Home / ComeDonChisciotte / I CRIMINI DELLA BANCA DEL VATICANO

I CRIMINI DELLA BANCA DEL VATICANO

A CURA DI: ETLEBORO (BLOG)

“Il Regno di Dio non è negli edifici di pietra e cemento”.

“Disfate voi questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere”. Gli replicarono allora i Giudei: “Quarantasei anni ci sono voluti per fabbricare questo tempio e tu lo farai risorgere in tre giorni?”
(Vangelo Secondo Tommaso)

I mercanti continuano a dimorare nel tempio di Dio, avendo ormai preso possesso della sua sacralità per proteggere le loro ricchezze. Hanno trasformato il loro potere temporale in un impero finanziario, che si muove al di sopra degli Stati e di qualsiasi entità sovranazionale: non ha leggi e non rispetta alcuna legge degli altri Stati, non può essere giudicato dall’uomo e ha il potere di interferire e di decidere dei destini dei popoli in nome di un Dio che non è dell’umanità. Il Vaticano non è un’entità spirituale, ma è uno Stato a tutti gli effetti dotato di un centro finanziario costituito dal Patrimonio Apostolico della Santa Sede (APSA), il Ministero dell’Economia e l’Istituto per le Opere Religiose (IOR), la Banca del Vaticano che svolge anche funzioni di una Banca Centrale. Lo Ior non si trova nel cuore della Città del Vaticano, è oggi un’entità invisibile che si pone assolutamente sciolta rispetto alle leggi dell’uomo, e svolge la funzione di gestire la ricchezza di uno Stato di pochi acri di terreno, ma che ha una struttura burocratica e amministrativa di una vera Holding, dovendo infatti finanziare un’attività economica pari ad una multinazionale.Per stessa ammissione della Commissione Europea (Interrogazione E-1914/02) secondo cui lo Stato della Città del Vaticano, essendo uno stato indipendente, non può essere soggetta alla legislazione comunitaria, non ha leggi sue e né può essere soggetta alle leggi antiriciclaggio. Rappresenta dunque l’Istituzione intoccabile per antonomasia, essendo la Banca di Dio.

Lo IOR svolge comunque le funzioni di una Banca privata, investe le sue ricchezze e lucra con esse, detiene importanti partecipazioni, come ad esempio il Casino di Montecarlo, e dipende direttamente dal Papa, il quale ha un potere decisionale assoluto sulla politica bancaria dello IOR, come stabilito dalle leggi del Vaticano.

Nata come Commissione delle Opere Pie nel 1887, lo IOR è stata trasformata nel 1941 in un’entità a scopo lucro da Eugenio Pacelli, divenuto intanto Papa Pio XII, al cui interno far confluire il denaro della Santa Sede, a quell’epoca costituita per lo più dai trasferimenti effettuati dallo Stato Italiano con la conclusione dei Patti Lateranensi.

Con la legge del 27 maggio 1929, n. 810 L’Italia si obbligava a versare alla Santa Sede la somma di lire 750.000.000 ed a consegnare titoli di debito pubblico consolidato per un valore nominale si 1.000.000.000 di lire. Nasce così una grande Banca che pian piano crescerà grazie ai rapporti e alle collaborazioni concluse con le più grandi Banche Svizzere e Americane, e il governo di Mussolini. Non dimentichiamo che il suo fondatore è Eugenio Pacelli, nunzio apostolico della Chiesa Cattolica presso la Germania di Hitler, divenuto Papa Pio XII, ha condotto una politica di assenteismo, senza mai condannare apertamente i crimini di Hitler e siedendo più volte accanto ai gerarchi nazisti, come lo stesso Hitler il croato Pavelic, che stava facendo del suo esercito di ustasha, una macchina di morte e ferocia distruzione nei Balcani. Seguendo le tracce dello IOR è possibile così scoprire e risalire al più scellerato patto che si sia mai concluso durante la storia, un legame indissolubile tra Banchieri, Nazismo e Vaticano che è divenuto il motore finanziario della Seconda Guerra Mondiale, e poi della Guerra Fredda, della Gladio e delle rivoluzioni anti-comuniste che hanno portato alla fine del comunismo, nonché alle sanguinose guerre dei Balcani.

Cardinale Eugenio Pacelli firma il Concordato del Vaticano con il Nazismo, 20 luglio 1933

Nel corso dei processi che chiedevano la restituzione del denaro alle vittime del nazismo, lo Ior ha semplicemente sviato l’inchiesta, dichiarando di non avere documenti risalenti alla Seconda Guerra Mondiale avendoli distrutti con una cadenza di 10 anni, nonostante questo sia assolutamente contrario ad ogni prassi bancaria internazionale. Tuttavia nel corso di questi anni le indagini delle intelligences e delle Associazioni delle vittime dell’Olocausto hanno portato alla scoperta di archivi in Germania e in America che dimostrano i trasferimenti di fondi dallo IOR alle Banche controllate dai Nazisti in Svizzera, utilizzando il normale sistema italiano di scambio dell’oro. La Banca del Vaticano era anche la partner indissolubile della Tesoreria del Regime della Croazia Indipendente, di Pavelic. Al momento della fuga degli ustasha all’interno dei monasteri e dei palazzi dei vescovi furono ritrovate casse l’oro, di monete, denti, e gioielli, pronte per essere trasferite al governo in esilio dei nazisti croati in Argentina mediante l’intermediazione del Vaticano, che riciclava l’oro e lo trasferiva in Svizzera. Inoltre, esistono documenti incontrovertibili dell’ OSS (Office Strategics Services, precursore della CIA) provenienti dal controspionaggio dell’esercito Americano che attestano che negli ultimi giorni della guerra, il tesoro di Pavelic è stato rintracciato al confine con l’Austria diretto in Svizzera, per essere cambiato e riciclato a Roma e poi partire per l’America: di quel tesoro sono state però completamente smarrite le tracce, è andato totalmente perso, e le richieste di restituzione risalenti al 1950 sono state archiviate. Dopo le pressioni del Vaticano presso il Dipartimento di Stato Americano, il caso è stato chiuso e la commissione di inchiesta del Vaticano Cattolica-Ebrea è stata sciolta, mentre coloro che si opposero furono denunciati per calunnia. Esse erano infatti in possesso di documenti della Intelligence Americana che dimostravano i rapporti tra Papa Pio VII e Montini, divenuto Papa Paolo VI, e in Banchieri, i Gerarchi e criminali di Guerra come Pavelic, Eichman, Stengel, Barbie e Arthukovic, probabilmente fuggiti e rimasti impuniti proprio grazie all’intermediazione del Vaticano che li ha protetti nella loro fuga.

Il silenzio del dopoguerra ha però un prosieguo, perché l’oro non smette di viaggiare e arriva alla Federal Reserve, per essere riciclato e custodito, e ritornare in Europa dove andrà a finanziare le logge massoniche che hanno gestito la Guerra Fredda e gli scandali per rovesciare i governi. Oltre ai ben noti rapporti con la Mafia, quando era Presidente Marcinkus, come lo dimostra le pratiche di riciclaggio e di racket internazionale, lo Ior ha derubato il Banco Ambrosiano, creando un buco finanziario di 1,5 bilioni di dollari, scomparso nelle controllate dello IOR panamensi e lusserburghesi. Parte di questi fondi fluirono alla P2 di Gelli e all’Opus Dei, con transazioni di 90 milioni di dollari ciascuna, in una spirale di corruzione politica e di Mafia che ha portato al “suicidio” di Calvi e quello del suo personale segretario, probabilmente dovuto al rifiuto del Banchiere a continuare in questa spirale di riciclaggio che aveva ridotto al collasso la sua Banca. In quei bui anni settanta, molti dei personaggi implicati morirono, tra cui anche Sindona che ebbe tuttavia poco tempo per lasciare le sue memorie di 27 volumi all’FBI. Il Vescovo Paolo Hnilica viene arrestato dopo il tentativo di comprare il contenuto della valigia di Calvi, che è misteriosamente scomparsa dopo la sua morte: secondo molti testimoni quella valigia conteneva le sconvolgenti prove che più di 1 bilione di dollari del banco Ambrosiano erano stati risucchiati dallo IOR.

Occorre riflettere su questi eventi: perché il Vaticano aveva bisogno di così tanti soldi, nonostante riceva sovvenzioni e donazioni per l’opera apostolica della Chiesa, e le sue parrocchie tirano a campare con lo stipendio dei suoi preti?

Lo IOR dunque è uno strumento, una macchina per trovare i soldi e poi finanziare le logge massoniche che hanno corrotto e distrutto la politica italiana, sino all’organizzazione della resistenza di matrice occidentale al Comunismo nell’Europa dell’Est. Il vescovo Hnilica aveva infatti fondato nella Repubblica Ceca la “Pro Fratribus” che veniva utilizzata dalle intelligence occidentali per trasferire i fondi alle organizzazioni e alla resistenza massonica anti-comunista e promuovere le apparizioni di Medjugorje in Croazia. Pubblichiamo dunque un importante documento ricostruito dalla guardia di Finanza Italiana che mostra l’intreccio di finanziamento dei Banchieri ai politici, ai massoni e agli istituti religiosi.

Conti correnti Bancari da milioni di lire destinati a quello che è stato definito l’eroica vittoria dell’occidente verso il regime comunista, al massacro dei Balcani, alla rivoluzione della Polonia, alle Repubbliche Sovietiche.

Occorreva creare quel fuoco cattolico che avrebbe portato alla Indipendenza della Croazia, rispettando così gli antichi patti con Pavelic che voleva la Croazia sovrana.

Questo schema di potere che vi descriviamo è quello che la disinformazione ha descritto come la vittoria della democrazia sulla dittatura, sui popoli macellai, sui criminali di guerra. La visione degli eventi non deve tuttavia fermarsi, perché occorre immaginare alle gravi implicazioni della collusione dello IOR con la Federal Reserve, cosa che implica comunque una partecipazione del Vaticano nelle decisioni dei Banchieri e del governo statunitense, che ha democratizzato non solo la Jugoslavia e l’Europa ma anche il Medioriente e la Palestina.

La gerarchia è lunga, se si pensa che i Bush, famiglia cresciuta all’interno della Cia, aveva stretti rapporti con il Nazismo proprio in virtù dei rapporti con il Vaticano, che faceva sempre da intermediario. I crimini dei Banchieri che hanno portato alla morte di Kennedy, all’usura e alla distruzione dei popoli sono anche del Vaticano che non ha proferito parola e si è messo alla destra del nazismo.

Molte persone sono state umiliate, arrestate, gli Italiani di Istria sono morti perché traditi dallo Stato Italiano e dal Vaticano. Noi oggi siamo qui a narrare una storia come mai nessuno ha fatto, e per questo la gente ci ammira e ci detesta. Se volete la verità cercatela in voi stessi, perché è dentro di voi, e intorno a voi vi è tutto il vostro mondo, la storia della nostra vita è questa. Quando chiederete, vi sarà negata una risposta, sarete additati, ed è per questo che si lascia la propria nazione, per poter stare tra gente che può capire perché ha sofferto ciò che gli Italiani hanno dimenticato. Se oggi un kamikaze si fa esplodere è perchè ha un senso di impotenza, mentre noi in occidente ci suicidiamo perchè non conosciamo il nemico e lo vediamo in noi stessi, ma se un giorno le nostre coscienze capiranno, sarà il giorno della nostra indipendenza.

Etleboro
Fonte: http://etleboro.blogspot.com/
Link: http://etleboro.blogspot.com/2007/02/i-crimini-della-banca-del-vaticano.html
20.02.2007

VEDI ANCHE: ANNIENTATE I SANTI E LIBERATE LE CARCERI

Pubblicato da Davide

  • Nico

    Interessante articolo, tuttavia mi sento di dover aggiungere un concetto che è stato omesso e che fa passare per cospiratoria solo l’ascesa del capitalismo, mettendo in luce come vittime coloro che appartenevano al blocco orientale europeo detto comunista.
    Concordo con l’analisi che afferma che ci furono connivenze tra vaticano, nazismo e finanza varia (anglostatunitense) per seguire un progetto, tuttavia non mi pare onesto mettere sotto una luce da vittima il comunismo, perchè anche esso è stato sponsorizzato dalla stessa finanza anglostatunitense. Trotsky era tedesco e prendeva soldi, come Lenin, dalle banche USA e UK attraverso la rete frammassonica tedesca. Quando Trotsky scappò dalla Russia dove si rifugiò?? A New York… che strano!!!
    Quindi quando si parla di disinformazione bisogerebbe preoccuparsi e sincerarsi di non farne a propria volta.
    E’ troppo tempo che vedo molti erigersi a profeti di verità, per accaparrarsi un po’ di credibilità, ma raccontando sempre la parte che più aggrada omettendo la parte che farebbe vacillare le “convinzioni” che si voglio inculcare.
    Saluti.

  • remo

    Purtroppo la verità latita su questo sito. Aggiungerei che Trotski e Lenin erano ebrei, senza tanti giri di parole, era per questo che avevano accesso alla finanza occidentale.

  • Nico

    Il fatto che entrambi fossero ebrei (cosa che ignoro), secondo me non implica necessariamente l’aver accesso alla finanza gobale, probabilmente prendevano ordini sia da ebrei, che da cattolici che da protestanti, ma non starei qui a puntare il dito.
    Piuttosto credo che i giri di parole siano dovuti per non cadere in facili generalizzazioni.

  • remo

    Forse ti serve un ripasso sui proprietari delle principali banche a livello mondiale che di fatto sono le azioniste private della Federal Reserve. Ti consiglierei anche di vedere chi sono stati i governatori della FED nel corso della storia, tanto per capire a quale famiglia appartengano. Si sa che nella finanza, come ad esempio nei diamanti, hanno il monopolio. E chi comanda le banche, comanda anche le multinazionali oltre che la politica monetaria, pilastro della politica economica.
    Per tornare al bolscevismo sarà utile ricordare che oltre il 70% dei membri direttivi non era russo ortodosso, ma di altra fede (non certo cattolici, buddisti o musulmani), persino nei tempi delle persecuzioni agli ebrei (quelli normali evidentemente).
    Personalmente ho sempre ammirato questa capacità organizzativa, che credo non venga mai da sola…….

  • Nico

    A te piace vedere l’ebreo cattivo a prescindere, secondo me la realtà dei fatti è un tantino più complessa.
    Certo la finanza sembrerebbe in mano ad un nugolo di ebrei, ma la sicurezza che a loro volta non siano controllati e manipolati da qualcun altro non ce l’hai.
    Mai sentito parlare dei prestanome??? E’ un metodo specialmente usato dalla mafia…. chissà chi glielo avrà insegnato?
    Chi tira le fila non sta certo in bella vista a fare il governatore della FED, piuttosto mira a sviare l’attenzione da egli stesso, attraverso qualche fantoccio.