Home / ComeDonChisciotte / GLI AIUTI DEL NEOCOLONIALISMO CHE STRANGOLANO L'AFRICA

GLI AIUTI DEL NEOCOLONIALISMO CHE STRANGOLANO L'AFRICA

DI MASSIMO FINI
Il gazzettino

Benedetto XVI parlando delle “nuvole nere” che si addensano sull’Africa ha citato “il flagello delle guerre, i frutti feroci del tribalismo”.
Per la verità finché l’Africa è rimasta tribale non ci sono stati nè “flagelli” nè “frutti feroci”. Nel 1970 assistetti a Nairobi a una Convention sulla guerra in Africa cui partecipavano i rappresentanti di moltissime etnie. Ciò che ne veniva fuori è che la guerra in Africa, fino ad allora, era stata una cosa ridicola, non solo rispetto a quanto abbiamo combinato noi occidentali, ma in senso assoluto. L’antropologia conferma che i neri africani sono stati maestri nel creare istituti per innocuizzare e canalizzare l’aggressività di gruppo, con la festa orgiastica, la guerra ritualizzata, cioè finta, la guerra fatta togliendo le alette alle frecce. Tutta la storia dell’Africa e delle sue mille etnie è stata una storia in cui si ricercavano gli accordi più che i conflitti. Salvo le eccezioni ovvie in una vicenda bimillenaria vale per l’intera Africa nera ciò che l’antropologo John Reader ha scritto per le popolazioni del delta del Niger: “Il rischio di conflitti era altissimo, in termini antropologici il delta del Niger avrebbe dovuto essere un focolaio di ostilità interetniche. Eppure ciò che distingue la regione durante i 1600 anni di storia documentata, non è la frequenza dei conflitti quanto la stabilità di pacifiche relazioni reciproche. Il modello prevalente è quello dell’accordo interetnico… che a sua volta definisce l’identità etnica in termini di obblighi verso gli altri. La gente è consapevole delle differenze e del dovere del rispetto reciproco”. (J. Reader, Africa).

Il nero, di suo, non è un violento, è un istintivo, che è cosa diversa. E allora perchè il Ruanda? Perché il Darfur? Sono state le intromissioni esterne a disgregare l’Africa. Non intendo tanto il colonialismo classico quanto quello recente, economico. Il primo si limitava a conquistare territori, ma poichè le comunità dei colonizzatori e dei colonizzati rimanevano separate, questi ultimi continuavano a vivere come avevano sempre vissuto, con le proprie tradizioni, valori, socialità, economia. Il colonialismo economico ha bisogno di conquistare mercati e quindi di stravolgere i valori, gli usi, i costumi, le istituzioni, la “way of life” degli indigeni per piegarli ai nostri consumi. Le popolazioni africane sono state costrette ad abbandonare le economie di autoproduzione e di autoconsumo, su cui avevano vissuto e spesso prosperato per secoli e millenni, per integrarsi nel mercato globale. Ora esportano qualcosa ma le esportazioni non sono nemmeno lontanamente sufficienti e colmare il deficit alimentare che si è così venuto a creare. E quindi la fame (l’Africa era alimentarmente autosufficiente, al 98%, fino al 1970) ma l’intrusione del nostro modello è stata ancor più devastante sul piano culturale e esistenziale frantumando gli antichi equilibri di quelle popolazioni. Da qui la violenza “feroce”. Nè ha giovato all’Africa il passaggio dalle comunità tribali agli Stati, ad imitazione occidentale. Un capo tribù, strettissimamente, fisicamente legato alla propria gente, deve essere attentissimo alle sue esigenze. Il capo di uno Stato, protetto da polizia ed esercito, può fregarsene.

Anche l’influenza del Cristianesimo e dell’Islam è stata negativa. I neri africani non solo non sono monoteisti, ma spesso non hanno neppure dei, sono animisti. E quando si crede che il proprio dio sia l’unico che si perde il rispetto dell’identità degli altri. E mi piacerebbe sapere cosa sono andati ad insegnare i nostri bravi missionari a gente che spiritualizza persino la materia, mentre noi, proprio nel solco del pensiero giudaico-cristiano declinato in senso economico, abbiamo finito per mercificare anche l’uomo.
E i nostri penosi “aiuti”, inglobando ulteriormente l’Africa nel modello occidentale, non fanno altro che strangolarla definitivamente.

L’Africa stava molto meglio quando si aiutava da sola. Anni fa durante un G7, i sette paesi più poveri del mondo, con alla testa l’africano Benin, organizzarono un controsummit al grido: “Per favore, non aiutateci più!”. Non furono ascoltati.

Massimo Fini
Fonte: http://www.massimofini.it/
Uscito su “Il gazzettino” il 27/03/2009

Pubblicato da Davide

  • nessuno

    Le nuvole più nere che ha visto il continente africano sono quelle portate dall’evangelizzazione imposta a colpi di fucile dalla chiesa di roma che nel passato è stata complice dello schiavismo e di tutte le nefandezze compiute dagli europei in quella terra.
    Il ratto tedesco cerca di pescare nel serbatoio umano dell’africa adepti alla sua nefasta istituzione.
    Io spero che questo losco figuro continui con le sue esternazioni fasulle e che i suoi accoliti continuino con soliloqui tipo bagnasco

  • virgo_sine_macula

    E’ evidente a tutti che le “poche” guerre che ci sono in africa sono colpa della chiesa cattolica,come quella del Ruanda o quella del Darfur dove il suo ruolo e’ predominante.Del resto anche quella nel vicino medio oriente che infuria da 60’anni tra arabi ed ebrei,popoli notoriamente pacifici,e’ colpa della chiesa fomentatrice:insomma arabi,ebrei ed africani in genere sarebbero popoli pacifici se non fosse per la chiesa che li aizza l’uno contro l’altro.Ma come fate a non rendervene conto?
    Non bisogna pero’ trascurare il ruolo avuto nella vicenda da Licio Gelli,dalla p2 in genere e dai servizi deviati oltre a quello della cia che vi fa credere che in darfur e in ruanda ci siano stati dei massacri:tutta propaganda fatta per distogliere l’attenzione dalla crisi che ci sta strangolando

  • Gariznator

    Rileggi mai ciò che scrivi?

  • virgo_sine_macula

    Sempre a differenza di altri, solo che a volte il sarcasmo viene scambiato con verita’,un saluto

  • myone

    Antropologicamente concordo che il nero non e’ violento ma istintivo
    ma non lo mettere in contesa o in disputa.
    Di fatto sembra che, tutte queste guerre, siano state izzate per un potere
    che dava luogo a un potere di diritto di essere dei potenti e di far prevalere un’ etnia sull’ altra,
    in quanto il tutto aveva come premio gli affari che gli stranieri fanno,
    prelevando materie prime e importanti, creando non un benessere totale in una regione,
    ma una creazione di dittature.
    I potenti neri guerreggiano per il potere e gli affari stranieri,
    le masse per la poverta’ e un benessere privato o tolto.
    Quando si innescano questi meccanismi sono infiniti,
    perche’ poi l’ istintualita’ mette in moto faide, e di conseguenza, migrazioni e catastrofi umanitarie
    con tutte le conseguenze che ne derivano.
    Di fatto, la fame, in tanti stati e regioni, e’ parte della vita, e nulla compensa questo.

    Si vero, le religioni hanno fatto dei danni:
    L’ islam estremizza, il cattolicesimo infatua senza mordere ( anche se dei casi non rispecchiano il piu’ del contesto)
    Ma anche qui da noi, il cattolicesimo infatua, e se applica, spesso dice castronerie, o predica al vento, senza puntare diti o fare nomi. Forse si autonominerebbe.
    So’ che i cattolici, per non far peccare i neri, gli hanno mandato tonellate di vestiti,
    e che per allergia, hanno fatto morie di esseri.
    Dategli pozzi per l’ acqua, e qualche trattore, che in africa ci andrei anchio.

  • nessuno

    Ormai i rappresentanti del pensiero unico sono ovunque e impazzano con le loro immani castronerie.
    Difendono la chiesa di roma e i valori della stessa ma sono razzisti .
    viene da chiedersi come faccia certa gente cosi viscida a stare in piedi senza cadere.
    I leghisti puzzano perchè sono sporchi,violenti e cattivi ma solo con i deboli
    girategli i denti e da buoni vigliacchi battono in ritirata.
    Alla fine nel conto che presenteremo al nano ci saranno anche loro
    D’altronde eseguono gli ordini di un handicappato a causa di abuso di viagra cosa volete asppettarvi

  • Affus

    un professore andò in mezzo agli aborigeni per capire la loro cultura e fare un sunto delle loro tradizioni – trovò una maestra della loro razza e gli chiese di raccontare tutte le storie e le reminescenze orali della sua razza e del suo popolo per tramandarli ai posteri in modo che non andasse perso nulla .
    qusta incomincio’dicendo che il nonno era tagliatore di teste , aveva una collezione di teste di nemici esposta , ma era molto buono perchè durante le infinite guerre tribali , c’erano dei nemici che uccidevano gli avversari , poi ne arrostivano la carne e li mangiavano . Il cuore e il sangue a volte se lo inghittivano crudo – suo nonno invece gli tagliava la testa solo , la faceva seccare e poi la esponeva davanti alla capanna .
    la loro storia-disse- era tutta una infinità di guerre tribali e torture dei prigionieri vivi o arrostiti . Ecco , disse , questa è la nostra cultura fino all’arrivo dei missionari ! diteglilo a certi imbecilli che con la sigaretta in bocca ora fanno i professorini sulla carta stampata , disse sempre la maestra .

  • pietro200

    ne sanno qualcosa i maya, gli aztechi, o se andiamo piu’ a nord possiamo parlare delle varie etnie pellirosse.
    penso che se vogliamo essere obiettivi, dobbiamo accettare il termine colonialismo per intendere “questa” situazione: ti interessa un territorio, per qualsiasi motivo personale, ti presenti dal padrone di casa e gli dici di uscire e abbandonare il proprio territorio, solo perche’ interessa a te, pero’ il piu’ delle volte, e molto dignitosamente, il proprietario non abbandona la propria casa, la propria famiglia, la propria storia, cultura, o mettiamola come vogliamo. cosa succede?
    il colonialista stermina il proprietario con tutta la famiglia e automaticamente diventa il nuovo proprietario.
    e tutto questo succede perche’ il colonialista non e’ proprio l’ultimo arrivato, anzi, dimostra di avere le spalle moooolto coperte.
    troverai il tutto forse conciso, ma penso si capisca cio’ che voglio dire.

  • Affus

    ma dove ? ma quando ? ma tu sogni la notte ? masturbati di meno cosi non ti consumi il cevello ? hai dei casi concreti da raccontare ? hai qualche pagina da farci leggere dove ci sono questi battesimi col fucile alla mano ? raccontaci, che noi siamo gente di cultura e subito capiamo .

  • Affus

    ma se ne vuole andare in pensione sto coglione che son 50 anni che ammorba l’italia con le sue cazzate ?

  • pietro200

    tranquilla, anch’io penso di averti postato qualcosa del genere tempo fa, pero’ ho capito che sei proprio cosi’, infatti puoi dire tutte le cazzate che vuoi, credimi, dopo aver letto un tuo commento (e ce ne sono), la mia pressione arteriosa non ha piu’ improvvisi scompensi come succedeva le prime volte, grazie alla tua tenacia, non ho piu’ quegli improvvisi e inspiegabili attacchi di diarrea, grazie, hai fatto di tutto per farmi capire che sei un paraculo, grazie, pensavo di essere ammalato, ma semplicemente non avevo capito che era solo psicosomatico, grazie e ciao.
    a proposito, continua cosi’, magari sarai utile ad altre persone, io saro’ disponibile per eventuali testimonials, ok?

  • pietro200

    e allora? i missionari come sono arrivati e per quale motivo?
    chi li ha finanziati? in base a quale vocazione?

  • virgo_sine_macula

    Questo ti succedeva perche’ quelli di sinistra non sono abituati a sentire opinioni che divergano dalla loro dottrina ufficiale:i rumeni sono bravi come gli altri anche se compiono il 75 per cento dei reati dei comunitari e non si puo’ dire altrimenti si e’ razzisti,gli italiani sono tutti ignoranti perche’ hanno scelto berlusconi senza tener conto che dall’altra parte c’era una pletora di infingardi e bugiardi che non ha mai fatto nulla per i lavoratori,neanche questo si puo’ dire,i leghisti sono violenti e formano le squadracce di picchiatori,quando mai un leghista e’ stato accusato di terrorismo o di pestaggio,mentre del becero terrorismo rosso assassino ne abbiamo avuto migliaia di esempi e abbiamo tuttora esempi invece di squadrismo rosso coi centri sociali che incendiano macchine e negozi di gente innocente e rovesciano gli stand dei partiti concorrenti.Questi fanno venire la diarrea con le loro menzogne quotidiane

  • virgo_sine_macula

    Non e’ politicamente corretto oggi dire che gli africani e gli aborigeni praticavano il cannibalismo,a proposito in congo hanno addirittura mangiato tempo fa degli aviatori italiani che portavano loro aiuti,la versione ufficiale e’ sempre quella:i bianchi sono cattivi e imperialisti e sfruttano i poveri africani,i missionari sono spie inviate dal nazi-vaticano per depauperare l’africa,gli africani sono tutti pacifici e in africa si vive bene,infatti ogni giorno il mediterraneo e’ pieno di barconi con europei che scappano in africa per evitare guerre,fame e carestia.

  • virgo_sine_macula

    In effetti sarebbe un’iniziativa lodevole

  • remox

    Che gran parte dei frequentatori di questo sito manifestino la loro atavica ignoranza non mi stupisce, la cultura non è gratis, la volontà di ricercare la verità lo è ancora meno. Il pregiudizio, il luogo comune e le frasi fatte sono più comode per cervelli lobotomizzati. Ma Fini mi stupisce in quanto dovrebbe ben sapere che la società africana che lui descrive esiste forse solo nelle caste più alte. Le tribù africane sono schiave delle loro assurde credenze para-magiche. La loro arretratezza, causa prima del colonialismo dell’800, è diretta conseguenza delle loro tradizioni religiose e culturali animiste che li hanno ancorati da un universo-mondo che è ostile, incute timore, paura e va esorcizzato con riti inutili che comportano perfino il sacrifico umano. L’occidente, scolarizzato dal cristianesimo, ha potuto invece progredire sul campo della tecnologia, della scienza, della cultura, della legge ed imporsi così sul resto del mondo. Oggi con la globalizzazione e la laicizzazione dell’occidente, quell’enorme tradizione culturale è in balia di disordinati giochi di potere, brame di supremazia che stanno portando il mondo al collasso. Oggi non è più il cristianesimo a plasmare l’occidente, ma il pensiero rivoluzionario nato dal giudaismo (vedi comunismo) che assume diverse forme a seconda della convenienza, e l’edonismo di un popolo che vivendo nella bambagia ha deciso di abidicare ad avere un ruolo guida. La guida comporta pochi diritti e molti doveri. In Occidente oggi, tutti vogliono solo i diritti dimenticandosi dei doveri. Ogni più stravagante minoranza, a partire dagli invertiti, pretende leggi per se stessa ignorando il bene comune. Siamo in piena entropia e se ancora non siamo al collasso è perchè rimane il Ketechon. Per molti rappresentato da Pietro, per altri dall’eredità dell’impero romano, la Lex, il diritto, la gerarchia che l’imperatore rappresentava. Perchè sorga un nuovo potere deve essere abbattuto il precedente. Ma oggi che l’impero non c’è la naturale erede è la chiesa Cattolica e Pietro in fin dei conti rimane l’unico Katechon della storia parallela.
    Il colonialismo economico come lo chiama Fini ha trovato terreno fertilissimo nel tribalismo neolitico dell’Africa.

  • Affus

    non sono cazzi tuoi !

  • pietro200

    dimostri benissimo cosa insegna la chiesa.

  • virgo_sine_macula

    Un po’ come gli ebrei coi palestinesi?

  • Affus

    myone ai tempi di Cristo c’erano altri farisei che si preoccupavano della profilassi igienica del popolo ebraico e accusavano Cristo di fregarsene .
    Cristo tentò di fargli capire che , prima della profilassi igienica e del preservativo , c’è ra qualcosa di piu sostanziale da fare per osservare la legge .
    Nisba, lo crocifissero !

  • virgo_sine_macula

    Come non condividere?Attenzione pero’ che la liberta’ di pensiero non e’ molto ben vista in questo luogo.

  • Drachen

    hai praticamente confermato il pregiudizio autoreferenziale tipico dell’Occidente.
    Chissenefrega se sono schiavi di credenze para-magiche.
    Davano fastidio a qualcuno?
    Chissenefrega se la loro arretratezza ha facilitato il colonialismo.
    E’ nostro compito divino far progredire il prossimo?

    L’occidente ha voluto imporsi, ma non glielo aveva micca
    ordinato il dottore di scompaginare le vite di altri popoli.

    Ruolo guida? ahahah. Con che mezzi? Neanche riescono più a tenere
    sotto controllo due paesi come l’Iraq e l’Afghanistan.

    Ma fatemi il piacere…

  • Drachen

    …e allora?

    si chiama guerra tribale.

    meglio il genocidio ruandese diretta conseguenza dell’intervento dell’uomo bianco? o meglio le nostre guerre a bombe intelligenti che cancellano famiglie e case in un colpo solo?

    ma svegliati.

  • Drachen

    il cannibalismo è un male per la nostra cultura, non per la loro.
    lo vogliamo capire il relativismo culturale o continuiamo a metterci sul pulpito di essere migliori di loro (autoreferenzialità occidentale).
    piantiamola con questi discorsetti morali che hanno valenza solo da noi.
    piantiamola davvero.

  • Drachen

    in effetti siete due troll.

  • myone

    Vero. Ma il campo missionario africano e’ stato inoltrato per far conoscere la chiesa e l’ interpretazine che essa da’ come verita’.Niente di male, se lo scopo primario, sia la cultura e il sapere e la ragione e la coscenza, prima di tutto, e non finalizzata. Cosi e’ finalizzata l’ intrusione dei poteri mondiali in africa, a fini che sappiamo, alimentando guerre intestine, creando mezze dittature, e prendendo molto e dando poco.
    Se ci si tiene alla vita nera, e lasciamogliela come vogliono loro, date mezzi meccanici per l’ agricoltura e l’ allevamento, e pianteci pozzi d’ acqua. basta e avanza.
    Poi, la cultura, lasciate che siano loro a venirsela a prendere e se la distribuiscano come pensano e credono. Ma questo forse all’ inizio. Ora l’ africa e’ parte del mondo, con piu’ sud da condividere con tante altre zone del pianeta.
    Ma… africa o italia, nord o sud, est o owest, siamo tutti globalizzati, e il male o bene di uno e’ di tutti, e risolvendolo, si impara a risolverlo sia in casa che all’ estero…… se si vuole.

  • myone

    Ho visto non tanto tempo fa un servizio sugli inglesi in (congo?). Insomma un paese africano colonizzato. Colonizzato a suon di retate e di esorcismi, perche’ gli affigliati di tribu’ e di etnie che conbattevano gli inglesi, avendo un giuramento, gli e lo facevano rigiurare dalla chiesa, a pro regina e chiesa.
    Insomma, uno scambio di ricchezza di vita nel milgior vivere, e uno scambio di pensiero conoscenza, non implica in assoluto l’ imporsi rpima di tutto, sia con la religione che con la forza.
    Nel mentre, lo sfruttamento per insegnarli come si modernizza, andava a gonfie vele, con le materie prime che prendevano il largo sulle braccia dei neri locali.
    Ora, se sono civilizzati, non fanno altro che vivere come noi, soggetti alle leggi economiche e commerciali, ad aiuti di potere e altro, ecc ecc ecc. Non c’e’ differenza, fra noi e loro, in quanto, sono accodati a tutto l’ insieme.

  • myone

    Si e’ un po’ cosi. La cosi detta contrapposizione al meglio e al popolo, pensa che criticare e non accettare sia un modo per buttar giu’ muri…non i loro, poi quando si trovano LA’, fanno peggio e fanno il loro. E parlo di politici, e pure di menti “sinistre”. La destra, sara’ pure borghese e seduta, ma se fa fa, e se risolve risolve. Ora, la questione e’ che non c’e’ neppure opposizione, e se c’e’, ancora racconta frottole e fa i capricci. Che vergogna. Il fatto e’, che rpima la sinistra, poi la destra sotto tanti altri aspetti, dicono dicono, ma non fanno e fanno il loro. Il problema e’ che, visti i tanti articoli da isolvere a livello di modo di vivee globale, ora piu’ che mai, e’ che tutti eludono il fondo e il vero, e tutti tirano a campa’, finche’ ce n’e’ e si puo’. Scontato e’ che, le scorie a forza di ammassarsi, ci sommergeranno.

  • JackSparrow

    invito questo ignorantissimo signore a documentarsi sulla religione Dogon,che ha come centro il Mali,se vuole puo’leggere il libro di Griaule “Dio d’Acqua” ed un testo che dubito sia in grado di digerire,direttamente in inglese, di Jackson (non Michel,ovviamente)
    “Introduction to African Civilisations” e dopo parli,se ancora gli resta il fiato.
    Quanto alla colonizzazione dell’Africa,o meglio all’aggressione dell’Africa,comincio’ molto prima dell’800,caro ignorantello