I NEGAZIONISTI DELL'11 SETTEMBRE 2001

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

blankDI ELIAS DAVIDSSON
Aldeilis

Oggigiorno va di moda diffamare i Negazionisti, cioè coloro che cercano di negare l’uso delle camere a gas per lo sterminio degli ebrei o di minimizzare la colpevolezza del regime nazista nei confronti degli ebrei.
Checché se ne pensi, occorre comunque ammettere che le teorie negazioniste non hanno praticamente alcuna influenza sulle decisioni politiche contemporanee, sulla vita quotidiana della gente, o sulle guerre che l’Occidente conduce contro popoli del Terzo Mondo. Quindi è più su un terreno simbolico che su quello dei fatti che occorre cercare le origini di questa moda.

Comunque, dall’anno 2001, è apparsa una nuova categoria di negazionisti, pericolosi nei fatti. Si tratta dei negazionisti dell’11 Settembre, i quali non sono delle persone marginali. Questa corrente molto influente comprende dirigenti politici, giornalisti in vista e universitari che appaiono regolarmente in televisione. Ciò che lega tra loro questi negazionisti è il loro accanimento nel dissimulare la verità sul massacro dell’11 settembre e a promuovere delle insinuazioni e delle accuse mostruose contro i “nuovi ebrei”, intendo parlare stavolta dei musulmani. Questi negazionisti si sforzano – nascondendo la verità – di proteggere gli autori di tale massacro.

Quali verità nascondono i Negazionisti dell’11 Settembre? Ne ho rilevate cinque di primaria importanza.1° verità nascosta: Il governo americano non ha mai prodotto una sola prova che dei legami esistessero tra Osama Bin Laden e il massacro dell’11 settembre 2001. Coloro che hanno “fatto il loro dovere” avranno senza dubbio scoperto che nessun dirigente americano ha affermato la colpevolezza di Osama Bin Laden nell’affare dell’11 settembre. Tutte le dichiarazioni ufficiali sono rimaste al livello di insinuazioni. Nel giugno 2006 la polizia federale americana (FBI) ha infine riconosciuto di non possedere alcuna prova affidabile che permettesse di collegare Osama Bin Laden al massacro dell’11 settembre. Un giornalista del Muckraker Report telefonò all’FBI [1] per domandare come mai la pagina web dell’FBI sulle azioni di Osama Bin Laden [2], non menzionasse il suo ruolo nel massacro dell’11 settembre. Rex Tomb dell’FBI gli rispose che l’FBI non possedeva prove sufficienti per menzionare la sua partecipazione. Punto e basta. I Negazionisti dell’11 settembre, tra cui i direttori e redattori a capo dei grandi giornali mondiali, hanno nascosto questa notizia al pubblico per far sì che perdurasse il mito fondatore e per proteggere i veri autori del massacro.

2° verità nascosta: Il governo americano non ha mai prodotto prove che dei musulmani abbiano dirottato aerei l’11 settembre. Ciò potrebbe sembrare incredibile al lettore non informato. E ciononostante è una verità ineluttabile. L’FBI ha pubblicato i nomi di 19 persone sospettate di aver dirottato quattro aerei commerciali l’11 settembre. Ma l’FBI stessa non si sente in grado di affermare la loro responsabilità [3]. Nel suo comunicato stampa del 27 settembre 2001 (e che da allora non è stato modificato) l’FBI dichiara che l’identità di suddetti kamikaze resta in sospeso. Infatti non esiste la minima prova che le persone menzionate dall’FBI siano salite sugli aerei in questione. Questi nomi non appaiono sulle liste passeggeri originali; le loro carte d’imbarco non sono state trovate; nessuno li ha visti salire a bordo; non esiste alcuna videoripresa del loro imbarco; e i loro resti umani non sono stati identificati [4]. Si tratta quindi di fantasmi che hanno servito la propaganda americana. I Negazionisti dell’11 settembre hanno nascosto questo elemento importante per mantenere nello spirito del pubblico il mito fondatore di terroristi musulmani che nessuno ha visto salire sugli aerei.

3° verità nascosta: Il governo americano ha fatto tutto il possibile per impedire un’inchiesta giudiziaria e un’inchiesta pubblica sul massacro dell’11 settembre. Che interesse avrebbe un governo qualunque a impedire un’inchiesta su un massacro perpetrato sul suo stesso territorio? I Negazionisti dell’11 settembre hanno fatto tutto il possibile affinché l’opinione pubblica non prenda conoscenza degli sforzi fatti dal governo americano per soffocare la verità su questo massacro.

4° verità nascosta: Il governo americano non ha consegnato alla giustizia le persone che hanno deliberatamente distrutto le prove che avrebbero facilitato l’inchiesta sul massacro dell’11 settembre. Per esempio l’acciaio delle Torri Gemelle è stato rapidamente venduto all’estero, prima che uno studio tecnico sulla causa del loro crollo venisse avviato. Delle testimonianze registrate su banda magnetica il mattino dell’11 Settembre da alcuni controllori dei trasporti aerei sono state ridotte a brandelli dal loro superiore. Una quantità enorme di cartelle del progetto Able Danger, provanti che la CIA sorvegliava da molto prima dell’11 Settembre alcuni futuri “terroristi”, è stata distrutta. Mentre alcuni giornali americani hanno menzionato qua e là queste distruzioni di prove, i Negazionisti dell’11 settembre hanno fatto tutto il possibile perché l’opinione pubblica non ponesse alcuna domanda sullo scopo di tali distruzioni.

5° verità nascosta: Quando ha luogo un omicidio civile, i giornali cominciano normalmente a porre domande se, dopo qualche mese, nessuno è condannato. Per quanto riguarda il massacro di 3.000 persone l’11 settembre, i nuovi Negazionisti non hanno posto la minima domanda sul fatto che il governo americano non aveva ancora condannato, né consegnato alla giustizia una sola persona per complicità o supporto a questo massacro monumentale, e ciò per più di sei anni!

I Negazionisti dell’11 settembre non sono degli esseri marginali perseguitati dinanzi ai tribunali perché mettono in discussione un evento storico. Essi sono delle persone che dirigono dei paesi manipolando l’opinione pubblica. Sono loro che hanno giustificato il bombardamento dei villaggi in Afghanistan – il paese più povero del pianeta – che ha causato migliaia di morti innocenti dei quali nessuno era responsabile del crimine dell’11 Settembre. Sono loro che hanno preparato il pubblico per la guerra d’aggressione contro l’Iraq e la morte di più di un milione di persone in questo paese già sfinito dall’embargo. Sono loro che incitano la popolazione del mondo occidentale a considerare ogni islamico come un potenziale terrorista, copiando in questo gli ideologi nazisti che incitavano il loro popolo a sospettare gli ebrei di crimini contro il popolo tedesco. I Negazionisti dell’11 settembre sono i veri ereditieri del regime nazista il cui scopo finale sarà quello di criminalizzare ogni opposizione politica nel nome della guerra contro il terrorismo.

È tempo di levarsi contro questa corrente negazionista pericolosa, e di isolarla intellettualmente e politicamente prima che essa ci porti alla barbarie.

Note

[1] http://www.muckrakerreport.com/id267.html   

[2] http://www.fbi.gov/wanted/topten/fugitives/laden.htm  

[3] http://www.fbi.gov/pressrel/pressrel01/092701hjpic.htm  

[4] http://www.aldeilis.net/france/index.php?option=com_content&task=view&id=50&Itemid=28

Titolo originale: “Les négationnistes du 11 Septembre 2001”

Fonte: http://www.aldeilis.net
Link
09.09.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ANGELO S.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix