Home / ComeDonChisciotte / IL CODEX ALIMENTARIUS: UN INQUIETANTE PROGETTO IN CAMPO ALIMENTARE

IL CODEX ALIMENTARIUS: UN INQUIETANTE PROGETTO IN CAMPO ALIMENTARE

DI FRANCO LIBERO MANCO

Il Codex Alimnetarius entrerà in vigore il 31 dicembre del 2009 e potrebbe essere il più grande disastro per la salute umana: determinerà gli standard di sicurezza alimentare e le regole in più di 160 paesi del mondo, cioè per il 97% della popolazione mondiale.
La Commessione di Commercio Codex Alimentarius (che nel 1994 dichiarò le tossine come nutrienti) è attualmente finanziata e condotta dall’OMS (che appartiene all’ONU) e dalla FAO.
Un insieme di standard internazionali aventi come scopo la protezione della “salute” dei consumatori, attraverso pratiche nel commercio per: preparati alimentari, semipreparati, crudi, l’igiene degli alimenti, gli additivi, i pesticidi, i fattori di contaminazione, l’etichettatura, i metodi di analisi. Lo scopo recondito è di mettere fuori legge ogni metodo alternativo nel campo della salute, come le terapie naturiste, l’uso di integratori alimentari, di vitamine e di tutto ciò che potrebbe essere un potenziale concorrente per l’industria chimico-farmaceutica.

La lobby della chimica farmaceutica è nata da un’associazione condotta da Rockfeller e dall’IGFarben della Germania nazista. L’IGFarben fin dal 1932 fornì ad Hitler un finanziamento di 400.000 marchi senza il quale il secondo conflitto mondiale non avrebbe potuto avere luogo e nel 1941 costruì ad Auschwitz la più grande industria chimica del mondo approfittando della mano d’opera dei campi di concentramento. Nel processo di Noriberga i responsabili della IGFarben furono dichiarati colpevoli di genocidio, di schiavitù ed altri crimini. Però un anno dopo la condanna, nel 1952, tutti i responsabili furono liberati con l’aiuto di Nelsen Rockfeller (che a quei tempi era ministro degli affari esteri in USA) e s’infiltrarono nell’economia tedesca.

Fino dagli anni 70 il consiglio direttivo della società BASF, BAYER e HOECHST era costituito da membri del partito nazista che, a partire dal 1959, finanziavano il giovane Helmut Kohl. In pratica l’organizzazione nazista associata a Rockfeller ha costituito il mercato farmaceutico del pianeta.
L’alleanza della IGFarben si è poi tramandata sotto un altro nome: “Associazione per l’industria chimica” che nel 1955 è stata raggruppata nel CODEX ALIMENTARIUS il cui spirito è la soppressione delle innovazioni scientifiche indipendenti degli ultimi 50 anni usando ogni mezzo per mantenere il suo posto sul mercato in riferimento al cancro, all’AIDS, alle malattie cardiovascolari ecc.

Un gran numero di partiti politici europei, di sinistra e di destra, sono stati finanziati da questa industria per assicurarsi una legislazione favorevole all’industria farmaceutica. Per influenzare i legislatori, condizionare gli organismi di controllo, manipolare le ricerche in campo medico ed educativo, solo nel 1961 le industrie farmaceutiche hanno fatto donazioni alle grandi università degli USA: 8 milioni di dollari ad Harvard, 8 milioni di dollari a Yale, 10 milioni di dollari a Jonh Hopkins, 1 milione di dollari a Standford, 1,7 milioni di dollari a Columbia di New York. L’informazione dei medici è interamente finanziata dalle compagnie, che nascondono con attenzione un gran numero di effetti secondari pericolosi e perfino mortali dei farmaci. Vale la pena ricordare che ogni anno solo nel Nord America muoiono 800.000 persone a causa delle medicine allopatiche. Il 13 marzo 2002 gli europarlamentari adottarono leggi a favore dell’industria farmaceutica secondo le disposizioni fissate del Codex Alimentarius, finalizzate ad elaborare una documentazione coercitiva per tutte le terapie naturiste e gli integratori alimentari. Ma nonostante 438 milioni di petizioni inviate al Parlamento Europeo le direttive del Codex sono state adottate.

Il dr. Rath Matthias, uno specialista tedesco per l’uso di trattamenti naturisti, nel 2003 ha consegnato alla Corte Internazionale di Giustizia un atto di accusa per crimini contro l’umanità. Matthias afferma: “Il vero scopo dell’industria farmaceutica mondiale è di guadagnare soldi grazie alle malattie croniche e di non preoccuparsi di prevenire o sradicare queste malattie. L’industria farmaceutica ha un interesse finanziario finalizzato alla diffusione di queste malattie, per assicurarsi il mantenimento o addirittura l’aumento dei prezzi dei medicinali. Per questo motivo i farmaci sono fatti per eliminare i sintomi e non per trattare le vere cause delle malattie… le compagnie farmaceutiche sono responsabili di un genocidio permanente e diffuso, in quanto uccidono in questo modo milioni di persone”.

A partire dal 2005 le direttive applicate mirano a:
– eliminare ogni supplemento alimentare naturale che sarà sostituito con 28 prodotti di sintesi disponibili solo in farmacia: tutto ciò che non è nella lista del Codex è considerato illegale;
– le medicine naturiste, come l’agopuntura la medicina energetica, ayurvedica, tibetana ecc. saranno progressivamente vietate;
– l’agricoltura e l’allevamento di animali saranno regolate dall’industria chimico-farmaceutica che vieta per principio l’agricoltura biologica. Questo significa che ogni mucca da latte sarà trattata con l’ormone bovino della crescita (ricombinato geneticamente) prodotto dalla Monsanto. Inoltre. Ogni animale del pianeta usato a fini nutrizionali dovrà essere trattato con antibiotici ed ormoni della crescita. Le regole del Codex permettono che gli alimenti contenti OGM non debbano più essere etichettati come tali. Non solo. Nel 2001 il Codex Alimentaris reintegra 7 delle 12 sostanze chimiche (note per essere causa di cancro) vietate unanimemente da 176 nazioni.
– l’alimentazione umana dovrà essere irradiata con Cobalto i cui livelli saranno maggiori di quelli permessi in precedenza.

Franco Libero Manco ([email protected])
8.04.2009

Pubblicato da Davide

  • lino-rossi

    sarebbe bene che quel sinistro cartello giallo si diffondesse.

  • lino-rossi

    http://www.effedieffe.com/content/view/6991/171/

    Blondet: “Secondo una ricerca del ministro dell’Agricoltura austriaca, infatti, topi alimentati per 20 settimane con il 33% di mais Monsanto geneticamente modificato (NK 603 x MON 810) hanno partorito meno piccoli, e piccoli sottopeso. Il gruppo dei topi di controllo, alimentati con granaglie normali, hanno avuto figliolanze normali. Se Monsanto fa quest’effetto sui topi nutriti solo al 33% con le loro sementi, perchè non dovrebbe farlo sugli umani?”

  • AlbaKan

    E’ inquietante tutto questo, anche perchè queste grandi macchinazioni avvengono sempre nel silenzio totale della stampa. Se va tutto bene veniamo a saperle a cose fatte. L’Unione Europea (delle Banche) come al solito è complice in queste cose, come per il trattato di lisbona che prevedeva la privatizzazione dell’acqua in favore delle multinazionali, ed anche con il mercato transatlantico che dovrebbe entrare in vigore nel 2015!::::::::::::::::::::::::::::::::::::http://www.vocidallastrada.com/2009/03/il-nuovo-ordine-mondiale-di-ogm.html

  • esca

    Ho la convinzione di star vivendo in una delle epoche più false della storia, o forse è solo una sensazione: l’inganno e la menzogna sono sempre esistiti, solo che i mezzi a disposizione per la propaganda a favore del regime sono ormai talmente sofisticati da risultare più efficaci rispetto al passato. Fatto sta che è tutto nelle losche mani di chi decide cos’è legale e cosa non lo è (compresa vita e morte dei contribuenti), secondo criteri che non sono mai il bene comune bensì criminali interessi di pochi potenti e arroganti; cosicchè il lavaggio del cervello ed il conseguente condizionamento mentale della popolazione non conosce alcun limite, rendendo le cose più semplici a “chi ci vuole bene”; basta guardarsi attorno. La comunità scientifica ufficiale in mano agli scellerati è una vera e propria arma usata contro la popolazione senza esclusione di colpi: “gli esperti usano metodi riconosciuti dai più illustri ed affidabili organismi internazionali” (visti così non sembrano proprio illustrissimi e affidabilissimi) “il metodo della ricerca indipendente non ha fondamenti scientifici ufficiali, quindi non vale niente” “i ricercatori indipendenti non sono nessuno perché non sono famosi presso gli ambienti accademici” “gli OGM fanno bene perché lo dice un nobel e se lo dice un nobel non è confutabile” ecc. L’ultima volta che la comunità scientifica ufficiale è saltata addosso, denunciandolo per procurato allarme, ad un poveretto che grazie alle sue ricerche indipendenti ed ai suoi mezzi di indagine aveva osato prevedere un’imminente catastrofe, se ne sono poi andate centinaia di anime… …e gli esperti stavano a guardare… Ma esistono molte altre persone che subiscono pesanti vessazioni da parte di esponenti di organizzazioni assurde (vedi il CICAP, che sta invadendo ogni angolo della Rete come la peste; da notare come il citato comitato non abbia alcuna attinenza con particolari argomenti che invece si propone con prepotenza di trattare), accreditati dal sistema per disinformare in tutti i modi. La colpa di questi esseri umani è quella di denunciare ed informare su palesi attività di avvelenamento globale, illegali, non certo a responsabilità dei privati cittadini. E’ proprio necessario attendere di subire qualche mutazione genetica non reversibile in seguito all’alimentazione con cibi ricombinati ad opera delle multinazionali, oppure di morire in massa per malattie degenerative o patologie fulminanti da avvelenamento prima di dare retta alle voci non ufficialmente allineate non appartenenti alla “parrocchia degli eletti”? Sarebbe saggio evitare, soprattutto per il bene di chi verrà dopo.

  • SempreIo

    Sarà per l’imminente applicazione del Codex Alimentarius che è stato preparato questo:
    La banca genetica dell’Apocalisse
    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=4068

    e, forse, affossato questo:
    La guerra dei semi L’arca dei vegetali distrutta dalla rivalita’ tra due professori
    http://archivio.lastampa.it/LaStampaArchivio/main/History/tmpl_viewObj.jsp?objid=8218164

    ?

  • portoBF

    Ma tutti noi, perchè dovremmo farci ammazzare da questi schifosi vermi putrefatti, una volta tanto prendiamo l’iniziativa, trattiamoli come meritano, e ognuno di noi sa cosa meritano, e facciamola finita con queste bestie. E’ una questione di sopravvivenza, per noi.

  • tuttouno

    E questo è niente!
    Contro la resistenza del singolo cittadino che dovesse avere la “malaugurata” idea di coltivare ortaggi sani, si prepara “Fahrenheit 451” dell’ortaggio bio!

    http://tuttouno.blogspot.com/2009/04/usa-la-polizia-degli-orti-sta-arrivando.html

    “….Le piccole aziende e i privati che coltivano verdura potrebbero essere posti sul diretto controllo del governo federale, grazie ad una nuova legislazione.

    La risoluzione 875 è stata presentata al Congresso sotto il nome di Food Safety Modernization Act (Atto di Modernizzazione della Sicurezza Alimentare) nel febbraio 2009 da Rosa DeLauro, il cui marito, Stanley Greenburg, dirige la ricerca per l’azienda Monsanto – il leader mondiale nella produzione di erbicidi e sementi geneticamente modificate….”

  • Interconnessioni

    E’ una situazione di una gravità inaudita, soprattutto se come si scrive nell’articolo il Codex Alimentarius entrasse veramente in vigore dal dicembre prossimo in 160 Paesi nel mondo. Questo stravolgerebbe le nostre abitudini alimentari ed anche in certi casi quelle di cura e terapia e non solo.
    E’ inaudito che ciò avvenga all’oscuro di milioni e milioni di persone che utilizzano complementi e integratori, ma non solo, mangiano in maniera sana e biologica!
    Bisogna trovare un modo per ralazionarci e combattere insieme questo disastro.
    Qui lo dico e qui lo confermo, tutta la mia indignazione per il Codex Alimentarius”de profundis”.
    Vorrei però una precisazione da chi può saperla su questa frase riportata nell’intervento di Franco Libero Manco autore dell’articolo, lui asserisce che ben “..438 milioni di petizioni inviate al Parlamento Europeo..” Il che a me pare un po’ eccessivo, se andate sul sito della laleva.org dove parla della petizione, si menzionano 47.000 firme “raccolte” per la petizione. Che è già un dato accettabile. Ma 483 milioni di petizioni…francamente mi sembra esagerato o non corretto, nel senso di essere stato mal riportato al momento della scrittura dell’articolo.
    Fatemi sapere che ne pensate.