Il “tour europeo” di Wallace in chiave anti-russa

Il Segretario di Stato per la Difesa britannico è in Europa per dare slancio alle sanzioni contro la Russia e sostenere l'Ucraina.

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

In questi giorni Robert Ben Wallace, Segretario di Stato per la Difesa del governo Johnson, è in Europa per incontrare alcuni Ministri della Difesa europei per definire la strategia della NATO in risposta a quelle che i media occidentali definiscono da tempo “continue pressioni russe al confine con l’Ucraina”.

La posizione del governo inglese è che la loro risposta alle ingerenze russe è stata più muscolosa dei quella della maggior parte dei paesi europei. Wallace ha affermato che solo Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Polonia si sono attivati per sopportare con i propri armamenti il governo di Kiev, mentre una risposta più decisa si attende dai Paesi Bassi. Criticato inoltre l’atteggiamento della Germania, che ancora continua a resistere alle pressioni della NATO, ed attualmente sta solo fornendo all’Ucraina i cosiddetti aiuti “non letali”, inclusi ospedali da campo.

In una riunione tenutasi a Bruxelles, i vari Stati della NATO hanno discusso circa la possibilità di rafforzare il fianco orientale dell’alleanza, mentre gruppi militari tattici sono stati schierati in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia già dalla crisi della Crimea nel 2014. Sotto osservazione anche la situazione negli stati baltici.

Wallace ha anche rilasciato un’intervista alla BBC affermando che “c’è ancora una possibilità che un’invasione della Russia possa essere fermata”, ma al riguardo non è ottimista.

Continua la propaganda occidentale del terrore. Continuano le dichiarazioni poco pacifiche dei vari governi europei…ma nonostante ciò la responsabile di tutta questa situazione è per i nostri media solo ed esclusivamente la Russia.

Massimo A. Cascone, 27.01.2022

Fonte: https://www.bbc.com/news/world-europe-60149444

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x