Home / ComeDonChisciotte / GUERRA BATTERIOLOGICA CONTRO IL VENEZUELA – IL “ZAMPE BIANCHE” YANKEE

GUERRA BATTERIOLOGICA CONTRO IL VENEZUELA – IL “ZAMPE BIANCHE” YANKEE

FONTE: APORREA.ORG

Il leader venezuelano ha dato disposizioni perché si indaghi sulle accuse della scienziata Nancy Gonzáles, professoressa alla facoltà di medicina dell’Università de Zulia, LUZ, da dove questa settimana ha rivelato l’esistenza di un presunto ceppo di dengue che potrebbe essere stato sottoposto a una possibile mutazione in laboratorio, come forma di aggressione biologica al paese.

Il virus attacca di preferenza il fegato delle persone, e nello stato del Zulia si è registrato il 25 per cento dei casi denunciati. Il quotidiano Panorama ha intervistato la ricercatrice, dopo la sua riunione con la Direttrice del Sistema Regionale della Salute, Janine Perozo Gonzáles, a cui ha confermato l’esistenza di un “forte sospetto clinico, primo passo perché si arrivi a una certezza scientifica”. La conferma di una tale vile aggressione segreta sarebbe gravissima.

Precedenti di guerra biologica

Come precedenti di guerra biologica scatenati dagli USA contro paesi avversari e nemici dell’imperialismo, il giornalista Juan Hermida ha diffuso in parte attraverso Radio YUKE MUNDIAL e Aporrea.org, un articolo pubblicato da AIN, agenzia di Informazione Nazionale, che ricorda l’introduzione clandestina a Cuba del virus della febbre porcina (1972), e diverse epidemie che colpirono i cubani e la loro agricoltura, compreso il dengue, tra il 1979 e il 1981.

Infame offensiva batteriologica

La cosiddetta Operazione Mangusta, pianificata ed eseguita dalla CIA infettò segretamente la nazione cubana con il dengue emorragico, la congiuntivite emorragica, la ruggine della canna da zucchero, e la muffa azzurra del tabacco, con il duplice proposito di infettare e infine uccidere i pazienti, oltreché sabotare le coltivazioni. Secondo Hermida, il caporione del gruppo terrorista anticubano Omega 7, Eduardo Arocena, ammise davanti a un giudice nordamericano (1984) di aver partecipato a operazioni di guerra chimica non dichiarata contro Cuba.

Il “zampe bianche” yankee

Da ultimo, la citata pubblicazione rivela che nel 1979 i poco scrupolosi yankee raccolsero una varietà mutante della zanzara Aedes Aegipty, il temuto “zampe bianche”, col quale causarono a Cuba una virulenta epidemia di dengue, che durò più di due anni nonostante l’infezione non stesse circolando a livello mondiale. Si presume che vi siano “zampe bianche yankee” dietro alle migliaia di casi di dengue in moltissimi paesi. Il Presidente ha dato disposizioni perché si investighi su questo sconfinamento imperiale.

Versione originale:

Fonte: www.aporrea.org
Link: http://www.aporrea.org/tecno/n108214.html
28.01.08

Versione italiana:

Fonte: http://achtungbanditen.splinder.com/
29.01.08

Traduzione a cura di GIANLUCA BIFOLCHI

Pubblicato da Davide