Home / ComeDonChisciotte / IL GOVERNO DEI POTERI VISCIDI: IL DEBITO OCCULTO PER NUCLEARE E TAV

IL GOVERNO DEI POTERI VISCIDI: IL DEBITO OCCULTO PER NUCLEARE E TAV

FONTE: Comidad.org

Paolo Flores D’Arcais, pur senza manifestare un particolare entusiasmo, ha salutato nel governo Monti l’epifania di una destra finalmente “presentabile” e “civile”. Uno che è stato pronto a credere che la NATO potesse andare in soccorso di una vera ribellione popolare, è disposto anche a credere che possa esistere una destra presentabile e civile. A riguardo della sinistra si potrebbe sempre dire ciò che Nietzsche diceva a proposito di Dio, e cioè che almeno ha la scusante di non esistere; dato che ciò che viene definito come “sinistra” non è altro che una nicchia di parcheggio per personale politico che attende l’opportunità di collocarsi a destra. Ma una destra che non insolentisca e che non sbrachi, non si è mai vista, neppure nelle mitiche democrazie europee, rispetto alle quali l’opinione pubblica italiana risulta semplicemente non informata.I primi segnali di sbracamento del governo Monti non si sono fatti neppure attendere: una dichiarazione del neo-ministro dell’Ambiente, Clini, sull’opportunità del ritorno al nucleare, è stata immediatamente lanciata sui media, salvo poi ricorrere alla consueta tecnica di rabbonire e di parlare di “equivoco”. Clini ha persino invocato come “alibi” il suo impegno nelle energie rinnovabili, come se il rifiuto del nucleare avesse bisogno di prospettare alternative. Il nucleare è invece insostenibile di per sé, a causa dei suoi costi incontrollabili; e rimarrebbe insostenibile persino se il solare e l’eolico dovessero deludere le aspettative. Intanto Clini ha lanciato il sassolino, ed è cominciata la progressiva delegittimazione del risultato dei referendum.[1]

Che in presenza di un’emergenza/debito pubblico si prospettino ancora quelle voragini di spesa pubblica che sono il nucleare e l’Alta Velocità, non risulta affatto una contraddizione, se si considera come e perché questo debito è stato fatto lievitare negli anni recenti. Sino all’inizio degli anni ’90, il debito pubblico italiano era soprattutto un debito interno. Progressivamente è diventato anche un debito nei confronti di banche straniere, in gran parte francesi, come la mega-multinazionale BNP Paribas, che detiene oggi anche la proprietà della BNL, la banca italiana che prima apparteneva al Ministero del Tesoro (a proposito di privatizzazioni suicide).

L’altra multinazionale francese interessata al debito pubblico italiano è Credit Agricole, che possiede anche Cariparma. Entrambe le banche francesi hanno però ridotto negli ultimi mesi l’esposizione nei confronti dei titoli italiani. La BNP Paribas ha ridotto la sua esposizione dai 20,2 miliardi del mese di giugno scorso, agli attuali 12,2 miliardi.[2]

Ormai è acquisito che l’attacco al debito pubblico italiano sia stato avviato da Deutsche Bank e da Goldman Sachs, ma certo anche BNP Paribas ha un considerevole peso che può far valere nelle circostanze attuali. Come mai le banche francesi si erano interessate al debito pubblico italiano? Perché occorreva finanziare le pensioni-baby degli Italiani? No, per favorire determinati affari, anzitutto la vendita di tecnologia nucleare. I fornitori di tecnologia per il nucleare italiano voluto da Berlusconi e Scajola avrebbero infatti dovuto essere due multinazionali francesi del settore, la EDF e la Areva.[3]

La BNP Paribas risulta essere infatti una delle banche maggiormente interessate al business nucleare, ed è il principale partner della EDF, che è stata anche aiutata da BNP ad acquisire imprese nucleari in Gran Bretagna, come la British Energy. La notizia si trova sul sito di BNP Paribas.[4]

A questo punto qualcuno si sorprenderebbe nel constatare che multinazionali francesi, come la Alstom, forniscono all’Italia anche i treni ad alta velocità?

Ebbene è proprio così. Ce lo conferma proprio un articolo de “Il Sole-24 ore”, collocato in tutta evidenza nella rassegna stampa presente sul sito del precedente governo.[5]

Qualche sospettoso potrebbe adesso ipotizzare che BNP Paribas sia interessata anche al settore dell’alta velocità in Italia. Il sospetto è confermato: BNP Paribas ha in effetti acquistato in Italia dei lotti di terreno che dovrebbero essere riconvertiti in aree per ferrovie ad alta velocità, come quelli di Roma Tiburtina appena nell’ottobre scorso.[6]

Manca qualcosa al quadro? Sì, occorrerebbe sapere qual è la banca di riferimento della multinazionale francese dell’alta velocità, la Alstom. Dal sito della stessa Alstom risulta che sia sempre BNP Paribas. A questo punto il legame tra il debito pubblico italiano ed i business del nucleare e dell’alta velocità costituisce più di una semplice ipotesi.[7]

Il business dell’alta velocità in Italia coinvolge anche i privati, come il prezzemolo Luca Cordero di Montezemolo; ma in definitiva è “privato” solo il profitto, perchè è sempre lo Stato che deve spendere per fornire le infrastrutture. Qui è scoppiato in modo clamoroso il conflitto di interessi di Corrado Passera, nuovo ministro delle Infrastrutture ed ex manager della Banca Intesa San Paolo, che ha una quota del 20% nell’azienda ferroviaria di Montezemolo e Della Valle, Nuovo Trasporto Viaggiatori.[8]

Le multinazionali francesi hanno compiuto una tipica operazione di colonialismo commercial-finanziario: si compra il debito di un Paese per costringerlo ad acquistare i propri prodotti, specialmente i più costosi e meno convenienti. Visto che le resistenze popolari in Italia, come il referendum antinucleare e l’anti-TAV, hanno ostacolato gli affari, allora il debito pubblico è diventato un’arma di ricatto. Ed ecco perché, in piena emergenza-debito, l’Alta Velocità non si tocca e si torna in modo strisciante all’ipotesi del nucleare.

Note:

1. Nucleare, scoppia il caso Clini
Il centrosinistra all’attacco del neoministro

2. Bnp Paribas ha dimezzato rischio Italia in ultimi quattro mesi, Le banche studiano l’exit strategy dal debito pubblico italiano

3. Francia-Italia, a chi conviene
il nucleare di terza generazione

4. Innovation Focus – BNP Paribas CIB: Nuclear Power Notes (audio)

5. NUOVO TRENO ALSTOM PER LA TAV

6. Alta velocità, BNP Paribas Real Estate ha acquistato il primo lotto di aree di Roma Tiburtina

7. Become a shareholder

8. Cambia il governo, ma il conflitto di interessi rimane

**********************************************

Fonte: IL GOVERNO DEI POTERI VISCIDI: IL DEBITO OCCULTO PER NUCLEARE E TAV

24.11.2011

______________________________________________________

La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori e in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere ritenuto responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi.
La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

– messaggi non concernenti il tema dell’articolo
– messaggi offensivi nei confronti di chiunque
– messaggi con contenuto razzista o sessista
– messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Pubblicato da Davide

  • Grandebaba

    lapalissiano.. peccato che fatti tanto evidenti (e da mesi) non siano mai al centro dei dibatti nucleare sì/no, TAV si/no, quasi ne fossero un aspetto secondario e non quello centrale..

  • ilnatta

    questo è chiaramente un debito che andrebbe ripudiato. come sarebbe da ripudiarne tanti altri. bisogna fare come l’Ecuador, istituire una commissione che analizzi come è stato contratto e dove è finito il debito. quello di cui ha giovato la popolazione e quello che invece è servito ad arricchire le cricche politiche in combutta con i loro amici imprenditori e finanzieri. a quel punto che vadano dai politici a farsi rimborsare, e se non ci riescono pazienza! hanno perso i soldi! dove sta il rischio d’impresa per questa gente? possono azzardare su tutto perchè tanto vengono sempre rimborsati dagli stati? è con questo meccanismo che si privatizzano gli utili e socializzano le perdite! BASTA!

  • RicBo

    Interessante articolo e viene da chiedersi (retoricamente perchè la risposta già si conosce) perchè in programmi come quello di Santoro o della Gabanelli (Floris neppure lo cito) queste analisi sembrano tabú.
    Ho provato a vedere Santoro ieri e dopo mezz’ora ho spento è realmente un’arma di distrazione di massa, troppo poco spazio qui per descrivere la manipolazione di cui è artefice, solo un paio di cose:
    Come sempre si è centrato il discorso sul pollaio corruttivo italiano glissando bellamente sull’enorme corruzione dell’intera fattoria, quella descritta in questo post, quella delle banche d’affari, delle multinazionali, dell’amorale mondo calvinista-luterano nordeuropeo.
    Si parlava di Finmeccanica facendo finta di non sapere che farà parte del piano di svendita di ciò che rimane del patrimonio pubblico, ad esempio neanche una menzione all’azzeramento della regola della golden share imposta dalla UE che aprirà le porte ai cannibali d’oltralpe, la cui corruzione e l’intreccio affari-politica è ben altro in confronto a quella meschina e bizantina descritta ieri.
    Maschilismo imperante, salta agli occhi a me che vivo in Spagna (in Spagna non in Svezia). Tutti uomini che parlavano. Le donne se ci sono eventualmente sono madri coraggio o poverette che perdono il lavoro o giornaliste giovani, belle, rampantine. So per certo che una delle menti dei programmi in RAI è una donna intelligente ed in gamba che non vedete mai. E’ cicciottella e per i parametri tv non presentabile. Vogliamo parlare anche di questo?

  • ilnatta

    ma infatti. nella puntata precedente mi ha fatto sbroccare quando dopo l’intervento di una persona del pubblico, che voleva incentrare la discussione appunto sulle grandi storture economiche, il buon Santoro che dice? “eh ma li sappiamo quali sono i problemi della globalizzazione, ne abbiamo parlato tante di quelle volte” …… eeeeeeeeee? ma va va va sant’oro!!!!

  • AlbertoConti

    Qui non basta più ripudiare i debiti odiosi, occorre ripudiare le (s)vendite odiose del patrimonio pubblico e privato (es. industrria casearia). Legittimare i ladri vuol dire legittimare la schiavitù. Sionisti striscianti, vi dice niente questo principio?

  • Fedeledellacroce

    Nel senso che é arrivato il momento di ricorrere alle armi!

  • Iacopo67

    Allo schifo non c’è limite.
    L’articolo mostra solo una parte dello scandalo.
    Andate a vedere che dice il meraviglioso magistrato Ferdinando Imposimato a proposito dei lavori sull’alta velocità !
    Roba da non credere !
    Vi spiega anche perchè i mass media non ne parlano.

    Il TAV secondo il giudice Imposimato
    http://www.youtube.com/watch?v=-asp6Gjqpl8