Home / ComeDonChisciotte / GENOCIDIO NORMALIZZANTE

GENOCIDIO NORMALIZZANTE

DI GHALI HASSAN

Fino ad ora, più di 2000 militari Statunitensi sono stati uccisi dal
marzo 2003, inizio della guerra illegale e non provocata contro l’Iraq.
Se ne è tenuto meticolosamente il conto e lo si è pubblicato in ogni
enunciazione dei media Occidentali. È stato fatto questo per le centinaia
di migliaia di uomini, donne, bambini Iracheni, che innocenti sono
stati massacrati senza necessità dalla combinazione di sanzioni e guerra
degli USA e della Gran Bretagna? Si tratta di un deliberato genocidio! Fatta eccezione per la guerra contro la ex Repubblica di Yugoslavia
(Serbia), una nazione ortodossa, le guerre di aggressione Statunitensi in
buona sostanza sono state scatenate contro popoli di colore privi di
difese. Ramsey Clark, ex procuratore generale degli USA durante
l’amministrazione Carter, ha scritto: “Quelli sono i poveri del pianeta, e
vengono resi ancora più poveri, dominati e sfruttati dalla politica estera
degli USA e dei suoi ricchi alleati, che hanno progettato il dominio, lo
sfruttamento e la selezione etnica”.

Le guerre degli USA-Gran Bretagna contro l’Iraq portano tutte le
caratteristiche del razzismo Occidentale. Gli Iracheni non sono solo
disumanizzati, vengono anche oltraggiati e torturati in modo che l’assassinio
di massa risulti ben accetto all’opinione pubblica Occidentale. Intanto
le compagnie mediatiche e i governi Occidentali vanno mascherando
l’imperialismo con le nere fisionomie di Condoleezza Rice e di Kofi Annan.

Uno studio lampante condotto nel dicembre 1991 dal Consorzio Britannico
per l’Educazione Medica ha stimato che sono morti più di 200.000
Iracheni durante e immediatamente dopo il massacro della guerra USA del 1991,
la cosiddetta “Guerra del Golfo”, come diretta o indiretta conseguenza
degli attacchi alle infrastrutture civili. Per di più, dall’agosto
1990, l’Iraq è stato sottoposto ad aggressioni militari ed economiche che
hanno contribuito all’assassinio di massa di uomini, donne, e
soprattutto bambini Iracheni.
Si è valutato che le sanzioni genocide, delle quali si è persa la
memoria, hanno ucciso più di un milione e mezzo di civili Iracheni, inclusi
500.000 bambini al di sotto dei cinque anni. Lo sterminio di massa di
bambini Iracheni è stato rivendicato da Madeleine Albright, l’ex
Segretario di Stato degli USA, come “un prezzo per cui valeva la pena”. È
forse possibile solo immaginare che qualcuno si esprima in questi termini:
la morte di 3.000 persone nell’attentato dell’11 settembre è “un prezzo
per cui valeva la pena”?

Gli USA e la Gran Bretagna hanno dapprima sistematicamente bombardato e
messo fuori uso per sempre le infrastrutture Irachene, come: impianti
per la purificazione dell’acqua, impianti per il trattamento dei
liquami, reti di distribuzione per l’energia elettrica, impianti per
l’industria farmaceutica, la rete per i trasporti e per le comunicazioni, le
industrie manifatturiere, impianti commerciali, strutture abitative.
Industrie alimentari, comprese quelle per il latte dei bambini, industrie di
processo, magazzini, centri di distribuzione, industrie per la
produzione di fertilizzanti ed insetticidi, tutto veniva considerato obiettivo
di distruzione.
A seguire, gli USA e la Gran Bretagna hanno continuato con le sanzioni,
in modo da assicurarsi che l’Iraq non fosse più in grado di riparare o
di sostituire la maggior parte di quello che era stato distrutto. Il
senso di questo assassinio di massa accuratamente programmato era quello
di coartare e minacciare con la prepotenza non solo l’Iraq, ma anche
qualsiasi altra nazione priva di difese che osi resistere come ha fatto
l’Iraq. Inoltre, a questo Iraq sanguinante a morte il Consiglio di
Sicurezza dell’ONU ordinava di pagare più di 50 miliardi di dollari come
riparazioni al Kuwait, alle corporations USA, e a tutti coloro che
reclamavano in modo equivoco e fraudolento.

Malgrado la condiscendenza dell’Iraq ai termini del cessate il fuoco
della guerra del 1991, le sanzioni e i bombardamenti settimanali delle
città e dei villaggi Iracheni – “sempre vola qualcosa su qualcosa che si
muove!”- sono continuati, in modo da creare ulteriori danni al popolo
dell’Iraq.
“Per me, quello che è tragico, oltre alla stessa tragedia Irachena, è
il fatto che gli stati membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni
Unite…stanno mantenendo deliberatamente un programma di sanzioni
economiche, ben consapevoli che stanno dando la morte ogni mese a migliaia
di Iracheni. E questa decisione prepara il genocidio,” ha affermato
Denis Halliday, l’ex coordinatore umanitario ONU in Iraq.

Il Dizionario della Oxford definisce genocidio il deliberato sterminio
di una nazione o di una etnia umana. Nel 1948, nella Convenzione sul
Genocidio,
il termine genocidio veniva definito come un qualsiasi atto
“commesso con l’intento di distruggere, per l’intero o solo in parte, un
gruppo nazionale, etnico o religioso, come tale.” Di qui, gli atti di
genocidio includono tutte le azioni che provocano seri “danni mentali” o
che impongono “condizioni di vita” che mirano a tale distruzione.
Può esistere qualcosa di più evidente di quello che gli Stati Uniti e
la Gran Bretagna stanno commettendo contro il popolo Iracheno?
“É compito di esperti e del complesso mediatico delle informazioni
rendere normale quello che potrebbe risultare inammissibile per l’opinione
pubblica,” ha scritto l’economista Americano Edward Herman. L’arte di
rendere accettabili, nella normalità, le atrocità di massa è sempre
stato un prerequisito per neutralizzare le disciplinate popolazioni
dell’Occidente in modo tale da rimuovere qualsiasi scrupolo di responsabilità
morale.

genocidio

Secondo John e Karl Mueller ( Sanzioni per la Distruzione di Massa,
“Foreign Affairs” maggio/giugno 1999, p. 43.), le sanzioni da sole “hanno
tolto in Iraq la vita di tante persone, molte di più di quelle che sono
state fatte fuori nel corso di tutta la storia dalle cosiddette armi di
distruzione di massa.”
Quindi per il genocidio Iracheno “forse si può affermare essere stato
il più grande genocidio dell’era post Seconda Guerra Mondiale,” condotto
e perpetuato con il tacito appoggio degli Stati membri delle Nazioni
Unite.
Oggi, l’ONU si rende complice nella continuazione di crimini di guerra
contro il popolo Iracheno e nella distruzione della società Irachena.
Coerentemente con il suo ruolo di “manutengola” dell’imperialismo
Occidentale, immediatamente dopo l’invasione illegale dell’Iraq
l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha fornito legittimità all’occupazione da
parte degli USA di uno stato sovrano, e si è allertata per fornire il
supporto a tutte le violazioni degli Stati Uniti al diritto internazionale,
compresa la stessa Carta dell’ONU.

La corruzione e il proprio tornaconto sono caratteristiche endemiche
degli stati membri dell’ONU e dei loro gruppi dirigenti. Il governo di
Saddam era in grado di approfittare di questo e di ricavarne dei
vantaggi, in modo da conservare l’Iraq in grado di funzionare come stato,
malgrado le ingiuste sanzioni. Era il solo modo utile per il paese, quello
di sottrarsi alle sanzioni corrompendo il corruttibile.
Purtroppo, alla fine del 2002, gli effetti delle sanzioni genocide
erano visibili in Iraq dappertutto.

L’ONU promuoverà una risoluzione, come quella che ha preteso dalla
Siria di “cooperare pienamente” con la commissione di inchiesta dell’ONU
sulla morte dell’uomo di affari ed ex primo ministro Libanese Rafiq
al-Hariri, pretendendo dagli USA e dalla Gran Bretagna una cooperazione
piena con una commissione di inchiesta dell’ONU sulla morte di centinaia di
migliaia di innocenti Iracheni e sul furto di dieci miliardi di dollari
perpetrato a spese del Tesoro Iracheno? Il Consiglio di Sicurezza
dell’ONU condannerà Israele per la sua “pratica criminale e medievale
dell’assassinio politico” di leaders politici palestinesi? Non crediamo
proprio!

L’invasione criminale USA e l’occupazione hanno solamente moltiplicato
le atrocità delle sanzioni. Una recente inchiesta UNICEF che permette
una immediata valutazione rivela che il numero di bambini Iracheni
malnutriti in modo acuto è raddoppiato rispetto a quello di prima della
guerra, balzando dal 4% a quasi l’8%. L’inchiesta aggiunge che “la
malnutrizione acuta a volte si trasforma in digiuno assoluto ed è un forte
indicatore del complessivo stato di salute dei bambini.” Lo stato di
salute generale dei bambini Iracheni, degli anziani e delle donne incinte in
particolare ha subito un declino a causa delle deteriorate condizioni di vita, vista la quasi impossibilità di accedere all’acqua potabile, a
cibo, alle cure ospedaliere, e la caduta a picco del potere di
acquisto.
Infatti, le forze di occupazione USA stanno deliberatamente portando a
morire di fame gli Iracheni, tagliando le loro riserve di cibo ed
acqua, ricattando il popolo Iracheno per sottometterlo all’Occupazione.
“In Iraq sta avvenendo una tragedia nel silenzio totale, mentre le
forze di occupazione della coalizione stanno usando la fame e la
deprivazione dell’acqua come un’arma di guerra contro la popolazione civile,”
così ha dichiarato il Professor Jean Ziegler, a capo dell’indagine ONU sui
diritti umani, ad una conferenza stampa a Genova il 15 ottobre 2005.
“Il metodo della privazione di cibo per i civili in uno scenario di
guerra è una flagrante violazione del diritto internazionale,” ha aggiunto
il sociologo di origine Svizzera.

L’aggressione USA contro l’Iraq che dura da 15 anni e le sanzioni
genocide hanno devastato le risorse umane Irachene per molte generazioni. La
ammirevole generazione di uomini e donne Irachene che aveva portato
fuori dalla povertà l’Iraq e aveva fatto di questo paese il punto di
riferimento del progresso in Medio Oriente è stata distrutta dalla
combinazione di sanzioni genocide e dalle guerre criminali di aggressione
perpetuate da USA e Gran Bretagna e normalizzate con la complicità della
corporazione dei media.
Nel sistema mediatico e fra il fior fiore delle personalità Occidentali
è diventato un tabù solo menzionare la morte di centinaia di migliaia
di Iracheni. Solo i soldati Usa uccisi sono contabilizzati come esseri
umani morti. I morti Iracheni non contano. Per quanto si sa, non sono
state accese candele per i più di 100.000 civili Iracheni (valutazione
prudente!) ammazzati dalle forze USA dal marzo 2003 all’ottobre 2004.
La valutazione prudente è stata pubblicata il 29 ottobre 2004 nel
giornale Britannico di informazioni mediche “The Lancet”, autorevole e
approfondito.
Se si includono le atrocità di Fallujah, Ramadi, al-Qaim, Tel Afar,
Hillah, Baghdad e i massacri giornalieri fomentati dalle forze USA e dai
loro collaboratori, il numero di Iracheni ammazzati dal marzo 2003
dovrebbe essere segnato in 200.000 o forse più. La maggioranza delle vittime
sono donne e bambini innocenti, traditi dalla complicità dei media
Occidentali che nascondono i crimini di guerra che avvengono nel resto del
mondo.

Il Dr. Les Roberts della John Hopkins University, autore principale
dello studio di “The Lancet”, si aspettava una risposta dall’opinione
pubblica di “indignazione morale”; invece è rimasto sconvolto da una
silente accoglienza. L’esperto ricercatore, che aveva usato la stessa
metodologia per studiare la mortalità provocata dalle guerre nel mondo, è
stato elogiato dalla comunità scientifica per il suo studio sull’Iraq.
Le scoperte derivate dai suoi studi sul Congo erano state usate
dall’ONU e dalla Croce Rossa Internazionale. “Tony Blair e Colin Powell hanno
ripetutamente citato questi risultati, senza porsi alcuna domanda sulla
loro precisione o validità”, egli ha dichiarato al “The Chronicle of
Higher Education”.

Al contrario, la ricerca sull’Iraq è stata deliberatamente ignorata o
respinta dal sistema dei mezzi di comunicazione di massa Statunitensi e
Britannici.
Di fatto, lo studio è stato censurato, visto che metteva in evidenza il
genocidio.

Il termine “genocidio” è stato usato in modo selettivo dalle potenze,
dai media e dalle dirigenze Occidentali per descrivere presunti crimini,
mai comprovati, commessi dal regime di Saddam Hussein o di Slobodan
Milosevic. Spesso, Halabja in Iraq e Srebrenica in Bosnia sono state usate
per descrivere crimini, con carenza o addirittura in assenza di prove,
supposti commessi da Hussein e da Milosevic. I “simboli” di Halabja e
Srebrenica sono stati solo pretesti per giustificare le ambizioni
imperialiste dell’Occidente.
Adesso si sa che Srebrenica è stata usata per giustificare
l’aggressione contro la Serbia, e che Halabja è servita per giustificare la guerra
contro l’Iraq. Entrambi gli eventi criminali sono stati camuffati da
“interventi umanitari”.
Non è stato mai usato il termine “genocidio” per descrivere
l’assassinio di massa di civili Iracheni procurato dalle sanzioni genocide e dalle
guerre USA.
Saddam è stato demonizzato per giustificare la politica criminale
dell’Occidente nei confronti del popolo Iracheno.
Le motivazioni per questo deliberato genocidio sono la colonizzazione
dell’Iraq per accrescere la dominazione imperiale degli Stati Uniti, la
distruzione del nazionalismo Arabo, e il sostegno all’espansione
sionista di Israele e alle politiche criminali contro i Palestinesi.

L’Iraq è cosparso delle innumerevoli uccisioni di massa commesse dagli
USA mascherate da “operazioni USA contro i terroristi di al-Qaida.”
I recenti attacchi indiscriminati, con il bombardamento di acquedotti,
di reti di distribuzione dell’energia elettrica e delle comunicazioni,
con l’uso pesante di “cluster bombs”, bombe a frammentazione, su zone
frequentate da civili, su città e villaggi nell’Iraq occidentale sono un
promemoria del massacro di Fallujah.
Il quotidiano Italiano “La Repubblica” ha riportato: “Gli Americani
sono responsabili di un massacro con l’uso di armi non convenzionali, la
medesima accusa per cui Saddam Hussein si trova sotto accusa,” citando
una inchiesta Italiana, che l’8 novembre 2005 sarà messa in diffusione
sulla rete televisiva RAI-3 TV. [1]
Le forze USA e i loro collaboratori stanno combattendo gli Iracheni che
lottano e sono Resistenti per difendere il loro paese contro una nuova
forma di fascismo a guida Statunitense.

[Fosforo bianco a Fallujah]

Un nuovo massacro come a Fallujah è in preparazione.
Secondo recenti servizi giornalistici da al-Qaim dei media Iracheni ed
Arabi, il “ministro della difesa” del governo fantoccio (Saadoun
al-Dulaimi) sta incitando le forze USA a “eliminare intere famiglie e a
distruggere le case dei combattenti della Resistenza, con dentro le loro
donne e i loro bambini”.
Le personalità importanti della società civile Irachena hanno
condannato gli attacchi come “operazioni di sterminio” e si sono appellati alla
“Comunità Internazionale” per un intervento a che si fermino le
uccisioni di massa di civili. “Noi ci appelliamo a tutti gli umanitari e a
coloro che concorrono alla pace nel mondo per fermare i ripetuti
spargimenti di sangue nelle zone Occidentali dell’Iraq,” ha dichiarato lo
Sceicco Osama Jadaan, un leader della comunità di Husaybah, nelle vicinanze
del confine Siriano. E giustamente ha aggiunto: “noi affermiamo che gli
occupanti Americani se ne devono andare via e lasciare l’Iraq agli
Iracheni.”
Lo spargimento di sangue quotidiano e la distruzione del paese da parte
delle forze USA vengono messi in atto con la totale complicità dei
media e delle dirigenze Occidentali.
Le forze di occupazione e i mezzi di informazione giustificano la
violenza in termini culturali, del tipo “Iracheni contro Iracheni”, uno
stereotipo coloniale per giustificare l’Occupazione. Il tentativo USA è di
focalizzare la pubblica opinione sulla violenza degli occupati e degli
oppressi, che sono gli Iracheni, e giustificare poi le azioni degli
occupanti. Comunque, questa “violenza settaria” è stata creata ed
alimentata dagli USA e dalla Gran Bretagna in modo da terrorizzare la
popolazione Irachena e spingerla fra le braccia degli occupanti per avere
“protezione”. Perciò questa è l’unica maniera per giustificare una
Occupazione che deve continuare! Gli Iracheni sono ben coscienti di questo e sono
tutti uniti a chiedere la fine della violenza e dell’occupazione
Americana.

Ora noi sappiamo che non c’erano armi di distruzione di massa (WMD) in
Iraq dal 1991, e che le sanzioni e le guerre erano gli strumenti per un
deliberato genocidio. Era tutto previsto, che l’invasione e
l’occupazione avrebbero portato solo disastri e miseria al popolo Iracheno!
Più dell’82% di Iracheni si “si oppongono con forza”
all’Occupazione USA
del loro paese. Secondo un recente sondaggio del Ministero Britannico
della Difesa, “meno del 2% di Iracheni [fatti rientrare in Iraq sui
carri-armati USA] ritengono che le forze della coalizione siano in grado di
portare un qualche miglioramento alla sicurezza”. Ne consegue che
coloro che si oppongono al ritiro delle forse USA dall’Iraq agiscono come
propagandisti dell’Impero USA e sono complici nel rendere normale ed
accettabile un deliberato genocidio contro il popolo Iracheno.

Oggi, la gran parte degli Iracheni ritengono le forze USA costituite da
“maniaci omicidi”. Dopo il truffaldino “trasferimento” di un simulacro
di sovranità, le elezioni fraudolente del gennaio 2005, e il più
recente imbroglio di massa per promuovere una costituzione illegale
confezionata dagli USA, l’Amministrazione Statunitense è rimasta con una carta
disonesta da giocare: le elezioni programmate per dicembre 2005.
Dopo tutto ciò, è giunto il tempo del ritiro immediato di tutte le
forze USA e straniere dall’Iraq e di mettere fine al genocidio. Per quanto
presto avverrà tutto ciò, gli Iracheni che rimarranno vivi saranno
distrutti.
Allora la “Comunità Internazionale” avrà il dovere di perseguire
legalmente coloro i quali hanno commesso questi crimini di guerra e crimini
contro l’umanità.

Ghali Hassan
Fonte: http://onlinejournal.com
Link: http://onlinejournal.com/artman/publish/article_162.shtml
09.11.05

Traduzione a cura di CURZIO BETTIO di Soccorso Popolare di Padova

Note:

[1] Fallujah. La strage nascosta (Fallujah, The Concealed Massacre)
verrà mostrata su RAI News domani 8 novembre, alle ore 07:35 (via HOT
BIRDTM satellite, Sky Channel 506 e RAI-3), e riproposta su HOT
BIRDTM satellite e Sky Channel 506 alle 17:00 e in più nei prossimi due
giorni.

Pubblicato da Davide