russia il 1° aprile abbia imposto i dazi sulle esportazioni di energia in Kirghizistan.

Quando Otunbayeva annunciò che la base militare americana sarebbe stata chiusa, si pensò subito ci fosse il Cremlino dietro il colpo di stato. Ma questa ipotesi è stata smentita dallo stesso Obama. “Le persone che avrebbero agito in Kirghizistan … Queste sono tutte persone con cui siamo in contatto da molti anni. Possiamo affermare con certezza che non si tratta di un colpo di stato anti-americano”, ha assicurato Michael McFaul, Senior Director per gli affari russi dell’amministrazione Obama, proprio mentre Obama e Medvedev sorridevano alle telecamere a Praga nella celebrazione per il disarmo nucleare. Il Presidente degli Stati Uniti ha inoltre prontamente respinto l’ipotesi che si fosse trattato di un ‘qualsiasi colpo di stato sostenuto dai russi’, sostenendo – in modo consono all’occasione – che la cooperazione tra USA e Russia in Kirghizistan è stata un’ulteriore dimostrazione del miglioramento delle relazioni tra le due superpotenze.

Come riferisce l’analista del Diligence LLC (organizzazione americana composta da ex agenti dei servizi segreti, giornalisti ed esperti di legge, nda) Nick Day: “La Russia dominerà il Kirghizistan e questo causerà problemi agli Stati Uniti”. Sì, e allora? La Russia è per definizione molto vicina a ciò che accade nei paesi dell’ex Unione Sovietica. I russi e i loro simpatizzanti vengono continuamente in contatto sul territorio. Ai primi di marzo, un membro del consiglio degli Anziani e capo del partito dei Pensionati Omurbek Umetaliev disse: “Crediamo sia inaccettabile permettere l’esistenza su questo piccolo territorio delle basi militari di due potenze mondiali in conflitto tra loro su questioni cruciali di politica internazionale. Sebbene la presenza di una base militare russa in Kirghizistan sia storicamente giustificata, la presenza militare degli USA e della NATO è una minaccia per i nostri interessi nazionali”.

Vero. Inoltre, la minaccia di chiudere la base è un duro colpo per la strategia imperiale degli Stati Uniti in Eurasia, in particolare per le sue operazioni in Afghanistan, che sarebbero gravemente compromesse senza la base aerea di Manas. Gli Stati Uniti riforniscono il 40 per cento delle basi operative in Afghanistan per via aerea perché i Talebani detengono il controllo delle strade principali del paese. Nella base di Manas transitano ogni giorno 1500 soldati americani, 50000 soltanto nel mese scorso, mentre 1200 sono permanentemente di stanza in Kirghizistan. A causa dei continui attacchi ai convogli di rifornimento militare che transitano attraverso il Pakistan, il Pentagono intende trasferire gran parte della rete di rifornimento in una nuova Rete di Distribuzione del Nord, che attraversa proprio il Kirghizistan, il Tagikistan e l’Uzbekistan.

Il giudice Paul Quinn, direttore per l’Asia centrale del Gruppo Internazionale di Crisi, facendo rapporto da Manas, ha dichiarato che esiste il timore che un’intensificazione di queste spedizioni statunitensi potesse provocare attacchi da parte del Movimento islamico dell’Uzbekistan (IMU) e dell’Unione della Jihad islamica, gruppi che hanno un folto seguito di fedeli nell’irrequieta valle di Ferghana, che si divide tra kirghizi, in gran numero, tagiki e uzbeki, ed è stata testimone di più di una rivolta nel recente passato. “E’ evidente che la Rete di Distribuzione del Nord costituisce un problema”, dice il giudice Quinn. “Esso porta l’Asia Centrale a rivestire un ruolo principale nel teatro di guerra”.
La confusione regnante sulla base Usa in Kirghizistan si troverà adesso in cima all’agenda ricca di impegni del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che farebbe bene a guardare al di là del prossimo colpo di stato dal fiore appassito. “In Kirghizistan dovrebbe esserci solo una base, e questa dev’essere russa”, ha gelidamente dichiarato ai giornalisti un alto funzionario russo a Praga. “La Russia lo userà come leva nei negoziati con gli USA”, prevede Nick Day.

Un’altra chiave di interpretazione di questa vicenda è che rappresenta un’occasione d’oro per Obama per un definitivo cambio di rotta rispetto alla politica da cowboy del suo predecessore Bush e dei neoconservatori, e per costruire dei ponti reali con la Russia, un paese che resta vitale per il Kirghizistan qualunque siano i fantasmi geopolitici che si agitano nelle menti di Washington. La deliziosa ironia del colpo di stato kirghizo risiede nel fatto che, mentre Medvedev e Obama si stringevano la mano a Praga, dove la Russia ha sostanzialmente ceduto al diktat americano sui piani di difesa missilistica, l’inerzia geopolitica in Kirghizistan andava si muoveva in senso contrario a favore della Russia, mentre i piani geopolitici degli USA nella regione euroasiatica affondavano e il pallino del gioco tornava in mani russe.

Ma dov’è l’assurdità nell’importanza cruciale della base per gli interessi degli Stati Uniti? E lì da dieci anni.Quanto tempo ancora dovrà restare? ‘Per sempre’ potrebbe essere una risposta? In Kirghizistan si ritiene che l’accordo sarà rivisto per assicurarsi che non sia “contro gli interessi del popolo o a favore del sistema delle tangenti”, come ha dichiarato il portavoce del governo Almazbek Atambayev dopo una visita a Mosca. “Gli Stati Uniti prevedono di ritirare le truppe dall’Afghanistan nel prossimo anno. Ci stiamo muovendo verso una soluzione civile e sotto la guida degli Stati Uniti della questione della zona di transito per il rifornimento militare”. Così facendo gli Stati Uniti avranno la loro base per un altro anno ancora, con riluttante approvazione russa.

Lasciare il Kirghizistan la prossima estate sarebbe la maniera migliore per dimostrare al mondo ed alla Russia che Obama rappresenta una nuova e meno belligerante America. Le parole sono ormai incise nel marmo: è solo questione di mesi, un anno al massimo, fino a quando Manas diventerà una base russa, e prima che gli Stati Uniti lo ammettano, questa è la migliore soluzione. Sia Mosca che Washington hanno un obiettivo comune nel preservare la stabilità nella regione, e il consenso della Russia al transito delle truppe USA-NATO al servizio della guerra in Afghanistan porterebbe automaticamente con sé come risultato un’estensione dell’utilizzo da parte degli americani della base di Manas tornata in mani russe.

Nelle parole di McFaul si possono già rintracciare gli echi del realismo post-Vietnam nella politica di distensione col ‘nemico’ degli Stati Uniti. Questo avvenne nell’ultimo periodo del conflitto, quando una sommessa e provata, ma anche pacifica, politica estera USA accettava la sconfitta nella sua guerra criminale in Vietnam, che si concludeva con le pressioni di Carter sugli israeliani perchè ritirassero i loro eserciti dal Sinai e trovassero un accordo di pace, anche se difficile, con almeno un popolo confinante. Se questo è il risultato, il mondo avrebbe bisogno di più colpi di stato in Kirghizistan.

Eric Walberg scrive per Al-Ahram Weekly (
“>http://weekly.ahram.org.eg)

Fonte: www.globalresearch.ca
Link: www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=18637
13.04.2010

Traduzione a cura di MARCO MESSINA (http://marcomessina.wordpress.com)

Pubblicato da Das schloss

  • grilmi

    La base restera aperta fino alla scadenza del contratto, anche la Russia ha sovvenzionato con parecchi dollari le istituzioni kirghize, dunque è presto per fare valutazioni. Se i Russi vogliono in kirghikistn possono far levitare a piacimento il prezzo del carburante e si sa, tra il mangiare e la fedelta agli Us, la popolazione kirghiza mi sa che sceglierla il mangiare.

  • Ricky

    Nulla di nuovo sotto il sole: piccoli popoli sballottati dagli interessi delle potenze imperialiste.
    Tutta la mia solidarietá ai cittadini kirgizi, con la speranza che possano un giorno assumere una vera coscienza di sé, alzare la testa e liberarsi dalle catene del Potere.

  • Nellibus1985

    Concordo in pieno.

  • pleiadicentauri

    Mi piacerebbe se qualcuno indagasse sui rapporti che intercorrono tra Soros, Murdoch e De Benedetti, non so ma vedo delle sinergie tra costoro e soprattutto delle strane convergenze da parte dei mass-media di questi potenti signori.

  • maumau1

    la’rticolo è ridicolo.. infatti è .ca e a loro interessa solo far credere che quello che avviene è utile agli USA per non ammettere la catastrofe del potere anche militare USA.
    Quasi quasi preferiscono dar ad intendere che sono stati loro a volerlo perch è meno grave rispetto al fatto di averlo subito dagli USA.

    Come nell’affaire polacco quasi quasi vogliono far credere che sia stata Big Pharma o le elite finanziarie internazionali ossia prendersi la colpa
    piuttosto che ammettere che l’orso russo gli ha fatto scacco matto e messi in un angolino!!

    Ecco dove arriva la propaganda made in USA ad autoaccusarsi pur di salvare la faccia dala fallimento totale..

    quando cdc pubblica questi articoli dovrebbe avvisare che è propaganda USA..
    se no qualcuno finisce per crederci..

    ciao