Home / ComeDonChisciotte / FEBBRE SUINA DEL 1976 E VACCINAZIONI FORZATE. LA STORIA SI RIPETE

FEBBRE SUINA DEL 1976 E VACCINAZIONI FORZATE. LA STORIA SI RIPETE

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

DI FRANCESCO COLAFEMMINA

La febbre suina del 1976 è un episodio racchiuso negli archivi della storia delle presunte pandemie. Questo ceppo influenzale appariva stranamente molto simile alla pericolosa spagnola del 1918: una coincidenza che finì per creare il panico soprattutto negli Stati Uniti. La domanda da porsi è infatti: dove e come si diffuse questo terribile virus? La risposta è semplicissima: come già fu per la Spagnola (i cui primi casi furono riscontrati a Fort Riley in Kansas), anche la febbre suina del ’76 nacque all’interno di una base dell’esercito americano nel New Jersey, Fort Dix. Una recluta morì appena dopo aver avvertito i sintomi dell’influenza nel gennaio 1976, ed altre quattro furono colpite da questa intensa forma di influenza. La concomitanza di un’altra influenza stagionale che durò sino al marzo del ’76, indusse il Presidente Ford ad ordinare la vaccinazione di massa negli Stati Uniti. Il programma di immunizzazione cominciò il 1 ottobre 1976 e fino all’11 ottobre era stato vaccinato circa un terzo della popolazione (il 24%). Fu allora che tre anziani morirono a causa degli effetti collaterali del vaccino.

La notizia si diffuse ma nonostante tutto solo il 16 dicembre la vaccinazione fu bloccata: il 33% della popolazione era stata vaccinata. Più di 500 furono i casi di sindromi di paralisi neuromuscolari, più di 25 i morti, quasi 4000 le richieste di danni avanzate alla Pubblica Amministrazione da privati cittadini che avevano subito il vaccino. E l’influenza scomparve nello stesso nulla dal quale era sopraggiunta
L’11 aprile 1979 la CBS nella sua famosissima trasmissione “60 Minutes” affrontò la questione della vaccinazione di massa e le sue conseguenze sulla salute pubblica. In effetti quell’episodio del 1976 si rivelò frutto di un allarmismo estremo, se non proprio di una strategia ben meditata (qui trovate la trascrizione completa della trasmissione).Poniamoci una domanda a caso: chi era il Capo di Gabinetto del Presidente Ford? E chi il Vice Capo di Gabinetto? Non avete indovinato? Rispondo subito: erano un tal Donald Rumsfeld ed un altro tal Dick Cheney. Ma che casualità!

Donald Rumsfeld è stato Presidente della “Gilead Sciences”, la società che ha brevettato il Tamiflu, dal 1997 al 2001. E nell’attuale Consiglio di Amministrazione siedono un ex segretario di Stato (George Shultz), il cofondatore della Intel (Gordon Moore) e la 5a presidentessa del Council for Foreign Relations (Carla Anderson Hills). Bel trio, no? Rumsfeld è ancora azionista della Gilead che dopo aver ceduto il brevetto alla Roche, trattiene il 10% di royalties sulle vendite.

Nel 2006 fu varato dall’amministrazione Bush il Piano Strategico di Prevenzione dell’Influenza Pandemica. Il piano prevedeva l’acquisto dell’80% di scorte di Tamiflu e del 20% di scorte di Relenza (un competitor del Tamiflu). A questo punto fermiamoci un attimo. Gilead Sciences? Non trovate che questo nome sia poco convincente? Gilead? Che significa in ebraico Gilead? Significa “testimonianza”, è la collina divisa storicamente fra Giordania e terra di Sion. E’ citata più volte nella Bibbia come il luogo in cui si rifugiavano molti patriarchi. Galaad (sua traslitterazione alternativa) è il luogo in cui fuggono Giacobbe, Davide e l’intero Israele. Luogo di salvezza e di testimonianza. Forse – azzardiamo – il luogo in cui si rifugeranno coloro che conservano la salvezza, l’antidoto alla pandemia? Chissà, le coincidenze sono comunque inquietanti.

Veniamo però alla “nuova influenza”. Anch’essa nasce in maniera alquanto strana. Se in un altro articolo ho dimostrato chiaramente che il contagio è nato negli Stati Uniti (non in Messico) e precisamente nella zona di San Diego, non stupirà sapere che a San Diego c’è il U.S. Naval Health Research Center (NHRC) che collabora assieme al Trudeau Institute alla ricerca di un vaccino contro una probabile pandemia da aviaria. E non stupirà neppure sapere che il 19 Ottobre 2008 i capi di Stato Maggiore di USA, Francia, Inghilterra, Germania ed Italia si sono riuniti a Lake Placid (New York), località in cui ha sede il suddetto Trudeau Institute.
Per discutere su cosa? Secondo un comunicato frettolosamente rilasciato si doveva discutere di Afghanistan… peccato però che nè Francia, nè Germania abbiano truppe in Afghanistan. E poi perchè riunirsi nella località in cui si studia un vaccino per difendere i militari in caso di pandemia?
Basta leggere il sito dell’Istituto per documentarsi sulla questione.

A questo punto non possiamo pronosticare il futuro. Di certo però la questione è estremamente poco chiara ed il sospetto è che questo virus fabbricato in laboratorio venga diffuso quale sedativo della crisi economica, un sedativo che potrebbe essere utile a decimare un po’ di popolazione umana ed a riassestare il sistema internazionale ormai scricchiolante. Forse viene considerata una soluzione meno distruttiva di una guerra. O si tratta semplicemente di un mezzo per arricchire talune elites (leggi case farmaceutiche), impaurire le masse ed accrescere il controllo su di esse. Di sicuro, comunque, almeno il 90% dei giornalisti (italiani e non) dovrebbe cambiare mestiere, dopo l’evidente assenza di informazione su uno scandalo dalle proporzioni colossali.

Francesco Colafemmina
22.09.2009

Pubblicato da Davide

  • djsdong

    sacrosanto!!!!!

  • Eli

    Per fortuna abbiamo CDC che c’informa. Se stessimo ad aspettare i TG o i giornali…non avremmo la possibilità di diventare vecchi. Grazie.

  • radisol

    In interessante articolo sull’ “affarone” per le major farmaceutiche rappresentato dal vaccino al link : ……………………………………..

    http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/cronaca/nuova-influenza/affare-vaccino/affare-vaccino.html

  • Tonguessy

    Un po’ di notizie sul World Heath Organization (WHO) e l’aviaria
    adesso. Tra l’estate e l’autunno del 2005 si verificarono isolati casi
    di aviaria nel lontano oriente. Nel Settembre 2005 i vertici della WHO
    si trovarono a Malta con degli esperti in un convegno organizzato da
    La Roche (quella che acquistò il Tamiflu) per decretare la
    pericolosità di quei casi isolati. E sancire la necessità di inoculare
    milioni di costosi e dannosi vaccini nelle carni delle genti, previa
    campagna mediatica di stampo terroristico.
    Fu così che il Tamiflu di Rumsfield salvò La Roche da un inevitabile
    tracollo finanziario, veicolando informazioni falsate tramite il WHO.
    “A giudicare dagli allarmi lanciati gli scorsi inverni, a questo punto
    dovremmo tutti essere morti da un pezzo. Di aviaria”, Tom Jefferson,
    medico epidemiologo che parla della poca attendibilità
    dell’informazione scientifica, del corto circuito che viene a crearsi
    fra i diversi interessi in gioco nella partita della comunicazione
    della salute: quelli della case farmaceutiche, dei ricercatori, degli
    operatori sanitari delle istituzioni, degli editori, dei giornalisti.
    “Un recente sondaggio ha concluso che su tremila e passa ricercatori
    finanziati dai NIH americano circa un terzo è responsabile di peccati
    scientifici, da quelli lievi, quali il conferimento gratuito e senza
    meriti di autorship a una serie di personaggi prestigiosi all’interno
    dell’istituzione di appartenenza, all’invenzione di sana pianta dei
    dati”, si legge nel libro di Jefferson “Attenti alle bufale” (Pensiero
    editore, 2005).
    http://www.galileonet.it/primo-piano/7437/attenti-alle-bufale?zem_con

    Quando gli esperti vi parlano di alta pericolosità di un virus,
    diffidate
    Quando il WHO lancia segnali di allarme giustificati dai sopracitati
    esperti, diffidate
    Quando i giornalisti vi parlano di scenari catastrofici e di pandemie
    portando proiezioni del WHO, diffidate.
    O vaccinatevi, fate voi.

  • frankad
  • LucaV

    E solo per fini economici! Si cerca di far spendere soldi agli stati per arricchire amici di amici. I soldi glieli diamo noi.

  • myone

    Non sono daccorod sul fatto di decimare popolazione umana.
    Sono piu’ per speculazioni di interessi degli interessati al caso pandemia.
    Vedo che il virus e’ uscito da solo e non da basi americane dell’ esercito, e nemmeno negli USA
    Che il vizio si ripeta, nelle vaccinazioni di massa, quando personaggi c’erano nel 1976,
    e che detengono interessi come azionisti, nelle case farmaceutiche dei vaccini, si.
    Ma questi, sono affaristi sulle malattie degli altri, e sopratutto sulla vita degli altri.
    A questi si dovrebbe mandare un virus letale, come hanno fatto con l’ antrace.
    Perche’ questo popolo di veritieri, e dico quelli da questa parte, di cui dispongono persone da cervello fine,
    e che ci saranno pure dottori in merito, non riescono a fargli pervenire qualche virus giusto.
    Quello che manca a una popolazione o a una elite che conosce e che dovrebbe agire,
    contro a personaggi e modi che sono plateamente contro l’ umanita’,
    e’ di non avere una catena d’ azione, che fa stare i potenti sulle spine,
    consapevoli, che se si vuole, si possono pure far saltare dentro a una cassa da morto.
    Detto e fatto, rimangono risvolti e coincidenze, da verificare, e non verificabili,
    tendenzialmente faziose e calunniatrici.
    Poi che dire; quando c’e’ un male, fanno di tutto per salvaguardare l’ umanita’, e quindi una vaccinazione di massa, e’per il bene di tutti.
    C’e’ un fatto, che le cause e gli effetti, sono peggiori del virus stesso.

  • Starway

    Calcolare l’incidenza percentuale di 25 morti sul 33% della popolazione degli stati uniti nel 1976 (tot. oltre novanta milioni di individui) da come risultato un numero talmente minuscolo che mi vergogno a scriverlo.
    Ora, non voglio assolutamente dire che le vaccinazioni facciano tutte bene, ma che siano un tentativo di sterminare una popolazione per carità… i numeri parlano da se.

  • Eli

    Grazie!

  • Eli

    Il vaccino non uccide subito, non è arsenico. Aumenta il livello di tossicità del sangue, che è individuale, e sommato a cibi adulterati, acque inquinate, effetti radioattivi ed elettromagnetici, altre schifezze e sostanze chimiche che mutuiamo dall’ambiente, piogge acide, scie chimiche, abuso di farmaci, nel tempo può favorire l’insorgenza di tumori.

  • ottavino

    Magari decimassero un pò di umani con queste vaccinazioni!!. Sarebbe la fine delle vaccinazioni medesime. La prova provata che vaccinare è una pratica sbagliata e negativa. Finalmente l’uomo sarebbe “vaccinato” davvero nei riguardi di un approccio stupido alla salute. E finalmente forse si ribellerebbe alla casta medico-scientifica.

  • dgp

    Gli stati canaglia sono loro . Sporchi governi in mano a sporchi esseri privi di scrupolo.

  • dangp

    “nè Francia, nè Germania abbiano truppe in Afghanistan”
    Quando la smettiamo di scrivere queste str****te?
    C’erano eccome, allora
    http://www.nato.int/isaf/docu/epub/pdf/placemat_archive/isaf_placemat_081001.pdf
    come oggi
    http://www.nato.int/isaf/docu/epub/pdf/placemat.pdf

  • federasta

    concordo pienamente con Eli; un po’ come il fumo di sigaretta: non uccide subito, ma porta a danni col tempo

  • portoBF

    myone scusa, ma hai fumato manali o afghano??

  • frankco

    Carissimi,

    consentitemi 2 repliche:

    la prima – più macroscopica – riguardo alla questione della partecipazione alle operazioni militari in Afghanistan di Germania e Francia. Effettivamente la frase era mal formulata. Semplicemente intendevo dire che nè Germania nè Francia partecipavano ad operazioni di combattimento sul campo (solo oggi la Germania è in crisi per la sua partecipazione attiva alle operazioni militari e non solo a quelle di addestramento di polizia locale). Oltretutto la Francia ad ottobre era ancora ufficialmente fuori dal Comando Militare Integrato della NATO (nel quale è entrata a marzo del 2009).E poi comunque a quell’incontro mancavano Canada e Olanda che hanno un ruolo fondamentale in Afghanistan. Il Canada ha più uomini dispiegati dell’Italia.

    Oltre a ciò aggiungo che c’è stato ad Ottobre 2008 (9-10) un vertice informale della Nato a Budapest (nel quale le nazioni in questione avrebbero potuto comodamente discutere di tali argomenti). Inoltre ce n’è stato un altro presso il quartier generale NATO in Belgio a Novembre (19-20 Novembre).

    Quanto all’altra obiezione, secondo la quale la vaccinazione di massa non potrebbe produrre uno sterminio, mi spiego meglio.

    Il caso del 1976 è stato portato ad esempio di una politica di vaccinazione di massa volta a favorire case farmaceutiche senza scrupoli e probabilmente montata ad arte, come anche il video CBS dimostra.

    Il caso attuale invece si presta a più ipotesi. Una di queste è quella della possibile mutazione genetica del virus favorita dal vaccino. Inoltre il vaccino per l’influenza stagionale contaminato dalla Baxter a febbraio è un segnale di come sia facile creare una mortale pandemia attraverso le vaccinazioni: è infatti ciò che la Baxter stava tentando di fare all’inizio di quest’anno. E non è escluso che dietro questa faccenda ci sia un tentativo di ridurre una parte della popolazione mondiale attiva.
    Ridurre la popolazione mondiale, soprattutto nei paesi occidentali può significare “economia sostenibile”. In questo modo infatti il consumo energetico pro- capite calerebbe drasticamente.
    Calo dei consumi significa riduzione delle spese di approvvigionamento energetico, significa anche possibilità di convogliare i consumi energetici su paesi del terzo mondo, che diverrebbero i nuovi consumatori di prodotti occidentali, rimettendo in moto le economie più avanzate. Prendete l’India.
    Se la produzione di utilitarie low cost consentisse a 100.000.000 di indiani di andare in macchina avremmo una crisi energetica paurosa che metterebbe in ginocchio soprattutto le nazioni occidentali. Ma se ci fosse una identica riduzione di popolazione in occidente, i consumi poniamo di 100 milioni di americani scarsamente produttivi e con un grado di soddisfazione dei propri bisogni molto elevato sarebbero sostituiti da 100 milioni di nuovi consumatori pronti a caricarsi di un consumo energetico che gli spianerebbe la strada verso una neoamericanizzazione.
    Inoltre 100 milioni di occupati in meno in occidente consentirebbe di spostare una produzione globalizzata nel terzo mondo, ben più capillarmente di quanto non sia oggi. Così si creerebbe una nuova classe di consumatori che replicherebbero il ruolo degli europei e degli americani negli anni 50-60.
    E non finisce qui… Sembra una follia ma è un “programma” noto da molti anni:

    http://www.prisonplanet.com/the-population-reduction-agenda-for-dummies.html

  • frankco

    Carissimi, consentitemi 2 repliche: la prima – più macroscopica – riguardo alla questione della partecipazione alle operazioni militari in Afghanistan di Germania e Francia. Effettivamente la frase era mal formulata. Semplicemente intendevo dire che nè Germania nè Francia partecipavano ad operazioni di combattimento sul campo (solo oggi la Germania è in crisi per la sua partecipazione attiva alle operazioni militari e non solo a quelle di addestramento di polizia locale). Oltretutto la Francia ad ottobre era ancora ufficialmente fuori dal Comando Militare Integrato della NATO (nel quale è entrata a marzo del 2009).E poi comunque a quell’incontro mancavano Canada e Olanda che hanno un ruolo fondamentale in Afghanistan. Il Canada ha più uomini dispiegati dell’Italia. Oltre a ciò aggiungo che c’è stato ad Ottobre 2008 (9-10) un vertice informale della Nato a Budapest (nel quale le nazioni in questione avrebbero potuto comodamente discutere di tali argomenti). Inoltre ce n’è stato un altro presso il quartier generale NATO in Belgio a Novembre (19-20 Novembre). Quanto all’altra obiezione, secondo la quale la vaccinazione di massa non potrebbe produrre uno sterminio, mi spiego meglio. Il caso del 1976 è stato portato ad esempio di una politica di vaccinazione di massa volta a favorire case farmaceutiche senza scrupoli e probabilmente montata ad arte, come anche il video CBS dimostra. Il caso attuale invece si presta a più ipotesi. Una di queste è quella della possibile mutazione genetica del virus favorita dal vaccino. Inoltre il vaccino per l’influenza stagionale contaminato dalla Baxter a febbraio è un segnale di come sia facile creare una mortale pandemia attraverso le vaccinazioni: è infatti ciò che la Baxter stava tentando di fare all’inizio di quest’anno. E non è escluso che dietro questa faccenda ci sia un tentativo di ridurre una parte della popolazione mondiale attiva. Ridurre la popolazione mondiale, soprattutto nei paesi occidentali può significare “economia sostenibile”. In questo modo infatti il consumo energetico pro- capite calerebbe drasticamente. Calo dei consumi significa riduzione delle spese di approvvigionamento energetico, significa anche possibilità di convogliare i consumi energetici su paesi del terzo mondo, che diverrebbero i nuovi consumatori di prodotti occidentali, rimettendo in moto le economie più avanzate. Prendete l’India. Se la produzione di utilitarie low cost consentisse a 100.000.000 di indiani di andare in macchina avremmo una crisi energetica paurosa che metterebbe in ginocchio soprattutto le nazioni occidentali. Ma se ci fosse una identica riduzione di popolazione in occidente, i consumi poniamo di 100 milioni di americani scarsamente produttivi e con un grado di soddisfazione dei propri bisogni molto elevato sarebbero sostituiti da 100 milioni di nuovi consumatori pronti a caricarsi di un consumo energetico che gli spianerebbe la strada verso una neoamericanizzazione. Inoltre 100 milioni di occupati in meno in occidente consentirebbe di spostare una produzione globalizzata nel terzo mondo, ben più capillarmente di quanto non sia oggi. Così si creerebbe una nuova classe di consumatori che replicherebbero il ruolo degli europei e degli americani negli anni 50-60. E non finisce qui… Sembra una follia ma è un “programma” noto da molti anni: http://www.prisonplanet.com/the-population-reduction-agenda-for-dummies.html

  • vector

    perchè è datato 22.09.2009 ???