Home / ComeDonChisciotte / ECCO SPIEGATO UN ALTRO 11 SETTEMBRE PER I NON ESPERTI

ECCO SPIEGATO UN ALTRO 11 SETTEMBRE PER I NON ESPERTI

DI ANWAAR HUSSAIN

Dal 2001 si sono succeduti vari sondaggi per conoscere qual è il grado di approvazione del Presidente G.W. Bush da parte dell’opinione pubblica. I sondaggi sono stati condotti dalle agenzie più qualificate e dai giornali più autorevoli. I loro nomi suonano: CBS News, Zogby Intl., Gallup Poll, CNN/USA Today, Fox News, Quinnipic University, PEW Research Center, Associated Press/PSOS.
La domanda a cui gli intervistati dovevano rispondere era sempre la stessa dal 2001 al 2005:
“Approva o non approva il modo in cui il Presidente sta conducendo il suo mandato?”
Immediatamente dopo l’11 settembre 2001 solo l’11% degli intervistati non approvava l’operato del Presidente. Mentre oggi la percentuale di disaccordo è arrivata al 50%, un aumento allarmante di 4 volte e mezza rispetto ai risultati del 2001.
La conclusione dei sondaggi è solo una, e cioè la percentuale di gente che non approva più il suo operato è in continua ascesa. Esattamente qual è stato il compito del Presidente? In parole semplici, mettere in atto i disegni dei suoi sponsor, i quali volevano che questo secolo appartenesse all’America, sotto forma di un impero senza sfide, pena la loro cancellazione con la forza. Questo disegno, nel 2001, non era a conoscenza di tutti gli americani. Così, in altre parole, la mancata approvazione dell’operato del presidente rappresenta anche la mancata approvazione dei disegni dei suoi sponsor, di cui solo adesso gli americani si stanno rendendo conto.

Adesso bisogna fare qualcosa per fermare questo cattivo andamento molto preoccupante per gli sponsor di G.Bush, anche perché ciò avviene in un momento particolarmente inopportuno a causa di alcune spaventosamente semplici ragioni.

Anzitutto l’agenda del nuovo secolo si trova ancora nella fase di lancio e non può essere bloccata se non a rischio dei suoi autori, i neo-con, che sono anche gli sponsor di Bush. In secondo luogo i responsabili principali di questo dramma hanno già superato il punto di non ritorno della loro traiettoria. Da adesso in poi bisogna solo andare avanti. Non vi è possibilità di ripensamento. Punto e basta. Sono stati commessi troppi crimini, sono state dette troppe bugie, e la scelta dei congiurati è spaventosamente chiara. Continuare nei loro piani sperando di diventare gli idoli dell’America oppure bloccare tutto con il rischio di essere incriminati per i crimini che hanno commesso. In altre parole devono scegliere fra diventare eroi o zeri.

PHILIP GIRALDI, un ex funzionario della CIA (e DIA) ha scritto sul The American Conservative, “A Washington non è un segreto che quelle stesse persone che ci hanno condotto in Irak stanno preparandosi a farci andare anche in Iran. Il Pentagono, sotto istruzioni del vice presidente Dick Cheney, ha incaricato lo United States Strategic Command (STRATCOM) di preparare un piano da mettere in atto nel caso fosse necessario rispondere a un altro attacco terroristico del tipo 11 sewttembre sul suolo americano.” ..”Gli USA stanno sviluppando un piano per bombardare presunti obiettivi militari in Iran, compreso l’utilizzo di ARMI NUCLEARI.L’attacco avverrebbe dopo un attacco terroristico tipo 11 settembre sul suolo americano. Comunque l’attacco non sarebbe condizionato dal coinvolgimento o meno dell’Iran in tale attacco. In breve, l’attacco sarebbe analogo a quello condotto senza provocazione contro l’Irak.”

In più sembra che gli effetti dell‘11 settembre stiano scomparendo a causa anche del diffondersi continuo di notizie da parte delle fonti di informazione alternative. Gli stessi attentati di Londra non hanno consentito di ottenere l’effetto desiderato di dare la carica a un pubblico patriottardo a sostegno dell’Inghilterra e degli USA nella loro marcia verso la costruzione di un impero. Gli sforzi coraggiosi dei mezzi alternativi hanno permesso di mostrare il vero volto delle storie che si andava raccontando.

Una cosa è assolutamente chiara. Il popolo americano deve tornare sulla tolda di comando prima che inizi la prossima fase di costruzione dell’impero. La prossima fase è già stata chiaramente delineata da quegli stessi individui che hanno portato a termine la prima fase. Il Project for New American Century è l’alma mater degli sponsor di G.Bush e la matrice dell’idea del New American Century. Lo stesso Direttore Generale delinea i piani futuri con le seguenti parole:

“… non dobbiamo dimenticare, una ragione per la quale l’amministrazione Bush ha inaugurato la possibilità di azioni militari preventive nella sua dottrina strategica, è il fatto che, in questo stesso momento, non si può fare affidamento su dei segnali tempestivi di quando degli stati o gruppi terroristici possono essere sul punto di ottenere un potere distruttivo devastante contro gli USA e i suoi alleati. Con le capacità sempre più grandi di nascondere e mascherare i loro piani, con le falle evidenti nel sistema di raccolta delle informazioni, è molto difficile che i politici siano in grado di ottenere “delle date certe” per prendere delle decisioni fondamentali. Il che ci riporta al fatto che dobbiamo mantenere lo sguardo al quadro in generale: che tipo di regime esiste in Iran? Che cosa sappiamo del suo programma nucleare clandestino? Quali sono i loro obiettivi contro gli USA e i suoi alleati? Perché stanno sviluppando una testata missilistica capace di portare un’arma nucleare? E, per ultimo, che cosa rimane dei suoi legami e aiuti ai gruppi terroristici? Tutto ciò non significa che gli USA stanno preparando un attacco per domani mattina. Ci sono molti problemi pratici che dobbiamo risolvere per prendere una tale decisione, anche se questa fosse, in teoria, la decisione giusta da prendere. Ma significa che non dobbiamo prendere la cosa alla leggera e che non possiamo rimandare all’infinito delle decisioni difficili.”

Si prega di prendere nota che l’esimio Direttore Esecutivo non intende iniziare un attacco per domani mattina. Però non esclude nemmeno che ce sia una altro dopodomani mattina. Non vuole nemmeno che chi comanda “prenda le cose alla leggera” e che “decisioni difficili vengano rinviate all’infinito.”

E così, fra domani quando non è previsto un attacco contro l’Iran e il giorno dopo, quando non viene escluso, il pubblico americano deve essere riportato sulla plancia di comando per prendere le dichiarate “decisioni difficili” che “non possono essere rinviate all’infinito”.

Così cosa bisogna fare per arrestare, nel frattempo, la tendenza del pubblico americano a non approvare la condotta di Bush? Per rispondere a questa domanda vediamo prima quale erano le ragioni più evidenti che nel 2001 vedevano un elevato sostegno del pubblico alla politica di G.Bush. Eccole.

1) I fatti dell’11 settembre 2001;
2) Una grossa ondata di partecipazione favorevole nazionale e internazionale post 11/09/2001;

Un suggerimento ci può venire dai sondaggi citati all’inizio. L’84% degli intervistati aveva approvato l’operato di Bush subito dopo l’11 settembre 2001, mentre i contrari erano solo l’11%. Se il Presidente vuole tornare a quei livelli bisogna che accada qualcosa di simile a quello che è accaduto in quel periodo. Non è difficile da indovinare.

Non si sapere “la data esatta” ma la sola opzione sembra essere un altro 11 settembre. E’ proprio così. Però con una eccezione. Questo nuovo 11 settembre deve essere molto più disastroso , più spettacolare e più devastante del precedente. Non soltanto perché bisogna cancellare tutti i dubbi che stanno emergendo ma anche perché il grado di approvazione deve tornare a essere quello del dopo 11 settembre 2001, al fine di poter passare alla seconda fase della costruzione dell’impero. Un compito doppio.

Nessuna idea quale sarà l’arma scelta ? Nessuna ?

Anwaar Hussain
Fonte:http://malakandsky.blogspot.com/
Link: http://malakandsky.blogspot.com/2005/08/coming-911-for-dummies.html
5.08.09

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da VICHI

Pubblicato da Davide

  • padma

    Influenza aviaria?

  • Truman

    Mi sembra poco credibile come idea, ma quando uscirono fuori SARS e AIDS non pensavo che provenissero dai laboratori di guerra batteriologica degli USA, come tendo a credere adesso. (L’altra mia idea preferita è che in realtà esistano solo nei mass media).

  • Sancho_Panza

    Anche a me sembrerebbe l’arma biologica quella più probabile, già nel 2001 prima dell’11/9 ci fu un tentativo in tal senso per depistare le indagini verso l’antrace e permettere di effettuare l’attacco verso le 2 torri. Oggi è probaile che si faccia il contrario, si rafforzano i controlli negli aereoporti e poi si colpisce altrove con armi biologiche.
    Non sono sicuro però che si utilizzerà l’influenza aviaria, quest’arma mi sembra più pensata per indebolire l’economia cinese ed il suo uso sul suolo degli USA forse non è tra gli obiettivi di questi terroristi al governo.
    Credo che il senso della propaganda a proposito dell’influenza aviaria, per i paesi occidentali, sia solo quello di creare una nuova minaccia e non di utilizzarla realmente.

  • Zret

    A prescindere dai sondaggi, quanti cittadini negli USA sanno che il 9 11 , il 3 11, il 77 ecc. furono ideati e attuati dalla CIA e co. ? Esistono delle statistiche su questo? Si sveglieranno?

  • demonbox

    E’ caduta, è caduta Babilonia la grande ed è diventata covo di demòni, Perché tutte le nazioni hanno bevuto del vino della sua sfrenata prostituzione e i re della terra si sono prostituiti con essa e i mercanti della terra si sono arricchiti del suo lusso sfrenato..Con la stessa violenza sarà precipitata Babilonia, la grande città
    e più non riapparirà. La voce degli arpisti e dei musici,dei flautisti e dei suonatori di tromba, non si udrà più in te; ed ogni artigiano di qualsiasi mestiere non si troverà più in te; e la voce della mola non si udrà più in te; e la LUCE DELLA LAMPADA non brillerà più in te; e voce di sposo e di sposa non si udrà più in te. Perché I TUOI MERCANTI erano i GRANDI DELLA TERRA; perché tutte le nazioni dalle tue malìe furon sedotte. In essa fu trovato il sangue dei profeti e dei santi e di tutti coloro che furono uccisi sulla terra»

    La fine è già scritta da tanto tempo..