Home / ComeDonChisciotte / IL CERN E LE CENERI DELLA SCIENZA

IL CERN E LE CENERI DELLA SCIENZA

Il Large Hadron Collider (LHC, un mezzo per far passare spese militari nel bilancio civile

DI DOMENICO CHIRICO
Etleboro

“Senza energia l’uomo, semplicemente, non esiste”.
Mark Twain

E’ stato definito il più importante esperimento della scienza contemporanea, l’esperimento che ci porterà tra le stelle, quello dell’acceleratore di particelle del CERN. L’istallazione del Large Hadron Collider (LHC) permetterà di raggiungere forme di energia mai conosciute prima, con la finalità di scoprire proprietà della materia finora teoriche, almeno per i cosiddetti scienziati ufficiali come Rubbia. Il mondo intero si è fermato attonito dinanzi allo spettacolo di una macchina dalla mole impressionante, senza proferire parola, anche perché la maggior parte delle persone non ha le conoscenze scientifiche necessarie per esprimere un parere, se non ripetere a pappagallo ciò che ha sentito nei servizi del Tg1 e “Studio Aperto” sulle interviste improvvisate. In realtà, per chi ha memoria, questo sembra un film già visto, ed è altamente probabile che le finalità di questi esperimenti vadano al di là di quelle preposte, esattamente come avviene per tutti quegli esperimenti ad uso “civile”.
Un esempio su tutti è l’ITER, il progetto internazionale che avrebbe realizzato la fusione termonucleare. In un’ intervista rilasciata nel dicembre del 2005, Emilio del Giudice dichiarò il suo fermo punto di vista sull’ITER: “È uno dei mezzi surrettizi per far passare spese militari nel bilancio civile. Non a caso i paesi che già hanno la bomba all’idrogeno non investono nella fusione calda. Perché un reattore a termo-fusione offre un modo per studiare, senza destare sospetti, come si comporta un plasma di neutroni. Perché occorre sapere che non esiste una teoria matematica che spiega la bomba H, ma esistono una serie di “ricette” che hanno bisogno della messa in pratica per sapere se funzionano o meno. All’inizio hanno investito molto gli Stati Uniti, la Russia e la Gran Bretagna, fino al momento in cui hanno realizzato la bomba H. Da quel giorno in poi hanno perso l’interesse. A chi interessa invece ancora molto? Al Giappone e ai paesi europei, appunto, a quelli cioè che non hanno ancora l’ordigno a idrogeno. Quando avranno raggiunto lo scopo prefissato si disinteresseranno a loro volta degli eventuali benefici civili.”

Sembrano considerazioni logiche che possono ragionevolmente essere applicate all’istallazione del CERN, analizzando la questione sulla base delle informazioni sinora disponibili. Facciamo dunque il punto della situazione. Sappiamo innanzitutto che l’ LHC è costituito da oltre 1600 magneti superconduttori raffreddati ad una temperatura prossima allo 0 assoluto, cioè vicino al limite fisico dei –273,15 °C. L’impianto criogenico di LHC è il luogo massivo più freddo e più grande del mondo. Per permettere ai protoni di muoversi liberamente lungo il loro tracciato, il tunnel deve essere necessariamente portato in condizioni di vuoto assoluto. Tra gli scopi principali degli studi vi è quello di cercare, fra queste particelle, tracce dell’esistenza del bosone di Higgs (che diversifica e attribuisce la massa alle altre particelle) e di nuove particelle. Questo consentirà anche di scoprire l’energia e la materia oscura, che costituiscono il 95% dell’universo, nonché di rilevare se esistono dimensioni ulteriori alle tre spaziali e quella temporale, confermando la “Teoria delle Stringhe” ( si veda Fisica subatomica: la teoria delle stringhe ).

In prossimità dell’apertura in data 10 Settembre dell’impianto, numerose sono state le polemiche da parte di numerosi scienziati sull’eventualità di formazioni di buchi neri che avrebbero distrutto il pianeta, tanto da chiedere persino l’intervento della Corte Europea, che prontamente ha respinto queste polemiche. Non è dato sapere attraverso quali criteri i giudici sono arrivati a formulare una sentenza, dato che le affermazioni di entrambi gli schieramenti non sono altro che teorie, tanto che per confermarne alcune è stato costruito proprio l’LHC. Il punto è che certamente l’impianto è stato costruito a fronte di una spesa di miliardi di euro e certamente non può essere inutilizzato. Considerando il punto di vista economico, ci si può sbizzarrire con le diverse teorie accusando finanziatori e finanziati, soprattutto in un periodo di recessione come quello attuale, ma parlandone non si farebbe altro che cadere nell’ovvietà e nel qualunquismo sebbene le riflessioni possano ritenersi più che valide. Semmai è più interessante analizzare la questione scientifica e le contraddizioni in esse preposte: si cercano particelle sebbene esse non esistano, al di là di una “dualità quantistica” solo apparente, in virtù del fatto che tutto è costituito da onde d’energia in continua propagazione che si presentano come particelle solo all’atto di osservarle.

Essendo le proprietà dedotte dalla fisica quantistica più che accettate, la Teoria delle Stringhe è di fatto più che valida, anche se è bene notare che le “sole” 11 dimensioni, sono il frutto di una conoscenza limitata dell’universo, in conformità ai parametri immessi nel set di equazioni. E’ giusto far notare che col progressivo incremento della conoscenza e di nuove forze ed energie, le equazioni verrebbero nuovamente riviste e le dimensioni rilevate ancora più numerose. La teoria verrebbe notevolmente ampliata, ma nei fatti non si giungerebbe ad una “nuova teoria” sull’universo, né a delle conoscenze eccezionalmente diverse rispetto a quelle già sappiamo. Resta il dato di fatto che l’universo è UNO, e tutto è connesso: nella sua totalità non può che essere considerata una singolarità (matematica) al pari del centro di un buco nero (in cui parametri come gravità e dilatazione temporale vanno all’infinito) e quindi tutto ciò che lo caratterizza non può che tendere all’infinito (ivi comprese il numero delle dimensioni). Inoltre, è noto che la genesi della materia avviene nel vuoto, e ciò è stato rilevato per via sperimentale anche in ambito ufficiale (anche se il senso di tale significato non è ancora noto): non c’è alcun Big Bang, né primi istanti da rilevare.

Mettendo dunque da parte le motivazioni di “curiosità scientifica” dei finanziatori miliardari del progetto, la vera particolarità sta nell’impianto e nelle condizioni ambientali a cui esso porta. Chi avrà raccolto informazioni sulla Free Energy, avrà sicuramente sentito parlare dello ZPE (Zero Point Energy), ma non tutti hanno ben compreso a cosa fa riferimento. Quegli scienziati che in quasi completa segretezza sperimentano sulla Free Energy, hanno rilevato lo stato minimo di energia di un sistema quantistico, solo in un ambiente con due caratteristiche principali vuoto assoluto (o quasi) e temperatura zero assoluto (o quasi). Due condizioni che ritornano all’interno dei tunnel dell’LHC, in cui viaggiano i fasci di protoni e in cui quindi avvengono le fluttuazioni quantistiche che generano coppie di particelle e di anti-particelle. Non esiste un Big Bang, un inizio del tempo e dello spazio né tanto meno una fine; l’universo è costituito a livello puntuale e nella sua totalità da vibrazioni di energia, di cui l’etere teorizzato da Tesla è solo la punta dell’iceberg. Ogni luogo dell’Universo ha in sé le proprietà di generare energia e materia, non ha bisogno di alcuna esplosione primordiale. Le leggi che regolano la free energy sono semplicemente la componente costruttiva in antitesi ai processi termodinamici che portano al degrado di qualunque sistema, ed esse convivono in perfetto equilibro. Ogni essere vivente vive nel luogo delle infinite possibilità dove le risorse sono illimitate, è questo il più grande segreto, ciò che porta alla fine di qualunque monopolio e di qualunque ricatto. E’ difficile comprendere le finalità ultime, ma sicuramente isolano nella loro totalità, da quelle preposte. Ancora una volta la verità sulle sperimentazioni e i loro risultati apparterranno come sempre ad una piccola elite e alla gente comune andranno solo le briciole, quel tanto che basta per giustificare le spese sostenute agli occhi dell’opinione pubblica.

Ing. Domenico Chirico
Fonte: http://etleboro.blogspot.com
Link: http://etleboro.blogspot.com/2008/09/il-cern-e-le-ceneri-della-scienza.html
17.09.08

Pubblicato da Davide

  • ghigo

    articolo bello e affascinante, ma alle conclusioni, l’autore, come ci è arrivato?

    una cosa molto antipatica della scienza è il non poterla capire senza fare tutto il tragitto, è ciò è fonte inesauribile di sospetto.

  • Bazu

    Una domanda semplice, di ingenuo e ignorante.
    Se non si trovano fondi per la ricerca su gravissime malattie che affliggono l’umanità, da dove arrivano i fondi per questi esperimenti ? E, soprattutto, quali benefici sono previsti?

  • NerOscuro

    Quegli scienziati che in quasi completa segretezza sperimentano sulla Free Energy, hanno rilevato lo stato minimo di energia di un sistema quantistico, solo in un ambiente con due caratteristiche principali vuoto assoluto (o quasi) e temperatura zero assoluto (o quasi). Due condizioni che ritornano all’interno dei tunnel dell’LHC, in cui viaggiano i fasci di protoni e in cui quindi avvengono le fluttuazioni quantistiche che generano coppie di particelle e di anti-particelle. Non esiste un Big Bang, un inizio del tempo e dello spazio né tanto meno una fine; l’universo è costituito a livello puntuale e nella sua totalità da vibrazioni di energia, di cui l’etere teorizzato da Tesla è solo la punta dell’iceberg. Ogni luogo dell’Universo ha in sé le proprietà di generare energia e materia, non ha bisogno di alcuna esplosione primordiale.

    Mi sembra un buon incipit per un romanzo di fantascienza…

  • viracocha

    L’affermazione giustamente evidenziata da NerOscuro è abbastanza pesante e contradditoria a qualunque fonte di informazione riguardanti gli esperimenti al CERN, l’articolo postato nel link http://etleboro.blogspot.com come gli altri presenti in questo blog non hanno diritto di replica, dubito della sua attendibilità.

    Invito l’autore dell’articolo a motivare queste affermazioni.

    Colgo l’occasione per indicare un buon articolo risalente a marzo 2008 in questo link, dove potrete leggere in modo piuttosto chiaro, senza troppi dettagli incomprensibili, i fini alle ricerche degli esperimenti dell’acceleratore di particelle LHC:

    http://sarcastycon3.wordpress.com/2008/03/11/lhc-large-hadron-collider-ed-i-misteri-dell%E2%80%99universo/

    Per quanto riguarda i risultati di tali ricerche in senso generale, il CERN non è il solo a ricevere sostanziali finanziamenti, materie come le nanotecnologie sono, a mio parere, gonfiate maggiormente a dovere rispetto ai laboratori di Ginevra, dove in future applicazioni si parla di tecnologie stravolgenti e addirittura di vita eterna, ma questo è un’altro discorso, le domande alle aziende criogeniche intanto continuano ad aumentare, nella speranza transumanista che un giorno si possano mettere in sesto corpi deceduti(su questo argomento spero di riuscire a postare un breve riassunto entro qualche settimana).

    A presto,

    Viracocha.

  • Attila

    Basta con queste cazzate degli scienziati!! La meccanica quantistica, la relatività, bla..bla…sono tutte trovate di fantascientifiche mai dimostrate empioricamente. Bisogna mandare a cagare questa maledetta lobby dei fisici!! Gli ultimi scienziati veri sono stati Maxwell, Hertz, Tesla, ecc…..il resto sono stati tutti farabutti(compreso Einstein e il criminale Fermi)!!!!

  • AmonAmarth

    La relatività di Einstein è stata dimostrata più volte da evidenze astrofisiche, e una volta da lui stesso grazie alla distorsione da parte della massa solare dei raggi provenienti dalle stelle retrostanti. La meccanica quantistica è la prima teoria ad aver spiegato in modo esauriente la realtà fisica delle molecole e quindi tutta la chimica: tutto ciò che è calcolato Ab-Initio (dai principi primi) semplicemente sapendo cosa sono protoni, neutroni ed elettroni permette di calcolare tutte le proprietà chimico-fisiche di una sostanza, a patto di avere le risorse computazionali adeguate. Inoltre la relatività incontra la meccanica quantistica nel considerare sistemi microscopici nei quali gli elettroni hanno un’energia troppo elevata. Parliamo delle scoperte scientifiche più importanti del XX secolo, forse l’unica cosa concreta che lascieremo al futuro, come hanno fatto i pochi e grandi fortunati scienziati del passato: sono più epici di qualsiasi imperatore che abbia conquistato un singolo lembo di terra dissanguando i popoli e imponendo ideologie. A mio parere la scienza è l’unica cosa capace di scrivere legge nel senso autentico del termine, ovvero qualcosa basato sull’evidenza empirica. La scienza delle leggi fisiche, chimiche e matematiche non può essere falsificata, è una verità indistruttibile: anzi l’unico modo in cui potremo abbattere tali leggi sarà esplorare l’inesplorato, ovvero spingerci fino a dove queste non valgono più, ai limiti delle altissime energie e velocità, quale è l’obbiettivo dell’LHC. Riuscire a spiegare la natura è uno degli aspetti più affascinanti dell’umanità, e ritengo che abbattere questi muri sia più importante di qualsiasi altra ideologia che tenti di trovare delle verità assolute. Quindi credete che per 20 anni di costruzione dell’LHC quel popò di fisici abbia tramato alle spalle dell’umanità per farla scomparire in un buco nero?! Ma poi, chi ha tirato fuori la storia del buco nero? Stiamo parlando di fasci infinitesimi di particelle sospese nel vuoto di campi magnetici, le quali SE avessero la probabilità di formare buchi neri trovandosi costrette a rispondere alla prima LEGGE della termodinamica avrebbero emesso tutta questa energia (e quindi massa, grazie EINSTEIN!!) sotto forma di radiazioni scomparendo in un impercettibile “flop”… e quindi ciao ciao a qualsiasi campo gravitazionale inventato! Vi consiglio di leggere un libro di Hawking, per esempio “Dal Big-Bang ai buchi neri” non è per niente noiso, anzi! Questa poi! Come se non fosse già assodata la conoscenza sull’energia atomica di fissione e fusione! Inoltre il progetto ITER, che è attualmente in costruzione, dovrebbe produrre il primo plasma entro il 2016, e speriamo che facciano in fretta a capirne i meccanismi visto l’enorme problema dell’energia da oggi ad un futuro prossimo. Inoltre nessun commento sulle supposizioni fanta-fisiche e veramente fantascientifiche dell’autore alla fine dell’articolo… mah! Dev’essersi fumato della roba pesantissima! Potrebbe essere un’ottimo autore in ambito, avrebbe un esercito di avidi lettori ad aspettarlo… Un elogio alla scienza, gli scienziati e alle imprese scientifiche.

  • AmonAmarth

    Ah dimenticavo, il Modello Standard, ovvero tutto ciò che conosciamo sulle particelle subatomiche attualmente tranne che sull’ipotizzato e tanto cercato Bosone di Higgs è stato frutto della Meccanica Quantistica, e il CERN è guardacaso proprio la macchina che in tutti questi anni ha dato EVIDENZE EMPIRICHE di tutto ciò che era stato previsto e calcolato dalla meccanica quantistica. Al Modello Standard manca un tassello, ed è proprio la particella mediatrice della massa fra le particelle: ma vi rendete conto che la massa è una proprietà intrinseca della materia stessa che fin dai tempi più remoti ci chiediamo cosa sia e da cosa abbia origine? La relatività di Einstein ne ha ri-evidenziato gli effetti sullo spazio-tempo, ed è tutto collegato. Chissà quali conoscienze potremo ricavare dall’LHC fra qualche anno, e se si unificassero meccanica classica (relatività) e meccanica quantistica?! Io sinceramente non sto nella pelle, quei miliardi di euro sono sicuramente meglio spesi lì che in estese corse agli armamenti: ben più esosi, beceri, e insensati.

  • korn

    Ragazzi/e, questo articolo è una benemarita cazzata.

    Sono un fisico e parlo con cognizione di causa. La lista delle stronzate scitte rasenta l’infinito: è evidente che la cultura dell’autore si è formata leggendo romanzi di fantascenza e libri divulgativi. D’altronde se è vero che l’autore è un ingegnere, come si firma, ad ingegneria non si studia nemmeno un mezzo esame nè di relatività nè tantomeno di meccanica quantistica.

    -“Non è dato sapere attraverso quali criteri i giudici sono arrivati a formulare una sentenza” Certo che è dato sapere come hanno fatto i giudici a giudicare! Se tu non leggi gli articoli scentifici non è colpa di nessuno! Lasciando perdere le teorie c’è una prova empirica che i Buchi neri non si possono formare, o se pur si dovessero formare, scomparirebbero prima di essere rivelati. La prova viene dai Raggi Cosmici, protoni ed altre particelle che arrivano dal cosmo ad energie molto più alte di quelle prodotte dall’LHC. Gli urti tra queste particelle e l’atmosfera sono molto simili a quelli che avverranno nell’LHC. I raggi cosmici colpiscono la Terra da quando questa è nata, e fino ad ora nessun buco nero in grado di far scomparire la terra è stato prodotto!!! Altrimenti non sarei qui a rispondere a queste cazzate

    -“la Teoria delle Stringhe è di fatto più che valida” questa teoria è molto bella matematicamente, ma non è in grado di predire nulla

    – La dimostrazione che l’autore non è nemmeno un bravo ingenere si ha quando scrive che i protoni viaggiano a temperatura prossima allo zero assoluto, confondendo i superconduttori che producono i campi magnetici in piccole regioni dove i protoni devono curvare, con il tunnel sottovuoto dove viaggiano i protoni stessi

    – “L’impianto criogenico di LHC è il luogo massivo più freddo e più grande del mondo”. Bè, lo spazio intestellarre è molto più fraddo e molto più grande!!!

    Su molte delle altre stronzate scritte non posso nemmeno commentare per il semplice fatto che sono scritte in un linguaggio completamente inesatto

    Veniamo al punto nevralgico, la connessione LHC – ricerca militare: tanto per cominciare non è vero che la fusione nucleare per scopi civili è portata avanti solo dai paesi che hanno la bomba H. Europa, USA e Giappone hanno investito molto nei passati anni, ma i risultati sono stati deludenti ed hanno ridotto considerevolmente i fondi (per inciso vorrei far notare all’autore che il Plasma di Neutroni non esiste! unplasma lo puoi chreare solo con particelle cariche, non con i neutroni che, come dice la parola stessa, sono neutri. E’ evidente che l’autore ha le idee confuse tra fusione e fissione). In ogni caso l’autore ha scoperto l’acqua calda nel dire che le scoperte scentifiche possono essere usate per scopo militare: questo è vero per ogni cosa, dalla scoperta del fuoco a quella della ruota. Napoleone usava le scoperte della trigonometria per sparare con esattezza le palle di cannone!!! Non si possono usare questi argomenti contro la fisica. E’ compito dei politici e dell’intera umanita’ non utilizzare le scoperte scientifiche per uccidere, non di chi le scopre!! Altrimenti dovremmo citare a giudizio tutti, compreso chi ha inventato l’automobile

    Per concludere: ingegnere, ma mi faccia il piacere!!! Studi un po’ di più

  • korn

    ma sei scemo?!

    Il processore del computer che usi per scrivere è progettato secondo le leggi della meccanica quantistica, IGNORANTE!!

    E’ proprio vero che la scuola italiana fa cilecca, soprattutto in campo scientifico, tu ne sei la prova!

  • cristian

    Sono veramente scioccato dall’ignoranza di fondo legata all’aspetto fisico riscontrabile in questo articolo..
    L’LHC, la cui realizzazione ha avuto inizio 20 anni addietro, rappresenta lo strumento più avanzato per rispondere a domande fondamentali per l’umanità quali:

    – il meccanismo di Higgs per la generazione della massa legata alle particelle elementari è difatto realizzato anche nel mondo naturale?
    – elettromagnetismo, forza nucleare forte e debole sono solo manifestazioni differenti di una singola forza unificata?
    – cosa sono in natura la materia oscura (componente il 95% del nostro universo) e l’energia oscura?
    – è possibile comprovare l’esistenza di ulteriori dimensioni come previsto da diversi modelli derivati dalla teoria delle stirnghe?

    Per non parlare di moltre altre tematiche correlate agli argomenti di cui sopra.
    E’ indubbio che i primi contesti applicativi delle scoperte che si andranno ad operare riguarderanno l’apparato militare, ma questo è unicamente dovuto alla stupidità insita nell’essere umano: riscontri positivi si potranno sicuramente ottenere anche in contesti civili, si pensi ai possibili risvolti futuri nella conversione di massa in energia.
    Potremo in futuro essere in grado di realizzare impianti maggiormente efficienti ed efficaci (rispetto a quelli odierni, di fatto veramente beceri) basati su fonti rinnovabili, il che , in un contesto moderno di crisi energetica è quanto di più indispensabile occorre.
    Vorrei poi ricordare che i 4 miliardi di finanziamenti utilizzati per la progettazione e l’implementazione di questo impianto, rappresentano una goccia nel mare dei soldi effettivamente spesi inutilmente:

    * guerra in Iraq : 3000 miliardi di $, circa 2000 miliardi di €
    * costo delle armi vendute nel 2006 da Finmeccanica: 12 miliardi di €
    * prodotti Louis Vuitton, 2007: circa 14 miliardi di €
    * spese per animali domestici in Italia : 1,7 miliardi di €
    * costo dei campionati di calcio inglese, italiano, tedesco, spagnolo e francese per il 2008/2009: 7,6 miliardi di €
    * bilancio del Pentagono per il 2008,stimato in 459,754 miliardi di dollari

    Giudicate un po’ voi dove sta lo spreco…

  • TitusI

    non concordo con Attila, ma mi spieghi cosa intendi dire quando affermi che un processore e’ progettato secondo le leggi della fisica quantistica?

  • korn

    Bè, i processori, come tutti i circuiti integrati, utilizzano i transistor, che sono fatti di materiali semiconduttori, i quali hanno delle particolari proprietà elettrononiche dovute alle proprietà delle bande di valenza, o per dirla in 2 parole, a come il gas di elettroni si muove nel reticolo formato dagli ioni. Bè tutto questo è noto da anni, e altro non è che un’applicazione delle leggi della meccanica quantistica.

    Di esempi di utilizzo c’è ne sono una marea, ad esempio il laser è un altro: la generazione di un fascio di luce laser è opera del comportamento quantistico della materia

  • dangp

    Non c’è bisogno di spendere altre parole, baste leggere gli altri suoi post. Forse non è Ing. ma Ign…

  • Attila

    Ma per piacere!!! Queste Teste di Ca…. di scienziati dicono che i laser e l’elettronica rispondono alle leggi delle meccanica quantistica..ma sono tutte cavolate, che non hanno mai dimostrato! E poi non è vero che i circuiti sono progettati con le leggi della meccanica quantistica, E poi i laser sono generati da speciali cavità risonanti…sull’apporto della fisica quantistica, queste teste di minchia schifose, ce le devono dimostrare!!!

  • korn

    Senti Attila, tu sei un Coglione, con la “C” maiuscola, è evidente.
    Mi scuso con gli altri che eventualmente leggeranno questo post, per i miei toni forti, che non ho mai usato in nessuna altra occasione.

    Mi spieghi con quali credenziali parli? Io sono laureato in fisica teorica, e le cose di cui tu parli le ho studiate allo sfinimento. Sei in grado di dare una sola referenza a quello che dici? Sei in grado di spiegare cos’è una cavità risonante? (che per inciso è un concetto di maccanica quantistica!)

    Sei in grado di costruirlo un laser? Sei in grado di spiegare perchè una palla rimbalza se colpisce il pavimento? Sei in grado di spiegare perchè la lampadina emette luce se accendi l’interruttore? I principi della fisica quantistica sono in tutte queste cose, anche se tu non lo sai! Il solo fatto che tu non conosca il mondo è non significa che il mondo non esista

    Non so nemmeno perchè sto qui a perdere il mio tempo con te.

    Ma poi non ho capito una cosa: per quale motivo che l’hai con i fisici, una classe di lavoratori che prendere 1000 € al mese, e fare una vita da precario fino a 40 anni. Non hai altri capri espiatori da considerar, in un mondo che pullula di colpevoli???

  • resinando

    Secondo l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), si defini sce plasma di neutroni , un plasma costituito all’80% da neutroni; ergo è solo una definizione.
    Lo spazio interstellare non è un impianto. Forse l’autore non sarà un bravo ingegnere ma tu di sicuro non sei un fisico e non capisci molto bene l’italiano.

  • resinando

    Secondo l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), si defini sce plasma di neutroni , un plasma costituito all’80% da neutroni; ergo è solo una definizione. Lo spazio interstellare non è un impianto. Forse l’autore non sarà un bravo ingegnere ma tu di sicuro non sei un fisico e non capisci molto bene l’italiano.

  • resinando

    ….dimenticavo: nello spazio interstellare(come lo chiami tu), la temperatura in assenza di radiazione diretta è di 3 k°…..ma sono sicuro che tu lo sapevi…….ahahahahahahh!!! ma dai un fisico!!! ahahahaha

  • resinando

    scusa ma devo farmi assolutamente un’altra risata….ahahahahahahaahahhahahahahahhahaha un fisico ahahahahahahhahahhahahahaha

  • NerOscuro

    Korn, ho degli amici fisici e sono tutti gentili e sempre ben disposti a spiegarsi anche in termini semplici. Premesso che sono assolutamente convinto dell’utilità degli esperimenti condotti all’LHC e non vedo l’ora di sapere cosa hanno scoperto e le implicazioni, perché non ti calmi un po’?

  • korn

    Questa è la definizione di plasma

    http://it.wikipedia.org/wiki/Fisica_del_plasma

    quando si tratta di neutroni si chiama “gas di neutroni” come quello che c’è all’interno delle stelle di neutroni

    Anche se lo spazio esterna alla Terra non è un impianto, vi vengono condotti ugualmente una miriade di esperimenti, basti pensare ai satelliti. Da questi esperimenti non risulta nulla di tutto quello di cui si parla nell’articolo

  • korn

    Certo la temperatura del cosmo è di 2.73 K a causa della radiazione cosmica di fondo, e che c’entra la tua affermazione? Ho forse detto che la tempeatura era zero?! NO evidentemente. Ho solo detto che il cosmo è più freddo del tubo a vuoto dove girano i protoni nell’LHC.

    Se sai leggere è bene, sennò pazienza, continua pure a ridere

  • resinando

    i magneti superconduttori sono all’interno dei condotti e l’impianto criogenico raffredda tutti i condotti. La temperatura all’interno è di 1,9 °K. Comunque non sapevi la temperatura nei condotti e quindi l’hai sparata così alla cazzo– giusto per fare il figo