Home / ComeDonChisciotte / IN MERITO AD UNA FOTOGRAFIA PUBBLICATA DALLA RIVISTA TIME

IN MERITO AD UNA FOTOGRAFIA PUBBLICATA DALLA RIVISTA TIME

FONTE:THE UNJUSMEDIA.COM

Afghan resistance statement, risposta dell’Emirato islamico dell’Afghanistan in merito ad una fotografia pubblicata dalla rivista Time

In nome di Allah, il più caritatevole, il più misericordioso.

La rivista Time ha pubblicato recentemente la fotografia di una donna afgana, Aisha, e ha descritto la sua terrificante storia che è collegata ai talebani, intitolata ‘Le donne afghane e il ritorno dei talebani’. L’Emirato islamico dell’Afghanistan rifiuta questa fabbricazione degli Americani, che stanno pubblicando queste menzogne per distrarre l’attenzione della gente dalla loro chiara e vergognosa sconfitta. Questa disperata propaganda del Time magazine ha mostrato al mondo intero fino a che punti è pronto ad arrivare il mondo mediatico per far piacere all’America, perfino al prezzo della propria integrità giornalistica.

Questa fotografia pubbligata dal Time magazine e la barbara storia erroneamente collegata all’Emirato islamico non è solo falsa, ma pubblicare queste immagini è contro la morale e l’etica della professionalità giornalistica. Molti giornalisti nel mondo hanno condannato questa azione del Time magazine e l’hanno definito un crimine contro il giornalismo.

Per quanto concerne la storia di Aisha, l’Emiratoislamico dell’Afghanistan ha condannato questo atto barbaro, disumano e non-islamico e dichiara che questo caso non è mai stato presentato di fronte ad alcun tribunale o persona dell’Emirato islamico dell’Afghanistan.

L’Emirato islamico dell’afghanistan usa la legge Sharia per risolvere questioni interne o di diritto umano. La legge Sharia promuove la pace e la giustizia per la società, non l’odio e la crudeltà. Nella legge sacra islamica, la recisione del naso o delle orecchie è proibita sia quando la persona è viva che quando è morta. In molti Hadìth del profeta Muhammad la recisione del naso, delle orecchie e delle labbra di un non credente è proibito, quindi come potrebbe l’Emirato islamico dell’Afghanistan perpetrare quest’atto, specialmente quando la persona che lo subisce è viva e musulmana. Secondo la Legge sharia se qualcuno commette questa abominevole azione, la stessa cosa verrà fatta al criminale che l’ha perpetrata.

Siamo vicini alla nostra sorella Aisha e chiamiamo questo atroce atto un crimine contro l’umanità e contro la Legge Sharia. Chiediamo al Time e agli altri media occidentali di smettere di calpestare i loro stessi principi morali, solo per nascondere e distogliere l’attenzione dalla sconfitta militare e politica dell’America pubblicando queste fabbricazioni. Chiediamo anche ai media afghani di smettere di diffondere le menzogne che l’Islam odia i media occidentali diventando i loro traduttori. Il giornalismo è un compito importante, pertanto non deve essere usato per diffondere maldicenze.

L’Emirato islamico dell’Afghanistan

Fonte: www.uruknet.info
Link: http://www.uruknet.info/?p=m68672&hd=&size=1&l=e

7.08.2010

Tradzuione per www.comedonchisciotte.org a cura di MICAELA MARRI

Pubblicato da Davide

  • cavalea

    Non sono in grado di giudicare quanto di vero o falso ci sia nell’articolo del Time, ma mi piacerebbe tanto che la stessa sensibilità e pietà umana dimostrata dai solerti giornalisti, fosse la stessa nel pubblicare tutte le storie e i misfatti riguardanti le migliaia di vittime innocenti, a seguito delle guerre per esportare democrazia.

  • Tao

    Below are few American statistics which the theunjustmedia.com like to draw peoples attention to, America which claims that it needs to protect and liberate Afghan women, to this we say, if there is any place on the earth were women need to be protected and treated with dignity it is in America, were close to half a million females are raped each year, keeping in mind that more then 50% rapes are not reported.

    U.S. Statistics

    Fact #1: 17.6 % of women in the United States have survived a completed or attempted rape. Of these, 21.6% were younger than age 12 when they were first raped, and 32.4% were between the ages of 12 and 17. (Full Report of the Prevalence, Incidence, and Consequences of Violence Against Women, Findings from the National Violence Against Women Survey, November, 2000)

    Fact #2: 64% of women who reported being raped, physically assaulted, and/or stalked since age 18 were victimized by a current or former husband, cohabiting partner, boyfriend, or date. (Full Report of the Prevalence, Incidence, and Consequences of Violence Against Women, Findings from the National Violence Against Women Survey, November, 2000)

    Fact #3: Only about half of domestic violence incidents are reported to police. African-American women are more likely than others to report their victimization to police Lawrence A. Greenfeld et al. (1998). (Violence by Intimates: Analysis of Data on Crimes by Current or Former Spouses, Boyfriends, and Girlfriends. Bureau of Justice Statistics Factbook. Washington DC: U.S. Department of Justice. NCJ #167237. Available from National Criminal Justice Reference Service.)

    Fact #4: The FBI estimates that only 37% of all rapes are reported to the police. U.S. Justice Department statistics are even lower, with only 26% of all rapes or attempted rapes being reported to law enforcement officials.

    Fact #5: In the National Violence Against Women Survey, approximately 25% of women and 8% of men said they were raped and/or physically assaulted by a current or former spouse, cohabiting partner, or date in their lifetimes. The survey estimates that more than 300,000 intimate partner rapes occur each year against women 18 and older. (Full Report of the Prevalence, Incidence, and Consequences of Violence Against Women, Findings from the National Violence Against Women Survey, November, 2000)

    Fact #6: The National College Women Sexual Victimization Study estimated that between 1 in 4 and 1 in 5 college women experience completed or attempted rape during their college years (Fisher 2000).

    Fact #7: Men perpetrate the majority of violent acts against women (DeLahunta 1997).

    Fact #8: Every two minutes, somewhere in America, someone is sexually assaulted. (Rape, Abuse and Incest National Network (RAINN) calculation based on 2000 National Crime Victimization Survey. Bureau of Justice Statistics, U.S. Department of Justice)

    Fact #9: One out of every six American women have been the victims of an attempted or completed rape in their lifetime. (Prevalence, Incidence and Consequences of Violence Against Women Survey, National Institute of Justice and Centers for Disease Control and Prevention, 1998)

    Fact #10: Factoring in unreported rapes, about 5% – one out of twenty – of rapists will ever spend a day in jail. 19 out of 20 will walk free. (Probability statistics based on US Department of Justice Statistics)

    Fact #11: Fewer than half (48%) of all rapes and sexual assaults are reported to the police (DOJ 2001).

    Fact #12: Sexual violence is associated with a host of short- and long-term problems, including physical injury and illness, psychological symptoms, economic costs, and death (National Research Council 1996).

    Fact #13: Rape victims often experience anxiety, guilt, nervousness, phobias, substance abuse, sleep disturbances, depression, alienation, sexual dysfunction, and aggression. They often distrust others and replay the assault in their minds, and they are at increased risk of future victimization (DeLahunta 1997).

    Fact #14: According to the National Crime Victimization Survey, more than 260,000 rapes or sexual assaults occurred in 2000; 246,180 of them occurred among females and 14,770, among males (Department of Justice 2001).

    Fact #15: Sexual violence victims exhibit a variety of psychological symptoms that are similar to those of victims of other types of trauma, such as war and natural disaster (National Research Council 1996). A number of long-lasting symptoms and illnesses have been associated with sexual victimization including chronic pelvic pain; premenstrual syndrome; gastrointestinal disorders; and a variety of chronic pain disorders, including headache, back pain, and facial pain (Koss 1992).Between 4% and 30% of rape victims contract sexually transmitted diseases as a result of the victimization (Resnick 1997).

    Fact #16: More than half of all rapes of women occur before age 18; 22% occur before age 12. (Full Report of the Prevalance, Incidence, and Consequences of Violence Against Women, Findings from the National Violence Against Women Survey, November, 2000)

    Fact #17: In 2000, nearly 88,000 children in the United States experienced sexual abuse (ACF 2002).

    Fact #18: About 81% of rape victims are white; 18% are black; 1% are of other races. (Violence Against Women, Bureau of Justice Statistics, U.S. Dept. of Justice, 1994.)

    Fact #19: About half of all rape victims are in the lowest third of income distribution; half are in the upper two-thirds. (Violence against Women, Bureau of Justice Statistics, U.S. Dept. of Justice, 1994.)

    Fact #20: According to the Youth Risk Behavior Surveillance Survey (YRBSS), a national survey of high school students, 7.7% of students had been forced to have sexual intercourse when they did not want to. Female students (10%) were significantly more likely than male students (5%) to have been forced to have sexual intercourse. Overall, black students (10%) were significantly more likely than white students (7%) to have been forced to have sexual intercourse (CDC 2002).

    Fact #21: Females ages 12 to 24 are at the greatest risk for experiencing a rape or sexual assault (DOJ 2001).

    Fact #22: Almost two-thirds of all rapes are committed by someone who is known to the victim. 73% of sexual assaults were perpetrated by a non-stranger (— 38% of perpetrators were a friend or acquaintance of the victim, 28% were an intimate and 7% were another relative.) (National Crime Victimization Survey, 2005)

    Fact #23: The costs of intimate partner violence against women exceed an estimated $5.8 billion. These costs include nearly $4.1 billion in the direct costs of medical care and mental health care and nearly $1.8 billion in the indirect costs of lost productivity and present value of lifetime earnings. (Costs of Intimate Partner Violence Against Women in the United States, Department of Health and Human Services, Centers for Disease Control and Prevention, National Center for Injury Prevention and Control, Atlanta, Georgia, March 2003).

    Fact #24: Domestic violence occurs in approximately 25-33% of same-sex relationships. (NYC Gay and Lesbian Anti-Violence Project, October 1996.)

    Fact #25: Boys who witness their fathers’ violence are 10 times more likely to engage in spouse abuse in later adulthood than boys from non-violent homes. (Family Violence Interventions for the Justice System, 1993)

    Fact #26: An estimated 50,000 women and children are trafficked into the United States annually for sexual exploitation or forced labor. (U.S. Central Intelligence Agency, 2000)

    Fact #27: Somewhere in America a woman is battered, usually by her intimate partner, every 15 seconds. (UN Study On The Status of Women, Year 2000)

    Fact #28: A University of Pennsylvania research study found that domestic violence is the leading cause of injury to low-income, inner-city Philadelphia women between the ages of 15 to 44 – more common than automobile accidents, mugging and rapes combined. In this study domestic violence included injuries caused by street crime.

    Fact #29: Following the Supreme Court’s decision in 2000 to strike down the civil-rights provision of the Federal Violence Against Women Act (ruling that only states could enact such legislation), only two states in the country (Illinois and California) have defined gender-based violence, such as rape and domestic violence, as sex discrimination, and created specific laws that survivors can use to sue their perpetrators in civil court. (Kaethe Morris Hoffer, 2004).

    Fact #30: A study reported in the New York Times suggests that one in five adolescent girls become the victims of physical or sexual violence, or both, in a dating relationship. (New York Times, 8/01/01)

    Fonte: http://www.feminist.com/antiviolence/facts.html:

    1/3rd of Women in US Military Raped

    According to NPR, “In 2003, a survey of female veterans found that 30 percent said they were raped in the military. A 2004 study of veterans who were seeking help for post-traumatic stress disorder found that 71 percent of the women said they were sexually assaulted or raped while serving. And a 1995 study of female veterans of the Gulf and earlier wars, found that 90 percent had been sexually harassed.”

    The BBC recently reported on The Lonely Soldier: The Private War of Women Serving in Iraq by Helen Benedict. This book examines the extreme difficulties female soldiers have in serving abroad. Benedict interviewed several women in the military to get a deeper understanding of the issue, and some of their stories were real eye openers.

    Army specialist Chantelle Henneberry spoke of some of her experiences in Iraq, “Everybody’s supposed to have a battle buddy in the army, and females are supposed to have one to go to the latrines with, or to the showers – that’s so you don’t get raped by one of the men on your own side. But because I was the only female there, I didn’t have a battle buddy. My battle buddy was my gun and my knife.”

    Another study concluded that 90% of all women serving are sexually harassed. Another one estimates that 90% of all the rapes do not get reported, despite supposedly easier ways to report the crime with confidentiality since 2005. Either way, this appears to be an epidemic that needs to be dealt with.
    v

    An online discussion from a former soldier whose identity is being protected had this to say, “At least a rape ends. It’s the day-to-day degradation that eats at you. None of my friends who were raped on active duty reported it. Or if we tried, we were told to shut up for ‘morale.’ Working with your rapist on a daily basis isn’t a lot of fun, believe me.”

    How the military is dealing with this appears to demonstrate a pattern of sweeping it under the rug. In 2008, 62% of those that were convicted of sexual assault or rape received very lenient punishments such as demotion, suspension, or a written reprimand.

    This problem is not confined to the US military either. This abuse is rampant among private defense contractors overseas as well, as recently highlighted by the recent press about Jamie Leigh Jones. Ms. Jones was in Iraq in 2005 when seven Halliburton/KBR employees drugged and brutally gang-raped her. Her injuries were so extensive that she had lacerations to her vagina and anus, her breast implants were ruptured, and her pectoral muscles torn. The response of KBR was to lock her in a shipping container with only a bed, and to deny her food, water, and medical treatment. The rape kit that was taken after she regained consciousness was mysteriously lost.

    This crime eventually led to an amendment being added to the defense appropriations bill by Sen. Al Franken (D-MN). This would require defense contractors to allow their employees access to US courts in cases of rape or sexual assault, regardless of where they are stationed. The 30 Republican senators voted against this amendment are currently being humiliated on the Republicans for Rape website and by John Stewart on the Daily Show.

    The culture of sexual violence against women that is allowed to exist in both the US military and private contractors needs to come to an end. When almost a third of all women serving are raped, and over two thirds sexually assaulted, this problem is rampant and systemic.

    Fonte: http://newsjunkiepost.com
    Link: http://newsjunkiepost.com/2010/01/26/13rd-of-women-in-us-military-raped/

  • backtime

    SECONDO TE E’ UN CASO CHE SU DI UN “SITO ITALIANO” SI CERCHINO TRADUTTORI?

    AVVISI

    TRADUTTORI: Il sito è aperto al contributo di volontari che sappiano tradurre bene da lingue straniere. Se pensate di poter aiutare, contattateci su [email protected]

    avresti potuto metterlo almeno su google traslator e rimessa semmai la traduzione sommaria, questo se nonaltro per rispetto di tutti, ma vedo che poco te ne interessa.

  • stendec555

    potevano mostrare gli effetti dell’uranio impoverito sui civili o anche solo fare un articolo sulle conseguenze dell’embargo in iraq ancora all’epoca del democratico clinton……come si fa a credere ai media, che sono solo pilotati da lobbies e riescono con un’immagine ad effetto come questa ad abbindolare centinaia di mioni di persone…eppure a quanto pare a sufficiente.

  • martiusmarcus

    Tao, maschio o femmina che tu sia, non ti sei accorto/a che c’è la guerra tra il maschile e femminile? una guerra che dura con alterne vicende da millenni, con le armi proprie al genere di appartenenza, e talvolta anche improprie… Ti meravigli che ci sia qualche mutilato? Ma hai mai preso in considerazione quanti maschietti sono per strada perché vittime di una separazione a scopo di lucro? Queste litanie con annesse statistiche non ci eccitano più, data l’assuefazione prodottaci da mamma TV con la sua propaganda mammista-leninista.

  • sentinella

    sharia fa rima con ordalia
    il giudizio di dio….
    ove c’è dio (lo scrivo volutamente con la minuscola) non c’è mai la pietà umana ma solo l’ingiustizia. Time fa bene a pubblicare le fotografie di questi orrori, un orrore non ne sminuisce un altro.
    Il giornalismo è anche questo, poi ognuno con il suo cervello si fa le opinioni che crede. Io guardo tutte le foto, questa e anche quelle dei feti malformati in Iraq che ha pubblicato questo sito.
    L’insistenza a sminuire determinate atrocità a favore di altre invece mi ricorda il fanatismo e la pericolosa deriva che esso produce, sia il fanatismo religioso che quello politico. Il mondo è pieno di psipotatici che ci vanno a nozze nel fanatismo e nella crudeltà.

  • Hassan
  • Hassan

    E casualmente pubblica la foto di un orrore… in AFGHANISTAN. Cioè dove c’è una guerra. Quindi una foto di una mutilazione diventa “propaganda di guerra”. Chissà se Time ha il coraggio di pubblicare le foto degli uomini che a centinaia ogni anno negli USA vengono EVIRATI dalle loro compagne… (e le cui notizie, di questa tortura orrenda, vengono presentate con fare scherzoso e divertito). In Inghilterra qualche settimana fa hanno condannato a soli 5 anni di carcere una ragazza che ha ucciso accoltellandolo all’inguine il fidanzato solo perchè questo l’aveva sorpresa in atteggiamenti intimi con un’altra ragazza e per questo l’aveva chiamata “lesbica”. E alla sorella del ragazzo, che ha assistito all’accoltellamento, hanno dato 4 anni perchè non ha chiamato la polizia, lasciando morire il fratello dissanguato.

    La realtà è che la rincoglionita società occidentale, corrosa dal virus femminista, smuove la propria empatia pelosa e viscida solo quando la vittima è: femmina, giovane, carina. Perchè in prima pagina il Time non ha messo una foto di un ragazzino afghano di 8 anni utilizzato come “prostituto” dai signori della guerra di Karzai ? Una pratica che venne abolita dai Talibans, e ritornata di grande moda da quando gli americani hanno importato i loro “diritti umani”…

  • Stopgun

    Foto di copertina di National Geographic di Giugno 1985

  • TN

    Hassan, un bacio virtuale (molto maschio, non ti preoccupare :D).
    Hai messo il dito nella piaga: la morte dell’uomo.

  • TN

    Time fa bene a pubblicare le fotografie di questi orrori, un orrore non ne sminuisce un altro.

    Certo, se non fosse che “l’altro” orrore su Time non trova asilo, e se non fosse che poi ci mettono accanto un “ecco cosa succede se lasciamo l’Afghanistan”, dopodiché ci ricama una serie di articoli che sono pura propaganda bellica.
    Se vogliono giocare a fare le anime belle, vadano a Falluja, e mostrino (absit iniuria verbo) i risultati del loro “stare in Iraq”, ad esempio.
    O sbattano in prima pagina le pareti di una casa schizzate dal sangue di una povera famiglia sterminata dai gloriosi marines americani, dopo che avevano violentato una ragazzina dodicenne di fronte ai fratelli ed ai genitori: non volevano testimoni, e hanno “eliminato” tutti.
    Ecco, mettano a nudo i loro peccati, prima di mettersi ipocritamente a puntare il dito sulle pagliuzze degli altri.

  • nomorelie

    condivido, ma il significato di esporre tutti quei dati riferiti al faro della democrazia e della giustizia nel mondo ha un senso ben diverso.
    serve, come è scritto all’inizio seppur in inglese, per svegliare chi ancora crede alle favole dell’arabo cattivo.
    non che l’arabo sia un agnellino, ma cerchiamo di essere obiettivi e prima di tutto di toglierci finamente la trave dall’occhio.

  • giovannimarc

    cinico-delirante-benaltrismo

  • kitiaram

    Però hassan ne tu ne nessun’altro qui ha speso una parola per la povera ragazza! tutti tesi a fare i guerrafondai maschilisti, ma che mi dici di un atto così su una PERSONA che come dice anche l’emiro è altamente condannato anche dalla legge islamica?

  • kitiaram

    Tra tutti i commenti, non una parola per l’orripilante fatto successo a questa ragazza! Per lo meno l’emirato dice chiaramente che è vietato un atto simile dalla legge coranica! E nessuno commenta su questo! Che popolo infame siamo…

  • backtime

    Sarà perché il messaggio che vuole rimettere la copertina, è aldilà della mera donna? o pensi che il cristiano OPUS DEI la pensi diversamente sulle donne? e qui ovviamente stiamo parlando del civile occidente non dell’estremo oriente. Meno ipocrisia per favore!!!

  • maristaurru

    Ma il naso a quella ella ragazza chi glielo ha tagliato? avrà mica fatto da sola?

  • maristaurru

    Succede, queste cose succedono ed è inutile negare, ora sta succedendo in afgafanistan e si è saputo, domani sarà altrove ed uscirà fuori, ve ne fregherà niente se non ci saranno implicazioni politiche e di tifo politico, intanto si massacrano esseri umani ridotti a cose

    (ANSA) – KABUL, 9 AGO – I talebani hanno ucciso in Afghanistan una vedova ”colpevole” di essere rimasta incinta. Lo ha riferito un alto responsabile della polizia.

    I talebani hanno tuttavia smentito la notizia, condannando l’accaduto ma la fonte racconta che la vedova, prima di essere uccisa con tre colpi di pistola alla testa davanti a tutti, e’ stata punita in pubblico con 200 frustate. L’uomo, che aveva promesso di sposarla, e’ stato catturato ma poi e’ stato rimesso in liberta’ dopo aver pagato una cauzione.

    Per il nostro modo di sentire e di vedere è un orrore e proare orrore per queste bestilità non vuol dire essere pro o contro guerra in Afganistan.

    Una azione cattiva e stupida efferata e fuori del tempo lo è indipendentemente dal quadro in cui si svolge

  • maristaurru

    Noi il medioevo lo abbiamo passato da un pezzo, omicidi, follie, delinquenze, avvengono anche da noi, finiscono in cronaca e davanti al giudice, la gente normale ne prova orrore e isola quelli che per noi sono delinquenti.

    Afganistan forse tra 1000 anni sarà diverso, ma noi invece siamo già diversi.
    Ogni popolo ha i suoi tempi , ogni civilità fa un percorso e dovremmo smetterla di fare minestroni di civiltà, senza nè capo nè coda. Non ci piace come operano i talebani, ma la capoccia non gliela possiamo cambiare e forse nemmeno dovremmo. La guerra in afganistan appare comeun enorme errore dell’occidente , certo lo è dal punto di vista sociologico io credo, questo non toglie che quando due mondi diversi, grazie alla globalizzazione, vengono a contatto, si crei allarme, paura, rabbia per lo scempio di donne ridotte peggio che animali e sminuire la portata della barbarie non è giusto, noi qui ed ora ci ribelliamo alla barbarie che ci viene a forza infilata in casa e che proviene da fuori e non ci sottomettiamo a chi vuole conformarci agli interessi economici del mondo globalizzato con la violenza. si è arrivati ad accettare nel nostro paese abomini giuridici per cercare di sanare questa disparità di evoluzione .
    Se non ve ne siete accorti stanno facendo violenza a loro ed a noi e solo per motivazioni economiche che non riguardano i popoli ma le solite lobby laide.

    Italiani brava gente? Non ci credo più, chiudere gli occhi, fare finta di non capire per tifo o conformismo, non è da brava gente, gli si possono dare mille altre denominazioni, ma nessuna positiva

  • ottavino

    E’ impossibile per un occidentale comprendere “come stanno le cose”, come dimostra il commento di maristarru. Infatti l’occidentale parte sempre dal concetto “loro sono barbari, noi no”. Questo deriva sostanzialmente da un’educazione cattolica o cristiana dove ci sono stati insegnati i dieci comandamenti: non uccidere, non rubare, ecc,ecc. In verità, per comprendere bene le cose è necessario fare TABULA RASA di questi concetti, e domandarsi: che cos’è la barbarie? Studiando un pò, sforzandosi di capire, si può arrivare a comprendere che la barbarie degli occidentali è nascosta e ineguagliabile.

  • maristaurru

    Non mi sembra di aver detto che noi non siamo barbari o che siamo meglio, ho esposto un fatto, mettiamola così, il loro tipo di barbarie nel corso della evoluzione del nostro popolo, lo abbiamo avuto, erano i tempi dei giochi gladiatori uomo/bestia, erano i sacrifici dei cristiani, erano le inquisizioni più o meno sante.. e potrei continuare.

    Ora noi siamo ad un altro punto diciamo della evoluzione, la nostra sensibilità ci fa ripudiare certe usanze, le nostre leggi sono espressione più o meno esatta della nostra sensibilità ed imporre a noi i loro usi coartando il nostro modo di essere fino ad arrivare ai tuoi contorcimenti logici, che sono quelli di molti, non so quanto e se in buona fede, è fare violenza a noi, come lo è pretendere che un afgano cambi il naturale evolversi della sua civiltà imponendo il nostro modello, tutto per il piacere e l’interesse alla fine, solo di quattro vecchi e quattro lobby che fanno capo al WTO, FMI, Banca mondiale, ONU ed altri potentati costosi e frallocchi

    Questo però, se vengo posta di fronte ad una barbarie, che provenga da un afgano o come accade anche , da un italiano,non mi impedisce di ribadire che di barbarie si tratta e credimi non è cosa inutile: una società DEVE fare sentire che certe cose in quella “casa” non si fanno, altrimenti non si ha libertà, ma si ha caos e degrado, e mi sembra che certo modo di sragionare per slogan accattivanti, abbia prodotto abbastanza danni.

    E’ evidente che comunque in Occidente le leggi ed il comune costume non ammettono le fustigazione di una donna incinta, ma che dico, nemmeno di un cane, e non si ammette la pena di morte, e la donna è una persona e non una cosa. Quindi per favore smettiamola con i minestroni pseudoculturali male assortiti che puzzano di opportunismo lontano un miglio, ammanniti pure con spocchia ignorante, solo per sentito dire da questo o quel politicuzzo i cui interessi di cassa sono speculari a quelli di chi vuole certe guerre che alimentano alla fine e traffici di armi, schiavi/e , coca, oppio. tutte cosette che con l’aiuto fattivo e pesso inconsapevole di una parte e dall’altra, fanno confluire danaro alle lobby poste in cima alla piramide, che se la ridono alla grande. Noi popolo nel nostro piccolo possiamo evitare di accodarci e chiedere che non si faccia fare a noi dei passi indietro solo perchè quattro pazzi pensano che così potranno meglio sgovernare il mondo ed insaccocciarsi un sacco di soldi

    Cadono le braccia a sentire certe argomentazioni di chi crede di avere la verità in tasca e che basti del buonismo a buon mercato per potersi fregiare della medaglietta di anima bella, nobile ed eletta . Narcisismo puro. Ciechi e stolti come più di dieci anni fa quando vi si diceva che “l’amico bancario “era una stronzata per fottervi, da questo blog non so chi mi ha dato della irresponsabile che voleva per chi sa che motivi danneggiare le care banche! Eppure avevo solo esposto dei fatti, come ora. Narcisi a buon mercato, davvero ho perso troppo tempo e consumato troppo spazio.

  • ottavino

    Tu dici:”la nostra sensibilità ci fa ripudiare certe usanze”. Ma non ci impedisce di avere delle auto, di avere degli elicotteri…..QUESTA E’ BARBARIE ….capisci ora?

  • stendec555

    il problema è la strumentalizzazione della cosa. sono capitate cose atroci in afghanistan e iraq, opportunamente non rivelate nè pubblicate da questi generi di riviste. sfruttando questa terribile immagine sarà possibile ancora una volta convincere l’opinione pubblica che è opportuno investire altri miliardi di dollari per interventi armati in medio oriente per civilizzare, importare la democrazia e la libertà e altre simili amenità in un luogo barbaro e primitivo come l’afghanistan, l’iraq etc etc

  • cirano60

    sottoscrivo in pieno la tua disarmante e chiara risposta al
    discorso di maristau che velatamente ci dice che alla fin fine la civiltà occidentale
    è la migliore non è mai successo che ad una ragazza le si taglia il naso … ergo..
    ma siamo poi sicuri che la foto sia vera?

  • Ricky

    Questo articolo é un falso clamoroso.
    E l’unica ragione di quella copertina del Time é quella di giustificare la guerra.
    Mi viene da vomitare di indignazione.

  • maristaurru

    No, a me sembra che questa sia solo masturbazione mentale, roba da figli dei fiori ed anche molto fatti. sarebbe strano che l’uomo restasse fermo alle origini senza usare la tecnica che man mano lui stesso evolve. Che poi l’uomo faccia cattivo uso spesso della tecnica. è un altro discorso e comunque usare l’elicottero non è come torturare un essere umano e soddisfare istinti bestiali e primordiali di potere e possesso.
    la tua è peggio che un minestrone, è una sbobba immangiabile

  • maristaurru

    e tu non hai capito un cacchio, non ho detto quello che vorresti farmi dire, la civiltà occidentale è quella che è con pregi e difetti, così come quella afgana o islamica o vattela a pesca. Io dico che stare a colpevolizzare la civiltà occidentale in genere è operazione o sporca o da imbecilli

    SPORCA se fatto fraudolentemente per ottenere dalla gente comune sovvenzioni e passo indietro che serve alle lobby alle quali serve scaricare le colpe delle loro individuabilissime porcate sul mondo occidentale in genere: tutti colpevoli, nessun colpevole egente come voi è la peggior nemica dei paesi emergenti che finchè saranno sfruttati dalle lobby e circondate da anime belle paraninfe degli stessi, non potranno che soffrire di più, come sta avvenendo da decenno

    DA IMBECILLI se fatta per conformismo, cos’ tanto per darsi la zappa sui carissimi e sentirsi santi e nobili a buon mercato pontificando quattro cacchiate.

    Non so se capite quello che leggete o farte finta di non capire e cercate di tradurre quello che vi si dice come pare a voi per ciurlare nel manico, certo che cadete sempre più in basso

  • maristaurru

    E questo non mi meraviglierebbe, nemmeno un po’, ma la foto non parrebbe ritoccata

  • cavalea

    Fosse anche vero, non cambia di un millesimo il fine per cui è stato pubblicato. Avanti con la guerra, esportiamo libertà e democrazia.

  • ottavino

    Bene. Auguri di Buon progresso.

  • cirano60

    mia cara mari.. noto che il caldo di questa nostra etate ti ha fatto sobbollire un pò il cervellino non posti mica dalla russia con rancore? 1: mai ho stabilito gerarchie di superiorità tra occidente cristiano?! e mondo mulsulmano. Non sò nemmeno dove si trova lagfanistan , la cultura islamica non la conosco ne vissuta quindi mi astengo da ogni ridicolo discorso riguardo a cozzi di civiltà in effeti lì ci siamo andati per altri caz..
    non per scovare e acchiappare osama rinfrattato in qualche grotta agfana; queste cose sono risapute purtroppo esiste una notevole parte della popolazione mondiale che si lascia menare per il naso non sò per pigrizia,falsa accondiscendenza(la maggior parte di noi deve affrontare probremi reali e non può giocare come quei giornalisti di time che con un abusato trucco paploviano associano la foto ,non bella da vedere, allla frase “mo avete capit perchè siamo lì brutti stronzi.?
    Ripeto è da prendere per buona la fotografia che non sia l’ennesima puttanata di queste merde?

  • maristaurru

    Se la foto non è truccata, e pare che non lo sia, qualcuno ha mozzato il naso alla giovane donna, e non è la prima foto di donne o anche uomini ridotti così che esce da quelle zone. Quindi si, sembra ragionevolmente acclarato che costoro abbiano ancora di queste usanze.

    Ora il fatto che questi hanno simili usanze giustifica la guerra? IO dico di no.
    Altrimenti dovremmo fare guerra ad una gran bella parte di mondo.

    Quello che rifiuto è la pretesa di arrivare alla colpevolizzazione di tutto l’occidente, o meglio del popolo minuto, solo per non individuare i veri colpevoli di molte miserie di questa gente, gli interessi , i traffici di armi, di oppio, il mare di soldi che prende la strada di ONG che altrimenti non guadagnerebbero..un mondo intorno a civiltà emergenti che non possono nè emergere , nè sviluppare secondo il loro giusto cammino grazie al gran circo di magnaccia che li circonda e tra i magnaccia ci sono molte anime belle e qualche utile cretino.

    Rifiuto anche che per gli interessi di 4 vecchie vesciche piene di soldi si pretendwe di metterci in casa gente che per ora sta bene dove sta e che al massimo, ove lo richiedesse andrebbe aiutata, ma non con la carità pelosa del FMI, bensì osì come chiedono in tanti del terzo mondo e da tanto tempo: smettendola di derubarli e non siamo noi perchè usiamo la macchina, imbecillità al cubo, ed aiutandoli a produrre, ed a inserirsi nel mercato che non sia quella fetecchia del WTO e soprattutto evitando quella esimia porcata di togliergli la terra e le sementi, magari se poi evitassimo di fargli vaccini traditori che li rendono sterili, come hanno dovuto ammetter di aver fatto qua e la, che sa forse allora anche i Talebani ci guarderebbero con minor odio, la questione dei diritti umani verrebbe da se con il benessere diffuso ed i contatti

    Ma non lo si vuole fare e nessuno aiuta a svelare fino a che punto sono sporchi e chi davvero è sporco, ognuno nasconde un pezzetto, o aggiunge una fesseria per butttare la croce sul nemico che gli hanno additato da azzannare, in questo senso siamo più barbari di coloro, si in questo senso, si

  • Stopgun

    L’articolo dice che

    Questa fotografia pubbligata dal Time magazine e la barbara storia erroneamente collegata all’Emirato islamico non è solo falsa, ma pubblicare queste immagini è contro la morale e l’etica della professionalità giornalistica.

    Forse questa frase vi è sfuggita.

  • Stopgun

    L’articolo dice che

    Questa fotografia pubbligata dal Time magazine e la barbara storia erroneamente collegata all’Emirato islamico non è solo falsa, ma pubblicare queste immagini è contro la morale e l’etica della professionalità giornalistica.

    Forse questa frase vi è sfuggita.

  • cirano60

    “pare che non lo sia…”
    mi pare me pare e gli dettero 30 anni

  • giovannimarc

    dura, per essere contro l’aggressione all’Afghanistan,dover accettare dall’affidabilissimo Emirato islamico lezioni sull’importanza del giornalismo.
    Ora che tutto è chiarito resta solo un interrogativo:come si sara’ fatta “male” la “sorella Aisha”?Possono starmi sulle palle entrambi? Posso non dare la mia simpatia ai Talebani e non essere sionista, imperialista e roba simile?
    Inoltre mi starebbe sulle palle la “Repubblica Cristiana D’Italia”ergo …